Na sucietà 'e meze cazette

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

[ 1 ]

BIBLIOTECA TEATRALE GENNARELLI
diretta da CARLO DE FLAVIIS



F. G. STARACE
_______



NA SUCIETÀ 'E MEZE CAZETTE

commedia in tre atti




NAPOLI
Casa Editrice Italiana Cav. Emilio Gennarelli e C.
Monteoliveto, 39 e 40 - Telef. 30-60
1921


[ 2 ]


Proprietà riservata

Per ottenere il diritto di rappresentazione, rivolgersi all’Agenzia generale della Società degli Autori per il Repertorio dialettale napoletano Napoli - Via Bisignano, 42.








Stab. d’Arti Grafiche Luigi Pieno e Figlio - Via Roma, 402 - Napoli


[ 3 ]



Agli Esimii Artisti, coniugi, Giuseppe Scelzo e Leonilda Santelia che interpetrarono di cuore e con tutta l’arte di cui sono dotati, io sottoscritto dedico questo lavoruccio.

Napoli dicembre 1908.

Cav. F. G. STARACE



[ 4 ]

PERSONAGG

D. VICENZINO PALETT

D. CUSTANZELLA (sua moglie)

EDUARDO Bracket right 1.png loro figli
ENRICHETTA

D. MATILDE (giovane vedova)

GIOVANNINO

D. ARISTIDE DE FOCATIS

IL BARONE DI CASAVATORE

GIACINTO (suo figlio)

D. ANIELLO RASPATO

ELVIRA Bracket right 1.png sue figle
IDA

D. CESARINO TRIGLIA (giornalista)

PASQUALE (guardaporta)

RAFFAELA

SALVATORE

Voce interna di femmina di servizio.
id. id. di venditore di minestra.
id. id. di venditore di pesce.


La scena avviene in Napoli — Epoca presente.

La pretentc commedia i andata io iaceaa al Teatro Rouiai Napoli la aera del 22 novembre!893 riportando uno atrepitoao aucce* e aucceaaivamente è atata aempre ripetuta aia allo ateaao teatro ck* altri fuori Napoli. |?

[ 5 ]

ATTO PRIMO


La scena rappresenta una stanza modesta (li borghese napolitano, ed è cosi disposta ed arredala.

Porta comune in fondo a destra ( detrattore ). Alla porla che. immette nella stanza interna, a sinistra una finestra. Mobilia. A destra, in fondo, una console antica, sopra di essa vi sono due campane di vetro con fiori artificiali, due candelabri indorati, ed in mezzo un pappagallo imbalsamato. A sinistra ( in fondo) uno scaffale...( etagère) con molti libri e carte di musica — innanzi alla finestra è messo il pianoforte con la tastiera rivolta verso la detta finestra. Fra il piano e la finestra medesima vi è il sediolino per il pianoforte,lasciando uno spazio da potervi passare. Ai due lati, sul davanti della scena, dopo la porta e la finestra, vi sono due divanetti fatti a cassa con cuscini mobili a spalliera, come si usavano qualche anno fa. La cretonne che ricopre i detti divanetti deve essere di un colore molto vivo che fa contrasto col colore del parato del muro. Cosicché bisogna scegliere due colori diametralmente opposti, ma molto vivi. Vi sono anche molte sedie di paglia colorala, ed alla finestra una zinefra con sfoglia di ottone e con portiere di mussola velata. (Si badi di mettere la scena precisamente così lai quale com*è dettagliata, perchè trattandosi di una commedia di ambiente ogni piccola cosa trascurata va a detrimento del lavoro).

SCENA I.

Enrichetta, Aristide con orologio e Vincenzo.

Enrichetta — (seduta sul divanetto a destra, che dipana una matassino di lana. Aristide seduto avanti ad Enrichetta te fa du arcolaio. Vincenzo fruga nelle carie di musica per trovare una partitura.)

Enrichetta — Eh 1 cornine uun si buono manco a tenè na matassa, me staie facenno disperà 1 [ 6 ] Aristide — Perdonami, Enrichetta mia, ma io quamj0 sto vicino a te, divento nu scemo.

Enrichetta — Comme io fosse nu Professore che t’ave*. se esamina!

Aristide — Peggio! peggio l Io adesso ho fatto gli esami di quarto anno, e non sono stato cosi impacciato nanz’ e professore comme sto impacciato quanno sto vicino a te.

Enrichetta — Allora è segno ca nun me vuò bene.

Aristide — Te voglio bene tanto tanto...Ma non so perchè mi fa quest’effetto. Voi altre Napoletane avete certe maniere aceussì azzeccose che accalappiate noi altri che siamo abituati alla vita di paese.

Enrichetta — E se capisce, tu vuò mettere a nuie cu na cafoncella ri’ ’ o paese tuio?

 Aristide — Ma vi sono anche le signorine.

Enrichetta — Seli! ’E signurine! Sempe cafoncelle so Tenen ’e denare ma nfaccia a nuje chi so lloro. Nuie sininie abituati alla vita elegante., nuie girammo sempe... e lloro non sanno niente!

Aristide —’Però sono più semplici...

Enrichetta —Ma a semplicità non piace agli uomini ’E ffigliole quanno so’ semprice, songo sceme.

Aristide — Dunque bisogna che siano civette?

Enrichetta — Civette no, ma friccecarelle. Na figliola fredda... fredda... molla... molla... che te ne faie? po essere bella quant’ ’o sole... è sempe nu cataplasma!

Aristide — Insomma vuoi sempre ragione tu!

Vincenzo —( che ha frugalo nei libri) Niente, niente! E ccà manco nce sta!

Enrichetta — Papà: pecchè staie sbarianno ’a tanto tiempo?

Vincenzo —Vaco cercanno ’a partitura d’ ’a messa cantata, e nun ’a pozzo truvà 1 ’E parte aggio truvate e ’a partitura nun capisco addò s’è mbizzata.

Enrichetta — Nun fa niente, nun sbarià cehlù I ’a truove n’auta vota!

Vincenzo —Tu parie bello! Più tarde si deve provare; e io che le faccio pruvà?

Aristide — D. Vincenzi, domani dovete battere qualche

musica?

Vincenzo — Si, debbo battere na messa alla Palestrina... È un prevetariello che piglia ’a messa... ma non pò spennere troppo, avimmo da j accuonce accuonee... si putevà spennere, io le faceva na messa a grande orchestra. [ 7 ]Enrichetta—Sarria stato buono... accussì t’abbuscava na bella moneta...

Vincenzo —No. ’a verità, l’affare di domani manco è cattivo... pecche io l’aggio combinato quatto dilettante pure ’e violine ’e e violoncella so dilettante... pago sulo ’o contrabbasso... ’o riesto in’’o metto dint’ ’a sacca. D. Ari, vulite cantare pure vuie?

Aristide — E io non ho cantato maie, appena... appena qualche canzone sulla chitarra.

Vincenzo — E che fa? late appriesso all’atc... serve pe fa numere.

Enrichetta —Va... va... tu pure, fa contento a papà I late vengo a sentì.

Vincenzo —Richettè? Sa chi vene pure a cantà? Ma chillo fa na parte a solo. ’O Baruncino 1

Enrichetta — ’O Baruncino? Adda essere curiuso assaie... E comme canta?

Vincenzo —■ C’ ’a vocca.

Enrichetta —Grazie! Se sapeva! Io vuleva sapè si cantava basso?

Vincenzo —Stona comme a nu cane 1 E a me che me ne preme l Attacca ’o ciuccio addò vo’ ’o patrone. Chillo mo, ’o Baroncine è n’avaro puorco, ma quanno se tratta de fa spassà ’o figlio nun abbade a denare.

Vincenzo — E’ inutile d’apettà fino a dimane... mo, cchiù tarde vene ccà a cuncertà.

Enrichetta —(allegra) Uh I che bella cosa 1 Mo sentimmo cantà ’o Baroncino I

Vincenzo —Seh! comme sentisse cantà a Tamagno l

Aristide —Comme te vene tutta st’allegria?

Enrichetta — Io me spasso quann’o veco 1 ’O ncuieto sempe pecchè è mmiezo scemo I Mo sarrà cchiù di un anno che nun vene a casa nosta mentre nuie a Napole, non nce attaccammo idea.

Vincenzo —Venette la sera di S. Vincenzo l’anno passato ancora a da fa n’anno. Sono immancabili, isso e ’o patre de venire quella serata.

Enrichetta —Allora stevemo ’a casa vecchia.

Vincenzo — Guè! chesta casa ccà nun ’a sape, nce l’aggio mparato io.

Aristide — Puoi essere contenta, perchè ogge a otto eh* ’è S. Vincenzo verrà un’altra volta il Baroncino

Vincenzo — lo vurria ca nun venesse nisciuno cheli» serata, pecchè pe me è nu trapazzo serio. Mo me so fatto vlcchlariello, e vaco truvanne ’e sta cuieto, arreposato.

Enrichetta — No, papà tu che dice 1 lo ’a sto aspet[ 8 ]tanto ehella serata Pc me sfrenà tutt/a notte a ballà E Po pceehè aviinmo fa ’o cattivo augurio? Gii aggio nvitato tante giovinotte che conosco. Enri

Aristide —Ah! cunusee Pure ’e giovinotte? n

Enrichetta — Sicuro! Cu tanta amicizia ca tenimmo nuie, giovinotte non ne mancano. Mati

Aristide — E i giovinotti non dovresti conoscerli e tanto Enri meno Poi invitarli, capisci? ’

Enrichetta — Uh! si tu vuò fa arnmore cu me nun nie ^lAT* affliggere c’ ’a gelusia! Io te voglio bene, sissignore ma io nun voglio tenè uno che me secca continuatamente.

Aristide — Ma se incominciamo accussì, a mo, figurati

che sarrà appriesso? Mati!

Enrichetta — Ma tu ti a persuade d’ ’o carattere mio. r

Aristide — A me stu carattere lloco nun me piace. ()

Enrichetta —Tu si venuto d’’o paese, e tutte te pare c| strano mentri nuie, a Napole, nun nce attaccammo vinci idea. Mati

Aristide —E io nce l’attacco! ’A nnammurata mia, nini f addà fa ’a capa allerta. Enri

Enrichetta — E io faccio ’a eap’allerta? I Mati


SCENA II.

Matilde e detti.

Matilde — È permesso. Enrh

Vincenzo — Uh! Donna Mati, favorite, vuie site ’a padrona d’’a casa! Nun avite tirato ’o campaniello? Arisi

Matilde —Ho trovato ’a porta aperta. u

Vincenzo — Sarrà stato ’a femmena ’e servizio che è Enrk

scesa. o

Matilde — E chillo signorino che fa? Nun s’’è alzato c ancora? Matii

Matilde — ’O solito! Addà sta fino a mezzogiorno, runa dint’’o lietto.

Vincenzo —E le fa male pure ’a salute.

Matilde — E vuie pecchè nun ’o tirate a dint’’o lietto ’a mattina.

Vincenzo — ’A mamma ’o prutegge. Dice eh’ è piccerillo*

Matilde — ( guardando i due che parlano) Ch’è? Stan»tf Enric assorti! Nun m’hanno visto! la

Vincenzo —’O solito I Se stanno facenno na putecarell*1 Matii. eorne e gatte. Piccerè ( ad Enrichella) pìccerè. DojU1 s’

Matilde sta ccà, nun ’a vide? [ 9 ]Enrichetta — Uh I Mati 1 Buongiorno. Scusarne che io nun t’aveva visto. Ohisto, stu lotene, me fa perdere

’a capa.

Matilde — ChccT è? D. Ari... site geluso?

Enrichetta —Auto che geluse I ’E ’a vedè chello che me fa passà a me puverella.

Matilde — Uh 1 E’ na brutta malatia ’a gelusia!! Ve l’avita curà. Facite commc faccio io 1 so sciolta.

Aristide — Vuie tenitc un carattere, e io ne tengo un’altro. E po se voi vedeste certe cose, comm”e veco io.

Enrichetta — Che vide? Famme senti! Mo te ceco n’uocchio pe quanto è vero ’a morta! (facendo Fazione)

Matilde —Richeltè, figlia mia, tu nun è a essere accussì nervosa... t’è adattà a ’o carattere suio! ’Abonancma di mio marito pure era nu poco geloso, ed io allora quanno isso me spusaie, era na simpaticona!

Vincenzo — E adesso anche la siete I

Matilde — O’ vi ’o viecchio! le prode à capa cornine ’o figlio.

Enrichetta — Nun o’ sta a sentore ’a papà...

Matilde —Dunque comme ve stevo dicenno... era na simpat icona... c molti moschiglioni me venevano attuorno, e ogne mumente isso me faceva na scena ’e gelusia...Ma io talmente m”o sapeva piglia c’’o buono, le facevo tante squase, tanta carizze che feneva pe fa sempe chello che voleva io.

Vincenzo —Ah 1...avrei voluto essere nei suoi panni I

Enrichetta — Papà, tu si viecchio, chi te vo fa ’e squase a te?

Aristide — Io da te non potrò mai sperare che ni! dirai una parola melata.

Enrichetta — Pecchè nun t’’a mierete 1 Quanno faie opere bone, allora la tua sposina ti farà nu carezzielle e ti dirà na parolella amorosa...

Matilde —(a Vincenzo) ’A vedite comme ’a sto mettenno p’ ’a strada?

Vincenzo —Richettè, sicnte a D. Matilde che ti troverai bene.

Enrichetta —Non la debbo sentire solamente io, l’addà senti pure isso l

Aristide — Io la sento, perchè la rispetto e la voglio bene. Ma tu!

Enrichetta — Io pure! Ma si tu che...(seguitano u parlare piano ma con dolcezza)

Matilde —’E vedite, mo stanno parlanno senza chi*

s’appiccecano...

Vincbnzo —• Vuie site una gran donna I Ali! lo invidio [ 10 ]mio figlio che vi dovrà sposare. Yularria tenè 2f, annc ’e meno e n’nocchic cecate...

Matilde — Pe fa che?

Vincenzo — Per essere fatto mi squasillo da voi

Matilde —Vuie tenite ’a mogliera vosta Donna Custan. zella che ve ne fa tante.

Vincenzo —Ah! mo nc’avite indovinato! Sapite quanta aggraziata chella Gustanzella!

SCENA III.

Custanzella di dentro poi fuori. Voce di donna e detti.

{si sente prima un forte rumore di porta, come si chiudesse)

Custanzella — (di d.) Neh! Vaiassone! Vaiassone!

Voce —. (d. d.) ’A razia d’’a pava I 6 lire ’o mere!

Custanzella — (c. s.) Guè, a me min me risponnerc, pecchè te piglio a calice e le ruciuleio p’ ’a grariata.

Voce—(c. s.) A chi riuciulie? M’avive trovato eli’è mmane dint’’o teraturo?

Custanzella —(c. s.) Io sona signora e tu si na zantraglia. Tu me ha rispetta.

Vincenzo —’A sentite che bella maniera che tene mitglierema

Custanzella — (fuori, correndo) Neh! Vicenzl, che cosa s’addà fa cu chella vai assona? Ha avuto Pardire e me risponnere! Io songo na signora, voglio essere rispettata. Tu mi ha fa rispettà...

Vincenzo — E che nce pozzo fa io?

Custanzella — Comme che me può fa? La devi caccia subeto d’’a casa... le ’a ruciulià p’ ’e grade! Tu ’o capisce che m’ha mancalo ’e rispetto?

Vincenzo — Ma si tu l’è ditto chelle quatto male parole! Comme vuò ’o rispetto ’a chella?

Custanzella — Uh! faccia mia! ’O state sentenno? Pure isso me dà tuorto!e da ragione a chella femmenella! Tu die piezzo ’e bestia si? Si nu patrone ’e casa ca nun saie fa ’o patrone ’e casa... si nu patre che nun saie fa ’o patre. Si nu marito che nun faie rispettà tua moglie. Io che ne faccio ’e te? N’ommo ca mui è buono a niente! nun fa auto ’a matina ’a sera che a sfruculia nfaccio ’o pianafforte.

Vincenzo -E tu pe stu pianafforte magne! Chisto e tutf’a rendita nosta!

Custanzella—Tu si nu pezzentone! Io aggio purtatjj na dote quanno me so spusate, aggio purtato!00 ducute, o tu te l’haie sciupale capisce? [ 11 ]Vincenzo—Mille ciucate? Nun avastano manco pe nu

mese!

