Page:'E Lluce-luce.djvu/133

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
131
L'urdemo ammore


TIEMPO PERDUTO

Io dico: Chello ch’è stato è stato...
Che fa? Si è munno ca va accussì!
Tu pienze a chello ch’è già passato,
i’ penzo a chello c’ha da venì.

Tiempo passato: tiempo perduto!
’Na via già fatta c’ ’a tuorne a fa?
Tu pienze a vierno ca se n'è ghiuto
i’ penzo a vierno c’ha da turnà.

Sona ’o rilorgio? Ma che te preme
ch’hè già passata n’ora cu’ me?
Tu pienze a ’st’ora ca stammo ’nzieme.
i’ penzo a quanno t’aggia vedé.

Pecchè ’sti ccose ca so’ passate,
quanno tant’ate n’hann’arrivà?
Nun penzà ’e vase ca t’aggio date;
ma pienze a chille che t’aggia da’!