Nu guaglione 'e mala vita

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

[ 1 ]Nu guaglione

’e mala vita

Bozzetto napolitano in un atto

di F. G. STARACE


Rappresentato al Teatro Fenice la sera del 21 gennaio con grande successo, e quindi ripetuto su tutti i teatri di Napoli e fuori.




NAPOLI

LIBRERIA EDITRICE TEATRALE

FRANCESCO D’AMBRA

Portacarrese Montecalvario, 1

1891

[ 2 ]rKOH

.

s

  • FHJlw Vico Cnro^lK [ 3 ]



Al. COMPIANTO ARTISTA

ACHILLE MASTRIANI

(MORTO IL 1.o SETTEMBRE 1891)

CHE PRIMO DIÈ VITA

AL PROTAGONISTA DI QUESTO BOZZETTO

L’AUTORE RICONOSCENTE.




[ 4 ]

PERSONAGGI




Carmela
Ngnesella Bracket right 1.png suoi figli
Peppiniello
Totonno
D. Gennaro
D.a Nicoletta, sua moglie
Nannina



[ 5 ]

ATTO UNICO

La sconti rapprenditi* nua »tanfca abitata «Ih operai , urrc-lata con poche siipjK*llottìli. Da un lato vi narfi un oa«nettone . sopra un quadro di S. Anna coti lampada accisa: <1.»11' altro lato una tavola con biancheria da cucire o lume a petrolio con benda , «elio rustiche eco. A dritta del l’at to re, porta, a sinistra, finestra. In tondo, porta a due battenti.

SCENA I.

Carmela e Ngnesella

Carmela. (seduta vicino al tavolo che fa le asole a/l una camicia) Ngnesè, che ora avimiiu Satto ]

Ngnesella.(seduta anche vicino al tavolo che cuce) Nun ’o saccio, ino è sunato l’orologio ’e Sant’Eligio, ina io nun nce aggio puosto capo.

Carmela. Sarà tarde a^saie ! Miniezo ’a strata nun se sente manche na mosca.

Ngnesella.No , nun pò e-sere tante tarde. Tu saie che •Unte a sti viche ’a gente se va a cucca priesto. Carmela. E tu a che staie ? [ 6 ]Ngnesella. Aggio fi\ ’o trapunto attuorne a ’o euollo e po ferii esco. K tu haie ferii uto !

Carmela. Aggio fa n ati (loie periose.

Ngnesella. Si, ma mò che avimmo fernu’o. manco nce p0„ \ uimio j a cuccù.

Carmela Tu te può j a cuccù pecche a Peppeniello l‘a,

>petto io.....mine stongo io sosuta tino a che \ene iss0

Ngnesella. No, mammarella mia. si staie sobilla tu, nc« .storico pur’ io, nun te voglio lassa sola.

Carmela. Tu sì piccerella, fatiche tutta ’a iurnaia. haie ab.

l.esuogne d* arreposarte ’a notte.

Ngnesella. Quanno è pe chesto haie ci hiù l>esuogne’e reposarte tu che io.... pecchè tu pure fatiche.

Carmela. Ma io songo mamma_____ e nun saie sta parala

quante pesa! quanno sarraie mamma tu pure, allora vide che vò dicere. Già sperammo che ’o Signore min t« mannasse nu figlio cornine a Peppeniello.

Ngnesella. Mamma!ella mia, aggio pacienza..... è guaglione ancora..... Ita da fa 'a scappata soia.

Carmela. Ma menanno sta vita, appriesso elio >»• mette a là? e quanno sarrà viecchio, che se trova d’ a vita soia ?

Ngnesella. Cu nu poco ’e pacienza, forze ’o capacitamme a farlo mettere a laticà.

Carmela. Pe pacienza ne tengo tanta., ma m* metto appaura...

NgneseUa. De che ?

Carmela. De chello che vene appriesso !...

Ngnesella. Mammarè, e che po veni appriesso *.

Carmela. Tu si piccerella e nun saie ancora ’o munno, ma cu chella capa ’e Peppeniello. nu inorno ’e chisto avimmo iiii brutto dispiacere!

Ngnesella. Mammarè!... arrassosia, nun ’o dicere manco pe pazzia ’e cane sia ditto! Cliillo Peppeniello è nu buono giovine... tene cimili parte accussi... ma pò tene nu bello core.

Carmela. Nuie nce lusingammo cu sti parole... Ma chella è na spiua, è na vera spina che m’ ha rimasto ’a bonarma ’e Pascale.

Ngnesella. Ah! eh ilio povero papà, quanno steva diate ’o lietto malato, pensava a isso.

Carmela. E sapeva chello che ne puteva succedere... cierti vote pe troppo bene, se fa male!., e che male!... (dopo pausa va agitata alla finestra) E non S3 vede nbciurw ancora. E stanotte è n’auta nottata ! [ 7 ]

SCENA II.

D. Gennaro, e dette

Gennaro. (>/i tlentro /mssa) Camma, «rapite... songU’ lo '

Ngnesella.'Ah ! o compare... ancora s- ha da cucci t '

Carmela. E che vurra a chest’ora? (opre)

Gennaro. (fuori vestito per casa con uno sciolto sulle snalle e fuma una pipa lunga) Cornimi, vaie avite da scusa si songo venuto a chest’ora, aggio visto che stiveve sosufa a nco i a, a^igi<> ditto ino ine vaco a lì una na pippa dinta a d’’a cummara mia.

Carmela. Vuie site sempe ’o patrone ! E nce avite fatto proprio nu piacere ca site venuto.

Ngnesella.'E ’a coinmara che sta lacenno ?

Gennaro. Nicoletta s addormuta, a ehest’ora starrà Sacenuo ’o terzo suonno Io aveva che Sa nu poco, me songo posto a scrivere cierti car te, mó aggio fernuto! Mò me fumo sta pippa. e me vaco a curcà pur’ io.

Carmela. Eh! viate a buie che ’o putite fa, va trovanno naie a che ora pigliammo lielto.

Gennaro. Ma pecche, Peppeniello nun s’è ritirato ancora?

Carmela. E va trova a che ora se retira !

Ngnesella.'E ogne notte è sempe ’a stessa storia.

