O pûgnattin d'öu/Atto Quarto

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
O pûgnattin d'öu by Luigi Persoglio
Atto Quarto
[ 42 ]
ATTO QUARTO

I.

SUSSAPIPPE vestito da marchese e un vetturino

March. (entrando) Voi siete un vetturino che non sa il suo mestiere. Entrando nel portico avete investito nel muro con pericolo di farmi rompere il collo.

Vett. (colla frusta in mano) Ma scignore. Uscignoria ha vorsuto che lo portassi dentro il portico stretto che la vettura non ghe poteva entrare; ed io me sono sgarbellata una mano, e sartando giù dalla scerpa, ho dæta una botta nella muraggia che me sono mezo derenato.

March. E volevate ch'io discendessi in mezzo alla strada? Son persona fina, sapete? Mi sarei preso un raffreddore, e avrei sporcati nel fango i miei lucidissimi scarpini. Andate via, che non avete discrezione.

Vett. Comme? Prima che andate via bisogna pagare!

March. Come?

Vett. E ghe diggo in bon zeneize, che vêuggio ëse pagôu, se l'ho servïo.

March. Levatimi davanti, temerario. Chi capisce quel tuo stranissimo gergo?

Vett. Non intendete, scignore, lo nostro lenguaggio? Bisogna pagare. Questo non se ciamma parlare zerbo.

March. (misurando uno schiaffo) Come, insolente! domandare danaro a un pari mio? Dovresti ringraziarmi dell'onore che ti ho fatto di farmi portare da te. Non hai visto alla stazione come tutti i vetturini mi erano attorno, che tutti volevano avere l'onore di portarmi? Non sai chi sono? Sono il marchese Buffalaballa dei Pelafichi.

Vett. O sciô monsù Bûffon de fighe, tegnimmo e moen a lêugo; perché all'öccaxon noiätri carrossê, che no emmo guæi de pasiensa, se servimmo chì de questo affare (mostrando la frusta). Travagemmo pe vive, e o so marchesato o no me leva a famme.

March. Vi farò conoscere con chi avete da fare....

Vett. (alzando la frusta) Animo, diggo: sciô monsù. Fêua monæa, che son aspëtöu da ûnn-a casann-a in t'a crêuza do Däio. Sbrighemmose.

March. Si parla in questa maniera ai pari miei?

Vett. Sciscignore, parliamo coscie. Ghe-a mollo eh! ûnn-a scuriätâ! Coscì o faiö capî. (alzando la frusta) Fêua dinæ.

March. Ah! ah! abbasso, abbasso quell'arnese. Ora siete un uomo ragionevole. Questo è prendere la gente con buona maniera. È farsi intendere davvero. Mi piace. Vi pagherò.

Vett. E quando?

March. Aprè, aprè, dicono i francesi.

Vett. Comme a Prè? Chì in sciô cian de Sant'Andria sciâ m'ha da pagâ.

March. (dando danaro) Prendete.

Vett. (guardando il danaro in mano) A che zêugo zûghemmo, sciô lûstriscimo? Pe aveilo portôu dä stazion dell'Æguaverde finn-a in sciö cian de Sant'Andria, da-o caroggio de Cäbraghe, sciâ me dà de pallanche? E a montâ de Caroggio Drïto ch'a derenn-a i cavalli, sciâ no-a conta per ninte? Ciûttosto de badda. Se sciâ l'é in pittamû, in limon spremûo, sciâ vagghe a pê e no in carrossa. (alza la frusta) Ghe-a mollo pe d'indaveì eh! Ghe vêu ûn scûo; e son discreto.

March. Con quell'affare all'aria mi persuadete. Eccovi lo scudo.

Vett. E i dinæ da beie?

March. Prendete anche questi. Ora andate. Quando sono preso alle buone, sono generoso come un re.

Vett. (andandosene) Anemmo, anemmo; ch'o l'é generoso comme o re de coppe.


II.
Il MARCHESE, BERNARDO, PITTAMUSCHE, MENINPISTI, SANFORNIETTA e poi LUCREZIA

(Arrivano tutti ridendo e facendo inchini studiati al Marchese, che ridendo saluta cavandosi, con caricatura, il cappello).

Bern. Bravo, sciô marcheise Sûssapippe. Ma ti päi proprio ûn milord americano. Mîa co-a sciâ Lûcrezia de finî ben a commedia.

March. Lasciæme fâ.....

Pitt. A l'é chì.

Luc. (imbrogliata nel fare i complimenti) Voscignoria sciâ l'é quello scignor d'America?

March. Come dice?

Men. Domanda con chi ha l'onore di parlare.

March. Con un marchese del Mondo Nuovo; il marchese Buffalaballa dei Pelafichi. La mia illustre famiglia è antica più del mondo. Quando il Signore creava il mondo, i miei antenati erano alla finestra a starlo a vedere. Sono più antichi di Adamo e di Noè.

Luc. O dixe ch'o l'é Noè?

March. Ma questa signora è scema? Non capisce niente.

Luc. Sciâ me scûse. I anni e ë disgrazie m'han indebolïo a testa.

