Libeazion dra Sittæ de Zena

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Libeazion dra Sittæ de Zena
Ms. Ricci 180, Arch. Stor. do Comun de Zena
dæto che l'anonnimo rimatô (foscia un fratte do contao) ò ch'o l'ea dislescico ò ch'o voeiva applicâ e reggole d'ortografia do paddre Prien sença aveile ben acapie, l'è parsciuo opurtun aportâ e seguente modiffiche: in peddiçe e lettie de troppo, tra parentexi quaddre e lettie e i apostrofi da azonze, tra parentexi tonde i apostrofi da esponze; ignorao a ciu gran parte di acenti inscî monoscillabi; cangiao u in v e viçeversa, in æ e oeù in œu; azonto e virgolette pe-o discorso diretto; azonto maiuscole pe-i toponnimi, i etnichi etc.;
clicca i asterischi pe di atre notte.
[ 1 ]
Libeazion dra Sittæ de Zena
dedicà à Sò Seenitæ Cesare
Cattaneo Duxe dra
Seenissima Reppublica
de Zena.
[ 2 ]



À Sò Seenitæ Cesare Cattaneo


Con atti d'umiltæ zù profundaò
e con ro sfœugo tutto dra voentæ
questa sì mà tessuua lezenda mæ
a Vostra Seenitæ ò dedicaò

Ne intendo zà con questo aej cummulaò
groje magioj' à ra gran Nobiltæ
dro sangue vostro e dre virtù reixæ
perche de queste ogn'un n[']è zà informaò

Ò inteizo e intendo solo de provà
che siccome da noj' paxe se spêa
vej questa in vostro tempo deccantà

Sì spêa Zena e sì spêa a rivêa
sì spea ogni nazion che è tribolà
e così spea o servo dell'idêa.

[ 3 ]


Introduzion.


3.
Ro Gran Poæe de lummi in siê regnante
che con un sguardo dra sœu gran sapienza
tutto sà, tutto vedde e tutto penza
vosse Zena punj' fra tante e tante.

Per questo ghe mandò da vêo amante
treí prognostichi cêi d'inteligenza
da i quæ poeia cavvane a conseguenza
per impedine o coeurpo ciù pezante

Fu ro Padre Leonardo o primmo a dîa
ra stella con ra chôa fu ro segondo
e per terzo ro Sò che nò luxîa

E questi nò son sœuunni che fà o mondo
son cose vejfichæ da a profezia
che ne disse ro Padre netto e riondo.

[ 4 ]


4.
Ri pecchæ, dri mallanni vêa caxon
che tanto da o Segnòeu son castighæ
dixeivva ro Leonardo in ra sittæ
sento mortiprichæ con tutto spron

No gh[']è ciù caitæ, paxe nè unnion
da per tutto giastemme in quantitæ
sperzuui furti, e de che qualitæ
che à re prie mettieivan compasc[i]on

E se nò foize ò Zena a devozion
che a ra Gran Moæe de Dio ciù se manten
temiæ serto dro Siè ra decizion

Ma tanto ten ra Moæe o Figg[i]o in fren
che solo de spavento speo ro tron
così dixeja o Padre e dixêa ben.

[ 5 ]
[ 6 ]


5.
Dè per tanto un consegio a ra sittæ
de mette sciù re porte ben ornaò
ro Nomme de Gezù da o Sié portaò
per o quæ se speava a libertæ

Così fu feto e zà se son provæ
re grazie che o Segnòeu n'ha despensaò
per mezo dro Gran Nomme predichaò
avendo ri nemizi in là schacciæ

E a nostra Immacolata Concezion
dovvemmo con ro cœu ben ringrazià
avendone de nœuvo deto in don

Ra Pattria e libertæ quezi scapà
che questo basta intorno a predizion
dro Padre Leonardo a noj' xccianà.

[ 7 ]
[ 8 ]


6.
Per gode un pò di interpreti da stella
che fu vista ne o siè con quella choa
sæn cose da sentise per demôa
se o caxo no rompisse un pò a marella

Chi dixeja che quella l'ea sì bella
e ra bellezza se vedeivva alloa
perche giusto pe aponto l'ea quell'hoa
quando ro sò per diametro strixella

Chi poi per demostrà ciù aotojtæ
caxonava dra stella ro splendaò
a ri ponti de lunna schavarchæ

E un serto cabalistico dottaò
che i œuugi in sciù a luzerna aia lascæ
l'approvaò pe un gran segno de favvaò.

[ 9 ]
[ 10 ]


7.
L'interprete però ro ciú gratiozo
fu quello che se misse in Cajgnan
co' un librazzo desteizo lí a ro cian
carta per carta gjando pensozo

Lì se formaò un circolo grandiozo
de gente e sì vegnuua ben da lontan
che vedendoo fá segni con ra man
ogn'un ro vosse interogà cuiozo

A ri quæ prontamente lì de posta
ghe dè quella raxon che dá i dottoj'
con re moaen sù ra fronte e faccia tosta

"Figgi cai, ò giaò tutti i Aottoj'
"da ri quæ mi ghe cavvo sta risposta
"che tanto ne sò mi quanto seì vuoj'."

[ 11 ]
[ 12 ]


8.
Chì lasc[i]ando da a banda st'oppinioin
come assate d'inzegno mendichæ
intendo d'accostame a [a] vejtæ
no credendo a nissunna dre raxoin

Ra stella vista fun dispozissoin[sic]
tutte da i coppi in sù detterminæ
per fà che noj' lasciassimo i pecchæ
e s'armassimo ben de contrizoin[sic]

Ma siccome, mè paì, per quanto ò visto
andavva Zena ne o pentise adaxo
così de guerra o Sié n'ha ben provisto

Per fane intrà in noj' pensando ao caxo
dro tutto lagrimozo e assæ tristo
che leva i fummi à a testa e e mosche à o nazo[veddi retro]

[ retro ]


E no pretende fà come fè a Christo
L'Apostolo Grojozo san Tomaxo.

[ 14 ]


9.
Per Zena poi caozaò dro gran terraò
ro pianeta fra i attri prinsipà
che comensando ri Todeschi a caâ
se gh'amortaò dro tutto ro sprendaò

E chi no gh[']e bezo[e]ugno de dottaò
che deghe in ciù manêe interpretà
dovendoro in sto senso ogn'un pigià
come un preludio de poco bon choô

Così è, così è steto e piaxia a Dio
che n'agiemmo occaxon ciù comensà
che ghe dogiæ ra schenna mainvio

Fra tanto ogn'un de noj' hage avertenza
per no pagane e patte poi d'abbrio
no provocá ciù Dio ne a sœu clemenza

[ 15 ]
[ 16 ]


10.
Questo ve baste per l'introduzion
dra lezenda da mi sí mà tesc[i]uua
e ao manco ne ro mettia a censuua
pensæ che questa n'hè a me profesc[i]on

N[']ò mai preteizo, nè fu mè intenzion
fà dro Poeta con bizzara artuua
che voj' pù v'accorzieí da a diccituua
esse degno de tutta a compasc[i]on

E siccome a mi paia no trescà
per no pigiame dre cassæ d'insenzo
così ve l[']o descrita ao nattuuà

Donque me compatieì se me despenzo
da ri fioretti che ve san de sá
e ra lezenda mè così comenzo.

[ 17 ]
[ 18 ]


Descrizion.


11.
In nomme dro Segno che o Siè e a terra
o fesse co' un sol atto de voentæ
in nomme de Maria tutt'umiltæ
dagho prinsipio a [a] descrizion dra guerra

Serto che da o doro o cœu se me seřa
avendo da descrive unna Sittæ
da pertutto angustià con tennagiæ
che a lezia solo ogni fortezza atterra

Ma siccomme o Segno no vœu ra morte
dro peccato ma ch'o s'emmende e vive
così de questa o n'ha conduto a e porte

Per faňe devià re vie cattive
e daňe in avegní ra bella sorte
che per megio dell'annima s'ascrive.

