Marechiaro

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

[ 1 ]

GASPARE DI MAJO



“ MARECHIARO „


1 atto





NAPOLI

Libreria Ed. Teatrale TOMMASO PIRONTI

Piazza Cavour N. 70

1912



[ 2 ]

LE PERSONE I PRIMI INTERPETRI
—— ———
Gennarino Crescenzo di Majo
Marietta, sua sorella Ida di Majo
Nannina ’a ’nzista Silvia Morelli
D. Pascale ’o cantante Giuseppe Andreassi
Luigino Pasquale Forni
Teresa Lucia Foti-Petito
Turillo Francesco Fiore



L’epoca: Verso il 1888

Il luogo: Secondigliano


Rappresentato per la prima volta al Teatro partenopeo nel maggio 1890.






Tipografìa Forense — San Nicandro N. II [ 3 ]


Papà mio,

... ricordi ?

Quanti anni fa , quanti anni fa scrissi questa povera cosa?

Tanti, tanti.

Rileggendola, così piena di vecchi espedienti e di mezzucci coi suoi personaggi che parlano soli in iscena, con le canzoni lontananti per la campagna non so che strano sorriso saturo di compassione mi è venuto alle labbra.

Ma l’editore, cortesemente mi sollecita, intestardito non so perchè a pubblicare queste vecchissime scene. Ed io che non so dire di no a nessuno, mai, cedo.

E vorrei dedicare a te questa fioritura infantile come primo attestato di affetto filiale, per ricordo di quel tempo passato, in cui eravamo tanto pochi (tanto pochi e tanto soli) a sognare un teatro nostro.

Consenti?

Li 20 ottobre ’911.

Gaspare


[ 4 ] [ 5 ]

ATTO UNICO

Campagna. In fondo un albero staccato dalla scena. Prima quinta a destra dello spettatore casa di Gennarino e di fronte cantina con frasca e bandiera sulla porta, fuori, innanzi, un tavolo con due bicchieri vuoti e un mezzo litro, più avanti una scranna in legno , seconda quinta a destra, via nuova, di fronte casa di Annina.

Don Pascale e Luigino, a cavalcioni sulla scranna, giocano.


SCENA 1a - D. Pasquale, Luigino indi Marietta e Turillo


Luig. (Giocando) Tre tre e napulitana a bastone.

D. Pasc. (Dando un pugno sul tavolo) E chesta è pioneca, mannaggia...

Luig. (Con risolino sardonico) Fortunato in amor non gioca a carte!

Tur. (Uscendo) Va buono, va buono, aggio capito tutte cose, ’onna Mariè (p. p.)

Mar. Siente, siente... (raggiungendolo lo trattiene) Famme ’o piacere, di a mammà ca facilmente vengo primma d’’a fine d’’o mese; e... (p’ammore d’’o Cielo) statte attiento... t’avisse ’a fà scappa quacche cosa d’’o matrimmonio ’e Gennarino?

Tur. ’Onna Mariè, m’avisseve pigliato pe na criatura? Pò saccio che dircelo sarria ’o stesso c’accidere a chella povera vecchia. Gesù , Gesù... io me faccio ’e ccroce! Chillo giovine! Chillo ca nun sapeva dì nu schiatta!..

Mar. Che t’aggi’ ’a di? Chella femmena l’ha mbriacato, l’ha affatturato, l’ha scemunito! (ricordando) Gennarino... (con rimpianto) Gennarino che travedeva pe me, che se sarria fatto accidere p’ ’o bene d’ ’a casa soia, mo... (indicando Luig. e Pasc.) ’e vi’ Uà Pamice suoie. Ma si era nu guaglione, nu [ 6 ]guaglione addirittura, guaglione tonto ca quanno avett'’a veni ccà pe truvà ’a fatica ca nun ce steva cchiù a ’o paese nuosto, persuadevo a mammà a mannarme cu isso pecchè diceva ca sulo nun nce puteva resistere... Chi ce ava; ria ditto ca ino... Nun me ce fa’ penzà, nun me ce fa’ penzà!..

Tur. ’Onna Mariè, è tarde io me ne vaco. Avess’a perdere ’o tramme.

Mar. Aspetta, mo t’accompagno nu poco. Chiudo e vengo. (chiude e va).

Luig. (giocando) Coppe... coppe... denaro e denare. Don Pascà e so’ treie (ridendo)

Pasc. Iettatura cana... (masticando nervosamente il sigaro)

Luig. Don Pascà, nce vonno ’e ccorne... (c. s.)

Pasc. ’E ccome ’e (rattenendosi ) Mo t’ ’o dicevo! Guagliò, aggio 'a paura ca tu m’è stupetiato.

Luig. (con gravità) Oh... oh! Don Pascà! (serio) Me meraviglio ’e vuie. Io so’ giovine annurato e aspiro a picciuotto e, mo nce vò, non mi permetterebbe cu uno cumme a buie.

Pasc. (accorgendosi che viene Ann., contrariato in fretta, nervoso) Va buò, quante sò? Tre partite? Tè.

