Page:Carduccianelle.djvu/9

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
— 7 —

cartolina semplicissima, brevissima, ma di sapore più intimo ed affettuoso ancora:

« Grazie

Bologna 10 nov. 1901

obbl. aff.mo

Giosue Carducci »


Nondimeno, giacchè gli uomini si giudicano con molta faciltà, s’è detto che il Carducci fosse straordinariamente superbo.

Quanto a me, sono così convinto del contrario che non saprei metter fuori questa terza edizione delle mie Carduccianelle senza ristamparla quale omaggio alla memoria di Lui, mentre l'Italia intellettuale s’inchina riverente e commossa innanzi la tomba del suo altissimo poeta.

E senz’altro, ecco la lettera :

Bologna 30 gennaio 1893

Caro Signore,

La metrica delle Odi barbare io non avrei pensato mai potesse servire a poesia dialettale o popolare; non pareami fatta a ciò. Ma Ella se l’ è presa e vi ha messo dentro arditamente e sveltamente del suo. Tutta sua è la prova e la vittoria. Ed Ella non ha bisogno d’imporre alle cose sue un nome che importa derivazione e diminuzione.

La saluto.

Giosue Carducci