Lettia do Giaxo Axao 1435

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Lettia do Giaxo d'Axao a-o Comun de Zena pe-a vittoia de Ponsa do 4 agosto 1435
by Giaxo Axao
pubricâ da l'Abao Giustignan inte Lettie Memorabbile do 1669
[ 159 ]

XXXVII.

Di Biagio Assereto Ammiraglio
de' Genovesi


Alla Repubblica di Genova.


Avanti che noi scrivemo atro, Noi, vi suprichemo che ve piase de reconosce questa singolà vittoria dallo nostro Segnò Dè, e da lo beo S. Georgio, e da S. Domenego in ra festa de lo quà, in Venerdì fù la nostra assè sanguinenta battaia, dra quà, noi semo steti Vittoriosi, nò per le nostre forze ma per le virtu de Dè, habiando la giustitia dalla nostra parte.

Lo quarto di di questo meise ra mattin per tempo, noi trovammo in ro Mà de Terracina, assè presso terra l'armà de Rè d'Aragon, de nave 14: ellette inter vinti delle quae nave erano sei grosse le altre commune, li Rè e ri Baroni ri quae voi audirei de sotta con huomini sei miria per quello che savei da elli, si che ra menò nave di 300. in 400. huomini havea, le altre 500. in 600. la Reale, huomini 800. inter la quale era lo Rè d'Aragone, lo Infante, lo Duca di Sessa, lo Principe di Taranto, lo figlio dello Conte di Fondi e 120. Cavaglieri. Erano con le dette, navi Galere undexe, e Barbotte sei, & era lo vento allo Garigliano, si che era in sua possanza quello di de investine, noi habbiando à mente la commessione vostra de non prender battaia se era possibile, ma de dà socorso à Gaeta si se ferzam[m]o de tirar à vento, si navegammo in ver Ponza, lo Rè sempre se[ 160 ]guitandone, e molto presto le galee fonne à noi à re quae mandei un me Trombetta, pregando ra Maestè dro Re che ello no me voresse dà impaccio, ma me lasciasse andà à Gaeta e che rà nostra Communitè non voè guerra, &c. lo Re eri mattin di di San Domenego me mandà messer Francesco da Capoa, à ro qua chiù largamente parlei, secondo altra commission che haveva ricevuo ro dito messer Francesco da ro Re, che havea ferma speranza che per pagora, mi ghe feise fa quest'ambascià, e incontinente mandò un Caualero con ro sò Arado quasi comandandome me disse che mettesse à basso re Veire, e subito ra nave con ro vento in poppa cridando, con bombarde, e con barestre me investì, Noi fummo ri primi inuestii, da ra nave dro Re, e da tre atre navi, e mise ro ballaò onde ghe piaxè, in ro scaraò de prora, e fummo concadené amorosamente havendo da poppa un'atra nave, e da l'attro laò un'atra, & à proa un'atra, Non pensè che ri nostri compagnoin, e Pa(s)troin fuggisano, ma monto tosto, e fummo elli, e noi tutti lighè incadenè inseme amorosamente; erano re garee da re coste refrescando re lò navi, de huomini, e tirandone re lo navi adosso ond[e] ghe piaxea. però che era grandissima carma, finarmente lo Altissimo De noi dalle hore 12. fin'à re 22. senza intervallo ne riposo habbiando rispetto à ra giustitia ne dè vittoria.

Primamente presimo ra nave de Re, e re atre nostre ne preseno undexe, si che in soma son restae nave 12. dell'Armà de Re, & unna garea soa bruxà, e un'atra in fondo abandonà da elli. doe dre soe galere son levae da [ 161 ]ra battaia, e son scampaè per portà ra novella, son remasi prexoin ro Re d'Aragon, ro Re di Navarra, ro Maestro de San Giacomo, ro duca di Sessa, ro Principe di Daranto, ro Vice Re de Seceira, & infiniti atri Baroin Cavalier e zentil'huomini con Meneguccio dell'Aquila Capitan de 300 lanze, e ri prexoin son migiara de migiara, avisando la magnificentia e Reverentie vostre, che eran sun queste navi huomini d'arme mille como sarei avisae, quando haveremo pù spaccio per conforto de tutti voi, certificamo le vostre Magnificentie e Paternitae, che non só da quae parte incomensà, a di re sue lodi, e re sue proezze, con ra grand'obedienza, e reverentia, che sempre son steti da ro di che partimo à questo di, massime in ro di drà battaia che se essi havessan combattuo davanti re Signorie vostre, non haveriano feto atramente, elli meritan d'esse lodè e reconosciui singolarmente. Cristo ne preste gratia che possemo andà de ben in megio.

Data die 6. Augusti 1435. in Navi supra Insulam Pontiae.