O pûgnattin d'öu/Atto Segondo

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
O pûgnattin d'öu by Luigi Persoglio
Atto Segondo
[ 17 ]
ATTO SECONDO

I.

LUCREZIA, PITTAMUSCHE, MENINPISTI e SANFORNIETTA

(Si sente battere alla porta).

Pitt. L'é chì vostra madonnava: aoa l'é tempo de rïe façendo mostra de cianze (Apre, e tutte tre si mettono il fazzoletto agli occhi fingendo di piangere).

Luc. Cose gh'é che cianzeì? Aviei aværto a quarchedûn chi m'aviä arröbôu?

Pitt. Pëzo, scignôa.

Luc. Comme? De pëzo no sò cose porriæ succede.

Men. (piangendo) Nostro fra Grilletto.....

Luc. Ebben?

Sanf. (piangendo) O deve doman partî pe a guæra.

Luc. Pe-a guæra? (ride) Ah! ah! O n'é miga sordatto. O l'é stûdente in collegio e a posto franco, che mi no porriæ pagâ a penscion; son pövea, o sei.

Pitt. Han ingaggiôu pe forza tûtti i stûdenti do collegio.

Luc. Te l'han dæta da intende, mincionn-a.

Pitt. V'assegûo ch'a l'é coscì. Son sciortïa ûn momento pe accattâ duî södi de sâ da mette in t'a minestra, e l'ho visto (piange) con i mæ êuggi, in riga con i ätri scoläi, in mëzo ai carabinê. Ëan là vixin a a casa dell'esilio infantile.

Sanf. Asilo infantile.

Luc. E cose gh'han da fâ i carabinê?

Pitt. M'han dito che quando l'é vegnûo l'ordine in collegio de andâ sûbito in quartê se son rivoltæ, e coscì i-han piggiæ pe forza. Me son fæta coraggio. Son andæta da o capitanio pe vedde se poeìva salvâ o pöveo Griletto... o m'ha dato ûn stölon, ch'o m'ha mandôu in barlûgon.

Luc. Arrollâ di figgiêu! E chi o l'é quest'aze de capitanio, chi no sa ancon che andâ a-a guæra, ghe vêu di ommi grandi e grosci?

Pitt. Ghe l'ho dito mi ascì; ma o m'ha risposto ch'o l'ha ordine de piggiäli ciù zoveni ch'o pêu.

Luc. Dunque o saiä ûn reggimento de figgioami. Che pesso de mascarson!

Men. Dixan ch'han d'andâ tanto lontan, che primma che gh'arrivan, saiàn ommi fæti.

Luc. E dove o-i vêu portâ, a Calicûtte?

Sanf. Ciù in là pe coscì.

Pitt. Aspëtæ... O i porta... o i porta... no me sovven ciù o nomme de quello paize..... Ah ! in t'a Sabbia e in t'a Messuîa...

Luc. E in te che sabbia? Cose t'imbroggi?

Pitt. Voî, Meninpisti, miæ ûn pö là in t'o giornale ch'o ghe dev'ëse o nomme.

Men. (legge) O l'é chì: «Deve partire fra pochi giorni una nuova spedizione per la Baia d'Assab; e di là i nostri soldati passeranno a Massaua e forse nel regno dello Scioa... »

Pitt. Ve-o li dove o và vostro nëvetto: in t'a Sabbia da Scignôa.

Luc. E dove o l'é sto paise?

Sanf. Dixan ch'o l'é de là dell'ätro mondo.

Men. Meschinetto (piange) pöveo mæ fræ; o l'é ûn garzon perso!

Luc. E donde o sta de casa quest'assascin de capitanio, che ghe vagghe a descciöde ben e oëge?

Sanf. Voî, madonnava? E voeì piggiâvela con ûn militare? S'o tïa fêua a sciabbra, o ve taggia quarche brasso, o peo meno o collo.

Luc. Cose ti ne dixi ti, Pittamusche, che vagghe?

Pitt. Ma primma fæ testamento.

Luc. Testamento? E per cose?