Gennaro. Nce manca ’a capa, coinmara mia. Sii giovinette ’e minò songo latte de n’auta manera Mó appena appena tenene dudece amie, ’e vedite cu nu sicario nunocca mmiezo a strata, a chi vonno vattere, a chi \ onno prommettere ! E pò, tutte scostumate, cattivi soggetti, senza educazione... senza religione... non vi olìendete, comma, io parlo in generale.

Carmela. No. parlate, parlate, pecche io nun m’offenno, è lutto overe chello chi state dicenno, songo parole sante!

Gennaro. A ’e tiempe mieie, erano auti latti. Allora dicene che se tiravano ’e cazune cu e terocciole ! Ma almeno nce steva na cosa: che i ligli rispettavano i genitori... mò pure cliesto è fernuto.

Carmela. Non me vò sentere, compare mio .. nun me vo sentore...

Gennaro. Io per esempio, sono stato educato ila papa c^u una rigidezza straordinaria, isso me portava sempre appriesso ncoppa ’o tribunale, e nun me lassava maie; morto lui, io ho preso il suo posto, e la sua banca. I’*d ecco che la banca degli avi miei, e passata di ge[ 8 ]trazione in generazione fino a me, (iennaro Tagliav ì ni’) cu mine fernesce, pecchè io nun tengo a chi a las>1' Sicoletta non me 1’ lui voluto combina nu figlio!

neri

o

Nh

Ngnesella. Nell compà, e ’a banca vostn ncò avite iiih.| l’acqua d’ ’o Scrino?

Gennaro, (riflcndo) Uh! ’a cnmmnrella m’ha pigliato j)(, acquaiuolo mò!

Carmela. Statte zìtla scema! Cumpà, perdunatela. pecchi.

nun ’o sape, povera figlia.

Ngnesella. Ma che banca tene ’o compare? io nun aggiu capilo.

Carmela. Cornine non saie che’o compare è usciere ’ncop.

po ’o tribunale ?

Ngnesella. ’o saccio, ma pecche ha ditto che teneva 'a banca ?

Gennaro. E acctissì Se (lice. Comniarè :... la banca di usciere.

Carmela. E a proposito ’e l’acqua <1’’o Scrino, compare mio, dinto a sti viche nun noe I*hanno voluti lascennere, avimmo da mori arraggiate cornine a li cane, pavanne no pesone a ’o patrone ’e casa, e che pesone! Gennaro. Ma ccà nun nce trase ’o patrone ’e casa. oca nce trase ’o Municipio, che non ha creduto di canalizzare sti viclie, in aspettativa del prossimo sventrarne uro.

-armela. Compii... io sento dicere sempe stu latto d”u sventrico... comme avite ditto? ennaro. Sventramento.

armela. Che d’è stu sventramento? Che vene a diceròf Vuie mò nce vò, state ncopp’ a gran Corte... e sapiti* tutte sciorte ’e cose.

Gennaro. Comniara mia, lo sventrainente significa., (lo mò cornine ncè l’aggia fa capì a cliesta?) Che ne levene la parte de niiezo ’e Napole, cioè a dire, coni) sventrassero na gallina; cornine ne levassero ’o mollicone da miezo a ’o paniello;... ’o fracete da dinto: avite capito ?

Carmela. K a nuie che nce resta, ’a scorza?

Gennaro. Eh1 nce resta a nuie? La scorza se la magnenu 11’ante, pecchè levanno ’o fraceto, chello ’e tuorne saporito, e ognuno ne vularria nu poco. .

Carmela. E che d’è, levene ’e case, e nun ne fanno celiiu. Gennaro. No, anze ne larranno assaie .. tutte case belle spaziose, con aria, luce, piante, giardini, fontanelle-• Ngnesella. Uh ! che bella cosa, me facite arapi tanto i*11 core. [ 9 ]Gennaro. S', ina lire sta nu m.s...

Carmela. E eho d’ è stu ma !...

Gennaro. Li denaie pe h pavà ad lò sfanno, chi ve li dà ?. .

Carmela. Cornine pavainmo ’o p.sone mò, ’o pavariniio pure tanne.

G?nr»aro. Ve crediveve vuie? Avita vede rlielli case quante i.tj v oiiiJo !

Carmela. E nuie povera gente che min pntiinme pa\à addò lìce ne iammo 'e casa ?

Gennaro. Mmiezo ’o campo; Uà se respira aria bbona, e nun se paga pesone.

Carmela. Compà, nun pa zziate, cliisto è iiii guaio gruosso assaie ! Mò sti ddoie canmnrdlle. pavo 40 lire’o mese, e me li leve da vocca pe li ddà a ’o patrone ’e cas-ì. e t-i chiste ncasano ’a mano cu ’e pestine, addò ’e vaco a pi*r ià ì

Gennaro. Va buono, comma, nun vi affliggire a mò, ca’o fatto è alluongo... l ino a che disditene e fanno i promette, e pò Ili mmenene nterra, me vò tiempo assaie. va trova si ’o \edimmo pure.

Carmela. E nuie simme ligliule ancora, che diavolo!

Gennaro. Commara mia, cheste sono cose che le vedranno i tigli nuoste.

Carmela. Ma ebesta è na cosa che ’o Sinneco nce avarria da mettere nu riparo . Tutte a povera gente che va mmiezo a strada ! Succede che ’e signure hanue ’e cas? bbone, e pagano cchiù poco, e nuie nun avimmo addò irce a ripara.

Ngnesella. E stu vico nuosto pure ’o meneno nterra ?

Gennaro. Sicuramente, questo è uno dei predestinati alla sparizione, si dirà: qui fu il vico Paparelle al Pendino!

SCENA III.

Nicoletta e detti

Nicoletta. (Cusso) Comma, arapite., nce stesse mariteme lloco ?

Carmela. Sissignore, comma, sta ceà (apre)

Nicoletta, (fuori con cocerta di lanci sulle spalle*' cuffia m Lenta, porta nelle mani uno scaldino di creta) Nell mbesom*, rnbesò! Me lasse a me povera criatura dinta a ’o lietio, e te ne vaie! A rischio de farine veni na vermenara ]>’ ’a paura. [ 10 ]Gennaro. Io V agu’io lassata (immolino, poteva sapè che te scetave e me ivo truvanno ?

