Ncopp''o marciappiede

From Wikisource
Jump to: navigation, search

[ 1 ] Num. 40

Collezione Minima


FERD. RUSSO

---

Ncopp''o Marciappiede

NAPOLI

Luigi Pierro, editore

Piazza Dante, 76



[ 5 ]










Ncopp''o marciappiede

[ 7 ]
FERD. RUSSO
_____




Ncopp''o marciappiede















NAPOLI

LUIGI PIERRO, TIP. EDITORE

Piazza Dante, 76

1898
[ 8 ]
Proprietà letteraria.




Stab Tipog. Pierro e Veraldi nell'Istituto Casanova.




[ 9 ]
'O DENTISTA


I.

- Io songa ’Gnazzia Riccia il caraventa!
Vi scrasti la rentiera tutta quanta!
So' ccanusciuta! Avanta, bona genta!
Chi avessa nu rilora, venga avanta!

O giuvinotta o ronna s’apprisenta,
o quarchessìa bardascia, mi comanta!
Gli torgo il modo senza ferramenta!
Il rilora sparescia in poch’istanta!

Questro signoro cqua, tineva un molo,
un bancariello di solachianiello!
Gliel' aggio tordo con dua reta, io solo!

Caruliato e tutto! Eccolo cqua!
Un minuto sicondo, a campaniello!
Mo gliene levo un ardo!... Musicàaa!...


[ 10 ]
II.

Se vinessa un ruttora patintata,
scommettarebba un cart''e ciento lira,
che in prisenza di una renta cariata
lo tirarrebba, ma ti fa suffrira!

E si capiscia! È cosa ripruvata,
che quandi trovi il renta che ti tira,
voi potarrete sta' pura abbracciata
col Pat'Aterna, ma il rilora accira!

Il rilora del renta è peggi ancora
di quarchessia rilora spasimata!
Ma in mana mia, non senti più rilora!

Il prùbbica lo sapa, ecco perchè!
Ma si venita a casa e mi onorata,
nci sta mia moglia, ch'è chiù bona 'e me!


[ 11 ]
'O BANDITORE


-Vènghini ad ossirvari!... È qui dipinti
il più granti finòmini vivanti!
S'imbòcchini, signori! E appina rinti
ristate sbalordati in un istanti!

Ognuni ch'è trasuti si è convinti
ch'è assai finominali il mio ggicanti!
Nascette nel diserti di Marinti
da una vacca spagnoli e un alifanti!

Tieni il recchio di ciuccio il petti r' uomi,
il pieri resti è quelli del craponi,
ed il sinisti e il pieri dello gnomi!

Entrasischino rentri! Avanti, avà!
Con mezza lira quarsisia pirzoni!
Racazzi e militario, l'ammità!


[ 12 ]
'O MAGNATISEMO


- Chi è dunque questo giovane? - Un signore!
- E che ho toccato, dunque?... - Il matinè.
- E dite dunque il nommo... - Sarvatore...
- Ha detto bene? ha ndivinato, che?!

Quarsivoglia comanto, chi mi onore?
Qualunca sia la cosa 'o ppò sapè;
fatti di morte o parpili di core,
ossia di parentela, 'o ddice a me!

Il racazzo, col flùito che contiene,
di quarsisia generica vi parla!
Risponne a tutto! Basta c'uno viene!

Uno, penza una cosa, e la favella!
E nun è che la stongo a mmezziarla,
ca chesta è scienzia, e nun è pazziella!


[ 13 ]
LA “BUONA FORTUNA„


-Ecco signori! Nella mia caiola
ngi tengo il suricillo ammaistrato,
che quanno gli rivòrdo la pirola,
quello, in due botte, ha tutto risvelato.

Avanti, Pascariello! Ho cumandato!
Prindeti in bocchi una cartella sola!...
Chi comandi, ecco qua, resta pricato...
Un soldo, e quello fa la crapiola...!

Avanti, Pasquerello!... Il pirulè!
(Grazzie, signore). Pasquerello!... Unò!
Al cartellino rosso!... Unò!... duè!...