Pitt. Perché quello capitanio o l'ha ordine de mette assemme anche ûnn-a compagnia de vëgie...

Luc. Quest'ätra ch'a l'é bella! S'é mai visto andâ e donne a-a guæra?

Men. Quando andâvimo a-a schêua, in t'o libbro da geografia, gh'ëa scrito che in Africa, a-o Daomey, ghe son di reggimenti tûtti de donne.

Luc. Ma saiàn zovene.

Pitt. Ma stæ a sentî tûtto – Chi no se tratta de donne guerriere, ma de vivandiere. Sciccomme a spedizion a va in t'ûn paize dove no gh'é de ninte, e manco gente che saccian fâ da mangiâ e cûxï e brâghe strassæ, perciò vêuan portâ apprêuvo all'esercito tante donne pe fâ a cuxinn-a e pe cûxï o vestî a-i sordatti, ë piggian vëge, perché se capisce che e zovene no staìva ben che gh'andassan.

Sanf. Ma e vëgie n'han ciù de vista da infiâ l'aguggia.

Pitt. Se mettiàn i speggetti.

Luc. E dunque ti vêu dî.....

Pitt. Che se no v'ascondeì, ve tocca a partî voî ascì.

Men. Pe l'ätro mondo?

(Battono forte alla porta).

Pitt. Chi gh'é? – o l'é ûn sordatto.

Luc. E no gh'arvî.

Pitt. E giûsto! Saiva pëzo. Voeì rexiste a-a forza? Sentiëmo cose o dixe (Va ad aprire).

II.
SUSSAPIPPE in abito da soldato e dette

Suss. Sta qui la signora Lucrezia Mangiagrigole?

Luc. (piano) Lücrezia Mangiagrigue son proprio mi: nomme e cognomme.

Pitt. Perchè volete sapere questo?

Suss. Io essere ordinanza del generale Gniffre Gnaffre, e portare qui scritto ordine alla signora Lucrezia di partire domani colla compagnia delle vivandiere per la Baia d'Assab e per Massaua nel Mar Rosso.

Pitt. Sig. Gniffre Gnaffre, voi l'avete prenduta per quarche d'ûnn'ätra.

Suss. Indirizzo preciso e connotati: vico Calabrache, presso il piano di Sant'Andrea, casa num. 8, piano 2.º; ed ecco i connotati (legge e guarda Lucrezia): Donna di forse 60 anni, grande di statura, capelli....., naso....., occhi lagrimosi, alquanto zoppicante. Barba e mostacchi nascenti, bocca senza denti, lingua lunga 50 centimetri.

Luc. Pesso de tûtto zù ! E se mezûa a lengua ascì pe conosce e personn-e?

Suss. Colle donne sì, perchè è il principale loro distintivo.

Luc. (prende la scopa) A mi de questi insûlti? Can de Gniffre Gnaffre. Passime a porta, e va a dî a-o to Generale, ch'o me ne daiä conto lê e ti ; e s'o no me manda a casa o Griletto, saviö dove andâ.... Iniquo, scellerato!

Suss. Alto là: e con chi credete di parlare? Faccio subito rapporto: 1.º della resistenza fatta alla forza pubblica; 2.º del disprezzo avuto per l'autorità; 3° della mancanza [ 18 ]di riverenza alla divisa militare; 4.º degli insulti detti contro del terribile generale Gniffre Gnaffre..... e voi la pagherete, colla galera in vita o peggio. Siamo in tempo di guerra, tempo di giustizia sommaria. Quattro delitti così enormi! Ve ne accorgerete. Intanto metterò sul foglio: Lingua un metro e mezzo (parte infuriato).

Pitt. Aoa che ghe semmo, sciâ Lûcrezia cäa!

Men. Ah madonnava (piange); quante disgrazie anchêu!

Luc. E ch'o vagghe a perdise: Chi se pêu tegnî? Ve pâ? Dâ de questi ordini, che mi pövea vëgia parte pe-a Sabbia da Messuîa, che no sò manco dove a segge; e poi vegnîme ancon a insûltâ in casa con mezûäme finn-a a lengua!