Luig. (Meravigliato) Ma...

Pasc. C’auto vuò? (con garbo) Vattenne! (gli dà i soldi)

Luig. Ma io... (guardando a sinistra si accorge di Annina, fa gesto d’intelligenza) Ah!.. Don Pasca, all'obberienza (verso la cantina) Princepà, io ine ne vengo, ccà ffora sghizzecheia! (via a sinistra).


SCENA 2aAnnina e detto


Pasc. (fa per andare, poi si ferma esitante , combattuto da un’idea: resta)

Ann. (sardonica) Buon giorno, D. Pascà!

Pasc. (brusco, guardando a destra) Buon giorno!

Ann. Chedè? Iammo fuienne? (c. s.)

Pasc. Ve sbagliate. Io... [ 7 ]Ann. Vuie me scanzoveve: me’... dicite ’a verità...

Pasc. (risoluto) Ehè! Sì...

Ann. E pecchè site rimasto? Chi v’ha ditto ’e restà?

Pasc. Nonni... (correggendosi) Donna Nannì, sì: sò rimasto pecchè v’aggi' ’a parlà.

Ann. (sardonica, sprezzante) Dicite.

Pasc. Nuie... avimmo fatto nu brutto suonno. E’ meglio ca nce scetammo e... e rimanimmo amice...

Ann. (scattando) Amice?!

Pasc. Seh! Amice!...

Ann. Amice? No (dominandosi, a denti stretti) Tu l’é sbagliata! Sti femmene ccà nun se lassano occussì... sti femmene ccà nun se lassano maie... Dì pecchè?.. Pecchè? Dì ’a verità: Gennarino?! (con intenzione)

Pasc. (deciso) Sì. è ’overo Gennarino!

Ann. E’ venuto addo te... e...

Pasc. (con scatto subitaneo) Avesse voluto ’o Cielo!

Ann. (come di chi non capisce) E allora?

Pasc. No. Nun è chesto: tu ’o ssaie, core ne tengo e ne pozzo vennere. Guarda; s’io ’o vedesse comme a me, pronto a caccià ’o curtiello , a farse rompere ’a faccia, a accidere e a murì, si isso me guardasse stuorto, si isso fosse geluso ’e me, io n’avarria piacere, io nce truvarrie gusto! Ma isso me pare na munocella vestuta ’a ommo: isso me bacia e m’abbraccia comme a nu frate, isso me chiamma amico mio e... vide... ogne vaso ca chillo me dà é nu schiaffo pe me... e io, io c’ aggio acciso, io c’aggio arruboto, io co songo uno d’ ’e cape d'’a camorra... io nnanz’a chillo me metto scuorno!.. Me metto scuorno!..

Ann. Ed è pecchesto ca nun ’o pozzo vedè. Nun me chiammà pazza. Ognuno tene ’e guste suoie. Io nun l’aggio voluto maie bene...

Pasc. (fa azione di incredula meraviglia)

Ann. Maie! maie! (con accento fiero) Me faceva currivo vederlo tanto buono ! ’O vulette perdere, ’o [ 8 ]perdette. Che me mporia d’isso? Che me n’aggia fa ’e chillo guaglione ca pe na guardata min tremma, ca me s’addenocchia nnante... ca nun capisce e nun sente? (sprezzante)... No... (con sospiro di rimpianto) Nun era chesto ca io sunnavo! (insinuante) Io sunnavo a uno ca sapesse e putesse cumannà... A n’ommo ca afferrasse dinto a na guardata chest’anema mia (dolcissimo, con voce tenera, quasi all’orecchio di Pasc. cui si è avvicinata) Io sunnavo a uno... comme a te !.. A uno ca me capisse e ca io putesse capì...

Pasc (dominato, stordito, quasi inconsciam.) Nanni...

Ann. ... ah si tu vulisse (appoggiandogli la mano sulla spalla) Sule sule. Luntano luntano.., llà addò nisciuno nce cunuscesse... addò st’ammore nun sarria nu delitto.

Pasc. (fremente si scuote come per un ultimo sforzo in una lotta interna)

Ann. (freddamente, con brusco passaggio, staccandosi da lui) Invece dimane io m’ ’o sposo. Tu ’o ssaie. Isso m’à fatto ’a casa, tutto. Isso m’à luvata a miezo ’a via e dimane io sò morta pe tte!

Pasc. (con scatto, fissandola, avvicinandola) Nanni. Nanni... st’uocchie tuoie abbruciano... parla... dì. che vuò?

Ann. (ironica e fredda) No... tu te miette appaura.

Pasc. (incalzando) Dì...

Ann. (c. s.) No: tu pure si guaglione...

Pasc. (c. s.) Parla...

Ann. (c. s.) Vattè ca nun ’o ffaie...

Pasc. (furioso minacciandola) Parla , mannaggia chi t’è...

Ann. (fissandolo con sorriso di trionfo) Accussì me piace. Si deciso?

Pasc. A tutto.

