Page:La settimana religiosa 1887 4-5-6-7.djvu/31

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


Suss. Sciâ se sbrighe, che tremmo da-a puïa de non arrivâ ciù a tempo.

Luc. (tornando indietro) Ma 400 scûi no bastieivan?

Suss. No, no, 500 o m'ha dïto.

Luc. 500? Ma cosa diàscoa o l'é andæto a fâ in sce quello barco?

Suss. Sciâ dixe ben: ma besêugna fâ presto.

Luc. No gh'ëa ätro posto d'andâse a divertî?

Men. Ma sbrighæve, madonnava.

Luc. Vaggo (parte).

III.
I suddetti meno Lucrezia

Pitt. Ghe n'é vosciûo a persûadila.

Men. Ma cose diàscoa o l'é andæto a fâ in sce quello barco? (imitando Lucrezia)

Sanf. A ghe l'ha co-o barco.

Suss. Anche questa a me riesce ben.

Men. Vanni che ti e sæ inventâ granïe.

Suss. Ho ûnn-a testa mi! Pe ninte son andæto ä schêua. E ne veddieì de mëgio.

Pitt. T'ë finn-a ûn pittin birbo.

Suss. Bastiàn, demmose man.

Sanf. A l'é chi a päa.

(Tutti a posto serii).

IV.
LUCREZIA e detti

Luc. (Col pignattino, da dove cava una borsa) Ecco i 500 scûi; tè, va a riscattâ mæ nevo.

Suss. (in atto di prendere la borsa) Vaggo.

Luc. (Sempre colla borsa che non consegna mai) Ma digghe a-o tûrco, che o l'é za a cà do diäo.

Suss. Sci scignora (sempre colla mano tesa).

Luc. Ch'o l'é ûn infame.

Suss. Sci scignora.

Luc. Un laddro sensa fede.

Suss. Segûo.

Luc. Questi scûi son piggiæ contro ogni lezze.

Suss. L'é vëo. Ma presto.

Luc. Digghe che no ghe-i perdonn-o nè aoa, nè maiciù.

Suss. Sciâ fa ben.

Luc. E che se l'avesse in te ciöte, ne faeiva tanta menissinn-a.

Suss. E mi gh'aggiûttiæ, Ma sciâ me-i dagghe.

Luc. (lascia cadere la borsa nel pignattino) Vanni dunque e fa presto.

Suss. Ohe, ohe, scignôa?

Luc. Cose?

Suss. E a monæa?

Luc. No te l'ho dæta?

Suss. Oh bella! Se sciâ l'ha missa torna là drento?

Luc. Ah! da-o desgûsto ho perso a testa.

Pitt. Me ne son accorta mi ascì.

Men. Pövea donna!

Luc. Ma cose gh'é sätôu d'andâ in sce quello barco? Via tè (dà il danaro, e siede sospirando. Sussapippe parte subito di galoppo).

Luc. Cose ve pâ, figgie cäe?

Men. Che anchêu a l'é ûnn-a cattiva giornâ.

Sanf. Eppûre me dixe o chêu che a finiä ben.

Luc. Per mi no ghe n'é ciù de ben in questo mondo.

Men. E l'aveì sarvôu o Fenogetto a no-o l'é ûnn-a consolazion?

Sanf. E o Griletto?

Luc. Sci, ma con 13 mïa lïe e 500 scûi! Ve n'accorziei da chi avanti. Ëimo pövee e saiëmo despiæ.

Pitt. Ma con 15 mïa franchi ve ciammâvi pövea? E quello che ghe saiä ancon in fondo li do pûgnattin (va per vedere).

Luc. (si affretta a nasconderlo, ritirandolo) Vanni in là cuiosa. Ëan risparmii de vostro poæ, bonn'anima, che i tegnîva pe l'avvegnî.

Pitt. E coscì i-eì persci de mala grazia.

V.
Le stesse.

(Battono).

Sanf. Piccan. Chi gh'é?

Luc. Vanni a vedde.

Sanf. (ritorna con una lettera) A l'é ûnn-a lettera ch'ha portôu o postin...

Luc. Pövea mai de mi. Cose ghe saiä de nêuvo. Arvi e lëzi. Da dove a ven?

Men. Da Marseggia: Alla signora Lucrezia Mangiagrigole.

Luc. Arvila. Ammïa ûn pö a firma.

Men. Lucia Pellandrinn-a.

Sanf. A l'é nostra cuxinn-a chi sta a Marseggia.

Luc. A fa a lûcandëa. Lëzi.

Men. (legge) « Carissima cugina. Buone nuove (scialla). Danari....

Luc. Davveì? Lëzi.

Men. « È giunto qui dall'America un gran signore, che si fa chiamare dottor Venanzio Buffalaballa dei Pelafichi. Egli è incaricato dal vostro fratello, che sta a Buenos Ayres di portarvi una bella somma di danaro. Ma qualche mala lingua ha riferito al fratello vostro delle falsità: cioè che voi siete avara, e colle vostre spilorcerie fate passare mala vita alle vostre nipoti. »

Luc. Lengue cattive. Tûtte falsitæ. Dïlo voiätre.

Men. Eì raxon. Defæti semmo grasse comme i agûi.

Sanf. Comme i ägni.

Luc. O l'é o vostro natûrale chi porta d'ëse secche...

Men. S'intende. Ma sentî. (legge) « Perciò è incaricato da vostro fratello di verificare la cosa; e così beneficarvi o no, secondo il suo giudizio. Avendo saputo ch'io sono genovese, m'ha chiesto se vi conosceva; ove state. Gli ho date le opportune indicazioni, e mi sono affrettata a scrivervi quanto ho potuto destramente cavargli di bocca. Dunque regolatevi. Trattatelo bene. Fatevi vedere con lui generosa e splendida. Spero che questa lettera vi giungerâ in tempo, giacchè la spedisco col convoglio della sera, ed egli partirà a mezzanotte e giungerà in Genova alle 4 pomeridiane di domani. Salutate le carissime Meninpisti e Sanfornietta vostre nipoti. »

Pitt. E mi no ghe son in t'a lettea?

Men. (legge) « Addio. Vostra affez. cugina Lucia Pellandrinn-a. »

Luc. Comme o se ciamma questo sciô chi ven?

Men. Venanzio Buffalaballa dei Pelafichi.

Luc. O saiä nobile? A l'é antiga a casadda di Peiafighe?

Pitt. I Peiafighe saiàn antichi quanto e fighe. Insomma sciâ Lûcrezia chi beseugna dâse in destrigâ. Preparâghe, a o sciô Peiafighe, ûn bello pranzo, fase önô.

Men. O ve porta i dinæ, ch'ei dovûo spende anchêu apprêuvo ai nostri fræ.

Sanf. Ve-o dixeiva che o chêu o m'augûrava ben.

Luc. A l'é proprio ûnn-a grazia, dunque ëimo rovinæ.


VI.
SUSSAPIPPE, BERNARDO e dette

Suss. Bonn-e nêuve. O Fenogetto o l'é salvo e stasseia o vegniâ a trovâve.