Page:'O figlio 'e don Nicola.djvu/19

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
17
atto primo

chislo nun v ’c darrà nisciuno. (pure ngalcra va a fcrni).

Luciano — Fortuna, scostati, assettete Uà (lazzi) Mammà se io vi dimando n’ata cosa non me la negherete?

Camilla — Che vuò figlio mio ati desiare?

Luciano — No mammà (piange) Io veco là Fortunato, maltrattato, cacciato, ingiuriato (lazzo) per causa mia e mi fa compassione. Povero giovine, sono io il reo, maltrattate me, ma lassate sta ch llu povero infelice.

Fortunato — (0 cuccudrdlo! s’ha pappato 30’; lire e mo fa a vede che chiagne).

Camilla — Che cuore, che angele, tal’è quale il cuore...

Fortunato *-Di D. Nicola.

Luciano --Mammà lo perdonate?

Camilla — Figlio mio, me faie chiagner2 pure a nic*. Lo perdono a patto che mi cerca scusa.

Luciano —Va va, cerca scusa a mammà.

Fortunato — (Ma è che? che 1 agyio fatto).

Ll’CIANO--(Nun è fatto niente, ma cerchele scusa).

Fortunato — Signora suocera, perdonate se involontariamente ho commesso... (E c’aggio commesso?)

Luciano — (Un grave fallo).

Fortunato — (chisto che me fa di) Un grave fallo, ma vi assicuro che non lo farò più.

Luciano — (Vascle ’e mmane).

Fortunato —Vi bacio le mani ed i piedi, i piedi non già mo... (cuanno so cuotte).

Camilla — Ad intercessione di Lucianiello vi perdono. Ma badate però che io conservo le massime di D Nicola.

Fortunato — (All’arma è D. Nicola!)

Camilla — Il quale diceva che per ogni fallo si deve fare un mese di esperimento. Perciò ve dongo un mese ’e tiempo (lazzo) Se in questo ir.ebc facit-, ’a bona condotta, e nun nie date nisciuno dispiacere io vi prometto ca ve faccio spusà subeto subeto. altrimenti siete perduto irremissibilmente me lo promettete?

Fortunato —Ve lo prometto!

Camilla —M« lo giurate?

Fortunato — V? lo giuro.

Camilla —Ncoppa a che?

Fortunato — Ncopp’ all anima è D. Nicobi.

Camilla — Ah! siete veramente degno di essere mio tiglio-