Ann. (a bassa voce, guardinga, in fretta) Stanotte manna a Gennarino fore paese. Quanno isso parte, ’a sora pe nun sta sola resta cu me. D’essa me [ 9 ]ne ncarreco io. Dimane stu paese nun ce vedarrà cchiù.

Pasc. Ma io...

Ann. (brusca) Iura.

Pasc. (dominato) Giuro.

Ann. (cambiando di nuovo tuono, spensieratamente) Va buò: mo va...

Pasc. Ma...

Ann. (ridendo) Va, va, va.

Pasc. (dopo averle stretto la mano via con gesto scorato)


SCENA 3aMarietta e detta


Ann. (vedendo Marietta) Essa! semp’essa! Mo vedimmo si m’ ’a levo ’a tuorno.

Mar. Sapisse addò sta Gennarino?

Ann. (con garbo senza voltarsi) Io saccio Gennarino!

Mar. Ce avarria fa’ na mmasciata ’e mammà.

Ann. (c.s.) ’O tengo dint’ ’a sacca.

Mar. (colpita con ironia) Scusate.

Ann. (voltandosi, scatta accigliata) Oi nè, senza ca me faie caricature. Cu me nce stanno poche fave ’a rusecà. T’aggio ditto nun l’aggio visto!

Mar. (Spontaneamente grave) Accussì nun l’avisse visto maie!..

Ann. Che?

Mar. Niente, niente, addio (p. p.)

Ann. Nennè, siente che te dico: nun te credere c’avisse ’a fa’ cu frateto, pecchè si frateto è scemo, io nun ce songo; si frateto te fa fà tutto chello che buò e se tene ’a parola superchia, io non so comm’ ’a isso: io nun m’ ’a tengo (con impeto) Io so guagliona capace e te sbattere c’ ’a capa nfaccia ’o muro!

Mar. (pausa, poi, dopo averla guardata dall’alto in basso con profondo disprezzo) E io so femmena capace ’e tè sputà nfaccia!.. (via a destra) [ 10 ]


SCENA 4aGennarino e detta


Ann. A me!? A Nannina?! (mordendosi il dito) Ah... ca chesta è l’urdema! (intravedendo la venuta dì Gennarino) Gennarino! Aggi’ ’a fà na botta a doie fucetole!

Genn. (viene sulla punta dei piedi e con gesto puerile le mette le mani sugli occhi) Chi sò?

Ann. (svincolandosi con mal garbo) Lete lè : staie sempe c’ ’a capa a pazzia!

Genn. (interdetto, dolorosamente stupito) Ma...

Ann. E che ma e ma, vuò fa sempe ’o guaglione...

Genn. (timido) Ma io...

Ann. Sì... va buò... tu...

Genn. (con riso maliziosamente bonario) Aggio capito, mè... Staie ammussata pecche l’aggio fatta tarde. Mè, nun fa ’a piccerella. T’assicuro che aggio curruto comm’a che (cingendole la vita) Mè...; birbantè... me vuò bene?

Ann. (con sgarbo come sempre) E vi si se sta, vi.

Genn. Ma insomma che d’è?

Ann. Ched’é?. . . Ched’é? E’ ca a te stongo aspettanno. E’ ca po’ ’o bene ca te voglio, mannaggia ’o core! nun me ne so ghiuta senza dirte niente... é ca chisto é l’ultimo juorno ca sto cca.

Genn. (costernato) Tu! E pecché? pecche?

Ann. No... niente... niente...

Genn. Niente nun pò essere: dì...

Ann. T’aggio ditto niente...

Genn. Nanni, tu m’è pigliato pe na criatura. Guardame. Guardarne (forzandola a voltarsi) ch’è succiesso? Di’.

Ann. (con gran dolore) No... no... niente.

Genn. Nannì... e tu me vuò bene?

Ann. (con sospiro) Accussì nun fosse....

Genn. No, si nun me dice ’a verità, è segno ca nun me vuò bene... [ 11 ]Ann. (scattando) No, Gennari, nun ’o di. E’ meglio ca me sto zitta! è meglio ca me ne vaco ! Lassarne... Nun mporta! Me ne iarraggio luntano luntano! Starraggio sola cumme a na cana! Murarraggio senza te, ma ’o faccio pecchè te voglio bene, pecchè non voglio mettere zizzania fra frate e sora...

Genn. (subito, colpendo la frase) Marietta ... Marietta....

Ann. (simulando riparare) No. No.

Genn. Marietta...

Ann. No.

Genn. Marietta, sì sì, Marietta ! T'è scappato ! E’ stata essa.

Ann. (protestando poco) No... No... nun è overo.

Genn. (vivamente) Sì, sì, l’è ditto tu. Tu si troppa bona. Tu ’a vularrisse scusà , ma nun me mbruoglie. Di, che è stato, che t’à ditto ?

Ann. (fìngendo decidersi con grande sforzo) Embè, si: te voglio di tutte cose! Fino a che nce starrà soreta ccà, io, nun ce pozzo sta’ cchiù. Se capisce... ogne sora... Tu primma vulive bene sulo a essa...tutt’ ’a cianciava: mo vuò bene pure a me... (con vezzo) Nun éovero ca me vuo bene? Embè, se sa, p’ ’a stessa affezione... Ma io pure 'a voglio bene ... e me dispiace, ma pò nun me fido ’e sentirme dì che m’ha da sputà nfaccia ...

