Nu mbruoglio 'e doie lettere

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

Nu mbruoglio 'e doie lettere  (1912)  by Antonio Petito
Nu mbruoglio 'e doie lettere
[ 1 ]
N. 43
0,30
TEATRO NAPOLETANO

---


A. PETITO


Nu mbruoglio 'e doie lettere

con

Pulcinella e Felice

SCRIVANI AMBULANTI

---

Brillantissima commedia in un atto tutta da ridere

Riduzione moderna di

SALVATORE DE ROSA

---

PERSONAGGI


Peppariello
D. Filippo
Felice
Carmenella
Pulcinella

A Napoli — ai tempi nostri


NAPOLI

Libr. ed. Teat. TOMMASO PIRONTI, Editore

Piazza Cavour, 70

1912

[ 2 ]

ATTO UNICO

Strada

SCENA 1ª — Peppariello poi Carmenella

Pepp. E ched'è, chilli duie sfelienze 'e scrivane ancora hanna venì? M'aggia fa scrivere na lettera pe sorema ca l'aggia mannà 'o nnammurato suio pecchè essa nce vó fa pace e chillo nun 'a vò sentì cchiù... Ih 'a ch'ebbreca simmo arrivate! 'e femmene che prejeno all'uommene!... Mannaggia 'e suricillo... m'è sora nun nc'è che fà.
Carm. E ched'è, nun ce sta nisciuno ancora?
Pepp. Gnernó. Pecché neh bella figliò, vuie pure v'avita fa scrivere quacche lettera?
Carm. Gnorsì, na lettera p''o nnammurato mio!
Pepp. Ah! bravo! facite ammore?
Carm. Pecchè ve dispiace?
Pepp. Anze, nce fa mordo piacere! Però badate bene ca mo che metteno mano 'e scrivane aggia essere servito primma io, pecchè io stò primma 'e vuie.
Carm. Se vede ca nun tenite proprio erucazione. 'A ronna pe norma vosta hadda avè sempe 'a prifirenza.
Pepp. E 'e giuvinotte guappe e ammartenate comme a me, sta prifirenza che vuie dicite nun'a danno a nisciuno.
Carm. Starrammo a vedè. (nel passeggiare per la scena guarda) Haie ragione ca stanno venenno tutte 'e duie assieme, sinò vedevamo chi era servuto primma.
Pepp. Basta nenna, nun tanta chiacchiere.


