Page:La settimana religiosa 1887 4-5-6-7.djvu/17

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.



ATTO SECONDO

I.

LUCREZIA, PITTAMUSCHE, MENINPISTI e SANFORNIETTA

(Si sente battere alla porta).

Pitt. L'é chì vostra madonnava: aoa l'é tempo de rïe façendo mostra de cianze (Apre, e tutte tre si mettono il fazzoletto agli occhi fingendo di piangere).

Luc. Cose gh'é che cianzeì? Aviei aværto a quarchedûn chi m'aviä arröbôu?

Pitt. Pëzo, scignôa.

Luc. Comme? De pëzo no sò cose porriæ succede.

Men. (piangendo) Nostro fra Grilletto.....

Luc. Ebben?

Sanf. (piangendo) O deve doman partî pe a guæra.

Luc. Pe-a guæra? (ride) Ah! ah! O n'é miga sordatto. O l'é stûdente in collegio e a posto franco, che mi no porriæ pagâ a penscion; son pövea, o sei.

Pitt. Han ingaggiôu pe forza tûtti i stûdenti do collegio.

Luc. Te l'han dæta da intende, mincionn-a.

Pitt. V'assegûo ch'a l'é coscì. Son sciortïa ûn momento pe accattâ duî södi de sâ da mette in t'a minestra, e l'ho visto (piange) con i mæ êuggi, in riga con i ätri scoläi, in mëzo ai carabinê. Ëan là vixin a a casa dell'esilio infantile.

Sanf. Asilo infantile.

Luc. E cose gh'han da fâ i carabinê?

Pitt. M'han dito che quando l'é vegnûo l'ordine in collegio de andâ sûbito in quartê se son rivoltæ, e coscì i-han piggiæ pe forza. Me son fæta coraggio. Son andæta da o capitanio pe vedde se poeìva salvâ o pöveo Griletto... o m'ha dato ûn stölon, ch'o m'ha mandôu in barlûgon.

Luc. Arrollâ di figgiêu! E chi o l'é quest'aze de capitanio, chi no sa ancon che andâ a-a guæra, ghe vêu di ommi grandi e grosci?

Pitt. Ghe l'ho dito mi ascì; ma o m'ha risposto ch'o l'ha ordine de piggiäli ciù zoveni ch'o pêu.

Luc. Dunque o saiä ûn reggimento de figgioami. Che pesso de mascarson!

Men. Dixan ch'han d'andâ tanto lontan, che primma che gh'arrivan, saiàn ommi fæti.

Luc. E dove o-i vêu portâ, a Calicûtte?

Sanf. Ciù in là pe coscì.

Pitt. Aspëtæ... O i porta... o i porta... no me sovven ciù o nomme de quello paize..... Ah ! in t'a Sabbia e in t'a Messuîa...

Luc. E in te che sabbia? Cose t'imbroggi?

Pitt. Voî, Meninpisti, miæ ûn pö là in t'o giornale ch'o ghe dev'ëse o nomme.

Men. (legge) O l'é chì: «Deve partire fra pochi giorni una nuova spedizione per la Baia d'Assab; e di là i nostri soldati passeranno a Massaua e forse nel regno dello Scioa... »

Pitt. Ve-o li dove o và vostro nëvetto: in t'a Sabbia da Scignôa.

Luc. E dove o l'é sto paise?

Sanf. Dixan ch'o l'é de là dell'ätro mondo.

Men. Meschinetto (piange) pöveo mæ fræ; o l'é ûn garzon perso!

Luc. E donde o sta de casa quest'assascin de capitanio, che ghe vagghe a descciöde ben e oëge?

Sanf. Voî, madonnava? E voeì piggiâvela con ûn militare? S'o tïa fêua a sciabbra, o ve taggia quarche brasso, o peo meno o collo.

Luc. Cose ti ne dixi ti, Pittamusche, che vagghe?

Pitt. Ma primma fæ testamento.

Luc. Testamento? E per cose?

Pitt. Perché quello capitanio o l'ha ordine de mette assemme anche ûnn-a compagnia de vëgie...

Luc. Quest'ätra ch'a l'é bella! S'é mai visto andâ e donne a-a guæra?

Men. Quando andâvimo a-a schêua, in t'o libbro da geografia, gh'ëa scrito che in Africa, a-o Daomey, ghe son di reggimenti tûtti de donne.

Luc. Ma saiàn zovene.

Pitt. Ma stæ a sentî tûtto – Chi no se tratta de donne guerriere, ma de vivandiere. Sciccomme a spedizion a va in t'ûn paize dove no gh'é de ninte, e manco gente che saccian fâ da mangiâ e cûxï e brâghe strassæ, perciò vêuan portâ apprêuvo all'esercito tante donne pe fâ a cuxinn-a e pe cûxï o vestî a-i sordatti, ë piggian vëge, perché se capisce che e zovene no staìva ben che gh'andassan.

Sanf. Ma e vëgie n'han ciù de vista da infiâ l'aguggia.

Pitt. Se mettiàn i speggetti.

Luc. E dunque ti vêu dî.....

Pitt. Che se no v'ascondeì, ve tocca a partî voî ascì.

Men. Pe l'ätro mondo?

(Battono forte alla porta).

Pitt. Chi gh'é? – o l'é ûn sordatto.

Luc. E no gh'arvî.

Pitt. E giûsto! Saiva pëzo. Voeì rexiste a-a forza? Sentiëmo cose o dixe (Va ad aprire).

II.
SUSSAPIPPE in abito da soldato e dette

Suss. Sta qui la signora Lucrezia Mangiagrigole?

Luc. (piano) Lücrezia Mangiagrigue son proprio mi: nomme e cognomme.

Pitt. Perchè volete sapere questo?

Suss. Io essere ordinanza del generale Gniffre Gnaffre, e portare qui scritto ordine alla signora Lucrezia di partire domani colla compagnia delle vivandiere per la Baia d'Assab e per Massaua nel Mar Rosso.

Pitt. Sig. Gniffre Gnaffre, voi l'avete prenduta per quarche d'ûnn'ätra.

Suss. Indirizzo preciso e connotati: vico Calabrache, presso il piano di Sant'Andrea, casa num. 8, piano 2.º; ed ecco i connotati (legge e guarda Lucrezia): Donna di forse 60 anni, grande di statura, capelli....., naso....., occhi lagrimosi, alquanto zoppicante. Barba e mostacchi nascenti, bocca senza denti, lingua lunga 50 centimetri.

Luc. Pesso de tûtto zù ! E se mezûa a lengua ascì pe conosce e personn-e?

Suss. Colle donne sì, perchè è il principale loro distintivo.

Luc. (prende la scopa) A mi de questi insûlti? Can de Gniffre Gnaffre. Passime a porta, e va a dî a-o to Generale, ch'o me ne daiä conto lê e ti ; e s'o no me manda a casa o Griletto, saviö dove andâ.... Iniquo, scellerato!

Suss. Alto là: e con chi credete di parlare? Faccio subito rapporto: 1.º della resistenza fatta alla forza pubblica; 2.º del disprezzo avuto per l'autorità; 3° della mancanza