Veriamo la fortuna che vi dà:
«Ventinove secondo!» a voi, signò!
-Pecchè nun dice a ssòreta, cumpà?


[ 14 ]
'E FAZZULETTE 'E SETA


-Attenti!... In questa scattola ch'è aperta
sortisce un gioco, lesto al mio scongiuro!
Ecco! Un serpente! Il cranio d'un canguro!
Appiccio un coppo, e sorte una lacerta!...

Dico in turco una cosa, e sotto al muro
questa lacerta si equilibbria allerta!
Su!... (guardateve 'e ssacche!) 'a cosa è certa!
È il gioco di pristiggio più sicuro!...

Preco... Il giro più largo!... Premmetteta...
Pe ttramenta se sceta 'a lacertina,
guardate ccà sti fazzulette 'e seta...

Fallenza 'e magazzino!... Una liretta!...
(Guè, se ne vanno!... Mannaggia 'a Marina!...
Me so' sbrucato comm'a na trummetta!...)


[ 15 ]
«'A MORTE D''E ZZOCCOLE»


-Il torcipanza! Avanti!... Il torcipanza!
Listrugge il topo e tutti l'ardi inzetti!...
Mezza lira! Tre mesi, e nce n'avanza!
Rura tre mesi! Ho pochi ardi vasetti!

S'àpprica quann'è 'a sera, rint''a stanza!
Quanto ve lo mittete sotto i letti!
Ncopp''e ffronne 'e rumana, sta piatanza
proruce sulle sorche i capi effetti!

Verete! Gli attristati e le miraglie
vi rìceno ca so' nu prufessore,
e non una 'e sti ssòlete canaglie!

Fatene alquisto! Il mio torciburella
nun costa niente e serve a ogni ssignore!
(Nisciuna vo' accattà?... Miseria bella!...)


[ 16 ]
'O SPECIALISTA


-Io tengo le semmente per i rente
fabbricate da un monico circante!
Si pigliano na vranche ri semmente
e si scamazze: ma pochi sortante.

Ne cacci un oglie, una specie r' unguente,
e si serogne i renti tutti quante;
poi si sciacqui i cencive, e in un momente
i rilore si squaglino ravante

Combrate! Coste poche! Un pacchettine
io ve lo ronghe per vili monete!...
Tre soldi! Non è cari, signorine!

A Pariggi, ai bulardi, n'ho vindute
in un giorne, tre sporte!... Ni volete?
Io le venghe all'ingrosse ed al minute!


[ 17 ]
IL VENDITORE DI LUMINI


-Questi lomini songo un rittrovato
fatto da un lominario di Berlino;
ngi è ttanto nu ricretto riggistrato,
e i' sulo pozzo vendero il lomino!

Non fa puzzo nell'oglio! È inarderato!
Duri un secolo e mezzi nel lampino;
è contro il vento, e quanno sta appicciato
schiaresce il circondario del casino.

Lo scattolino costi quattro sordi!
Venticinquo lomini e il lamparulo!
Fàtene acquisto! Ne ho venduti mòrdi!...

Iammo! Facile spesa, crestiane!...
A bbuoni prezza!... (Sto pparlanno sulo!
Mannaggia chi ve sona li ccampane!)


[ 18 ]
IL CAVAMACCHIE


-Quest' immenzione qua, caro signore,
vi zuca tutto il grascio, quarchesia;
non come agli altri, ca doppo tre ore
vi accomparescie quella porcaria!

Fielo di buo, col senzo dell'addore...
Spellificata immenziona mia!
Sorchia qualunca macchia, anco il colore;
potete entrare in ogni farmacia.

Infonnete nell'acqua il rittrorato;
poi collo spassoletto si strofina,
e doppo che il costume è strofinato,

Sotto al sole si asciutta che si stira!
Tre soldi al pezzo, e dò la scattolina;
chi ne comanta cinque, mezza lira!


