Page:La settimana religiosa 1887 4-5-6-7.djvu/42

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.



ATTO QUARTO

I.

SUSSAPIPPE vestito da marchese e un vetturino

March. (entrando) Voi siete un vetturino che non sa il suo mestiere. Entrando nel portico avete investito nel muro con pericolo di farmi rompere il collo.

Vett. (colla frusta in mano) Ma scignore. Uscignoria ha vorsuto che lo portassi dentro il portico stretto che la vettura non ghe poteva entrare; ed io me sono sgarbellata una mano, e sartando giù dalla scerpa, ho dæta una botta nella muraggia che me sono mezo derenato.

March. E volevate ch'io discendessi in mezzo alla strada? Son persona fina, sapete? Mi sarei preso un raffreddore, e avrei sporcati nel fango i miei lucidissimi scarpini. Andate via, che non avete discrezione.

Vett. Comme? Prima che andate via bisogna pagare!

March. Come?

Vett. E ghe diggo in bon zeneize, che vêuggio ëse pagôu, se l'ho servïo.

March. Levatimi davanti, temerario. Chi capisce quel tuo stranissimo gergo?

Vett. Non intendete, scignore, lo nostro lenguaggio? Bisogna pagare. Questo non se ciamma parlare zerbo.

March. (misurando uno schiaffo) Come, insolente! domandare danaro a un pari mio? Dovresti ringraziarmi dell'onore che ti ho fatto di farmi portare da te. Non hai visto alla stazione come tutti i vetturini mi erano attorno, che tutti volevano avere l'onore di portarmi? Non sai chi sono? Sono il marchese Buffalaballa dei Pelafichi.

Vett. O sciô monsù Bûffon de fighe, tegnimmo e moen a lêugo; perché all'öccaxon noiätri carrossê, che no emmo guæi de pasiensa, se servimmo chì de questo affare (mostrando la frusta). Travagemmo pe vive, e o so marchesato o no me leva a famme.

March. Vi farò conoscere con chi avete da fare....

Vett. (alzando la frusta) Animo, diggo: sciô monsù. Fêua monæa, che son aspëtöu da ûnn-a casann-a in t'a crêuza do Däio. Sbrighemmose.

March. Si parla in questa maniera ai pari miei?

Vett. Sciscignore, parliamo coscie. Ghe-a mollo eh! ûnn-a scuriätâ! Coscì o faiö capî. (alzando la frusta) Fêua dinæ.

March. Ah! ah! abbasso, abbasso quell'arnese. Ora siete un uomo ragionevole. Questo è prendere la gente con buona maniera. È farsi intendere davvero. Mi piace. Vi pagherò.

Vett. E quando?

March. Aprè, aprè, dicono i francesi.

Vett. Comme a Prè? Chì in sciô cian de Sant'Andria sciâ m'ha da pagâ.

March. (dando danaro) Prendete.

Vett. (guardando il danaro in mano) A che zêugo zûghemmo, sciô lûstriscimo? Pe aveilo portôu dä stazion dell'Æguaverde finn-a in sciö cian de Sant'Andria, da-o caroggio de Cäbraghe, sciâ me dà de pallanche? E a montâ de Caroggio Drïto ch'a derenn-a i cavalli, sciâ no-a conta per ninte? Ciûttosto de badda. Se sciâ l'é in pittamû, in limon spremûo, sciâ vagghe a pê e no in carrossa. (alza la frusta) Ghe-a mollo pe d'indaveì eh! Ghe vêu ûn scûo; e son discreto.

March. Con quell'affare all'aria mi persuadete. Eccovi lo scudo.

Vett. E i dinæ da beie?

March. Prendete anche questi. Ora andate. Quando sono preso alle buone, sono generoso come un re.

Vett. (andandosene) Anemmo, anemmo; ch'o l'é generoso comme o re de coppe.


II.
Il MARCHESE, BERNARDO, PITTAMUSCHE, MENINPISTI, SANFORNIETTA e poi LUCREZIA

(Arrivano tutti ridendo e facendo inchini studiati al Marchese, che ridendo saluta cavandosi, con caricatura, il cappello).

Bern. Bravo, sciô marcheise Sûssapippe. Ma ti päi proprio ûn milord americano. Mîa co-a sciâ Lûcrezia de finî ben a commedia.

March. Lasciæme fâ.....

Pitt. A l'é chì.

Luc. (imbrogliata nel fare i complimenti) Voscignoria sciâ l'é quello scignor d'America?

March. Come dice?

Men. Domanda con chi ha l'onore di parlare.

March. Con un marchese del Mondo Nuovo; il marchese Buffalaballa dei Pelafichi. La mia illustre famiglia è antica più del mondo. Quando il Signore creava il mondo, i miei antenati erano alla finestra a starlo a vedere. Sono più antichi di Adamo e di Noè.

Luc. O dixe ch'o l'é Noè?

March. Ma questa signora è scema? Non capisce niente.

Luc. Sciâ me scûse. I anni e ë disgrazie m'han indebolïo a testa.

March. Ma lei è la signora Lucrezia Mangiagrigole?

Luc. Sci, scignor.

March. Ma in questa sala non c'é una sedia per sedere? Si tengono i forestieri così in piedi?

(Pittamusche ne porta una di dentro la scena, e porgendola dice:)

Pitt. Sciâ s'incommode chì..... O prego però a assettâse con riguardo, perché son careghe ûn pö deboli pe l'antighitæ, che a-e rende preziose.

Bern. L'é per questo che a nostra scignôa a-e conserva, sensa bätâle con de nêuve.