Page:No turco napolitano.djvu/10

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
8
no turco napolitano


l’autrice, arapette la gabbia e ne facette fuì lo canario.
Peppino — E pecchè?
Giulietta — Pecchè dicette che io lo voleva troppo bene, e isso non poteva soffrì sta cosa.
Peppino — Oh! oh! questa e bella.
Giulietta — Che ne vulite sapè chillo è n’affare serio. (Papà, pecchè era ricco me lo volette fa spusà pe forza, e aggio passato chisto guaio) Mo si me trova ccà bascio, sapite che se fa afferrà?
Salvatore — Signò, sta venenno lo principale.
Giulietta — Non dicite che steva ccà. (via a destra si mettono al posto, Peppino si mette il berretto).


SCENA II.


D. Pasquale, e detti.

Pasquale — (dalla sinistra con sacchetto di mandorle e 65 lire in tasca) — Gennarì, monna st’ammennole pulite pulite, e fa subeto, llà stanno li ficosecche che s’hanno da mbuttunà.
Gennarino — Subito (li prende e via 2a a sinistra).
Pasquale — Tu, Salvatò, va piglie lo carrettino pecchè s’ha da fa sta spedizione pe Napole, fa subeto.
Salvatore — Va bene (via pel fondo).
Pasquale — Peppì, cheste so 65 lire, mettetele in cassa, e scasse lo debete de Carmeniello, haie capito?
Peppino — Va bene. (Essere parlato col tu, io?!).
Pasquale — Michè, primme che me scordo, segna dinta all’ordinazione 60 vasette de conserva all’albergo della Sirena.
Michele — Va bene.
Pasquale — Va trova, Giulietta mia, mo che sta facenno... A proposito, mo me scordava... mannaggia la capa, mannaggia! s’hanno da spedì a Napole duie sacche de noci e doie casce de ficosecche, a D. Vicienzo lo negoziante. Segnate. Luì, che faie lloco, va dinto, va arape chelli ficosecche.
Luigi — Va bene (via 1a a sinistra).
Pasquale — Assolutamente aggio bisogno de no segretario, de na persona de fiducia, che guardasse gl’interessi miei, primme steve in società co Ignazio, e se vedeva isso tutte cose, po ncè simme divise, e so rimasto io sulo, io da che me so nzurato n’ata vota, la capa non m’aiuta chiù... aspettava no giovene che