[ 19 ]
[ 20 ]


12
Dro mille settesento quaran sei
l'anno ciù deru[a]o che foize moæ
Botta per chi straccu[a]o l'ebbe sta quæ
de Zena sacchezà giusto da i zei

E per fà caze a tio i sœu pensiei
fé unna dommanda dre ciù strambalæ
de monea, artagiaia a sta Sittæ
che tosto o n'ea vegnuuo a parte rei[veddi retro]

Dre porte dra Lanterna e san Tomaxo
ne vosse ro possesso a descrezion
par[sic] dane ro cavallo ciù a belaxo

E tanto s'avanzo sta sœu oppression
che chi a sentio e sentirà ro caxo
o cœu se ghe desfarà per compassion

[ retro ]


che no fen tanto a Christo ri Giudei

[ 22 ]


13.
Pe i treze de dexembre (o pettulante)
giorno a santa Luzia zà dedic[a]oeù
lasciane solo i œuggi o s'ea zuaoù
da cianze e sospirá tutto o restante

E per fane sentí ben ciù pezante
ro coeurpo dro sœu cœu tutt'ammacciaoù
se misse sinque in vin da strallunaoù
fassendo a tutto oeggia da mercante

Ne ro Padre Vizetti gezuitta
ne suœu Esselenza ro Prinsipe D'Oia
fun bastanti revoze questa gritta

Anzi de sti sœu diti o fè bardoia
con dí ch'o gh[']œu lascià ciú tosto a vitta
scordandose dro ceto de Portoia

[ 23 ]
[ 24 ]


14.
Che l'è quando sghugion quelle bacchæ
sciù re spalle dri nostri Portoglien
dete da ri Todeschi senza fren
portando ro mortà fuœa da Sittæ

Pezo però che l'aggio alloa arragiæ
gharzoin e carbonè con piè e moen
se gh'afferon adosso come chen
con ri poen de san Stea attoscieghæ

Chi a l'orza caminava e chi sfrixaò
chi con un pè in staffa e l'attr'in terra
e chi da e rizzoè tutt'astronaò

Attro no se sentia che "affera, affera"
paendoghe l'inferno scadenaò
e chì l'è d'onde a comensaò a guerra

[ 25 ]
[ 26 ]


15.
Fra i sette insirca o i œutto l'attro astaò
ciamaò Kodech con ro za dito Botta
spogiandose ra forma dra marmotta
ne voeian fà sentí penna e doraò

E per dà megio à o rosto ro coò
e fà che o rattaiœu no desse votta
s'accoston à belaxo e no de trotta
à e porte dra Sittæ con poco foò

Così allogiavan chí da boin amizi
ste bonissime pezze de velluuo
con ro venin in peto e in bocca i rizi[veddi retro]

Ma a Reginna dro Siaè che n'ha vvossuuo
che a sœu Sittæ diletta aggie sti sfrizi
a gh[']a reizo un cavallo ciú porpuuo

[ retro ]


E fane come Giudda a ro Segnoeu
che per falo descerne da ra frotta
un baxio in fronte o ghe fioccaò de trotta
da bon amigho e [...] treitao

Così tra noi caon da boin amizi
queste [...] bonne pezze de velluuo
con ro venin in peto e in bocca i rizi

[ 28 ]


16.
Feta donque a sœu urtima recciesta
de tanti mia fiorin e dro mirion
doppo haveine levaò quarche cannon
 a i nostri ghe satto un tantin ra pesta

E fin d'alloa gh[']oeian fà ra festa
criando "all'arma, all'arma" ogni gharzon
ma fu deciso poi in concluzion
andà a cappitolà nel hoa de sesta

Arrivæ da ro Botta i ferrabutti
l'arrestò imbarlughaò fœua de laè
che parlando con un parlavan tutti

"Bezœugna Scioeu (ghe dissan inderaè)
"che de chi ve a mollæ co' i mori brutti"
e ghe vozen de posta ro panaê

[ 29 ]
[ 30 ]


17.
Mi me stimmo che l'hommo ciù imbestiaò
che s(')egie steto moæ in tutto o mondo
alloa o foize laè da a simma ao fondo
dixendo in tro sœu cœu tutt'astizzaò:

"Quattro deschazi a un hommo aghuerezaò
"quattro corbette a un che spuua riondo
"faghe questo partio ro ciù immondo
"de portà via ben fito l'arrughaò?"

Alloa l'è quando o scrisse a i offiziæ
con tanta fretta e attretanta raggia
che tutti s'accostassan a ra Sittæ

Ma tutto ghe rescì fœugo de paggia
ne a fazion che sentieì d'i archebuxæ
andando a ro roverzo dra meddaggia

[ 31 ]
[ 32 ]


18.
Nò poendo a [a] fin dra foa ciú sopportà
ro popolo de Zena sí asteccaò
doppo haveì con ro cœu Maria invocaò
l'insò con tutte e veie ra bughà

E no savendo d'onde commenzà
chi co' o picchozzo e chi co' o sfondo[ao]
s'invion da o Paaxo za serrao
con schae con xcciamazzi a insbraginà:

"Arme, arme (Signoi) ch'oemmo schaccià
"da ra Sittæ de Zena sti birbanti
"e a nostra libertæ voemmo aquistà"

Son d'oppinion che ro Segno e i santi
quelli serræ in Paaxo a sto parlà
ciammassan; pe agiutane tutti quanti

[ 33 ]
[ 34 ]


19.
Procuon de carmà sto sbogimento
da re fenestre i nostri coonelli
che vedendoi vegní come stronelli
passavan zà doa mia e sinque sento

Nò stimon ben però ch'intrassan drento
rinforzando de gente ri rastelli
onde s'incaminon tutti a strepelli
in attri lueoghi[sic] d'arme come o scento

E lì l'ea bello veì ri perruchè
camalli, savatin e mainæ
derruà mazanghin con ro derè

Mercanti, artisti tutti indiavoæ
rendeio[e]ù, formagiæ, fin o straziè
fornæ, cuxoí, feræ, meghi e speziæ

[ 35 ]
[ 36 ]


20.
Ne i dexe che fu poi a l'undeman
doi giorni doppo a santa Concezion
in stradda Barbi se formò l'unnion
contro dell'inimigo Lans man

E re donne che pe o ciú taxeí no san
bogindo come bogie o cadeon
andon a righinagie in posseson
solo dezazunæ d'egua e de pan

E questo pe invoccà ro santo agiutto
dra gran Moèe de Dio nostra Reginna
senza ro quæ ghe sæ seguio de brutto

Repaando con lè sta gran rovvinna
a despeto dro diavo o ferrabutto
ra santa Pattriotta Cattarinna

[ 37 ]
[ 38 ]


21.
D'eddato donque a i Padri Gezuitti
missan da un canto all'attro unna fenea
che suœunna in bon zeneize unna trincea
feta da no sò quanti boin romitti

Ri quæ ghe fen sghugià lesti e pollitti
un pezzo de cannon de che manea
che co' i nemizi o se sæ feto cea
avendoi da lè mezi sconfitti

E apointo de rimpetto a [a] prospettiva
onde ri Feippin se van a scioà
gh'impin de tavolati giusto a stiva

Sciù dri quæ e de sotto gh[']ea carcà
terra che da ogni banda ri croviva
con cannon avanzuaò da sbarragià

[ 39 ]
[ 40 ]


22.
In mezo ascì dro streito carrogetto
che de tia ve porta giusto a Prè
per faghei arrestà da bertomè
fessan fozzi da un laò, dall'atro zetto

Che a divea da amigo co' o cœu xccietto
servendoghe ra poia per inzegnè
un lavvoù ghe rescì che a tempi mè
non o visto zuò moæ ro ciù perfetto

In somma s'ean tutti si ormezæ
de xccieoppi[sic], de cannoin e bonna miccia
che no passavan tutti in veitæ

Meschin de luòu s'insavan ra raddiccia
d'onde aveia l'amao a suò entitæ
serto che lí pigiavan ben bacciccia

[ 41 ]
[ 42 ]


23.
Così ben premunij mandon de fretta
a tutti i posti de terra e de mà
da ra pointa dro Meoù[sic] ao Darzenà
a ra Cava, ao Castellazzo unna staffetta

E ri figiœu perfin con ra beretta
balle porton da fà strassecolà
che chi voesse o miracoro negà
o ch[']o s(')aia un ebreo o unna bannetta

Ma pennetrando o Botta st'invexende
de tante mia personne zà in fazion
co' a vorpe sotto o brazzo o vuoeia rende

Tutte re porte; ma con condizion
de fà con l'armistizio e sœu faccende
segno de poca bonna contrizion

[ 43 ]
[ 44 ]


24.
Dra quæ ri nostri dao Segno inspiæ
no se vossan quietà in nissun conto
ficcandose in tra testa quest'assonto
che se a sfillassan via da deruæ

Così tra o sì e o nò tutti imbrogæ
ogn'un co' a pretenscion de vinze o ponto
fen stà e i un e i attri a i arme pronto
con xcciœuppi, con cannoin e con mortæ

Ma accostandose l'oa zà dra bughà
se commensaò a sentì i archebuxæ
che ri Todeschi favan scigoà

E ciù fuuie d'inferno scadenæ
che in tutti i tempi moæ se poessan dà
fun ri Zeneizi alloa indiavvoæ

[ 45 ]
[ 46 ]


25.
Con fronte crespa e con ri mori sodi
pe un pezzetto restaò ra nostra gente
segno d'un gran venin ro ciù mordente
che se posse dedù per fà berrodi

Penselo vuoì se rozigiavan ciodi
questo ve baste ch'aghuzzon ro dente
come da inveninaò fa ro serpente
quando dra choa un ghe sapetta i nodi

Sghallopaon sbiri e corsi in tà manea
per attornià ro campanin de Prè
che no ro pœu spiegà solo chi gh[']ea

S'arrisson sù ri teiti sì lengiè
che i fummaiœu fassendoghe trincea
ne fen satà dri belli all'inderè

