O Capoâ Tratugo

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
O Capoâ Tratugo by Zan'Andria Spinnoa
sei scene da L'Ariodante
da L'Ariodante, 1655, do Giovann'Aleandro Pisani (anagramma), muxica do Zane Maria Costa.
reizo in corscivo o scrito toscan ò toscanizante
sciacca i asterischi pe di poscibbili refuxi
ATTO PRIMO
[ 15 ]
Scena nona
Caporale.

Za che voe ro destin,
Che stagghe in questa terra,
Terra da fà pugnatte
Con fà ro miè mestié de guarda spalle
Mé son trovaò da sbatte.
Che sta Ponseverasca,
Chi hà fæto ciù scabeccio
Che nò fa ro lebeccio
Bollezumme, e borrasca,
Con fà d'ogni erba un fascio
Mè fà guagnà rò giascio:

O Zena, bella Zena,
O libertæ da matti
Quanto t'hò sospirao!
Mà stimmo, che assi poco
Ti non viræ si spesso
Un altro paro mio
Bravo à rò mesmo tempo, e leccaresso.
Che veramenti à dissera
De fà leccummi, e intingoli,
Potaggi, e condimenti

[ 16 ]

Da fa prevaricà rà continenzia
Ne sò ra quinta scienzia
Sò inscià ri maccaruin
A forza de crestè,
Sò giusto comm'ò vá
Coexe ro mattamá;
Sò serne dri Cappuin,
Ro come se ghe dixe,
Ro pieto dra pernixe,
Ra coescia dra polanca,
L'ara dro pollastretto,
E per un bon boccon rò pastissetto.

Mà rà descretion
L'ę de saveì mangiá
Tutto à ra só saxon.
De Luggio ri picciuin,
Re quagie de Settembre,
Pernixe de Dexembre,
E ro nittoranin,
Verso ra fin d'Arvì,
Sorve tutto tegnì
Con roba de sostanza
Sempre rà panza in stiva
O quanti leccaressi
Traonnan ra sariva!
Má dra bravura poè
Cose diremmo noi d'esto faxoe?
L'arte da pettacchinna,
Quella dra tavellà
Doe dia da rá tetinna
Nó son foscia quell'io chi l'ha trová?
Andaghe á latin fæto,

[ 17 ]

E in tro doggiá dro canto
Baxo ra man patron
Co rò parmetto intanto
Faghe un'atra gassetta à ro gippon,
No fuì mæ invention?
Ri gippuin de l'apato,
Ri sfrixi cò rò fiocco.
Ponze cò ro sagoggio,
Re canne incameræ
Re pointe desnoæ,
Ro toò, ro chi va lì,
No ro trei foera mì?

Rò Spezzin chi l'hà stratteiso?
Chi ha marcao Barbazerá?
Sparapan chi l'hà strinao?
Bernardin chi l'hà frappao [?]

Tę, tę donde me perdo?
Cose me ven in coe?
Stareiva tutt'ancoe
Se vorresse quintà
Quello, che mi só fà.

Mà se no fan ri oeggi cierabelle
Ro Ducca miè patron siò Porro niessio
L'ę chi c[']o ven con quella so Lillonna.
L'ę ben che me ne vagghe,
Pre non daghe soggetto
perche fan trà lo serte carezze
Ch'han dre domesteghezze,
E à l[']ę tanto demestegha in effetto
Ch'à comensa à pità ro pignoretto.
Mì, che non son bollaxo,
Osservo, pappo, e taxo.


[ 20 ]
Scena duodecima
Caporale, Irene.


Cap. Amò can traditò
Comme ti sei ben sazio
Nò te piggià ciù spazio.
Vá che ti ra poe scrie,
Ti hæ pertuzoù sta trippa

[ 21 ]

E un hommo comme mie
Ti l'hæ fæto sàtà comm'una lippa.

Ma tæ l'ę chi rà mamma,
Chi fà lie assí dra Damma
E si a m'hà dito ch'a me voe gran ben,
Ma mì ch'ho zà de miegio
Questo sò tanto amò me dà de viegio.

Ire. Ben che già carrichi
D'anni sian gl'omeri
Amar vogl'io;
L'età decrepita
D'amar piu prattica
Non dà mentiti
Vezzi ed affetti,
Má saporiti
Porge i diletti.
Sinche si può
Godere io vuò,
E che sarâ?
Che si dirá?
Fragilitá, fragilitá.

2.
Sotto le ceneri
D'un crin, ch'imbiancasi
Arde il cor mio,
E ben che tremuli,
Pur soavissimi,
Se non mordaci,
Almen più grati
Sò dare i baci
Sù i labri amati.
Sin che si può &c.

