Page:'A morte.djvu/29

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
— 27 —

verella a vuie! Si era a sinistra, era cchiù facile. Basta. Tentammo... (S’inginocchia davanti a donna Sofia e le fa parecchie croci sulla pancia, mormorando parole incomprensibili). Ve sentite niente?

D. Sofia. Nu fuoco...

D. Amalia. Zitto, ca mo’ se scatena: «Spireto maligno!... Avummaria, grazia piena. Pe San Michele Arcangelo ca sotto ’a spata te tenette... Avummaria... Scràstete, sciuògliete, scatènate ’a stu cuorpo ’e sta femmena! (Cava dalla tasca del grembiale una figura di S. Michele e la mette sulla pancia di D. Sofia).

D. Sofia (implorante). San Michele! San Michele benedetto!

D. Amalia. (tiene con ambe le mani la figura sulla pancia di D. Sofia ed esclama un’ultima volta). Scràstete, sciuogliete... scatènate... Avummaria ecc. (Una breve pausa). Ve sentite meglio?

D. Sofia. Sì, nu poco meglio: ’o dulore m’è passato.

D. Amalia. Allora è fatta ’a botta!... San Michele ha scacciato ’o diavolo. Pe tutto dimane, ve susite e cammenate.

D. Sofia. Vuie che dicite?! Io mo moro p’a cuntentezza!

D. Amalia. Nun ce penzate: è riuscito tuttecosa.

D. Sofia. A nomme ’e San Michele beneditto! Isso è stato ca m’à fatto ’a grazia.

D. Amalia. Isso primma... e po’ io... e me ne so’ addunata, quanno v’aggio fatto ’e croce ncoppa a panza... pecchè maggio ntiso sotto ’e mane com-