Page:'E guarattelle.djvu/30

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 30 —

SCENA 2.’

detti e don Anseimo Tartaglia.

<i. Ans. — Brrrè... brè... brè...

Pule. — (come se suonasse il tamburo) Brè... brè... brè...

d. Ans.. — Brrr.. bravi., bravi... Seh! Mo v’acconcio io! (rientra in casa e ne esce con un bastone).

Colomb.. — (intercede per Pule.) Signò, chisto è fraterne; mo è venuto dall’Acerra...

d. Ans.. — Bu.. bu.. bu.. giarda!

Pule. — Bu, bu, bu!... Ma ch’è ’o ffuoco ’0 Carraene?

d. Ans.. — Insalata... Insolente... ( aha il bastone e cerca di picchiare Pulcinella, ma ad ogni colpo questi abbassa la testa e il colpo fallisce. Giàlietta batte le mani).

Pule. — Ah! ah! So’ muorto!

d. Ant. — Accussi nun ’o farraie cchiù... (Pule, ad un tratto si alza e afferra il bastone. Qui ha luogo una lotta per la conquista del bastone. Pulcinella riesce vincitore, e giù legr.ate da oy’bo) Aiuto! aiuto!...

Giul.. — (ride e batte le inani per la gioia).

Pule. — Teh! teli! N’ata vota te rapare a fla’ ’o malandrino!

d. Ans.. — (sotto la pioggia delle bastonate è morto. Pulc. inella lo prende fra le mani e lo dondola fuori dal psr apettino, come una campana).

Pule. — Ndà mbò... ndà mbò...

Giul.. — (ha un violento colpo di tosse, si porta le mani alla gola, come chi sintesi strozzare, cadila, reclina il capo) Papà!... Papà mio!...

Raf.. — (esce di sotto le tende, gitta a terra i fantocci, si strappa il grembiule, si precipita verso Giulietta e la chiama con voce d’ angoscia) Giul. iè... Giuliè... figlia... figlia mia!... (la scuote\ le solleva la testa, la guarda negli occhi, poi si al-