Ms. Ricci 176/L'arrivo in Vuoé dell'arma de Franza

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Poesie in lengua Zeneise by Carlo Andria Castagnœua
L'arrivo in Vuoé dell'armá de Franza. Zena insendiá da ra mesima l'anno 1684. Cantilena dro dottó Orlando, dro P. Castagnuoera Giexuitta.
Da-o ms. Ricci.176, Arch. Stor. do Comun de Zena, www.storiapatriagenova.it.
azonto quarche acenti: acento grave = vocale curta, acento aguçço = vocale longa
[ 273r ]
L'arrivo in Vuoé dell'armá de Franza. Zena insendiá da ra mesima l'anno 1684. Cantilena dro dottó Orlando, dro P. Castagnuoera Giexuitta.


1
Canta o' Musa d'Orlando, e ra Vittuoeria
Pubrica pe ro mondo a son de trombe,
Viva de chi patì l'eterna gruoeria
Muoere o Turchin ch'ha desparou re Bombe
Non creran ri lettoí vera l'Istuoeria
Pre quante attestatioin Zena rebombe
Che voggiando fa Cello in fin ro Gallo
Con ro botto tropp'erto ha dæto in fallo

2
L'armà de Franza dette d'in tro sezze
De Mazo appointo quando a vègne chie
Che pre un diná no che pre unna da sezze
A sparava ciù tiri lé con rie
Che con cianze nuoi atri re correzze
Che da Sanna troná foin be sentie
S'armon rò Stendardo puoe ghe reise
A Ziena o commandante assé corteise.

3
Ra Repubrica in tanto no dormiva
Si ben feto l'examme era innosente
Ra Gionta per menuo a discorriva
Quella, ch'a Banchi borbotá ra gente
Pensando che pre atro a non vegniva
L'Armá che per mostrá d'ese potente
Quando serti ignoranti mé compagni
Dixeivan: quest'oxelli son griffagni

[ 273v ]

4
Gran pruoeva gh'era steta, Santolon
Residente mandou pre mendicá
Pretesti, che de bassa condition
Pensava in corte a megió groù passá
O l'haveiva ro genio de Ladron
E l'hebreo battezoù fe assassiná
Non tantosto arrivoù per veì con questo
A ri Giudei de puoei robá ro resto

5
Scropolo per no fase dre Cabelle
O commisse a Sorbonna ri consurti
Ghe fù resposo ch'eran bagatelle
Rencorsi dri pecché quand'eran furti
Eretico sto chi, fin a re stelle
Mesme haveré tentoù de fá dri insurti
S'o l'havesse dovuo ben renegá
Xristo, ra Muoere i Santi pre un diná

6
Ro Re de Franza l'è Christianissimo
Ma ri sudditi son mezi Turchin
A re parolle dæte o pá bonissimo,
A ri feti o l'è steto un po cagnin
No me duoero de lé, chi è patronissimo
Dro sò stato me duoero, e dro destin
De sti poveri s[c]ciavi de Franzeisi
Ch'han l'invidia de vuoi Zitten Zeneisi

7
Retornemmo all'armá de Segnalé
Aspetá da Paraxo i compimenti
Così a zuoeggia seguente fù mesté
Mandaghe deputé de gran Talenti

[ 274r ]

Cioè dri megio gentirommi Zié
Che parlan da Cattoin savij e prudenti
Ma quanto sodisfaro ciù tentavan
Ra breiga e ra lescía ló buttavan

8
Con arroganza grande o se finzeiva
Mille boxie comme cose vere
Ro moù dri deputé ghe respondeiva
Ma con propositioin sempre sincere
Segnalé strapazzava e se rieiva
Comme de strasciná za re bandere
Partin donca da bordo i deputé
Stimando za re cose desperé

9
Troppo longo sareiva ro contá
Dro Monsieur ri pretesti e re proposte
Che comme stravaganti a ogn'un ghe pá
Impossibili assé queste seposte
A i Zeneixi dexé ro puoei pettá
Solo a chi sà negá ro pasto all'oste
De queste n'haverei stampe ciù d'unna
Per di i Granci ch'o pescan d'in tra Lunna

10
A re hore vint'unna re rosette
Se ghe lascian da Zena in tante balle
Doppo che re Galere a re barchette
Nostre fessan vottá e popp'e spalle
Unna ch'era de vin, e de conchette
Carrega, cianze fè molte camalle.
Ro popolo criava: e che ve pa?
Sto Gallo ancon i moscin se vuoe beccá.

