Le Statue movibili

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

[ 1 ]

N. 58. TEATRO NAPOLETANO L. 0,30

A. PETITO

Le Statue movibili

BRILLANTISSIMA COMMEDIA

in 2 atti

(Uomini 5 donna 1)


PERSONAGGI

Felice
Cardillo
D. Cornelio
Pulcinella
Luisella
Leonardo



Napoli

Libreria Editrice Teatrale TOMMASO PIRONTI

Piazza Cavour N. 70

1912



[ 2 ]

ATTO PRIMO

Camera di soffitta. In fondo ingresso — Due porte laterali un piccolo comoncino, involino, tre sedie.

SCENA 1.aFelice poi Cardillo indi Pulcinella.

Fel. E così va la fortuna.... disperato fino agli estremi, e poi innammorato e di chi? di Luisella la portinaia.

Car. Caro Felice io ritorno dopo di aver girato tutta Napoli per vendere quei due libri. Ogni libraio al quale mi presentavo dopo che mi guardava sospettoso come se avesse avuto il dubbio di avere a che tare con un ladro, esaminava i miei libri e li apprezzava non più di sei o sette soldi. Indispettito mi rifiutavo di venderli e passando di libraio in libraio finalmente, ne ho trovato uno onesto che mi ha offerto quindici soldi.

Fel. E come si fa ? Con 15 soldi come faccio a comprare un oggetto di oro alla mia cara Luisella?

Car. Tu pensi a Luisella e non pensi a pagare il padrone di casa che ci ha accordato dilazione per un altro mese.

Fel. E per il pranzo come si fa questa mattina?

Car. Come si fa a pagare i nostri creditori!

Fel. Il caso è disperato.... Intanto ho mandato Pulcinella il nostro servo a fare un po’ di spesa in credenza e nemmeno torna.

Pul. (d. d.) E vattenne a malora tu e lu ciuccione ca si.... Mo piglio lo patrono pe la coda e te lo schiaffo nfaccia.

Fel. Bestia, che dici ?

Pul. Aggio pacienzia ca quanno la capa se ne va io non ragiono cchiù (fuori).

Car. Con chi ti bisticciavi.

Pul. No io non nbasticciavo cu nisciuno.

Fel. Cardillo dice con chi ti altercavi.

Pul. Non me so attaccato, io sto sciuoveto.

Car. Con chi ti contrastavi.

Pul. Ah! e spiegatevi; buono, m’appiccecavo co chillo euriuso de lo servitore de chillo signore ca sta a lu [ 3 ]mo piano lu quale sapendo la vostra florida posizione ogne vote ca me vede asci cu stu panare sotto a lu vraccio se mette a rirere.

Fel. Basta, veniamo a noi: Sei stato dal macellaio?

Pul. Sissignore.
Accolade fine gauche.png
dopo il no, queste battute si ripetono da capo.
Car. Dal pastaio.
Pul. Sissignore.
Fel. Dal pizzicagnolo.
Pul. Sissignore.
Car. Dal cantiniere.
Pul. Sissignore.
Car. e Fel. Ti hanno fatto credenza?
Pul. Nonzignore.
Car. e Fel. No!...

Pul. Avite da sapè ca io so ghiuto a d' 'o chianchiere p’avè un chilo de carne, chillo appena m'ha visto à ditto: Comme doppo c’avanzo 30 lire te piglie pure l'ardire di venire a cercà un chilo de carne.... Si non te ne vaie te mengo lo 5 chilo appriesso.

Fel. Come questo ti ha detto ? Ah per bacco l'avrà da fare con me!

Car. Non ti compromettere, ci vado io !

Pul. Po sò ghiuto a d' 'o pastaiuolo p’avè nu chilo de maccarune... chillo appena m' à visto à ditto: si non te ne vaie piglio la mazza e te secuto pe tutta la strada.

Fel. Come questo ti ha detto! Ah! per bacco l'avrà da fare con me !

Car. Non te compromettere, ci vado io !

Pul. O casadduoglio pò è stato chiù educato, perchè appena m'ha visto ha pigliato la cartella e m'ha secutato.

Fel. Possibbile! Ah! per bacco l'avrà da fare con mè.

Car. Non ti compromettere! ci vado io....