Nicoletta. K po’ t’Iiaio portato puro ’o sciallo mio, io p,H verella ’o ìeva truvanno e non l’aggio trovato.

Gennaro. E perciò t’àie combinato sta coperta ncttollu,.. me pare na zingara.

Nicoletta. E io me moreva ’e Iridilo, non aggio trovato auto che sta coverta e me l’aggio posta ucuollo! M’ag. jiio portato pure ’o maritozzo !

Gennaro. (guardando) E chisto è stu tato. elio ’o puorte a fa minano ?

Nicoletta. Sempe è bbuono. Si nun auto me serve pe compagnia.

Gennaro. Comme s’avesse portato nu piccirillo p”a mano !

Nicoletta. E tu clic facivo ccà dinto, pcccliè si venuti a secca ’a conunarella. invece do venirto a cucca?

Gennaro. Aggio visto che la commara steva scetata,e sò venuto pe tenerle compagnia.

Nicoletta. Cliella, ’a commarella so vò cucca pure essa, jammoncenne, nun perdimmo tiempo.

Carmela. No, commara mia, si ò pe mine, vuie putite restà tino a dimane mmatina. Chi sii eh ilio guaglione a che ora vene. Ah!! È na vita chesta che nun po j cchin nnante. Se dura accussì n’auto poco, me venite a truvà a Pucerea le!

Nicoletta. ’E cane sia dtto! Vuie tenite na liglia zita, nun 1’ avite di cere sti brutte parole *

Ngnesella. Mammarè, nun (licere sti’ cose, pecchè me fai© mettere a ohiagnere.

Carmela. Commara mia . ve ’o ghiuro . nun me i:e lido echiù !

Nicoletta. Ma avite appurato addò vii? Che là? Chi songo sti cumpagne che ’o portano ncopp’ 'a mala vita?

Carmela. E io che une saccio, io nun ’o veco maie... quanno se ritira e quanne no, e po chello poco che sta a casa, iastemma sempe e fa fracasso cercali no denare!

Gennaro. Vuie è inutile che parlate de cumpagne, pecchè nasce ne accussì stuorte, e si non s'adderizzano da piccerille, nun ne cacciate niente cchiù.

Nicoletta. Ma nce avite liatto parla da quaccheduno?

Carmela. E che se ne caccia? 'A disgrazia è stata ca è muorlo Pascale, ch’era debole pe stu tiglio. Intanto isso s’è levato da miezo a’e guaie, e io poverella ne pavo ’e pcracotte !

Nicoletta. Gennari, a^’gio latta na penzata: pecche noni»? [ 11 ]jaie mi bollo trascurzo tu, tu saio parli* tanto hello, le elico tutto e bolli parole elio sionte ncoppa a ’o tribunale.

Gennaro. Mò 1* baio indovinala ! Nce sì giùnto dinta ’o chiuovo, proprio ! Cliillo tune eh ella capa , ine sente insto a me! lVcchè me vuò la la ni risalta Diaccia da quel discolo., libertino... Scu ate, comma... in’ò asciuto. Carmela. No, dicito, dicite, elio avite ragiono.. Ma sime permettete, io pure polisarcia cornine ’a commara, chi sa che c’iello elio nun aggio potuto la io,’o tacite vuie. A la tino elio nce perdite che le dicite (piatte parole? Gennaro, (’i perdo la mia dignità di nomo e di usciere! Carmela. Ma \ujo nce parlate a quntt’uoceliie. accussì nisciino’o S’npe si \e risponne malamente.

Ngnesella.Compii, dicite elio si, \e ne prego pur’io. Gennaro. Io laccio cornine volile vuie, ma posso assicurarvi fin da ora che non ne cacciammo Mente. Nicoletta. Tanta vote va a lai)gel la dint”o puzzo fino che ncè resta ’a niar.eca.

Gennaro. Cliella è na langella che difflcilmeute se rompe! L’avarrisse da rompere ’a capa, e metterce nu pare de cervello nove.

SCENA IV.

Totonno.c d<Uti.

Totonno. (esce in fretto e guarda attorno) Vuie state tutte quante ccà ? E s’è ritirato Peppeniello I Carmela. No, pecche? Ch’è stato? lo te veco accussì spaventato ! Parla, le tosse succiesse quacche cosa? Ngnesella. Che è stato, neh Totò?

Totonno. Niente, niente, comme v’alluminate subbete...nun nc’è stato proprio niente.

Carmela. E pecchè baie addimmannato si se ritirato Peppeniello ?

Totonno. Po ssapè ?...

Carmela. No. nun me pare na cosa bbona st’addimmanna accussì !

Ngnesella.Totonno mio, dincello a mammà, ino ll’è puosto stu tormento ncapo?

Nicoletta. E va, e chiacchiariate, nun ’a facite stà ncopp’e spine, a sta puverella !

Gennaro. (Nce avarria piacere si l’avessero vattuto U Totonno. Che saccio, me pare che ha fatto cierti chiacchiere cu na compagnia ’e guagliune do mercato dinta ’a cantina. [ 12 ]Carmela. Tu che me dice! Ksongusuccie.se mazzate, c< * teliate ?...

Totonno. No, Peppeniello s’ ha avuta tenè ’a posta... Gennaro. Ali! aggio capito, s’à tenuto la lettera de qual.

die limo !

Totonno. I). Gennà, statevo zitto!

Gennaro. K tu liaie detto s’ha tenuto iu posta ?

Totonno. Accussì se dice. Dunque s’ha avuta tenè ’a po* sta pecchè nun teneva arma.. Ma me metto appaura che nun venesse ccà a pigliarse’o rivolte, e perciò songo corruto nnanze.

Ngnesella. E tu coni me te truvave Uà mmiezo? Tu pure te si fatto giovene ’e cantina ?