Genn. (di sbalzo) Marietta ha ditto chesto?

Ann. E po’ quanno io l’avvisavo p’ ’o bene suio c’ ’o vicenato sparlava...

Genn. Sparlave?

Ann. C’ ’a gente ’a chiamma faccia tosta.

Genn. (crucciato) A sorema? Chi é stato? Chi é stato ca voglio ..

Ann. No... io pure... io pure l'aggio difesa,..... me so appiccecata... me so ap-pi-ce-ca-ta pe essa; ma, ditto nfra nuie, ’o munno ave ragione. Chella é na piccerella, tu nun ’a può guarda , a me [ 12 ]nun me vo sentì : tene na capa, benedetta guagliona! Le puzza ancora ’a vocca ’e latte e fa’ a capa soia.

Genn. Mo le facc’io n’avvertenza...

Ann. Seh! seh! Falle na bona parte, dincelle ca se ne iesse stasera stessa addo mammeta..

Genn. (fa azione di meraviglia)

Ann. ... po’ quanno se ne sta pe ghi , tu ’a firme e ’a perduone...

Genn. (impacciato) Si, ma pò, senza prove!

Ann. E’ p’ ’o bene suio! Chiammala, falle l’avvertenza e le dice ca... (fa cenno con la mano di andar via).

Genn. Ma... (c. s.).

Ann. Ma tu che frate si?! E’ pe l’an-no-re! Va va. Io me metto llà dinto e sentaraggio tutto (ipocritamente) Si sopisse quanto dispiace puro a me! Ma si nun s’acconc’cssa ine n aggio ’a i’ io, pecchè (con gran civetteria ) dimane io purtarraggio o nomme tuio: sarraggio tutta, tutta d’ ’a toia e... cierti cose ca se diceno ’e te nun ’e pozzo sentì! ’E capito? Bò... Io sto llà (via in casa).


SCENA 5aGennarino, Maria e Nannina.


Genn. (come a sè stesso per tentare di giustificarsi il da fare, con certa mala voglia) Sì, sì : é p’ ’o bene suio. Nannina ave ragione (chiama) Mariè... Marié..

Mar. Si tu, frate mio, che vuò?

Genn. Ma comme, figlia mia benedetta... (con gran dolcezza)

Nann. (Di sotto la porta gli fa cenno di riprovazione vivissima).

Genn. (cambiando tuono, brusco) Dimme : quanno ’a ’ntienne ’e ferni?

Mar. Io? E che aggio fatto?... (con meraviglia).

Genn. Ch’é fatto? Oh tu m’è pigliato pe no scemo. [ 13 ]To cride ca io non saccio niente! Te cride ca ’o vicenato nun parla ...

Mar. ’O vicenato?., (senza potersi orizzontare)

Nann. (continua per tutta la scena ad incoraggiare Gennaro con gesti di approvazione).

Genn. ’O vicenato, si, ’o vicenato! Ah: tu te cride ca nun saccio tutto ’o scuorno ca tu daie a casa mia...

Mar. Gennari, ma tu pazzie...

Genn. Pazzeo? Pazzeo? ( con supremo sforzo) Faccia tosta!

Mar. (colpita) Gennarì, Gennarì, ma tu dice ’o vero? (fa cenno di mandarla via).

Genn. ’O vero, si, ’o vero. E stasera stessi vattenne! pigliete ’e solde p’ ’o biglietto .. . vattenne addo mammeta ... va va ... Dint’ ’a casa mia nun te ce voglio cchiù.

Mar. (con voce tremula, soffocata) Tu me cacce...

Genn. (fa azione come per smentire, ma Nannina fa cenno di sì) Si, te caccio...

Mar. (vorrebbe parlare, ma il pianto le fa nodo alla gola. Dopo breve esitare. Via in fretta a destra).

Genn. (sentendo il singhiozzo, commosso, come per richiamarla) Marié.

Nann. ( in fretta , uscendo ) Bravo ! Mo pientete e guasta tutt’ ’o ben fatto! Stasera se ne parla. Quanto sì buono! (piano all’orecchio) Te voglio tanto bene! Io mo arrivo fino a da cummara e pò torno sa. Statte buono (via).


SCENA 6aGennarino, Teresa poi Luigi.


Genn. (partito Nann. come tornando in sè) Ch’aggio fatto! Povera Marietta ! Ma stasera... Terè (chiama)

Ter. Cumunnate...

Genn. Meza birra, tengo ’o cannarono arzo.

Ter. Mo ve servo (via, poi torna). [ 14 ]Genn. Si ce ’o dicesse mó ca è stato pé... no, e pò chi sentarria a Nonnina, me diciamo che songo nu guaglione, no, no, no.

Ter. Ecco servito (con birra ) Comme jammo ’on Gennari?

Genn. Male, Teresa mio, male assai! E vuie? Qunnno ’e pruvammo sti cunfiette?