SCENA 2ª — Felice e Pulcinella prima d. d. poi fuori e detti

Fel. (d. d.) Lasseme passà primmo a mè, ca io tengo accunte ca m'aspettano.
[ 3 ]
Pul. (d. d.) E ghiesce, ca te puozze rompere 'e gamme p''a via! Stu cestariello è 'o malaurio mio!
Carm. Se fanno 'e cerimonie a primma matina.
Fel. (col tavolo, con sopra occorrente da scrivere in testa ci ha una sedia tutta spagliata). Signori buongiorno.
Pepp. Don Felì, vuttate 'e mane a accuncià stu niozio, ca m'avita scrivere na lettera.
Fel. Un momento e vi servo. (con lazzi situa il tavolo e la sedia a un lato della scena, dopo gli si accosta Peppariello)
Pepp. Dunque don Felì, vuie m'avita scrivere na lettera a Ndrea 'o nnammurato 'e sorema, e l'avita dicere accussì... (restano in azione).
Pul. (con tavolo e sedia in testa, una cartiera in bocca, il calamaio in una mano e nell'altra un grosso ombrello) 'A razia vosta. Ora si apre il famoso studio notarile! (con lazzi situa il tutto ad un'altro lato della scena, dopo gli si accosta Carmenella).
Carm. Dunque 'on Pulicenè sentite. Vuie m'avita scrivere na lettera a 'o nnammurato mio, ma na lettera ca hadda essere fatta chiena... (restano in azione).
Pepp. Dunque don Felì vuie avite capite buono chello che v'aggio ditto? Io voglio che 'o discurzo felasse comme se conviene!
Fel. (scrivendo) Non dubitate... lasciate fare a me. Io só assaje prattico a sti cose.
Pul. (a Carm.) Vuò che ncè schiaffo 'a dinto na cinquantina 'e maleparole zucose?
Carm. Quanto cchiù ncè ne potite mettere.
Pepp. Facitele capì ca essa 'o cerco perduono 'e chelli chiacchiere che ncé sò state ntra de loro, e che facessero pace, ca ncè 'o mmanno preganno pur'io, che song'ommo squalificato, guappo conosciuto al di quà e al di là del foro.
Fel. Và benissimo (scrive).
Carm. Carrecate 'a mano, e quanta cchiù mpruperie ve venene sotto 'a penna, tante nce ne mettite. Facitelo
[ 4 ]
capì pure, ca isso na figliola comm'a me, non 'a pó truvà manco c''a lanternella.
Pul. Lanternella!. va bene... Lassa fa a me. Penza ca io quanno compongo na lettera c''a penna maniata da chesti mane, l'aggia fà capì a chi non sape leggere.
Carm. E io pecchesto sò venuta a du vuje.
Fel. Volite sentì?
Pep. Iate dicenno.
Fel. (legge) « Stimatissimo signor Andrea. Di tutto ciò ch'è stato fra noi, non ne sia niente più. Io mi sono convinta che tu ami me sola, e ti prego anche per parte di mio fratello di volermi perdonare degl'insulti che ti ho fatto per ramo di gelosia; ció è stato per il troppo bene che ti voglio, e perchè io vorrei tenerti sempre vicino a me. Son sicura che tu mi perdonerai, ed a tal segno ti rimetto quest'anello, che tu accetterai per pruova di una perfetta pace tra noi. Ti saluto caramente. La tua affezionata amante » Come vi pare? Vi piace?... Senza il nome di vostra sorella.
Pep. Mordo bene!.. Senza 'o nomme 'e sorema, acció si 'a lettera và mmano ai cernitori d'Andrea, e non vonno acconsentì a sta pace, nuje potimmo dicere ca 'a lettera non è stata fatta 'a nuje.
Pep. Si chillo non nce vò fa pace, aniello non se 'o riceve... D. Felì, obbì che se passa pe fà mmaretà a sorema!
Fel. Queste sorelle... queste sorelle... sono la rovina dei fratelli.
Pep. Ve raccomanno 'e piegarla pulita, pulita, e sigellarmela dint''a na sopraccarta.
Fel. Pronto. (esegue).
Pul. Ecco la lettera, fatta, rifatta e soprafatta.
Carm. Non c'é bisogno 'e farvela leggere, pecchè ne sò persuasa ca quanno è stata scritta 'a vuje, è bona fatta.
Pul. E se capisce chesto! Io pirciò aggio lassato 'e
[ 5 ]
 fà 'o paglietto, e me sò puosto a fà 'o copia lettere, per la grande abilità che tengo!
