L'avvocato Ninetta

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

[ 3 ]

BIBLIOTECA TEATRALE GENNARELLI
diretta da CARLO DE FLAVIIS



F. G. STARACE
_______



L'avvocato Ninetta


commedia in tre atti




NAPOLI
Casa Editrice Italiana Cav. Emilio Gennarelli e C.
Monteoliveto, 39 e 40 - Telef. 30-60
1921


[ 4 ]


Proprietà riservata

Per ottenere il diritto di rappresentazione, rivolgersi all’Agenzia generale della Società degli Autori per il Repertorio dialettale napoletano Napoli - Via Bisignano, 42.








Stab. d’Arti Grafiche Luigi Pieno e Figlio - Via Roma, 402 - Napoli


[ 5 ]

PERSONAGGI



NINETTA

CESARINO

ROSINA

GIACINTO

BETTINA

GIULIO

FRANCESCO

TOTONNO

GELSOMINA

MATTEO

MICHELINO

LAURA

MARIA

ALBERTO

NICOLA

AMALIA


[ 6 ] [ 7 ]ATTO PRIMO

Stanzetta da studio arredata decentemente ma senza lusso. Grande scrivanìa, libreria, scaffali ed altre carte, sedie tappezzate, piccolo tavolo da scrivere per uso di copista. Oggetti da scrittoio, giornali diversi, molle carte stampate sparse sulla scrivania.

SCENA I.

Cesarino — indi Rosina

Cesarino — (seduto al tavolo piccolo, scrive) — Voglio vedè si arrivo a fernì sta regola. Se Ninetta tarda nu poco a turnà a botta è fatta. Sabato piglio o terno — Io stasera 1 ho promesso ’e purtarle il mio ritratto e non voglio mancare di parola. E si vene e vo’ vedè si aggio scritto a sentenza, io che le dico ?... Basta... le dico che m è caduto ’o calamaro ncop a carta e aggio manna a piglià l ata carta bollata. Lasseme avvisa Rosina, m avessa ncuccià ncopp’ ’o fatto... e chi ’a sente a chella (chiama) Rusì ? Rusì ?

Rosina — Signurl che vulite ?

Cesarino — Famme ’o piacere, di a Giuvanne ’o guardaporta d avvisà ’a dint’ o portavoce quanno saglie a signurina, pecchè io nun me vularria fa truvà c’ ’o lardo ncuollo. Tu mo m’è capito ?

Rosina — Aggio capito tutte cose, nun ce penzate ch’è pensiero mio.

Cesarino — A signora vecchia mia suocera che sta facenno?

Rosina — È asciuta nu poco, ha ditto che ghieva a Chiesa e che turnava subeto subeto.

Cesarino — E bebé cu chi è rimasto ?

Rosina — Sta durmenno tanto cuieto, povera criatura. [ 8 ], l’avvocato NtNETTA

6

Cesarino — E si se sceta tu nun ’o siente.

Rosina — Uh 1 nun dubitate, io sto sempre ’a chella parte e ogni tanto ’o vaco a vede (si sente un fischio intemo.)

Cesarino — È Ninetta ?

Rosina — (che è andata a vedere e subito ritorna) No, nun è a signurina, c a signora vecchia che sta saglienno.

Cesarino — E pe saglì chillo casciabanco ce vularrà per

lo meno na mezz ora se tratta e 1 26 scalini e nun se pazzea. Ntramente io dongo n ata botta a sta cornice. Te racomanno nun a fa trasi ccà dinto.

Rosina — Nun ce pensate. Chella arriva tutta sudata e appena vene se va a nzerrà dint a cammara soia pe se cagna.

Cesarino — Ma si esce ccà fora e me trova cu stu nio zio mmano, mo chella ’o va a dì a Ninetta, e comme rimedio ?

Rosina — Appena sè spicciata io v ’o vengo avvisa. Facitem’ì a riceverla si no chella se piglia collera(tfia).

Cesarino — Dincello ca io sto occupatissimo, cha sto fernenno na sentenza m e perciò nun aggio potuto lascià.

Rosina — Va bene, ve servo. Ah ccà sta D. Giulio l’avvocato {via)

Cesarino — Avanti, avanti.— (entra Giulio).

Giulio — Guè, caro Cesarino. L’avvocato ci sta?

Cesarino — Quale avvocato?

Giulio — Tua moglie.

Cesarino — Ah già, io me scordo sempe che mia moglie è avvocato.