[ 19 ]
LA COLLA FORTE


-Chesta è na pasta, ca quanno fernesce,
per tutto il mappamondo nun se trova!
E nun crerite ch'è de colla 'e pesce!
Questa mia pasta è na truvata nova.

Quanno se ntosta, nun se liquefesce!
Azzecca il vreto e il porcilano a prova!
Quest'è na nuvità che aresso jesce;
chi nun s'accatta, na cosa che giova?

Domani, mettiamo, il racazzino
ve mena nterra na carsella 'e prezzo...
Voi sùbbeto pigliate il vasettino,

arunate le cràstole carute,
e in un momento è fatto l'arripezzo!
Currite, ca poc'ate, e so' ffernute!


[ 20 ]
PER PULIRE I METALLI


-Con la mia porva rossa s'allustrisce
l'oro e il mitallo, ma benzì l'attone;
tutto il sicreto sta che si capisce
come operare l'operazzione!

Doppo un miezo minutolo fernisce,
e vi trovate un'allustrazzione
tanto allustrente, che vi sballordisce!
La porva è stata all'Isposizzione.

Basta un pizzico solo colle deta,
poi s'àpprica all'aggietto da allustrare,
e quella v'addiventa una lumeta!

Embè, che vi crerete di pacare?
Quattro soldi! La misera moneta...
Lor signori, volete ingoraggiare?


[ 21 ]
'E TTRE CARTE


-'A rossa venge! 'A rossa venge! 'A rossa
venge!... A la rossa! A la rossa! Jucate!
Chi vo' puntà ma lira?... 'A guaragnate!
E uno!... E ddoie!... E ttre!... Rint'a na mossa!

Guagliù, sfullate!... Peccerì, sfullate!
Nce vulite fa' fa'? Mannaggia ll'ossa
caruliate 'e chi v'ha vattïate!...
'A rossa venge!... A la rossa! A la rosa!...

Patrïò, vuò jucà?... Meza liretta!...
Guarda! È nu juoco fatto!... E uno!... E duie!...
E uno!... E dduie!..-(Ehilà!... Mo' sì purpetta!)

-('A rossa è chella 'e miezo!... E chella è 'a vera!)
-Aizate 'a carta!... Jammo belle!... A nuie!...
-Ciò!... Varda, sacrrr...! L'è la carta nera!...


[ 22 ]
'O CABALISTA


I.

- Sta vota tengo 'o cinco e 'o trentacinco;
vìnnete ll'uocchie e ghiócate 'o viglietto!
So' ddoie semmane c''a carenza 'e cinco
e t'ha da rà pe fforza 'o primm'aletto!

Mo' proprio so' ngarrato dint''o sinco!
Tengo 'o puorco sicondo, e l'urganetto!
O primm'aletto, certo è uttantacinco!
So' nnummere?... So' sciure a rammaglietto!

Uttantacinco, cinco e l'avuciello!
Tre rose ncappucciate cu 'a carenza!
E ll'ati dduie v''e dongo situate.

Ccà non se pesca dint''o panariello,
Addo' 'a furtuna po' tirarse 'a renza!
So' ppunte certe, e songo raggiunate!


[ 23 ]
II.

Nce aggio perdute l'anne, l'uoglio e 'o suonno,
ma mo' tengo na règula allicchetta!
Addò me tuocche, a tuono te risponno!
Abbasta n'uocchio ncopp'a sta carpetta.

Liggite ncopp''e foglie...? Ma che vonno?
So' tutte aggente zòteca e suspetta...
Screvenno a uno 'e chille nce refonno
'a carta, o francumbullo e 'a liretta...!

Ma a mme nce sta nu spireto che vene,
e quanne vene e pparla, nun c'è caso!
Ll'ambro certo nisciuno t''o mantene!

Sta vota, embè, vene e me dà nu vaso...
Caccio 'a cinquina e 'a dongo a vuie. Sta bene!
Ma si nun ghiesce, 'a piglio nfaccio 'o naso!


