Ms. Ricci 1080-2/Da ra peste esta cittè

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Prega Dio che ne libere da ra Peste nell'anno 1578
[ 16r ]
Prega Dio che ne libere da ra Peste nell'anno 1578.


1.
Da ra peste esta sittè
guarda ben pietoso Dè
che guardase a non pò liè
senza Ti dà morbitè.

2.
Ti veì pù che per a Guerra
d'esta nostra division
i ciù ricchi d'esta terra
drizzà testa ciù non puon
e in veggiezza sforzè son
de lascià questa sittè.

3.
Ti veì Dè ch'esta sittè
ch'era d'oro quasi cinna
no pù l'oro, e i dinè
perduo l'ha a poverinna
ma de perde a sò vexinna
a sò cara libertè.

4.
Ro Commun nostri meschin
per ti libero è restoù
de che grazia senza fin
à ti rende questo staò
ma de peste esse ammorboù
ro meschin temme aura assè.

5.
Come ti Puoere corteise
da tiranni forestè
deffendesti esto Paise[sic]
così guarda ancoa lè
d'angonaggie, e morbo rè
ch'è pieso da Guerra assè.

[ 16v ]


6.
Fa ra peste abbandonà
da ra muoere i figgioè
ni ro Preve confessà
i maotti in casa o vuoè
si che ogn'un da bestia muoè
ne in sagroù son sotterrè

7.
Se ben figgie, e maiè
son de mente, e corpo honeste
de mostrase son forzè
belle nue per a peste
si che verran desoneste
per besuoegno, e libertè

8.
Quando è peste i assassin
ri assassinan per usanza
ni se puon i poverin
de pan solo incij la panza
e de peste famme, e lanza
croean hommi per e strè
muoe lantoa gente assè.

9.
Se ven peste, esti giardin
che d'Inverno ancoa fan
fruta, e ruoese, e giasemin
boschi sterrili verran,
e per Zena nascean
erbe longhe per e strè.

10.
Deh Gesù non sopportà
ch'esta terra, che reginna
steta è zà dro largo mà
e de gente brava pinna
resta vuoea ra meschinna
de personne d'ogni etè

[ 17r ]


11.
Ti veì pù veraxe Dè,
che l'amò che te portemmo
fa che à Zena vorentè
ri tuoè poveri pascemmo
nè andà nuoì ri lascemmo
demandando per e strè.

12.
Ti veì pù che d'erexia
muoè non fù Zena imbrattà
che da puoè, che à predicà[1] chie
fù san Serzo, e san Lazà
ra tò fè santa adorà
sempre fù da esta sittè

13.
Ti veì pù, che un nuoevo mondo
i Zeneisi zà trovan
navegando in mà profondo
e ra croxe li ciantan
si che ciù quello mondo han
de personne battezzè.

14.
E non solo fun i Zeneixi
sempre veri Crestien
ma defeisan i Paeisi
de ti Cristo monto ben
donca nuoì tuoè partexen
guarda ben da morbitè

15.
Confessemmo Christo ancoa
che derè i vitij andemmo
de luzuria, pompa, e goa
ni à ra dritta andà vogemmo
per che ancoa protezemmo
chi rovinna esta sittè.

16.
Confessemmo d'ogni sorte

[ 17v ]

de pecchè fassemmo chie
che fan nuoì degni de morte
e dro corpo spirto assie
se ti vuoè che sen punie
giustamente castighè.

17.
Ma ra tò pietè che è grande
monto ciù dri nostri errouì
chi te fè ro sangue spande
per cavane da doruì
e in Pareiso mette nuoì
defenda aura sta sittè

18.
Ti con l'o[e]ggio dei guardà
de pietè, che ogn'atro avanza
ti t[']e pù degnoù creara
in tò mesma semeggianza
e in ti solo emmo speranza
e in ti solo Zena crè.

19.
Cremmo in treì, che son tutt'un
e un solo e vero hommo, e Dè
chi morto è per ben commun
si ha creoù ra Terra, e sè
e le mesmo ha à cuoè lè
ro qua fin non haveà muoè

20.
De nuoì proprio è ro peccà
nuoette, e dì de corpo, e mente
e di ti o perdonà
à tutt'hommo chi se pente
per che ti è tanto clemente
quanto ingrati nuoì mortè

21.
Se non fussan re pecchè
che femmo tuttavia

[ 18r ]

de mostrà a tò pietè
manchereiva à ti ra via
ne stareiva sepellia
ra tò larga, e gran bontè.

22.
Ti veì Puoere gratioso
quanti lazzi noette, e dì
L'Inimigo vitioso
per piggiane attende chi,
e se l'hommo fere li
degno o l'è dra tò pietè.

23.
Questa carne gran forza ha
chi ro spirto serca offende
e battaggie liè ghe dà
tanto spesse, tanto grende
ch'o[2] spirto in fin se rende
se ti aggiutto non ghe dè

24.
Se te muoeve Christo à sdegno
re pechè dri rubadoin
de pietè per contra è degno
quello ben, che fan i buoin
che non den per i gittioin
patì quelli, che han bontè

25.
Exaudisci e tuoè sposè
che à cantà re laude tuoè
stan serrè da virtuose
e odò santo mandan fuoè
che aura te pregan da cuoè
che ti guardi esta sittè

26.
Quelle muen, ch'han zà creoù
e partio i elementi,
e che in croxe han sopportoù
chi per nuoi tanti tormenti

[ 18v ]

porsi à nuoi, per che atrimenti
cazerà questa sittè

27.
Per e spinne dolorose
e fragelli d'ogni sorte
per e ciaghe groiose
che à Pluton rompin re porte
ch'a ra morte da ra morte
sarua nuoi con ra sittè.

28.
Se ben sangue pretioso
ti è per nuoì con duoeggio spuento
sò che a ti Puoere pietoso
basterà ro nostro ciento
per che un vero pentimento
monda l'hommo de pecchè.

29.
Se pù freido e ro pregà
che femmo a ti Segnò
ti ro deì tanto ascadà
con ro cado dro to sprendò
che per ti celeste sò
fasse fruto esta cittè

30.
Fa che drita ra baranza
dra Giustizia stagghe ben
per che storta per usanza
ra ten spesso i zitten
e se drita a non stà ben
storta ancon va ra sittè.

31.
Presta à nuoì i are, e ciumme
da sgorrà da terra à sè
per che l'hommo, che presumme
da sgoraghe da per
à pe cazze contra sè
intro lago dri dannè.

[ 19r ]


32.
E ti sposa, figgia, e muoere
de tò figgio groioso
prega Le ch'aura sò Puoere
verso nuoì dose, e pietoso
benche ogn'un poco amoroso
de nuoì figgi con Lè sè

33.
Grande serto è l'errò nostro
ma per questo gran peccoù
dentro o tò virgine ciostro
carne human ha Diè piggioù
e incarnato, o l'ha ligoù
l'inimigo, e nuoì sarvè.

  1. gh'è 'na scillaba de troppo, defæti into 1578 se ghe diva "pricâ" (G. Musso)
  2. chi gh'amanca 'na scillaba, defæti no ghe doviæ ese 'n apostrofo davanti a l'articcolo (G. Musso)