Sanf. Eì raxon, madonnava.

Luc. E portâme via ûn nëvetto, ch'o l'é ancon figgiêu; ch'o l'ëa tanto d'inzegno, che o prometteìva ûnn-a riuscîa da guägnâ di gren dinæ! L'anno passôu o l'ha piggiôu finn-a l'ûltimo premio.

Men. E quest'anno ûn de meno che l'anno scorso – Ma aoa, comme a s'accomodda, madonnava?

III.
BERNARDO e dette

(Si sente battere forte alla porta).

Men. L'é chì i sordatti.

(Voce di fuori) Arvî, presto.

Pitt. O l'é mæ fræ, Benardo.

Bern. Presto, sciâ Lûcrezia: l'é chì ûnn'armâ de sordatti, che a çercan pe portâla in prexon.

Luc. Meschinn-a de mi, lasciæme scappâ.

Bern. L'é imposcibile, a casa a l'é circondâ. O capitanio, ch'o l'é ûn ommo fiero comme ûnn-a tigre, o l'é infûriôu. Sciâ s'asconde in te questo sacco e mi a difendiö quanto porriö. Presto, presto; in t'o sacco (Lucrezia entra in un sacco, le altre donne, si ritirano in un angolo, ridendo di nascosto).

Pitt. O l'é chi ch'o monta e scäe, o capitanio.

Men. Oh mi che puïa. Særa a porta, Sanfornietta.

Sanf. O l'é zà intrôu.

Bern. A mi. Sciâ Lûcrezia, sitto eh! Ben zù, co-a testa a chêuxe.

IV.
SUSSAPIPPE in abito di soldato.

Suss. Dove stare, signora Lucrezia. Mi volere uccidere all'istante.

Bern. (a Lucrezia sotto voce) Sciâ no se mescie.

Suss. Disprezzare generale Gniffre Gnaffre, resistere forza pubblica; non volere partire per l'Assabbia; delitti enormi!

Luc. (da dentro il sacco) N'ho dïto ninte.

Bern. (piano a Lucrezia) Sitto pe caitæ. Ancon d'assæ ch'o non ha sentîo. O l'é intrôu in te l'ätra stansia.

Luc. (dal sacco) Mêuo da-a puïa.

Bern. Sitto: durque ghe taggio a lengua pe so ben.

Suss. Per tutte le streghe del mondo, mi non partire senza ammazzare..... Oh quell'omo del sacco.

Bern. Scignor.

SUSs. Te faccio un regalo se tu mi fai sapere ove si trova Lucrezia...

Bern. Uscignoria cerca la scignora Lucrezia. E cosa ne avete da fare scignore?

Suss. Voglio farla morire sotto diecimila colpi di bastone.

Bern. Oh scignore, li corpi di bastone non se danno ad una donna come la scignora Lucrezia.

Suss. Come tu la difendere?

Bern. Sci scignore; mi difendere mia padrona insurtata da uscignoria.

Suss. Bono, bono, bono, e mi bastonare ti (batte nel sacco).

Bern. Ahi! ahi! ahi! scignore, non ciù, non ciù, non ciù; ahi! ahi! ahi!

Suss. Va: portale queste alla tua scignora, che mi vado a cercarla dove sarà (parte).

Bern. Marviaggio! O l'é partïo.

Luc. (colla testa fuori del sacco) Ah Benardo cäo, no ne posso ciù!

Bern. Ahimè, mi son tûtto nisso, pesto, derenôu. Ahimè e mæ spalle.

Luc. Comme! ti te lamenti ti, che e bastonæ son cheite addosso a mi?

Bern. Ghe diggo de no, che i-ho sentïe mi, e me ghe brûxa comme o fêugo in t'a schenn-a.

Luc. Eppûre, se te mostrasse, ti vediësci che negroin.

Bern. A saiä a çimma do bacco, chi ghe saiä arrivâ addosso pe caxo.

Luc. Ti te doveivi retiâ ciù in là, ch'o no ghe poëse arrivâ.