[ 47 ]
[ 48 ]


26.
Fioccavan re granate come a neive
drento dro campanin tutte in strepello
acciaò megio seguisse ro maxello
de quella squadra troppo irraxoneive

E poco aviæ zovaò ro sœu gran beive
essendo o campanin feto un crivello
che poco o poeia stá faghe un capello
se a voeuxe n'abbrassavan dro "rendeive"

Da sto prinsipio donque za annimæ
ri Patriotti con gran devozion
crion co' i cœu contriti e ummiliæ

"Viva l'Immacolata Concezion
"pe a quà semmo a sto passo za arrivæ
"de menai al Abbergo in concruzion"

[ 49 ]
[ 50 ]


27.
Ma peoù* me ven da rie in veitæ
quando penso a [a] comparsa inaspetà
che da un canto straman dro Darzenà
ghe fessan quelle cappe ma tagæ

De xcciavi e bonnaœuge deruæ
de gente de gallea a ciú xcciummà
che ve poeì sotto sorve ben pensà
che bonna gente a poesse esse moæ

Come resta da o lampo un assorbio
con œuggi averti e faccia de seneoieo*
così i nemizi i arreston d'abbrio

Voeian de botto portà via o ceoieo*
paendoghe sta ciusma giust'a tio
tant'annime vegnuue da o purgateoieo*

[ 51 ]
[ 52 ]


28.
E apointo come ao bogiao fa i faxœu
che un pò restan de sotto, un pò de dato
cosí fessan comparsa ne o steccato
un pezzo i cittadin, un pezzo i sœu

Ma a [a] fin dro feto a chi sghugiaò o rizuœu
fu a ri Todeschi con tà appaato
che missi in fuga da sto brutto sato
ghe scrollon ben ra pua fin ri figgiœu

Recculon con tant'impeto in derè
mastegando in zeneize tanta raggia
che pe un pezzetto in bocca avian l'arfè

Un vadda no stimmavan ra marmagia
guardando a terra e no guardando o Siè
de d onde ghe ciovè tanta mettragia

[ 53 ]
[ 54 ]


29.
Che a fu bastante faghe abbandonà
de san Tomaxo e porte nomminæ
onde de mai ciú veile avian sta quæ
se re campanne savian ciú sonà

Voeian a tutta forza raddunà
ri cavalli dro tutto spaventæ
battendo con tambuui rinforzæ
ma no fu cosa che se poesse dà

Alloa l[']è quando un sigoon de vento
ri fe' levà dro tutto d'ordinanza
strepandoghe da o cœu ogni contento

Fœugo da a rente e fœugo in lontananza
fu de nœutte e de giorno o sœu tormento
levandoi dall'anchoa dra speanza

[ 55 ]
[ 56 ]


30.
Deto l'urtimo addio a e prime porte
provvon da desperæ fà ressistenza
sú ra ciazza De Neigri con veemenza
per veì se a nostra gente stava forte

Ma toccando con moen che tutta a sorte
de lasciù derrivava; in conseguenza
porton via e cazzette pe a scorenza
che paian ro rettreto d'unna morte

Da san Lazao passon e da a Ciapella
come passa a ra fin l'onda dro mà
quando vexin ai scœuggi a se rebella

E arrivà da a Lanterna sta masnà
perche nissun gh[']andasse a dà quaella
sarpò d'abbrio e no se fé preghà

[ 57 ]
[ 58 ]


31.
Ma o ciú bello che m'ea desmentegaò
fu quando un de lo vosse criá
"no ciu fœugo a ra fin, che vuoemmo andà"
e giusto questo ao Botta l'ea dao laò

Quando ghe vegne a tio ben livellaò
un coeurpo de cannon da o Darzenà
che a panza dro cavallo a fè satà
fin da a muuaggia e lè tutt'astronaò

Ve lascio donque a vuoj' consideà
come stesse ro cœu dro sœu vexin
vedendo quella statua lì incantà

Credo ch'o fesse voeuto a san Crispin
che s[']o ro fava uscì da sta bughà
portaghe in don re scarpe e ro scapin

[ 59 ]
[ 60 ]


32.
Fen ben unna xiannata all'urtim'oa
passando da a Lanterna in tro scapà
che den fœugo a i cannoin per spaventà
servendoghe ciú tosto per demoa

Che se me fize lì trovaò alloa
gh'aviæ in ata voxe li spranghà
"metteive sù ra choa un pò de sà
"che ro bezuœugno l'eì da poppa a proa"

Basta, passon con tanta fugha e porte
che paian da ro visco zá scapæ
andando a gara a camminà ciú forte

Sicchè de Zena leoù perden ra quæ
per noj' contro de leoù regnò ra sorte
e de beouutto fu libea a Sittæ.

[ 61 ]
[ 62 ]


33.
Ma siccome o vennin dro dito Botta
dro tutto o n'ea fornio; da poco accorto
s'indrizzuò con l'agnello in corpo morto
pe a valle dra Ponseivea co' a sœu frotta

Serto che unna gran parte a ghe de vuotta
da quarche bricco o pù strazzetto torto
che tra ro fœugo e l'egua fœua de porto
ri fè cangià paeize e de che trotta

E quarche parte ascì de schui d'argento
agraffiæ da i Todeschi a ro Governo
a ra valle restò con poco stento

Vuœugio dì che se ben l'ea d'inverno
che se sole patì d'agrepimento
pù de l(')e lascià poeia un nomme etterno.

[ 63 ]
[ 64 ]


34.
Delligæ amaelede da a Bochetta
andon a confinnà verso Vuoeuttagio
zu per quelli mojn; se ben dell'agio
prima ne rozzigion ciú d'una fetta

Lì ghe seguì no sò che schaamuzzetta
fra ri Todeschi e quelli dro villagio
che dri morti, se ben non o dettagio
credo che fessan saora a unna barchetta

Così stanchi inderè da sto boghezzo
ressolven de lascià quello contorno
con ri xcciœuppi a re spalle e ro lavezzo

Ma chi ri fè appartà da ro soggiorno
con ciù prestezza e ascì senza ciaezzo
fu ra mancanza dra reize de forno.

[ 65 ]
[ 66 ]


35.
Doppo d'aveì curlaò borghi e sittæ
se straquoon per urtimo a Pavia
d'onde s'unnin pedoin e cavallaia
offiziaij, coonelli e Geneæ

E lì da chen marvaxi e arragiæ
fessan conseggio con poca armonia
chi ro stimava ben, chi unna pazzia
a Zena rettornà drento dra stæ

Onde avendo ciú vuotte ballottoaò
fu deciso a ra fin doveì tornaghe
tanto che ro sœu honòeu foize aquistaò

Ma un de quelli ne o rappresentaghe
ro gran fœugo che a Zena haia provaò
lì dao spavento o ghe quintaò arrestaghe

[ 67 ]
[ 68 ]


36.
Non ostante o peigo decci[a]aò
e ro consegio deto dall'amigo
stimando sœu dito quanto un figo
vozen de nœuvo a Zena l'arrughaò

Ma ro Botta o ch[']o foize recciamaò
a rende conto dro sœu brutto intrigo
o che o fœugo zeneize l'æsse in spigo
mai ciù lasciase veì se n[']e zuaò

Egua, prie, gragnœua da poppa a proa
(scuseme cao lettòeu tutto pe o megio)
segian de quest'arneize a ra malloa

Dro castigo i Zeneizi an tutto o spegio
ma dro Botta i pecchæ che son de choa
ciamman là sciù vendetta a peizo vegio.

[ 69 ]
[ 70 ]



37.
Fra tanto Xcciaremburgh (tiemmo avanti)
dè i ordini stringhæ da Geneà
che sciù re arme ogn'un dovesse stà
distribuindo in ogni parte tanti

E avendose dro tutto treti i guanti
ri misse in unna marcia sì ordinà
che in tanto tempo ghe rescì pigià
de Beghæ ro gran forte e Geza e Santi

Questa fu ra poesca e gran impreiza
per quanto ao mondo aveian devurgaò
che fin ne re ghazzette a fu desteiza

Beghæ! (ve lascio dí) che è un bevveaò
dro quæ con ri limoin se ne fæ preiza
questo fu ro laccion da loeu piggiaò.

[ 71 ]
[ 72 ]


38.
Pù da teste sventæ fete a mojn
e con ri baffij tutti reddoggiæ
stimando aveì in pugno ra sittæ
lí se fortificon seia e mattin

Ma o Coonello nomminaò Franchin
quello che n'ebbe mai d'ummanitæ
fu toccaò ne ro cœu da questa quæ
de pigia Coonà, Campi e Fugin

Con ro stento che ogn'un za se pœu creì
ghe rescì d'arrivá a ro sœu intento
ma primma o ghe lasciaò ben ben dro peì

Là arrivaò misse logia da contento
con brindadde sfarzoze che ro seì
d'onde poi ghe seguì st'atterrimento.