Pul. Ritirannome po so passato d'à parte de la canteniere e l'aggio cercato tre litre di vino a nomine de D. Cardillo pecchè sempe vui site iute a fa credenza, chillo appena m'ha visto ha ditto : Comme io avanzo 13 lire e tu te pigli l'ardire de venì a nomine de D. Cardillo, io a te non te faccio niente pecche si nu scemone ma mannome a isso co lo voglio scennere a bascia a la cantina e le voglio rompere li gamme. [ 4 ]Car. (a Fel.) Ccà aie da, irce tu.

Fel. Maledetto il mio destino.

Pul. Zitto non te disperà, ca po a la fine a tutto nc’è remmedio.

Car. Come sarebbe a dire ?

Pul. Aggio ncuntrato ita persona e pe mezzo suio aggio aggiustato la facenna.

Car. Chi ?...

Pul. D. Leonardo , eli il lo ausuraro che avanza da vuie 200 lire.

Fel. E si è impietosito ?

Pul. Apprimmo isso cornine nP à visto <la distante, in’ lia salutato a botte de male parole, chiammannome birban¬ te, truffatore, inala forca, trastulante ecc. Ma io tnosto cu na faccia cchiù pepernina dò na colonna dò marino, me lice songo accustato Paggio cercato na pezzecata de tabacco e a botte de bone parole aggio cercato dJ ap- placarlo.

Car. E lui ?

Pul. Isso me senteva e io P aggio ditto : I). Leonardo mio si vuò fa buono tu che avanze 200 lire priesteci u?auti 200 lire e facimmo uno cunto e scuntainme a mi sorde o juorno.

Fel. Come a nu sorde al giorno.

Pul. Isso sJ ò fatto capace.

Car. Possibile.

Pul. Gomme.... A mise mano a lu bastone e nP lia consi¬ gnate cierti palate nei paesi bassi rompendomi tutta la zona torrida del mappamondo meridionale.

Fel. (dandogli un colpo di mano sulla spalla) Ed à fatte bene.

Car. (idem) Doveva ammazzarti.

Fel. (idem) Bestia.

Car. (idem) Animale.

Fel. (idem) Biatolone.

Car. (idem) Imbecille.

Pul. Vuie che malora ve tacite atterrà.

Fel. Ti alteri pure ? Non stai più. bene in casa nostra ; esci e non metterci piii il piede.

Car. Dice bene Felice il troppo è troppo esci di casa nostra.

Pul. Me ne cacciate, e brave chesto nP aspettavo doppo [ 5 ]d' ave fatto tanto pe buie... A ine pe grazia de lu cielo non me mancano padriine non serve pe dicere li senza le me portano nchianta de mano... Stateve buono... io me iie vaco e ceà non iice metto cchiìi lo pedo (dopo pausa) Io avanzo 15 mesate me li volite dà ?

Fel. Ala perché vuoi lasciarci ?

Pul. (a Car.) Favate tutte chelli credenze che aggio tatto pe buje.

Car. Ingrato e perchè vuoi abbandonarci ? Che amicone !

Fel. Che compagnone sviscerato.

Pul. Ah ! nzomma vuie avasciate li vele, ino va buono ; mo Fulicenella deposita le armi e le sue famose peripezie e ritorna n’auta vota mansueto ed umile cornine a nu piecoro pugliese.

Fel. Ma intanto stammatina cornine se fa ?

Car. Lj affare è serio.

Fel. Anzi molto serio perchè oggi è P onomastico di Luvisella la portinaia , oggi mi conviene di farle un complimento perchè io lice faccio Pammore.

Pul. Cornine tu non tieni die magnà e pienze a vulè fa nu ciunpliinento a la nammurata toia.

SCENA 2.a— Luisella con pizza e detti.

Luv. (di den.) Pozzo tra sì ?

Pul. Lupus in fravola.

Fel. La voce di Luvisella la portinaia... Zitto facciamo finta che adesso abbiamo finito di fare colezione.

Luv. (d. d.) Ndè permesso ?

Fel. Vieni avanti mia bella Luvisella.

Luv. D. Felì scusate si me piglio V ardire... Ma quanno si stimano li persone... Vedite io quase quase me metto scuorno.

Pul. Non ti scornare parla chiaro che devi dire (a Card.) Robba mazzecatoria.

Car. Che odore ! (a Pul.).

Fel. Siedi, siedi mia bella, ma perchè vuoi restare alP impiedi ?

