Lettere 'a ll'Africa

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

[ 1 ]

Collezione Minima
_____
FERD. RUSSO



Lettere

'a ll'Africa


35 Sonetti



Dodicesimo migliaio



NAPOLI
Luigi Pierro, editore
Piazza Dante, 76

[ 2 ] [ 3 ] [ 4 ] [ 5 ]
FERDINANDO RUSSO



Lettere
'a ll'Africa


35 Sonetti


NAPOLI
Luigi Pierro, Tip-editore
Piazza Dante, 76
1896

[ 6 ]
Proprietà letteraria



NAPOLI - STABILIMENTO TIPOGRAFICO PIERRO & VERALDI
[ 7 ]
LETTERE 'A LL'AFRICA


[ 8 ] [ 9 ]

LETTERE 'A LL'AFRICA


I.

Cara Matre. Vi scrivo sul momento
col làppiso, ca penna non ge nè.
Stiamo fermati nell'accabbamento
e stiamo per marciare sul Trichè.


Il Negusso gi ha fatto il trarimento
ed io vi sgrivo per farvi assapè
che non zò stato nel cubbattimento
che sonco vivo e che penzate a me.


Sciascillo come sta? State sicure
e buon Natale che qua lo fareme
con due callette e tutto a baccalà.


Ma non porta, e si torno, ve lo giure,
v'aggia cuntà quanno po' stammo nzieme,
comme aggio rotte l'osse a Manguascià.

[ 10 ]

II.


Mia tiletta Rosella,
ho ricevuto
il pacco condenende i sosamelli
ma puzzano di stocco, perchè quelli
sull'istesso papore che è venuto,


causa la pioggia, ha tutto impuzzoluto;
ma non fa niente, li ho trovati belli.
E mo mandami presto i calzettelli
che stono scalzo e il piero ngi ha suffruto.


Qui noi soldati stiamo tutto allecri
e ngi pare millanni di sparare
per secotare un poco a questi necri.


Statevi di buonanimo perciò
che spero di potervelo informare
che siamo tutti antati nello Sciò.


[ 11 ]
III.


Amatissimo patre,
io stongo bene
e dingrazziante addio spero sentire
che puro voi: non state troppo in pene.
Come si dice? O vingere o morire!


O primma doppo là s'ha da venire,
perciò speriamo atesso che non viene
e che io stesso al pundo del partire
vi screverò che torno. Vi conviene?


Qui si sta sembre colla cuerra appresso
che mo ci ordina andate ora venite,
ma gi sono abbituato e falistesso.


Rassalula gi aspetta, ma il fatt'è
che attorno stanno i forti a tinamite,
e lui non gi può entrare, nel Ritrè.

[ 12 ] [ 13 ]

'A PARTENZA D' 'E SULDATE

[ 14 ] [ 15 ]
'A PARTENZA D' 'E SULDATE


I.


'A FOLLA


— Poveri figli 'e mamma! Se ne vanno
e chi sa che l'attocca, e quanta stiente!...
— Uh guarda! Mmiezo a loro, 'o si-Giuvanno!...
— Ma quante songo?... — Mille e cincuciente!


— Neh, si-Giuvà!... Buono principio r'anno!
Jate all'Assabbia appriesso 'o riggimente?
— Embè, che s'ha da fa....! — Sott' 'o cumanno?
— Surdato n'ata vota?... — È cosa 'e niente


— Uh guarda! Pure 'o frato 'e Ciampinella!...
Comme farrà, chella povera mamma?
— E comme 'a porta guappa, 'a chiancarella!


— 'E bbì lloco! 'E bbì lloco!... — E statte zitto!
Si te truvasse tu?... Stu muorto 'e famma!
Che guapparia! Ncuieta a nu cuscritto!

[ 16 ]
II.


'E PARIENTE


— Guè, Federì, p'ammore r' 'a Maronna,
scrìvece 'ossà!... Nun ce fa sta 'npenziere!
— Va buono, oi-mà! Rate nu vaso 'a nonna,
n'ato a Sciascillo... —Ebbiva 'e bberzagliere!!...


— E statte zitto, mannaggia 'a culonna!
Ca si no me ncuieto c' 'o furiere!...
— E ch'è ! Te taglia 'a capa tonna tonna?...
— ... no, ma 'o mette all'arresto int' 'o quartiere!