Totonno. Nò. Ngnesè, chesto nun me l’haie dicere a me! Tu saie che io te voglio bene, e sultanto pe guardila fra te to die io’o vaco appriesso quann ) tengo riempe. Carmela. Totonno. povero giovene ’o ta p'ammore nuodo Gennaro. E stato sempe nu giovane onesto <• faticatóre. Nicoletta. La fatica se la magne a morze! (si sente un fischio di dentro)

Carmela. ’O vi lloco, è isso! (ni ntlfi finestra) ma min stu sido! Venene tanta gente! Ch i sarrà neh loto ? Totonno. Sarranno 1 l'amico che l’hanno accumpagnato pe Je guarda ’e spalle, ma nun ve inedite app;.ura. Nicoletta. Gennari, chisto è’o momentis ino elio vene, a frisco a frisco, le laie ’a cliiacchiariata.

Gennaro. Vi die bello momento che ha sci veto chesta! Carmela. Compà, vuie m avita salva, io me mengo dinta ’e braccia voste.

Gennaro. Commara mia, iammo nterra tutte e dduie Carmela. No. cumpà, nun pazziate. Vuie nce avite da clnacchiarià a tuosto, a tuosto, mustratele ’e diente... a la line vuie l’avite cresemato, cornine fusseve nu siconno padre.

Gennaro. Se io mi metto in autorità, chillo è capace che ine la combina pure ’e brutte, e io che figura nce làccio ? faccio la figura de nu burraitine !

Carmela. Vuie l’avite fa pe l’ammore mio, nun m’avita nega stò piacere, è na mamma che ve prega !

Gennaro. Faro tutto il possibile, vedimmo che nivesce' lateveune dinto vuie. almeno appena arriva io l'abbordo.

Carmela. Si, sì, dicite buono, iammoncenne dinte nuie. Nicoletta. Gennari, te raccomanno, lance no bello trascurzo.

Carmela. Comma, iammoncenne, lasiam ne fa a isso ’o rtf' [ 13 ]>’o. Compii, penzate che sò mamma, qoanno pò site padr<k pure vuie , vedite che vene a dicere, (rut voì Aff^ìw r yìcoleVa)

Gennaro. Kb : ne parlammo a vino nuovo !

Totonno. I* Gennà. ve raccoinanno, non «licite niente a Peppeniello, che io ve l'agio ditto! (ria)

Gennaro. Seh’... K io a ehisto che Ile dico* Basta, chello che me vene mmoc a Ile dico, l’accocchie quat'e parole pj li la cuntonte. capisco che nun s? ne ricava niente.

SCENA V.

Peppeniello.e detto.

Peppeniello. (rii rientro canta una di cnrctmtó)

Gennaro.Mamma mia, che gallo a 9 Peppeniello. (esce cantando) Compa, laicissima scinta no te E cornine va, a chest* ora state ccà ? Nun ve site iuto a cuccà ancora ?

Gennaro. Si, sto cca. (K die Ile dici a ciiisto?) K stata na combinazione, >;ci o:ne Nicol e It a doveva essere indirizzata un lavoro che sta facendo, cosi ha predata la commarella de lai lo stu piacere, perciò rarimmo fatto cchiù tarde d* ’o solete.

Peppeniello. E mamma addò sta. io nun ’a ^co? Gennaro. Te l’ho detto, sta dinto n zie me cu Nicoletta che se sta mmesuranno cierti cose.

Peppeniello. E v’ànno rimisto siilo sulo ccà fore ! Gennaro. io me ne stongo fu ina uno sta pipparella, e sto facendo castelli in aria Peppeniello. Facile ’e castielle pell’aria? Vide a buie, lenite ’a capa sempe a frisco a frisco , e non peuzate a niente. ntt\.mente uno’e nuie tene’e guaie nlì a cimma d'’e capille !

Gennaro. Guaie!... Tu parie de guaie? Nu giovinetto conime a te. senza penziere, senza arte, senza parte! Tu die faie? Niente! L’arte de Michelasso. ma.rne, vive e staie a spasso... (Mo comincio ad entrare in materia!) Peppeniello. Io ve cumpatisco. pecchè non site vuie che p irla te. è ’a vocca vosta che dice accussì.

Gennaro. Secondo te, io parlo a schiovere? arapo ’a vocca e chello che esce, esce ?

Peppeniello. Sicuramente! E cornine, vuie’nfaccia a Pepp niello, dicite sti parole?... lo nun faccio niente, faccio l’arte ’e Michelasso ?...

Gennaro. Non te piglià collera, pecchè io te voglio bene, [ 14 ]e cornino a compare ti posso dare dei consigli Tu do. vresti imparare qualche arte, si gruosso, tiene 18anne, e a IS an ne...

Peppeniello. Uh ! e bbuie ve pigliate collera pe chesto >

Gennaro. Se capisce che ine piglio collera, perchè vorrei...

Peppeniello. Che vular risse ve, sentimmo?

Gennaro. Vorrei che metta rrisse ’a capa a Salica... a fa hbene ..

Peppeniello. K pe chè io pò m’avarria lupara st’arte, lassatine sente re ? Io quanno magno, vevo, nu laccio ’o vestito nuovo, e m’abbusco pure ’a cincho lire quanno attocca. a che serve st’ arte ?

Gennaro. K te pare na bella cosa chesta ?

Peppeniello. Sicuramente ca è na cosa bbona! Comme, nu guaglione malandrino, nu guaglione che non se tene ’a posta a nisciuno, ’o ppigliate pe niente? Addimmannate nu poco chi «■ Peppeniello ’o sparatore, e vedite che ve dicene f.

Gennaro. Hella cosa! E nun te inietto scuorno d’essere chiammato Peppeniello ’o sparatore? È il nome di un dissutile, di un libertino... di un vagabondo...

Peppeniello. Compà. chesto nfaccia a me min me 1’avite dicere! vnie mesite Sangiuvanne, e ve vaso e minane; ma si fusseve stato n’auto, nun me 1’ avarria tenute sti i arale, 1* avarria sunato nu in azzato ne n faccia ! (fa V azione)

Gennaro. (Meno male che le sò Sangiuvanne, si nò ab buscavo !) Ma elimina na cosa bello mio, puoi andare avanti con questa vitaccia che fai? Tunu iuurne ’e chisto può passa pure nu guaio ?

Peppeniello. E che guaio pozzo passà $ Io nun abbai o a niente cchiù, chello che ne vene vene..... io a vita mia non ha cure.... Compà, ab basta che ve persuadile che s’ ha da inori na vota , o se more primme, o se more doppe, sempe ’o stesso è.... nce potimmo affliggere pe chesto ?

