Page:ArchStorIt1887.djvu/131

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


TRATTATO DEI GENOVESI COL CHAN DEI TARTARI

NEL 1380-1381

SCRITTO IN LINGUA VOLGARE



Diamo qui il testo del Trattato fra i Genovesi e i Tartari promesso nel Quaderno precedente a pag. 114. Esso si conserva in due originali membranacei, diversi fra di se e per data e pel nome della persona che rappresentava l'imperatore del Chipciak. Un solo di questi due fu conosciuto dal De Sacy e pubblicato nelle Notices et extraits, XI, 52 ; l'altro solamente conosciuto dall'Oderico, trovato fra i suoi mss. e pubblicato dall'Olivieri, Carte e Cronache manoscritte per la storia genovese, 1855, p. 73. Essendo ora pubblicati insieme e di faccia, si capisce la ragione delle differenze che imbrogliavano gli Studiosi credendolo un solo trattato. Le date ridotte all'era volgare danno per la carta di Iharcassio il 27 novembre 1380 e per quella di Elia Bey il 24 febbraio 1381 alla distanza di circa tre mesi.

C. Desimoni.


Millesimo trecentesimo octuagesimo tertio die vigesima octava Julii. Hoc est exemplum seu registratio cuiusdam instrumenti scripti in lingua ugaresca certorum pactorum et conventionum initorum et firmatorum inter magnificum et potentem Dominum Eliam [1] tunc Dominum Sorcati nomine et vice Excellentissimi Domini Imperatoris Tartarorum, et nomine ipsius tanquam domini Sorcati ex una parte, et egregios et nobiles et prudentes viros dominorum Ianonum de Boscho tunc Consulem Caffe et Januensium in toto Imperio Gazarie, Bernabovem Ricium et Teramum Pichenotum massarios Caffe et consilium ejusdem domini Consulis, nomine et vice victoriosissimi et excelsi Comunis Janue ex altera parte et prout in dicto Instrumenlo plenius continetur, et translato de dicta lingua ugaresca in lingua latina de mandato et ex commissione egregii et nobilis viri Domini Meliaducis Catan(ei) Consulis Caffe et Januensium in toto imperio Gazarie per me Julianum Panizarium notarium et Curie Caffe scribam scribentem, legente dictum instrumentum in diclta lingua ugaresca Francisco de Gibelleto [2] scriba dicte curie quo ad dictam linguam ugarescam, et interpretante et re-

  1. Nella seconda copia: « Iharcassium ».
  2. Questa parola nella seconda copia è illeggibile.