O colera de Zena

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
O colera de Zena in agosto 1835
by Steva Parodi
Stampaja Façiœua - Biblioteca Universcitaia, Zena (RARI MISC. D.33(1))
[ 1 ]

O COLERA
DE ZENA

IN AGOSTO 1835.



Se doppo tanti poeti che gh'è stæto,
Che han scrito in un zeneise ben serrôu,
E in paragon de lö no vâo un-na d’æto:
Pû con coraggio me son azzardôu
A trattâ un argomento, che m’ha dæto
O gran flagello ch'emmo assæ provôu:
A penna dunque piggio, e vaddo a scrive
Per quelli che han a sorte ancon de vive.

2
Ma primma lè ben giûsto che me vorte
A meistro Apollo re dé nêuve mûze,
Sebben d'ëse di sò mi non ho a sorte,
E o non agge bezeùgno de mæ scûze,
Poi, per finîla, lê d’in çê che o sciorte
Con un bacco, dixendo che confûze
O l’ha trovôu ë rimme che mi ho scrito,
E con tutte ë mæ ciarle ninte ho dito.

3
Avanti mi me fö con gran coraggio,
Stæme a sentî, Zeneixi, ben attenti:
Sentieì che bella voxe, comme sbraggio,
E con tutta a mæ lengua feûa di denti

[ 2 ]

De Colera ve parlo, e ve ghe taggio
Un discorso de giusti sentimenti,
E doppo mi me sciallo che ancon vivo
Me trêuvo, e sorve lê aoa ve scrivo.

4
In quanto a questo poi mi lascio andâ,
Solo che se v’avesse aoa da dî
E mostrâve a burasca ch'è passâ,
A saeîva lunga assæ da non finî,
Pe ciù d’un anno aviæ da poeì parlâ,
Nisciun ghe saeiva da poeì contraddî
Un fæto de disgrazia, e l'è veitæ;,
De questo me n'appello ai cai mæ fræ.

5
Parlâ ve veûggio de questo brutto anno,
Chi è stæto sempre a Zena ghe veddiâ
Se parziale son mi; ma d’un affanno
Ve parlo che ancon aoa o stemmo a ammiâ,
Çerchemmo stâ lontan da questo danno,
Che porriemo o Segnö ben ringraziâ,
E comme sä finia sta brutta scena,
Tutto l'onô aviâ chi è stæto a Zena.

6
Ma subito che un caxo s'è sentio,
E qualchedun â Cava a gh’ea de fæto,
A vedde tanta gente dîne addio,
E chi in Besagno e chi in Ponçeivia andæto,
Che paeiva o mondo zà tosto finio.
E questa a l'è lezion che a nuî n’han dæto
Quelli che se vantavan de talento,
Che scappando sgheûavan comme o vento.

7
A Zena tutte ë ciasse ëan piggiæ,
Bûscioe, carrosse e cavalli e cäri,

[ 3 ]

E a ciû parte de gente invexendæ,
Larghê ëa diventôu scin-na i avari
Che tiavan feûa di mûggi de dinæ;
Tutti çercavan fâ di grosci sguäri,
Chi vende, chi impegnâ, e chi accattava,
Chi se ne stava a Zena, e chi scappava.

8
O l’ëa un invexendo, assæ terrô
De vedde ë gran person-ne caminâ;
Tempo che non lûxiva ciù de sô,
Se sentiva mai tanti lamentâ:
Chi criava e chi ciammava o Segnô:
Gren maôti se veddeivan trasportâ
In ti Uspiæ, e appen-na che là intravan
Squæxi se poeiva dî che i sotterravan.

9
Ma poi a tutti piaxe un-na veitæ;
Non se peû dubbitâ do gran aggiûtto
Prestîu a nuî da-e primme Autoritæ,
Che con gran zelo han provvisto tutto.
O ciù che ha consolôu è Sò Maestæ,
Mentre eimo circondæ da pianto e lûtto,
Che essendo chì vegnûo, o s’è mostrôu
Comme veo Poæ, e Zena o l'ha aggiutôu.

10
Non basta solo questo; ma zelante
O popolo zeneize, o l'ha ben visto
Quanto per tutti nuî o l’è costante,
Che in quello tempo coscì brûtto e tristo
O l’ha fæto de cose proprio sante;
E o posso ben lodâ scin-na che existo;
Noî atri çittadin sempre o lodiemo,
Di soccorsi prestæ non se scordiemo.

[ 4 ]


11
Mille soccorsi ha avûo a povea gente;
In tutti i sei quartê somministravan
Gran roba e di dinæ, se l'eì in mente,
Di lenseû, de coverte scì ghe davan,
E se trovava ancon l'impertinente,
Che o dixeiva che ninte regallavan.
Cessæ, o infami lingue, de parlâ,
E imprendeì un-na votta a rispettâ.

12
Che dixesci che o l'ëa un gran spavento
Per o popolo afflïto e desolôu.
Se veddeivan i Prævi a ægua e a vento
Con o Segnô, e ciû s'è inspaximôu
A gente a quello scimile tormento.
Ma son cöse che han sempre onorôu
Vedde chirurghi e meghi camminâ,
E tutti se prestavan pe aggiûttâ.

13
Doppo questo m’affermo de parlâve
Do castigo de Dio che gh’é pû stæto.
Non poemo, o Çittadin, che ben lodâve
Di soccorsi pietosi che n’eì dæto,
E semmo tutti pronti a ringraziâve
De tutte quelle grazie che n’eì fæto:
O Liguri Patrizj, ve meitæ
D’ëse per omnia sæcula lodæ.

S. P.
Parrucchiere.