Custanzella-—Sicuramente I cu ’e vìzie che tiene tu, nun ce sta danaro che t’avasta 1 Vincenzo —E già l Io me mantengo ’e ballarine I Custanzella—E chesto avarisse fa 1 te scepparie tutte ’e duie l’uocchie ’a fronte 1 Matilde --Donna Custanzè! Ebbe I Che cos’è chesto. Calmatevi nu poco, pe na cosa ’e niente, ve pigliate tanta collera 1 Che nce trase ccà mmiezo chillo povero D. Vincenzino?

Custanzella —’O compatite pure appriesso. Vuje nun sopite la collera che ogne ghiuorno me dà chisto viecchio 1 Vincenzo — A parlata ’a ragazzina!

Custanzella — Sicuro che so na ragazzina vicino a te. lo era na figliola quanno spusaie, e isso era n’ommo avanzato. E mo che so figliola ancora tu si nu viecchio arruzzuto I Enkico—Va buono, mammà ch’è dicite a fa sti cose? Custanzella—Statte zitto tu, cajotola, faccia tostai Che le tinnisco a fa mmiez’ ’a sti fatte?

Enrico —Ma io ’o faceva pe nun Fa sentere ’a gente ’e fatte nuoste 1

Custanzella—Nun me risponnere, che te piglio a schiaffe ll...

Vincenzo —(Chcsta nun è na fenimena... è nu surdato ’e Cavallaria!)

SCENA IV.

Eduardo con sigarette e detti.

Eduardo — (esce dal fondo sbadigliando, vestito con camicia da notte e matinè). A sta casa nun se po’ durmì e chi m’ha scetato ’a dint’’o suonno?

Custanzella — È stato chillo viecchio ’e pateto che ha fatto slu fracasso.

Vincenzo — Uhi mo so stato io ch’aggio strillato t

Custanzella — Ched’è gioia ’e mamma? T’hanno Tatto scetà ’a dint’’o suolino?

Eduardo - Sicuro! Cu tutte sti si rii lo che vulile durmì echini M’aggio avuta soscre pe’ forza I Io quanno dorme poco ce soffro! e tu ’o ssaie, me vene dolore ’e capa.

Custanzella*—E nun te piglià tollerai gioia ’e mani [ 12 ]ma I Ogge, doppo magnato cUiormo mi poco, accussì te miette nata vota Sforzai

Vincenzo — E ggià! P. assai ’a fatica eh’à fatui. Tira ’a sciaveca.

Custanzella — E comme, nce l’haie sempe cu sta povera criatura?

Vincenzo — È nu sfaticato, va facenno ’o Giorgio Cutugno tutt’ ’a jurrata.

Eduardo — Io vaco truvanno n’impiego Custanzella—’O capisce? Va trovanno n’impiego povero figlio l

Vincenzo —’O va truvanno dinl’ ’o lietto? o pure pe terra, pe dint’ ’e cafè?

Custanzella — E che adda fa quanno nun ’o trova?

Vincenzo —Va facenno ’o niunezzaro, ’o scupatorc. Custanzella — Uh! ’o figlio mio, ’o munnezzaro, o scupatore. ’O sentite D. Mati? e vuie nun le dicite niente?

Matilde — D. Vincenzino sta nu poco alterato! (sor ridendo) ’O figlio ’e nu galantuomo fa ’o munezzart E io po che facevo? me spusava a nu niunezzaro! e ’e figlie che faceva sarriano state tanta munezzarielle?

Vincenzo —Scusate, nun ce aveva penzato! che ve l’avisseve da spusà vuie! Ma quanno succede stu fatto?

Matilde —E si primma nun trova n’impiego?

Vincbnzo — Uh! allora nce vo tiempo assaie! Custanzella — Chi l’ha ditto? O trove... ’o trove.

Chiste tene talento assaie e tene voglia ’e fateoà!

Eduardo — E po, io debbo fare l’artista, non voglio essere impiegato!

Vincenzo — Chest’è ’a scusa ’e chille che nun vonno fa niente

Custanzella—Po ’o vire che l’esce’a capa a chisto. Edoardo—Mammà che ora sarrà?

Custanzella — Nun ’o saccio, ma è nu poco tardolillo.

Aristide —(guarda l’orologio) Sono le!3 meno un...

Eduardo — Uh I è tarde! Si è stato buono che m’avite scetato. Mo vene ’o cumpariello e me vene a piglià pe ghi ’e Corse ’o Campo

Custanzella — Ah! vaie ’e Corze? Che piacere! Va te spasse, figlio mio va te spasse!

Vincenzo —(ironico) Si... si... tene bisogno e se spassà nu poco! Sta applicato tutt’ ’a jurnata dentro ’o cafè!

Eduardo —Mammà, ’o vide? Papà nie oculata senipf * s’’a piglia sempe cu me! Che l’aggio fatto io? [ 13 ] Custanzella —Tu tiene ’a mammarella toia che te vo bene, nuli te ne ncaricà ’e patete

Vincenzo Belli cunziglie!

Eduardo Mammà, io nun aggio avuto ancora ’o caffè.

Custanzella — Uh! nun l’hanno purtato ’o cafè dinl’o lietto?

Vincenzo — (Oh! che disgrazia! )

Custanzella — Si nun ce penzo io, nun ce penza nisciuno a sta povera criatura! Mo t’’o vaco subito a scarfà! vulisse fa pure nu poco e marennella? Tu ’e ’a j fino a ncopp’ ’o Campo comme nce può ghi diune?

Eduardo — Mammà, si è na cosa che me piace e tu ni’ ’a faie, sinò nun tengo genio ’e niente!

Custanzella — Mo te manno a piglia nu poco ’c carne... Nun mporta eh’e Sabato!

Eduardo - Fino a che chella va e vene nce passa na jurnata e me passa a vuluntà.

Custanzella — Figlio mio, ’e «la tienipo, a ’o tiempo!

Matilde — Pe fa cchiìi priesto, dicite a Raffaela ncoppa che ve desse chella custata che ha accattata pe me.

Custanzella — Uh! E vuie comme restate senza carne?

Matilde — Nun fa niente, a me nic piace tutte cose! E po quanno se tratta d’Eduardo, farria altro che questo piccolo sacrificio!

Custanzella—(a Vincenzo) ’O vire ’a gente che fa pe figliete? tiene stu figlio d’oro... e tu non ’o saie! Nun ’o saie accanoscere!

Vincenzo — Se! Se! avvezziatele tult’e doie!

Custanzella — Io nio vaco pe t’appriparà ’a culazione, e po te chiammo!

Eduardo —Mammà, fa priesto, ca si vene ’o cunipariello io me ne vaco senza fa marenna!

Custanzella — Io mo subbeto te spiccio! Io te faceva sta diune? Putarisse piglia na malatia ’c cane sia ditto! (via in fretta).

Vincenzo — Uff! sto abbuffato comme a nu pallone! ’E meglio che trovo ’a partitura (si mette a frugure nelle carie) Enrichetta — ( piano ad Aristide ) ’E viste, mammà quanta verrizze fa passà a Eduardo?)

Aristide — (c.s.) Vi à abituata male a te, e a lui!)

Enrico — (c.s.) (Cioè a isso, pecchè a me nun nic fa passà nisciuno verrizzo, anze...)

Aristide — (c.s.) E tu vorresti che le li facessi passare io? [ 14 ]Enrichetta — Chesto no... ma nu poco ’e maniera.. (seguitano a parlare piano)

Matilde — (si avvicina ad Eduardo che si è abbandonato su di una sedia con far molto annoialo) Che cos’è? Nun me dice niente? Nun me guarde manco nfaccia?

Eduardo — Uff! Mati!

Matilde —Te fusse pigliato collera? T’avesse fatto quacche cosa?

Eduardo —Mati, lassarne sta... sto seccato, aggio j ’o Campo e non tengo denaro p’ ’a carruzztlla. Nun tengo manco pe fumà stanimatina? Io quanno me soso e nuli trovo ’a sigaretta me sento malato...

Matilde — lo a chesto nc’aggio penzato.

Eduardo — Si so comme a chelle dell’altro jeri non ’e voglio pecchè erano pessime! M’è fatto fa na figura nfeliee con tutti gli amici d’’o cafè che nun ’e vulevano peccliè min se putevano fumà

Matilde — Ma io t’ ’c regalo pe t’ ’e fa fumà a te, no pe darle all’amice d’ ’c cafè.

Eduardo — (irritato) Io pozzo fa a figi’ra ’c ’na straccione? Se capisce quanno volino ’e sigarette nc# l’aggia dà..

Matilde — Hai ragione! Però te pozzo assicura che chesto so bone, so chelle che piacene a te, ’e Giubeck.

Eduardo —Ah! si!’E Giubeck... non so male (le accende) Pigliarne sempe cheste, pecchè nie piaceno

Matilde — Si cuntento? E chisfc è ’* piacare mi<.

Eduardo — E ’o campo comme nce vaco? Nce vo ’a carrozzella...

Matilde —Mi parlo io cu mammà pe sta carruzzelìa.

Eduardo — E và a parlà ci mammà, vide chelle che a’ addà fa p’ ’a carruzzelìa.

Matilde — Pe te ve iè allegro faccio qualunque cosa (via dalla porla in fondo)

Eduardo —Ari, vuò na sigaretta?

Aristide —Si, nie faie nu piacere.

Eduardo —(gliela dà mentre Aristide l’accende lo squadra interamente).

Aristide —Neh! pecchè nie staio facenno sta rivista d’ispezione?

Eduardo — Steva osservando stu stiffelius tuio ohe nun è cattivo... sta ancora in buono sta<o.

Aristide — È na cosa vecchia che me meUo a matina per l’Univcrsità 1’o vide? nce stanno paricchie niacchiulellc.

Eduardo — Ma chisto pulizzato c’ ’o spireto vene buone!

Aristide — Quanno tengo tienipo ’o pulezzo

Eduardo — Saie pecchè faggio ditto chesto?’O vurri* [ 15 ]essere mprestato stammatina Pe ghi ’e corse. Io nun tengo o stiffelius, chisto me servarria proprio.

Enrichetta — No... nun sta bene. Aristide Po eomnie

resta?

Eduardo —Vuie aule femmene avita scumbinà tutte cose. Ari tu m’ ’o vuò mprestà?

Aristide — Purché li contenti?

Eduardo — Io m’ ’o pulezzo e ’o faccio veni nuovo. (guarda i piedi di Aristide) Tu tiene pure ’e scarpe ’e pella lustra?

Enrichetta — Eh 1 si? mo vularisse pure ’e scarpe?

Eduardo — T’nggio ditto che chiste non so affare che te riguardano.

Aristide — Io mi rimetto a tua disposizione. Ti servissero camicie... cravatte?... Volisse l’orologio?...

Vincenzo -Si danclllo a chillo t ’ ’o porta ’a polizzà.

Eduardo —Mo vedimmo, si nun trovo ’a camicia stirata, me ne mprieste una tu.

Enrichetta —Uh 1 ma chcsta è na brutta faccia tosta.

Aristide —No! ma pecchè? fra parenti avimnia fa sti cerimonie, chello che tengo è ’o padrone.

SCENA V.

Matilde e detti.

Matilde — Eduà, mammà ha ditto che ’a culazione è pronta...

Eduardo — Mo nun pozzo penzà a colezione (piano a Mat.) (È combinato ’o fatto d’ ’a carruzzelìa?)

Matilde —(c.s.) Aggio cumbinato tutte cose cu mammà).

Eduardo —(r. s.) Mo te voglio cchiù bene I (forte) Ari me vuò fa chillo piacere?

Aristide —’E a veni ncopp’addu me, sinò rimango c’o cazunelto e ’a cammisa.

Eduardo (Via con Aristide parlando).

Vincenzo -(Tene na faccia tosta chillo guaglione mio. che nce può scugnà ’e pigne).

Matilde —Richettè, pecchè Eduardo s’ha purtato a D. Aristide? Che hanno da fa tutt’è dille?

Enrichktta—Che siicelo ch’lianna da cuinbinà lloro.

Matilde - S’ ’o vulesse purtà cu Isso ’o Campo?

Enriciiktta Aristide nun è giovane *e diesio. chillo min va a nlscluna parte!

Matilde Viale a te. che ’o nnamninralo lujo è acclusi. Io songlic stuta disgraziata! Eduardo vo fa sempe chello che vo isso, e vicino a me nun ce sta Diaie. [ 16 ]Enrichetta — Ma tu ’o ssaie, che chillo è giuvinotto.

Matilde — Pecchè io so vecchia?

Enrichetta — No tu nun si vecchia; ma si cchiii grossa de isso; si vedova, e pecchesto ti a cuntentà; quante cose vaie truvanno?

Matilde — Io me cuntento ’e tutte cose! Pecchè saccio che isso nun me tradisce; ma si me n’addone che guarda nfaccia a n’ata femmena faccio cose ’e pazza!

Enrichetta — No, pecchesto nun ce penzà proprio! Chillo fa accussì, nia sultanto a te vo bene! (N’auta scema conime a chesta addò a trova?)

Matilde —Errichè, io te ringrazio pecchesto che ni’’è ditto... stu pensiero nic tormenta.

Enrichetta — Uh! e lievatillo ’a capa.

Vincenzo —(che ha trovalo la partitura) Ali! finalmente l’aggio truvata.

Enrichetta —Addò steva?

Vincenzo —S’era mitizzato dentro a nu libro di solfeggi

Matilde — Ma ch’avìte truvato?

Vincenzo —A partitura d’ ’a messa.

Matilde —Chella ’e dimane?

Vincenzo — Già, m ’a voglia ripassà nu poco, accussì m’ ’a trovo pronta pe quanno veneno sti signure (si mette al pianoforte a fare degli accordi)

  • * SCENA VI.

Custanzella, Giacinto e delti.

Custanzella—(traversa in fondo la scena e parla di dentro) Uh! che onori son questi!... favorite... favorite... scusate comme me truvatc... ma quanno s’hanna fa ’e servizie p’ ’a casa, nun se po fa tuletta avite scusàl

Enrichetta — Pecchè mammà fa tutte sti ceremmonie? Quanno inaie?

Vincenzo —(alzandosi dal piano) Ah! aggio capito chi po essere!?

Custanzella—(fuori) Vicenzì... vide chi sta ccà!’O Baruncino! Uh! ’O Baruncino nuosto! Sempre esatto negli appuntamenti!

Giacinto —Mi avete detto a mezzogiorno ed io a mezzogiorno son venuto.

Custanzella — M’avite dato propcte piacere.

Vincenzo —(presentando Enrichetta). Mia figlia Errichetta, voi la sapete.

Giacinto —Non l’aveva vista da multo tempo.

Enrichetta — Da circa un anno. [ 17 ]Giacinto — Sicuro... è un anno... Ed in questo anno siete cresciuta... anzi vi siete fatta più bella.

Enrichetta II Baroncino è stato sempre di spirito... Vuol burlarsi di me...

Giacinto — Come? mi burlava di voi? Ve lo dico perchè è vero, perchè lo vedo.

Vincenzo —(presenta a Matilde) La Signora Matilde Marone, nostra vicina. La Signora è tanto buona quanto bella!

Giacinto — Fortunatissimo conoscerla.

Matilde — La fortuna è mia, ma non ’o state a senti a D. Vicenzino, pecchè vo sempe pazzià

Giacinto —No, e perchè? A detto la verità

Custanzella—(piano ad Enrichetta) O Baroncino s’è alluminato cu te! Vide che può fa! Lascialo sta a chillo sfelenza... che ne eacce?Chisto è nu buono partite, tene ’e denare)

Enrichetta —(fra sè) (Mammà dice buono... ’O Baroncino è ricco I )

Custanzella—Vuie me permettete? Io tengo che fa a parte ’e dinto.M’avite a scusà... se ve lasso nu poco...

Giacinto — Fate il vostro comodo. Signora mia.

Enrichetta — Il Baroncino resta con noi, se si contenta?

Giacinto — Per ine è piacere sommo, restare in compagnia della signorina.

Custanzella — (via dal fondo).

Vincenzo — Richettè, penza nu poco a ’o Baroncino! Falloassettà...levale o chemis/o cappello, ’o bastone... E comme faggio da di tutte cose io?

Giacinto —No... no... lasciate sta... nun voglio che ’a Signorina se piglia stu fastidio!

Enrichetta — È un onore per me I potervi servire!

Giacinto — Favorite sempre (Enrichetta gli toglie lo chemis, il cappello, il bastone, e mette tutto aggiustato sul divanetto di fronte).

Vincenzo — Bravo! Accussì va buono...