Luv. Ma che assetta e assettà... Scusate n’auta vota Pardire che nP aggio pigliato.... ma siccome aggio tatto lu [ 6 ]pane, accussì sapenno che a vnie ve piace, v'agfcio fatto na bulla pizza.

a 3. lina frizza !...

Fel. lenissimo, ih* ho piacere, per provarla, perche in mai In» mangiato pizze, Oaiì. (iià mai, perche mai...

Pul. Hanno tenute, li duie soldc pe se V accatta.

Luv. Tu che dici ?

Pul. Non dargli retta , io dicevo, che rnai ho mangiato pizze, ma adesso che viene dalle tue mani non jhisso farne almeno di non accettarla. Tu mi hai dato un gran piacere.

Car. Tu ci ai consolati.

Pul. E signu re niieje so purtate per sti ci hi delicati: pez- zelle, patane scarniate, zep[>ole fredde ecc.

Luv. Pillicene tu vuò pazzià. Teli, chesta è la pizza e vide addò la miette... Anze pe non darvi suggezzione ino me ne vaco.

Pul. {ni piglia La pizza ed in fondo alla tcena hk la man¬ cia di nanconto di Felice e Cardillo).

Fel. E perchè vuoi andartene così presto f Car. Già dice bene il mio amico, statevi un altro poco.

Luv. Me pare cornine si ve desse suggezzione.

Fel. Mai... mai tu sei sempre la ben venuta.

Car. Si capisce non devi andartene.

Pul. Dunque poco prima mi pare che ài detto che ai fat¬ to il pane?

Luv. E perciò aggio purtato elicila pezzella.

Pul. E perchè non hai portato nu pare de panielle de pane?

Luv. Si lo bulite ino scengo abbascio e ve lo piglio.

Fel. No, non dargli retta sarebbe troppo.

Car. E poi noi non lo gusteremmo perchè siamo abituati a mangiare il pane....

Pul. D; ;e cane.

Luv. Cora me ?

Car. Il pane francese... lui scherza.

Fel. A proposito, se non sbaglio oggi è il tuo onomastico.

Luv. Si capisce.... Anze li compagne ineie m7 anno spiato vuie che rialo m; avi ve ve latte ed io non aggio potuto dicerie niente perchè non sapevo che m'àvite preparato. [ 7 ]Fel. (Iiii... li liti" uni’ Horprega oggi qnan«lo vieni ;i pranzo non noi.

Car. <’1io nunr4i.ro «IFeline.

Luv. M* avite*. invitata :i |iiiinzo nu buje.... Vedite* me vii* vulite morti lleiL

Fel. Ma olio mortificare n. mortificare... Pulcinella aggiungi iiii altra coperta.

Pul. Pennini sentite* Iridilo ?

Car. Luvisella oggi mangia non noi.

Pul. Mi fa piacere.

Fel. Si capisce oggi <*, il hiio iioiiio <• dove lare penitenza non noi.

Pul. 15 sa nlm penitenza nlm facimtno.

Luv. Sentite* io accetto cu tutto lo norn, ina sola non pozzo veiiì perniiti lo vininato parln n me dispiace na la gente se litviissa la vocca nnuollo ;i me.

Fel. Allora sa nlm vuoi fu re? porta dun o Ire tue compagne, IjUV. Bravo, io ino amussi lancio me porto a Mariuncella ii Graziella a, Ntunettella :i Prailceselmlla a Pcppenella e annusai le taccio avvedo puro vaie nlm gente site.

Pul. Si fai e buono perniiti (dii non li ha caniseiute annoia une li faie canoseere.

Luv. Dateme lu permesso e une vedimmo a iPaPora (via con lazzi a soggetto).

Car. Ma nomine t’e venuto nnapa de nvità a pranzo a Luvisella ?

Fkl. Non sapendo nomo regolarmi pel suo onomastico....

Pul. L’à preparato nu pranzo immaginario.

Fel. Mi n scappato P invito dalla honna senza che me ne sono accorto.

Car. li come ti regoli ?

Fel. Il pranzo bisogna che si faccia assolutamente, prima per non fare una brutta figura, secondo perchè nhella tene iiii frate ca le puzze o naso.

Pul. Fallo fà li sciacquatone do lattuca.

Fel. Voglio diro chillo ti malamente, può erodersi eho nuic avimmo re,passato la sorella e poggiamo comprometterei.