—Fosse 'a Maronna! Accussì nun partesse!
Me ne turnasse cu mammella mia,
c' 'a vicchiariella mia, ca nun chiagnesse,


comme fa mo! Mamma pecchè chiagnite?
Me facite partì c' 'appecundria!...
Io torno c' 'a meraglia, n' 'o ssapite?!

[ 17 ]
III.


'A NNAMMURATA


— Guè, ricòrdate 'e me! Nun fa c'arrive,
e pàffete, te mine int' 'e ccampane!
Astìpate stu cuoppo d'avulive...
t' 'o magne a buordo!... E sta palata 'e pane.


— Nannì, vattene! Che me miette mmane!...
— Addò 'astipo?... — E prumietteme ca scrive!...
Vattenne, ca nce vede 'o capitane!...
Nun me scuccià! me fai sentì currive!


— Tiene ccà, nun fa 'o spruceto! Fa ampresso
Che d'è, ca vede? Se fa na resata!
Quann'era comme a te, n'ha fatto 'o stesso?


Meh! Stienne 'a mana, nun ce sta nisciune...
ca tengo pure nu poco 'e fellata!...
E pìgliate sta carta cu 'e mezzune.

[ 18 ] [ 19 ]

DINTO 'O CAFÈ

[ 20 ] [ 21 ]
DINTO 'O CAFÈ


I.


— Ma caro don Domenico!.... Scusate!...
Quest'è un'impresa pazza!...—Voi che dite!...
Io sono col Governo; ci scherzate?...
Io parlo e parlo, e voi non me capite!...


— Ma scusate... vedete... perdonate...
— Un momento, scusate!... — Proseguite...
— Crispi l'ha detto!... — Crispi?... Ma badate,
Cavallotti... — Ma cànchero! Sentite!...


Tenite nu difetto, Santo Dio,
che interrompete al meglio del discorso!
Io v'esprimo un'idea!... State a sentì!


Pe n'incidente 'e guerra, ve dich'io,
voi che fate?... Così, voltate il dorso?!...
Ma forse siete amico 'e Rudinì?

[ 22 ]
II.


— Che c'entra Rudinì!... — Ma nu mumento...
s'ha da vincere sempe?... Se capisce...
— Mio caro: è gente senza accorgimento!...
Sentite a me! Meglio è se si finisce!


— Ma non si può! Ma non si può!...
Col vento che spira, 'a retirata nce avvilisce!...
Voi demoralizzate il sentimento
dell'esercito, Cristo!... E si fallisce!


— Neh, ma stu fallimento che nce azzecca?
— Nce azzecca! Si fallisce nel morale!...
Voi scappate a una piccola sconfitta!...


Ma già, a parlà con voi, uno si secca!...
— E voi, se vi seccate, fate male!
Il certo è che per me, l'Italia è fritta!

[ 23 ]

III.


— E già!... Perchè si sa... Secondo voi,
l'Italia mò e na scella 'e baccalà!
— Non dico questo... Ma quando Franzoi
ch'è stato tanto tiempo abbascio llà,


lo ha detto, caro mio!... Nè mo nè poi,
l'Italia pò fa niente e s'ha da sta!
— Ma scusate... sia detto fra di noi...
— Seh! Vuie mo' v' 'o scennite, a Mangascià!


Del resto, caro mio, se l'Inghilterra,
ch'è l'Inghilterra!, ha già luvato mano,
è segno ch'è pazzia, fa chesta guerra!


A voi vi pare ch'è na cosa 'e niente,
ma tutt' 'e conseguenze, chiano chiano,
chi 'e ppaga!... Sempre voi, contribuente!

[ 24 ]

IV.


Ora dunque?... S'intende di leggieri
che il Governo nun sape ch'ha da fa!
— E va bè! Mo ca torna Barattieri
jatece vuie, llà bbascio, a cumannà!


— Ma s'intende! Ci andrei ben volentieri,
caro don Ciccio mio!... Che novità!
Sò stato militare anfino a jeri,
e... mi saprei.. piuttosto regolà!