Carm. Ah! vuje faciveve 'o paglietta? e addò stiveve?
Pul. Dinto 'a na portella...
Carm. E casa?
Pul. Nò, c''a puteca.
Carm. C''a puteca!.. e che faciveve?
Pul. Coseva 'e pagliette che se vennevano na lira l'una.
Carm. Ah! ah! ah! Comme site curiuso.
Pul. Sissignore... e tanto che sò curiuso, che vorria curiosità quacche cosa curiosa comm'à buje.
Carm. Facite priesto, ca me n'aggia j.
Pul. Mò... non tengo manco n'ostreca p''a suggellà.
Carm. Facitevella dà 'o cumpagno vuosto.
Pul. Sè, dice buono... D. Felì? damme n'ostreca ca non ne tengo, l'aggio fernute.
Fel. Dammella, ca mo t''a suggello io.
Pul. Seh, me faie piacere (gliela dà).
Pep. Ncopp''a maloppa non nce mettite a chi và, pecchè io nce 'a manno pe na perzona c''o canosce.
Fel. Già... già... (distratto, dopo suggellata la lettera di Pul. la scambia con la sua). Prendete la vostra lettera. (a Pul.)
Pul. Felì tante grazie alla vostra siggellatura.
Fel. (a Pep.) Ecco la vostra lettera.
Pep. Pigliate.. questo è per il vostro incomotamento. (gli dà una moneta).
Pul. Tiene nennè (gli dà la lettera, Carm. lo paga).
Fel. Che me date, tre solde?
Pul. Che sò chiste! Duie solde manco duie centeseme?
Pep. E ca quanto vulive due vierze 'e robba?
Carm. Che pretennive cchiù assaie?
Fel. Vuie m'avita dà na lira.
Pep. Vattè, na lira!
Pul. Tu m'haja dà 'o ghiusto, oje nè!
Carm. Va llà nun me fa ridere!
Fel. Fate presto, che io non ho tempo da perdere.
[ 6 ]
Pep. Comme, tutte 'e na manera site vuie aute scrivane paccariate. Io mo pe nun fa chiacchiere cu te ca si na carogna t'agghiusto, sinò... (gli da un'altra moneta).
Fel. Avite ragione... songo pure na carogna, ma dateme chello ca me spetta.
Pul. Ma te muove, si o no?.. l'avarranno sfunnata 'a sacca!
Carm. (dopo aver fatto lazzì colla mano in tasca) Nzomma afforza... Tiene cca... (gli da un'altra moneta) Mo me pare che ve putite cuntentà.
Carm. Uh! mo me pare ca si troppo refecagliuso, e va scola tu e mammeta! che fuss'acciso. (via a sogg.)
Pep. (si prende la lettera) D. Felì ve raccumanno 'e nun fa cchiù sti chiacchiere quanno vengo a farme scrivere quacch'auta cosa, sinò mettimmo l'amicizia a nu cantone 'e muro e facimmo iucà 'o calamaro a cummà setella.. nce simmo capite.. a lor signure! (via).
Fel. Vuie vedite che me succede! Una composta di pace tra innammorati fatta comme se conviene, per ricompenzia, doppo avé fatto tanta chiacchiare me se danno tre solde e duje centeseme.
Pul. Soltanto a te? Io aggio fatto na composta a chella janara meglio 'e na scafarea 'e pastenache a scapece e chella a stiente m'ha agghiustate duje solde.
Fel. Sta professione, caro collega non se pò fa cchiù.
Pul. E' overo. Sarria meglio si invece 'e fa 'e copiste, facessemo 'e solacchianielle, saparriamo certo che ogne botta 'e suglia che darriamo a uno, starriamo buono pe n'anno.
Fel. Che dice... lassà 'e fa 'o copista pe fà 'o ciabattino!
Pul. Nò, non dico 'o crovattino... 'o solacchianiello.
Fel. E ciabattino e solacchianiello è la stessa cosa. (Che bello copista!)
[ 7 ]
Pul. D. Felì, quanto t'haje abbuscato 'a stammatina a nzì a mò?
Fel. Sule sti 3 solde e duje centeseme... e tu?
Pul. Io! aggio fatto 'a jurnata.
Fel. Quanto haje abbuscato?
Pul. Aggio abbuscato...
Fel. Paricchie solde?
Pul. Assaje.
Fel. Ma quanto?
Pul. Aggio abbuscato... aggio abbuscato... 'e duje solde d''a lettera.
Fel. Si non sbaglio, avimmo fatto tutte 'e duje 'e stesse affare.
Pul. Stammo a uno scannetiello.. D. Felì; saje pecchè nisciuno vene a scrivere lettere?
Fel. Pecchè?
Pul. Pecchè non ha fatto ancora 'a troppa d''e ceuze!


