Page:No turco napolitano.djvu/11

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
9
atto primo


s’aveva da presentà stammatina. Neh, fosse venuto quaccheduno che ghieva trovanno a me? (a Michele)
Michele — Sissignore, poco primme è venuto no giovinotto, ha ditto che torna chiù tarde, m’ha rimasto sto biglietto de visita (lo dà).
Pasquale — (legge) — « Felice Sciosciammocca » Sissignore chisto è isso, chisto è chillo che me raccomannaie lo Deputato. Ma pecche non l’aie fatto aspettà?
Michele — Chillo ha ditto che non v’avesse incomodato, che se faceva no giretto pe dinto Sorriento e po tornava.
Pasquale — Va bene. No giovene raccomandato da no deputato ha da essere afforza buono. Va trova Giulietta mia che sta facenno... (fiuta) Neh, diciteme na cosa, che è stata moglierema ccà bascio?
Michele — Nonsignore.
Pasquale — Comme nonsignore... io sento l’addore.
Michele — (Comme fosse no cane!) Io ve dico che la mogliera vosta ccà non è venuta.
Pasquale — Peppì, me l’assicure tu pure?
Peppino — Che cosa?
Pasquale — Che moglierema non steva ccà poco primme?
Peppino — Nonsignore, ve l’assicuro io (canta sottovoce)

                    Un principio di piacer...
                    Oh! che piacer!...

Quanto pagherei una voce di soprano.
Pasquale — Quanto cchiù ncè penso, chiù veco che aggio fatto male a me nzurà n’auta vota, e pe ghionta po, me l’aggio pigliata giovene e bella, tengo no pensiero che non me fa durmì, pare che l’aria me l’arrubasse, l’aggio mise na cammarera vicino, la quale quanno io non ncè stongo me fa sapè tutto chello che fa, ma non ne songo sicuro però, li cammarere so sempe cammarere, e me metto paura che non me dice na cosa pe n’auta, si potesse trovà na persona di gran fiducia, mo che sta ancora figliema dinta a la casa, menomale, ma dimane a sera che chella se ne va, pecchè se mmarita, resta sola addirittura!


SCENA III.


Concettella e detti.

Concettella — (dalla destra con premura) — Signò, signò..
Pasquale — Che è stato?