Page:'O figlio 'e don Nicola.djvu/15

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
13
atto primo

FORTUNATO (a Luciano che fa segni) —Tu che bnó?

Camilla — Comme nfaccia a me? Alla signora Pulenta s»e parla e chesta manera?

Fortunato —Ma cara suocera.

Camilla — Che suocera e suocera, io non sono più niente per voi.

Fortunato — Ma tara D.“ Camilla.

Camilla —Cara D.# Camilla? Pe chi m’avete pigliata pè na femmena ’c niiez’a via? Io sono una Pulenta.

Fortunato — (E io songo nu migliaccio.) Mia cara Pulcnta.

Camilla —Mia cara Pulenta?

Fortunato — Se pò sape comme v’aegia chiùmmà?

Camilla — Ah! se vivesse...

Fortunato — ’A bon’anema e D. Nicola. \ uie da me che ne vulite?

Camilla — Ditemi mio figlio stanotte dove e stato?

Fortunato — E chi ’o ssapc.

Camilla — Ah! non lo sapete, mo v o ffaccio dicere a isso stesso. Lucianiè, Lucianiè, vieni gioia d’ a mamma toia.

SCENA VII.

Luciano e detti.

Luciano (sbadigliando) Mammà m ero menato ncopp o lietto e avevo pigliato suonno.

Camilla — Scu^a, figlio mio, si ’o ssapevo nun te scctavo.

Camilla — Lucianiè, qua sta quel mobile di D. Fortunato.

Luciano — Uh! Fortuna staie ccà, scuseme, nun t’aveva visto.

Fortunato — (Che faccia ’e galiota tene chisto).

Camilla — Dimmi figlio mio, stanotte dove sci stato?

LUCIANI ELLO— Ve l’ho detto una volta. E pò egli sta là

 » * ♦ •

e potete domandare... siamo stati insieme stanotte.

Fortunato — Ah! già siamo stati insieme, nio non me ricordavo più.

Luciano — Siamo stati a cena... e avimmo fatto tardi.

Fortunato — Già, siamo stati a cena ai Giardini di Torino.

Luciano — No, o Gambrinus... mo non ti ricordi più?

Fortunato — E che vuò io stevo mpacchiato ’e suonno, e non ho letto sopre ’a trattoria se diceva Gainbrinus o Giardini di Torino.