Giacinto —Oh! grazie I quanta bontà che avete per me.

Enrichetta — Ma assettateve ccà, vicino a noi. Fate godere nu poco la vostra simpatica persona (si siedono sul divanetto Enrichetta e Matilde, e di fronte

Giacinto su di una sedia).

Giacinto —Simpatica no, avete sbagliato!

Enrichetta — Pecchè? non siete un giovanotto? K po ovè, neh! Mati?

Matilde —Sicuro, è un simpaticone.

Giacinto —Non me lo dite più... pecchè mi fate fa rosso per la soggezione! [ 18 ]Enrichetta — M’immagino quanta nnammurate tenite.

Giacinto —Voi che dite, io nun faccio ammore! Nè ho fatto mai l’ammore cu nisciuno!...

Enrichetta — Uli! nun ’o Pozzo credere!

Matilde —’O dite per modestia!

Giacinto — No è proprio così! Chi volete che se a fa amniore eu me?

Enrichetta — Tutte le Signorine che teneno gusto!

Vincenzo —(forte) Baroncino,vulimmo concertà nu poco primma ehe vengono gli altri?

Giacinto —Come volete

Enrichetta — No, lascialo sta... fallo arrepepusà primma nu poco... Stamme tanto bello accussì.

Giacinto — Dice bene ’a Signorina I è meglio che mi riposo nu poco...

Vincenzo —Ah! nce truvate piacere? E fate... fati..

Giacinto —Voi stavate dicenno che nce sta quacche Signorina che me pò vulè bene?

Enrichetta — Sicuramente I Voi siete nu giuvinotto tanto distinto... tanto di spirito... che nisciuna figliola ve po scurdà

Giacinto — Ah! Signorina mia, mo me fate venire na cosa pe la consolazione!

Matilde — (Come se n’ ’è ghiuto ’e capo ’o Baioncino)

Enrichetta — Ma perchè ve vulite mena tanto nterra? Lo fate per conquistare le donne

Giacinto — No, non per questo... ve lo giuro! Sapete perchè? e perchè papà me dice sempre che io non so buono a niente pe marito!

Matilde E voi Ilo credete?

Giacinto — Eh I quando lo dice papà!

Matilde — Ma nun ’o state a credere!

Giacinto —Perchè, voi che dite che so buono?

Matilde — E che ne saccio I Questo si deve vedere dopo che siete spusato!

Enrichetta — Sapite pecchè v’ ’o dice papà? Pe non farve spusà e tenerve sempe cu isso!

Giacinto — E già cosi dev’ essere!

SCENA VII. iii

Giovannino e detti. Vi;

Giovannino (entra in fretta, è vestito con stiffelius, e tubo) ) Iammo... Iammo... facimmo priesto cti’è tarde! Addò ntà Eduardo? starrà ancora corcato?

Vincenzo — Nonzignore... s’è alzato presto se sta vestenno. [ 19 ]Giovannino - Meno male [ Accussì nun aspetta tanto tiempo 1

Vincenzo Ma tu scmpc ’e aspettà, pecchè ’e a cuncertà ’a messa pe dimane.

Giovannino — Seh I mo me metto a cnncertà ’a messa? Dimane allucca nu poco c ve contento 1

Vincenzo — No 1 Gump ari è, aggie paclenza — ’O Baroncino s’ è incomodato appositamente per provare, — e comme prova isso siilo?

Giovannino — Addo stà ’o Baroncino?

Giacinto — Sta qui per servirvi.

Giovannino — Uh! Baroncino bello! Dateme nu vaso! Io non v’ aveva conosciuto... v’ aveva pigliato pe na criatura! Ve site fatto ccliiu curto! E papà comme sta? Oli! che brava persona è chillo Barone vostro padre! E che educazione ha dato al figlio! Questo nun ce pare... ma è nu giovane che tenetalente assaie! ’E letterato, conosce tutte le lingue, cavalca, tira di scherma, canta coninie nu canarino* E po’ è no conquistatore terribile! Tutt’ ’e femniene ’o vanno appriesso.

Enrichetta — Ah! ’o dicevo io!

Giacinto — Ma... non è...

Giovannino — O saccio io... ’o saccio! Isso surdo... surdo sape fa ’e cose annascoste... ma po, è naturale, nu giovinotto bello, ricco... spiritoso. Bar onci, tenile nu sigarre?

Giacinto — Ma io non fumo!

Giovannino — Non fumate? Cliest’è na scusa... nun è vero 1 Voi lo dite per rendervi piu interessante colle Signorine. Manco sigarette fumate? Niente?

Giacinto — Parola d’onore non fumo niente I

Vincenzo — Nun ’o state a senti I ’O campanello vo pazzià I Compariè dà na voce ncoppa a Eduardo e Aristide e falle spiccià...

Giovannino — Io vuleva parlà nu poco c’ ’o Baruncino che mi è tanto simpatico 1 Baroncl, ino che vengo vi voglio godere un poco.

Vincenzo —Vattenne 1 e quanno vaie? (Giovanni spirilo da Vincenzo va via dal fondo I) Voi dovete scusà Baronci, ma ’o cumpuriello è nu poco fanfairone.

Giacinto MI ha fatto voltare la testa... tiene certi modi cosi originali I...

Vincenzo Tene nu hello core però 1 Quanno po fu nu piacere a n’anilco, se mena dint’ ’o fuoco!

Giacinto — Si questo lo so... Perchè un giorno io me stiva appiccecanno cu nu cucchiero che voleva po i0r[ 20 ]za 5 soldi di più, egli si trovò a passare, e pose a dove- re il cocchiere; po ddoppo volle essere regalato cer- te paste, due bicchieri di marsala... mi fece spendere na lira de complimenti 1

Matilde — Sparagnasteve sti 5 soldi.

Giacinto — E io sempre questi altari faccio I

Vincenzo — Basta Baronci... vulite cuncertà nu poco a sule... a sule?

Giacinto — Sissignore... ma se ne debbono andare le si- gnorine.

Enrichetta — E pecchè? Ve mettite scuorno ’e nui.?

Giacinto —Vedete... è la prima volta ch3 canto... seni- pre un poco di scuorno lo tengo.

Vincenzino — E ve l’avita fa passà... si nò in pubblico comme facite?

Giacinto —Almeno incominciamo tutti insieme, cosi acquisto un poco di coraggio.

Vincenzo — Mo ’e chiamino a chilli giovinolti (va in fondo) Cumpariè... donn’Aristide... che avimmo cuncertà (a Giacinto) Baronci, avete indovinato subito la casa.

Giacinto — E’ tanto facile... ma soltanto è na brutta salita a veni fino a ccà sopra.

Vincenzo — Qui si sta bene per l’aria. Stammo vicino ’o Corso.

Giacinto — Questo salottino è arioso.

Vincenzo — E’ questa Tunica stanza che affaccia ’a strada, le altra affacciano nel giardino sono più ariose (accenna a destra) questa è una grandissima stanza da letto, dove dormo io con mia moglie, poi abbiamo posto nu paravento, e nce dorme pure Richettella!

Giacinto Ah! voi dormite con papà e mammà?

Enrichetta — So addeventata piccerella n’ata vota.

Vincenzo — Poi Ila (accennando in fondo a destra) vi è un altra bellissima stanzetta, che sarebbe da pranzo ma invece ci dorme Eduardo, ccà nce sta na cucili* grandissima, ariosa, c* ’o sole ’nflno ’a ’ncoppa ’o fuculare.

Giacinto — E’ na casa di tre stanze.

Vincenzo - E’ giusta... giusta per noi. Avite *a vedè pure ’o prezzo! Eh! caro Baroncino, tanta cose non sf ponno avò.

Giacinto Eh! capisco I Ed è coperta?

Vincenzo Tutta coperta... sopra a noi ci abbiamo Donna Mutilile, più sopra a nu quartino piccolo, nce sta nu studente, che adesso vi farò conoscere. [ 21 ]SCENA Vili.

An isti de, Eduardo. Giovanni e detti.

(Eduardo vestito coi panni di Aristide e porta il cappello basso, cd Aristide veste coi panni di Eduardo)

Eduardo (a Giovanni) — No, ll0, cheste non songo azione che se fanno. Io nun vengo eehiù ’o campo cu te.

Giovanni — Ma ch’aveva fa? min m’aveva vesti manco io.

Eduardo — Tu t’aic na bella figura cu ’o chemis, e io che ligura faccio e’ ’o tait? Si me vede Ida accussì combinato che dice? Ti ’a fa prestà a quaccheduno nu chemis.

Giovanni — Chist’è nu capriccio 1 Addò t’ò vaco a piscà stu... (guardando) Statle. ’E chi è chillo Chemis?

Eduardo — E io nun ’o saccio I

Vincenzo (che in questo frattempo ha presentato Aristide a Giacinto) — Neh 1 Eduà, ’o Baruncino sta ccà, nun The salutato?

Eduardo — Ohi caro Baroncino, cornine state? State bene? E’ ’o vostro quello chemis?

Giacinto — E’ vostro se vi piace? I

Eduardo — Grazie tanto (piano a Giovanni) (Comme nce l’avarriamo piglià? )

Giovanni (c. s.) — (Si aspiette nu poco mo nce penzo io I )

Vincenzo — Neh 1 Belli figliù... mo che nce truvamme tutte quante, cuncertamme.

Giovanni — Sì... sì cuncertamme... dice buono ’o cumpare.

Vincenzo (va al piano e dispensa le carte di musica a tutti)

Aristide — E io ’a musica nun ’a conosco.

Vincenzo — Nun fa niente, leggite ’e parole.

Giovanni — Io manco ’a saecio e pure ’o stesso è: nce ne jammo appriesso ’o campare.

Vincenzo — Belli tigliìi mo faccio prinima l’introduzione e po trasile (suona una piccola introduzione al piano) A noi 1

Tutti — Kirie l... Kirie!... Eleison...

Vincenzo — Basta, basta I Vuie m’avite ’a fa ’o stacco

Io e ’o Baruneine sitnme tenori dicimme soltanto: Kirie... ’E basse risponnene: Eleison... Eleison 1 (lo accenna col canto). [ 22 ]

SCENA IX.

Voce interna, indi Custanzella e delti

Voce — ’A ncappueciuta e ’a Romana. Cepollc i (più volte).

Custanzella (con gran paniere legalo ad una fune) — Sta passanno ’o ciuccio mio!

Vincenzo — Pecchesto chillo s’i> fermato ccà sotto? Giovanni (chiama in disparte) Baronci. io vi dovrò cercare nu piacere, ma nun rn’avita di ca no

Giacinto — Se posso (Qualche stoccata I )

Giovanni Eduardo se vorria fa no Chemis conimi vostro s’’o vorrebbe misura mi poco. Voi pernutletet

Giacinto — E questo era lutto? Ve pare è na cosa niente, servitevi, servitevi I Aggiu scanzato na stincata. Giovanni (prendendo la roba sul divano) Neh I permettete nu linimento t Viene cu me Edoà (viano allegri).

Vincenzo — Neh! Addò portale sta robba?

Giacinto — Niente... niente... è un affari* nostro... Glieli ho detto io.

Vincenzo Oh! va bene allora!

Custanzella (tira il paniere pieno di verdura) Neh! vedite quanta robba I aggia avuto pe tre solile?! ’O ciuccio a me me conosce

Vincenzo — E sulamente ’e ciucce te ponno conoscerei

Custanzella—Donna Mati. vedite vuie, quanta nzalata! e comni’è bella fresca.

Matilde — Sicure eli’ è assaie l

Vincenzo — Polimmo concertà?

Custanzella — Facite, facite, l’affare vuoste

Vincenzo — lamino Baronci, cominciammo da capo

SCENA X.

Salvatore di dentro e detti.

Salvatore (d. d.)— Mo è tirala ’a rezza! Alice fresche Addore ’e scoglie!

{Sc|Custanzella}} — Aspetta, aspetta, stanno passano©aliceVincenzo — N’auto golio

Custanzella — Chelle le piacene tanto a Eduardo! o$l è Sabato si nò che faccio?

Salvatore (c. s.) — Mo è tirat’ ’a rezza.

Custanzella (alla finestra) —Alice, alice! Saglie! Dateme [ 23 ]licenza! (Sta in mat ima magnammo maccarune c’ a pummarola e alici arrecanate l)

Vincenzo — Voglio vedè si ncc ’o fanno fa stu concicrto 1 Mo accommencio a fa n’auta vota l’introduzione I li chest’ è ’a terza vota (va la piano e si accinge a suonare)

SCENA XI.

Eduardo, Giovanni e detti.

Eduardo (è vestito con lo chemis e cilindro, porta il bastone e calza i guanti). Riehetlè... Mati... cornine pare?

Matilde — Cornine staie scieco! Pare nu zerbinotto l

Giovanni — Barone!, conime ve pare? le sta bene?

Giacinto — Le sta pittato! Pare fallo proprio neuollo a isso!

Eduardo — E’ merito vostro... caro Baroncino.

Giovanni

(piano a Giacinto) Nuie vulimmo j nu niu

mento fino a d* ’o sarto pe nce ’o fa vedè neuollo.....

Voi già permettete?

Giacinto — Vedete... io me ne debbo andare a casa perchè papà mi aspetta.

Giovanni — Nuie che nce mettimmo? 10 minuti, al massimo un quarto d’ora e subeto.

Giacinto (esitante) — Basta clic venite presto.

Giovanni — lamino, Eduà! Ringrazia ’o Baroncino che nc’lia dato ’o permesso.

Eduardo — Grazie tanto Baroncino!

Giacinto — E’ cosa di niente... Ma vi raccomando vinile presto...

Giovanni statevi bene... statevi bene (viano allegri)
Eduardo
Enrichetta — Divertitevi... divertitevi...
Matilde

Giacinto —(E che nce trase stu divertimento)

Matilde — ’O Baroncino mangia con voi stammatina?

Giacinto —-Sarebbe un onore per me! Ma papà.ilh* due precise se vo mettere a tavola, e io min pozzo mancà!

Enrichetta — E ciiille tornano stasera.

Giacinto — Comme 1... stasera?

Matilde — "E corze finiscono sempre ’e 5 tino a che tornano ccà se fanno ’e sei...

Giacinto — Voi che dite ’e Corze? ’O cuinpaHcllo mi ha detto che andavano a d* ’o sartore 1

Matilde —* Accussì v’ha ditto? Ali! Ah I (ridt)

Enrichetta —Tene clerte pensate chillo c uni parto! lo I (ride) [ 24 ]Giacinto — No... no... Perché queste non so cose da scher zare...

Vincenzo — Ma comme le prudono ’a capa a chille duie< (na alla finestra) Neh 1 compariè Eduà... Niente nun me sentono!...Famme nu piacere Ari, correte appri^. so...

Aristide — E dateme nu cappiello... comme scengo scaruso?

SCENA XII.

Custanzella indi Salvatore e detti.

Custanzella — Neh 1 Vicenzl 1 Nce l’aggio poste 15 solde l’alice e min ni’ ’e vò dà.

Vincenzo — Io mo tengo cierte alice ncapa! Nc’avi* colpa chillo svergognato ’e flgliete I Custanzella — Pecchè che ha fatto chella criatura? Vincenzo —Ari nc’ha da sta ’o cappiello d’Eduardo va ’o trova e curre subeto (Aristide uia poi Giacinto) Baroncino mio... io sono mortificato I Custanzella — Che aggio fa? n’ ’o manno? t Vincenzo — Mannaiinillo 1 A nie che me ne preme? Salvatore — Sigiiò io me ne vaco (fuori).

Custanzella — Io l’aggio miso ’o prezzo iusto 1 Si è vuò dà?

Salvatore — Ma songo alice ’e quinnece solde? Sufo ’a frischezza ne vanno ’e denare I (a Vincenzo) Signò. vuie tenite ’a cuiioscenza, addurate.

Vincenzo — Uh 1 nun me zucà 1... Ari, ’e truvato ’o cappiello?

Aristide — N’aggio truvato uno 1

Vincenzo — Và, curre... vide addò ’e può arrivà, e fall* veni mo ccà 1 (Aristide via in fretta)

Custanzella — Facimnio iusto a 16 solde I Salvatore — Mannaggia ’a miseria, pigliate ’a valangaCustanzella — lo m’è voglio scegliere io... (mette le i»a’ ni nella cestina)

Salvatore (cerca di persuadere Giacinto, insieme ad richetta e Matilde) — Signò veditele vuie! (« cinto).