Ter. Qua’ cunfiette?

Genn. Vo buono, vo buono, comme si non sapesse mo ca...

Ter. Chi?

Lrio. (brillo) Neh, donna senza coratella.

Genn. Eccu ccà lupus in tabulo, parlate d’ ’o diavulo e ne vedite...

Luig. ’E come, Gennarì, cu rispetto parlanno a faccia vosta. E’ già... mo staie cu ’o core dint’ ’o zucchero.

Genn. Pecchè?

Luig. Eh! eh! dimane... Zompa chi pò.

Genn. Ah! si, si, hai ragione, embè Nannina è n’angelo, me vò bene, e dimane simmo marito e mugliera. E vuie? Quanno?

Luig. Gennari. lasseme sta! Chesta nun tene core ’mpietto, tene nu piezzo ’e baccalà. M’aggio vevuta meza cantina...

Genn. Se vede...

Luig. E manco p’ ’a capa! Io ch’aggio fa? Non putenno avè ’a cantenere, me sorchio ’a cantina.

Genn. Ter (ridono)


SCENA 7a — Pasquale e detti.


Pasc. Salute ’a cummertazione.

Ter. Bona sera.

Luig. ’A razia vosta.

Genn. Uh! D. Pascale bello, pozzo offrirve?... terè.

Pasc. No, Grazie. T’ aggi’ ’a di’ na cosa. Cu peresso. [ 15 ]Luig. Serviteve.

Ter. »

Genn. A che v’aggia servì?

Pasc. Siente... (fa scena).

Luig. Centenera!

Ter. Perettiello!

Luig. Per la millesima vorda vi dico penzotecio!

Ter. Io faggio ditto ca ce ’a penzà tu.—Si overamente... (continua a bassa coce)

Pasc. (L’affare è buono e ’a suci età ha penzato a te).

Genn. (E io ringrazio ’e l’onore).

Pasc. (Stanotte a ’e tre avarrisse ’a sta là!)

Genn. E partarrie?

Pasc. Mo pe mo.

Genn. Mo? ma vuie sapite che dimane io...

Pasc. Si nun vuò, po’ si te dispiace...

Genn. Vedite ... No ... Ma ... Embè ... Si ... si è ’na cosa che v’interessa assai.

Pasc. Si, assaie.

Genn. Mo vaco avvisà a Nannina che sta a d’ ’a cummara e po’ m’avvio. Lettere se n’ hanno a purtà?

Pasc. (che è distratto) Ah ?

Genn. Lettere ce ne stanno?

Pasc.. No, ’o cumpare sia già ’nfurmato. lamino, Luigi, quann’ ’e fernuta t’aspetto a d’ ’a sì Carmela.

Luig. AH’obberienza, mo vengo: quanto aggiusto nu cunto, cu rispetto parlanno’a faccia vosta. (Genn. e Pasc. viano)

Ter. Eh! accummincia a cuntà...

Luig. Ma ’nzomma io comrrie aggia fa cu te?

Ter. Falla ’mbrodo.

Luig. Teresa!

Ter. Lovigino!

Luig. Bada ca io me faccio brutto!

Ter. Chiù ’e chello che si?

Luig. Ah... tu non me cride ? Tu a nu picciotto [ 16 ]comme a me... tu... ah sango de... sta vota fannozze ’nganna! lamino, primma ’e ino nu vaso ccà o succedono guaie (indicando la faccia)

Ter. (ironica) Uh! D. Luigi, pe’ carità...

Luig. ’U vi ca c’’o buono non ò possibile’. Pi iesto.

Ter. (e. s.) Ma vedile.

Luig. Lesto.

Ter. A qua’ faccia ’o vulite?

Luig. (c. s.) Cà... cà...

Ter. (dandogli uno schiaffo) Teh! (fugge in casa e chiude)

Luig. Ahi sa... (esce ma ha la porta sul muso).

Ter. (d.d.) Bona notte e bona digestione. Ce vedimmo dimane.

Luig. Ca io rompo.

Ter. Rumpete tutto chello che vuò.

Luig. Terè... Terè... Terò... {lunga pausa , poi toccandosi la faccia) Vi che mana leggia, cu rispetto parlauno ’a faccia vostù (via).


SCENA 8aGennarino e Nannina


Nann. E quanto t’abbuscarrisse?

Genn. Duicientocinquanta lire.

Nann. Duicientocinquanta lire? Arrivano a tiempo a tiempo.

Genn. E po’ senza fatica. Vaco: dico che 1’ amico passa doppo dimane e tutto è fatto. T’aggi’ ’a accatta ’o capo serracollo! Nanni... e di ca dimane...

Nann. Si... si, ma va va: avisse ’a fa tarde e pò...

Genn. Aspetta, mo vaco addo Marietta pe’ dirle che..

Nann. Addò? Che vuò fa?

Genn. Mo, mo, chella è na guagliona e sarria capace ’e irsene veramente, e po’ me pararria nu malaurio irmene senza salutarla.