[ 274v ]


11
Quando però i Turchin viddan da veì
Tirà contra de ló per daghe in mezo
Com barbare manere fessan vei
Dro má za menassoù a nuoi ro pezo
Pettezan con re Bombe, e che ve crei?
Descian fin re Gallinne da ro vezo,
Ammassan Margaritta in Sant'Andria
Pensando no lasciá pria sciù pria.

12
Mi me trovava monto adoloroú
Per ciù raxoin; e quest'era ro caxo
Primma perchè viveiva inamoroú
Da puoe per l'invexendo dro Paraxo
Un figgio de so muoere apassionoú
Comme mi reposava con desaxo
Pensando ch'a unna bomba era soggetta
Ra Donna de so poere ciù diletta

13
Doe Lalle ancora haveiva, e unna coxinna
Che primma dro foró eran scappé
Verso ro Castellasso a ra vexinna
Villa, donde re forche son cianté
Mi dei man a ra moù, e ra meschinna
Quande fummo a re porte con pieté
Me disse: nevo ti no vuoe vegní?
Regordate che i bravi han da morí.

14
Mi che no me fermei per fá dro bravo
Ma per fá comme fava mé patronna
Ghe respose che drento me ne stavo
Per fá ra descoverta dra Maimonna

[ 275r ]

In tanto ra lasciei e retornavo
A sercá dro mié cuoe serta ladronna
Che spesso se confessa e in concrusion
Muoé se redue a fá restitution.

15
Subito m'incontreì con un prestante
Chi se stimava in longo raxoná
De politica finna, e in quell'instante
Me voreiva con questa un poco insciá
Mi ro lascio li drito, et anelante
Veggo passá de li ro campaná
Onorato Roffian dri Matrimonij
Giastemmoù assé ciù che ri Demonij.

16
Mi sercando ro má, trattei da mego
Così, l'interroghei: gh[']è ciú de nuoeo
Ma questo con bellissimo ripiego
Me disse: ra Gallinna ha feto l'oeo
Sentime un pó ra verité ve spiego
Zaninna corresponde a vuoi non truoeo
Puoei ben ese dottó, sarei Vicario
Ma lé ro vuoe ch'o sé de semenario

17
Allora mi pensei ch'era un erró
Per questo de piggiá malinconia
Cupido fù stimoù sempr'un treitó
E re Donne assé pinne d'arbaxia
Con che pregheì ro cancaro all'amó
E a questa lęra chi vuoe fá dra pia
Così vozando tutti doi re proe
Se le con unna man, e mi con doe.

[ 275v ]


18
A ra nuoette re Bombe andan tronando
E fessan d'in tre case horrendo stratio
Sarzan mezo rovinna menassando
E ro mesimo fè quarche Palatio
Gravia ra camerera e lé cianzando
Era restá con mi da S. Pancratio
Vorendo appartorí mi pre aggiuttara
Un herba me pareiva tropp'amara

19
Me n'escio a ra mattin per desperoù
E truoevo che Zaninna e à ra fenestra
Ch'a l'haveiva un mostasso d'araggioù
E vuoe dame ro pan con ra barestra
Ma finzandome mi poco artaroù
Con bello muoeo ghe frugo in tra menestra
Criando: stemm'allegri n'haggié poira
Mi ro mannego son, vuoi ra spassoira.

20
Pú se ve scompiscé presto ve lodo
Metteve in sarvo vuoi con ra famiggia
Corpo d'un solennissimo berodo
Con meigo solo vorei fá dra figgia?
Mi de veive patí serto non godo
E troppo ra pieté de vuoi me piggia
Osciù chi ha feto trenta fa trentun
Zoveni no morremmo ciù nisciun.