SCENA 3.ª — Filippo e detti

Fil. A lor signure.
Fel. Caro D. Filippo.
Pul. Sì Filì, avimma fà niente?... t'accorre quacche fede 'e morte pe te o pe quacc'auto d''a casa toja?
Fil. Non boglia priesto dico io... ma ncè può dà pure mo proprio 'e faccia nterra
Pul. Non aggio ancora genio.
Fel. V'occorre cosa 'a me... Potite comandà, ch'io subito vi servo.
Fil. Mò ve dico. Vurria essere scritto...
Pul. E' chesta é na cosa c''a saccio fà sul'io.. D. Felice non è abile. (afferrando Fil.).
Fel. Comme!.. io non sò abile?.. e vi è paragone fra me, e te?
Pul. Che nc'entra faraone ccà miezo... io dico ca tu saje scrivere sulo c''a penna.
Fil. E tu?
Pul. E io pure co 'e dete.
Fel. Quanto si buffone!
[ 8 ]
Pul. Io só buttone e tu si na furmella.
Fel. Statte zitto... io aggia servì 'o cliente mio.
Pul. Gnernò... chisto tenente ccà é 'o mio.
Fil. Nè signori miei, chesto che vene a dicere... lassateme... Sentiteme apprimma che boglio, e pò chi 'e vuje è capace 'o fà.
Fel. Parlate.
Pul. Fatte asci 'o spireto.
Fil. A me, me serve na lettera, 'a quale...
Fel. Vi ho pescato.
Pul. L'ha pigliato pe cefaro...
Fil. Ma pozzo parlà, sì o nò?
Fel. Chiacchiariate... chiacchiariate.
Fil. Nzomma, stà lettera ha da j mmano...
Pul. E' quanno ha da j mmano, l'aggia fà afforza io... Non è cosa pe D. Felice.
Fil. Mo vaco da quacch'auto, e accussì subbeto subbeto me spiccio. (lazzi).
Fel. Venite ccà, D. Filippino... accomodatevi... fateme conoscere 'e che se tratta.
Fil. Ecco qua. (siede) 'O trattato 'e sta lettera, è ca io...
Pul. (lo alza) Non è capace D. Felice, siente a me, assettate ccà. (lo siede presso di lui).
Fel. Te dò 'o calamaro nfaccia si nun 'a fernisce piezzo 'e bestia che sì!
Pul. Guè... oh... parla comme 'a parlà ca si nò te sbatto 'o calamaro nfaccia e te sciacco l'uosso pezzillo d''a recchia mancina.
Fel. Sì no scrianzato...
Pul. Che puozze avè na petrata dinto 'e rine... piezzo 'e supressata che sì.
Fil. Ma dico io 'a fernimmo sì o nò?
Pul. 'A lettera l'aggia fà io... (a Fil. c. s.)
Fel. Gnernò, l'aggia fà io... (c. s.) D. Filippo ê accunto mio.
Pul. 'O si Filippo, 'o cunto, l'è bennto a cuntà sempe a me. (c. s.)
Fil. Aggio capito... (s'alza per andarsene)
Fel. (lo afferra) Non 'o date retta.
[ 9 ]
Pul. (c. s.) Non 'o da udienza a sta bestia!..
Fel. (risentito) Come! a me bestia! te voglio...
Fil. Stateve D. Felì...
Pul. Mo te cride ca 'a lettera 'a faie tu, no schiatta e crepa, 'a lettera ll'aggia fà io!
Fil. Senza che t'ammoina, 'a lettera nun 'a faie nè tu e nè D. Felice! (per part).
Fel. (rabbiandosi). Pe causa toia aggia perdere 'o pane, te voglio rompere 'a faccia.
Fil. Ma ve volite sta coiete si o no.?
Fel. No, no, 'o voglio affogà!
Pul. Don Felì bù bù! (burlando).
Fel. Uh! chille me coffea pure!... (prende una sedia) Ah! ca te voglio mparà io 'a crianza! (per inveire).
Pul. Teh!.. Afferra grandissimo pipistrello senza scella! (gli mena la spugna el calamaio in faccia).
Fel. Misericorida m'à fravecato n'uocchio!
Pul. Mparete comme se trattono gli alletterati miei pari!


