Page:La settimana religiosa 1887 4-5-6-7.djvu/4

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


O PÛGNATTIN D'ÖU
E
A SPEDIZION DI ITALIEN IN T'O MÂ ROSSO


COMMEDIA

Dice un proverbio genovese: Ai dïsette de Zenâ, incomensa Carlevâ. Passato dunque il 17 di gennaio, vogliamo regalare ai nostri lettori la continuazione della commedia, di cui stampammo le prime scene, tradotte da Plauto, nel numero 10 del passato anno. Per renderla più facile ai piccoli recitanti, quel primo atto riducemmo in prosa, seguitando pure in prosa a scrivere gli atti seguenti.


PERSONAGGI

LUCREZIA, vëgia avara.
MENINPISTI e
SANFORNIETTA nesse de Lûcrezia
PITTAMUSCHE serva
BENARDO fræ de Pittamusche
SUSSAPIPPE cuxin de Pittamusche
Un vettûrin.



ATTO PRIMO

I.

LUCREZIA e PITTAMUSCHE

Lucr. (colla scopa in mano) Sciorti d'in t'a stansia, Pittamusche, servonson. Miæ se a spalanca i êuggi! Se ti no sciorti ti piggi lì ûnn-a man de spassuïæ.

Pitt. E perché ho da sciortî? Gh'accomodava o letto.

Lucr. Miæ che faccia da scciaffi ! In stansa vêuggio fâ cose me pä, e no vêuggio testimonii. Via, sciorti. E fa cianin! Ghe perde a tartarûga. Da chi a ûn pittin, co-o bacco da spassuïa t'ascädo a schenn-a.