21
Con questo a se n'andò serrò ra casa
E mi ciù no passei per tá contorno
In atro luoego s'assendè ra braxa
Donde portò Zaninna ro sò forno

[ 276r ]

Si me croù ch'a restasse persuasa
Che mi comme farfalla sempr'intorno
Sgorava con affetto a quello lumme
Che troppo bello m'ha bruxoù re ciumme

22
Vègne donca ra seira, e a ben che andęto
Foise sotta ro só, parve o nascesse
Stante che dra so luxe ro retręto
Pareiva Zena che de sciamme ardesse
Sacrilego ro fuoego per despeto
Finna re Giexe devorá o voresse
Re Moneghe fuzin da ri Conventi
Ne fun sarvi tampoco i Sacramenti.

23
Così Monsieur Duchene i scaccarotti
Fava con ri compagni, e a ra so setta
Brindando o Venardi rompendo gotti
Stimava o Sabbo veì Ziena soggetta
Ma ra festa dri perfidi Ugunotti
Che non hebban servello, ni beretta
Strinò ben San Lorenzo e ro Paraxo
E a ne dette da puoe deré dro naso.

24
Ra Giont'eccellentissima veggando
Sprandí ra liberté fra tanto fuoego
De stramuase ancon andon pensando
Da Paraxo all'Albergo in miegio luoego
Così a re quattro e meza bombezando
Partì ro Duxe finna con ro cuoego
Vuoeggio dí che con lié partì mi ancoa
Servendo ra Duxessa gran signoa.

[ 276v ]


25
Musa fermat'un poco in gratia dimme
De machina si degna o morto autó
Se ti no ro savessi foscia esprimme
Questa sarà de lié gruoeia maggió
Sciù respondime giusto pe re rimme
S'o l'hebbe chi ghe foi contadittó
Ni te maraveggià quando ti senti
Dí tra i satrapi gh'è dri má contenti.

26
Viva d'Emanuelle o nomme eterno
De Gian Carlo sò fré Brignori tutti
Viva Zane Fransesco e o bon governo
De sò cugnoù chi ha feto restá mutti
Tanti maligni quanti e ne descerno
Amixi dri Franseixi morri brutti
Che finzando gran zelo da Beghin
Tirá voreivan l'egua a o sò morin.

27
Nì tralascio per questo de lodá
Ri restanti colleghi buoin zeneixi
Ro Sció Rainé Grimado mié compá
Ghirardo chi ha servio tra i megio arneixi
Comme Aostin Saluzzo e ro Viá
Con Bindinelli e Lucco assé corteixi
Ra Repubrica tutta chi no cura
Se quarch'un ha mostroù ra testa dura.

28
Corse ro Sabbo, e con ra mesma sorte
Trionfò dri Turchin ra cruderté
Che ra barbara armá sempre ciù forte
Non pativa re nostre cannoné

[ 277r ]

Se veivan dre sposé pallide e morte
Unna chì, l'atra li fa dre frité
Ma ro giorno seguente Pentecoste
Ro Muoe Nuoeo a e Pallandre intrò in tre coste

29
In questo cassabuggio atri Farchetti
Se buttavan per fá dri gren bottin
D'in tra zitté chi stava in questi appretti
E haveiva drento, e fuoe tenti assassin
Bonna parte però de sti ladretti
D'archibuxo e canon fen ra sò fin
Che a Banchi furminava Carlo Tasso
E sciù o Muoe Nuoeo Zan'Antogno Grasso

30
A ra voxe de Tasso zà s'intende
Un dri primmi guerré ch'haggie ro mondo
E finna in Portogallo se destende
Famma de lé chi n'ha ni fin ni fondo
Là dond'o l'hebbe da ciantá re Tende
Dre Vittorie o terren ghe foi fecondo
Feto Meistro de Campo a re suoe arme
Zermoggian fasci a fasci allori e parme.

31
Cavagiero in ra Spagna cognosciuo
Hebbe tra ri maggioí posto ben degno
Ma fassando zuoe muoé ro pei canuo
De la se ne partì per un impegno
Incontroù con D. Gioanni e sostegnuo
Ro ponto dra reginna o dette segno
De n'ese interessoù, vanto e proessa
Propria de chi ese nobile professa.