SCENA 4.ª — Peppariello e detti.

Pep. (nell'uscire prende pel collo a D. Felice) T'aggio avuto dinto 'è mane brotto gallerinio spennato!...
Fel. Guè, oh, statte coieto co 'e mane!
Fil. Che cosa è, lassatelo j.
Pul. Dalle.. dalle, a sto mandrillo brasiliano.
Pep. Io voglio sapè che àie scritto dinto 'a sta lettera?
Fel. Chello che m'avite ditto vuie.
Pep. Ah, birbante! tu m'è fatto na lettera 'e mmale parole!
Fel. Io!...
Pul. 'O sentite ca chisto è no ciuccio.
Fil. Io mo non capisco...
Pep. Mo ve dico... Avita sapè, ca io poco primma, sò venuto a farme scrivere na lettera pe sorema, che aveva mannà a 'o nnammorato sujo pe farce pace.
Fil. E che nc'entrano pe mmiezo 'e male parole?
[ 10 ]
Fel. Chisto è no sbaglio.
Pul. Tu dice ca so aglie, e mo vide comme correno 'e cipolle! (indica bastonate).
Pep. Non l'annià ca si nò te taglio 'e recchie e me l'appenno nfaccia 'a catena d''o rilorgio.
Pul. Anze, si vulite fà meglio, tagliatelo pure 'e braccia v''e mettite pe sarcenella sotto 'a na caudara 'e maccarune.
Pep. Zitto voio!.. Abbarate al vostro mpiegamento. Questi non sono affari che vi danno ombra di mescolanza... al vostro puosto!
Pul. (M'ha pigliato pe carruzzella affitto). Non parlo cchiù.
Fil. Scusate... ferniteme 'e contà o fatto?
Pep. Subeto ve servo. A sciorta m'ha fatto ncontrà co n'amico mio, che sape l'affare ca passa ntra sorema e 'o nnammorato... avennole io ditte ch'aveva fatto scrivere na lettera pe mannarincella, e p'avè no consiglio 'a isso si aveva fatto buono, o no, nce l'aggio fatta leggere... Uh! frate mio, e che nce sta 'a dinto... maleparole... mproperie... sconniette...
Fel. Che dicite... io 'a lettera vostra l'aggio scritta con tutta la decenza possibile.
Pep. Me t'aggia magnà vivo, co tutte 'e scarpe 'e piede!
Pul. Levane 'e tacche, si nò t'annuzze.
Pep. Vuje sapite leggere? (a Filippo)
Fil. Accussì, accusì.
Pul. Vulite ca veco io 'e che se tratta?
Pep. Zitto, e non abbaiate cchiù.
Pul. (M'ha pigliato pe cane, mo!)
Pep. (da la lettera a Filippo) Leggite c''a scritto.
Fil. (legge stentato) « Puzzolentisso Si Ndrea. Te faccio acconoscere che d''a mala connotta mia, se ne parla pe tutto 'o vicinato. Si tu addimmanne a 'e cavalle e a 'e mule che tu covierne pure te ne diciarranno male d''e fatte mieje. Spera 'o cielo che murarraje 'e morta gnagnolla. Na
[ 11 ]
femmena comm'a me, non 'a trovarraje dinto a na lanternella; ma cchù priesto dinto 'a na carsella.. Brutto, scuonceco, zuoppo, manchella, cecato, che puozze avè na scoppettata, a te e chi t'ha figliato. Che t'hanno afferrà tanta malanne, pe quanta juorne, semmane, mise, secoli e bisecoli songo l'anne... Che fuss'acciso tu, mammete, pateto, soreta, 'a gatta, 'o cane, e tutta la schiatta puzzolenta toja, saglienno e scennenno! Non te saluto. Muore 'e subeto ». Uh! (la lettera dovrà essere interrotta da lazzi).
Fel. Ah!
Pep. Ih!
Pul. Eh! l'auta vocale! è ghiuto all'urdemo!
Pep. Felì 'e ntiso chello ch'è scritto dinto a sta lettera? (si prende la lettera).