Oh Caporale amato

[ 22 ]

Che fai? Cap. Moero, strangoscio.

Ire. E qual doglia ti assale?

Cap. Bruxo, comm'un eretico mastin,
Hò rò foego landrin.

Ire. Certo me ne sá male,
Fermati Caporale; io vado al fonte
Per ammorzar la fiamma.

Cap. Eh che l'ę ra me damma,
Chi m'hâ misso rò foego in tro gippon,
Si a me lascia bruxà
Senza descretion;

Ire. Io pure ardo per tè,
Mà tù ti prendi a gioco
Non curando il mio foco
L'amor mio, la mia fè
Io pure ardo per tè.

Cap. Oh questa l'ę da scrive a rò Poiestæ;
Ma à divera in zeneize, ò bella figgia,
Un'amò desdentoù nò me roziggia.
Voeggio un amò, chi mangie dro bescoetto
Che nò posso havei tiesta
A governaro a forza de pan coetto.

Ire. Dunque tù mi disprezzi?

Cap. N[']e za bella comà,
che nò voeggio accattá.

Ire. Ah Caporal. che sotto il crin di neve
Mongibello d'amor talora avvampa

Cap. Però si ben nò gh'ę d'oerio in tra lampa
(Se fuissi ra mæ damma) bonna noette
Nò porræ miga di,
Pre mi ghe poei tossì.

Ire. (Voglio burlar costui, già ch'ei mi sprezza

[ 23 ]

Dunque vaga giovinetta,
Che ha sul volto un vago Aprile
T'invaghì

Cap. L'ę così.

Ire. Dunque è ver, che un bel sembiante
Dolcemente il core in seno
Ti ferì.

Cap. L'ę' così.

Ire. Or dimmi Caporal, chi sia costei,
Ch'io per farti felice
Tutti voglio adoprar gl'inganni miei.

Cap. Promettei d'agiuttame?

Ire. Io te'l prometto.

Cap. L'ę quella bella figgia
Così bonombriosa,
Chi hà doe masche incarnatte,
Dui oeggi che ghe luxan,
E mirando pertuzan;
Chi hà un nazin prefiroù,
E una bocca de succaro rozoù;
Quella Lichinna in somma.

Ire. Non mi dir di vantaggio,
Sò di chi parli; ella da me dipende,
Ed io già sò, che di te vive amante

Cap. Aspietæ; ve darò ro paraguante.

Ire. Nò, nò non vuò mercede,
E perchè tu conosca
Ch'io ti voglio servire,
Vientene a l'imbrunire
Ch'io farò, che tu parli à la tua Diva

Cap. Viva ra mamma Ire./Cap. E viva.


[ 27 ]
Scena decimaquinta
Zoilo, Caporale.


Zoi.
Che tanto tacere?
Io vuò mormorare,
Non posso adulare,
Bisogna ch'io parli,
Ch'io ciarli,
Ch'io dica,
Mia lingua è nemica
Di poche parole,
Aduli chi vuole.

Che á un huom, ch'hà quattrini
Si facciano sempre
Profondi gl'inchini,
E ch'huom virtuoso
Al volgo ignorante,
Si renda odioso?

[ 28 ]

Che certi maligni
Ti ridano in volto
Con finti soghigni,
Poi spinti da zelo
Per farti beato
Ti bramino in Cielo?
Non posso tacere
Io vuò mormorare &c.

Ch'io veggia le donne
Star sempre allo specchio.
Oh Caporale?

Cap. Rà man caro patron. Zoi. Io ti saluto.

Cap. O anzi lei, la me fà gratia sempre,
Diggo serto, n'accadde,
La copra; orella ninte?
S'á voe quarcosa, onde che posse, e voere
A se serve dé mí,
Come de cosa sò (besoegna faghe
Serti Sallameleche, e staghe ben,
C[']ò l'ha unna lengua in fi, chi taggia e cuxe,
Che n'é moę tà bellezza)

Zoi. Mi fai troppo carrezza.
Ma dimmi per tua fè caro fratello,
Quanto temp'è, che non ti è stata scossa
Dá gl'omeri la polve, ò dal mantello?

Cap. Cos'orei di pà vui?
Oh, oh rá sa fa vermi
Ste sciù ri vostri termini;
O se nó deschiareve
Preche mi nò v'intendo.

Zoi. Fermati io non t'offendo

[ 29 ]

sai ben, che non è strano,
Che sian le bastonate
Solita paga al fin del roffiano.

Cap. Cos'oe di roffian? sei vui, non io
(Ah cospetton; besoegna fase temme
A un hommo comme mie
Queste bavassarie?)
Dime un pò bello frę'
Seio con chi parlę?