[ 73 ]
[ 74 ]


39.
Da Ponte Dexmo un Padre cappuzzin
voendo un pò vegnì a reppatrià
lì de rimpetto apointo a Coronà
s'abbocaò con un Preve ro meschin

Ao quæ disse in restreito e a ra perfin
in che moddo e manea se poesse fá
aveì ro passaporto per passà
da sto gran coronello de Franchin

Ma o Preve ch'ea de quelli dra canetta
ne mi ve ne sò dì ro paentaò
ghe scrisse sciù doì pè ciú che de fretta

Un bigetto (me stimmo) ciù impestaò
ne ro quæ ghea sprangava xccietta e netta
"feme musico o Fratte a vuoj' mandaò."

[ 75 ] [ 76 ]


40.
In bonna fede o Padre tiò via
stimando d'ese ao tutto consolaò
moæ ciù credendo de restà burlaò
in quella forma da ro Preve ordia

Ma quella ch'ea a lettea d'uria
ne a quæ ro sœu mall'anno gh'ea ziffraò
appenna un sguardo da Franchin tiaò
sciù quella; ro pigiaò per quarche spia

E tra ro sì e o nò dell'allegria
sciortendoghe un sardonico sorriso
da ro chirurgo l'inviaò de tia

A ro quæ con prestezza dè l'aviso
(ah' barbaa sentenza)(ah' tirrannia)
che foize ro bon Padre circonciso.

[ 77 ] [ 78 ]


41.
Ma chì lasciando ne ra penna o resto
dro tratto mallandrin feto a sto Padre
torno verso Beghæ fra quelle squadre
che tutte scia[a]tèe favan ro tresto

Li gh'ea l'emulazion per o ciú lesto
lì favan dre chimee e idee ladre
fra tanto ro Speon con bonne quadre
gh'appontava i cannoin tutti in assesto

E no mondavan nespoe re Tennagie
accompagnando con ro nomme i feti
sbarraggiandoi per l'aia comme pagie

E tanto i tormentaò con questi treti
che n'aian tanto tempo co e piccagie
agropase i cazzoin; pensæ che ceti.

[ 79 ] [ 80 ]


42.
Spesso poi sauuava Bervedeì
quelli zà impossesæ de Coonà
con ri cannoin per poeili destanà
fassendose lo rizi a ciù no poeì

E per ciú sprexo ascì se favan veì
con ri sœu mandilletti sventolà
sciù re logie e terrazze a canzonà
nò stimando ri nostri manco un peì

Dro quæ strappazzo un comandante offeizo
ciamò fito un dri megio bombardè
e l'informò dro tutto e ro fè inteizo

"Vorræ (ghe disse) che lasciù promè
"ti livellassi un cuorpo, ma ben speizo
"che me ri fesse friti e bertomè."

[ 81 ] [ 82 ]


43.
Questo à faghe capì non gh'osse stento
perche in un batti d'œuggio in sc[i]ù o caretto
ghe livellaò o cannon dito "o porchetto"
ro bravvo bombardaè tutto contento

Onde co' a miccia asseiza sempre attento
havendo o cannuccià da cavalletto
ri lasciò ben unì tutti in appretto
e dæ' fœugo ao cannon (oh che spavento)

Chi d'avanti, de costa, e chi deraè
provvaò ro bello tio, ma ro ciù pezo
fu Franchin fraccassaò da capp'a paè

Questo a laè fu castigo, a i attri spegio
deto assoluttamente da ro Siè
per haveì feto ao Padre sì gran sprexo

[ 83 ] [ 84 ]


44.
Donque da sto portento exempio pigge
chi sempre vœu schernì ro santo arbaxo
de san Francesco; E vaghe ciù a bellaxo
ne o strappazzà dro santo Figgi e Figge

Ma daghe pù ra balla fra re sbigge
contro de chi no s'œu servì dro caxo
che mi caando cian cianin adaxo
verso de Cornigen piggio re ligge

E osservando de lì ro bello ponte
trinceaò da ogni canto con tronêe
dri Savvoiardi me soven che fronte

Prettendendo de fà con ciù manêe;
contro re nostre truppe e re conzonte
ghe fu ra lanna scarlazà fra brêe

[ 85 ] [ 86 ]


45.
Haveian ri boin sciolli st'oppinion
che pigiaò Cornigen d'ese beati
per questo s'azzardon dà tanti assati
da troppo ingordi e sì senza raxon

Ma ro combatte senza descrezion
fa dà dri scrolli e fa dri brutti sati
così intravegne a lo fra i nostri stati
che ingrascion ben ra terra in concruxon

S'intend'a dì che i povei ortoen
havendoi seppelij ne i sœu giardin
cresciean re armoazze come poen

E servindose doppo dro lattin
tanto s'affadigon con piaè e moen
che a ciù d'un ghe fen voze o berretin.

[ 87 ] [ 88 ]


46.
Ri Franseizi e i Spagnolli collegæ
con peto avverto e cœu tutto ferregno
voendo sostegnì ro grand'impegno
ghe favan fœugo adosso inveninæ

E per parlave xccietto in veitæ
beneiti sèg[i]an tutti e ro sœu regno
che finarmente semmo a questo segno
pe haveine sì aggiutaò con bonna quæ

Sicche con tanta forza e vigoia
tegnin così lontan ri Savoiardi
che mai possan sforzà ra battaia

Ri Pandûj croatti hommi tanardi
che prettendan ao mondo mette poia
reston dro tutto cœutti da fingardi.

[ 89 ] [ 90 ]


47.
Ma chì n'è de raxon che bœutte ao vento
de Barbarossa re fadighe e stenti
havendoghea da lè tegnuua a i denti
da guerraè maranchin senza spavento

E de nœutte e de giorno e ogni momento
con ra sœu truppa a tutti ri accidenti
ro veivi sgambettà ffra ri torrenti
soffrindo egua, sòeu e ogni tormento

Aoa dall'unna aoa dall'attra parte
havendo sempre a ra mezuua o sciaò
sercava in scapolali tutta l'arte

E quanti da e sœu moen ne sè sghugiaò
ro sà solo ro Sè, no za ste carte
questo basta che l'ea sì gran cacciaò.

[ 91 ] [ 92 ]


48.
Un giorno donque (per nostra memoia)
essendo a ro barcon tutto ansietæ
per spieghave ro moddo in brevitæ
un coeurpo traditò forní l'istoia

Ma ro Segno che ro voeiva in groia
a godì quella santa etternitæ
(come vuœugio speà per sœu bontæ)
se ro pigiaò con l(')ê con tutta gioia

Lagrime vuoj' sfoghæ ra mè passion
Zena e Vottri con mi tutti in pietæ
a concianze agiuteme sto Campion

Che no poendo ciù reze in veitæ
verso ra nave inghreize ro speon
vozo; che ne faè tante iniquitæ.

[ 93 ] [ 94 ]


49.
Con ro xciabecco* uñia ra dita Nave
tiava cannonæ con tant'abbrio
che ne pæia zuœu moæ foise fornio
ro mondo; e haveine lo tutte re ciave

Ma sciù doì piê ve a sprango per sbrigave
che ringratian ro Sè ri Inghreizi ao crio
che se ro diavo fa ch'a vegne a tio
veivi dre schaggie all'aia pe aschadave

Questo però fu un xcciallo* dri feræ
che a bon patto vegnuuo ro fero riondo
ne fen dre belle pille lì ammugiæ

E tanto mai patì l'ænna ao mondo
quanto patì dra Nave e cannonæ
ma quella co' unna sola veiva o fondo.

[ 95 ] [ 96 ]


50.
Chì lasciando a ra pia contemplazion
de chi a sentio ra me rozzezza in versi
quanti sen steti i morti e quanti i persi
restæ da ro Ponnente in tà fazion

Campi, Vuôttri, Beghæ, Roeûuiœu e Maxon
Orba, Sasciello e attri paeizi spersi
con l'egua dra Ponseivea che treì tersi
ne fæ sghugiâ; Mettieivan compascion

Prexionaè, dezertoì e d'ogni menna
a Zena in concluxion se son straquæ
d'onde stentan mainvvio dogià ra schenna

Ma chì passando da un estremitæ
v'invio da i Bezagnin, hommi de ghuenna
e semmo del istoia a ra meitæ.

[ 97 ] [ 98 ]


51.
Muze tutte ve ciammo a ro conseggio
per dame ra faccondia a ciú tammante
che moæ se segge deta in un amante
dra Patria svisceaò come me preggio

Fæ che l'inzegno mæ passe ao serneggio
per poì ciù megio deziffrà o restante
nè fà che in tro ciù bello mi ghe ciante
chi a ra lezenda mæ vuœu fá corteggio

Sicchaè con ro servello a fà ciù migge
ve menno sciù ra pointa dro Diamante
per veì ra pozituua de quelle ligge

D'onde apointo fæ' unì quello birbante
de Xcciaremburgh' re truppe e mascci e figge
con trincêe doggiæ fete in istante.