Giulio — - L’era venuto a dicere che il Consiglio dell’Ordine ha ricusato di metterla nell’Albo dei Procuratori.

Cesarino — Si, ma ’o Commendatore D.Ciccio Laciterna le dicette che ’a sentenza l’aveva fatta favorevole Giulio — Lo so, ma ’o Consiglio ’e l’Ordine ha prodotto appello.

Cesarino — E chi ’a sente a Ninetta, quella non sogn* che la nomina effettiva e le pareno mille anne e difendere na causa.

Giulio — Ma... speriamo bene. Tu dincello che noi faren*’ tutto il possibile per le fà vincere o punto — 1° " tanto ti lascio, tengo molte cose da sbrigare

Cesarino — Statte buono, Giulio.

Giulio — Neh, è visto cchiìi a Gesummina ?

Cesarino — Si molto tempo fa.

Giulio — E che te dicette.

Cesarino — Po’ te conto. Mo sta venenno mia »U0C [ 9 ]Giulio — Mbc stalte buono. Tanti saluti al collega tua

moglie.

Cesarino — Grazie, ti servirò. (Giulio via). Gesummina* una delle mie tante amanti ! (lavorando sempre). Vedete nu poco, chi me 1 avesse detto che io m’aveva nzurà così giovine, io che taceva ’o spasimante cu sette, otto signorine contemporaneamente e a tutte prometteva felicità. Quando in una società m’incontrai con la mia cara Ninetta, che me sapette arravuglià tanto bene mmiez’ ’o codice che nun aggio potuto scappa cchiù, io la sposaie pure perchè era l’unica ancora di salvezza che mi restava. Ed eccomi diventato il marito di un avvocato ed il copista di mia moglie.

Rosina — Signurì, fora nce sta nu signore curiuso curiuso che vo parlà cu vuie.

Cesarino — E che vo’ ?

Rosina — Che ne saccio. M’ha addimmannato: Nce sta il signore dentro ? e l aggi ditto sì. Sarrà quacche amico vuosto.

Cesarino — Va buono, fallo trasì. (Rosina tfia). Mo arricetto sta robba e me metto a scrivere. Nce vuleva pure sta seccatura pe nun me fa terni sta regola {esegue.)

SCENA li.

GiAciNTa e detto.

Giacinto — Scusi... Si può venire avanti?

Cesarino — Favorite, favorite.

Giacinto — Chisto sarrà ’o giovene e l’avvocato. M aggio dà nu poco di sussiego si no nun me rispettai (dandosi un aria di importanza). Dunque l’avvocato non c’ è ? Non lo si può vedere ?

Cesarino — Ah ! voi volete mia moglie 1 E quella stupida della cameriera m’ha detto che andavate trovanno a me.

Giacinto — lo a chisto ’o faccio pazzo, lo l’addimmanno na cosa e isso me risponne n ata. A me che me preme d ’a mugliera. lo la signora vostra non la conosco affatto e perciò...

Cesarino — Come, voi non conoscete mia moglie ? Com e possibile che non la conoscete?

Giacinto — Non ho avuto ancora questa fortuna

Cesarino — Embè, quando la conoscerete, vedile che femmena è e quanto vale. Vi assicuro che resterete contento. [ 10 ]I

Giacinto — Ah! cesta tutto -Lento ? Chisto veramente ha da essere pazzo !

Cesarino — - Vedrete che talento, che dottrina, che scienza che tene. Già se la fa con piezze gruosse, tutti perso naggi elevati, tutti Commendatori, Consiglieri, Pres{. denti, e tutti veneno a casa mia.

Giacinto — Ah ! bravo I E voi ne siete contente ?

Cesarino — Contentissimo. Vi pare, è la professione che

lo porta.

Giacinto — E buon prò vi faccia.

Cesarino — Se avete aH ari da proporle per voi o per qualche amico vostro, potete essere sicuro che reiterete soddisfatto.

Giacinto — E io me ne consolo tanto tanto. Voi siete il marito di questa signora ?

Cesarino — Per servirvi

Giacinto — Potete vantarvi ’e tene na bona rnugliera

Cesarino — S), confesso la verità, io non credeva ’e tene chesta fortuna. E dovete dire che io era negato per il matrimonio, ma poi vedendo questa ragazza così virtuosa ho detto: Nehl io addò, ’a pozzo truvà meglio? Accussi subito subito cumbinaie ’o matrimonio.