[ 24 ]
'O CALLISTA



-Questa rarice 'e ll'Afreca cintrata
voi la vollete rento a un pintolino,
poi carda, carda, alla parta incallata
uno la passa con un pinnellino.

Così... guardate! E quanno s'è asciuttata,
s'avvorge il piero int'a nu pannulino:
mettètiva la scarpa e camminata!
Ve l'assicuro! È nu rimmèrio fino.

Quello, mettiamo, usa la frobbicetta,
un ardo taglia il callo col rasulo,
un ardo 'o sfruculèa colla pinzetta!

Niente! S'incrurelesce e fa cangrena,
mentre spenneno ccà nu sòrdo sulo,
qualunco callo nun ve fa chiú pena!


[ 25 ]
'O ZAGRELLARO


- Alla scelda! Combrate! A buoni prezze!
Tengo tutta 'a cchiù meglia mercanzia!
Sapone fino a quatte solde 'o pezze!
Fa cuncurrenzia a butte, 'a rrobba mia!

Lacce 'e curzè cu 'e funicelle a ttrezze,
portafoglie di pella burgarìa,
piettene fine... Avande! a buoni prezze!...
So' 'e tartaruca!... Nun è cuntarìa!

Po' tengo pure na duzzina... Jammo!...
Meza lira... Furtezza e cunzistenza!
V''e ccarantesco... So' comm''o llignammo!

Surtanto c''o curtiello 'e ppuò taglià!
Cumbrate!.. E non si teme cuncurrenza!
Se sta sicure... e se po' pazzïà!


[ 26 ]
'O PRESTIGGIATORE


I.

-Lor signori si degnino un momento,
s'accollino il disturbo d'osservare...
Vengo all'effetto con un esprimento
che all'estero fui fatto premiare.

Metto ad esporre un pugno di frumento,
frumento patentato... puol guardare...
A lei, signore, faccia un pò di vento...
A lei... Soffiate... Per capacitare...!

Non è che, come gli altri, c'è l'imbroglio
che sotto si nasconde qualche oggetto...
Tutto dal vero! Inganni io non ne voglio!

Poi... scusi, sa, pardon, mi dà un anello?
D'oro o d'argento fa l'istesso effetto...
Io schiudo il pugno, e sorte un campanello!


[ 27 ]
II.

-Incoraggiato dal suo buon volere,
io mi sbilancio con un altro gioco...
Guardino tutti d'occhio! In un bicchiere
vengo a diporre un acino di fuoco.

Poi vengo all'uopo con un candeliere.
Chi si disturba a reggerlo per poco?...
Lei?.. Bravo! L'è un perfetto cavaliere!...
Non si spaventi, adesso l'evoco!

Questo esprimento è stato medagliato
alla Corte di Prussia. Garentisco!
L'effetto è sorprendivo, inaspettato!

Pigli un zolfino, lei... Si fermi!... Stia!
Al mio comando: accendi! io scomparisco...
Prego, l'orchestra... Un po' di zinfonia!


[ 28 ]
LA NUOVA STELLA


- Tengo 'a quaterna 'e Patre e Celestino!
Nummere certe e vingita sicura!
Chi sceglie mmiezo ccà nu bigliettino
spenne nu soldo e lle passa 'a paura!

(Doppo nu miglio e mmiezo de cammino
arriva fatto, sott''a Prefettura.
Tutto chello c'abbusca 'o spenne a vino;
nun è cchiù n'ommo, è na mbriacatura.

Arracchiato, sbulluto, trabballanno,
dà chella voce; e li guagliune attuorno
lle tirano 'a sciammeria, cuffianno).

-'O vi lloco! Mo' sponta! 'On Lïopoldo!...
Isso jastemma e sèquita 'o taluorno:
- La Nuova Stella! Pagat'unu soldo!


[ 29 ]
'O PEZZENTE 'E SAN GENNARO


I.


-Che ffai, te lagne? 'A sciorta è sempe sciorta!
Tu nasce quatro? E te ne muore tunno!
Fa comm'a chillo... Mo' nce vo'... Nun 'mporta;
'o latro ncoppa e 'o gualantommo 'nfunno!