Gennaro. Non lo dire questo, non sia mai ! Pienze che tiene tua madre, tua sorella.

Peppeniello. Mammema ?... surema?... cbelle clriagnene pe nu pocorillo, pò doppo nun noe penzarranno cchiù!Gennaro. Ma figlio mio, tu ini fai trasecolare, tu tieni dei bruiti sentimenti.... nun rispiette manco a mani meta’*

Peppeniello. No, pe mamma manto ’a voglio bene.

Gennaro. Nce pare! Bell’affeziono 1 La fai disperà continuamente, vuò sempre denaro dachella poverella, che non ’e tene, e non ave addo pigliarle.

[ 15 ] Peppeniello. A nie quanno me servono chelii scellerate lire , compà . aggio vede a dò Ponnc asci . o essi . o sorema , o a nnammurata mia, me ranno dà, si nò mazzate a tuuz20, nomine-chiù vesserò.

Gennaro. Zitto, basta non dire queste co^e !

Peppeniello. Compà, abbasta che ’o sapite. io «g-jio acchiappato nzù che m’é venuto inaiano, e me ’o songo juto a vennero, pure ’e lenzole d o 1 ietto, ’a lana da dinte ’e mai a razze. Io nu turno lassaie sorema annui», ma aj:gio (atto ’e sorde !

Gennaro. (Vedile che Mio soggetto!) K n n temi neanche la giustizia ? Te pjnno mettere carcerato?

Peppeniello. Vedite che novità ! Seli , una vofa sò stato carcerato, io trase, esro, me Sanno sla nu poco dinto e pò me caccene n’ auta vota.

Gennaro. (Cornine iesse a villeggiatura!) Potresti essere pure ammonito !

Peppeniello. ’A tengo, ’a tengo, ’a muniz one.

Gennaro. Ali la tieni ? Abbuonconto non teniauca niente ?

Peppeniello. Soli, m«’) me pigliava collera p3 cliesro. ’a teuene tunia guagliune comme a me, a tengo pure io

Gennaro. (Cornine tenesse ’a licenza liceale!)

Peppeniello. Me dispiace solamente, clic pe causa d’ ’a munizione con pozzo purtà spisso ’o rivolte ncuollo pe nun me la pozzeca d”o guardie e perciò chi Ili carugnune stasera, hanno tenuta ’a parola soperchia!

Gennaro. Chi sù sti carugnune ? che d’ è slà parola supercilia ?

Peppeniello. lo non so no guaglione sbruffone ’e vocca, ma saciio >tà nfaccio a ’o dichiaramento.

Gennaro. Si- va bene, ma tu stive dicenno che saccio’e cartiglie ne, la parola supercilia (

Peppeniello. Sicuro, mò \e facci» sti confidenza, po ve la vede, ’o rispiette che tengo pe buie, lo aggio fatto chiacchiere co cierti tale e quale guagliuuo do merlato, pecchè. .

Gennaro. Oh! questo lo sò.

Peppeniello. K cornine ’o sapite ? chi ve l’à ditto?

Gennaro. (Uh! mò che mbruoglio steva làcemmo !) Me ne sjngo accorto da faccia toia quanno si venuto, stive 110 poco turbato.

Peppeniello. Ah ! ve ne sito addunato d’ a faccia va bene. Dunque avita sapè che nuie a sera, ncò vedinnne co I’ amico dint’ ’o locale ’e Matteo a pagliarella.

Gennaro. (Comme se vedessero al calo d’ Kuropa.)

Peppeniello. Stasera mentre steva la dinte cu cierti [ 16 ]gliuno d’o Pennino, teccote ciré trnsnte na para 'o gungliune d’o mercato, chiste nce’hanno vUtci?a cumpà. ’o credite, nun m'hanno manco salutato. * * Gennaro, llr.illio latto male, perchè il saluto è degli \,

Peppeniello. E ghiusto, ’o saluto e do 1* Angelo. K io »)( le fu a\ vede elio loro erone oarugnune, o elio io ©rn

guaglione ’e core, l’aggio ditto: Kmbè,guagliù’a conù mertazione non 1’avite vista, che sito cocate? Gennaro. M’immagino a queste parole#

Peppeniello Nuie nun simine ceca to, m'ha ditto nu rugnone ’e chìlle, nuie simine geni * d’ o mercato, o o mercato, po regola vosta. è o capo quartiere 1 Compà, state sentenno, ’o mercato è‘o capo quartiere? Gennaro lo saccio chesto ?

Peppeniello. Io l’aggio risposte: ma vuie m* avite canuscinto buono ? lo songo Peppeniello ’o sparatore, e quanno parlato cu nimico, v’avita levà’o cappiello. yuanno hanno ntiso chesto, uno ’e chillo ha ditto accussì enihè, si tu si Peppeniello ’o sparatore, io sò Vicienzo ’o sfrigiante... perciò si m'avite da dicero r|uacche cosa, ccà stongo io.

Gennaro. I). Vincenzino ’o sfrigiante lui detto questo a te?

(n' auto titolato !)

Peppeniello. Già in’ha ditto chesto a me! Fi) s’è vutato: e io conoscerebbe pure ’a nnammorata vosta.... pe chesto ve pozzo pure servi.

Gennaro. Ah ! ci era una eert’ astia, ci sfavano gli a11" teeedenti ?

Peppeniello, lo che min’ aggio ntiso tocca ’a nammorata mia, non nce aggio visto cchiù, e aggio ditto: Embè, fine ’o guappo pecchè io stongo senza farina mento, lasse che io vaco a pigliti *o rivolte ncoppa a casa, o pò parlammo.

Gennaro. Uh! e cornino te vene ncapo! mò te può truovà cu nu gu;.io ncoppa ’e spalle.

Peppeniello. Vuie che guaio, me iate cuntanno, chillo pe me è nu palicco !

Gennaro. Ma chi è questa donna pecchè tu vuò passa nu guaio, ne vale poi la pena?

Peppeniello. Ne vale la pena, avite ditto ? Comme a nnammorata mia, Nani)ina, ’a figlia d’a castagnara ? Gennaro. Ah! accosti se chiamma? (Comme avesse annommenata na principessa.)