Giacinto — E avite fatto buono. Ed è molto tempo che siete sposati ?

Cesarino — Songo circa due anni, e debbo dire la verità che in questo tempo s ha fatta na bella clientela.

Giacinto — - Ah! (ride) E voi lo dite con questa prontezza?

Cesarino — Ma se capisce, anzi me ne vanto. Quanta giuvinotte vanno truvanno na rnugliera comm a mia e nun ’a ponno truvà.

Giacinto — Come vostra moglie ? Uh, ce ne stanno tante!

Cesarino — Vi sbagliate, caro signore ! come mia mogl>e nce ne sta una sola...

Giacinto — --Come vostra moglie...

Cesarino — - Già, essa è stata la prima, e le altre con 1 esempio suo verranno appresso.

Giacinto — E ccà vene ’a fine d’ ’o munno I

Cesarino — - La gente poi dice, è stata una donna fortuna13 Dovrebbe sapere tutti i sacrifici che ha fatto. P*f rivà a stu punto. Basta dirvi che da piccerella 5 i fatta avita soia mmiez ’e studiente. j

Giacinto — E doppo tutto chesto vuie ve l’avite pigli*1*^

Cesarino — Se capisce ! Quanno passaje la rassegn* tutti i professori, allora la madre me la consegnò, e 1,ll disse : ho fatto il mio dovere.

Giacinto — Ma cheste so’ cose da far trasecolare! t

Cesarino — £ rimasto ‘e stucco. Ha fato effetto I* nl [ 11 ]{•«rial*. Muglierema mf raccumanna e farle nu poco e reclame, meglio e chesto non ’a por/o nervi.

Giacinto — (Dopo pausa) E si avvocalo tàrderà molto a venire, io tengo da fa, nun potio aspetta.

Cesarino — Non po tardi molto, ha ditto che teneva subito. Po quanno a vedite allora ve persuadile che femmena è chella. gii nun pare mai na femmena, pare n’ommo.

Giacinto — E dal le a coppe t lo me ne vaco pecche m’avite turcato ’o stommaco (alzandoti).

Cesarino — Che. ve ne andate ?

Giacinto — E ve pare che po ito sta cci a sentì tu tir sti ciucciane roste Che mavì te pigliato pe nu papurchio ?

CESARI NO — Ah f vuie credite che to’ ciucciarla ? Emhè pruvatela. pruvatela. e po’ m’ annummenate.

Giacinto — Oh I batta. bastai Cheste so’ cose da inorridire I

BittIna (dt dentro) — Ce*an, Cesari, addò ataie ?

SCENA HI,

Rosi*a a detti. iWi Bettina

Rosina — Sgnuri. a signora vecchia mo è asci ut a ’a dint’a cammara soia e sta venenno ’a chesta parte (tfio).

Cesarino — (/4A ! hava) Mo ve faccio conoscere pure a mamma.

Giacinto — A mamma e chi >

Cesarino — A mamma di mia moglie.

Giacinto — Mi figuro che piezzo d’artiglieria ha da essere.

Cesarino — Na femmenona. Està ha mparata a figlia accussi.

Giacinto — Neh I E consolatenne.

Bettina — (dentro) Cesari. Cesari, addò staie (/uori ?) E

il signore chi è ?

Cesarino — £ un nuovo cliente.

Bettina — Oh I bravo I Fortunatissima tanto tanto di conoscervi

Giacinto — (stupefatto) La fortuna è mia, per carità

Bettina — Accomodatevi — .. accomodatevi I (lo fa sehre).

Giacinto — Scusate signora mia, ccà nc’ha da essere n’equivoco, perchè io vado in cerca dell’ avvocato Rocco Ninetta.

Bettina — Sissignore sta qui... Siete stato diretto bene.

Giacinto — No, pecche doppo chello che m’ha ditto stu [ 12 ]Signore, me pareva na cosa curiosa che... {Io non ne capisco niente più.)

Bettina — A chillo nun l’avita da auJien7a, vuie avita parla cu me, {chillo nun ne cupisce niente. Nun sapt chello ca dice)

Giacinto — Primm’e tutto signora mia, spiegammoce buono nu poco, perchè io tengo a capa quanto a nu pallone. Vuie site a rnugliera ’e l’avvocato?

Bettina — A rnugliera? a rnugliera ? {ride) Quanto mi fate ridere.