(■iacinto—Nun me rompere ’a capai Salvatore — Alici» nterra 1 Alice nterra I

(cala tu tela)

Fine okl primo atto [ 25 ]ATTO SECONDO

la stessa scena deIValto precedente, scnonchè la mobilia sariì diversamente disposta. I due divanetli sono messi alla parete di fronte, non vi sarà nè la console, nè lo scaffale. Al posto dei due divanetti sono piazzali due tavolinetti con tappeti. Su di uno di essi vi sono due candelieri con steariche1, e sull’altro un lume vecchio a petrolio. Il pianoforte è innanzi, in mezzo, perchè dovrà essere trasportalo. Sui divanetli si veggono messi alle pareti. dei tamburelli dei pialti, dei ventagli vecchi, dei pennacchi di erbe secche, come poi sarà stabilito nel concerto.

SCENA I.

Vincenzo, Custanzella, Matilde, Enrichetta.

Giovanni, Eduardo, Pasquale.

Tutti affaccendali a rassettare la casa, meno Eduardo c/ie sta sdraiato sul divano a sistra, fumando una siguretta.

Giovanni — lamine... Pascale... Vott’’e mmanc ciré tarde.

Pasquale (uscendo dalla porta a destra, trasporta un paravento)— Signore mio, cchiù Priesto e chesto nun Potevamo fa! (via e ritorna senza il paravento) Vincenzo — L’avimmo fatte tarde, e ancora a chesto starnine.

Custanzella—Avimmo fenuto ’e mangi A tarde, Po è venuta ’a capera Pe me pettinò, e accusiti se a’è passalo ’o tiemPo.

Vincenzo _Uff 1 quanno veneno sii ghiurnnte è nu guaic

che passo t

  • ovanni (a Pasquale che ritorna) — Nce sta niente echlù

’là dinto? [ 26 ]Pasquale —Sull auto ’o lietto d* »a Signorina plccerel

la, ’o riesto è stato tutto levati.

Giovanni — Inmnu... na mano pedono e nce levammo stu lettino, avimmo a pigili» ’o divano, *e segge ncop.

pa a du D.na Matilde.

Vincenzo — Custanzè tu pecchè nun te vaie a vesti 7 Fale ammuinn ccà mmlezo, senza cumbinà niente 1

Custanzella — Cornine io min cumbino niente?’0 sa pi*, se fa tu chello che saccio fa io!

Pasquale (con lavale di lello) — Permettete... lossateme passa 1

Custanzella — E che si cecalo? Nun me vide?

Pasquale — Vuie m’avilc lassà *0 passaggio libero (via)

Giovanni — (con interesse) ’’A miezo... ’A miezo...(urta t si rovesciano i materassi) Pasquale (che viene dal fondo) — Lassale sta, signori, mo m* ’o veco io... (si caccia i materassi dal fondo con Giovanni).

Vincenzo — A me intanto questo mi piace, la faccia tosta di mio figlio, se fuma na sigaretta, comme nun fosse affare suio.

Custanzella — E lasso o j... povera criatura... che male te sta facenno mo chillo a te? I

Vincenzo — Vede che tutte quante nce muvimmo, e isso nun se move?

Eduardo (senza muoversi) — Io non posso venire perchè sto vestito di società tengo ’o smochin e nun m 0 posso sciupare.

Custanzella — ’E ntiso? Chillo tene ’o smock, e non s’ ’o po spurcà 1

Vincenzo —Va truvanno chillo smock a chi s’avrà fatto mprestà.

SCENA II.

Giovanni e Pasquale clip portano un divano, poi Pasquale torna fuori e va a prendere delle sedie e dei divani:

Giovanni — ’A miezo... ’a miezo... Cumnià levateve ’a miezo che po dicite che so cecato (entrano a destra).

Vincenzo — lo l’aggio ditto va te vieste.

Custanzella — E che me tiene ncopp* ’o stommaco?

Vincenzo Me staie facenno vutà ’o stommaco, l’uocchie, ’a capa, e ’e rine l

Custanzella — E mo leva occasione, ammacare non t’avote niente cchiù 1 Richettè, vieneme aiutà a vesti I [ 27 ]Enrichetta — Mammà, accumminciate ’a vuie, che mo venimmo.

Matilde — Vuie ve jate a vesti ncoPP’ ’a casa mia?

Custanzella — Se capisce I Ccà nun ce stanno cchiù cammcre.

Matilde — Ernbè faciteve aiuta nu Poco a Raffaela, ca nuie mo venimmo.

Custanzella E facite ampressa (via)

Giovanni (esce fidila destra in fretta) lamino Pascale, Piglia chelle seggie che stanno Uà fore.

Matilde - E sultanto ’e divane e ’e seggie avite pigliato?

Vincenzo —E che ve vullmmo scasà na casa? Là dintc nce stanno pure ’a conzola e ’o Pianoffortc.

Matilde — Me pare che nce stesse poca robba 1

Enrichetta — No, è meglio che il salone da ballo sia vuoto: almeno si balla meglio. E ’ovè nell! Ed uà?

Eduardo — E poi è moda che nei grandi saloni da ballo vi sicno pochi mobili.

Vincenzo — Quanto me facite ridere... coi saloni! Comme fosse ’o palazzo a Puri amia! Chella è na canunera che doppo nce avimmo ’a mettere n’auta vota ’e liette, si no, non ce putiminc cuccà.

Enrichetta — Papà, chi ’o sape chesto?

Vincenzo —Tutte quante 1 Nun ’a vedono ’a casa? Addò nce cuccammo nterra?

Matilde —Ricchettè, D. Aristide che se n”è fatto?

Enrichetta — L’aggio mannato nu mumento ’a cumprà ’e fiore.

Vincenzo — Gomme avesse mannato ’o servitore.

Eduardo —’E latto buono, pecchè mi serve anche a me nu buchettino I

Enrichetta -—Si nce restano t’’c donghe.

Eduardo *—Ci debbono restare. Comme io steva senza ’c buchettino?

Vincenzo —Te pare? Sciascillo steva senza ’e fieri?!

Giovannino —Avimmo fatte tutte et se; non restr aute che appKcià ’e lume quanno venenofli invitati!

Eduardo — Di questo me ne incarico io.

Vincenzo —Benedetto chillo figlio mio 1 Le voglio tirà nu vraccio p’ ’a fatica che fa! [ 28 ]SCENA III.

Aristide con fiori e detti.

Aristide — (viene in fretta) Eccomi qua! Ho fatto ^ corza, da basso Ghiaia qua sopra, sto nffannannope» veiil Priesto.

Enrichetta — Chistc me parano fiore ’è muorte.

Aristide —Ma non ho potuto trovà di meglio, i fiorai avevano chiuso e n’aggio truvato uno siilo per fortuna.

Eduardo —Questa è la porcheria dei fiori (fa un moz. zolino).

Enrichetta —Si sapeva nee mulinavo ’o Cumpariello, chillo ne cacciava ’e minane.

Giovannino — E quanto The pagato chistc?

Aristide —S’ha pigliato na lira, e dice che m’ha fatto un favore!

Giovannino — Si ieva io, min le devo manco duie solde.

Vincenzo —Chest*’o saccio! Anze t’aveva da isso ’o riesto a te.

Giovannino — E se capisce I Caro cumpare, Tuonimene so sempe uommciie! ’e pacchiane, so sempe pachioche!

Matilde —Ma vide, Erricliò, non so tutte malamente nce stanno pure ’e buone... sceglimme... nu poco..

Enrichetta — No...no...(con rabbia) So tutte cattive, nun ’e voglio... min ’c voglio. Me vene a chiagnere pe l’arraggia! Io stasera me voleva mettere una veste bianca, e mo che figura che faccio? lo non esco in società I M’annasconno e nun nie faccio avvedè! Glie arraggia! Che arraggia! E tutta pe causa toia (piange).

Vincenzo —(’A pigliata ’a nziria ’a criatural)

Aristide — Ma io non ci ho colpa!

Enrichetta —Si, tu nce aie ’a colpa! Vuò vedè che ne faccio dei fiori? (li gitta per terra e ti calpesta) Accusai n’auta vota te mpare 1

Vincenzo —Mo me pare che vuò troppo da quel povero giovane.

Enrichetta — Papà, tu min t’’e ntricà ’e sti cose.

Vincenzo —No, io me ntrico, pecchè me ne pozzo ntricàTu sei una superbia impertinente rispostiera. lo 1«* metto a dovere capisce?

Matilde — Va buono D. Vincenzi nun ve ntricate, che nuli l’avuto con voi... l’ha avuto cu D. Aristide.

Vincenzo —Chillo povero gioveno, va correlino pe causa soia e chella ’o maltratta pure appriesso. [ 29 ]gxiticiiM i’A K lu le daie puro ragione?! Tu stale ne «i il.do cu mammà r t’f« vuà senni ù <u me?

Yim ia/ì’ (»uò, nuli ce risponnere, pi eteri, che io te pigilo a schiaffi*! tfNHK.ni.ita - Scii I me Pigile a sehiaffe? Era paese 1 Viv< i.v/.<» - Uh! La scntltp? La sentite era paese? RsnicHHTTA — Uh! ehe arraggia me nento. Tutte pe causa loia I (calptnla I fiori e piange) Non ne pozzo celi Iti, me vene na cosa. Ah! Ah! (mene)

(molta confuiìotic. Giovanili persuade Vincenzo, Matilde .sta vicino ad Enrichetta. Aristide cerra dì persuaderla).

SCENA IV.

Pasquale con il Barone. Giacinto e detti.

Pasquale — Signò ccà fora nce sta nu Signore viecchio, e nu Signorino che volino trasl...

Bahonb —•(dall’interno) *E permesso?

Vincenzo —Nun ve facile, awedè accussì spugiiate Pascè...aduna chllli fiori ’a terra.

Muiloe — Mo scappammo.

Giovannino — lo sto Nulamente c*’a eammisa. Vincenzo — Favorite, sig. Barone...

Barone — Genti» «li questi giornill/avimma fatto nu poco prestolillo. Tutto per causa d* ’o Baroncino mio figlio, ch’ha puri al a na pressa pe veul ecà...Non so perchè.

Giacinto —Caro maestro, vi auguro tutte quelle felicità per il vostro onomastico, e mi piglio la libertà di offrirvi questo bouquet ili fiori!

Vincenzo - — (Se n* *è aseiuto cu duie sciare!) Tanto mi dispiace che vi siete incomodato...

Giacinto —Ma è una scioccliezza, è na cosa ’e niente! Vincenzo — Si nota il pensiero che avete avuto per me. Barone —Me l’ha detto da stamattina che ve vulevafa nu complimento... e ha pensato tutta la giornata che cosa ve puteva fa piacere...

Vincenzo —(Na carta ’e 1000 lire!)

Barone — E cosi io gli ho detto che v’avesse portato dei fiori.

Vincenzo —(Ila voluto sparagna ’o vieechiol) Però io so viecchio... stì fiori minano a me min.stannobene plrciò sarria meglio eli’è date n mia figlia ch*è ragazzaGiacinto — (E che io ’a figlia ’e vulevu purtù no a issol) Barone —(con solennità) Bravo I Bravo I nd aspettai questo da voi... «1 vede ll padre che pen*a per I figli; [ 30 ]si priva lui di una cosa tanto carri, v ‘larlg aj^ figlia...bravo!

Vincenzo —(Giusto che vo?)

Bahone—Eh I de chlst’uommene, ne simme rimaste poche 1 Voi... e... io... a me, m’avotano II’nocchie, »a capa... io nun saccio che d’ ’è? c pare clic veco senipe gente clic fuieno 1 Vincenzo —Oh! quella è l’impressione che. avete avuto quanno site entrato. Barò, vuje ve site rimasto c"o cappiello... nun ve site levato ’o paletot?

Barone —No... nun è tienipo ancora... ’O Baroncino mio figlio, sape quanno m’aggia cambia. Nu linimento ’ quanto mi riposo 1 Vincenzo — Fate il vostro comodo... siete in casa vostra i (lo fa sedere con le spalle alla finestra).

Éduardo—(sbuffando va ad aprire la finestra) Uff 1 I che caldo!

Barone — Addò site into piscanno sta casa? Nce vo’ I na jurnata pe ne’ arrivà.

Vincenzo — Ma po’ nc’ è n’ aria bona... fina...

Barone — E si jatc mparaviso truvate n’aria cchiù fina I ’e chesta. Io so’ arrivatò una zuppa ccà ncoppa, 1 e mo ho bisogno di rassettarmi un poco.

Vincenzo — E rassettatevi...

Barone — (che ha fatto dei gesti, precedentemente) Ionie sento nu zeffìretto addereto ’e rine, nun saccio addò I vene.

Giacinto — Papà... sta ’a fenesta aperta 1 Eduardo — L’ho aperta io, perchè c’era poc’ aria! Barone — E vuie me vulite accidere 1 Io sto ’e chesta manera sudato, e vuie m’arapite na fenesta dint’ e rine?

Vincenzo — Nun 1’ ha fatto apposta 1 Barone — Io mo dimane starraggio certo dint’ ’o liet; to 1 M’è sciso già ’o catarro 1 Mo faccio cinche ° se’ sternute... eccì...Sto acciso voglio vedè si pozzo sU ’ n’ata vota... Accussì ’a settimana passata, success Pure a ’o Baroncino mio figlio.

Vincenzo — Che le successe? js

Barone — M’’o vedette arrivà ’a casa senza eh0ll e cu nu cappiello viecchio ’ncapo...

Vincenzo —(’O fatto d"o campo I) ^.,1

Barone — Perchè l’avevano menato da sopra a nU<0 cone certe cose sporche, e avetta restà a roba sartore p’a fa pulizzà. i te>’c *

Eduardo —(piano a Giacinto) Accussì le die* papà? ) [ 31 ]Giacinto —(Le nventaie na bugia. Se puteva di ’a verità? )

Barone — E pe cblsto fallo ’o povero Baroncino, stette due giorni «liut* ’o lielto con la febbre/

Giacinto — Pupa io steva buono, ine ce vulisleve fa sta vuje dint’ ’o lielto.

Barone —No, tenive nu poco d’alterazione... ’o termometro segnava 37 c 2 decime... e io perciò Ho posi a letto, sulanicntc a brodo.

Vincenzo —Eh 1 è precauzione so sempe bone l

Giacinto — Papà siete pronto?

Barone — Pronto!

Vincenzo —Ch’è? ’O telefono?(// Barone aiutato da Giacinto, si toglie il cappello, il paletot e la cravatta e si mette uno chemise, una coppola di seta ed un foulard alla gola)

Vincenzo — Io tutta sta pacienza nun ’a tenarria 1

Barone — E perciò state sempe raffreddate l

Vincenzo —No...io sto buono.

Barone — Pare a voi ‘? 1 ma non è così 1 Per esempio: mo parlate cu ’a voce abbassata.

Vincenzo —Pecchè aggio strillato.

Barone —No, state accatarrato.

Giacinto — E chesto ched’ è? è niente! Mo che viene ’o caldo, papà se cambia 10, 12 cammise ’o juorno.

Barone — Dieci o dodici? E che so? c quanto nun dice 20, 25.

Vincenzo — E vuie avite bisogno ’e na filanda, ogne vota che vene ’a stagione.

Barone — E così sto bene! Gaudo ’a coppa e sudore ’a sotto. E la signora non è ancora visibile?

Vincenzo — Se sta vestenno. Abbiamo finito’ e mangià tarde.

Barone —Avete tenuto tavola stammatina?

Vincenzo —No siamo stati in famiglia... Nc’è stato ’o cumpariellò mio, na Signora nostr’amica che deve sposare Eduardo.

Giacinto — (,A‘h 1 s’addà spusà! Me vene na cosa 1)

Barone —Ched’è Giaci te siente malato? ’E fatto na faccia ianca... ianca...

Vincenzo —(Mo ’o fa cuccà 1)

Barone —-Té vuò i a mettere ncopp’ ’o Hello ’e D. Yincenzino?

Vincenzo — E lo min lengo lletto (ripigliandosi) l’io* non tengo ’o lletto apparicchlalo...

Giacinto —Papà, è na cosa de niente... m* è girata lu testa, ma mo m’’è passalo. [ 32 ]Barone — E io faccio vcnl ’o miedeeo.

Vincenzo —Ma nun ce sta stu bisogno.

Barone —Vuie nu putite credere io commi nie spav quanno veco sti cose.

Vincenzo — E nce Pare 1 (siedono)

SCENA V.

%

s

1

BARC

Vinc

Costanzella e detti.