Bern. Presto, sciâ s'asconde, ch'o l'é torna chì.

(Lucrezia rientra nel sacco).

Suss. Tartaifel: mi camminare e non trovare. Ma mi pare movere in quelle sacco.

Bern. No scignore, ghe domando scûsa. Son strasse, e no pêuan mesciâ, se no gh'é dentro quarche bestia.

Suss. Mostrare cosa stare in quello sacche (si avvicina).

Bern. Mi faccio lo camallo e uscignoria non ha da vedere, quello che mi porto in te li sacchi.

Suss. E mi volere vedere.

Bern. Uscignoria non vederà niente.

Suss. Ah! ah! ti burlare mi?

Bern. Non burlare niente. Queste sono robbe di dosso.

Suss. Torne a dire che mi volere vedere.

Bern. E mi ghe torno a dire che non mostrare niente.

Suss. E mi te bastonare.

Bern. Adagio, scignore.

Suss. Ah ti fare buffone. Piglia, piglia (batte il sacco).

Bern. Ahi! ahi! ahi! Scignore, basta, misericordia, ahi! ahi!

Suss. Questa stare piccola lezione per tie; ma prima di stassera ammazzare Lucrezia. Vado pigliare un reggimento sordati con cannoni a mitraglia (parle).

Luc. (esce dal sacco) Ah Benardo, Pittamusche, nesse cäe (vengono in scena), mi son desfæta, derenâ, ammaccâ. Andæme a accatâ in çiöto grande comme a mæ schenn-a. Aggiûtæme; vaddo in letto.

Bern. Cose sciâ se lamenta, Son mi che son morto addreitûa.

Luc. E comme a l'é che parlan con ti e me bastonn-an mi?

Bern. A l'é tûtta immaginazion. Ghe paeiva che ghe dessan de bacchæ e aoa ghe pä de sentîne o dô; - voiätre: Pittamusche, padronette, dïlo voiätre, se pe amô da mæ patronn-a, me son fæto bastonâ.

Men. Oh, madonnava cäa, che puïa ch'emmo avûo; besêugna che ne fæ levâ sangue a tûtte træ.

Luc. E dov'ëi voiätre?

Sanf. Ascose là de dietro a-a tendinn-a. Me batte o chêu comme ûn martello.

Pitt. Che faccia ch'o l'aveiva! che mostasci!

Men. O deve ëse ûn giûdeo do Calvario.

Sanf. O ûn diäo descadenôu dell'inferno.

Bern. Ecco l'aveì a lengua lunga cose a porta. Pe due parolle mâ mezûæ, sciâ l'ha piggiôu, cioè, me sbaglio, ho piggiôu mi pe voscià de dozzenn-e de bacchæ.

Men. E o pöveo Griletto nostro fræ o l'é in te quelle grinte li? [ 19 ]Bern. E chi sa che o no l'agge misso a-a cadenn-a, perché o no voeiva andâ in t'Assabbia.

Luc. Se o poëscimo sarvâ, saiva meno mäcontenta de bacchæ che ho piggiôu.

Bern. Cioè, che ghe pâ d'aveì piggiôu. Ma o pëzo o l'é che o sciô generale Gniffre Gnaffre, da chi a ûn pö o l'é chi con di cannoîn e o ghe derrûa a casa.

Luc. Quest'ätra ghe manchieìva (da sè) E o mæ pûgnattin o l'andiæ in menissi e i mæ dinæ.....

Pitt. Piccan.

Men. O Gniffre...

Pitt. No, no, conoscio o picco; o l'é mæ compâ, o Sûssapippe. Intræ. Che nêuve gh'é?

V.
SUSSAPIPPE in abito comune e dette

Suss. Cose voeì. Un pö fa, mentre camallava di sacchi de provianda pe-i cavalli dell'armâ, che deve partî, pe-a Sabbia dell'Africa, ho sentïo e prepotense fæte chì in casa so da-o sciô Gniffre Gnaffre, e l'ordine che parte tûtte e vëgie e i zoënetti con l'armâ. Dexideroso de fâ servizio chì a-a sciâ Lûcrezia, e a tûtta a so casa, ho çercôu d'abbordâ in t'ûn bon momento o generale Gniffre Gnaffre; gh'ho fæto, con bella manëa conosce, che o Griletto, o l'é ûn figgiêu troppo gracile, e a sciâ Lûcrezia a l'ha o peìzo in casa de duî nevi e due nesse e che a dovieìva ëse dispensâ da-o partî.