Car. Po ino mangiamoci la pizza provvisoriamente.

Fel. Dici bene... Pulcinella porti avanti la pizza. (Pulcinella porta avanti il tavolino con la pizza coverta dalla sai [ 8 ]rietta, lazzi fanno complimenti a chi deve dividere la poi invitano anche Pul. il quale ni rifiata di mangiare, in- fme ni coiteli inde che dividerà Pul. il quale prende il cornicio¬ ne delia pizza e lo divide a Card, ed a Felice i quali diranno).

Car. o Fel. E eli elio e miezo ?

Pul. L;aggio mangiato io ca tenevo chiù fainmede vuie (lazzi).

Fel. Basta pensiamo a far danaro perché il tempo stringe e Fora si approssima che Luvisella deve venire.

Pul. E cornine vene accusai se ne va.

Fel. Bisognerebbe fare un pegno per pochi giorni, perchè io ho scritto a mio zio che ho terminato tre statue e mi bisognano lire cento per traspottarie al museo, son sicuro che crederà questa mia bugia e mi spedisce il danaro.

Pul. E allora quanno veneiie li denare tu faie la tavola.

Fel. No, deve farsi oggi, io vado dentro a vedere che cosa possiamo prendere per vendere o pegnorare, frattanto voi pensate qualche cosa che io adesso tornerò (via).

Car. Tu sai che il modo di procedere di Felice non mi per¬ suade, lui in questo modo si rovina e rovina me. Intanto questa mattina sono stato costretto di dovermi vendere due libri per quindici soldi ; anzi fammi un favore; que¬ sti sono due soldi va dal cafettiere qui basso comprami un pagnottino ed un soldo di catte.

Pul. (per andare) Va bene.

Car. Senti vieni qua, fatti dare anche la tazza perchè noi non ne abbiamo.

Pul. (per andare) Vi servo.

Car. Senti vieni quà. Facci mettere anche il senso di anisetta.

Pul. (per andare) Va bene.

Car. Senti vieni quà, fatti dare anche un poco o giurnale.

Pul. Va bene.

Car. Senti.

Pul. Senti vieni quà trallallà (replica ballando).

Car. Tu mi burli (Lazzi).

Pul. Tu cu nu soldo vulisse ca te purtasse tutto lu cafè cca ncoppa?

Car. Và e vieni presto.

Pul. Mo jamme buono (andando via) cu nu sordo, e tazza V annise giornale (ecc. eoe. e via ridendo). [ 9 ]

SCENA 3.aFelice e detto.

Fel. Cardillo mio non c’è incute da vendere uè da pegnorare.

Car. li come si fa '!

Fel. Solamente tu puoi aiutarmi. Sul tavolo ho visto la tua zoologia ed il vocabolario vendiamoli e così rime- dieremo.

Car. (injuriato) Ita sta, non parlare più; bastantemente mi ài fatto vendere ; adesso sono seccato e non voglio più vendere niente (invettiva a so fi getto).

Fel. Bravo, credevo che ti saresti prestato pel tuo amico, ma non fa. niente, io non ti forzo a vendere i libri, più tardi verrà Luvisella con le sue compagne non trova il pranzo, si offenderà ne farà consapevole al fratello di questo fatto il quale verrà «ertamente a domandarmi conto della burla che ho fatto alla sorella, io sarò bastonato e por- clic per causa tua, amico porco.

Car. Porco e mezzo anzi tre volte porco, ma i libri non voglio venderli.

Fel. No, non voglio farteli vendere non pregarmi che dico sempre di no.

Car. Chi ti prega I Fel. Adesso vado a vedere meglio se trovo qualche oggetto del mio (via).


SCENA 4.aPulcinella con caffè e detto.

Car. (fra sè) Questo affare non può andare più avanti, è impossibile, iu questo modo ridurrò all5 elemosina certamente e per chi per lui ?

Pul. (in voce) Ccà sta o cafò.

Car. Non ne voglio, non ne voglio sapere più di lui.

Pul. Cornine nun ?o vulite 3ì Car. No, no, no, non voglio starci più unito, meglio solo che male accompagnato, solo potrò meglio studiare.

Pul. Allora mo in; ;o bevo io ì Car. Si, e mi fa piacere, perchè così riparerò tutto il tempo perduto per causa sua (vede Pul. )Ah! sei venuto?

