Page:Carduccianelle.djvu/19

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
— 17 —

     ’e dà ’na festa mentre llà se chiagne?
Dice: è ’nu mezzo pe’ fa bene. È overo:
chillo che soffre gudarrà pur’isso
quanno po’ è doppo.
     Levanno ’e spese, chello che rimane
se manna fora; spisso faie ’o cunto
e nun abbasta manco a ’na famiglia,
tanto ch'è poco!
     Gente mpazzuta, gente senza casa
che chiamma aiuto; criaturelle sperte
mmiezo ’e campagne; e ’a carità che sciala,
magna e sbutteglia!
     No: nun sta bene. Lacreme e risate!
Nun è cevile ’a carità c’abballa
tutta scullata e fa ’a primier figura
e... a famma aspetta!


’A IETTATURA..

Nun sulo ’e ffemmene pe’ niente attaccano
’nu priggiurizio, facenno chiacchiere;
siente: ’a bella Mbriana,
’o Munaciello, ’o cancaro;
     e ’i figlie crescono ciucciune, stupete,
pecche lle mparano tutte ’sti storie;
’o suonno è bona nova,
e ll’uoglio è mal’aurio;
     ’o vino è grazia, ll’uva so’ lacreme,
’o ddoce è tuosseco, veleno ’o zuccaro,
seh, seh: iate, parlate,
e mo se perzuaresceno!
      Capurro