Peppeniello. Chella è na figliola annurata che vo bene sultanto a me ! E se ne vene isso, Vicienzo ’o sfrigian[ 17 ]Il NU IO' I ’l MAI.A VITA %J

|r r MIf! dÌCO llfaCCÌO, die isso ’a CUUUHCeia 0 cbc me pii!uva pura ><:rvi !

Ipdinaro. Ma calmali, non è poi un* offesa elle quello I la conosceva... cmhè se concicene tanta gente. e pec 1 clicstn sa\acridio scanna cumrna a puorce ! peppeniello Vuie non sapite chille che voleva udennere cu sii paiole! Cornine, is>o, Vicienzo, ha conosciuta ’a nammuiatft ma i Ab! die me maguarra l’aria a

iimi /.u !

Gennaro. Matu peccbc te nce paglie follerà? peppeniello Uh ! cumpà. vuie clic sapite fa’ ’o scrivano eliminale, o ghiaia a fa ’ozuca^nostre, pecchè chesta no:i è aria pe buie! Sapite fa ’o mal nidrino?

Gennaro. A chi ? Io non -accio manco che significa! peppeniello. K allora 8’a’eve zitto! Mamma min e^ce a dinto, e io nun pozzo perdere tiempo, ’e gaagliune m’aspettano a ’o puntone d”o vico.

Gennaro. (Chi-du à da spìccia i a causa/, peppeniello. Compà, mù me piglio ’o rivolte. ** me ne vaco in’ a salutate vuie a mamma. I)icitencelle che non stesa • mpenzim/, pecche <> stonco mi poco cu ’e cunipagne, e nun saccio quanno me spiccio.

Gennaro. (Che belli cumpagne!)

Peppeniello. (va a prendere H ree >lcer nel tiratoio) Chisto e ’a compagnia mia, nun ’o pozzo porta tànt> spisso, cornine v’agg.o ilittj. sì no I’ambulanza me pizzeca. Gennaro. (Chisto iene va stu poco ncu or po, e io le voleva fa a parlata !)

Peppeniello. Compà, sta le ve bene.

SCENA VI.

Carmela. Ngiesella, Nicoletta, Totonno, ed altri.

Carmela. Xu momento, addò vaie ?

Peppeniello. Ali! mà. sì tu! Io mò chesto steva dic3nna a ’o cumpare, salutatemi a mamma, pecchè io veco cu cierte am ice, è overo ne compà ?

Gennaro. Già. questo mi diceva, che era trattenuto da certi... guagliune... pecche... (balbetta).

Carmela. Nun ò overo, io aggio ntiso tutti cose, tu te vuò j appiccecà, te vuò j a farte accidere pi chella facciatosta d’a nnammorata toia... e lasse na mamma e na sora ccà, che me parene doie Marie, e che faticano natte e ghiuorno pe dà a magna a te che si nu s fu reato !

Xu guaglione ’e inaia vita 2 [ 18 ]Peppeniello. Mà, quanno annuommone a chella tiglio), t’haie lava prlinma’a vo.-ca cu l’acqua ’o rosa! Sa»v’ elio chella po mò ò ’a nani murata mia, o lino a taru"' elio fa ammore cu Peppeniello ’o sparatore, nisciuno manco si fumasse paterno dall’auto mutino, lo diclap ria nu ttecchete !

Gennaro. (1 paladini di Francia).

Carmela. Uh! faccia mia! Avito ntise ? M’ aggio ’lavà ’H vocca quanno annommeno a chella!!... nfaccia a na inanima, e na sora /.ita tu dice sti cose? Sciiti mascuorno nun ne tiene cchiù. piezzo ’o stintignato !

Peppeniello. Mà, mù, nun me fa saglì ’o sanglie a parte d’ a capa... pecche io nun saccio elicilo elio faccio!

Carmela. Che litio, lassi*ni * sentore? Aize ’o minano neuolle a mammeta? E stilo chesto nce mancariia po essere propete n'assassino!

Ngnesella. (abbracciandola) Mamtnarella mia cara, cara, nun te piglia collera, ponza ca chillo m’è Irate!

Nicoletta. Mena mò, collimare, e nun ve pigliate collera chillo mò v’obbedisce. Gennari, dille tu quacclie cosa?

Gennaro (Vi comme vò ncuietà a me^liesta !) lì più di quello che gli ò detto, eh Ilo nun m’à voluto sentore.

Carmela. Siente, piccetì, tu da chella porla nun gliiesce, primmo-m’aie d’accidere a me. Si baio coro de fa chesto, allora accideme pure mò elio iaic buono! (si mette innanzi alla porta rii fimrio).

Peppeniello. Mà, mà,las£eme passa! Pienze che quanno Peppeniello ha data na parola, se ne cade ’o mulino, ma chello à dda essere !

Carmela. Ali! nun ino vuò sentire? Embè, io mò me metto alili ccà a coppa ’a fenesta, chiamine ’o guardie e te luccio arrostii c’’o revolvere ncuollo, è meglio vederte carcerato, che venirle a vede dinto a nu spitale.

Peppeniello. Mà!... nun fa chesto che io me satino nu brutto suonilo!., ccà stanotte fernesce male ’a iucata'.

Ngnesella. Totò. Tutó, miettete pe mmiezo, dincello tu pure na parola; pò essere che a te te sonte.

Totonno. Va Peppeniò, chesta che cos’è, e forniscila mo, non da cchiù collera a mammeta!

Peppeniello. Statte zitte tu, che te mmisco a fa mmiezo? Tu in’ baie da essere gainato perciò non te pozzo dicere niente. Tu capisce annore che vene a dicere? Io sungo nu guaglione annurato, e tutte m’hanna rispettàT

Gennaro. (Vediti che specie d’onore è ghiuto trovannò cbisto ’) [ 19 ]NU GUAGLIONE ’h MAU VITA

Tctonno. Io capisco 1 annore. rna *o capisco *e d’ auta iiiAnera. Sa ciò che nu giovene, quanno tene a onore ii taccia, va faticali no j>e ** alhuicà 'a lira e a punì a casa, pi» dà a magna a raaioma, a sora, e nati ia Ui*enno o vagabonda dint e cantine, e ma/nanno ncoppa ’e spalle e cierte tale e quale femm*ne~. e tu ine capisce !

peppeniello. lutti, tu cu che?di parole, ai*aie tagliata *a faccia! Ma po 1 anna de paterno, 1 arragjria ch-5 t ttiio. ino ine a sconto cu tico. tu me pavé a scialata !

iper mrei re)

Sgnesella. Ah ’ no, fVppeniè, stati** f cbill in’ b;i da essere marito! (tutti to trattengono) darmela. Sbriugnato, chestu avarri-*-* fa nanze a marnnieta, che io femineua e bona, te aquararra vivo! Totonno. lassatelo fa, che chillo nun fa monte.