Pul. I stongo ccà da tre ore. [ 10 ]Car. li faci ve f»i fridii ’ ;o enfi) senza darmelo.

Pul. Quà caffo ?

Car. Animale, il caffo che ti ho mandato a comprare.

Pul. Ma tu «tinse lubrifico? Ir» so benuto e aggio ditto: Ccà sta o cafò e tu aje rispuosto : Non ne voglio.

Car. Come io ?

Pul. Sissignore, anze io aggio rispuosto: Allora ino in7 o bevo io e tu aie rispuosto: Si mi fa piacere.

Cau. E tu?

Pul. Pe non farti piglia collera me Paggio vippeto io.

Car. Animale io parlavo fra me e me e tu ài creduto ca cafè non ne volevo.

Pul. Embò ino è fatto, n’auta vota sacciateve spiegà meglio.

SCENA 5.aFelice e detti.

Fel. Non ho potuto trova niente. Pulcinella vedi tu di rimediare in un modo qualunque per non farmi scomparire cu Luvisella.

Car. E come vuoi rimediare si nuie statarne tignate cu tutte quante.

Pul. Nu mumento a du In trattore non ce simmo into ancora a fa diabete, ino vaco ad ordinare lu pranzo e dico ca vuie avite da cagnà nu cartone, chillo certo me da In inagnà pecche non sape che trastulante site; vuie cumparite oggi, dimane ca chillo ve manna la nota aparate li spalle, na paliata e tutto passa.

Fel. BraA7o Pulcinella, corri e fa presto.

Pul. Nu zumpo e so lesto.

Car. E dimani come farai a pagare ’!

Fel. Stupido che sei, pensiamo ad oggi domani si rimedi erà.

Car. Ma in che modo ?

Fel. Con Paumentare la lista dei nostri creditori.

SCENA 6.a — Leonardo e detti.

Leo. Finalmente viaggio trovato a tutt7,e tre ili casa birbandi matricolati : io avanzo 11 mesate e voglio essere pagato.

Fel. Zitto D. Leonà non alluocate ca la gente sente. [ 11 ]Leo. Ohe ine ne importa vuie sito tre trastulanti raa- rinncielle.

Pul. Leonardo mparete di fare delle eccezioni perchè ccà pe grazie de lo cielo simiae galantuomini.

Leo. Si, site galantuomini cu Fogna spaccata In ogni modo o mi pagate o sequestro e sfratto.

Car. E nuie addo iammo a durmì ?

Leo. Miezo a la strada.

Pul. (a Fel.) Aggio fatto na bella penzata pe fa denari.

Fel. E cornine?

Pul. Cu na scusa spogliammo lo patrone de casa e io resto mpigno lo vestito mano a lo trattore.

Fel. Che bella idea...

Car. (che uvea finto di parlare con Leon.) Ma siete ostinato.

Leo. Ostinatissimo.

Fel. Oh ! vedete ohe grossa macchia di olio che tenite ncopp' Jo soprabito.

Pul. Overamente.

Leo. Voi che dite ?

Pul. Luvateve nu poco lu snprabito ino ve la levo io (persuadendo a />. Leonardo gli tolgono il soprabito il calzone il gilè Pulcinella ne fa un involto e scappa per la comune) D. Leonà aspettate ca io ino torno (via).

Leo. E chillo addò è gl liuto?

Fel. A smacchiarvi P abito.

Leo. Ma cheste so trastole nove ; mariuoli mariuoli.

Car. Chi è mariuolo ì Leo. Voi, mariuoli (Tutti gridano e dicono mariuoli).

SCENA 8.a — Luisella con grossa scopa.

Luis. Addò sta o mariuolo ?

Car. e Fel. jO vi cca.

Tutti (gridono) Mariuolo Mariuolo. (Luvis caccia a Leo. a colpi di scopa Fel. e Car. che gridono e ridono cala la tela).

ATTO 2.°


SCENA 1.aLuisella, Felice e Carlino.

Luis. Vuie che mm; avite fatto la chillo era lo patrone de casa e vuie avite ditto ca era no mariuolo.

Fel. Quello è stato uno scherzo. [ 12 ]Car. Già na pazzia, che nvimmo voluto fa co Io patrone di casa.

Fel. Sei venuto solo e le tue compagne*?