Pul. (Chelle me pareno 'e stesse parole ch'aggio scritto io dinto 'a lettera 'e chella figliola! Zitto e vedimmo che succede).
Fel. D. Felì fa testamìento ... me dispiace ch'j 'a murì justo nel fiore della tua bellezza!
Fil. D. Felì... vuje site rummase 'e statue... vi condannate per reo...
Pul. Di morte, al quarto grado di pubblico esempio.
Fel. Ah birbante, tu pure me vuo' ncuità, te voglio rompere 'e gamme. (per inveire)
Pepp. Statte, parla co mmico.
Fel. Non aggio che dicere... io non capisco vuie che state affastellanno.
Pep. Io stò affastellanno? (a Pul.)
Pul. Gnernó, vuje non state sfrattanno... isso..
Pep. D. Felì...
Pul. Bu, bu! (burlandolo).
Fel. Ah! vuie me nsultate... mo vaco a ricorrere!
Pep. (l'afferra) Pe chi vuô j a ricorrere?.. grannissimo mariunciello sbruvignato.
[ 12 ]
Pul. Chiste sò 'e titole d''a famiglia.
Fel. A' famiglia 'e mammeta! lassateme, io voglio soddisfazione! (c. s.)
Pep. Vuò soddisfazione... è ghiusto. (caccia 2 pistole) Chesta è 'a toia e chesta è 'a mia.
Pul. Accorte p''a capa mia ca io patesco 'e mincrania.
Fel. Ma che vuo' fà?
Pep. Miettete mposizione... menammo 'o tuocco... a chi vene...
Pul. Caccia patrone e sotto.
Pep. Zitto tu! A chi vene spara 'o primmo.
Fel. Avite sbagliato... io non tengo piacere 'e murì accussì. (tremando).
Fil. Via mo, agghiustateve bonariamente senza che venite a na decisione 'e partita.
Pul. Sè, facite una partita a otto, chi cchiù n'ave se ne porte.
Fel. Ma vuie me site venuto a insultà?
Pep. Sè, me piace... fatte sentì ca io te so benuto a nzurdà! Iammo, jà, non me fido cchiù 'e farte campà!
Pul. (Chiste tenarrà 'a morte dint''a sacca).
Pep. Eppure me credeva che m'avisse fatta na parte d'umiliazione.
Pul. E' pe n'illuminazione è 'a cosa?.. allummele 4 lampiuncielle e non se ne parla cchiù.
Pep Che saccio... nu vaso nfronte.
Pul. (L'ha pigliato p''o boja d''a Vicaria!)
Pep. Alle corte, rispunne... 'a lettera pecchè ll'è carrecata 'e maleparole... quà è stato l'oggetto?
Pul. (Cà nzigetta ve purtarranno a tutte 'e duje).
Fel. Vuje che malora vulite 'a me?
Pep. Ah! tu me faje pure 'a parte tragica? Ca nisciuno me tenesse...
Pul. (Nè, a chillo chi 'o tene... Mò se vede quanno 'o vatte).
Fil. Ma nu poco cchiù 'e rispetto, finalmente D. Felice ò, è n'ommo dabbene.
Pul. (Mó vò abbuscà primma isso).
[ 13 ]
Pep. Tu che dabbene me vaje contanno... Questr'omo imbecille n'ha fatto poco rispetto 'e Pepparielle Menaschiaffe.
Pul. (Nun saccio chisto si 'e mena 'e schiaffe, o 'e riceve).
Fel. Zitto.. accummencia a murì.
Pul. (Meno male.. 'o fà murì chiano, chiano!)
Fil. Sì Peppariè, fernitela mò. Comme sia stata 'a cosa, non se ne parla cchiù,
Fel. Ma come non vedete che costui è uscito dall'ospedale deï pazzi.
Pul. (Mo nce sommozze).
Pep. Uh! uh! a me dice d'essere asciuto da 'o spitale d''e pazze! Va te piglio 'a capa mmiezo 'o Llario d''o mercatiello!
Pul. (Oh! arma d''o pallista!)
Fil. Lassateme risponnere a me na parola?..