Se ne vene in Italia tinco tinco,
magna, parla, se sose, po' s'assetta...
chiò-chiò, chiù-chiù, tengo buon gioco mmano...


Comme! Sta l'asso nterra e mine 'o cinco?
Io faccio
scopa, quanto si' purpetta!...
Ecco perchè mo' parte Primerano!

[ 25 ]

DINTO ADD' 'O BARBIERE


[ 26 ] [ 27 ]

DINTO ADD' 'O BARBIERE


I.


— Ciccì, famme sta barba... — Sono a voi!
Signurì, solo barba? — ... Sì, Ciccì.
Nce sta 'o
Roma?...—Ragazzo, il Roma a noi!
E... che nutizie porta, signurì?


— Niente, c'ha da purtà!... — Meglio così...
— Partenze 'e truppe...
«Quattrocento buoi...»
«Altri cento muletti...» — Ah, niente! E poi...
'a proroga d' 'e Ccammere?...—...Gnorsì.


—E... signurì... la vostra opinione?...
Voi siete tanto inteso in queste cose!...
— Che me preme, Ciccì! Penza a sta bbuone!


Famme sta barba, 'un te ne ncarricà;
nun ghì mettenno recchie p' 'e ppertose,
ca chille sanno chello c'hann' 'a fà!

[ 28 ]
II.


— Chi, Barattiere?...— Già... Ma statt'attiento,
ca tu me taglie miezo cannarone!...
— Nonzignore! — E fa priesto! — Manco 'o viento!
Signò... ma chi nce 'ha dato, stu cannone?


— Quà cannone? — Gnorsì, mo' mi rammento,
chillo d'Obbocco... — Cumbinazzione...
— No, signurì, scusate nu mumento...
se n'è tanto parlato, int' 'o Salone!...


Ve ricurdate?... — Uffà!... Ciccì, fa priesto!...
— Státeve, signurì, ca vi ferite!....
— Tu m' 'e ntaccato già!... Vulisse 'o riesto?...


Mannaggia sta pulitica fetente!...
— Spazzola!... Signurì, siete servite!..
E buone fatte feste... E cente e ccente...!...

[ 29 ]

NNANZA 'O VASCIO

[ 30 ] [ 31 ]
NNANZA 'O VASCIO


('a ziè-Zufia e 'a cummarella)


I.


— Quann'io sentette, cummarella mia,
c'all'Afreca nc'è stata na mbattaglia,
carette nterra!... — Uh povera Zufia!...
— E spugnai p' 'o surore tutt' 'a maglia!


V'abbasta a dì, ca meza l'Antecaglia
steva nnant'a stu vascio, mmiezo 'a via!
Io parevo na pazza... E p' 'a pazzia
me sfucai nfaccia, tutta na bbuccaglia!


Ve pare?!... Io, sola! Figliemo, llà bbascio!
Tatillo mio, mmiezo 'e mmulignanelle!...
Pe ttre ghiuorne, na folla, nnanza 'o vascio!


Cummarè! nun magnavo e nun bevevo...
Nfaccia, guardate... tengo 'e ffussetelle!...
N'ata jurnata, e io me ne murevo!

[ 32 ]

II.


Ma pe grazzia celeste 'e chella Mamma
'e Pierirotta, e sempe sia lurata,
nt'arriva, cummarè, nu tilicramma!...
Era Tatillo mio!... Me so' sanata!


Va buono, sì, ca nce murimmo 'e famma,
ma Tatillo pe me, s'avrà mpignata
ll'anema sana, pe nfurmà sta mamma
ca sape comme steva abbermecata!


Nu trilicamma costa 'a vista 'e ll'uocchie,
da ll'Afreca anfì a ccà! Ma pure chillo
me l'ha mannato! 'O core nce 'o ddiceva!


Me riturnàino 'e fforze int''e ddenocchie,
'a freva scumparette!... Era Tatillo!
Era Tatillo mio ca me screveva!

[ 33 ]

III.


— E mo, che fanno? — Mo? Sia beneritto
chi primmo l'ha mannate 'a chella parte,
a chilli figli 'e mamma!... È ghiuoco 'e carte,
sta cuerra, cummarè! Addò steva scritto?!...