Nann. All’aria d’ ’o viaggio! Tu dimane a sera staio ccà n’ata vota! Mo trase, accommenciano ’e picce, ’e vruoccole, ’o tiempo passa e tu nun arrive a tiempo. [ 17 ]Genn. Ma io...

Nann. Tu sa’ che vuò fà? Tu mo te no vaie, io m’ ’a chiammo e ce ’o dico! Va bene?

Genn. Ma io vularria...

Nann. Siente a me che te truove buono! Te pare, io n’ ’a faciarria partì?

Genn. Allora...

Nann. Allora ce penzo io. Gue’ tu mo avisse ’a fa ’o vummucusiello cu quaccheduna che...

Genn. Nanni...

Nann. Vattè, vattè, ca io pazzeo, scemone (dandogli un colpetto sulla guancia)

Genn. Io me ne vaco... Statte bona... Nanni! quanto te voglio bene (fissandola cupido via)

Nann. Addio, Gennarì, torna priesto sa. E cummogliate ca fa ummeto! (cambiando tono) Ah! finalmente, vi che nce vuleva. (eia)


SCENA 9.aMarietta sola, con fagottino


Mar. Si... mo... mo vaco addo mammà, addo mamma mia! Essa m’accugliarrà a braccia aperte... essa chiagnarrà ’nzieme cu me, me vasarrà ’nfronte. Nun me cacciarrà d’ ’a casa comm’a n’estranea, comme a ’na mariola... essa nun me chiammarrà faccia tosta! Me ne vaco, si, me ne vaco e non me vedarraie mai chiù! ’Ngrato... ’ngrato! E t’aggio voluto tanto bene! E pe’ ’na femmena tu te si scurdato ca ’o stesso sango ce scorre dint’ ’e vene. Tu t’he scurdato... ma io no... e pure mo, ca m’he cacciata, pure mo ca m’he jettata ’mmiezo ’a strada... Io chiagno... chiagno pecchè te lasso! addio! (scoppiando in lagrime p. p.) ’O putesse vedè? (ca per spiare all’uscio di Annina poi sentendo rumore di passi, volgendosi:) Luigino... non me voglio fa vedè (si nasconde in fondo dietro un albero) [ 18 ]


SCENA 10aLuigino-Nannina e Maria nascosta


Luig. (è leggermente ebbro). Onna Nanni, (bussa).

Nann. (aprendo) Chi è?

Luig. ’Onna Nanni, songo io: vengo ’a parte ’e D. Pascale.

Mar. (’E D. Pascale?).

Luig. Isso é iuto p’accuncià ’o riesto ’e l’affare... ’a ccà a n’ata mez’ora vene, pe’ signale vene cantanno ’a canzone: Marechiaro.

Nann. Sss...

Luig. (abbassando la voce) ’A canzona Marechiaro.

Nann. Va buò, grazie, Luigi. E ha assicurato buono tutto?

Luig. Donna Nannì ... D. Pascale non è nu guaglione! Ha ruccumannato a me l’affare e m’ha ditto ca si tutto va buono me passa a picciuotto. Immaginateve! Io cè aggio miso tutto d’ ’o mio. Quatto d’e nuoste stanne già appustate ’ncopp’ ’a via ’e Marano. Appena Gennarino passa, l’afferrano... si fa ’o ntussecuso ’o stutano, si se sta cuieto ’a ccà a tre juorne ’o lassano e chi s’è visto s’è visto.

Mar. (seminascosta dall'albero segue l'azione con ansia tormentosa)

Nann. ’O lassano?

Luig. 'A cca a tre juorne... ma cecateme n'uocchio, cu rispetto parlanno ’a faccia vosta, si chillo non è juto a grolia d' ’e cardune. Gennarino è buono, ma nun è scemo e ’nfaccia ’a zumpata va bello! E’ pecchesto ca D. Pascale, credo l’ha mannato fora e l’ha fatto piglià. Chillo pe Nannina soia, se farria accidere ma guai a vulercela levà... E’ n’uosso tuosto a rusecarse... cu rispetto parlanno ’a faccia vosta ... ma ... mo ... mo sta mmano a quatte monache francese ca, nun ce penzate, già l’hanno sciusciato. [ 19 ]Nann. Vulesse ’o cielo...

Luig. Io me ne vaco: stateve bona .. e... bonanotte, arricurdateve o signale, Marechiaro (marcato).

Nann. Addio Luigi, (viano ognuno dalla sua parte).


SCENA 11aMaria e Gennarino.


Lunga pausa, poi di dietro all'albero esce Maria carponi come per chiamare al soccorso, viene sul davanti, poi si porta le mani alla gola come soffocata, vorrebbe alzarsi, poi stramazza al suolo.