Custanzella — Eccome ccà, aggio fatto Priesto priesto Comme ve pare sto bona?

Barone — Sempe bene I

Custanzella — Uh I ’O Barone nuosto! Seusateme, i0 nun sapeva che stiveve ccà...

Barone —Vi dò gli augurii anche a Voi, cara Donna Custanza.

Custanzella — Pecchè alla fine io so giovine ancora!

Barone — Oh! questa si! Siete giovane assaie!

Vincenzo — Mia moglie balla ancofa!

Custanzella — Pecchè nun pozzo abbaia? Io so leggèra come una piuma 1 Tutt’ ’e Cavaliere vomio balla cu me pecchè io ’o valzer ’o ballo meglio ’e na ballarina e de na piccerella ’e quinnece amie.

Barone — Quanno ire ve figliola ve piaceva ’o ballo’

Custanzella — Sempe nc’aggio avuto passione! A casa nosta papà teneva ’e periocole doie vote ’a settimana ma adesso abbiamo smesso.

Barone — E cu tutte ’e figlie, ’a passione manco ve passata?

Custanzella —Anzi ogne sera.

Barone —’O patrone

Custanzella — Perchè?

Barone — Doppo nu mese se ne scennarria

Custanzella — Comme vo pazzià ’o Barone.

Eduardo —(Sento cierti voce, me pare che ( apre la finestra).

Barone —Pe forza ’a vo arapì chella fenesta.

Vincenzo — Eduà, nzierre lloco.

Eduardo — Papà inò! ((Nun so lloro!)

Custanzella Sciasel, asplette a quaccheduno?

Eduardo — Mammà, nun ’o sale? ’e Signorine che sin nvitata!

Baronb— Ci sarà nu poco di museca stasera?

Custanzella Eduardo ha invitato dole

è crisciuta! Accussì putesse

balla

e casa non v

o permettami*

o sularol

so

lloro) surfl*** u»>*

Mati

Baro

Vinci

Baro

i

Mati

Vinci

s

Baro

Custv

Vinci

Baro;

b

Enrk

Cus™

si

B

t(

Baro?

’e

Gusta

cc

P‘

Vìnce

Giaci?

Gusta

m

Enrici

m

co

Vince?

l^Mci

v«nce>

9 ’ [ 33 ]sona e n’auta eanta. Tene na bella voce che l’hanno buttato sopra ’o trlato ’e S. Carlo.

Barone —Come l’hanno buttata?

Vincenzo — Ha debuttato a S. Carlo (Chella quanno vo parlà pulito è nu guaio I)

SCENA V.

Matilde indi Enrichetta e detti.

Matilde — Cchiù priesto ’e chesto nun potevo fa!

Barone —Quest’è vostra figlia?

Vincenzo —Nonzignore 1 Comme nun ’a sapite?

Barone — Ma nun me l’arricordo buono... è passato un anno.

Matilde — Che m’avite pigliato pe na piccerella!

Vincenzo — Quest’è quella Signora vedova che deve sposare mio figlio.

Barone — Oh! bravo I Vi faccio i miei complimenti.

Custanzella —’A piccerella mia, ’a vedite ccà. Richettè viene ccà, te vo vedè ’o Barone. Vedite che bella figliola s’è fatta. Tale e quale ’a mamma!

Vincenzo — D’ ’o secolo passato!

Barone — Bella veramente... Speriamo che abbiate la buona sorte.

Enrichetta — Grazie, sig. Barone.

Custanzella — Avarria truvà nu titolato che s’ a spusasse... accussì addeventarria Principessa...Contessa... Barone ssa...pecchè tene ’a figura aristocratica, comnr’a teneva io quanne era zitella I

Barone — Ma me pare che m’avite ditto ch’è appuntata ’e matremmonio?

Custanzella — Si, fa animore cu nu sfelenzo! ma è na cosa ca nun po quaglià! Ncè vo ’o titolato pe forza... pecchè io scenno ’a na razza bbona...

Vincenzo — Pointer...

Giacinto —(Io so titolato ’a putarria spusà!)

Custanzella—Ched’è Richettè... te veco moscia... moscia! che t’è succiesso?

Enrichetta — Niente, mammà... io so na sventurata, me va tutto cuntrario! Me^mettarria a chlagnere comme a na criatura!

Vincenzo _Nun to piglià collera che i fiori son venuti.

Enrichetta -Overo? E chi ’e tene?

Vincenzo -Baronci, spetta a voi adesso «li presentarli a mia figlia...Baroncino, siete pronto? [ 34 ]Giacinto—Pronto... Signorina, mi permetto di offri

questo piccolo... mazzolino. rvi I

Enrichetta —Oh! grazie tanto.. Baroncino... a

fiori me piaceno assaie... Eli! Si! Chiste sò fi0r.| 1 Quante so belle!...

Barone — Fiori scelti da me.

Enrichetta — Non poteva essere diversamente; e p0| \ portati dal Baroncino mi riescono più cari.

Giacinto —(piano) Signorina, voi mi confondete colle vostre parole... io non so come dirvi chello che sento..

Enrichetta —(c. s.) E dicite... dicite chello che sentite., meli! nuli ve mettìte scuorno... Nu giuvinotto sim- ] patico e distinto comme a voi, nun se deve mettere scr orile.

Giacinto —(c.s.) Signe ri, mi permettete na dimanda?...

Enrichetta — Io ve permetto titte cose I

Giacinto —’E vero che facile amniore cu chillo studente?

Enrichetta —(c.s.) ’E isso che se fruscia, a me nun nie I passa manco p’ ’a capa!

Giacinto — Oh! voi mi fate sperare!

Enrichetta — Perchè dite questo? Forse avete qualche j pensiero per nie?

Giacinto —-Si, terrei il pensiero... ma papà dice che I non sono buono per marito.

Enrichetta — E che ne sapc papà ’e sti cose?

Giacinto —(Già... e chello che dico pure io! (seguitano I a parlare).

Matilde —(si accosta ad Eduardo) Eduà, pecchè staie accussì?

Eduardo —Mati nun me seccà! lo nun me metto ’a ragionà con voi altre donne cretine!

SCENA VII.

Aristide e detti.

Ahi&tidk — (Ali!’A Signorina già s’è occupata! (facendo tremare la sedia del Barone si avvicina ad Enrichetta) Avete avuto i fiori... so finiti gli strilli... ’e conviti’ sione?

Enrichetta Sissignore, ò avuto 1 fiori, me l’ha purU»,tì ’o Baroncino... Vedete quante só belle! (Chili* eh* avile purlato voi erano una porcheria!)

Aristide Vuol dire che ’o Baroncino sa Tare le co<* meglio di me I no

Enrichetta — Sicuro l’O Baroncino è nu g»ovino [ 35 ]chicche, che s’ ’a fa con tutte le Persone distinte, voi invece non capite niente eleganza.

Aristide — Va bene, sii Parole me le Pagherai I

Enrichetta — Chi vi dà tanta confidenza di parlarmi col tu?

Aristide —(a Giacinto) Dopo Parlerò con voi! (si ailontana)

Giacinto — E io ehe nce trase?

Enrichetta — Che bella soddisfazione che v’aggio dato?

Giacinto — Va bene! Ma io nun me voglio cumprumettere! Io so no Barone!

Enrichetta — Nun ’o date retta a chillo, Penzammo a nuie 1 (seguitano a parlare piano).

SCENA Vili.

Giovanni e detti.

Giovanni—(in fretta e motto allegro) Stanno venenno.... stanno venenno! Eduà, và allummù ’o salone 1 Susiteve tutte quante, faeite Priesto!

Eduardo —Oh! finalmente, aveva Perduto ’e speranze. (accende un cerino ed entra a destra, poi ritorna subito).

Giovanni — Guè? Vedite si se moveno? Ve susite? ’O capite ch’è na carità che nce fanno ’e veni fino ’a ccà ncoppa? Chelle nun escene maie d’a casa, si nun ànno primm’ ’a carrozza; pe me so venuto nfino a ccà ’a pede I I!

Barone — Ma chi vene?

Giovanni — Le due celebri sorelle Raspato! Una è cantante, e Fauta è pianista 1 Due artiste di primo ordine! Hanno ’a essere ricevuto cornine si conviene.

Barone — Ma che volite mette e ’a trrppa st:ic le anni? Vulite sparà ’c cannunate? che vulite fa?

Eduardo — lo ho acceso il salone.

Giovanni — Cuminà vuie site ’a Padrona ’e casa, venite vuie a riceverle I...

Custanzella — Io vado a rappresentare (escono tutti e tre e ritornano con te altre)

Barone —Chi è sto giovane?

Vincenzo —E’ Giuvannino ’o cuinparielJo mio 1

Barone —Ma chisto è ’o capo ammuinatore I [ 36 ]SCENA IX

Pasquale vestito da festa, indi Elvira. Ida ed Ani*. ■ con i tre che sono usciti prima e detti. LL° I

Pasquale — Signò, sò arrivate ’e Signorine (pj^ Vincenzo ) (Coninie ve pare? Comme sto?)

Vincenzo —(c. s.) (State buono!) abbascio ’o portor chi nce sta?

Pasquale —Nce sta muglierenia e ’e mature!

Custanzella — Favorite, favorite... avite cumpatj pecchè nun è cosa per la quale...

Elvira — Uff! che caldo fa qui dentro!... si soffocali

Giovanni — Sentite caldo? Aprite ’e finestre: t* por»*

Barone —(Mo passo io ’o guaio!) (siede, poi si al:a < siedono al divano Elvira e Giovanni).

Ida — Io sento venirmi le vertigini, ho bisogno di sedermi.

Eduardo —(premuroso) Subito Signorina, sedete qui! (seggono tutte e due all’altro divanetto).

Elvira — Chi è il padrone, di casa, qui?

Vincenzo — Sono io per servirvi...Neh? Cumpariè, tu non mi hai presentato ’e Signorine?

Giovanni — Ah! già m’era scurdato (si alza) La Signorina Elvira Raspalo, celebre artista, che canta magnificamente..., il compare mio maestro Paletti..., quest’a!tra sorella Sig.na Ida Raspato suona magnificamente e questo Signore è ’o padre D. Aniello Raspato che veve magnificamente... Me pare ehe v’aggio presentato a tutte quante?

Anibllo—M’avite rimasto eu sta robba minano. Addé aggia mettere?

Vincenzo - - Nell 1 Pascà! pigliele sta robba d’ o Signore t’aggia di tutte cose io?!

Pasquale —Signò scusale, nun me n’era addunato (w’Sjf

Ida — Babbo hai portato per nie la sonata in do di * Ihovtn. Tu sai ch’io non suono altro che Belhovi’ Liuti. ,,

Anuxlo — Io saceio Bethovèn? Aggio purtato 1 ul j I « arie che stevano ’a casa, p’ ’o riesto t’ ’<► l,in (a ’E a«eJufo Betovelle mniiezo! Si sapesse eh*;stl> «lama ’o maestro *e cappella pur’ lo!

VtNCKN3SO Me piare D. Aniello, perchè dice ’e i‘>sl 1

...... *1 klfill (,jy|

Li.vha Si ulle voli e papà fa dello spirilo... si l*»ir *’ ‘

- Ah! Ali - com’è grazioso ll papà! u>‘ I

Amello — No, verite. Io dico ’a cosa naturale “’ll [ 37 ]vene niponta’a lengua. Lloro doie so ti tte scioscla

miscioscia c nun ee putimmo mai ntennere.

I Barone — Sono napoletane le signorine?

Aniello —Tanto bello I So nate tutf’e doie abbascio ’o Pennino. E io pure so Napoletano!

Vincenzo —Avite fatto chesta scoverta!...

Aniello — Pecchè se sente d’ ’a lengua mia?

Ida — Il papà ha viaggiato tanto... ha assistito a tutti 1 nostri trionfi all’estero, e pure non ha voluto smettere mai le sue abitudini 1

Aniello — Io so Napoletano verace I Ccà so na».(! e ccà voglio muri!

Elvira — Ti ricordi quand’io debuttai nelPAida al Gardtn Garden di Londra... feci quel gran furore.

Aniello — Io m’allicordo sti cose?

Ida — E ti ricordi quando io diedi t|uel comeerto innanzi alla Regina Vittoria? La Regina volle abbracciarmi.

Elvira — Ed a Berlino? che fanatismo che ho fatto nella Carmen 1...L’Imperatore venne nel mio camerino a stringermi la mano.

Ida —A Pietroburgo, in un altro concerto lo Czar per mostrarmi il suo compiacimento volle accompagnarmi con la sua carrozza fino all’albergo!

Barone — Neh! a vuie min v’hanno dato niente’a parte ’e fora! (a D. Anicllo)

Aniello — E che sa 1 che diceno lloro. Io ’c lassaie e me ne venette!

Elvira — Papà non si trovava a quel genere di vita piena di emozioni...di entusiasmi!

Aniello — Io ieva truvanno ’o vino bianco. Là nun se ne veve vino... se veve ’a Birrai

Barone — È sfeziuso D. Aniello 1

Aniello —Po’ parla vane cierte lengue accussì curiose!

E chi ’e capeva? Mussili... Musciò... e che sa che dicevano? Io me ieva appiccecanno cu tutte quante, e chille. nie rerevano nfaccia.

Ida — Oh! come mi mortifica papà col suo discorso.

Eduardo — (Adesso toglieremo I’occasione) (a tulli) Signori, vogliamo passare nel Salone?

Vincenzo —Si...si...anzi la Signorina Ida ci larà sentire qualche pezzo 1

Ida lo non suono se prima la sala non è piena!

Vincenzo - Allora la Signorina Elvira ci favorirà lei di cantare qualche cosetta.

^lviha- Io non posso cantare se prima mia sorell» WM* suona. Poi prima di cantare delibo bere un hlcchien’ d’acqua. [ 38 ]Custanzella — Uh I tenimme sempre aperta.

’a iuntanella d”

’° K Scir»Pp, I ^ sciroppi

I 6’°’

di Tamarindo, di Erba di Milano, gli altri non li tollero, perchè nii fanno male la gola Vincenzo — Va bene vi servirò.

Ida —Eduardo, andiamo di là.

Matilde — ( Vi quanta cunfidenza se piglia sta trevel. lessa.

Eduardo — Giovannino, vieni con me!... I ^fi

Custanzella — ( S’’o porta appriesso, ave paura che’o I perde) ( entrano i 4 a destra)

Vincenzo —Barò, pecchè nuli ve facite na partitella? I C«l° B\rone — Non ce stanno i giocatori. I

Vincenzo — Nce sta Aristide e nce steva D. Aniello! I Credo che sape gioca’ ’o tressette.

Aniello —Sicuramente. I 510

Matilde — So rimaste lloro sule Iiii dinto ma vacopur’io.

Voglio vedè nnanze a me che fanno I (entra a destra) I Cus Vincenzo — D. Aniè, io ve presento ’o Barone di Casa» 1 Gio tore nostr’amico! V q-s

Aniello — Servo ’o Ccellenza!

Baróne — Ari, viene t’assiette.

Aristide — Eccomi quà... (Vurria sapè, che stanno di- I Qio cenno) (siedono tutti). I qUs

Enrichetta —(piano a Giacinto). (Uh! Giaci, n vuò I bene a Ricehettella loia, tu pe tutto stasera ’e ’a I parla cu papà!) I Gl0

Giacinto — (c. s.) E papà mio po che ne dice? lo vorrei £ ^ parlà primnia con lui, e po dimane parlo c’ ’o Maestro Enrichetta — ’0 vi... o vi...? mo nce pigliammo collera!

Nun te voglio cchiù bene.

Giacinto —Ma signorina... dovete riflettere.

Enrichetta — Che nce trase sta Signorina? Tu ni’aif chiammà Richettella! (seguitano a parlare piano)

Aniello — Nce volesse nu bello perettiello ’e vino ci vicino! A inni acaro vive, iuoco, t’arrecrie.

Barone — Comme stissev.- dint* ’a cantina.

SCENA X. Giovanni e detti.

Giovanni (du destra) Cumpà, nu momento <lili,r prego.

,^‘IW

Vincenzo — (alzandoti si uvviclna alla porla) l,lt [ 39 ]atto secondo

39

Giovanni—Avite pensato p’ ’o sciuruppo ’e tamarindo?

Vincenzo - Peèchè nun ’o vaie accatta tu?

Giovanni — Ebbè, dateme doie lire ch’io nce manno a Papele.

Vincenzo E tu saie ch’io tengo denaro? Parla cu Custanzella (va a destra).