Chilli llà so' salvagge, sanno un'arte!...
Tèneno 'o cuoccio tuosto 'e nu zampitto!
Ogne ttanto ll'avotano li quarte,
e fanno saco e stragge, zitto e zitto!


Scusate: pe trasì int' 'a casa 'e n'ate,
vuie primma addimannate
nc'è purmesso!
Rico buono? O pigliate e ve mpezzate?


Comme! Tu trase rint' 'a casa mia,
fai sacco e fuoco... e po, te lagne appriesso
quann'io piglio e te caccio mmiez' 'a via?!

[ 34 ]

IV.


— Embè... ma ntanto chi nce va pe sotto?
Chi fa 'o surdato! 'E poveri guagliune!
Nzuppate r'acqua, rinto a nu cappotto,
facevano piatà!... Quanta perzune


l'hanno viste parti!... Nu duie nè une,
ma a migliara, 'o ddicevano! Ogge a r'otto,
parteno n'ati ccinche battagliune,
manco si fosse 'e tiempe 'o quarantotto!


— Meno male ca vanno allecramente!
Ca po' chesto nce sta: nu core mpietto,
quanno sbatte a curaggio, e tutto è niente!


— E se capisce! E si fanno a dispietto,
ogne guaglione 'e chillo ne vo' ciente!
E ogne palla c'arriva, è nu cunfietto

[ 35 ]

DINTO 'A FARMACIA


[ 36 ] [ 37 ]

DINTO 'A FARMACIA


I.


— Mo, mo!... Quanto spedisco sti ccartelle
e poi vi traccio la posizione...
— Intanto, io dico ca nce fanno 'a pelle!...
— Che pelle e pelle! Io so' d'opinione


ca si luvammo 'a sotto 'e gguarattelle,
facciamo una figura da minchione.
Posso sbagliarmi, ma mi pare imbelle,
quella condotta 'e ll'Opposizzione!


— Neh, ma pecchè?.. — Perchè? Ma santo Dio,
Quando il Governo ha bisogno d'appoggi
e il paese l'accetta, ve dich'io!...


che ragione ce sta de fa 'o zelante!
Avete letta la
Tribuna d'oggi?
La discordia nel campo d'Agramante!

[ 38 ]

II.


Ecco qua: supponiamo per un poco:
questa bottiglia verde, è l'Ambalaggi.
È chiaro!... Gli scioani fanno fuoco...
Questi bicchieri qua... sono villaggi.


Stu sughero, è Toselli. Abbascio lloco,
cogli uomini, le tende, i carriaggi...
Stu vasetto, è Arimondi. E tutto il gioco
del nemico, sta ccà, coi suoi vantaggi.


È naturale! Voi cercate ajuto,
e intanto vi battete da leone.
Va bene. Ma da me, chi nc'è venuto?


Io non so niente, e sto fiducioso...
I rinforzi ritardano... Benone!
Ed ecco come muore un valoroso!

[ 39 ]

III.


È chiaro, o no?... L'ho visto sulle carte,
e nun se po' sbaglià! Comprendo bene
ch'è sempre doloroso retirarte
vicino a chilli llà... ma ti conviene!


Ti conviene di fingerti in disparte
finchè il momento buono sopravviene...
Io ve vurrìa vedè da chelli pparte,
se non vi gela 'o sango dinto 'e vvene!


Ora mo, che cos'è? Perchè le sorti
ad Ambalaggi a noi non ci hanno arriso
e abbiamo avuto un mille e rotti morti,


sulo pe chesto, s'ha da luvà mane?
Sulo pe chesto, s'ha da fa buon viso
ai vostri Cavallotti ed Imbriane?...

[ 40 ]

IV.


Scusate: se vien'uno, mo, e me dice:
« Datemi cento carte senapate... »
Io nun m' 'e ttrovo... Sono un infelice?
Chiudo la farmacia?... Ma ci pensate!


Vengo da voi! Vado da don Felice!
Vado da don Ciccillo!... « Mi prestate
così, così, così?...» Voi, tutt'amice,
che fatte?... Rispondete. Vi negate?


È chiaro!... Nce po' sta na minoranza
che mi volta la faccia. Evviva noi!
Ma che sò?... Na trentina 'e deputate?...


Ed io Governo, con la Maggioranza,
ho il voto di fiducia in barba a voi,
e ottengo queste carte senapate!

