Page:'E Lluce-luce.djvu/143

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
141
L'urdemo ammore


ZITTO!

’St’ammore nuosto è muorto overamente!
L’aggiu fatto ’o tavuto e ’aggio atterrato.
Comm’è succieso? Comm è trapassato?
Chi ’o ppo’ sapè? Chi nne capisce niente!

Io? tu? ’Nu sbaglio?! Sarrà stata ’a ggente
c’ha mise ’nteressìa ’nfra ll’una e ll’ato...
Che l’addimanno a fa? Chi è stato è stato,
’st’ammore nuosto è muorto pe’ ttramente...

Quann’appurammo ’e nuie chi è stato ’o primmo
ca ll’ha vuluto accidere, che fa?...
Mo’... si tenimmo lacreme... chiagnimmo!

Ma zitto! Zitto! Senz’arapì ’a vocca...
Senza guardarce... senza dirce ’n’ « a »...
’Ammore è muorto? E ’o muorto nun se tocca!