[ 99 ] [ 100 ]


52.
Lì de bœuutto occupon quella valladda
con terra e con fascinne trinceæ
ma co' o spazimo in corpo e ansietæ
de restà sequestræ da un attra stradda

Nè ò visto moæ ciú gente derruuadda
ao mondo de ste bestie sì ostinæ
che per fase stimà gran quantitæ
ri veivi sciù e zù fà dra fummadda

Ma da ro monte nominaò Doì Fræ
lœugo za da ri nostri ben provisto
ghe den ro ben vegnuuo in veitæ

Fra i attri a un che paia l'antichristo
ro sobbaccon con tante archebuxæ
che tà spettacoo ao mondo moæ fu visto.

[ 101 ] [ 102 ]


53.
Ro ciongio scigoava d'ogni giorno
fassendo ra gran valle ressonnà
e l'unna parte e l'attra ciú impestà
soffriva ro gran fœugo d'ogni intorno

E nissun mai scapaò da ro soggiorno
non ostante e grannate da mortà
cannonæ, spinghardæ che faan tremà
caze, teiti e barchoin e ro contorno

Fra tanto quella truppa mallandrinna
fæ' tanti strattagemmi e diversivi
che l'arrivvaò per fin a ra marinna

E doppo tanti assati e tanti abbrivi
fu pigiaò santa Tecla onde confinna
ro Sacro Monte e ri sœu belli rivi.

[ 103 ] [ 104 ]


54.
Sturla, Vernazza e san Martin d'Arbà
ri Cammandoli, Quaessi e Ciapeaò
doppo d'haveí re Gieze strappazaò
fun sascinæ da gente sí arragià

E manco a Christo a vossan perdonà
drento dro tabernaccolo serraò
che doppo d'haveì rotto e sconquasciaò
ro lascion lì per terra a sappettà

Come no i ingiotisti alloa o' terra
da luccifeì in carne rettornæ
fassendo ro sœu sentro un arvi e serra

Missan re moen in Siè st'indemoniæ
pensæ come ghe poeia andá sta guerra
doppo feto ao Segnùu tà iniquitæ

[ 105 ] [ 106 ]


55.
Così doppo bruxaò rotto e destruto
ville, pallazzi, caze e monestaè
despugion con desprexo in sciù doì pè
ro Groiozo santo Restituto

Onde ve lascio dì ro bello fruto
che ne cavon re Gieze all'inderè
che resto no cazzessan da ro Siè
prie come pagnotte; Eivve o construto

Drento dra bella Gieza i borsaiolli
e drento o monestaè de santa Cêa
graffion quadri e toage in tanti scrolli

Scavon, rompin per attrovà a monêa
ma no toccon ro stallo ri boin sciolli
onde tutti ghe den come o sciaò Gêa.

[ 107 ] [ 108 ]


56.
Ne posso chì però (ve parlo xccietto)
lascià passà l'intrata bardansoza
de sta cannagia a tutti reiza odioza
feta in tro conventin dito Loetto

Questo è dri Refformæ santo reccetto
con ra sœu Gieza apointo relligioza
d'onde pe infermitæ ra ciù noioza
quattro no possan rebbellà o garetto

Sicchè co' a morte a [a] goa e o batticœu
stavan ri meschinetti lì astecchæ
nò savvendo lo manco onde ghe dœu

Quando tutto improvizo con seppæ
sentin batte ra porta fra i rizzœu
e tartagià in todescho (oh che parlæ.)

[ 109 ] [ 110 ]


57.
S'aguardon lì l'un l'attro da o spavento
restando come statue de sà
ma bezœugnando in fin detterminà
mandon a arvì da o coxinaè con stento

Fra tanto dime voj' che me stæ attento
come l'annima in corpo d(')eêsse stà
dro poveo converso a sta bugà
dovendo a faccia a faccia arvì de drento

Son dro teno che quanti santi è in Siè
tutti o i ciamasse e con che devozion
ben fito in sœu defeiza sciù doì pè

Ne credo che moæ ciù tà contrizion
l'aêsse havûo in sœu vitta da corraè
come l'ebbe uuia e buuia a sta fazion.

[ 111 ] [ 112 ]


58.
Basta, fetose alloa ro santo segno
dra nostra reddenzion; Arvì ra porta
criando "Ahimaè" ne o veì ra xciabla intorta
indrizà a mandalo all'attro Regno

Ma quelli che d'intrà aian dissegno
servendoghe ra famme per sœu scorta
n'agguardon ciú che tanto a cêa smorta
dro Relligioso duuo ciù che n'è un legno

Piggion l'abbrio sercando in ogni lœugo
in cantinna, in tre stanze, in saccrestia
e in coxinna per fin dond'ea ao fœugo

Ro disnà dri boin Fratti che bogîa
fassendo quello giorno lo ro cœugo
e o Fratte zazunà co' a compagnia.

[ 113 ] [ 114 ]


59.
Ne barba d'ommo ve porræ contà
re mennazze, strappazzi e crudertæ
che in quelli giorni che sten lí posæ
fessan a ri boin padri sopportà

Con re pistolle ao peto a segno tà
che voendo dri quattrin senza pietæ
fun ciu morti che vivi a fin sforzæ
sercase scampo da ro Geneâ

Ro quæ doppo dro tempo da o Segno
fu toccaò ne ro cœu da caitæ
onde ra sarvaguardia con amaò

Fu mandaò a i meschin lì sequestræ
che li ri lascio; E a torre dell'amaò
m'incaminno a osservà re sbattuggiæ.

[ 115 ] [ 116 ]


60.
Che ro scœuugio main dro brâo Ponton
con ænna e con ghuminae attrezzaò
che manco o diâo l'aviæ pertuzaò
ghe fæ' provà con bombe e co' o cannon

E sì creddo che a Zena da o ton ton
ogn'un per l'allegria foize adesciaò
e a reversa i Todeschi ogn'un stronaò
vedendo noj' ro lampo e lo ro tron

E chi rammemoò a torre de Babelle
quando confuze ro Segno i parlæ
pretendendo arrivà sciù da re stelle

Così confuzi da re cannonæ
amĵo, godo e sento re quaelle
de quelli tartagioin sí spennagiæ

[ 117 ] [ 118 ]


61.
Eivvae chì renovaò l'antigo sfœugo
dra Nave Santa Roza e de Vivian
de Prasca Campanella e de Zerman
sfiandose aspetase in to tà lœugo

Ma n'oian tegnì corda a questo zœugo
vascelli d'ato bordo e l'Ottoman
che solo d'amialo da a lontan
ri sentivi crià "l'è cagha fœugo"

Fighuua dro nostro scœuugio vertadea
che sciortendoghe xciamme da ogni laò
a quelli dro torrion mostrava cea

Ond'intro gazzabuggiao despeaò
ghe livelaò re bombe in tà manêa
che fito gh'arrestaò dezabitaò.

[ 119 ] [ 120 ]


62.
E zà che semmo in mâ co' e veie teize
me pà sciù i cien de Quinto se non aro
che con moddo gratiozo o ciù bizaro
foize sciusciaò ro nazo a [a] Nave inghreize

Seghuuo; Ma dro Ponton no fun r'impreize
fun serte zizzoe rebbelæ sciú o carao
che ne ro fá dro giorno e sì no a sgharo
gh'insegnon ro trattà a re sœu speize

A se ne stava donque de piarda
ra Nave lì anchoà ciú che n[']è un scœugio
come stà i labbardaè con ra labbarda

Quando come ro lampo a un batti d'œuugio
per raxon de vuoej' esse sì testarda
ra poppa a se sentí scroscì un po l'œuugio

[ 121 ] [ 122 ]


63.
E ao fà dro giorno quando o rossignœu
comenza con ri trilli a fà a canzon
tante ghe ne sonnon con ro cannon
che quinton lí crepà da o batticœu

Pezzi de poppa come ciapazœu
con ri belli ornamenti dro lampion
veivi sgoà; Ma senza compascion
perche ne g[i]ubilava anco' i figiœu

In tanto i braghettoin co' e neghe in terra
tiavan zu arragiæ pezzi de siè
criando: "tocca, zia, aguanta, affera"

Ma per quanti rezij aggiae o mestaè
possibile no fu voze ra serra
onde fito tagion l'ancoa e de paè.

[ 123 ] [ 124 ]


64.
Ma ra specie ciù bella e ciù cuuioza
fu quando ro xciabecco dall'ammâ
se partì co' unna vœuuga sí arrancà
per agiutà sciù o letto a mette a spoza

E arrivaò a ra vista lagrimoza
dra nave da ogni banda pertuzà
sentindose re balle scigoà
da ro laò, ra lasciaò in to fœuugo ascoza

A nave poi avuo ro sœu bon giorno
attornià de grandiozi spinoelli
a rebbellon con stento lá a Livvorno

Re cialluppe mandæ d'attri vascelli
che ghe favan coonna lí d'attorno
se a mollon pinne d'egua in ciú strepelli.

