Page:'O figlio 'e don Nicola.djvu/25

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
23
atto secondo

SCENA ll

Flaviano e detti.

Flaviano — Ve Savi te rotta ’a noce d’o cuolio?

fllAS£~Caro D. Flaviano, vui ’o scapito, ’a signora Battaglia stasera dà na festa e ballo pe’ ngignà a Ccòa nova, e nuie stamme accuncianno tutt ’a rrobba.

Flaviano — Zitto bestia! ’F. ffestc ’e ballo nun se danno perchè molestano di vicini, tutte ehi Ile ca ’e danno so’ della gente immorale, lo nun sò stato invitalo, protesto contro questa immoralità. (via e chiude la porta)

Cuosemo — Vedile che ciuccio, isso prutesta.. e chtpruteste?

BlASE —Chillo da quanno s’è spartuto c ’ ’a mugliera pe mezzo ’e tribunale, è asciuto ampazzì.Cuòtu và dinto e nun te movere ’a vicino ’e cappotte, pecche rmezaminuinas ’c ponno arrubbà. Uh! ’a vi là chella signora c’aggio visto meza scummigliata.

Cuosfmo — Comme meza scummigliata?

Biase — Già, pecchè mentre scenneva d’a carrozza, a coda d ’o vestito ’e rimasta ncappata ncoppa dmt’ a carrozza, e essa è rimasta abbascio meza scummigliata.

ClfOStMO— Ah! mò capisco (uno nel gaarduroha e l’altro via dalla scala).

SCENA III

Temistocle e Giulia.

Temistocle (a braccetto) — Sono fortunatissimo signora d essermi trovato presente al momento che vi è capitata quella disgrazia, quindi mi sono slanciato in vostro soccorso. Il vostro vestito si è lacerato?

Giulia — Si, ma ho rimediato in certo modo. Sono tanto agitata e confusa che non so io stessa quello che dico. Oh! che disgrazia, che mortificazione, quando penso che la gente deve saperlo.

  • EMlSTOCLE — Oh! e perchè deve saperlo? Sono troppo

ammiratore della vostra bellezza signora, e quindi potete esser sicura del mio silenzio.

-*f U LI a — Vi prego signore di non farlo palese a nessuno, a nessuno capite.