Giacinto — E chesta è n ata pazza, aggio capito !

B ETTI NA — Vuie che ne state vuttanno ?

Cesarino — A rnugliera, ah, ah !..{ride)

Giacinto — Ma signori miei, vuie che m’avite pigliato pe nu pupazzo ?

Bettina — Ma vuie dicite cierti cose accussì curiose. Io pozzo essere a rnugliera d a figlia mia ?

Cesarino — Il marito so io e ve Iho detto poco prima,

Giacinto — 0 songo asciuto pazzo io o songo pazze lloroMa stu cancaro d’avvocato v’è patre, v"e zio, v e frate, che v’è ?

Bettina — Ve l’aggio ditto è figlia a me ed è rnugliera a

Cesarino

Giacinto — Cioè, chesta signora che se chiamma Cesarina è rnugliera all’avvocato.

Bettina — Vuie che pasticcio state facenno ?

Giacinto — Vuie che mmalora state cumbinanno tutte duie ?

Bettina — L’ avvocato ca se chiamma Ninetta è mia figlia

Giacinto — Cioè... Cioè... è vostro figlio?

Bettina — Nonsignore, è mia figlia femmena.

Giacinto — Figlia femmena. È l’avvocato è femmena?

Bettina — Comme, nun’o sapiveve?

Giacinto — No, chesto o sento p a primma vota. E qii3ll no maie l’avvucate so state femmene ?

Bettina — E pecchè, hanna essere mascole pe forza Giacinto — Pecchè da che è munno e munno I a vvuo|(‘’ hanno tenute sempe ’e cazune (e nun già a gurtn?1(1 Mo è asciuta pure chesta novità

Bettina — Embè ’o progresso ’o pigliate pe niente? Pecchè na povera femmena aveva sta sempe VH’

o fucularo, a fa cazette? Adesso le donne si sono * ’ alla scienza, all’arte, al commercio...

Giacinto — E già, po jammo nuie a cucenà e a dà latl>

¦ criiitft,

Bettina — Non dico chesto. Ma ’a femmena stev» po batta, avava tagli nu poco cchiù ncopp*[ 13 ]Giacinto — E perciò vuie ve site venuto a mettere ’e casa ncoppa ’o suppigno. All arma d a scalinata.

Cesarino — E che nce traso chesto ccà mmiezo ?... Ah! ah, ah !

Giacinto — Vuje v’avite sta zitto. Me siete antipatico, me tuccate ’o stommaco e non so perchè.

Cesarino — E vuje site curioso assaie e me piacite.

Bettina — Veramente sto signore è curioso.

Giacinto — Ed io vi ringrazio del complimento.

Bettina — Ma se è lecito sapere, perchè andate in cerca di Ninetta ?

Giacinto — Ma stu cancaro ’e Ninetta è nomme o cognome ?

Bettina — È nomme, Rocco è ’o cognome.

Giacinto — E chisto £ stato l’equivoco, me credeva che era tutto ’o cuntrario, cioè che Ninetta fosse cognome.

Cesarino — Ah ! mo capisco pecche faciveve tutte chel li smorfie quanno io ve parlavo ’e muglierema.

Giacinto — Vi ho pregato che v’avite sta zitto vuie pecchè me tuccate ’o stomaco.

Bettina — Uh ! quanto site aggraziato, ah, ah,ah,(n’(/e)

SCENA IV.

Rosina — indi Ninetta e detti.

Rosina — Signò, sta saglienno a signorina (via poi torna con Niny )

Bettina — Oh ! bravo ! Mo, mo a vedite, a cunuscite a vicino, e me sapite a di si po fa ’o paglietta.

Giacinto — Finalmente vedimmo stu portento ’e femmena (Tengo na curiosità ’e vedè comm’è.)

Cesarino — Mo vedite se tutto chello che v’aggio ditto ’è overo.

Giacinto — Vi prego per la terza volta ’e nun parla cu me.

Ninetta — (entra molto affacendata con moltissime carte sia manoscritte che a stampa. Veste con abito quasi maschile porta le lenti si dà un aria grave ma non caricata) Dunque Rosina, dirai allo stampatore che venisse fra un’ora a pigliarsi le bozze che io debbo correggere, e che per domani mattina presto voglio qui le due memorie stampate. Poi se viene quel tale che venne ieri per l’associazione della Croce Rossa tu lo farai subito passare perchè ho bisogno assolutamente di parlargli. Mandate qualcuno in casa dell’avvocato Erbetta a dirgli che venisse in giornata perchè gli debbo comunicare alcune cose urgenti. Oh I a proposito..» fosse [ 14 ]venuto l’usciere a portarmi quei due originali di atti intimati ?