[ 125 ] [ 126 ]


65.
Così tutte (fræ cao) lí foizan stete
per fà ro resto tutte in righinagia
e mostraghe o trattà a sta cannagia
che vegnan a sturbà ro mà de lete

Quella peaò ch'apporte da ste trete
ro guagno a cá co' o resto dra marmagia
che zà che l'aia ro panaè de pagia
ro fœuugo gh'attacon (cose ben fete)

Ma per no me sentì belletegà
ciù ro cœu, me ne sato fito in terra
e scappo da ra nave e da ro mà

Per fornì con lindezza questa guerra
che za quazi treì terzi l[']ò ascciannà
e fazzo un passo fin a ra Scofferra.

[ 127 ] [ 128 ]


66.
Quest'è un lœuugo d'inverno da no stà
perche ra neivve a l'à pigiaò a pixon
e chi n'à ciù che o fœuugo in tro gippon
quelli brichi no cuue de scoratà

E pù per poeì a ri nemizi ostà
che vozen come mosche lí o taccon
fu bezœuugno spedí dra guarnixon
co' o cappitanio Pejn Cannevà

Cavvagieo si pio e spijtozo
che se Zerse l'ezersito d'abbrio
avviæ menaò con moddo industriozo

E ra sœu truppa ro voziavva ao crio
limozineivve giusto e amoozo
come un ommo mandaò giusto da Dio.

[ 129 ] [ 130 ]


67.
Per a defeiza donque dro paeize
addornaò de ste bonne qualitæ
in campagna se misse con sta quæ
o moj' combattendo ò fà dre preize

Mille benedizioin a moen desteize
fra tanto ghe pregava ra Sittæ
che d'in pó in pó sentivva e sbattugæ
da laè dete a i Todeschi moæ ciù inteize

E giusto comme fa l'argento vivo
che nell'istesso lœuugo mai stà sodo
così l'ea sodo laè come o descrivo

Quando ciantaò da un bricco come un ciodo
quando dall'attro con ro paè furtivo
ro veivi; e no son mi che sí ro lodo.

[ 131 ] [ 132 ]


68.
Son re sœu gren virtù che come stelle
per sempre han da resplende e mai moj'
ne i marmai e istoie in avegní
fin che no vegne o mondo unna babelle

Ma no me vœuuggio chì rompì e marelle
se nò me scappa tutti i dezertoì
feij remissi con ri guastadoí
da laè boschæ in queste parti e in quelle

A Zena voj' sentivi ogni pittin
"è arrivaò da a Scoffera unna brigà
"de prexonaè pigiæ da o sciaò Pejn"

E nell'istesso tempo a tutt'andà
voxavva in tra sittæ grendi e piccin
"vivva per sempre Pejn Cannevà!"

[ 133 ] [ 134 ]


69.
Mà ohimaè che zà me pà vedde a cometa
dro prognostico amao messagêa
che a quattro a quattro e lagrime sciù a cêa
me fa vegnì; e ra mæ mente inqueta

Nè ro prinsipio sà capì, nè a maeta
dro caxo sì impensaò e morte fêa
che quanto ciù ne vœu formà r'idea
ghe dixe ro pensaè: "fermate e quaeta"

Tutta questa de Dio fu vorentæ
contro dra quæ a nissun lessito è andà
e ogn'un deve baxâ sferza e sferzæ

Chi sà che ne ro vuoej ciù in là passà
ro Nobile Guerraè per fà a sò quæ
n'avessimo noi' perso o Personà.

[ 135 ] [ 136 ]


70.
Ro racconto dro quæ e duua sorte
benche o rennove[sic] a ro me cœu dorò
e me fazze cangià dro tutto coò
no ro posso taxeì ne cian ne forte

Così essendo a cavallo co' e sò scorte
doppo aveì feto co' i nemizi foò
un de quelli remissi da treitaò
co' unna pistolettà ghe dè ra morte

Ah' canna scelleadda, ommo perverzo
che avesti tanto ardí de fá sto sfrizo
a zovenetto Nobile sì eccerzo

Che tutti noj' speemo ao Paadizo
lœugo servaò per rende in groja immerzo
un spijto abbrassaò co' o Crocifizo.[veddi retro]

[ retro ]


e ti all'inferno a fà corrente in terzo
con ri [...] ra faè co' o Crosifixo.

[ 138 ]


71.
Aoa lascio che voj' consideæ
re lagrime , ri doj' e ri sospij
che ri paenti e sittadin unij
fessan, portaò ch'o fu ne ra Sittæ

L'istesso Ducca de Bouufler da un fræ
ro vosse accompagnà con ciù invij
fin drento san Loenzo; onde fornij
ri suffraggi, partì co' a Nobirtæ

Ma mi sù a sepportuua lascio sti scriti:
chì se repoza Peijn Cannevà
dra Pattria deffensaò in feti e in diti

In diti pe a sœu truppa sì annimà
che de nemizi fæ' gran parte friti
in feti perche o coeurpo è chì a possà.

[ 139 ] [ 140 ]


72.
Lascio per no restà troppo tediozo
tant'attri Personaggi, e de che stimma,
che se no foize per schurzà ra rimma
ro feto descriviæ d'ogn'un gratiozo

De Parrissin Pinello assæ briozo
che a ri nemizi o ghe servì de limma
per limmaj da o fondo fin a simma
che pe a Pattria laè ascì moj' Groiozo

Galleotto Pravezin con ro restante
de morti e de feij ch'an feto fronte
tutti speo là sù fra santi e sante

Ma o pensiêo dra morte pà ch[']o ponte
e me porte d'abbrio tutto tremante
a vizità ra Madonna dro Monte.

[ 141 ] [ 142 ]


73.
A laè con tutto o cœu pigg[i]o o perdon
preghandoa sarvane quello lœuugo
onde i nemizi fen l'urtimo sfœuugo
per pigiane poi tutti a descrezion

E doppo d'esse steto in zenogg[i]on
drento dra châa Geza a fà sto zœuugo
sciorto e comenzo a vej dro bello fœuugo
che me misse attretanta contrizion

E sì quello o non êa dro ciù impestaò
che gh[']o tempo de quello a descorine
come havviaô re trincêe ben vizitaò

Fra tanto m'incamminno per sentine
tutte e decciaassoin con tutto graò
da o Famozo campion de Rocchepine.

[ 143 ] [ 144 ]


74.
Fu deto donque a laè tutto o comando
da o Ducca de Bouufler ro Geneà
(de felice memoja;) pe affrontá
l'armà nemigha ch'andava pensando

Doveise impossessà sì ghallopando
dro lœuugo forte; che za l'an sgharà
come s'è visto da ra scharazzá
che pig[i]on su re tarche schorattando

Favvan dri zij tra ro cêo e o schuuo
da ra vegia montà con tutta fronte
ma lì ghe rozzigg[i]on dell'osso duuo

Nè possan mai spontà d'haveì ro ponte
ro quæ no san s[']o sæ cœuutto ne cruuo
sicche re carte re button a monte.

[ 145 ] [ 146 ]


75.
No mancon de tentà verzo de Quezzi
credendo n'incontrà nissun carzœu
ma pe apointo pigion lí i feti sœu
s(')æ in fondo s(')æ in tra geza, e rêi e spezzi

Fra quelle rovveette fete in pezzi
s'andavan rastellando fra i rizzœu
che me favan da vêo vegní in cœu
ro cacciaò lí bocchuuo con tanti attrezzi

Ma Rocchepine che è un da dí de voj'
in genee de guerra a ciú furbesca
fæ' montà a ra so truppa ri fozí

E feta co' a mettragia unna proescha
ne fæ' arrestà gran parte lí a dormí
che stentian a desciase all'egua frescha.

[ 147 ] [ 148 ]


76.
Ma ro Zerbin ra fæ' da zerbinotto
quando verso i Camandoli dæ' un sguardo
e vidde quello mugg[i]o sí testardo
de Todeschi sciù a ciazza a fà o merlotto

Per vintisinque callaj co' o botto
credo che foizan lí a mjâ o stendardo
ch'aia misso a sittæ sciù o balluuardo
mentre l(')aè ghe zughaò sta pojza a o lotto

Unna bomba no sò de che cantêa
livellaò lí vexin a ri conzonti
che ciù longa a ri giusta sciù a parmêa

Basta, no possan lí fornì ri conti
andon da laò (e questa è cosa cêa)
senz'essighe mandæ de là da i monti.

[ 149 ] [ 150 ]


77.
E lì lascemoi stà sciù quella rivva
a pigiase ro frescho senz'aschado
perche me paej de sà gh[']è troppo cado
e un tantinetto ascì d'aia cattiva

Fra tanto de de chì mi sœuunno a pivva
perche za i veddo in ballo e in te l'infado
e dandoghe un œuugg[i]à lí da o rubado
co' o ghotto in man così ghe fazzo un "vivva"

Belli cabœuna che ro seì daveì
no ve crediessi migha che i Zeneizi
n'avessan ciù de moen; (ve n'accorzieì)

Gh'avvemmo dri Spagnolli e dri Franseizi
che ve mostrian trattà se no ne sej
a voj' chi fa per voj' che son r'Inghreizi.