Giovanni — (si avvicina a Custanzella) Cimimà. à ditto ’o Cumpare ehe me date doie lire pe mannà accattà ’o sceruppo p’ ’a signorina che addà cantà.

Custanzella—Le voglio accattà pure o’ sceruppo a chella faccia tosta. Le vorria accattà nu poco d’arzeneche!

Giovanni—Pecchi* che v’ha fatto?

Custanzella E m’addimmannc pure? Tiene pure ’o curaggio ’e venì vicino ame? Che te pienzc ca io nun nie so adduuata che chella è ’a nnammurata toia.

Giovanni — Addò niaie? Chella è figliola, è simpatica e io le faccio nu poco de corte.

Custanzella Pecchè, io nun so Figliola e simpatica?

Giovanni - Cummà, vuie site nu poco passatella.

Custanzella—E già mo so passatella? Quanno maie m’e ditto sti cose? Che nce truvate vicino a chella? Nun ’a vide? À tutta pittata nfaccia.

Giovanni—Stateva zitta che nce sta o Cumparo Uà 1

Custanzella—E a nie che me ne preme. Io sa pecchè nun faccio nu fracasso? Pecchè voglio bene a maritemo e nun ’o voglio fa ntussecà ’o nomine suio.

Giovanni—Se vede conini’’o vulite bene 1

Custanzella— E sa clic t’avviso? che si faie n’auti ddoie cerimmonie a chella ciucciuetta, io n’ ’a caccia d’’a casa, e a te te strafocc!

Giovanni—Stateve zitta, pecche vulite fa nu scandalo?

Custanzella— Io mo vaco ’a parte ’e dinto, e tanto sfastidio le faccio, che hanno aizà neuollo e se n’anna j 1

Giovanni—Clie guaie vulite fa?

Custanzella Niente... schiatta 1 Nce voglio j (entra a destra).

Vincenzo — (dal suo posto) Cumpariè, aggio capito tutte cose, e me so consolato! Io ’o sapeva 1

Giovani— Neh 1 ’o sapiveve? e ve stiveve zitto?

Vincenzo — Vuleva vedè tu die sapive fa? (si alza, si avvicina a Giovanni) ( E’ avuto ’e doie lire?)

Giovanni—No...nun ni’ha voluto dà!

Vincenzo —(Io perciò faggio mannato a du essa?)

Giovanni— Io ’o sceruppo conini’’o piglio? Nun tengo manco nu soldo 1 Ali 1 ccà pce sta ’o Baroncino, ino [ 40 ]le donghc na stoccata! (si accosta) Baronci, farete senti qualche pezzo stasera 1 ci I

Giacinto — Il maestro pc forza nie vo fa cantàl Giovanni—E dice buono. Vuie tenile na bella v Sapite che nce vo pe fa asci ’a voce bella fP°fe’ limpida?

Giacinto — Che ci vuole?

Giovanni-—’O sceruppo ’e Tamarindo 1 Giacinto — Chella che ha ditto ’a cantante? E add ’o piglio?

Giovanni—Mo v’’o manno a piglia pe Pascale! Giacinto —Io non voglio che v’incomodiate? Giovanni—Giova molto pel canto. Datcme doie lir«; 1 Enrichetta —Giaci... dalle ’e doie lire, almeno se neva Giacinto — (cavando la moneta) Cliest’ è una doppia lira.

Si nce sta ’o resto, ni’ ’o dat e.

Giovanni— Mo vevite vuie e ’a cantante, (via dal fondoi Giacinto — Io mo ’aggia avuta caccia sti doie lire pesta I n’aito poco sule!

Enrichetta —It nio te chipmmo a papà e nce parie. I Giacinto — No... Llà lice sta papà mio che sente... Enrichetta — Chillo sta giocanno, sape sti cose (dii* I ni andò) Papà viene nu niuniento ccà!

Giacinto — (Io moro d’ ’o scuorno 1)

Vincenzo — Aspetta, Richettè, quanno fenesco sta par- I tita.

SCENA XI.

Giovanni, Cesare c delti.

Giovanni — Neh I vedite a chi vi porto?t>- Cesarino! I

Il famoso cliianimatore de quadriglie, il brillanta fl giornalista ricercato da tutte le società.

Vincenzo — Uh I D. Cfesarino nostro. Io già lo sapevo I che non sareste mancato.

Cesare — Era mio dovere di venirvi a dare gli augur" ma nie dispiace che posso stare poco, perchè sto’ll1 I peguato! Tengo un altro S. Vincenzo al Voim’rrt Giovanni — Chisto S. Viclenzo lloco sta cchiù I d’ù niiosto.

Vincenzo E nun nce iate a stu S. Vincenzo(i:sark No...gHel’d promesso 1 Eppoi. oggi è sl I lo tengo ’o giurati e... domani domenica I

uscire... gli scacchi, lo sport e come si fa?

Viniknzo sti sporte eseciio doppo dimane. (v

lovANNi — E dice beli® ’o compare I Anz<* nlW ’Ji [ 41 ]visà ’e Signorine ehe site venuto. (entra a destra dicendo): E’ venuto D. Cesarino! (via)

Enrichetta — Papà, tu vuò veni ccà?

Vincenzo — D. Cesari, scusale.. Pigliate ’a mano pe me...

Cesare — Basta che questi signori si contentano?

Barone — Nce euntentammo, abbasta che nun ve susite

Cesare — Uh! D. Anicllo carissimo! Site già venuto E "e signorine?

Aniello —’E piceerelle? Stanno dinto.

Cesare —• ’E voglio salutà (sta per muoversi).

Barone — Vuie non v’avite movere (lo trattiene).

Vincenzo — (Ti ehe vuò?) (ad Enrich.)

Enrichetta — (Nce sta ’o Baroncino che v’ha da di na cosa!)

Vincenzo — Dite Baronci.

Giacinto —Non alzate la voce, che sente papà. Io vi dovrei dire...che...e nun ’o pozzo di...

Enrichetta — (Mo parlo io, sinò chisto nun parla) Papà ’o Baroncino t’ è venuto a chiedere la mia mano!

Vincenzo — E posso credere a tanta fortuna?

Giacinto — Se ve l’ha detto ’a signorina cosi è.

Vincenzo — Ma vuie nun me l’avite ditto ancora?!

Enrichetta — Ebbè I Di qualche cosa tu pure! dice ehe me vuò bene.

Giacinto — Sissignore... io acconsento a questo niatrim monio.

Vincenzo — Per me è un onore, nio ne parlo pure io a ’o Barone.

Enrichetta — No... no... pe mò... ’o padre nun pò sapè niente.

Giacinto — So io quando glielo debbo dire a papà.

Vincenzo —(stringendogli la mano) Allora io fido in voi.

Aristide —(dà un pugno sul tavolino) Io lo sapeva oh. accussì aveva succedere.

Cesare — Ma scusate voi non mi avete fatto una legge precisa.

Aristide — Voi me la pagherete! Nun passa stasera che faccio ’o pazzo l

Barone — Ma veramente siete pazzo ì Che volete il;d compagno? Avite scartato coppa, spade, denare, mazze, avite scartato tutt’i pali che ve putrv# gìucà chillo?

Aristide -Non voglio giocà cchiù.

Vincenzo — Ch’ò succiesso?

Barone _Pe na co*a ’e niente. 1). Aristide liti futi» *ow

che nun aggio visto male a ninchino

Vincenzo _M*‘ ta maraviglia t Aristide è co-d huont» [ 42 ]Aristide—Na vota? nio... no cchiù!...Ah I me

nu pupazziello, nu pulecenella, quando é ’o ’ ^ ve ne servite, e pò doppo’o jettate dint’a muiniezen,° jj & Giacinto —(ad Enric) Richettè. io nun aggio r ^ ^ ■ I fi niente. apit° j C* Enrichetta — Meglio aeeussì! Tu nun ’e a capì mai ni Cesare — Mi dispiace che per causa mia...

Aristide — Io a vuie non ve saccio. Chi site? Che me presentate?

tap.

Cesare — Mi fa maraviglia, come non mi conoscete. i„ ^ sono il giornalista degli scacchi...

SCENA XII.

Ci

Giovanni e detti. M

Ù

Giovanni — Neh! sapite! tanto abbiamo persuaso la signorina, che si è decisa a sunà...venite dinto pecchè vò vede gente assaie, si no nun sona! (©io) M

Barone — D. Aniè, janime nuie. Vi piace de senti sunà Ci a vostra figlia?

Aniello — ’A verità?! Me piacesse meglio e me fa un M tuccariello. Q

Barone — D. Anicllo pensa sempe a ’o scerupp*.! (viano) Enrichetta — Giaci, jamme nuie pure, pecchè chillo

ridicolo nce tocca i nervi (entrano tutti a destra menu j ^ Aristide e Cesare - pausa).

Aristide — E voi non andate? Ci

Cesare — lo l’ho intesa tante volte, die preferisco di fumà ccà fora.

Aristide — Io vi debbo fare la mie scuse.

Cesare — Ma voi, al giuoco,non avite ’a fa chelli parti li ^ Aristide —Ma non era pel giuoco, perchè addietro a li J| succedevano delle cose... ll A

Cesare — Che eosa? ■

A ristide — Eh! na cosa che non v’ ’o pozzo di a Cesare—(M’ha levata ’a soddisfazione!)

SCENA XIII.

Matilde e detti.

Matiluk I». Cenuri, a voi jeve truvanno.

Ctt*AHL Troppo fortunato signora. tof^

Aristide Allora me ue vado lo (suono di P,a“

Matilde No...putite restà..! nuli è cosa svgn’,“

Cesare DI i*he si tratta? [ 43 ]Matildt. Chi so sti doie sorelle Rasparo? Voi, cornine ’a giornalista,’o potile sapè...

Cesare — Chi sono? O chi erano?

Matilde — Di ci teme prinmie ehi so mo.

Cesare— So doie stravise che si credono «loie celebrità. ’A primma la cantante ha debuttato al Bellini poche sere fa; non è piaciuta, e per poco non l’hamio fischi at al La seconda sona benino ’o pianoforte... ma tene na superbia.

Matilde — E cheste se vede 1 È overo che so state all’Èstero?

Cesare—So...so state ’a porte ’e fora, pe fa danare, ma mi hanno fatto niente e se ne so turnate comme so partitei Ecco le due celebrità 1

Matilde — E primma chi erano?

Cesare — Due lazzarelle figlie ’e nu cantiniere ricco, che l’ha fatto studià ’a musica. A primma se chiamms Mariuccia, ’a seeonda Nannina.

Matilde — E mo pecchè hanno cagliato nomine?

Cesare — Pecehè, ’e nomme lloro non erano artistici t se fanno chiammà Elvira e Ida.

Matilde — E che condotta tencne?

Cesare — Me parite nu maresciallo ’e Carabiniere! La condotta che può tenè sta gente lloco! Vanno truvanno chi tene ’c denare!

Matilde — E comme va ehe Eduardo ’o figlio e D. Vincienzo le va appriesso I? Chillo è nu spiantato I

Cesare —Se vede. Signora mia che non sapete sti cose. Eduardo è uno di quelli che non caccia denari...anze...

Matilde — Uh! vuie che me dicite. Chillo s”a da nzurà e fa sti cose?

Cesare — S’ha da ’nzurà? Chi ve l’ha ditto?

Matilde — Fa ammore cu na signora amica mia.

Cesare —Ah I si 1 (sorride) Na vecchia! lo so! le fa tanta regalucci, le da pure ’e sigarrette!... Ah! Ah! Dieite a sta signora... amica vosta... che ’o lasciasse!

Matilde — Na vecchia I

Aristide — Ma vuie ’a cunuseite?

Cesare — Non lo so! ’O dice isso!

Matilde — Oh! chesto ha saputo fa chillo scellerato! Lassa asci ccà fora a isso e a chella figlia e... che le voglio scippà ’a faccia a tutt* ’e duie!

Cesare — Signò, pecehè ve pigliate tanta collera?

Aristide — Nun l’avlte rapite ch’a signora è essa?

Cesark—E vuie site ’a vecchia? Che imbecille, ha avuto chesta fortuna e nuli lu sa conoscere!

Matildh—L’è ghluto *o grasso ’o core! Nu muorto ’* [ 44 ]fummo! Pezzentonc, isso o tutta ’a razza s0ja tono nacamniisn neuollo ’a lene pecchènrev* fatto io! a8f"»

Aristide —E la sorella? Ina civetta, ehe nun ce &t. simile sapite eh’ a fatto? nii ha piantato, e si è tJ! \ a fa l’amore e’ ’o Baroncino. ,a

Matilde — Cu chillo povero infelice?

Aristide — ’A visto che chillo è ricco... e è scemo... Matilde — Essa accussì ’o va truvanno.

Aristide — A’ fatto parlare il Baroncino col padre, [| quale subito ha acconsentito.

Matilde —E chillo dice sempe si, chillo piezzo ’e bab. basone. Essa se crede che s’ o spose. Ha fatto male ’e cunte f Là nce sta ’o Barone...

Aristide — Il quale non acconsentirà giammai I Matilde —Vuie nun l’avita da chiù cunfidenza. Aristide — Io le debbo dire un mondo d’ingiurie. Cesare—Vedite che guaio ho fatto io!

Matilde — E vuie che nce trasitc? ’O primma o doppo aveva veni ’o nudeco ’o pclleno!

SCENA XIV.

Custanzella indi Enrichetta e Giacinto dopo il Barone e detti (tutti dalla destra)

Custanzella — Me ne so asciuta pecchè ine seccava d’a senti. Aggio avvisato a tutte quante che se ne ascesero a uno a uno.

Matilde — Avite visto che ha fatto chillo svorgi»gnato d’’o figlio vuosto?

Custanzella — C’ha fatto chella povera criatura?

Matilde —E comme nun ’o sapite? Se sta squasiani»«> ’a stasera cu ’a signorina che sona.

Custanzella —E chillo è figliuolo a dà fa na rosa!

Matilde —Addà fa ’o canchero I t|.

Custanzella—Comme state nfucate... Donna *•’

Matilde —Avarria sta nfucata assale!••• E n a^‘ ragion.- I •

Custanzella —Avarria sta nfucata io po chello1 * j vedennn!

Matildl Che valile vedè vuie? Nun >*■*1 %i*iì niente! slnd vcdarlsseve chello che fa a f 1 c* *O Baroncino.

L?imt:HkTTA — (uscendo con Giacinto) Che Mail, latrine *entl. [ 45 ]%

it.

TO

rioj

v

?

/

ii1

i’/

j^aTilde— E arravugliato stu povero scemo, pè vedè si Pnò fa stu matrimonio 1 Giacinto — Prego credere, signora, che lo nun sò scemo l scemo è lei I Io amo la signorina Enrichetta, m* ’a voglio spusà, e nun aggia da conto a nessuno 1 Perone — (uscendo) Comme, nun ’e a dà eunto a nisciuno?Pshiciietta—(fingendo di piangere) Ahi... Signor Ba.

rone... se avete cuore, se amate vostro figli».. Aristide —Nini ’a credite I... Fà sempe chesto!...

Barone — Ora mio figlio verrà con me, e qui non ci metterà più il piede!

Enrichetta —Ali I 6 troppo... è troppo... ah! ah!... (sviene)

[Giacinto - Richettella!... Richcttella!... (le va ricino) Custanzella — Povera figlia! Pè venuta na cummertazione.

SCENA XV.

Vincenzo, indi Elvira ed Ida seguile da Giovanni, Eduardo, Aniello e delti

Vincenzo —Che è stato? (vedendo) Uh! Richettella sta svenuta

Matilde — Nun ve. pigliate appaura, che so’ vuommeclu*...

ino le passano.

|Enrichetta —(rimettendosi subilo) ’E vuommeche ’e faie tu cu fraterne, pecchè eli ilio è picconilo e tu si vecchia. Matilde — Richettè nun me fa mettere nterra pecchè si parlo io... ccà vene ’o 18 l Custanzella — Pecchè? che avita dicerc?

Matilde — Vuie v’avarisseve ’a sta zitto 1 lo tengo rrobha assaie nciiorpo. pLviRA — (uscendo seguili dagli altri). Che ineducati...

che scostumati I... avete lasciata mia sorella sola. I ehe suonava, e ve ne siete usciti Udii «lidia sala! jfDA— Ci si perde di condizioni a venire in queste case F^vira — Siamo siale ingannate ita Giovannino e d: Eduardo. Supponevamo di venire in una casa di si Knori, ed invece siamo capitai** in una casa di lazzari L di pezzenti.

lr«TAN

■■ < zeli.a - Comme ’a casa Papà, prendi subito Stiamo andarcene.

