Page:'A morte.djvu/9

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.




LA SCENA


Il basso di D. Sofia. Parete sinistra: in centro, un gran letto d’ottone lucente, con una ricca coperta di seta damascata; appesa al muro, una cornice ovale, dorata, chiude un’immagine dell’Addolorata con le sette spade d’argento in petto; poco discosto, più in giù, una pila di argento per l’acqua benedetta e due candele listate di carta rossa e gialla; ai lati del letto due comodini di mogano a pulitura. Parete di fronte: un armadio a due luci con specchi ai due lati dell’armadio, due chiffonnières con sopra due grandi quadri dorati, uno con l’oleografia di S. Vincenzo Ferreri, l’altro con quella di S. Anna, e con lampade, candelieri e candelabri. Parete destra: la porta d’entrata; da un lato una cristalliera fornita di piatti, bicchierini, bicchieri di cristallo, e di argenteria; dall’altro un tavolinetto filettato d’oro, con un paesaggio dipinto sopra. Dal soffitto pende un lampadario di cristallo guernito di steariche rosse; una dormeuse con fodera bianca ai piedi del letto; sedie di Vienna; un tondo con marmo bianco, in centro della camera. Sono le ore antimeridiane di un giorno di marzo.