March. Ma lei è la signora Lucrezia Mangiagrigole?

Luc. Sci, scignor.

March. Ma in questa sala non c'é una sedia per sedere? Si tengono i forestieri così in piedi?

(Pittamusche ne porta una di dentro la scena, e porgendola dice:)

Pitt. Sciâ s'incommode chì..... O prego però a assettâse con riguardo, perché son careghe ûn pö deboli pe l'antighitæ, che a-e rende preziose.

Bern. L'é per questo che a nostra scignôa a-e conserva, sensa bätâle con de nêuve. [ 43 ]March. Bene, bene. E queste sono le sue signorine nipoti?

Luc. Sciscignor, e mæ nesse.

March. Come? Nescie? Credo anzi che avranno dello spirito.

Luc. Cose sciâ dexidera; do spirito? Ghe n'ho ûn pö pe levâ e maccie.

March. Ma non mi intendete?

Luc. L'intendente?

March. Insomma sappiate che la vostra accoglienza già mi fa conoscere essere vero, quanto di voi fu detto al vostro fratello, signor Filippo in America. Che siete una spilorcia.

Luc. (Ah, pövea de mi: ch'o no me dà ninte di dinæ, che aspëto).

March. (s'alza) Il vostro signor fratello mi ha incaricato di una ispezione nella vostra casa e per riguardo alle vostre nipoti. Perchè gli fu detto della vostra avarizia, e che fate loro mancare cibo e veste. È qui tutta la famiglia dei servi?

Luc. (a Bernardo) E o Sûssapippe dove o l'é?

Bern. O l'é restôu a-a stazion pe retiâ a valixe chì do sciô Marcheise.

Luc. Questa a l'é a mæ cameriera, e questo o l'é o mæ servitô de livrea. L'ätro sciâ l'aviä visto a-a stazion.

March. Insomma... voi avete una pignatta piena d'oro.

Luc. (Chi ghe l'ha dïto?) Mi, scignore. Son poveretta, non ho sûggezion de dïlo, ma fasso quanto posso chi pe-e mæ nesse. Se son ûn pö mâ vestie, sciâ deve scûsâ, perché son vestïe comme stan pe-a casa, e no gh'han avûo tempo a scangiâse. Sciâ l'é arrivôu a-a cheita.

March. Vedrò le guardarobbe..... Ho 16 mila franchi da darvi, se resterò contento della mia visita; altrimenti devo riportarli a chi me li diede.

Luc. (Saivan proprio quelli che m'han fæto spende anchêu). Scignor, me raccomando...

March. Voi restate qui. Mi accompagneranno le nipoti e il servo. Vado a far la visita di tutta la casa, in forza dei poteri datimi dal vostro signor fratello, per riferire (partono).

III.
LUCREZIA e PITTAMUSCHE

Luc. Pövea de mi. Chi sa cose questo sciô Marcheise o decidiä!

Pitt. Quante votte ghe l'ho dïto, scignôa, che sciâ provvedesse ûn pö mëgio a casa; sciâ vestisse, no diggo secondo a modda, ma tanto da no patî o freido, e so nesse....

Luc. Sci, sci, di conseggi ti ne sæ dâ, e mi no n'ho besêugno di to conseggi, ma de monæa.....

Pitt. A monæa sciâ ghe l'aveiva in t'o pûgnattin. Aoa non é ciù öa de negâlo. Gh'emmo visto anchêu se l'é sciortîo quarcosa, e quarcosa ghe saiä ancon restôu.

Luc. Ëan risparmi di mæ vëgi, che i tegnîva pe-e mæ nesse.

Pitt. Per quando saiàn morte? Va ben pensâ per l'avvegnî, comme fa a formigoa, che de stæ a fa e provviste pe l'inverno; ma l'é ancon mëgio provvedde pe-o presente. Veddemmo tanta gente che ammûggia ammûggia e no spende mai, vivan da pitocchi; porrieìvan vive ûn pö mëgio e fâse ûn pö de ben pe l'anima con de limöxine; e poi ven a morte, quello che lascian o va in malôa in te man de di straggioîn che ne fan ûnn-a mala fin.

Luc. Sci, se ti foîsci ti, ti spendiësci tûtto in t'ûn giorno, neh?

Pitt. No diggo questo. Ma l'ätra domenega, o parroco o l'ha lètto in te l'evangelio, che besêugna fiâse da Provvidenza, e no pensâ tanto all'indoman. Ch'ammiëmo i öxelli do çê, che trêuvan sempre da mangiâ d'in giorno in giorno, e ë scioî di proeì, che son vestîe de tanti belli coî.....

Luc. T'ë ûnn-a bella predicatôa.... ma intanto chi sa cose diàscoa faiä de là o sciô marcheìse.

Pitt. O l'é chì ch'o torna. O me pâ brûsco in t'a faccia.

Luc. Ah, son ûnn-a donna persa!

IV.
MARCHESE, BERNARDO, le nipoti e dette

March. Signora Lucrezia: ecco il risultato della mia ispezione (ha in mano il pignattino dell'oro).

Luc. Sciâ n'agge misericordia, che emmo besêugno de dinæ.