Car. Cornine tu avi ve da purtà nu reggimento de fammene.

Luis. Menilo dato l’appuntamento ca venevene ccliiù. tarde hanno slitto che venene a fine de tavola pe se fa nu bicchiere de vino.

Car. Clie dispiacere.

Luis. Cornine n’avite dispiacere ?

Fel. L’amico inio dice che dispiacere che non sono venute per l’ora del pranzo (lazzi su questo genere). Intanto ho mandato Pulcinella ad ordinare un pranzo per 50 persone come si fà ?

Car. Come si fa ì Fel. Basta quando si sta in allegria non bisogna badare a danari, mi basta il piacere che sei venuta tu e sono contento.

Luis. Grazie, vuie me confondite di gentilezze.

SCENA 2.aPulcinella e detti con paniere col pranzo.

Pul. Largo, largo che lu magna è pronto.

Fel. Evviva l’onomastico della mia cara Luvisella. (propongo che prima di mettere la tavola si faccia una quadriglia, e alla fine della tavola un galop finale).

Tutt. Evviva don felice.

(Lazzi della quadriglia a due coppie la volta poi la grandi- scena, lazzi nel destinare i posti, lazzi di Pulcinella nel mettere la tavola che copre tutti, però la tavola sarà posta con massima sveltezza Pulcinella caccia la zuppiera dei maccheroni mentre tutti stanno per mettere il primo boc- cone si sente bussare il campanello. Tutti resteranno muti mentre il campanello si ripeterà per altre 2 volte).

Fel. E chi sarrà ?

Car. E chi sarrà?

Luis. Mamma mia mo chi vene me vede magna cu vuie e va trova che se penza.

Pul. Mo dico ca non ce sta nisciuno.

Fel. No, vedi chi è, ma non fare entrare nessuno tranne le compagne che à invitate Luvisella.

Luis. Si capisce si so li cumpagne meie tacitele trasì. [ 13 ]Pul. Vii buono (va poi torna con lettera).

Car. Ti pare lo tue compagne non entravano ?

Pul. Nu guaglione ni7 à cunziguato sta lettera e m7à ditto , a lice la date nu vieccliio lu quale a n7ata mez7 ora vene ccà.

Fel. E chi sarrà... permettete quanto leggo sta lettera A sotte! (lazzo tutti scappano poi si chiarisce il lazzo) Signori miei io sono rovinato. Niente di meno mi scrive mio zio, il quale dice eli7 è venuto a Napoli e che sarà qui fra mezz7ora per vedere le statue che io falsamente gli ho dato ad intendere di aver fatte e che dovrò e* sporre al museo.

Car. E come si fà ?

Pul. Mo correiie li palate.

Luis. E io che nce faccio ccà e meglio ca me ne vaco (smettono la tavola mettendo tutto nel paniere).

Fel. No, Luvisella mia tu mi devi aiutare.

Luis. In che modo?

Fel. Devi sapere che ho dato ad intendere a zizio che aggio fatto 3 statue di marmo, chillo è venuto per vederle e si non le trova si accorge che Paggio cufflato e mi disereda. Famme o favore tu ed i due amici miei tingeteve statue per pochi minuti. (Dicendo dò consegna ai tre un lenzuolo per ciascuno per farli covrire di bianco poi situa Pulcinella alla destra con un mazzo di acci in testa ed una mazza di scena in mano. Cardillo con un berrettino bianco in testa ed un mazzo di ravanelli in mano. La donna sarà collocata in mezzo con una scopa in mano. Lazzi che calano c scendono.... Si avvertono gli attori però che all'uscita del caratterista dovranno restare tutti fermi e zitti. Si bussa un campanello di dentro).

SCENA 3.a — Cornelio e detti.

Cor. Addò stà chillo bello nipote mio.

Fel. Sono qui zizio mio.

Cor. Hai ricevuto la mia lettera ?

Fel. Si, ino proprio.

Cor. Tu mi hai scritto di aver finito 3 belle statue ed io sono venuto a vederle prima che P avisse purtate a lu Museo come mi ài scritto. [ 14 ]Fel. < J isY... e perciò vi mandai a chiedere 100 lire.

Cor. Che io faggio portato Ma primm;i fumine vede li stallie.

Fel. Si.... Kccole... Vedete zi zi questa rappresenta la Htatua Hi

Pul. Mainozip.

