Page:'O figlio 'e don Nicola.djvu/20

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
18
'o figlio 'e don nicola

Irene — Zi Caini Elvira slà chiagnenno.

Fortunato — Adesso vi domanderò d favore di,ni

a consolare chella povera creatura,!a quale J’ ar°

questo fatto. ’ °n s*

Camilla — Venite con me, adesso vi ci porto ro btcisi avita parla amanze a me.

Fortunato — Come volete voi (Galleja mò, papera è pan tano, appriesso t’ ’o ffaccio scuntà).

Camilla —Che dite?

Fortunato — Dicevo nu rosario allaucma e D. Nicola

Camilla — Oh! anima.

Fortunato — De inammeta e de pateto (viano).

Luciano — 1 rè finalmente stainme sule » te pozzo dì na parola.

Irene — Stattc cuieto e parie comme àia parlà, si no nce

o ddico a mammeta e te faccio ferii! ’e fa o madunnella.

Luciano —Ma Irene mia io te voglio bene, simme cugine alla fine.

Irene — Sì. io te voglio bene comm’ a cugino e niente chiù.

Luciano — E allora te si scurdato tutt e giuramento d ammore che nce facevamo na vota. Allora tu me dicive tanta cose ca mò nun me dice chiù.

Irene —Mo’ so’ maritata.

Luciano — Io so sempre lo stesso per te. Te vulevo bene tanno, e te voglio chiù bene assai mo’.

Irene — ’O saccio; tu che me pierde? Nuie ati femmene simme chelle ca passamme ’e guaie.

Luciano —Ma pecche te Si maretata, e ti si pigliato chili’antipatico e Temistocle?

Irene —Si, mo aspettavo a te!

Luciano —Quann’ io teneva na posizione t’avarria spusato!

Irene —Già cu sta capa pazza che tiene, che vaie su: cutanno tutt’ ’e femmene, peggio e maritemo, c1 tutte ca isso è viecchio e ì so figliola.

Luciano — Comme tuo marito, ti tradisce?

Irene — Accussì me figuro io pecchè l’aggio truvato pJ’ recchie lettere ncnollo, iiia si 1 arrivo a ncuccià,

Luciano —Che faie?

Irene — Me sparte e resto sola.

Luciano — E allora ci ameremo un’altrii volta co’ll( prima?

Irene — Oh! chesto poi no.