'A vita è chesta! Accumpagnammo 'a Morta!
Doj'ove nu paniello, e chist'è 'o munno!
Nu muzzunciello int'a na pippa corta,
e cammina, e strascina, e vai 'nzeffunno!

Po' rìceno: 'o Cuverno 'e Taliane!
Bella cosa! E c'ha fatto? Ha fatto ll'uove
e nce ha rummase cu li mmane mmane!

Pe mme, me veco int'a nu munno nuove
quann'appuro ca cierti crestiane
a botta 'e mbroglie s'hanno fatto 'e chiuove!


[ 30 ]
II.

Io tenevo na casa 'o Fiatamore,
na bella terra ncoppa Carvizzano,
cierti ggranelle... ero figlio 'e signore!
Addimannate! Me chiammo Tizzano!

È nu casato c'ha fatto remmore!
Addimannate a quacche casertano!
Nu zio d''o nuosto è stato cunfessore
de Francischiello, e n'auto, capitano.

Embè, vene 'o Sissanta... e comm'è stato?
Me trovo sulo: e na bella matina
trase na carta nzieme a n'avvucato.

-Che robb'è chesta? Che vaggia servì?
Chillo risponne, tutto nfuriato:
-Me favurite!.. Ve n'avite 'a jì!


[ 31 ]
III.

-Comme, comme? Ched'è? Nun ve capisco...
-Site Tizzano, vuie? - Gnorsì, Tizzano...
-E ve n'avite ascì! Simmo d''o fisco...
E se mpezzava cu sta carta mmano.

-'O sisco? facev'io... Ched'è stu sisco?
Vuie ve sbagliate... fosse all'ato piano?
-Gniernò Tizzano mio, ve cumpatisco,
ma 'o fisco v'à fiscato sano sano!

Va sapenno, chill'era, nientemeno
nu siquesto de tutt''a rrobba mia!
Nun ne putette cchiù... Venette meno!

Da tanno, nun putette appurà niente,
stette vint'anne int'a na pazzaria,
e mo' m'anno mettuto int''e Pezziente!


[ 32 ]
DON FERDINANDO 'A POSTA


-Quando il monello insulta la sventura!
Perciò sbarèo e mi son dato al vino!
Io benedico la letteratura.
quanno tenevo chillo tavulino...!

Stavo alla Posta... Studio di scrittura!
La forosetta vuole un bigliettino!
Io lo vergavo sotto dettatura,
e asceva il soldo! Mo'... Sono un tapino!

Vivacchieggio al buon cuore del passante...
Tutt''a speranza sta nel bicchieriello,
ma passa 'a vacca!... Evviva il Re regnante!

Date l'obbolamento al vicchiariello!
Il socialista, chillo è nu birbante!
Ma i' vaco sulo nfaccia 'o mmaraniello!


[ 33 ]
II.

Come dite?... Gnorsì, songo scrivano...
Ovverosia!... Ero scrivano un giorno!
Quando il destino accrasta un cristiano!
Adesso? Nun so' manco un capricorno!

Adesso, per un tòzzolo di pano,
Ferdinando si avvolla torno torno...
Ramingamente, quacche vota invano,
ngi conzumo l'andata ed il ritorno!

Viene l'illustre agente e vi ammanetta!
Io son grato! Accussì stongo al sicuro...
Pozzo durmì 'o ccupierto! E mi diletta!

Io llà non poso 'a pippa. Il guardiano
mi adibisce al verbale, e non mi è duro,
questo vivacchiamento italiano!

[ 34 ]
III.

Che dite? In questo caso?... Oh, non mi è dura
la convivenza con la delinquenza!
Io lodo quindi l'esemplar Questura,
e lodo l'italiana indipendenza!

So' pazzo? In questo caso... è na sciacura!
Ma inchiuretemi almeno alla Demenza!
Perchè l'Ospizio nzerra 'a mascatura
e ti vieta l'accesso all'indigenza?