Genn. (esce a lenti passi) Era ’o core che me diceva: No, torna. Erano’e gamme che nun vuleveno ì cchiù nnanze. Na vuluntà cchiù forte d’ ’a mia, comme a na mano ’e fierro m’afferrava... me purtava ccà...No... ’o sapevo. Sò asciuto senza bacià a Maria e... nun aggio potuto ì cchiù nnanze. Mo traso: le dico che è stato na pazzia...che nun ne parlasse cchiù... e pò me ne vaco, povera Marietta mia... (avvicinandosi) Chella Nannina cierti vote! (urtando nel corpo di Maria) Che è ccà... Mariè... Marietta nterra? E che sarrà?.. Mariè... Mariè...Madonna mia! Mariè! Sienteme! Sò io sò io... siente... io pazziave! ma te pare! nu frate avria potuto... Perdoneme... perdoneme, rispunneme, rispunneme.... Mariè, Mariè...Ah!!..è morta, è morta, e so io, so io che l'aggio accisa... senza core... svergognato... nfame, assassino, assassino! Ah...Marietta mia... Marietta mia (scoppiando in singhiozzi)

Mar. (rinvenendo) Gennarì... Gennarino mio.

Genn. Marié... Ah... nun è morta!

Mar. Gennarì, Gennarino mio (abbracciandolo come per difenderlo)

Gen. Marié, rispunne, chedé?

Mar. Niente, niente... viene cu me... trasimmo..

Genn. Ma comme stive ccà? [ 20 ]Mar. Po t’ ’o dico... iammo...

Genn. No, aspé. lamino addu Nannina e...

Mar. (con spavento passa dall’altra parte facendogli scudo col corpo) Addu Nonnina no!.. no no da Nannina, iammo dinto: siente, tu me vuo’ bene? Si... si ’o saccio ’o saccio... Tu vuo’ bene a mammà nosta? Si, embè siente, t’ ’o cerco pe quanto vuo’ bene a mammà, pe l’ammore ’e papà nuosto... fuimmo... nun me dimmannà ’o pecchè... scuordate chisto paese.. fuimmo e ’a casa nosta tornarrà comme a na vota: nu paradiso... viene viene...

Genn. Io nun te capisco! siente, trase, riposate e... e dimane ne parlammo...

Mar. Dimane no... mo mo...

Genn. Vo, va te cocca... tu sbarie e...

Mar. No, Gennarì. Tu cride ca io sbareo, no, io ragiono, io te veco... É stata ’a Madonna che m’ha fatto ‘a grazia.

Genn. Tu cuoce... tu tiene ’a febbre..! aspetta, (per andare da Annina)

Mar. Addo’ vaie?

Genn. Chiammo a Nonnina pe...

Mar. No... nun voglio!

Genn. Ma tu si pazza!

Mar. No te voglio sai.... (frenandosi) te voglio bene

Genn. Mariè, nun fà ’a piccerella (per andare)

Mar. E si... si, haie ragione...dimane pertimmo, ma mo trase, resta, resta cu me, me metto appaura.

Genn. No, Mariè aggi’ ’a partì pe n’affare importante. Nun pozzo restà. Trase trase...

Mar. No. tu nun ’e ’a partì...

Genn. Ma pecchè? pecchè?

Mar. (con dipserazione) Nun t’o pozzo di’ ’o pecchè...

Genn. E allora fà comme vuò, è tarde e io me vaco.

Mar. No... no... no... Madonna mia; Madonna mi aiuteme tu... [ 21 ]Genn. (come colpito da un idea) Mariè, siente: tu nun si na piccerella. Si faie chesto ha da essere pe na ragione. Dì pecchè?

Mar. Nun pozzo.

Genn. Nun può, nun può? Ma mo ca ce penzo, tu nun ’e vuluto che io fosse iuto addò Nannina. É da essa che pozzo sapè...

Mar. No, no, p’ammore ’e Dio.

Genn. Lasciame.

Mar. No.

Genn. E parla allora!

Mar. No.

Genn. (si svincola e sta per arrivare, Mar. l'afferra) Ma io... voglio sapè.

Mar. Embè si , parlarraggio... parlarraggio... Ma primma giura, ncoppa a l'anema e papà nuosto, ncoppa a vita ’e mammà che farraie tutto chello che dich'io.

Genn. T' 'o giuro ncoppa a l'anema e papà e ncoppa a vita ’e mammà nosta.

Mar. Ma... Primma ’e tutto...

Genn. E parla...

Mar. Siente... Nannina...

Genn. Nannina?

Mar. Te nganna...

Genn. Mariè... (balza bruscamente, l'afferra, l'atterra)

Mar. (subito, sgomenta) T' 'o provo.

Genn. M’ ’o pruove? ’E ditto ca m’ ’o pruove? ma si è na buscia, si nun è ’o vero, pe quanto è certo Dio... (levando il pugno minaccioso)

Mar. (subito) Accideme e sò cuntenta (pausa) Da ccà a quacche mumento, D. Pascale venarrà cantanno a canzona Marechiaro. Nannina esce e partarrà cu isso. Ncopp’a via ’e Marano quatto uommene aspettano ca tu passe, si ce vaie si muorto! Me cride?

Genn. (breve pausa: poi scuotendo energicamente il capo) No, nun pò essere. [ 22 ]Mah. É overo te dico, è ove o.

Genn. (fissandola) No.

Mar. Pe quanto è vero Dio!

Genn. No!

Mar. Pe l’anema mia...