A Non vogliamo restare piu Vo,gogna di essere vellute. ‘Ujb—(ironica) E sicuramenle

mia è casa ’e pejtnlcnti*? le mantelle, perchè v«h

qui, perché abbiamo

che le!«...«**» [ 46 ]9

’e veni ccà ’ncoppa... pecchè ’e signurine hanno a sempe ’o lacchè e ’o canimariere I!... Nun se ricor,^0 cchiù quanno stcvene abbascio ’o Pennino, dint/*!0 cantina, nzieme eli’ ’e sciaquanfe.

Elvira Neh! Nannlna... Nannina... tu *a stai©sentenn

Ida Neh! Mariù... Che r’è ’o fatto?...

Matilde -Se ve<lc che siL. «loie canteneiv!

Ida Nuie simnie «loie cantenere? e tu chi si?

Matii.de - Sò na signora! Capisce?

Ida -Va là... xeiò là... vattenne!...

Elvira -Slaile zitto tu, Nanni, mo parlo io!

Matii.de - il asciuta ’a guappa mmiezo!

Elvira Seli! m’ha fatte piacere!... ammacaro te pozzo r is po mi ere a lengua mia!

Matilde —Clic me può rispondere? mò avite cacciata ’a superbia pecchè lenite ’e denaro.

Elvira Nuie tenimme ’e «lenare, ’e ovcro èie vuie che lenite? sti quatte vrenzoleappese 1 (letocca l’ubilo)

Custanzella — Neh I mia signò 1 vuie addò ve credile che state; abbascio ’o Lavcnaro? ccà siate dinl”a casa «li una signora publica.

Ida Mariù, iammuncenne, si no nun saccio chello che faccio!

Elvira - (ponendosi la mantella) Vonno tonò pure ’a sucictà!... ’E meglio che ve n’accattavevc lupine sii «lenare che avite spise p’’o scisto.

Ida —Tenene pure ’a faccia tosta, d’invita ’a gente.

Elvira — (nell’uscire) Pezzentune, muorte ’e lamine nun ve ne mettile scuorne, vi ehe bellu S. Vicienzo!

fine del secondo atto [ 47 ]ATTO TERZO

casa di Matilde. La disposizione della scena, sin 7> porte, c/n* per /e fine sire è uguale alla precede n te t .j,. il parato ai muri che deo*estere differente. In

i lo vi è una mensola con specchiera, l’altra parie po* Nord riempila dal dipano che pprlerunno

, iscena. parimenti le sedie di Vienna, che porteranno ■ranno distribuite per la scena. Jn mezzo vi è un tondo

( )/? tappeto.

Raffaela (e/ie sta presso la porta in fondo) e Pasquale (seguito da un facchino che porla il divano) Raffaela —Pascà, min tc ne j ancora, Pecche’a signora mia to vò par là.

Pasquale — E che vò?

Raffaela - Nun ’o saecio! Aieressera turnaie a vascio elle pareva na pazza. Che fuie ’o faite? Pasquale - Nun ’o ssaeeio buone. ’E sentette mparulià a tutte quante!... Raffaela —’A puverella... s’avette Pigliù eollera assaie Pecchè tutta stanotte non s’è eueeata. Pasquale — Gheste so’ mala genije, accussì hanno fatto eu tutte quante... se so appiccecate sempe. Haffaela—Statte zitto... vene ’a signora.

Matilde — ( dalla destra) Rafè, ’e fatto ehiammà a Pascale? Pasquale — (avanzandosi) Signò... ’o ccellenza!... I sto ccà 1

SCENA I.

SCENA II.

Matilde e detti. [ 48 ]Raffaela — M<» ’a Purtato ’o divano e ’e seggie.

Matilde — (con rabbia repressa) E bravo ll...

Pasquale — So’ venuto slammatina duie giurnalc, Uno pe vostra eccellenza e n’auto pe ’o signore abbascio. Matilde M»ettelo lloco ncoppa, nun tengo capa \

leggere *o giurante...

Pasquale — (lo pone sul tondo di mezzo) Signurl, che m’uvita dicere? pecchè io aggio lassalo ’o puri one sulo. Matilde — Te vuleva «licere ’e mettere ’a siloca, pecche io ine voglio subbaffittti ’a casa.

Pasquale —Signora mia, nce vulite lassò?

Matilde Io min ce voglio sta cchiù «lini’ ’a siti palazzo! Pasquali: - E io na signora tornine a vuie addò ’a trovo?

(suolio di campanello, Raffaela va ad aprire e torna) Matilde Miette ’a silo«*a, clic po’ quanno affitto ’a casa le regalo buono.

Pasquale A me clic me ne preme «1* ’o riale... me preme ’e vuie!...

SCENA III.

Raffaela (di ritorno), indi Aristide e delti.

Raffaela —’O signurino ’e coppa.

Matilde —-Ali! D. Aristide? Fallo trasì.

Rapfabla — Signori, Irasite.

Aristide — (porta un pacchetto legalo con nastro). Scusate L). Matilde, che vengo ad importunarvi cosi presto.... ma io non lio potuto chiudere occhio tutta la notte. Matilde Accussì è successo pure a me! e mo che peniate ’e fa?

Aristide — Le voglio restituire tutte le sue lettere.. Matilde — E ne’ ’e vulite purlà vuie abbascio?... Aristide —Non la voglio vedere più, a quella civettai Matilde — E manco io voglio ve«lè chiù a chillo lazzarone. Aristide — Intanto, io vorrei parlà cu D. Vincenzino... Matilde — Maunatelo a chiammà, tacitelo veni ccà Ahistide — E voi lo permettereste?

Matilde — Le voglio di quatte maleparolc a uso mio. Aristide (vedendo Pasquale) Ali 1 Pascale sta ccà? Pasquale —Signurl, cummannate quacche cosa? Aristide —Metti il si loca pel mio quartino, perchè il 1 Maggio voglio sloggiare.

Matilde — ’O stesso l’aggio ditto pur’io 1

Aristide —Bravo l siamo ili accordo I

Matilde — Pascà, mò che sciime dille ’e parte mia a D. [ 49 ]atto TEnzo

49

olir, favorisce qua sopra Pecchè io a D. »’i»ccr!,l"nce villini mo parlà.

M° Vt‘ st’rV0‘ Vulile n*ientc cchiù?

So... grazie... te ne può j. servo ’o ccellenza (via dal fondo)

\h*QVtiXf‘ Raffaè, arape "a Porta e vattenne dint* ’a accussì nun ’o salute mo ehe vene. cU1.a Ahi-- cPPure (licite bbuono! Io salutava jJAFjAjSS(>... è pazzo! (via dal fondo a sinistra, poi ripassa I a destra).

(aTILdf.—- Ma ehe vulimmo crescere? assetlammoce

nu poco I (siedono ai due lati del tavolo di mezzo).

A ristia e Mo che viene D. Vineenzino io le dongo stu pacchetto di lettere e doppo lo licenzio. jIatii-de — Io le dongo ’o ritratto d’Eduardo, e accussì si.’minto parapatte e pace.

Aristidi: — (Che avrà preso il giornale sul tavolo) Chè? ligule Pure ’o lanfulla.

Mat i di; Nonsignore... mo me l’hanno mannato P’ ’a posta.

Aristide Chi ve lo ha mandato?

.Matii.de Nun ’o saccio... Ati 1 credo D. Cesarino.

Aristide (che d spiegato il foglio) Ali I qui vi è un segno rosso. Vuol dire che nce stà qualche cosa che ve riguarda...

Matilde — A me? E che Pò essere?

Aristide — Adesso vedremo: (leggendo) Mosconi in giro.

Matilde — E che d’ è stu moscone in giro?

Aristide — E’ la rubrica mondana (leggendo) «San Vincenzo in casa Paletti »

Matilde —-Ah 1 aggio capito 1 Chisto è Don Cesarino ehe à scritto ’o fatto d’aieressera neopp’o giurnale ll Benfatto si l’ha puoste neoppa ’a nu puoreol... che nc’aggio sfizio 1

Aristide —(leggendo) «Ieri sera in casa del noto maestro « Paletti, una eletta schiera di signore e signorine,

« nonché distinti letterati ed artisti, si era dato con « vegno per festeggiare l’onomastieo di quel simpaticissimo musicista. •

Matilde —Mo sentite ehello ehe le dice appresso I Uggite, liggite...

Aiustidb — (legge) «GII onori <ll rasa erano lutti il.i.|u.-lla .colta e distilli a donna. che è la signora Paletti, e .dalla spirituale ed affascinante sua figlia... signorina «Enrichetta, con quella squisita cortesia e nobiltà «che tanto le distingue. [ 50 ]Matilde — Sclù! pe la faccia soia! a isso che Pà •

Uggite... Uggite...

Aristide (legge) « Si fece dell’ottima musica 1 |nt «vennero anche le celebri art iste, sorelle Raspai*!* quali deliziarono l’uditorio per la loro valentia

v Iurte del canto c del piano... seguirono animatei* danze, dirette da quel brillante e gaio nostro ami<>0 «Osarino Triglia».

Matilde — Se l’à scritto isso stesso, tene na bulla faccia tosta.

Ahistide (legge) ’ Ingomma fu una festa indimentL

tabi!-,e noi auguriamo di cuore al bravo maestro Paletti che ripeta per molti anni ancora queste

«deliziose serate. < Che ve ne parf?

Matilde - Sciù I pe la faccia loro! Nce vo’ nù bello ■ curaggio, pe di stu cuofene de buscie.

SCENA IV.

Vincenzo e detti.

Vincenzo — (di dentro) È permesso?

Ahistide ’O vi lloco nun ve facite avvedè sbattuta... Vincenzo — (di dentro) ’E permesso?

Matilde — Nun ve facite persuadè d’ ’e chiacchiere. Vincenzo — ’E permesso?

A kistide — Questo debbo dire io a voi l Voi siete femroena, siete più facile a cadere.

Matilde — Io so forte assaie 1 Mo ’o vedite!...

Vincenzo — (fuori) ’A porta steva aperta, ho domandato tre volte è permesso e nisciuno m’ha risposto, e io traso.

Matilde — Vi dobbiamo dire poche parole io e D. Aristide.

Vincenzo — Io sono venuto per ricevere i vostri comandi. Matilde — Preghiere sempre.

Aristide — (fa gesti di non essere tanto gentile).

Vincenzo — (dopo lunga pausa) Be 1 nisciuno parla? Aristide — D. Vincenzi, io da parte mia. sarò brevissimo. Ve dico sulamente ehe vostra figlia è una civetta e voi siete un Padre troppo condiscendente. Quindi io ritiro la mia parola, e vi restituisco la sue lettere e ’o Portafoglio eh’essa mi regalò.

Vincenzo — E ehest’è tutto?

Matilde — Io tengo sulamente stu ritratto \ Votro figlio che s’ha fatto cu ’e denare miele, Perciò n’avette [ 51 ]pigliafavillo... perché nun ’o voglio vedè

t-, i manco pittato.

|VtN< > — Seh I E bravo I Avite fatto ’a cungiura

■ tu’1’* ’c duie?

|j{AI No!’a cungiura l’avite fatto vuie!

[Yin » -No, l’avite fatto vuie!

fAn!> noi l’abbiamo fatta, avevamo tutte le

i.. oiii di farla.

Jviv > - No... scusate... avete torto. Pecchè non . palina na povera piccerella, pe dirle poi, doppo mi fillio quasi, che nce avite fatto amniore, chcste s«> V lettere toie, statte bbona!

Aristidi: Ali! sta a vedere che aggio tuorto io, mò?

jKatilde— E a me pure me date tuorto?

Vincenzo — Voi avete cchiù tuorto d’isso pecchè si D. Aristide tene nu piccolo appicco vuie nun netenite nisciuno.

Aristide — M’ o chiaminate nu piccolo appicco?

Matilde — E’ sulamente na faccia tosta comme a vuie po di sti cose? Chillo aieressera facette chello poco, cu chella cantenera.

Vincenzo — Mio figlio quando ha dato la sua parola la sostiene.

M atilde — E che isso ’a sostene, a me che me ne preme? Mo soiig’io, che nuli ’o voglio cchiu.

Vincenzo — ’O vedite comme ve ne venite! Site vuie, nun è isso 1 Intanto Richetella chiagne e se dispera pecchè vo vedè Aristide suio. Eduardo che s’è ridotto no stonato e parla sempre che vo fa pace cu vuie! E’ una cosa che fa piangere e tutte quante...

Aristide (fa segni a Matilde di sostenersi) — Ci dispiace di quello che succede, ma la nostra decisiine è presa.

Vincenzo —Ed avete cuore di abbandonare quella ragazza?

Aristide —Ve site scurdato ’o fatto di ieri sera.

Vincenzo — Uh! Voi attaccate idea a quello ehe ha fatto una ragazza innocente.

Matilde (ironica) Uh! D. Ari, voi attaccate idea a certe cose?... t

Aristide — Ma voi pure accettaste! (a D. Vincenzo).

Vincenzo — E doveva fare cosi, là per là, pe nun ’a fa piglià collera! Po, stammatinn l’aggio fatto na bella predica e essa se n’è pentita.

Matilde (c. s.) — Ah! quanno nce sta chesto, allora è n’auta cosa. D. Ari vuie accussì state sicuro! Pecehè quanro v”a spusate si ve eombina quaeche servixio [ 52 ]52

na SUCIETÀ *E MEZE CAZBTTB

vuie allora le faeite na bella Predica.... e essa qUa

è doppo se ne Pente.

Vincenzo —’O vedite comme attizzate ’o luoeo? Matilde — Uh I D. Vincenzi, vuie a chi vulite fa animum

sii cose?

SCENA V.

Custanzella», Giovanni e detti.

Custanzella — Signori miei, scusate se vengo pure io, ma a Uà ddereto, me sentevo fragnere ncuorpo I Aristide — Voi eravate il corpo di riservai Giovanni (fuori) — Cara cummarella... (a Matilde) Cump ari e lo bello (ad Aristide) Io ve chiammo accussì Pecchè vuie faeite parte d’ ’a famiglia nosta. Matilde — V’avite purtato pure ’o Paglietta aPPriesso?

(tiovann i —Aggio voluto sagli pur’io... V’avesse ’a dispiacè Matilde — Nonzignore, vuie site ’o Patrone!

Giovanni—’E che se tratta? dieitemmello a me! Matii.de — Faeite ’o scemo!... comme nun ’o sapite. Giovanni—Uh I se Parla ancora d”o fatto d’aieressera? me parite duie guagliune! Vulite vedè comme va persuado ampressa anipressa? (ad Aristide) A vuie Richettella che v’ha fatto?

Aristide — M’ ha piantato pe mettersi a fa Fammore col Baroncino I Giovanni — Ve pare che puteva essere overamente che chella lassava a vuie pe se mettere a fa animore cu chillo pupazziello ’e gesso!

Matilde — ’O fatto mio pò è gruosse assaie! (a Vincenzo) Sapete eh’ è ghiuto dicenno ’o figlio vuosto dint’ ’o cafè? Ca isso faceva ammore cu na vecchia e che ’a cufflava pe le scippà ’e regale I Giovanni — Uh 1 vedite quanta buscie! Siete vecchia voi? Eduardo anze ha ditto sempe. Tenga ’à nnammuratà mia ch’è ’a capa sciasciona 1 E chi ve l’ha ditto? Matilde — Chi m’ha ditto è uno che sape tutte cosa... Giovanni—Certo è stato D. Cesarino?

Matilde — Si... si... D. Cesarino ’o giornalista.

Giovanni — E vuie credite a nu giurnalista? Chille quanne

seri vene nun dicene mai a verità....... figuratevi si ’à

dicene quanne parlano!... ( prende il giornate sul tavolo) Vulite vedè comme v’ azzoppo? Uggite sti duie parole.

Matilde — L’aggio letto. [ 53 ]vi — Ebbè nCC Sta n,ente ’e chello ch’fe *ucclc»»o I.|,,v*S(i>st,r!i? I>:> che sto putite capi che chino v’è venute [ 1,ll c,,°renc,le «Nacchere,e vuie sceme sceme

  • cr„vite nmmuccato! Iamnio, scennite abbascio che

Vt Ili P°vere Plcciri,,e v’aspettano! t b _ No... io so femmena, e abbascio nun ce sccnno.