Mi fanno rimanere sulle strate,
al freddo gelo! Io sono nato bene,
e i monelli me fanno 'e ppretiate!

Po' 'a gente ride! Questo non è bello!..
E si do' na carocchia, che ne vene?
Redite nfaccia a chesta capa 'e mbrello!


[ 35 ]
'O VICO 'E PPAPARELLE


I.

Chelle 'e ll'urdemo piano,
-mamma mia! - te fanno overe
cuncepì mali penziere!

Cu nu ventaglietto mmano,
'a cchiù grossa, nu mandrillo
cu na capa 'e nu frungillo,

se fruscéa cu nu sturente,
ca da sotto se sturzella
pe vedè d''a tenè mente.

L'ata sora, na natrella
cu nu bbecco 'e pappavallo
e na faccia 'e cascettella,


[ 36 ]

guarda 'ncielo, guarda 'nterra,
po' suspira, se stingina,
e fa 'a santa-miserina.


II.

Neh, che vonno? Neh, che fanno?
Neh, ma 'ncapo che ll'avota?
Pe ssapè, chi 'e sta guardanno?

Ma s''o ppenzano allicchette!
Basta c'uno, stratto 'e mente,
pe nu poco 'e ttene mente,

bonanotte! Vo' fa 'ammore!
'A cchiù grossa corre dinto,
schiaffa pòvere a vapore

ncopp'a chillo musso astrinto,
e po' torna nfarenata,
cu na mossa appassiunata.

Tutta nocche e nucchetelle,
'a seconda po' s'affaccia
cu nu naso 'e cane 'e caccia,


[ 37 ]

e se fruscia tutta quanta
pe guardà chill''e rimpetto
ca lle mmosta 'o falzuletto.



III.

'A cchiù giovane 'e sti mpese,
neh, s'è misa a fa 'a spacchiosa
cu nu prèveto 'e paese,

ca cu n'uocchio legge 'o foglio
e cu ll'ato appapagnato,
'a zennèa da disperato.

Sotto, 'o ggiovane 'o barbiere
ca è nu bello chiappo 'e mpiso,
ogne ttanto fa 'o surriso,

e po' allucca: -Jiesce sole,
jiesce sole!.. -e lle dá morte,
a sti ppòvere figliole!

'A mugliera d''o scarparo,
chella llà nun ne po' cchiù!
Ogne ttanto allucca: -Sciù!


[ 38 ]

'A cainata 'e Pascalotto
pe ttramente sta frijenno
'e ppezzelle d'ogge-ar-otto,

dice attuorno: -A munno mio
n'aggio viste cevettone,
ma che ssa'... nun so' cchiù io!



IV.

Quanno jesceno cu 'a mamma,
neh, ma che prugressione!
Nnanza, 'o pate c''o bastone

e c''o tubbo miezo 'a sgherra;
doppo, 'a mamma: nu vasciello
cu nu càncaro 'e cappiello

tutte penne gialle e verde,
tutto trene pavunazze...
Doppo, vèneno 'e rragazze.

Doppo... 'o preveto, 'o sturente,
'o barbiere c''a paglietta,
'o fratello 'e Marietta,

[ 39 ]

quatto o cinco spantecate
ca se guardano sott'uocchio
e so' tutte nnammurate,

e da coppa, tutt''o vico,
affacciate a li ffeneste,
fanno 'a criteca d''e vveste.

-Chillo basso d'urganzina!
-Guarda llà chillo nastrino!
-Guarda chella pagliettina!

-Uh, Giesù! Ma chelli ppenne!
-Uh, Giesù, chella carcassa!
-Vuie vedite che se passa!

-Addò vanno? Vanno a messa?
-Vanno forze 'a passiggiata?
-Vide llà che pagliacciata!...

____

E accussì passano 'e juorne,
passa ll'anno sano sano,
cuffianno 'a copp''a mano
chelle 'e ll'urdemo piano.


