Lamento de Lucretia pe a morte de Bollè so galante

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Lamento de Lucretia pe a morte de Bollè so galante
by Zane Françesco Bafigo
Transpoxiçion in ciave "darseniella" de "Un ferito cavaliero" do Fabio Della Cornia (1600 - 1643). Ms. Ricci.1080, Arch. Stor. do Comun de Zena - www.storiapatriagenova.it
[ 1 ]
Lamento de Lucretia
pe a morte de Bollè so galante


Sasizza un darseniello
inscïo no sò in che muoeo
da a battaggia in o mà sterpelloù,
che a màlëde o puoè ciù trà o scioù
a Lucretia gratiosa
luxe dri oeggi dro compagno cao
porta nuoeva dro diao
dixe: Lucretia ohime son tristo oxiello
quelli dro Muoe fen costion con nuì
mi da lò pertusoù com'un serneggio
chi te vegno a muoi
acciò dri oeggi tuoe l'ultimo ciento
aggie o povero Bellè,
cianzi Lucretia ohimè,
cianzi dro Siè ro torto
d'unna sascià, ro to galante è morto.

Sento garzonne alloa s'odin crià
e tutte come tapinne
dase pugni in tro morro
descaeggià teste e scarpentase i oeggi
e squarzà busti e streppellà camixe
Lucretia de dorò
scarmenà che sentia tutto ro Porto
zà che morto è Bellè no ve ciu conforto

O Bellè figgio cao
chi t'ha deto, miè cuoè, l'annima mè
bielo d'esta mè trippa, e ti no parli?

[ 2 ]

ah man itta peosa
che ti ghe dessi dro rizuoè in tra tiesta
per che no me det[o] auoa in sciù pre questa[?]
Donca a sciò dri mainè e da calladda
l'ei streppellà con e sasciè, canaggia,
e mi non o viò ciu
tornoù da vende arsielle e pescà zin
stà sotto i miè barcuin
ni vegnià ciu chie
ah me pertusa a chi fa fiè de mie.

Chi me disse: bià tie
ciode, ciode ra bocca
ch'ogni desgrazia sofferì me tocca.
Ah Amò mascarzon
ti m'impoai con dì:
Lucretia n'haggi puia
ch'oeggio ancon un di, che ti me stagghi alliegra.
Si, staggo alliegra un corno chi te passe!
Ah che aoa che Bellè non è ciù vivo
Morte ammazzame pu che t'arreffïo.

Ohimè tra tenti sassi
no troevo un chi m'allappie
Ma mi cose dighè?
Donca, Bellè, no se fa ra endetta
de chi t'ha feto andà intri despiggi?
Sciù darsenielli figgi
Mieza-nega, Capocci, Oeggio-de-porco,
che pre ommi de itta, in terra e in mà
fè caminà
Liouin de forza e draghi a ra battaggia
orei che sta canaggia

[ 3 ]

piggie contra de nui muoè tanto riaccò?
Sciù via se dagghe a i arme
resuonè arme per tutto e i cazzafrusti
fassan per l'aia gramegnì e giere
che ro miezo di, de mieza nuoette puoere.
Dè patte in sciù i servielli,
cottellè de nuoeve agni
frappè dri morri, e arranchè dre biele
sciaccheghi ri piggoeggi
despezzè sti treituoì, fene pestummi!

Ah Berrodo, ah Lerfon, ah Pescio-mollo,
ah Piè-d'aze, a Chu-grosso
deghe, deghe a bordosso!
Ma che stravannio, ohimè povea fantinna
sola senza galante
e in man d'esti treituoì
che a mè morte si è non puoei morì
chi scombatte pre o morto Bellè
deme un chi me strattende in caritè.

No m'allusenghè ciù
L'iese Lucretia no. Che Lucretia non è
chi con Bellè non puoè ciu fà l'amò.
Donca Ponte Reà privo de gruoeia
puoè mai soffrì, che quelli dro Moè
ghe viegnan a dà e siecche
e re nostre fregattinne
annean a marcí dentro Mandraccio
che nissiun ghe darà d'aviamento?
Oh perche no me sento
vegnime addosso un co unna spà chi taggie
e viegne i angonaggie?

[ 4 ]

... figgio e figgioè de Priè
che no me fè come un san Bartomiè.

Ma se e deriee parolle
d'unna desgrazià
chi è resoluta non mangià ciù pan
o Siè e sente perche o l'ha i oeggie
ò becco forseluo,
ti che t'è deto a ro mè Bellè a patta
e perche cianzo mi ti te ne rij
fassan questi miè crij
che a bella prima votta
che a to fellüa ìnsie fuoè dro porto
a vagghe in marviaggio
e a capite in tri piè a i renegaddi
e ti misso a ra cadenna
ti te mangi, trattoù piezo d'un chan
ciù bastonè che no boccouin de pan
e lasciando ra pielle
sott'un sercio ò un morsello incatranoù
ti purghi lì, treitò, ro to peccoù.
Matta, ma che m'importa
Bellè per questo no vuoè resuscità
oeggio ammazzame chi, deme un pugnà.

Questo fui ro trascorso
che fè Lucrezia, e missasse in zenoggie
zuà davanti a Dio
de no piggià muoè ciù, muoè ciù maio.
Ma Amò, chi gh'iea ascoso intro striggion
piggiandora a ro loù
disse: marviaggio a mi
se ti Lucrezia in sto propinimento
ti ghe stè ferma un di.