Madregali alla zenoese

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Madregali alla zenoese
muxicæ da-o Viçenço Ruffo e pubricæ a Veneççia inte Il terzo libro de' madrigali a quatro voci do 1560.
azonto i diacrittichi (ë = æ, ö = œu)


[ 28 ]
Madregali alla zenoese


Belle gioie donne më
Belle gioie ve portemo
Ra natura vostra semo
Chi të gioie gusta assë
Chi të gioie gusta assë.

Ben servî possemo ogn'una
De bellissimi pendin
De trë gioie unie in una
C'hamo noi perfetti e fin
Doe perl'e un bon rebin
Per pendin ne ghe trovë
Per pendin ne ghe trovë.

Seconda stanza


Donne Donne che sempr'in bocca gioia gioia avei
E per ogni parola gioia gioia gioia gioia dî
Per natura re gioie gustâ dei
Pössia che sempr'in bocca re tegnî

E samo ben, e samo ben che de bon [ 29 ]ögio vei

Pe re suö belle gioie ogni giolî
Pe re suö belle gioie ogni giolî
Però però davanti a voî
Però davanti a voî vegnui semo
Noi che dre belle gioie ve portemo
Noi che dre belle gioie ve portemo.


Terza stanza


Doncha dre nostre perle oro e rebin
Fë baratto con noi per gientillezza
Ne aspettë che dra testa l'oro fin
Devegne arinto e perde ra bellezza
Ch'estro[sic] vostr'oro e gioie han presto fin
E presto guaste son da ra vegiezza
E come guaste donne i averei
A baratâre puö non troverei
A baratâre puö non troverei.