[ 40 ]
'O VICO 'E SCASSACOCCHIE


I.

Dint''o vico 'e Scassacocchie,
don Pascale 'o cusetore
tene 'e ccorne p''e mal'uocchie.

E, ndennimmoce a duvere,
don Pascale è n'ommo 'e core,
e te sape fa 'o mestiere!

Comme cose! È nu spaviento!
Comme taglia! È na bellezza!
Taglia dint'a nu mumento!

'a mugliera ca 'o vò bene
propet'essa nce l'ha mise,
chelli ccorne. Isso s''e ttene!


[ 41 ]

E se sape! Tanta gente
te vò male a chisto munno!
Nun te fanno arrignà niente!

Ammacaro, cu sti ccorne
appennute sott''a porta,
schiatta 'a mmiria e schiatta 'a morta!



II.

'I che ssà! Quann''a fatica
fa campà nu lavurante,
l'hanno 'nganna tuttuquante!

Chella, 'a moglia 'e don Pascale,
chella llà, mò nce vò 'o fatto,
è na ronna ca va assaie!

'O cunziglia, 'o fa fa' chiatto,
l'ha luvato 'a dint''e guaie,
si vò tre, lle porta quatto,

l'accarezza, s''o cuverna,
tira accunte 'o macazzino,
lle vò sta sempe vicino...


[ 42 ]

Nzomma, chella è nu tesoro!
Don Pascale c''o ccapisce
va dicenno ch'essa è d'oro.

III.

Schiatta 'a mmiria! Se fatica!
Chi fa ll'arte 'e Micalasse
che se magna, turze 'e spica

Accussì se faticasse
ogge e sempe! 'A ggente parla!
Che nce mporta a nuie? Schiattasse!

Tutte ll'uocchie ncuollo a lloro,
e pecchè? Pecchè Pascale
nun le manca mai lavoro!

Ccà nisciune, già se ndenne,
pò fa sempe 'e fatte suoie!
Neh, sta ggente che pretenne?

Don Pascale magna 'e ddoie?
Ma magnammo, eccoce ccà!
E nun tutte 'o ponno fa!


[ 43 ]

È 'a megli'ora! Pò se n'esce,
pecchè 'a vista, (chillo cóse)
faticanno nce patesce!

Vene 'o ggiovane? Ma chillo
apparecchia e fa pertose,
chillo povero Ciccillo!

'A mugliera 'e don Pascale
'o putregge e 'o vede bbene?
E gnorsì! Che nc'è de male?

Chillo tene n'arta 'e mmane!
Pò se mena 'e cape sotto
e gguaragna 'e ssettimane!

Vuie lle date nu cappotto?
Chillo fa cinco pertose
cuntann'uno anfino a otto!

È stat'isso, propet'isso,
che ll'ha dato stu cunziglio!
Chillo llà è nu buono figlio!

[ 44 ]

Sà ch'ha ditto? «'Onna Carmè,
Appennimmo na pareglia
e faciteme fa a mme!

Ammacaro, cu sti ccorne
appennute mmocc''a porta,
schiatta 'a mmìria e schiatta 'a morta!»



[ 45 ]

Dello stesso Editore



Ferd. Russo

RINALDO

Costumi Napoletani

SUNETTIA TELLA

Un Volume in 16

Lire 1,00


___________________________________


Ferd. Russo

____


'O libro d''o Turco

Un Volume in 16

Lire 1,50

[ 46 ]
FERD. RUSSO
____


'E scugnizze

17 Sonetti
Elegante Volumetto . L. 0,25



Gente 'e mala vita

17 Sonetti
Elegante Volumetto .» 0,25



Lettere 'a ll'Africa

35 Sonetti
Un volume in 16. . » 0,25



'Mparaviso

Elegante Volumetto. » 0,25



'O Cantastorie

Elegante Volumetto » 0,25



Petrusinella

Elegante Volumetto » 0,25 [ 47 ]
Di prossima pubblicazione:


