Page:Giornale Ligustico 10 1883.djvu/358

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.

356 GIORNALE LIGUSTICO

comunal prexio, non quando li poveri non la pon acatar, et vendila per menor prexio a li vexim et a li inimixi , che non semper se venze lo inimigo cum la spa, ma speso se venze cum servixo.

Superbia contra li vexim è bagno[1] chi aspeta trom cum sayta. Ay tu inimigo? Non usar con quelli, che tu no cognosi. Semper pe[n]ssa le vie de lo to inimigo: la segureza[2] de lo to inimigo no è in logo de paxe, ma tregua a tempo. Se tu te aseguri no pensar de lo to inimigo, che zo che tu pensi tu te meti per perigolo.[3]

De le toe femene sospete che elle fazan: cerca ignorancia et non sapua. Da poa che tu averai sapuo lo pecao de la mala moger no ne serai meigao da nigun mego. Lo dolor de la malla moger lantor mitigerà quando tu odirai parlar de le mogie d'aotri. Lo cor alto et nober no cura de le overe de le femene. La mala mogie castigerai megio cum lo rider cha cum lo bastun. Femena vegia et putam, se la leze lo consentisse, seria da esser sepelia viva.

De le robe. Nota che roba de gran speissa è proa de poco seno. La roba tropo aparissente tosto apartuise odio a li vexim. Studia de piaxer per bontae et non per roba. La demanda de la femena, chi à roba et ne demanda de le altre non indica fermeza. De li amixi te[n]e quello, chi è pu amigo /f. 56 r./, et inanzi quello chi te da le soe cosse cha quello, chi se offerisse si proprio, perzò che è grande copia d'amixi de parolle. Amigo non reputa quello che te loa in toa presencia.

Se tu consegi l'amigo to digi conseiando: cosi me par, et no: cosi è da far a lo bostuto, perzò che de la rea fim de lo consegio se segue più lengeramenti reprensiom cha loso de la bonna.

E' ò oddio che li zugolai te visitam. Atendi che se ne segue: l'omo, chi è


(2) (5) TI. quid agant. (4) TI. ignoraniiantf non scientiam.

  • ($) Mitigherà.

(6) Casliffherai. (7) Manca, come in BA. PZ.*, questa proposiz. di TI. Foemina meretrix et senex orntm divilias annullabile che s* ha in FR. SM.. (8) Già r articolo alla forma moderna ? Cfir. Laudi. XI11. 44. (9) Tee, tene. TI. teneas. Non e* è segno abbreviativo per la nasale. (10) Manca, come in SM. PZ.* questa proposiz. di TI. ti consulis amico, non qntras piacere «t, sed rationi, che H* ha in FR. BA.

  1. Tl. balenum. Cosi FR. BA. SM.; PZ.2 bagno. Forse nel testo latino del nostro volg. balenum era scritto balnum senza segno abbreviativo, e balnum si intese per balneum, errore di lezione, che si propagò, comparendoci in PZ.2.
  2. Segureza. Tl. debilitas . Cosi FR. SM.
  3. Tl. Semper cogita quod inimicus sagax cogitat inimicitias... Si te securas non cogitare inimicum quae tu cogitas, periculo te exponis.