[ 41 ]

MMIEZO 'A VIA

[ 42 ] [ 43 ]
MMIEZO 'A VIA


I.

— Ma st'Afreca, ched'è? — Giesummaria!
È ll'Afreca! Ched'è, nun 'o ssapite?
Comme fosse na Napule 'n Turchia...
È nu paese, teh! Nun me ndennite?


— Ma addò resta?... — Addò resta? Ncopp' 'a via
ca va all'Assabbia. — E 'a guerra, a chi 'a facite?
— A chi 'a facimmo? A tutt' 'a cumpagnia
de Rassalula... — E doppo, che n'avite?


— Niente. Facimmo 'a guerra pe fa 'a guerra!
Simmo suldate o no? Che ve penzate?
— Ma che ne vò, 'o Guverno, 'a chella terra?


— N'ha da vulè quaccosa, è naturale,
si no nun ce mannasse a sti suldate
p' 'e fa murì comm' a ttant'animale!

[ 44 ]

II.


— Oh! Ca chesto dich'io! Pe ssenza niente
uno piglia e fa 'a guerra! Nce ha da sta
na cosa sotto, teh, nu poco 'e viente,
si no 'a cumeta nun se po' 'nnarià!


— E se sape! Na cosa nce starrà...
songo partute tanta reggimiente!
— E che diceno 'e foglie? Che se fa?
— 'E foglie? E chille parlano int' 'e diente!


'O
Roma dice janco e dice nire,
'o
Curriere s'è tutto culurato...
'o
Pungolo, mo' chiagne e mo' te rire!...


È tale 'o mbruoglio pe nun fa sapè,
ch'io, maie comm' a mo', me so' ppriato
d'essere ciuccio assai, cchiù ciuccio 'e te!

[ 45 ]

'O PATRE 'E FAMIGLIA


[ 46 ] [ 47 ]

'O PATRE 'E FAMIGLIA


I.



— E beneditto Dio! Che v'aggia dì?...
Parte?... E pparte! 'O Signore l'accumpagna!...
'O piccerillo, 'nun ce vulev' ì!...
Mo me rummane 'a mamma, ca se lagna!


Chillo è ttanto abbunato!... E à da partì,
pecchè? Pe fa sta càncaro 'e campagna!...
Nun ce bburlammo... llà se va a murì!...
So' ppatre, e nun me sona, sta cuccagna!


E beneditto Dio!... Nui simmo ggente
ca si nce dai nu schiaffo 'a chisto lato,
nce luvammo 'o cappiello e tutto è nniente!


Figliemo mio, è tale nu pacchione,
ca si tu 'o guarde, già s'è gialliato!...
Llà chillo more, 'o povero guaglione!

[ 48 ]

II.


Già, fort'è si nce arriva!... 'O puveriello
m' 'o ddiceva:
Papà comme se fa?
Cu na vucella miccia 'e passariello
nun fa nient'ato ca se lamentà!


Nce stanno, ca lle prore 'o carusiello,
e hanno fatto 'a dimanna 'e se mbarcà;
ma chillo ggiesucristo 'e Peppeniello
comme ng'entra, si chillo vò restà?


Me distruggeno 'e botto na famiglia!
'A mamma chiagne, io stesso sto malato...
Ah, ca la mala Pasca nun ve piglia!...


Sia beneditto Dio, che v'aggia dì?...
Si chillo aveva essere scartato!...
'O piccerillo, nun ce vulev'ì.....

[ 49 ]

MACALLÈ


[ 50 ] [ 51 ]

MACALLÈ


I.


LL'ACQUAVITARO


— 'A presa, nun 'a presa... Io nun me faccio
ancora perzuaso 'e manco tante!
Ccà nce stanno passanno pe ssetaccio,
e nce tràttano proprio da 'gnurante!


Stu Macallè? Me pare nu migliaccio,
o nu pasticcio de nu risturante!
Na fella 'a ccà, na fella 'a llà... Che saccio...
ne vonno na felluccia tuttuquante!


Mo' cade, mo' nun cade, mo' è caduto,
mo' se mantene allerta, mo' s'abbocca;
se sta perdenno, è pierzo, s'è pperduto!...