Ferd. Russo
______


Rusario Sentimentale


illustrato da


PIETRO SCOPPETTA
___________


TIPI E MACCHIETTE


illustrato da


V. LA BELLA [ 48 ]
OPERE DI S. DI GIACOMO
____

Rosa Bellavita

Un vol. in 16.º...... L. 2,00

'O funneco verde

Un vol. in 16.º...... >> 0,25

Zi Munacella

Un vol. in 16.º piccolo...... >> 1,00

'O munasterio

Un eleg. vol. in 16º con cop. illustrata>> 5.00
Edizione economica illustrata . . . . >> 0,25

La fiera

Un vol. in 16.º...... >> 1.00

Canzoni napolitane

Elegante vol. in 8.º con illustrazioni. >> 5.00

A "San Francisco"

Elegante vol. in 16.° con illustrazioni
di Migliaro. ....... >> 0.60

A "San Francisco"

Scena lirica napoletana - un vol in 16.º >> 0.25

Cronaca del Teatro S. Carlino

Un grosso vol. in 16.º...... >> 5,00

Pipà e Boccale

Racconti fantastici - un vol. in 16.º >> 1,00 [ 49 ]

Di prossima pubblicazione:


S. DI GIACOMO
______


Ariette e Sunette


con 30 illustrazioni di

Pietro Scoppetta

[ 50 ]
DI GIACOMO S. E COGNETTI G.

____


MALA VITA


Un volume in 16

Lire 1,00

__

[ 52 ]
COLLEZIONE MINIMA
Ogni numero cent. 25

VOLUMI PUBBLICATI


N. 1. A. TORELLI - La verità - Commedia.
N. 2. N. MISASI. - Mastro Giorgio - Commedia in un atto -
La certosa di Serra San Bruno.
N. 3. S. DI GIACOMO. - 'O Munasterio.
N. 4. F. RUSSO. - 'N Paraviso.
N. 5. M. SERAO. - Piccolo romanzo.
N. 6. S. DI GIACOMO. - 'O Funneco Verde.
N. 7. D. D. MILELLI. - Risonanze.
N. 8. F. DE ROBERTO. - La morte dell'amore.
N. 9. B. CROCE. - Angiolillo (Angelo Duca) Capo di banditi.
N. 10. L. CONFORTI. - Poema dei baci.
N. 11. F. CIMMINO. - Vecchio Idillio.
N. 12. G. PIERANTONI MANCINI. - Donnina.
N. 13. N. MISASI. - O rapire o morire.
N. 14. M. SAVI-LOPEZ. Fra le ginestre.
N. 15. B. ZUMBINI. - Luigi la Vista.
N. 16. A. FOGAZZARO. - Un'opinione di Manzoni: G. Zanella.
N. 17. F. RUSSO. - Sunettiata.
N. 18. G. D'ANNUNZIO. - Violenti
N. 19. " " " " " " " " " " " - Gli Idolatri.
N. 20. G. MIRANDA. - Reliquie d'Amore.
N. 21. DUCA DI ANDRIA. - La figlia di Ninotta.
N. 22. NEERA. - Voci della Notte.
N. 23. D. MANTOVANI. - Favole d'amore.
N. 24. O. FAVA. - Acquerelli.
N. 25-26. C. ANTONA-TRAVERSI. - « Tordi o fringuelli? »
- Bissarria comica.
N. 27. M. SERAO. - Le Marie.
N. 28. MERCEDES. - Oasi nel deserto.
N. 29. R. DE CESARE. - Silvio spaventa.
N. 30. F. RUSSO. - 'O cantastorie.
N. 31. E. MOSCHINO. Il giogo.
N. 32. M. SERAO. - Beatrice.
N. 33. M. KERBAKER. - Nahusa.
N. 34. F. RUSSO. - Lettere 'a ll'Africa.
N. 35-36. L. CAPUANA. - Mondo Occulto.
N. 37. S. DI GIACOMO. - A « S. Francisco » .
N. 38-39. F. BERNARDINI - Il Cieco.