Nicoletta. Gennari, te muovo o nun te inuo.e' ini^tte'e mmiezo !

Gennaro. Ali ! sangue! ., (le fin un rrvjrm al braccio) mh me ma^no nu vraccio!

Peppeniello. Siente. lune ragione che ccà nce ^aw.o’e feniniene; ma noe avimmo vede a *ulo a sulj, e tati ne pò parlammo a quali* uocchie !

Totonno. Tu pm» parla sempe che buo, p/cchè io nun m-j mette appanra ’e t«*.

Peppeniello. Ah ! sanglie !! (per ut rem', lo trattenyom) (si snife un forte jUchio) Al»! hanno fischiato, è tiempo die me ne vjicu, ’e guagliune m*aspetfano a ’u piatone d*’o vico.

-armela. (vicino allo jsjv/'t) (iti**, tu «la c*-à nun jhiesce peppeniello. Mà, te ’o dico c’ ’o buono, lascine passa, 'armela. T’aggio ditto che tu nun gliiesoi a ccà! ’eppeniello. Mà... l’aggio ditto, lasserne passa!!... •gnesella. lvppeniè, falle pe chi tiene ni para vi so, nun asci, pienze che mamme se ne more pe ’o dolore ! 'eppeniello. Ma sangue de na colonna !... volito che io aie mengo pe ’a fenesta.

armela. Corripà, Tot/!), mantenitelo vuie, si no chillo v erumente ’o fa. (lo tratiengmo)

eppeniello. (per svincolarsi) Lassatem i itutti <jri ano) [ 20 ]SCENA VII.

Nannina e detti.

Nannina Ched'è sto fracasso' ’K che se tratta? Peppeniello. Ali • Nannina eoa ncoppa.

Carmela. Ab! chesta è Nannina! finalmente Paggio ar„ vaia a canoscere!

Gennaro. Questa sarebbe la ti-iia della casta^nara ? Nannina. (inorsi, avito che ine dicere? lo songo N\r,n?ijr..

  • a figlia d’a casu.g ara, e tongo ’a nammurata ’e p,.p*

p€ u le ilo ’o sparatore !

Gennaro. Piacere di fare la vrstra conoscenza Nannina. Ma pecche ? me repassate ? (vuole aeventorst n ( ìenAftro yiuoleffa la /raffinile)

Nicoletta. Piccerella, pucerè !...

Gennaro. (Vuò vede ebe abbusco pure da Nannina?...) \\ comme m’ò venuto ncapo de me veni a lumà sta pip. pa ccà dinto stasera!

Carmela. Nanni si venuta proprio htiempo. è’o Cielo che te manna! lo ino me scoi do chi si e chello che ni* è fatto, e i enzu dia io songo mamma, e aggia salva a U^lieme !

Nannina. Io saccio chello che vuò dicere, e pjchest » song«> \enuta ccà ncoppa.. Peppeniello s’è appiccecr.to cu Vicienzo ’o sfrigolante p’ammore mio.

Carmela. Nanni, si veram» ire ’o vuò bene *a fi^1 ielue, e tiene core mpietto, preide tu pure che nun >cennesse ab base io !

Nannina. siè Mae, levammo sti chiacchiere’a miezo, e e tacce che io a Peppeniell ■ ’o voglio bene addavero, si no nun 1* avarria date confidenza. Ma quanno na pitzzo ’e sbri ugnato comme a Vicienzo. è ghiuto sparlai.no *e sta figliala ccà, a *o nnammurato mio l’attocca a le vanne ’e schiaffo’a fa'eia, si nò, è nu <arugnone. e nu guaglione sei z’annore , e Nannina’o sputarria n faccia !

Peppeniello. Nanni, pe regola foia. Peppeniello sape l’obbrigazione soia, e sarra chillo tale e quale guaglione che te forra avè tutf’a surisfazione che pretienne. Nannina. E mò te voglio cchiù bene’e primme, pecchè te ’o mmierete veramente.

Carmela. Addoiica nun nce sta pietà, nun nce sta, compassione pe me? I u si venuta ncoppa a sta casa... ncoppa a na casa annurafa, capisco? K si venuta a scep[ 21 ]pernio tltflUMiio a dint V brmviii, cinto OkIk! i),« „ noveri» vedova . Mila , abbandonata, lini I' i/.n , s»’ uio eu si ion to, o en o Ui;n rmu * (/nangr)

Ngnesella. {altftratrianthi \atinmn) Midi, *\iJ mI. • |...✓ . / ude silo na bima llglndn , i 11 •* i » * i *ltove d n i;t/rt.n^' moie !

Carmela, (afferrando ia fh/lia pe/ hrtirv.io) < h»* lai# ' ,/ sto«te ! lVccho ‘o flato sti.o lu potnrna av velen i ‘

pannina. Sit* Mao, a libaro o mine | ari»- , rh ;d;.('»a i vunnella *o Nannina, ’o 11 121 ui d*’a ca#taK»»;ira io<n h'n stanno fose d' i.ppeiinoro ! li^ln h? in’ appai L#::. io n dongo a magna! piglia ‘o sanpbo mio, e »j'iauno è ’o mumen*o, tanno ni* ha da soni!

