Page:'O figlio 'e don Nicola.djvu/16

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
14
'o figlio 'e don nicola

Luciano— Poi mi hai portato a dormire a casa tua.

Fortunato — Già a Casa mia, nce simme arr mediate tutt e dduie int o stesso lettino mio.

Luciano — Nce avimmo fatto tutte chelii risate.

Fortunato — Già quanta risate.

Luciano — Abbiamo parlato de chillu fatto là.

Fortunato — Uh — quanto avimmo riso...io rido ancora si nce penzo. (chisto c’arma d a mamma ha accucchiato)

Luciano — Ecco mammà come le cose innocenti vengono subito a galla.

Camilla —Ti credo perchè sci incapace di dirmi na bu^ia Tal e quale la bon’anima di D. Nicola tuo padre.

Fortunato —(VI c’aveva essere ’o pato ’e chisto).

Luciano — (Chisto è ’o murnento ’e mena na stuccata a mammà) Mammà vi dovrei dire na cosa, che non serve per me st’ affare de tasse ’e na cosa ca me fa asci pazzo a me.

Camilla — Figlio mio mo ’c che se tratta?

Luciano —Mamma mi bisognano 300 lire.

Camilla — 300 lire? Figlio mio che n aie fa?

Luciano — Ah! Fcrtunà dincello tu? ’f*. Ifenimené non si persuadono d* certe cose. Tu mo è fatto pure ’o studente, e sai sti ccose.

FORTANO—Già ’e femmene nun se persuadono... io pure ho fatto’o studente (quacc’ata mbroglia ha da essere).

Camilla — Pecchè te servono sti denaro? L avissa dà a D. Fortunato.

Luciano — Io ’e ddevo a Fortunato?

FORTUNAIO (L’aviva accidere).

Luciano — Mi servono perchè debbo pagare un’altra tassa all’università.

Camilla — Cornine, io ’a settimana passata pagaie 300 lire, me debbo pagà n ati 300

Luciano — È una nuova tassa ca è capitata. Che ncc vulite fa?

Camilla —Mo te vaco a piglia e 300 lire. (\h! se D. Ni’ cola vivesse come sarebbe contento) (viu).

Fortunato — Nè Lucià, ccà a che ghiuoco incarnino. |° nun pozzo passà tutte sti guaie pe ccausa toia. Tu faie ’e rnbroglie, e po’ mammeta s a pigile cu ine. ^

Luciano —Tu pecchè te miette tanta paura è man.n1^

Fortunato — Cornine non m uggia mettere paura, quel’1 è na pantera.

Luciano — Ma tu vide ca IO ne faccio chello che vogl’0 "

Fortunato —Ma tu si o carito suie, invece a n»c ll1