[ 277v ]


32
Maraveggia non è che l'Imperoù
Subito a ra so corte ro ciamasse
E o foise da ri prinzipi streppoù
E Franza pre diné no ro lasciasse
O gran figgio de Zena fortunoù!
Che per quanto tent'atri ro pregasse
Fù ro sò generá meistro de campo
Velose in ro proveì ciù che ro lampo

33
E ti che ancora zove ate speranze
Zan'Antogno ti dé dro to való
Solito a rompe groriose lanze
Tornando de Savoia vinzitó
Dimme chi t'ha insegnoù muoé quest'usanze
Gravan foscia de Malta grand'onó
E dra famiggia Grassa ro decoro
Ch'a ra sò nobilté gh'azonze l'oro

34
Ri anni pe ro levante onde t'aspeta
Ro nomme de Gravan che morto vive
E comme un giorno sé ra patria queta
Navega dro Giordan fin a are rive
Questa sę dra to spá l'ultima meta
Ch'inspira de lasciù sta penna scrive
Amiga de cantá con venna cięra
E lode a nisciun da chi no se vera.

35
Vanni che mi te lascio e o di dra Lunna
Chi foi a ri vinti doi no sento batte
Ciù con re fiere Bombe, o che fortunna
Reposando piggian dre cioccolatte

[ 278r ]

Dre meizere ra squaddra in má s'adunna
E ro Diao pá se fasse fratte
Segnalé finze giusta compassion
E a o Duxe manda a dí questa raxon

36
Monsieur de Segnalé chi è bravo e pio
Patisce assé de vei tanto farò
Dentro de Zena; Timoròu de Dio
O no dexia de ciù fá cos'o pò
Vuoi vei che chi n'ha rotto ha za scrosio
E meza ra zitté s'inzendiò
Per ultima pieté lé ve proponne
de vorreive piggiá ma con re bonne.

37
Ro Duxe disse de no puoei responde
No essendo ciù dri atri ra so balla
Che tanta cortesia ro confonde
Ni o voreiva dá sciù tá peiso in spalla,
Ma puoe per demostrá quanto gh'abbonde
Ra bonna vorenté, che muoé non falla
In ri Zeneixi o ciameré conseggio
Pre rexorve deman tutti a balleggio.

38
Ò resposta da Duxe, in vero degna
Che ra porten in stampa d'in tro cuoe
Ri boin Repubrichisti e pre l'insegna
Che chi sa destrezá, fa cos'o vuoe.
Inteisan ri nemixi dra Sardegna
Che tanto a nobilté quanto ro puoe
Non temeiva sentise a bombezá
E pù vossan ancon ra zointa fá.

[ 278v ]


39
Accrescèn ra domanda dri atre votte
Con miggięra de Franchi per re speise
Quasi a Zena vegnissan d'India frotte
Comm'in tributo dra nation Franzeise
Pretendeivan Cannoin, e Remmi, e scotte
Pe re quattro Galere, e che ogni arteise
Ambisse de serví per bonna vuoeggia
Con ro sá dra cabella senza duoeggia.

40
Ra mattiná seguente che de Marte
A o nomme è dedicá, ro conseggietto
Se misse in semme, descrovin re carte
Haggiando i conseggié vario consetto
Atri voreivan tempo, e con grand'arte
Mostrando de studiá finze respetto
A ra proposition, però ri ciù
Resorsan de responde a ro Monsiù

41
Ch'era insolita forma de trattá
Pre parte d'un gran Rè con tal'instanza
Ch'assendeiva ben sì pre o bombezá
Ma che troncá no fava ra costanza
Dra Repubrica nostra appareggiá
De fase retaggiá primma ra pansa
O tutta fuoego in senere morí
Ch'a i Troin comm'unna serva partorí

42
Unna Palandra in tanto da vexin
Vegnando a ra zitté s'era accostá
Chi fù de terra da ri Fantazin
Con reziproco affetto un po scostá

