Page:Lettere 'a ll'Africa.pdf/34

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.



IV.


— Embè... ma ntanto chi nce va pe sotto?
Chi fa 'o surdato! 'E poveri guagliune!
Nzuppate r'acqua, rinto a nu cappotto,
facevano piatà!... Quanta perzune


l'hanno viste parti!... Nu duie nè une,
ma a migliara, 'o ddicevano! Ogge a r'otto,
parteno n'ati ccinche battagliune,
manco si fosse 'e tiempe 'o quarantotto!


— Meno male ca vanno allecramente!
Ca po' chesto nce sta: nu core mpietto,
quanno sbatte a curaggio, e tutto è niente!


— E se capisce! E si fanno a dispietto,
ogne guaglione 'e chillo ne vo' ciente!
E ogne palla c'arriva, è nu cunfietto