Car. (So UiUMOZio io t)

Cor. OouiuFè ditto Mamozio ? Veramente me, pare, nu mamozio.

Fel. Zizi, ma questi non e (pici Mamozio ohe avite capite vuie. Questi e. Mamozio Ilo della California. che fece, la guerra, con la Francia scendendo pel canale d;otranto ed attraversando i pirenei.

Cor. Io po di storia e geografia non ne capisco... Ma din*me na cosa pecchi) te.ne. chillo mazzo de ral’anielle minane!

Fel. Ali !... ecco quelli non so rafanielle. Essendo ohe Mamozio lece molle battaglie, quello ra]>presenta un mazzo di battaglie»,, cioè rappresenta tutte le battaglio che ha fatto.

Cor. Ogne rafnuiello na battaglia i... Eppure min ce pare e intanto se n’ha fatto battaglie ?!...

Fel. Questa poi rappresenta una madrona romana.

Cor. IO pecche tene la scopa minano ì Fel. Perchè le Madroni romane e.rano tutte buone madri di famiglia e questa statua rappresenta na mamma che Sta mbaranne do scupà a la figlia.

Cor. Quanta è bolla !... E ehisto ?

Fel. Questo rappresenta un moretto.

Cor. E perché Pò puosto Facce ncapo.

Fel. Pare a vuie ca so acci... quella è una corona di allori ed ò di marmo. (Lazzi a piacere dopo Cornelio si volta e vede che Cardi!lo si è sedato sulla spalliera; della sedia il quale si alza, appena Cornelio lo arra visto).

Cor. Foli si non sbaglio la statua si è mossa.

Fel. Ah ! quelle sono statua automatiche (lazzi che cambiano di pose tutti e tre).

Cor. Uh ! comme so movauo bello.

Fel. Zizi per mezzo di una molla.

Cor. Voglio vedò. (Lazzo che vuol vedere Felice lo contenta tocca prima Cardillo lazzi dei ravanelli in bocca, poi la [ 15 ]donna lazzo della scopa in testa poi a Pulcinella lazzo della bastonala sulla schiena).

Fel. Zizi siete contento 1 Cor. Contentissimo (Jra sè) L;aIlare non mi persuade voglio tingere.... Bè Feli io me no vaco.

Fel. Zizi cosi presto.

Cor. Si perchè sino sbaglio o treno... sfatte buono cheste so li 100 lire die te servono nce vedimmo lo mese che trase.

Fel. Zizi quanto vi bacio la mano.

Cor. Grazie, grazie sfatte buono (ria poi torna).

(I 3 scendono dalle sedie e come stanno truccati in un baleno mettono la tavola e parlati do sempre e pieni di allegria si seggono come prima. Prendono una forchettata di maccheroni per ciascuno ma non arrivano a mangiarla che comparisce D. Cornelio il quale guarda ì 3 senza parlare. Cardillo la donna e Pulcinella senza preoccuparsi si alzo no e vanno a situarsi come statue come erano situate prima.)

Fel. (confuso) Zizi le statue stavano facenne colezione.

Cor. Ah ! birbante assassino te voglio !... (per inveire Pul.

Card, e Donna calano c scappono tutti seguiti da Cornelio).

Fel. Zizi fermatevi e perdonatemi.

Cor. Perdonarti nu cuorno.

Fel. Zizi sappiatelo una volta e per sempre, per diventare un ottimo scultore ci vuole la disposizione che io non ho mai avuta ma che per contentarvi sono venuto a studiare in Napoli... Io non saccio fa manco na statuetta de nu soldo e se vi ho mandato quella lettera a chiedervi le 100 lire dandovi a<l intendere di aver fatto tre statue è stato per semplice scopo di pagare i miei flebiti.

Cor. Ebbene?

Pul. Ebbene si vuò fa buono dance nati dine o 300 lire accussi saldammo i nostri creditori e cominceremo a fa diebbete n;auta vota da capo.

Car. Chi è ehisto ?

Fel. Il mio servitore.

Cor. Stu piezzo de lazzarone (lazzi) E ehisto chi è.

Fel. IO un mio compagno di sventure.

Cor. E questa ragazza?

Fel. La, portinaia.

Cor. Non è dunque a nnammuratella de quacche duno de vuie? [ 16 ]Page:Le Statue movibili - Antonio Petito.djvu/16