[ 279r ]

Onde tornammo presto a o pei Martin
E re bombe s'odivan resoná
Tanto che o Messaggié tornando a bordo
Lascian de bombezà comme per scordo

43
Fuioso Segnalé chi m'assegura
Che no vegghe arraggiá vostr'essellenza
Sentendo che de Zena l'aria pura
Così consumma o fumme de Proenza
De quella in verité l'è gran sciagura
De questa l'è maggió l'impertinenza
Ziena muoé no sarà comme crei Troia
Ma un giorno Santolon in man dro Boia

44
No ve l'ho dito Segnalé che presto
Bezuoegnerà partí da queste ciaze
Lasciando de Franzeisi un muggio pesto
Pre haveighe osciúo pescá quarche paraze
Haggieve in tanto cura, e steme lesto
Da ra gratia dro Rè per no descaze
Meschin vuoi; Zena è steta a o tu per tu
Si ben gh'havei bruxioù mezo ro cú

45
Ziena a vostro despeto a farà risi
Con ro cú cuoetto ancon delusi Galli
Sé vostro danno s'hei havuo dri frixi
E a fortunna sei steti dri Camalli
Fuzí pe ra verguoegna da i barbixi
Dri Spagnolli vegnui sciù questi balli
E se ve dixan donde retorné
Respondeighe da Zena streppellé

[ 279v ]


46
Cari Spagnolli mi ve vuoeggio ben
Perchè sei varent'hommi e cavagieri
No ve posso lodá quanto conven
Ma sò che sei Cattolici dri veri
A deferrenza de sti Barbagen
Barbari, o sé Turchin sempre ciù feri
Ch'a i vint'oetto dro dito abbandonan
L'impreisa con re mosche solo in man.

47
Non è miga che la no fessan tutti
Ri sforzi suoe per veì de fane cazze
Molti de ló a sbarcase foin redutti
De Besagno e Ponseivera sciù re Ciazze
Stimando a nozze andá ri ferrabutti
Tutt'atro ghe trovàn che fighe pazze
Che ra gente, e ri scerti dre Valadde
Ghe re ficcàn si ben che non accadde.

48
Ma ro veise mancá ciù d'un Franseise
L'ora, e de Bombe zuoemoé ese zenziggi
Conturbase ro tempo, e non doveise
Con ra marinna azimentá ri ziggi
Noi forti in liberté scrigná re offeise
De chi ne fa figgiastri e no za figgi
Dra Repubrica nostra hebbe a vantaggio
L'armà co' e veie in sacco à fa viaggio.

50
Orlando ro dottó ch'è zenexollo
De lomme allora pre piggiá respiro
Un Gallo se mangiò za mezo frollo
E verso d'Eliconna o dett'un giro

[ 280r ]

Quando incontra vegnine o vidde Appollo
E in segno d'amistę daghe o zaffiro
Diggando: canta pù che i teiti appeisi
Resistan a re Bombe dri Franzeisi

51
Mi che ro mesmo son, tutti allantó
Se m'assendan de sciamme ri pormoin
Che d'Appollo de Bacco, e ancon d'Amó
No sò chi fasse in mi ciù o Malandrin
So ben che o me fa dá d'in tro mattó
Ro spirito divin diggo de vin
Che per puoei megio o mé conzetto esprimme
Tutt'atro mi faré che versi e rimme

52
Zaninna ancon no lascia d'ese crua
E sempre ciù curlá fa ro servello
A sta mus'innosente che nasciua
Ghe pá comm'idolatra dro sò bello
A ro solo pensá ch'un di canua
A vegnirà lé assì de poira spello
Temendo ch'a se pente in darno quando
Lé sarà vegia, e non ciù zove Orlando

53
Ah che mi tramortiscio se ra bella
Zaninna torna in scena, e za me sento
Un impulso fatale dra mé stella
Chi me dà insemme gusto e gran tormento
Chì o Cavallo non puoe, butté ra sella
Così apponto me pá quest'argomento
Con ro quá sto dottó dito de Sanna
Attaccò ro battaggio a ra campanna