Page:'A morte.djvu/18

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
— 16 —

Crescenzo. Duttò, cumpatitela: è ’a malatia.

D. Ferdinando. Vedete... Solo per rispetto vostro mi sto zitto, (a donna Sofia) Poi, del resto, voi siete la padrona di farvi curare da chi vi pare e piace. Pagatemi, e felice notte.

D. Sofia. Ve pavo?! E che m’avite fatto stà bona?

D. Ferdinando. Oh! Bella questa! Secondo voi, per essere pagati, dovremmo guarire tutti? Eh! E starriemo frische!

D. Sofia. E allora è meglio che ve mettite a fà ’o schiattamuorte!

D. Ferdinando (a Crescenzo). Ma la sentite?!

Crescenzo. Sufì!...

D. Sofia Ma che ve site miso n’capo, tu e isso? Ve credite ca cca ’e denare se ietteno?

D. Ferdinando. Questo non m’importa.... Vi ho curata per più di due mesi; e quindi....

D. Sofia. V’aggia ringrazià pure appriesso? Vuie pe nu miraculo’ e Giesù Cristo nun mm’avite accisa primma d’ ’e iuorne mieie..

D. Ferdinando. Ecco quanto mi tocca di sentire per non essere stato cauto...

Crescenzo. Duttò! Chella è femmena, e parla addò va va!

D. Ferdinando. Ma la mia dignità...

D. Sofia. Nè... don comme ve chiammate vuie, ma che ve credite ca io tengo ’e mane attaccate? ’A dignità!... Guardate chi parla ’e dignità!

D. Ferdinando. Ora, basta!

D. Sofia. Pecchè? Mm’avisse ’a vattere? (fa per alzarsi) Mo mme faie saglì ’o sanghe ’a parte ’a capa!...