Genn. No!

Mar. Pe quanto te voglio bene.

Genn. (la rialza stringendola sul cuore) Sss!.., Te credo te credo.

Mar. E viene cu me partimmo nzieme.

Genn. No, io resto, sento rummore... sarrà essa che vene... Lasseme... trase.

Mar. Che vuò fà?

Genn. Niente, niente... và figlia mia...

Mah. Viene cu me — scordete ’e chella femmena!

Genn. Scurdanne?! E’ impossibile! Tu sì piceerella e nun può capì cierti cose: nun saie ca ce stanno ammore ca te fanno dannà l’anema senza n’attimo ’e pentimento. Va, trasetenne (febbrile)

Mar. (avvicinandosi a lui) No... no... io strillarraggio... io...

Genn. (rapidamente le chiude la bocca con la mono, la solleva tra le braccia, dopo breve lottare la porta in casa. Un silenzio. Poi torna in iscena).

Genn. (pallido disfatto) E’ svenuta! meglio accussì! (si passa una mano sugli occhi, poi, come avendo presa una risoluzione, fa qualche passo verso la casa di Nann. ode un rumore, ritorna e va a nascondersi dietro l’albero: un orologio suona l’ora)


SCENA ULTIMA — Nannina, Gennarino


Nann. (esce guardinga avvolta in una sciarpa: ha in mano una piccola valigetta) E’ l'ora! Mo veneo. Comme è luongo ’o tiempo! (posa la valigetta a terra, nel voltarsi vede Genn., sussulta, ha un moto di sorpresa e di paura) Ah! Gennarino!

Genn. Addò vaie? [ 23 ]Nann. Vaco... vaco...

Genn. T’ ’o dico io addò vaie. Tu te ne fuie d’ ’a casa toja, che dimane avev’ ’a essere ’a nosta. Tu me lasse sulo doppo ca m’è arrubbato pace, famiglia, tutto, nfama, rispunne. E’ overo?

Nann. Si, è overo.

Genn. (furente, slanciandosi levando la mano per colpirla) Ah! mannaggia...

Nann. (dà un piccolo grido di spavento nascondendosi la faccia col braccio).

Genn. No... non avè paura. E pecchè me lasse?

Nann. Pecchò me sò seccata... Avessemo fatta ’a scrittura...

Genn. Nanni...

Nann. Si, me so seccata. Io aggio bisogno d’essere rispettata, aggio bisogno a fa ’a signora e cu to non ’a faciarria maie, pecchè tu si nu pezzente.

Genn. Nannì...

Nann. Pecchè tu si nu guaglione.

Genn. Nanni... Nanni... basta, ferniscela, pe’ carità. Hai ragione, sò nu pezzente... so nu guaglione... pecchò t’ aggio voluto troppo bene. Io ero pezzente ma onesto, io magnavo pane e fatica e tu, tu me faciste scurdà tutto chello che fino allora era stato ’o suonno d’ ’a vita mia. Io non sò stato nu ’nnammurato pe’ te, no, io sò stato’ na cosa... nu schiavo... n’anema vennuta... pe te aggio arrubato... pe’ te me so scurdato ’e mammema, ’e sorema... e pure mo, mo ca me lasse suio comm’a nu cane... pure mo ca me t’avarria scamazzà ’a capa sotto ’e piede... io chiagno e te dico: Nannì... resta ... non me lassà... non me lassà. (Lontano si sentono le prime note della canzone «Marechiaro» Nannina fa un passo per andare, Gennarino con un salto guadagna il fondo della scena impedendole il passaggio).

Nann. Uffàa...

Genn. Nannì... e sienteme, sienteme... io le vestarraggio comme a ’na rigina... sarraie rispettata [ 24 ]comme ’a Madonna... pe’ te arrubbarraggio ancora... accidarraggio si tu vuo’... e guardame, Nannì, guardeme, fallo p’ ’o primmo vaso ca m’he dato, fallo p’ ’a primma lagrima ch’aggio jettata pe’ te, resta, Nannì... non me lassà... famme murì cu te... famme murì cu te... (cade in ginocchi. La canzone si sente vicina sempre più fino alla uscita di Pascale).

Nann. Uffàa...

Genn. Nannì...

Nann. Ma che facimmo ’a cummedia?

Genn. Mo ’o capisce cu io sò pazzo pe te...

Nann. Non me ’mporta... lasseme...

Genn. Ma ’o capisce ca io moro senza te.

Nann. Salute a chi resta.

Genn. Ah! è addo isso che vuò j?.

Nann. (feroce, parlando sul riso di Genn.) Si, addo isso, addo isso che voglio bene tanto pe’ quanto non pozzo cchiù vedè a te (si svincola e fugge. Genn. la raggiunge, l’afferra per i capelli e le vibra tre colpi di coltello alla nuca).

Genn. (colpendola) Tè... tè... tè...


Pasquale e detti.


Pasc. (vedendo l’uccisa, commosso) Che! Nannina!

Genn. (indicandogli il cadavere) Tè, mo, pigliatella.


TELA.