Pep. Voi!.. (dopo che lo ha guardato) Ve faccio 'a grazia.
Pul. ('E sparagnato d'essere mpiso.)
Fil. Verificate si 'a lettera è 'a vosta, o fosse...
Pul. Dice buono 'o si Felippo... vedite si 'o calamaro è de chesta lettera... ossia, si 'a lettera ha fatto chella gnostra... manco, si 'a carta ha scritto chella penna.. nemmeno, si..
Pep. Tu che arma 'e mammeta staje ammaccanno.
Pul. Vuje site vuie che me mbrugliate, io voglio dicere.. ca 'a penna.. 'a carta.. a gnostra.. Piezzo 'e collarino, vide si 'a lettera è 'a toja? (a Fel.)
Fel. Dice buono, lassateme vedé si è 'a lettera ch'aggio scritto io.
Pep. (gliela dà) Eccola ccà.. guardala bona, e penza 'e non dicere ca non è 'a toja.. ca si nò, sta capa, sta panza, sti braccie, sti cosce..
Pul. (Sti piede, sta coda, stu.. chisto jarrà vennenno 'a carna 'e merce).
Pep. Na tirata 'e bastoncella.. zzà.. te vaje arrunà ogne cosa ncopp''a vocca d''a montagna.
[ 14 ]
Pul. (Bù!.. è chesta sarrà quacche cannonata a mitraglia!)
Fel. (dopo osservata la lettera) Falsità!.. falsità!..
Pul. Fegato fritto e baccalà.. (mannaggia mammeta.)
Fel. Chisto non è 'o carattere mio.
Pep. 'A promessa è debbeto.. Và t'aruna l'osse addò t'aggio ditte.. (tira una bastonata al tavolo di Fel. e lo fa cadere)
Fel. Uh!
Pul. Mbomma, hanno scassato 'a curia a D. Felice!
Fel. (in una quinta tremando). Assassino, birbante, chisto é 'o carattere tujo! (a Pul.)
Pul. Mò 'a colata 'a vuò menà ncuoll'à me, nè brutto cestunio!
Fil. Comme! carattere sujo?
Fel. Già, 'o carattere è de Pulicenella.
Pep. Statte zitto, ca l'haje scritta tu.
Pul. Vattenne, 'o carattere mio è chisto, o vi, (prende una carta dal suo tavolo) non già sti scarrafune che stanno fatto lloco.
Fil. Lassateme vedè.. (osserva le carte) ohimè, me pare che sieno duje squiglie a una cepolla.
Pul. Tu quà cepolla e aglie me vaje cuntanno.
Fil. Io vi sostengo ch'è simile.
Pep. Allora tu m'hè avuta cagnà 'a lettera.
Pul. Io! e comme t''a cagnava?
Pep. Me l'avarraje fatto pe dispietto; pecchè non me l'aggio fatta scrivere a te.
Fel. Già, già, accussi è.
Fil. Ma no, manco poteva essere.
Pep. Tu pavarraje 'a scialata.
Pul. Tu ch'aggia pavà, 'o cancaro ca te roseca. Io meza lettera aggio scritta 'a stammatina e non aggio fatto niente cchiù.
Pep. Parla, chiacchiarea, sinò t'ammacco...
Pul. (M'ha pigliato pe piezzo attone) Io...
Pep. Guè... oh, parla lesto, senza ntruppecà...
Pul. (Puozze piglià una ntroppecata è bona). Penza ca io non songo a D. Felice ossà?
[ 15 ]
Pep. Si ommo cchiù 'e consequenzia... e quanno è chesto fatte 'a nota 'e tutto chello che te rompo. (gli tira delle bastonate rompendo calamaio, tavolino e sedie).
Pul. Chià... tu che cancaro faje... fusse pazzo! statte...
Pep. Arreto, ca si no ve sotterrisco a quanto cchiù ne site. (percuotendo tutti)
Fil. Vi pe me.. stà...
Pul. Ca io non ne saccio niente.. M'ha rutte pure 'o calamaro..,
Pep. Abbuscarrate tutt''e duje.
Fel. Guardia... Guardia...
Pul. Mamma mia... gente... ajuto!..