»f4r,Art<iA v*nì ÌSS° Crà’

M E ve v°8,i0 cuntcntà pure a chesto 1... lam0<°VAìCr cumpà, cummii, Quanno è tloppo D. Matilde e p Aristide nep porleno a mangià ncampagna a

tutte quante.

pe lo vengo, se D. Aristide dice si...

^AT,,|t>E - J° vtn8° se D. Matilde acconsente.

A»«»tkNI va bbuonó! dicite ’e si tutte ’e duie...Iam(pian» a Casi.) Avimmo fatto ’a botta!

4N7.ei.i-a (piano a Giovanni)— Tu si ’o capo mbru^glionc, i in "e mbrugliato pure a me povera figliola 1 (viano dal /ondo tutti e Ire).

SCENA VI.

Raffaela dal fondo e deili.

Raffaela — Signò, se ne so ghiute?

Matilde — Mo tornano ii’auta vota!

Raffaela — i a di che avite fatto pace?

Matilde - l’.’- ’•••• D. Aristide ha ditto ’e sii Aristide - Io? Io non ho detto niente!.... Siete stata voi die avete incominciata a duhhitare per il fatto del giornale.

Matilde — Io ho dubitato ma vuie site rimasto muto.... Raffaela — Va buone avite ragione tutte e duie... Che l’aggio dì a Pascale p ’o fatte d’’e si loche.

Matilde — D. Ari, che ne dicite?

Aristide — Quello che dite voi I Matilde — Io a vurria levà la mia?

Aristide — Allora ’a faccio levà Pure io l Matilde —, Allora Rafe di a Pascale che ’e si loche ’e levasse.

Raffaele — Va bene! (io lo sapeva che accussì jeva a lenii ’o fatto) (via dal fondo)

Matilde — Vuie Po m’avite ditto bisogna essere duri.... bisogna sostenerci... e nce site caduto ’o Primmo. Aristide —Pecche ho visto che voi stavate cedendo...... Matilde — Ma vuie cornine a omino aviva essere cchiù tuosto e me che so femmena.... scusate... [ 54 ]Aristide —D. Mati, confessiamolo francamente

siamo stati deboli lutt’è duie 1

Matilde — Sì, è vero!... E ’o Signore nce ’a manna bon appriesso!.......

Aristide — Io ’o capisco che non sarò felice con qup)ia donna; pe me ce vurria na figliola che me vulec>Sl, bene assaie; che me facesse truvà tutte le cose in ordine.... che me cianciasse.... questa sarebbe la massima felicità!.......

Matilde — K io passo n’auto guaio cu Eduardo!... nu cattivo suggetto! Tengo proprio ’a mala sciorta! Chillo che me vuleve tanto bene murette e io nun aggio trovato n’auto accussì! (durante questo dialogo Aristide e Matilde ehe avranno le mani sul tavolo, involontariamente si stringono te mani).

Aristide Peccato che nce simmo cunusciute quando eravamo già impegnati 1

Matilde — Veramente peccato! Si nce fosseme cono sciuti primma.... chi ’o sape chello che puteva succedere*...

Aristide — 1 nostri caratteri si accoppiavano benissimo.

Matilde —-Avita vedè po si nce steva ’a simpatia?!

Aristide - Oh 1 altro! Vuje site na simpat icona!

Matilde — Ma so vedova....

Aristide — E che fa? Quanno nce sta ’a simpatia nce sta tutto.

.Matilde — E veramente me spusarrissevc?

Aristide — Con tutto il piacere... ma noi siamo già impegnati e nun putimmo retirà ’a parola.

Matilde (eh’è rimasta fredda) — Ah! già... m’aveva scordato!

SCENA VII Raffaele indi il Barone.

Raffaela (suono di campanello interno) — Signò, hanno tuzzuliato ’a porta.

Matilde — Saranno lloro, và ampi... (Raffaela via)

Aristide — Alziamoci e riceviamoli con freddezza!

Matilde — Facimmece pregà n’auto poco; alla fine sono essi che hanno bisogno di noi.

Aristide — Proprio così!

Raffaela (fuori) — Signori, ’o Barone!

Matilde (meravigliata)—’O Barone, e che vurrà? Fallo trasì (gli va incontro) — Signor Barone, quale onore di ricevere una vostra visita? [ 55 ]..............................

""/li...ZTr’.°’l Va a cbi«m™» - D vin BaRONL \r, V° ° Baro,,t’ (Raffaela via).

f, L " • ‘li darvi questa noia.

Matilde -ho illM| m| avpte ||a(o neJ.suna iu>lH

anzi siete tan’> mona compagnia che fa piacer** stare insieme.

Barone (Aggio < ■ « s’è innammarata ili

me). No.... io solo due parole debbo dire a D. Vincenzo, nce ’e dico, subito subito e vi tolgo il fastidio!

Matilde — Ma che fastidio! fc un piacere! E un onori. Barone Non c’è dubbio, quest’è cotta per me!

SCENA Vili Vincenzi no e detti, indi CustanzElla (di dentro) Vincenzo Barò, mi avete fatto chiamare? Quali coni an «li?

Baho.m: l<> sono venuto per darvi una piccola preghiera!

Vincenzo E perchè non scendiamo abbasso, qui vi

è gente.

Barone Ma questi signori ’o fatto ’o sanno tutte quante. jerisera se ne fece quella pubblicità!

Vincenzo (scherzando) — Ah! ’O fatto d’ ’a piccerella mia. c”o piccerillo vuosto?

Barone — Mio figlio a casa mi ha detto tutte cose.

Vincenzo — E che vi ha potuto dire?

Bahone (ironico) — ’A criatura vosta I ’O facette parlà cu vuie che dicistcve subito «li si, senza ch’io ne sapesse niente 1 Caro D. Vincenzino. questo non sta.

^scenzo (ridendo) — Ah! ah! E voi l’avete creduto?

Ustanzeli.a (di dentro) — Viccnzl, che faie lloco? HumPete ’e gamme ccà abbascio.

^^cf.nzo _ \u mumento... nu muinento! Sto parlan (. n« e”o Barone!

j’ ^nzella (di dentro)—Humpetellc tr e ’o Barone I... v ^’»NK - Grazie tanto d”o complimento.

I ’N7f) So femmene! Avite cumpatl.

s’- Basta. D. Vincenzi, ’o fatto comin’è ghiuto

nnZi ’’ ° PaZZÌa 0 verità’ a mc nun ne importa [ 56 ]Vincenzo — Bravo! Si vede il Signore nobile I n $i gnore di cuore.

Barone Io ho detto a inio figlio rii.- per levare r0c_ casiont* non fosse venuto più a ca«a vostra 1

Vincenzo — E avete fatto bene, si vrd il Signore in. (cingente, ha pensato di non mettere t’esca al fuoco.

Barone — E siccome ’o voglio fa ripo-à nu poco, cosi ho pensato di non farlo prendere pia Azione, perciò è inutile che v’inconiodiatc di venire a casa mia.

Vincenzo — Uh! mo siete un porco l

Barone No. siete un porco voi che fate sti cose 1

Vincenzo — Siete nu porco voi, che pe sparagnà venti lire ’o mese avite travate chesta scusa.

Barone - E vuie avite fa ’o masto ’e cappelle nun avite fà ’o ruccorucco ’e vostra figlia

Vincenzo — Ah! a me! questo insulto! Sapite pe quanto i nun ve melico a coppa abbascio?

Barone — Io vi piglio a calci e vi caccio fuori l

Matilde — D. Vicenzl, jatevenne, levate I’occasione ( Vincenzo na ria borbottando).

Barone — Signora mia, vi domando scusa se mi sono lasciato trasportare: ma cu chesta gente accussì nce vo! Volevano mbruglià chillo povero piccirillo d’ ’o Baroncino... Ditemi voi? Chillo è ommo che se po nzurà?

Matilde — E io che ne saccio?

Barone — Nun è tiempo ancora ’e penzà a sti cose... debbo prima pensare a me.

Matilde Voi siete giovane ancora, nun siete brutto, troverete cento matrimonii.

Barone —E po io sono ricco, teng”o titolo, il partito non c’è male...

Matilde — Speriamo che troviate na signora stagionateli che fa per voi.

Barone — Nc! chi v’ha ditto, ch’io ’a vaco trovanno stagionatella? Io invece la vorrei fresca, piuttosto simpatica (piano). Come voi per esempio 1 Mi dispiace che non vi posse parla pecche nce sta stu giovane presente I (forte) Basta, ci vedremo, vi verrò a trovavare molto spesso e parleremo a quattr’occhi l Voi siete vedova, io sol c vedovo...e chi sa che potessimo cumbinà qualche cosa di buono. Ma nun v’ammulnate ’a mo. Io non posso ancora sbilanciare la mia parola! Io v’aggio primma scanaglià assaie 1 Voglio sapè: cornine ’a ponzate, che tacite, che persone cunuscite mi dovete raccontare tutta la vostra vita e quella del fu vostro marito I Ma non nce mettite ’o penziero ’a [ 57 ]I facile cunte comme io nun v’ave^c ditto niente...

| I !iè si quaccosa non mi persuado io..

, (scattando) •— A vuie <

1 , I; i? I >«-<<• In* v’mikii 1() (j(j.,ni.

itcva na cantimplora comme a vuie vicino, acH,cu i sarria morta doppe i.u nt’*se ’c matrimonio! Io Unti’» nu giovane, ’o capo giovane overamentc chic eli*1 |lie vo veramente bene, <• a isso me voglio spu&à. inK Ma ’o tene? *01 x^tilve — Barò, io vaco truvanno ’o marito, no ’o tiI tolo. Che me ne faccio? M”o metto a tavola?

Barone — E chi è stu giovane? ’O voglio conoscere I >UTiLPE (imbarazzata) — Ecco quà ve lo presento: Il Signor Aristide De Ftinis.

Aristide —Per ora studente, l’anno venturo sarò dottore in medicina e voi resterete sempre quello che siete 1

Barone —■ Nu piezzo... gruosso, nu barone I Aristide — E che so?...

Barone (a Matilde)— E quanto l’avite cumbiiiato sta matrimonio?

Matilde — Stammatina, doppo che iere sera m’appiccecaie cu Eduardo.

Barone (irritato) — Nun avite perduto tiempo! Site iute ’e pressa 1 Che diavolo stivevo allangato pe truvà marito 1 Vuie ehe specie de gente site? Uno ne lassate e n’auto ne pigliate 1 (via borbottando)

Matilde — D. Ari, voi mi dovete scusà, se io v’aggio ditto na buscia; ma è stato pe me levà chillo guaio a tuorne!

SCENA ULTIMA

Raffaela, indi Custanzella, Vincenzo, Giovanni ed Enrichetta.

Raffaela (dalle stanze interne) — E prosite., e prosite! Aggio ntiso tutte cose 1 Pozzo fa mettere n’auta vota ’a si loca?

Matilde — Si falla mettere subito, e sta vota nuli ’a levamine cehiu (suono di campanello) RafTaè va arapì.

Aristide — ’E vi lloco loro! Hanno avuto fedirà pe saglì ccà neoppa 1

Matilde — Nun sanno ’a sfugliatella che le stà astipata?

Vincenzo (fuori)—Eccoli quà, sti doie eriature! Hanno il Pentimento scolpito sulla fìsonomia.

Giovanni — Lasci ate sta vuie 1 Chesto spetta a me I Mo [ 58 ]lire stongo io che rumbino tulle rose, eppoi |>. «It* v 1). Aristide. nrc puriarranno mampagna a ilM| t- là suggfllamnra pare I

Custanzella — Po na pazzia ’e orlature rarlle tutte ,t, chiacchiere! invere ’e sta allegro cfu- t mugliera vc>sta frirrerarella !

Aristide — Mugliera ? !... Quaruio la sp-j» ró ..1-. <|ti) Sfa il «li Airi It* f

Enrichetta — R visir mammà, tu tu * vi'.lufo purtà pP forza rcà nroppa !

Vincenzo (interromptndo)—-Questo è il ,*ì,> irò Aristide per il quale stai picciando ’a stanotte , v he luti volutu vedere l

Enrichetta — Alluri maie I A me min me pass;* manco p”a capa ! Essi, pare che fossero remule l’uommene ncoppa ’o mulino !

Vincenzo — Egli li ha già perdonato lo scherzetto di ieri sera.

Aristide — Cioè, cioè, io uun aggio perdunato niente!

Enrichetta —■ E chi ’o vó ’o perdono suio !

Aristide — Ea sentite ? La sentite ? Questo è n’ato schizzo amoroso.

Custanzella — Eduà, e tu nun le dire niente a D. Matilde?

Eduardo — Mammà io sto tanto seccalo tu m’*e vuluto purtà pe forza ccà ncoppa I io nun ce vuleva veni.

Matilde — E pecchè, povero giovine ravite fatto saglì ? Chillo vuleva j ’a truvà ’a cantanta soia !

Vincenzo (ridendo)—Ah! Ali! Quanto so curiuso sti tigli miei.

Aristide — So puntigliuse tutte e duie.

Giovanni —Stateve zitto tutte quante! Mo cuiubino io tutte cose! D- Ari, abbracciatevi a Richettella *e fernite sta vernia I

Aristide — Ma io non —


Giovanni — Zitto. Basta ! Ve lo permetto io ! E quanno io dico una cosa, ’o padre e a’mamma Inuma calà ’a capa e s’hanna sta zitto !

Vincenzo — Cumpariè, chest’ è troppo, aggie pacienzia. Io debbo essere o padre.

Giovanni — Mo iti’ avite fa fa ino.

Enrichetta — Addà essere isso ’o prinimo che ’a da cercà scuse a me !

Custanzella — E chesto pure è overo ! L’ omino si deve sottomettere !

Giovanni — Eduà, tu si omino ? e fa l’ornme ! Va curre va abbraccià a D on n ilde. [ 59 ]Eduardo — E essa clic* risilo ine fn ? ma mo nun so cchlù "> eoniin* ’a prlmma.

Giovanni — (piano ad Enrichetta) Kichetlè.

Enrichetta — No isso m’addà cercà peninone a me.

Costanzella —(che ha partalo con Eduardo) — ’O vi ditv u’M’.r *o piccirillo si è persuadalo ? va ad abbracciò a I Donna Matilde.

Aristide — Xu momento ! Avite parlato seinpe ville, facitrine dire na parola a ine ! Signori, vi presento la mia futura sposa (presentando Matlde). •

Eduardo — Essi /o inobelc è bello !.......

Aristide — Chist è ’o corrivo che te fa parlù! È Icruuto i ’a zezzenella.

Enrichetta —’Nlame birbante! Assassino! Me l’ha fattoi me l’ha fatto apposta!..... (sviene).

Giovanni — Vuie me avite dà a soddisfazione pe l’affrontc che avite fatto ’a cummarella mia I

Aristide — A vuie che ve sape? Che ve mmiseate a fa, pe mmiezo ?

Eduardo — Ari, io t’aspetto abbascio, quanne iesce avimma fa ’e canto assieme (via in fretta).

Aristide — Aspettarne abbascio, ncoppa, addò vurt tu, pecche io vengo !

Giovanni — Cu me nc’ è epoche a fa ’c eunte, ccà adda scorrere ’o sangue 1

Aristide — Vattè tu si nu sbruffone Io min me inetto appaura ’e te I Nè ’e n’aute ciente cornine a te !

Enrichetta — (destandosi dal suo assopimento) lì tu overaniente t’ ’o credive ch’io me sposavo nu cafunciello cornine a te ? Niente chicche adda essere ’o spose mio I Addà essere nu princepe, nu rignante, mi mperatore 1 (via).

Custanzella — Sicuramente! Addà essere i n principe, nr riynante, nu mperatore !

Aristide — D. Vincenzi, e voi a chi penzate ? Che site rimasto di sasso ?

Vincenzo — Sto penzando che per causa della mia famiglia io passo mi cuofene ’e guaie 1

Matilde — E quanne voi tenite na famiglia ’e meze cazette, se capisce che cheste deve succedere I

Vincenzo — Ha parlato sta princepessa «lei sangue ! Nuie simme tutte meze cazette, mia moglie però nu poco più delle altre 1

Custanzella — Cammina abbascio! (lo minaccia). [ 60 ]

Restano Aristide e Matilde soli.

Aristide — Dunque, Matì noi possiamo stabilire il nostro matrimonio?

Matilde — Sì, Aristide mio con tutto il cuore.

Aristide — Noi sposeremo, ma resteremo sempre lontano da sti Società 'e meze cazette!


FINE

[ 61 ] [ 62 ]