Page:Giornale Ligustico 10 1883.djvu/360

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.

358 GIORNALE LIGUSTICO

niente drito noma quando ella caze intra lo lavagio. Senti tu vim in ti? Fuzi la compagnia; cerca de dormì inanzi cha de parlar. Chi se scusa cum parole che ello no è envrio la soa envrieza apertamenti acusa et manifesta. Mal sta in zoven cognoscer vim.

Fuzi lo mego envrio. Guardate da mego, chi vogia proar in ti como ello dè curar altri de semegante marotia.

Li cagnoy franceschi lassa a li iheregi et a le reine. Li caim de guardia son uter. Li caim de caza più costan che elli non zoan.

Ay tu figio? No lo ordenar despensaor de li toi bem.

Ma tu diray: se la fortunna, zoè ventura, [è] contraria, che zoe la dotrinna de viver? Oddi che de zo ò visto mati far zo che elli no dem et a la fin se scusam sum la ventura. Chi serva la dotrinna raira fià acuserà la ventura, perzò che raira fià s'acumpagna solicitudine cum desaventura; ma più raira fià se parte desaventura da pigricia. Lo preigo aspeta esser sovegnuo da Dee, chi à comandao vegiar in questo mondo. Adonca ti vegia, e la lengereza de spender computa cum la greveza de guagnar.

Acostase la vegieza? E' te consegio che tu t'acommandi inanzi a Dee, cha a to figio. Fay tu testamento? E' te consegio che tu comandi che primeramenti li servioy toy seam pagay.

A chi ama la toa personna non cometi la toa anima. Commeti l'annima toa a chi ama l'annima soa. Tu de’ testar /f. 56 v./ inanzi la marotia, inanzi che tu devegni servo de l'infirmitae, perzò che servo no po testar. Donca testa quando tu e' libero, innanzi che tu devegni servo.

Oddi de li figi. Morto lo paire, cercan de partirse. Se li figi som gentilomi megio val speso che elli seam dispersi per lo mondo cha partir la soa hereditae. Se elli som lavoraoi faran zo che elli vorem. Se elli som mercanti più seguro è che elli partam cha che elli seam in communitae, azò che l'um non reproihe la desaventura de l'aotro.

La maire per aventura cerca de remariarse. Mata monti[1] fa. Ma azò che ella


(i) TI. Ehrietas uil ruit faeit, nisi cum in lectum eadii. Cosi FR.; BA. L' ebrietà niente i^ rettamente fa i* ella no cade nel fango. PZ.* L' ubbriaco una sol cosa fa bene; eh' è cader nel fa»go. (a) Manca nel nostro volg.: fuge medicum scientia pletium , exereitio non probatum (Ti. FR. SM. PZ.*). BA. guardati dal medico inisperto, (3) Semegiante. 4 (4) TI. canieulos valde parvos. FR. Catulini molto piccoli. Né in BA. nò in SM. YZ.* s'ha questa qualificazione del nostro volg. di cagnuoli francai. (5) TI. Consulo quod prius servitoribus et sacerdotibus solvi mandes. Cosi FR.; BA. Se tu farai Ustamento... sodisfa a' tuoi famegli e debitori el salario meritato e 1 debili fati. SM. E fnande tu fai el testamento^ io ti ricordo^ tu lasci che sia innanzi pagato il servo che 'l sacerdote, (6) A chi ama r anima soa. Cosi FR. BA. SM. PZ.« evidente errore in TI. diUgenlikus ani- mam tuam; leggi suam, «  (7)

  1. Matamenti, Tl. stulte agit.