E che Mmadonna!... Cu stu foglio nnanza,
che nn'avesse capito na spagliocca!...
Ma che sarrà? Na presa 'e misculanza?

[ 52 ]

II.


'O PREVETO JETTATORE


...Ma che s'ha da sperà da nu Guverno
impegolato cu 'a Massoneria!
Meno male che esiste, c'è, un inferno!
E sti sfurcate 'o ppìgliano a pazzia!


Stu Macallè... Sta in mano dell'Eterno!...
Che dite, che si vince?... E così sia!...
Ma intanto, stu Ministro dell'Interno...
Quello è un uomo che puzza d'eresia!


Oh, madre Immacolata e benedetta!
Llà succede na stragge, 'un voglia Ddio!
Oh! Madonna, Madonna d' 'a Saletta!


Io v'apro tutti i sentimenti miei!
E politica, chesta, caro mio?
Noi stiamo fra gli scribi e i farisei!

[ 53 ]

III.


'A MBOMMA


— Ma è mbomma? È tromma? N' 'e capito niente?
Io pe mme sto mpazzenno, int' 'e ggiurnale!
— Sarrà na mbomma, càspeta! Nun siente
ca s'è parlato 'e
ll'affetto murale?


— Ma comme quaglia? Quanto sì animale!
Io te dic'
uno, e tu rispunne ciente?
Fai na menesta e nun ce miette sale?
Tutt' 'e pparole toie s' 'e pporta 'o viente!


Vo' parlà, vo' parlà, parla semp'isso!
Pe di' na ciucciarìa nce sta tre ore....
Famme sta grazzia, parla meno spisso!


Spiècame stu
murale che robb'è!
Si fosse
mbomma, facesse rummore!
Ma stu
murale, chi t' 'ha ritto a tte?!

[ 54 ]

IV.


LL'ACQUA


— Seh! mo' t' 'o scinne! Chillo è ppiamuntese
e tene 'a capa cchiù tosta d' 'o cuorno!
— Ma sta nzerrato da cchiù de nu mese!...
— E vide che te fa, juorno pe gghiurno!


— Ma si po' se scuraggia?... — Era paese!
Nc'è stato anfino a mo! Sarria nu scuorno!
— Tene na bella capa 'e calavrese,
cu tutto c' 'hanno stritto attuorno attuorno!


— E resiste?... — Ha truvato 'a fogna 'e ll'acqua,
e sta scavanno pe vedè che nn'esce!...
'Ncuscienza, 'o può chiammà na capa sciacqua?


— Llà, si l'acqua è surgiva, 'o scavo giova....
Ma si è currente, è meglio ca fernesce!..
Ave voglia 'e scavà, ca nun 'a trova!

[ 55 ]

DOPPO LL'ASCIUTA


[ 56 ] [ 57 ]

DOPPO LL'ASCIUTA


I.


— Vuò ca te dico tutta 'a verità?
Nun me sona, stu fatto 'e Macallè!
Capisco ca s'aveva 'a libberà,
ma chi l'ha libberato? Macunnè!


« Vuie pe tramente, jatevenne 'a ccà »
— ha ditt'isso; — « facitelo pe me!
Anze, ve voglio pure accumpagnà!
Aizate 'e mmappatelle, e viva 'o Rre! »


Capisco bene ch'è meglio accussì,
ma nuie turnammo arreto, eccoce ccà!
Tanto valeva, statte e nun ce ji'!


Mò sulo Barattiere 'a pò mpattà!
Zòmpale ncuollo, mò! Falle fuì!
Si no sta guerra c' 'a facimmo a fa?

[ 58 ]

II.


L'OMMO CH'HA CAPITO


— Ma comme!... Cierti ttale e cquale ggente
parlano ancora a schiòvere?... Ve pare?
Ma 'o fatto è chillo, comme qualimente
ca io vulesse dì: stu mare, è mare!


'E pputenze so' state tanto chiare!
Hanno ritto.... aspettate nu mumente;
ch'hanno ritto?... Se spare?... Embè, se spare!
Truvate ca sta cosa è cchiaramente?


Hanno ritto, va bbè.... Pe mo' nun 'mporta!
Quanno chella nun è na fenzione!...
Nun già, cherè, ca nun tenimmo sciorta!