SCENA ULTIMA — Carmenella e detti

Carm. (urta con Pul. e lo prende a schiaffi) Tè, afferra, birbante, assassino, mariunciello!..
Fil. Che v'ha fatto?
Carm. M'ha scritto na lettera tutto a cuntrario 'e chello che l'aggio ditto io.
Fil. N'auto sbaglio 'e lettera. Chesto che mmalora è?..
Pep. Comme! a buje pure v'ànno fatto 'o stesso?
Carm. Sentiteme si aggio ragione, pare che me facite bona testimmonianza quanno io 'o sbramo!
Pul. Uh! mamma mia... mamma mia!..
Fel. Ah! ah!.. non me fido cchiù 'e movere...
Fil. Nzomma, dicite bella figlió.
Carm. Poco nnanze songo stata addò stu mamozio a farme scrivere na lettera per mannarla a no nnammorato mio, 'o quale s'è appiccecato co mmico, e non me fà stà cujeta. Io pe levaremillo 'a tuorno, accò perdesse tutte 'e speranze soje co me, m'aggio fatto scrivere 'a chisto na lettera, dicennole che nc'avesse puosto quanta cchiù male parole avesse potuto. Chisto mariunciello m'ha fatto 'a lettera, e io puverella ncè l'aggio mannata pe sorema 'a piccerella... Neh chillo v'ha p''a leggere, e sorema sente ca chella lettera era chiena 'e spressione, e che io 'o cercava
[ 16 ]
perduono volennoce fà pace... E' comme, io aggio avuta avé chisto scuorno mmiezo 'o vicenato, sentenno dicere ca io l'aggio mannato prianno e 'o vuleva rialà pure n'aniello. Io!.. chesta figliola... Carmenella Cavolisciore m'aggio avuta sentere che manno prianno all'uommene.. uh! ch'arraggia che me vene!..
Pep. Aspettate! sta lettera che parle 'e l'aniello, 'e l'espressione, 'e pace, me l'aggio fatto fà io da D. Felice...
Fel. Avite ntiso?.. chisto è nu mbruoglio!
Pul. Aspettate, aspettate, mò me vene a mente. 'E lettere saranno state scagnate quanno io songo juto a cercà l'osteche a D. Felice.
Pep. Ah! sè... tu sì benuto vicino 'a tavola.
Pul. D. Felice s'ha pigliato isso 'a lettera pe suggellarmela.
Pep. Tanno è succiesso l'equinozio.
Carm. Sicuro, me persuade.
Pul. Intanto, io aggia avuta essere rutto ogne cosa, mo chi me paga danne spese e nteresse?
Ful. E a me pure chi me paga?
Pep. Avarrate tutto, ca stà Peppeniello Menaschiaffe, ommo privilegiato e commeto 'e casa soja. (a Pul.] E tu, n'ata vota mparate 'e non ghì cchiù mpriestete a nisciuno, ca pecchesto è nato stu cancaro 'e mbruoglie d''e doie lettere.
Pul. Sine... e m'arricordarraggio sempe chillo mutto che dice: ca sì 'o mpriesteto sarria buono, ognuno mprestarria 'a mugliera!
Tutti. Proprio così.
Pul. Basta Felì, mannammo tutte a monte, aunimmo 'e duie solde mieje e 'e tre solde tuoie, nce accattammo miezo litro 'e vino e nce 'e bevimmo 'a salute.
Pepp. Mia.
Fel. E che nc'avite date vuie 'e solde?
Pul. Non solo, ma il dovere vuole che sia bevuto alla salute di questo rispettabile pubblico!


FINE