Page:'E scugnizze.djvu/41

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


— Ho preso iiii’ ammonita 1’ altro iere,
Voleva farmi un pochi il purcinella !
( ’rodeva di trovare il bricatiere...
Capisci, adesso, sai, c’è Cartoscella!
— Io ci ho pecore e porci a casa mia,
Ma per questra testaccia oggi qui sogna !
lo mi rattrovo nella Polizzia,
Non già che me ci fossi per bisogna...
— Da che di dentro al corpo fo’ il servizzie
Io essere potrebbi un maresciallo !
Ma in questo corpo, sai, c’ è 1’ ingiustizzie...
Faccio il servizzio peggi d’ un cavallo!..
Quanto càpiti in questre mane cquà
Quarcho ammonita, quarche sorvegliate...
Vi vogli me, vi vogli me arrangià !
Con me voi aldri i guappi non mi fate !..
— Fa poche ciarli, non farmi il picciotti,
Se no un fogli di carti presto inguacchio !
Per Cristi, fa silenzio, giovinotti,
Chè equa non stati in mezzo del Mandracchio...