Chille so' tutte mbruoglie 'e spressione!
Staie a sentì, te fai na menta storta,
e che ne cacce?... Na cunfusione!

[ 59 ]

'O CUNGEDATO


[ 60 ] [ 61 ]

'O CUNGEDATO


I.


— Gernò, gnernò, nun state a sentì 'a ggente!
Che fa? Spàrano justo comm'a nuie?
Io sò stato a Dogàle... Ero sargente,
e saccio si se more o si se fuie!


Chille spòntano primma a duie a duie,
da sotto 'e pprete!... A muzzo, a reggimente!
Apprufittano 'e tutto! E mentre vuie
jate a luvante, sguìgliano 'a punente!


Pare na vermenara, e nun fernesce!
Tutto 'o deserto, attuorno, se fa nire!
E stu nnire va nnanza, e cresce, e cresce.....


Avite voglia 'e sparà dinto 'o mmuollo!
Ne so' cadute ciente?... E che te crire?
N'ato migliaro già te zompa ncuollo!

[ 62 ]

II.


Io vedette cadè tutte 'e cumpagne,
e chiagnevo e sparavo. 'E mmane? Nere!
Vedevo russo..... Nun sentevo 'e lagne,
e st'uocchie mieie, erano doje vrasere!


E scennevano 'a copp' 'a li mmuntagne
alluccanno, 'e nemice, a schiere a schiere!...
Me parette 'e capì, mmiezo 'e ccampagne,
na
retirata de nu trumbettiere....


Faceva notte, o 'o nniro d' 'e nemice
me faceva vedè tutto ascurato?
Io nun v''o saccio dì! Ma chi v' 'o ddice?


Cadette. E nun me sò cchiù llicurdato
comm'è ca doppo me truvaie c' 'amice,
sotto a na tenna 'e campo, mmedecato.

[ 63 ]

III.


Venenno nnanza? E fosse 'o Pat'Eterno!
Tu t' 'e vvide cadè da tutt' 'e late!...
Che ssa'!... Te pare ca s'è apierto 'o nfierno,
e si peccate 'e fatte, l' 'e scuntate!


« All'assalto, figlioli! Caricate!... »
E tu te mine nnanza a piglià 'o terno!...
Che ssà! Nc'eramo tutte mbriacate....
S'ha da murì? E murimmo 'zempiterno!


'O ppoco 'e mpressione ca nun manca!
'o cumpagno ferito e scarpesato,
'a puzza, 'e strille... E 'a faccia se fa janca...


Tu tanno t'allicuorde 'e tanta cose!...
Mammeta sola... pateto malato....
E 'o core se fa tanto!...
E nun so' rose,

[ 64 ]

IV.


'e scuppettate ca tu spare e spare,
'e mmazzate cu 'e cuozze d' 'e fucile!...
Doppo 'o primmo mumente, a tte te pare
ca si pienze 'a famiglia, si' nu vile!


E te mine a cumbattere, e nun bare
ca si' ferito cu na ponta 'e stile,
ca na langia t'arriva, e ca tu care
jettanno sango e spireto, a varrile!


No, no! Tu nun ce pienze! Tu t'arragge
ca te vide cadè ll'amice attuorno,
ca te vide affucà, da sti salvagge......


Viva l'Italia! Allucche. E dint'all'uocchie
'e llacreme te spòntano p' 'o scuorno!
E già te siente rutto int' 'e ddenocchie!

[ 65 ]

V.


Ma chi cade, cadenno se strascina
pe mmiezo o sango, addò vede 'a bannera!
E te pare na stella d' 'a matina
ca luce ncopp'a chella massa nera!


Llà tutt''a folla! Llà tutt''ammuina!...
Llà vide ciente facce comm''a cera!
Llà ciento mane allerta!... E n'arruvina
de strille e botte... Llà sta 'a guerra vera!


Che fa si attuorno tiene mille muorte?
Che fa si jiette sango 'a ciento parte?
Llà! Curre llà! D' 'o riesto che te mpuorte?


Llà, sempe llà, spiranno tu vuò jì!...
Llà, llà sultanto, tu vuò fa scannarte!
Llà ssotto... e tu llà ssotto vuò murì!!