Luc. E cose o t'ha risposto?

Suss. Che o l'é contento che se mettan cangio, tanto a sciâ Lûcrezia, che so nevo.

Luc. E comme o l'é vegnûo cosci döçe, che ûn pö fa o ne voeiva mangiâ tûtti, e o l'ha minacciôu de tornâ chì co-i cannoîn?

Suss. Gh'é vegnûo ordine de partî sûbito, fra due öe, e o l'ha besêugno de dinæ; coscì o se contenta do scangio de personn-e co-a monæa.

Luc. E cose o domandieiva?

Suss. Tûtt'assemme o l'ha domandôu ûn spropoxito.

Luc. Ma quanto?

Suss. Somme stravaganti.

Luc. E dinni.

Suss. O no domandava meno de chinzemïa franchi!

Luc. Chinzemïa frevi terzann-e, quartann-e, tûtto addosso a lê. Cose o se pensa?

Suss. Sciâ no s'arraggie. Ghe l'ho dito mi ascì che son domande spropoxitæ, imposcibili. Che i dinæ no se semenn-an comme a radicetta. A forsa de dî e de dî, o l'ha conclûso che se ghe dagghe dexemïa lie pe riscattâ o Griletto.

Luc. Unn-a zizzoa da ninte. E per mi?

Suss. Pe uscià, i dinæ da accattâse ûn cavallo zoveno.

Luc. E ghe vorriä?

Suss. Veramente se tratta de cavallo bûllo; ma ûn miggiâ de lïe bastiàn. S'intende che ghe vorriä a sella, a brilla, e staffe e o morscio d'argento; saiàn ätre dûxento o trexento lïe.

Luc. Grazie!!

Suss. Eppûre no se ne sciorte con meno. Atrimenti besêugna che uscià con o Griletto partan drento poche öe pe-a Sabbia che a l'é de là dell'ätro mondo.

Luc. (sospira) Ah, che condizioîn!

Pitt. Dûriscime, ingiûste, ma comme se ne sciorte?

Luc. Eh! l'ho ben capïa. O mangiâ questa minestra, o sätâ questa finestra.

Suss. Me ne rincresce, ma a l'é proprio coscì.

Luc. Dunque, ûnzemïa lïe? E ciù i fornimenti do cavallo?

Suss. O l'é conto riondo. Ma no gh'é tûtto. - Luc. E cose ghe manca?

Suss. A o sciô Gniffre ghe fa besêugno anche d'ûn cavallin pe-o so servitô, chi costiä ûn da trexento lïe.

Luc. Unn'ätra bella! Ch'o vagghe a pê.

Suss. Ma sciâ scûse, sciâ vêu che o servitô o vagghe a pê? E comme o faiva a seguî o trotto do cavallo do padron a-o galoppo?

Luc. Ch'o s'inzegne; no vêuggio pagâ ninte, nè a-o servitô, nè a-o padron.

Suss. Sciâ me dagghe mente a mi. Pe coscì poca cosa amiëmmo de no guastâ l'aggiûstamento. Che se o sciô Gniffre o savesse che sciâ fa de osservazioîn, o saìva capaçe, a-o primmo impeto, de taggiâ o collo a-o Griletto e de pëzo.

Men. Madonnava câa, mangiëmo da polenta, ma liberæ nostro fræ a tûtti i conti, e liberæve voî.

Luc. Ebben! pasiensa!

Suss. Ma o l'ha dïto che ghe vêu anche ûn mû pe portâ e valixe.

Luc. Ch'o vagghe a perdise lê con o so mû, aze, bestia ch'o l'é. No vêuggio dâghe ninte.