[ 151 ] [ 152 ]


78.
Per no me perde un pò troppo in tra puua
e lascià santa Tecla sotto bancha
l'è megio che ve vegne a lamma giancha
con favve vej re sciamme e ra bravuua

Che Rocchepine sciú de quella artuua
con tanta bizzaria che mai ghe mancha
con tanta forza ascì che mai ro stancha
provà ghe fesse in quella pozituua

Cannonæ e tanto fœuugo dro moderno
ch'ebbe a dí un de laò mezzo astronaò
ch'o no sà se ne sæ tanto all'inferno

Per questo se a mollaò da despeaò
senz'aveì compagnia d'ambo ò de terno
e chi sà d'onde o diâo l'agge portaò.

[ 153 ] [ 154 ]


79.
E primma de descrive a gran giornà
dro santo Grojozissimo Padoan
bezœuugna che me porte un pò cian cian
ro Ducca de Bouufler à vizità

Ri schajn un per un stento a montà
perche me dixe o cœu za da a lontan
"figg[i]o châo ro Ducca ancœu ò doman
"se ne sghugg[i]a daveì"; (oh che stoccà)

Sciù questa refflescion dago de votta
per sentine ra nœuva ciú adaxetto
ma resto tutto o giorno unna marmotta

E ra nœuutte aqueghaò sciú dro m(')è letto
za da ra fantazia meza sconvuotta
ninte possi quetá, ve parlo xccietto.

[ 155 ] [ 156 ]


80.
Stanco da o dexidejo e apprenscion forte
per sfogà ben dro tutto a mæ voentæ
sciorto e sento (oh Segnòeu) ra novitæ
in ciu moddi descrita dra sœu morte

Fighuueve, o' lettaò, che se ra sorte
no m'agg(i)utavva alloa con bonna quæ
cose foize no o sò dri feti mæ
perche a fà un desbaato fuì sciù e porte

Morte (si m(')è sfogheì) morte treitoa
che a ri Zeneizi levi hommo si ræo
che tanto ghe zovaò, tanto ghe zôa

Ghe zovaò con fà tutto e no dì: "Fæo"
ghe zôa perche giust'all'urtim'hôa
se protestaò pregà lasciù a o cæo.

[ 157 ] [ 158 ]


81.
Fu un cianto in tra Sittæ, ma unniversà
restando ogn'un dro tutto sconsolaò
ne o pensà quant'amaò n'haja portaò
in vitta, in morte ro Gran Geneâ

Veivi povei e ricchi lagrimà
plebaja e Nobiltæ tutti in sò graò
che m(')e fæ' sovegnì o tempo passaò
quando Geruzallemme fu spiantà

Fra i attri unna donetta schavigg[i]à
con ro Rozajo in man tutta pietæ
se n'andaò a ro Monte deschazà

E lì in zenogge con gran chajtæ
per l'annima dro Ducca trappazzà
fæ' re sœu Devozioin; (Benejta sæ.)

[ 159 ] [ 160 ]



82.
Chì per poejvve ra paolla mantegní
dro dí de Sant'Antogno che v'hò deta
ne a Geza dra Nunziá nell urna feta
lascio ro Ducca; e fito son da voj'

De questo pigg[i]o poeo* a descorì
perche m(')e trœuvo co' ra mente astreta
nè manco mi ve ne sò dí ra treta
che viemmo a fin d'onde l'andià a fornj'

Ma primma d'oeivve dí, lasciæ che baxe
a i pè dro monte ra veste sagrà
dra Maddonna d'in sciú portá a Paxe

Che quando me soven ra gran giornà
a ra quæ ciú ghe penso ciù m(')e spiaxe
no posso a manco de no lagrimà.

[ 161 ] [ 162 ]


83.
Rocchepine sentja ch'ebbe ra morte
dro Barba a laè sì chao da questo e quello
ghe sattaò tanta peste in tro servello
cho poco se chuaò ciú dra sò sorte

Sicchaè da stradde drite e stradde storte
fæ' sciortí da pertutto un mongibello
fassendo dri Todeschi ro maxello
che ogn'un za sà con ra sò truppa forte

Sinque assati ghe den se no m'innaro
quello giorno a ro Monte ri gren diaj
ma laè ri deschacciaò sempre bizzaro

E se no ven quell'eguua a desturbaj
ve zuuo da gallantommo (e no ra sgharo)
che pe i Todeschi l'ea giornà de guaj.

[ 163 ] [ 164 ]


84.
Dime un stissin (che ve n(')e paghe Dio)
ejvvo mai osservaò quando ro can
score la levoae per condula in man
dro brâo cacciaò che l'abbestenta ao tio!

Me diej de sì! Ma chí non ò fornîo;
ejvvo visto de ciù che in tro rjan
a sè rubbattà zu d'in man in man
faeja ch'a s(')æ da ro cacciaò forbjo!

Sì pù; (me respondiej.) Donque ejvve o caxo;
son ra levoae i Todeschi da i chen schorzi
menæ da Rocchepine aò brutto baxo

Ri nostri son ri chen de quelli chorzi
che ghe fen ben savej de ciongio o naxo
e fà dre tombaele a son de morzi.

[ 165 ] [ 166 ]


85.
Non ostante ra ziffra feta e o zêo
in quello sito ond'ea dro brutto andà
pú tra i seze ò i disette hossan provà
son daghae un attro assato un pò ciú fêo

Ma no a fæ' Rocchepine da un giampêo
perche in tra badaruffa si ostiná
sette ò œuutto sento ghe ne fæ' arrestà
cosi me disse i Padri dro Ciapêo

Ri quæ fun testimonij laò de vista
essendo da ro Monte in lá portæ
in quattro ne ro moddo ch'an ra pista

Ma quello no fu vin, fun xcciupetæ
che ghe ne fæ' d'aveì bonna provista
Rocchepine levandoghene a quæ.

[ 167 ] [ 168 ]


86.
Se dovejan pù accorze ri ballordi
che a Vergine Santissima dro Monte
per quelli che a pregavan a moen zonte
voeja sarvase o lœuugo; e pú fun sordi.

Davej credejan che fojssimo tordi
ma ra rossa bandea dedato ao ponte
indicava o reverso a faghe fronte
fin all'urtimo sangue come inghordi

Sicche vosse tornà d'ond'ea partĵa
(per da ghe da capí che là vœu stà)
ra Reginna dri Angei Maĵa

E s'avjan ardimento oeìghe tornà
me preveddo stò caxo (e n'è boxĵa)
che nissun ciú de laò deghe scappâ.

[ 169 ] [ 170 ]


87.
Serto che se ve voesse aoa contà
unna per unna e grazie e ri favoj'
che a feto ra Maddonna a tutti noj'
no bastiæ tutta a carta dro cartà

Ma questa che l'è steta a prinsipà
d'avejne libeaò da i belli humoj'
l'hò dita, ra dirò e a vœuugio dj
fin ch'aviaò ciú de sciaò da poej parlà

Ve ringrazio fra tanto a tutt'andà
Vergine sagrosanta sempre mâj
d'avejne preservaò da sta bughà

Perche mi sò de serto ch'ean guâj
se resce a queste bestie drento intrà
fassendone ciú pezo che ri diâj.

[ 171 ] [ 172 ]


88.
Ma chí l'è tosto tempo, pio lettaòeu
acciò no m'intachæ d'indischrezion
che ro gran giorno dra Vizitazion
ve descrivve; con dà groja ao Segnòeu

Così fazzo; e sentine ro tenòeu:
se vidde a seja avanti un prebogg[i]on
segno ben ceo dra dispozizion
de voejsela molà co' a bocca in saoeù[sic]

Foghetti in su e in zu se veja fà
onde dexe, onde vinti e d'onde trenta
con ri baghaggi avanti caminà

E ra tardanza ogn'un de laò tormenta
su ro timaò de no dovej provà
quarche battosta ancon ò quarche insenta.

[ 173 ] [ 174 ]


89.
E come a veja apointo de san Pé
che ogn'unna de ste ville fa o faò
così per quelli monti da ogni laò
vejvi fœuugo spontá avanti e inderè

L'attacon a e trincêe i bertomè
credendo fá restà ogn'un spaximaò
ma l'ebbe a ra reverza ogn'un a graò
come tjo de partenza da corrè

Chi ghe pregava sacchi de mallanni
con bocca, con re moen e con ro cœu
e chi fra l(')è dixeja "vanni, vanni"

Chi ghe fava e scioette come i bœu
chi dra Nave de Sanna o viagio e i danni
ghe pregava; con dighe ogn'un ra sœu.