Carmela. Oli! chesto è truppe!! ( a Peffjx’nir/Lo, |; t„ a sitine e nun to so gela \> sa #he dinto 0 vene! Ab! ca nn> avarria arai ì 1’ nocchie a bunarma ’e patete pe vedè che lo cbe tu si ariedutlo, pi*, cacciatte... p»; maledille ! .. ma pia... si isso sarria campato, .sta tale e ijuu lo lem ino na, mò nun starria ccà ncoppa vicino & ligliema... vicino a picconila mia!!... (alzo le braccia c io/gc/ìthjsi dJ ([ita/Ivo di S. Anna singhiozzando dice) V. tu, cbe si l’avvocata mia, l’avvocata d”e pu'eri»*Ile, tu \ ide chello cbe io sto solTivnuo. e nun dice 11 ente, nun to muove a compassione ’e na povera mani 1 a ! (si abitandomi piangendo)

Nicoletta. Ma nzomma S3 p.» appurà che se fa? c’ie se ilice ? che se combina ?

Carmela, (facendo una risoluzione afferra Peppeniell} pel braccio, e lo sbalza verso Xannina) I sce ! pigliatillo ! chisto è isso! Non m’è chiù figlio! liglieaio è muortul... Dimane me vestarraggio’e lutto, almeno chi m’addimni.; n na io 1 * dico che figlieme è muorto cu na Tre va; ina 1’ nocchie miei nun li vedarraie cchiu!

Nannina. Io poco me curo d’’e parole loie, peccliè fi^liete me preme, d’’o riesto nun me ne inporta nieute cch ù !

Carmela. E sola na faccia tosta cumme a te pò dicere sii cose!

Nannina (a Peppeniello) ’Aie utiso , piez:'o ’e careno, nifimmeta t’ha dato’o permesso, cammina e non fa roteile le ’

Carmela. Me eulTea, pure appriesso elicila bona (bniiueua.

Ngnesella. Mà, nun la niente., slatto zitta... a;,’»je ptu

<len za...

Peppeniello. (s’incammina alla porla, poi ritorna (

lentamente cogli occhiassi fino i premura, abbraccia la madre [ 22 ]c quasi piangendo dice) Mà.. por du uomo, io te bene! °$!fo

Carmela, (obbrncciondolo con gioia) A/i ! Sant'Anna r* filtra a grazia ! *?M|

Gennaro. Oli ! vecchia potente !

Nannina. Ma eh ed'è f che starnino fa cenno l'opera? \» che haie perduta a capa !

Carmela. Tu sti cose nun ’e capisce... tu tieni na vrer

eia pe core !

Peppeniello. Nanni, io a mamraema ’a voglio bene assai » Carmela. ’O siente. ’o siente ?...

Nannina. E a Nannina to a min’a vuó bene ccliiu? Embè e l’ammore nuosto?

Carmela Me ’o chiamme amniore ’o tuio? Chisto è Pammore ’e na iena! (si sen/e un fischi/) coffe di/a, poi voce) Voce di dentro) Neh. Peppeniello, Peppeniè ?

Nannina. ’O siente che te chiammene, e tu staie lloco...

^ Scià ! nun te ne miette scuorno !

Carmela. Figlio mio, nun ’a sentere, nun te n*incarica, pienze a mammeta che te vò bene veramente !

Voce. (c. s.) Peppeniello o sparatore! Sparatore .. sparatò. Nannina. Siente. siente, te staie facenno sbro/fìà ’a tutte quante! Te muove o nun te muove! Pienze che l’uocchie’e Nannina, nun’e vedarraie maie cchiù !... E te j laie chiammà pure Peppeniello ’o sparatore!.. Sciu! pe la faccia toia!

Peppeniello. (agitato, perplesso, va olla finestra) Belli figlili, io sto ccà a disposizione vosta ! (allo madre) Màk stane bona! Prega Dio pe me! (via fuggendo)

Nannina. Oh! a la line! (corre oppresso)

Carmela. Assassina1 Assassina! ò venuta ccà ncoppa. e me 1’ la scippato a dinte ’e braccia meie!... ma priesto, lasciateme asci, «lateme nu scialle, nu fazzoletto, voglio correre appriesso a Uoro, si nò cbille me l’acetilene !!

Totonno. No, chesto nun sarrà maie! na femmena comme a vuie. nun pò correre appriesso a na rocchia ’e guagliune ’e mala vita... L). Gennà, moviteve , scennit»* nzieme cu nimico, nuie sitnme uommein», e noe potimmo mena mmiezo!

Gennaro. Mmiezo addò?

Totonno. Mmiezo all’nppicceco, a e palle, a’e cortellate! Gennaro, (scappando in un angolo) Ma vuie site pazzo!... io solido omme ’e pace... sò usciere del tribunale, poz Nicoletta'. lammc?spiccete : te muove, o nun to muove ! [ 23 ]v kh v s'* m**"’ meue,e pe """ °*

Grande ' V.,< io MfM

, V>rfv,.. to nun sacc o si sto .lorroeono o sto *v tatù' (torti hi forzano r*ì uscire) Ma aspettate ...

Carraia. Facite le pe canta, c irrite , si nò chille s* accidente I

Tcrcnno. .Nun av le appaura!.. lamino 1). (»e u oa, corri te!..

Ngr.csclla. Totò statie alt lento!

Gennaro Anima di tutti i morti miei, aiutatemi voi’!... forbito falle donne che lo sònicaììo fuori„ na con To*m*o)

Carmela. a S Anna) Sant* Anna mia! Si ine

adire a fighe lue stanotte, te uro cbe vestar: .i__r o \» \esta e vuto pe tutta 'a ua mia! (th dentro si sent‘>no colpi di revo'oer. Vomirla forre at/a finestra) Che e staro, che e suceiesso? lo nun ’e veco, addò stan .o' (altri c*ìlpt dì revfdcer) (iuardie, geni»*, corrile!! lo vo-dio asci, io voglio j a truvà a figliente !

SCENA ULTIMA

Gennaro e detti, indi Peppeniello sorretto da Totonno

e da un popolano, in rdtimj Nannina.

Gennaro, {corre ai isc )ia tuffo spaventato) Mamma mia, ino more !... bini, bbù bbù !...

Carmela. Dicite 'a verità, me l'hami» acciso?!

Gennaro. No, pe gi*azia de ’o cielo, l'hanno ferito!

Carmela. Addò sta, 'o vogl o abbraccia., (in questo mentre i presenti Peppeniello ferii», (irmela dà un grido) Ali! figlio mio! (adagia il ferito su di tota setta, t

  • ut riinocchia ricino). . ,

Carmela, M ^e:tXZvate C ™

FINK