Suss. E mi, sciâ fasse o so piaxeì; ma o Griletto o l'andiä a-a guæra e voscià sciâ gh'andiä apprêuvo.

(Battono alla porta).

Men. Aoa chi gh'é? (va ad aprire e torna con una lettera) O l'ëa ûn sordatto ch'o m'ha dæto questa lettera pe a sciâ Lûcrezia.

Pitt. Oh pövee noî!

Sanf. Meschinn-e de noî; cose ghe saiä?

Men. (legge) « D'ordine di Sua Eccellenza il generale in capo della spedizione d'Assab, è intimato alla signora Lucrezia Mangiagrigole di sborzare subito al latore della presente, lire diecimila per cambio da mettersi a Griletto suo nipote, e lire tremila per essere essa stessa esentata dal seguire la spedizione. In tutto lire 13,000. Ad ogni ora di ritardo la somma si aumenterà del dieci per cento. Se dentro dodici ore non sarà interamente pagata, si procederà colla forza, ecc.

firmato: Il Gen. GNIFFRE. »

Suss. Ecco. Ve dixeìva o vëo?

Luc. (si dà delle mani per la testa) E dove piggio tanti dinæ?

Suss. Sciâ se-i fasse prestâ.

Luc. No ghe vêuggio dâ ninte.

Pitt. Sciâ ven matta, scignôa. Chì no se ne sciorte. Sciâ n'ha sentïo a lettia? Dinæ, dinæ: o pe amô o pe forza.

Sanf. Miæ, madonnava; tanto o semmo che ghe n'ei in to pûgnattin.

Luc. Cose ti sæ ti?

Men. No ve fæ ciù pregâ. Levæne ûnn-a votta o battichêu; sarvæ nostro fræ Griletto, e sarvæve voî.

Pitt. Intanto se ve tocca partî, o pûgnattin.....

Luc. Taxi, lengua lunga. (Sospirando) E pasiensa! (Esce).

VI.
I suddetti meno Lucrezia

(Tutti ridono).

Pitt. Questa votta a n'é andæta ben.

Bern. Se mi son ommo da fâle ben!

Suss. E mi da aggiûttäte.

Men. Sta votta a-o tïa fêua o pûgnattin.

Sanf. Ma a ghe fa ûnn-a malattia de segûo.

Suss. Fito, in poxizion, ch'a chinn-a a scäa.

(Tutti si rimettono in serietà).

VII.
LUCREZIA e detti

Luc. (arriva adagio, sospirando, col pignattino in mano, [ 20 ]estræ biglietti bianchi di banca da mille lire) Eccole e trezzemïa lïe. Me strenze o chêu de vedde andâ coscì in malöa questo dinâ, che tegnîva pe-i besêugni estremi.

Suss. E questo o l'é in besêugno estremo.

Luc. (alle nipoti) Veddei se ve vêuggio ben! Pe sarvâ vostro fræ m'arrovinn-o mi. Ma da chì avanti besêugniä fâ economia in t'o mangiâ e vestî.

Pitt. Invece de mangiâ, bägiëmo.

Luc. Sûssapippe, porta questo dinâ a-o generale, fatte fâ a riçevûa da o Griletto, che ti o portiæ torna in collegio.

Suss. Lasciæme fâ da mi (parte).

Luc. Ahimè, me ven mâ da-o dô de chêu; dæme ûnn-a carrêga.

Pitt. Assettæve adaxo, sei, che ghe manca ûnn-a gamba. Intreghe no ghe n'é in casa.

Luc. Dæme ûn pö d'axôu da ödoâ.

Men. E no ghe n'é in casa.

Sanf. Un pö de vin generoso ghe vorriæ.

Pitt. E se no gh'é ätro che dell'ægua. Via, stæ tranquille. A riven. Vegnî, accompagnemola ûn pö in sce-o letto. E trezzemïa lïe ch'a l'ha tiôu fêua, gh'han fæto l'effetto che faiva a ûnn-a donna zà debole se ghe levassan trezzemïa cavate de sangue.

FINE DELL'ATTO SECONDO.