Zoi. Parlo col Caporale
Bravo come si vede
E di mano, e di piede.

Cap. (ęla unna patienza?)
Nó sei cose dighę'. Se fuissi á Ziena
V'informereivan tutti
Drá vita, e dri costumi
Drò Caporá Trattugo.
Saveressi, che son
Quello figiolla mia
Chi sá trà rá castagna
Co ra zampa drò gatto,
Quello pescio ferio,
Che no gh[']e ra magagna,
che liè nò descrovisse
Chi rá tegniva in barba á chi che sę,
Chi portava ciù arme, che pescię,
Insomma quello can descadenoù,
Che non gh'era fregadda
Ch'ao manco ò no gh'intrasse pe ro vadda

Direivan ch'ogni donna andava in sugo
Solo à mirà rò Caporà Trattugo,
E che all'incontra ogn'hommo,

[ 30 ]

Chi ghe frugasse ninte d[']in trà mira
Cazeiva li de poira.
Ve mostrerò con questa
Sinquadea groriosa
Chi sę sto fusto; allon;
(Mi sò che l'è potron)
Caza man à rá spa. Zoi. Tanto rumore?

Cap. Presto c[']à me bellettega

Zoi. La mia spada è la lingua
Io con questo combatto, e non pavento

Cap. L'è unna spà, chi ferisce à tradimento.
Ouia t'oeggio ascanà.

Zoi. (Voglio toccar del suo valor le corde
can ch'abbaia non morde) or metti mano.

Cap. (Oimè l'ho stuzegoù, rá bella poira.)
Frę caro un pò à bell'axo.
Aspietę che l'aranco.
Cose diao gh[']e steto?
Ro sangue hà fęto ruze.
(Oh dio se poresse fuze.)
No rà posso tirá; me pà che cave
Bestentę chi, vaggo á piggià ra chiave.

Fugge.

Zoi. Questi sono i valenti
Ch'abbaian da lontano,
E son pronti di pié, più che di mano.
Non son tutti Paladini
Quei, che portan ferro à fianco
Molti son, ch'han del Gradasso
Non nel braccio, mà nel passo.


ATTO SECONDO
[ 35 ]

Scena terza
Caporale.


Luxe ra lunna, e zá l'hora s'accosta,
che ra mamma m'ha dito
De fâ che parle á quella mæ caggnassa.
A Zena assie ò quante votte, ò quante
In quelli tempi d'accari
Sotta ra mę galante
M'arregordo d'havei,
A rò lume dre stelle
Feto dre bagatelle.
Vitta da innamoræ? vitta da matti.

Dormì sciù ri scarin,
Baxa porte, e ferrę,
Sempre oxelá barchuin,

[ 36 ]

E fà tutta ra noette mattinę?

Bruxoi, no ve digh'atro,
Cienti nò ve ne parlo,
Passioin, desperatioin,
Passeggi in sciù, e in zù
Sprughi, sigori, e segni,
Andá, vegní, tornà, nó trovà luego,
Cose in somma da foego

Sarùi sprofondi,
Biggetti à furia,
D'inverno veggie
De stę barchezzi
Balli cortezzi.
Canzuin strambotti
Sonetti, e muxiche,
Stradde piggię,
Paggi paghę,
Ohime che tribuli,
Croxe reloerij,
Misericordia.

Dapoe? tiò; dond'etto?
Giusto à ró pie* martin.
Un bellissimo inchin.
Dro resto, ohibò, son fore.
Dase un boggio á re tette
Son tutti venti da sciugà berette

Così poe sciù ra fin
Carroggio de lavagna,
Morsento, e inoprion,
Ravecca, e ri cannuin,
Ra simia, e mascaron,

[ 37 ]

Bacciccia, e Sezarin,
Guariscian rà passion
D'un povero Zerbin.

Ra garzonna m'aspieta,
E me rà passo in cieti,
Son ro bello animà,
Tiesta de caramà.


[ 45 ]
Scena ottava
Corte.
Caporale, Irene.


Cap. Se no m'inganno in questa parte apúinto
Responde rò barcon dra mę galante,
Darò unna toccadinna,
E sà nò intenderà,
Co rò mié sigorello,
E ghe farò conosce, che son quello

Suona.


Ah, ah sento parlà;
Son lò che son à loego,
Quà ghe doniè cantà [?]
Quella ra qua comensa

O bella nò ciù dormi, nò ciù dormi;

E nò c[']à l'ę descià: à nò ghe caze.
Donca dirò quella'atra;

Vui sei ciù bella assę, che n'ę ra lunna
Tracche tran, tran.

Nò miga: ouia quest'atra.