[ 175 ] [ 176 ]


90.
E i vosse ogn'un co' i œuuggi seguità
tanto che fojzan tutti delligiæ
criando in ata voxe "andæ, andæ,
"che no possæ moæ ciú chi rettornà"

Così a sò groja vossan terminà
così Zena pigion co' a voentæ
a son de vittupeij i ciú carchæ
e i ciù moderni che se poessan dà

Donque ch'impaan no vegní a gratà
chi no ri frugha e stà ne re sœu strazze
che, se nò, ghe trovian dro brutto andà

Pensavan a mè paej con ste menazze
che dovesse pe a poja ogn'un crepà
ma che stagan zu laó doe notte bazze.

[ 177 ] [ 178 ]


91.
Ma l'ea un bello e un brutto vej corj'
ra gente che tornaa a reppatrià
bello per l'allegrezza nell'andá
e brutto pre e rottuue ne ro vegnj'

Trovon nell'arrivà tanti terroj'
che moæ nissun de laò l'aviæ pensà
caze, ville e ogni cosa sì sporpà
che in cangio d'allegrezza fun ranchoj'

Alloa l'è quando den tutti in tri tachi
che se ghe fojsan steti lí davanti
i avjeian rozigæ ciú che chen brachi

Ma no se poæ aspetà da sti birbanti
ninte de megio che strappazzi a sachi
no avendoa perdonà ne a Dio ne a i Santi.

[ 179 ] [ 180 ]


92.
E za che semmo a e cannevve arrivæ
prima che sere o crocho; a e pallizzate
ve menno un pò con mi a fà passagiate
per vedde Fratti e Prêj ben ormezæ

Zoveni e vegi e d'ogni quallitæ
con bocca bussa senza fà ciazzate
ri vejvi da i rastelli a quelle intrate
ra sœu guardia montá con proprietæ

E questo l'ea dovuo dovejse fà
conservase a pellizza per a stæ
se no ri becchafighi avjeian da fà

Tanto ciú che davej s'ean zuuæ
quelli schavizzi; se ghe resce intrà
azzebibali tutti con xciablæ.

[ 181 ] [ 182 ]


93.
E son de ste proteste testimonio
ri Padri dro Ciapeaò là trattegnuj
che vegnindo a o discorso co' i panduj
così ghe dissan lí assetæ a o tellonio

Padri (zuemmo) che un bon antimonio
(s'intremmo) an da collà dri ciú sernuj
i Fratti per i primmi (e con che luj)
sí dissan zà invazæ da ro demonio

Per questo no capisc[i]o o fondamento
de chi dixeja no se poeì permette
vegní ri Fratti e Prej a sto simento

Ma sentine un pittin ste paollette
(l'è a lezze de nattua che fa o comento)
"fa in pezzi chi de ti vœu fà dre fette".

[ 183 ] [ 184 ]


94.
Ma chì gh[']è un'obiezion stimà dre sode
che me fa un pegoà ma servellin
con dì che sti prinsipij son minciojn
quando l'interno ancon n'à mostraò frode

Così disse a i Remmaggi o Re Erode
"andæ, tornæ e dro nasc[i]uuo Bambin
"porteme ben distinte e rellaziojn
"perche posse mi ascì daghe ra lode"

Ma respondejme un pò aoa chi voj'
onde andon a forní ste sommissiojn?
tutte a fornj' (me diej) in strage e doj'.

Così respondo a voj'; se i mascharzojn
intravan drento: com'andâa à forní?
come l'andò a fornj' co' o cappuzzin.

[ 185 ] [ 186 ]


95.
Unna cossetta sola me ghe resta
che l'è ra ciú importante e no ghe erròeu
ringrazià mi con tutti o Segnòeu
d'avejne chi mandaò per compì a festa

Ro Ducca Rossigliú hommo de testa
a tutte re passæ ninte infejòeu
che con sfarzo co' o cœu e bon amòeu
vedde e provedde in quella parte e in questa

Za l'ha deto l'assazo dro sœu humòeu
a unna gran parte dri nostri nemizi
e va sempre crescendo con fervòeu

Ne giubilan fra tanto i vej amizi
all'incontro i Todeschi n'an doôeu
perche o va scharlasandoghe i barbizi.

[ 187 ] [ 188 ]


96.
E fra re condizjoin ciù prinsipæ
che rendan grat'a Dio un personà
segondo ne o Vangelio è decciaà
l'é (come tutti san) ra chajtæ

Questa ne o cœu dro Ducca a raddichæ
re reize; che a strepala saà da fà
tanto ciú che ghe zœuuga o nattuuà
no l'arte, no ri stenti mendichæ

Ro san e l'unna e l'attra dre rivêe
e quella de levante in prinsipà
s[']o gh[']à lasciaò dinæ, s'en cose vêe

E tutto questo per poejli annimà
segondo ri sò fin e re sò idêe
da ro Ducca che l'è da Geneà.

[ 189 ] [ 190 ]


97.
Nè fà co' i Savoiardi ro mincion
che se creddan per sempre soggiornà
ne a parte de ponnente mà guagnà
perche contro ogni lezze e ogni raxon

Ma s[']o ghe mette e moen in concluxon
pe un pezzetto ri vœu fà regordà
dro Ducca Rossigliù che l'a zuuà
d'assendighe ro fœuugo in tro gippon

Za pochi giorni son fæ' dà un attasto
verso Selle, Vaaze e Choghoêo
d'onde ghe pellucon quelli all'annasto

Ma lasciæ vegnì tutti (come spêo)
che se no perdan l'aze con ro basto
dime (che ve a perdonno) un gran gianpêo.

[ 191 ] [ 192 ]


98.
Ve diæ per fin che doppo d'esse steto
a vedde e ben provedde in ogni sito
doppo havej feto tutto e tutto dito
fæ' Lavenza pigg[i]à; questo è ro ceto

Ve diæ de ciú (ma questo n'è ancon feto)
che o forte de Lavulla è tosto frito
ve diæ (ma che ciú dì) se tutto ò dito
con dí che un paj a laè no s[']è maj deto

Questo è ro caxo nostro figgi caj
de preghà ro Segnòeu che ro mantegne
per tegnine lontan da nœuvi guaj

Ma in tanto ogn'un de noj' st'avizo tegne
Franza e Spagna da o cœu no sbandì maj
e poi lascæ che ro nemigho vegne.

[ 193 ] [ 194 ]


99.
Compatime per fin lettòeu corteize
se su ri quinci e quindi n'ó parlaò
perche fin da prinsipio ò protestaò
no me voej imbrattà re moen de peize

Ma avertì à compatime a [a] millaneize
che o compatí a sto moddo l'è biasmaò
onde se cose strannie gh[']ej trovaò
mi no ne son caxon; son cose inteize

No me creddo però d'avejghe misso
robba che a quarchedun ghe fasse sfrixo
perche ciù votte gh[']ò aguardaò ben fisso

Per questo s'oej tagià, tagiæ per rizo
se nò tanto ve diaò che l'è un pastisso
e che de quelli ancon va a o Paadizo.

[ 195 ] [ 196 ]


100.
Ma chí za me preveddo aoa sto tjo
che sej per dime voj' tia retia
che bezuogna[sic] aspetâ a guerra fornia
a mette sta vittoja a tutto crio

L'è veo; e mi m'accordo a sto partjo
ma se noj' reffletiemo a st'allegria
provegnindo da a Vergine Marja
a dovemmo remette tutta a Dio

Ro quæ a tempo e lœuugo sà humilià
ra superbia de chi vive ostinaò
a ra vea humirtæ sempre exartà

Fin aoa co' o sœu agiutto o n'à aguardaò
e se noj' seguitiemo a voejlo amà
ancon megio fornià che prinsipiaò.

[ 197 ] [ 198 ]



101.
Così digo, confermo e così tegno
e in voj' con tutto o cœu cosí confjo
che essendo quello veo e giusto Iddio
assistieì ra giustizia; (e ro mantegno)

Me confesso fra tanto; (e a voj' ne vegno)
ro peccatóeu fra tutti o ciú forbjo
e se fojse moæ steto de sto tjo
mi ra caxon, da ro doraò za svegno

No permettej mai ciú che sti ciaffej
se deghan chí vexin troppo accostá
perche ri creddo xciatta de giudej

Fra tanto vostra Moêe vœuug[i]o preghà
mi con tutti in zenogge in cianti vej
ne a forma che chì approeù[sic] ò commensà

[ 199 ] [ 200 ]


102.
Vergine Sagroasanta e Gran Reginna
dro Siè e terra Puua e Immaccolata
appresso ao vostro Figg[i]o avoccata
segiejne; E preservæ da ogni rovinna

Questa nostra Sittæ, questa marinna
da tutti ri perighi e ogni intrata
ch'a se zuua per sempre essivve grata
con quella contrizion che è ra ciú finna

Fra tanto ve preghemmo che assetæ
tutte quelle preghaêe de Geze e caze
che in Zena se son fete e a e vostre Artæ

E se de benexine v(')e compiaxe
semmo serto e seghuuo in veitæ
che sarà convertja a guerra in Paxe.


Ro Fin.

[ 201 ]


16: Martii 1748

Inq. G.lis S. Offitii Genuæ