March. E queste monete che cosa sono? Qui c'è ancora tanto da far conoscere la spilorceria, l'avarizia di questa signora Lucrezia Mangiagrigole. Intanto la casa è senza mobili, le guardarobbe delle nipoti sono senza vesti, i comò sono senza biancheria, la dispensa è senza provviste..... e sono persuaso che la tavola, all'ora del pranzo, sarà senza cibo. Si vede in faccia alle vostre nipoti, che patiscono fame, freddo e cattivo governo.

Luc. E o pranzo che gh'emmo appægiôu?

March. L'ho visto: anche volendo fingere grandezza e generosità, non avete saputo nascondere l'innata spilorceria. Carne di vacca, una gallina vecchia, vino adacquato..... Benissimo! Riparto subito per l'America e riferirò.....

Luc. (si inginocchia) Pe caitæ, sciâ no m'abbandonn-e; sciâ me scûse, sciâ l'agge pasiensa. Se sciâ ne dà quelli dinæ..... faiö mëgio per l'avvegnî; provvediö tûtto a-e mæ nesse.

March. Le vostre nipoti le condurrò meco in America dal loro zio, ove staranno come regine.

Bern. E mi, sciô marcheise?

Pitt. Mi, se va via e nesse, ghe vaggo apprêuvo. N'é vëo voiätre?

Men. Segûo; te voëmo con noî.

March. Tutti, servi e serva verrete con me.

Luc. Dunque tûtti m'abbandonæ? Ah, sciô marcheise cäo. (le nipoti ridono e cercano di nascondere il riso) E voiätre, mascarsonn-e, ve ne rieì? Questo o l'é o ben che me mostrâvi?

Bern. (al marchese) Via, Sûssapippe, aoa basta. Levite o marchesato d'addosso (gli toglie il soprabito e resta vestito da poveretto).

Luc. Cose veddo mai. Mi m'attasto se ghe son.

Bern. Scignôa, gh'emmo fæto ûnn-a bûrla pe so ben e pe-o nostro. O sciô marcheise o l'é o Sûssapippe. O sciô Gniffre Gnaffre chi voeiva portâ a-a guæra o Griletto, o l'é o Sûssapippe. O Tûrco, chi voeiva piggiâ scciavo o Fenogetto, o l'é o Sûssapippe. Lê o l'é o sordatto chi ha dæto de bacchæ in t'o sacco.

Luc. E i mæ dinæ?

Bern. Son tûtti chì in te questa borsa. Chi gh'é e 13 mïa lïe speize pe riscattâse voscià e o Griletto; chi gh'é i 500 scûi dæti pe riscattâ da-i tûrchi o Fenogetto; chì gh'é o pûgnattin che no ghe manca ûn södo.

Luc. Mi resto de stûcco! [ 44 ]Pitt. E o disnâ o l'é bello lèsto.

Luc. Dove?

Pitt. In t'a lûcanda do Rasccianin, dove faiëmo önô chi a-o sciô marcheise e se leviëmo a famme noiätre.

Luc. E a speìza chi a fa?

Pitt. O bella! Chi ha i dinæ. O pûgnattin. Sciâ l'ha promisso a o sciô marcheise de trattâne ben da chì in avanti. E començiemo anchêu.

Luc. E voiätre (alle nipoti) eì tegnûo man a questa mascherata?

Men. Ma veddeì, madonnava, che semmo stæte oneste. Nisciûn s'ha tegnûo in södo. V'é* chi tûtti i vostri dinæ. Solo emmo combinôu o moddo de fâveli tiâ fêua, perché no dî ciù de non aveìne e seggæ ciù raxonâ ne-o spende.

Sanf. Noi no voëmo speize inûtili, nè lusso, nè divertimenti; ma o necessäio.

Pitt. Levâse a famme scì.

Men. Se o Segnô o n'ha dæto quarcosa, l'é anche dovei de dâne ai pövei.

Luc. Ei raxon tûtti. O capiscio. Rompo o pûgnattin. Aoa tûtte sei quanto l'é in casa. Staiö a-i vostri conseggi e ammiö de passâ ben quelli pochi anni ch'ho ancon da stâ a-o mondo.

Men. E noi preghemmo o Segnô che possæ scampâ ciù che Matusalemme.

Sanf. Segûo, perché ben ve-o voëmo.

Pitt. E mi ghe o vêuggio ascì; dunque per ûn çenteximo a-o giorno de saläio no ghe saiva stæta tanto.

Luc. Conoscio che t'ë affezionâ e t'hæ fæto per mi e pe-e mæ nesse di sacrifizii. Te paghiö mëgio.

Bern. E mi e o Sûssapippe semmo sempre a-i so comandi.

Suss. Intanto andemmo a töa. Cose ghe saiä de bon? Vacca e gallinn-a vëgia?

Pitt. Unn-a bonn-a raviolata, ûn cappon grosso e grasso e o resto apprêuvo. E voiätri, uditori, compatîne e ve ringraziemmo. L'appetitto o gh'é, e ne beviëmo ûn gotto de quello bon a-a vostra salûte.


FINE.