O fatte à rò barcon standardo d'oro
E mostrami rà via d'ogni bene,
Tù sei rà contentezza d'ogni core
Levami che tu puoi d'affanni, e penne:
Carcioffolà
Se ti coexi dri cori damene da,
Ahi ti no momi[sic], nà.

Oibò l[']ę vieggia: oh questa si và un fanano[sic]
E và giusto à prepoexito,
Mà l[']ę per quinci, ę linci,
Fęta con pointo, e virgula,

[ 46 ]

E temmo ch'in trò mannego
Me locciè* rà memoeria,
Cose sarà? provemora:

1. Parpellette addormentę
Ch'ascondei dui belli oegetti,
Che furbètti
Stan per ladri retiræ,
Dechiodeive, e descroví
Ri assassin
Così fin,
Che mirando fan morì.

2. Semme poe, che sei dessiæ
Oeggi belli traditui,
Tutti duí
Femæ* piezo che no fę,
No m'importa zoe un bedin
Barestreme,
Ma miræme
Da rà seira à rà mattin.

Oh bene oh bene. Ire. Oh Caporal sei tù?

Cap. Mamma sei vui? Ire. Son d'essa.
Giá di qui
Si partí
La tua dama, e vien â te
Ed a me
Star digiuna converrà;
Cosí và,
Compratori più non hà
Robba vecchia nel mercato,
E passato
Quel bel tempo d'una volta,
Almen stolta

[ 47 ]

Non fu Irene, per mia fè
A goder quanto potè

Cap. E cosí fà
Donna chi sà.
Che una zovena se piggie
Bello tempo fin ch'á poè
Sò bon prò;
Ma da poè
Se a vien viegia, c[']a s'asbiggie
A levase ré soe voeggie,
Rò malanno, chi l'accoeggie.

Ire. Zi zi

Cap. Sei vui barassio?

Ire. Si, si stringimi pure.

Cap. Cara cosa? mie coe? l'anime* mę?
Reixe cara? pomin? gnocco? pestummo?
Atto che me consummo;
Lascia un pò che te veghe, ah brutta lova,
Arca de vituperij,
Burlame à sta manera?
Perche no voeggio à ti,
Ti me l'hę fæta á mi,
Basta nò dighem'atro, ogniun s'aggiutte.

Ire. Oh Caporale hai pur pigliato il granchio
Impara à dillegiar donna assennata,
Che si sà vendicar quando e sprezzata.

Cap. Và che te possi tù rompì ró collo
O viegla* maledetta.

Ire. Chiunque la fà l'aspetta.
Se per errore
Non per amore
Io mi godei
Ch'importa à me?

[ 48 ]

Se non veraci
Pur furon miei
Quei quattro baci
Ch'egli mi diè.
Se per errore
Non per amore
Io mi godei
Ch'importa à me?


[ 53 ]

Scena duodecima.
Lontananza di Giardini nel Cortile.
Caporale, Zoilo.


Cap. Ra paxe è fætá* à son de moscatiello.
Nò gh[']ę ciù dá di atro à l[']ę fęnia.

Zoi. Ma dimmi in cortesia
Come passò la burla?

Cap. A promisse de fàme
Parla à rà mę galante
E mi che in corte son prinsipiante
Me son fioù da* quella brutta stria,
Che hâ sussoù ciù corę', ciù figaretti,
Che non hò moę manggioù mi trippe, ò laccetti.

Zoi. E Tù credevi à donne? ò folle, ò folle.


1. E la donna un mar d'inganni,
Che allettando in Bella Calma
A solcarlo invita ogn'alma
Poi sommerge in mar d'affanni,
Lungi dunque, ò passagiero,
Non t'ingolfi il tuo pensiero.

2. E una vela, che si muta
Al soffiar, che fà ogni vento,
E si muove ogni momento
Come foglia combattuta
Col cervello, che gli danza

Fà ogni passo una mutanza.

Cap. Mi assi dirò rà mę.

1. Zerbinotti se ve crei
Che sen tutte veritę'

[ 54 ]

Re melindre che voi vei
Fà à re donne v'ingannę'
Nò v'imbarchę'
Ch'en vanitę',
Pre mi moę ciù cò, cò son quarche orocco,
Nò me fio se nò tocco.

2. Nò prestę' sciu té parolle,
Ni sciu rie, ni sciu mirá
Ch'han ciu scorze, che seolle,
Han ciù soere, che un stivà,
Ve fan tirâ;
Mà pre ciantà
Pre mi moę ciù cò, cò, son quarche orocco,
Nò me fio, se nò tocco.

Zoi. Tu mi dai ne l'humore, ò Caporale.
Sei di sottile ingegno,
Vientene meco.

Cap. E viegno.