Page:'E guarattelle.djvu/21

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 21 —

« Vaccaro mio, vaccà...

« Tieneme astrinto e nun me lassa.

« Pe na penna ’auciello grifone,

« Fraterne è stato nu traditore!

(iGiulietta, a poco a poco, per lo svaveato, si nasconde sotto la coperto) Quanno ’o vaccaro passale sotto ’a casa d o’ Re, l’uusso accuminciaie a parla n’ata vota. *0 Re, ca ’o vedette, vulette senti che diceva; pigliale l’uosso romano, e chillo se mette tte a parla accussi: (con voce cavernosa)

« Papà mio, papà...

« Tieneme astrinto e nun me lassà.

« Pe na penna ’auciello grifone, «Fraterne ’e stato nu traditore...

(Giulietta è scomparsa interamente sotto a coperta. Carmela sè ne avvede, solleva- la coperta e resta a guardarla lungamente) Povera figlia f S’ è addurmuta!

(Sotto la porta appare la matrigna di Giulietta).

SCENA 4.a

Virg. inia e dette.

Yirg. — (entrando, vede Carmela) Ve saluto, sora Carmela: che fate? Spregate er tempo co sta sgrinfia? Me sembra ’n ghiro! Se dorme la settimana santa!

Carm.. — Che dicite! Sta povera figlia tene na freve e cavallo!

Virg.. — La possino acciacca! ’Un crepa mai! L’avrebbe dovuto capi prima...

Carm.. — S’è addurmuta... Sta prtfpio brutto...

Virg.. — So’ tutte imposture! Volete vede’ come s’arza? Quattro papaveri sur grugno e zompa dar letto f

Carm.. — (difendendo la ragazza) Donna Virgi... embè? Chesto ca vuie facite nun è bello l Se vede propio ca nun le site mamma!