Rosina — Non è venuto nisciuno (via).

Ninetta — Che bestiai Io gli avevo detto di mandarmi subito gli atti dopo averli intimati...già non si può fidare su questa classe di uscieri, (tutta gente cretina)] A tutto debbo pensare io... ho mio marito qui che non s’incarica di niente. Perchè quando hai visto tardi non sei andato tu dall’usciere? Intanto io debbo inserire gli atti nelle produzioni e mi mancano. Come si fa ? come si rimedia ? E quella sentenza l’hai finita di copiare?

Cesarino — (mortificato) Nun l’aggio potuto fenì...pecchè..

Ninetta — E già, al solito, appena io me ne’ esco tu smetti di lavorare, e chi sa cosa farai. Ci vuole la sferza per farvi andare avanti. Però stasera non uscirai se non avrai fatta la copia della sentenza.

Cesarino — Ma Ninè....vide che..:.

Ninetta — Non ci è ma che tenga, si deve disbrigare per stasera se no non si esce di casa, hai capito ? E con me non si fanno molte parole, perchè io tengo la testa piena di affari (va alla scrivania) Ah! ecco la gazzetta del Procuratore, vediamo se ha pubblicata la mia sentenza (legge).

Bettina — (sarà rimasta in disparte con Ciac.) Avite visto che femmena ?

Giacinto — Chella me pare nu cumannante ’e reggimento, ato che paglietta ! Oh ! signò quando credete che ce pozzo parlà ?

Bettina — Mo l’avita fa sfugà nu poco (chisto none o mumento) Vuie avite visto chella che tene ncapo ?

Ninetta — Bestia, bestia, e bestia un’altra volta.

Bettina — L’avuto cu vuie?

Giacinto — No, l’avuto c’ ’o marito.

Ninetta — Neanche una sentanza sanno scrivere (ci hanno saltati tutti i considerandi, hanno pubblicato il dispositivo così secco secco. Mo me metto a tavolino e le voglio scrivere una lettera come si deve a questo direttore dei miei stivali.Gli voglio fa vedè chi è Ninetta Rocco Ah! egli si crede ’e trattà con una donna ? ha sbaglia*0 rotondamente (siede e scrive).

Bettina — Vuie state sentenno o nun state sintenno )

Giacinto — Signora mia, vuie me state affligenno.

te che ve d ico, io mo me ne vaco si non ce pozzo pal là e bonanotte. Aggio perduto un’ora di tempo seni5 cumbinà niente, manco si avexsa parlà cu nu minl»,fl’

Bettina — Abbiate nu poco ’è pazienza. Avite visto ebd la comme »ta affarata ? [ 15 ]Giacinto — Ma io tengo pure gli affari miei e nun pozzo perdere tiempo

Bettina — Aspettate nu momento, mo nc’ o vaco a dicere io cu na bella maniera, si no chella se piglia collera e me dispiace e farla ncuità.

Giacinto — E ghiate priesto, vedite se potesse farme a grazia ’e sentirme

Bettina — Ecco ccà...mo me lanzo a chello che ne vene vene.

Giacinto — Comme si s’avesse a mena a coppa a loggetta a mare.

Bettina — (accostandosi) Ninè... Ninè... figlia mia.....

Ninetta — Mammà, nun è momento chisto e vemrme a secca. Tu hai capito che se tratta di un affare molto grave. Già, voi altre femmene nun putite capì sti cose.

Giacinto — Comm essa fosse mascolo !

Bettina — Io te voleva dì che stu signore sta aspettanno a tanto tiempo.

Ninetta — Aspetterà un altro poco, perchè se non finisco questa lettera e correggo queste bozze non posso ascoltarlo.

Giacinto — E chesto è affare e doppo dimane.

Bettina — (torna a Giac.) Io ve l’aveva ditto che s’aveva raffredda nu poco (è troppo priesto capite chella mo è arrivata.)

Giacinto — Ma che ce vulesse na dimanda in carta bollata pe parlà cu ’a figlia vosta ? Signò io me ne vaco Bettina — No, aspettate. Sapite che vulite fa? Presentateve vuie stesso, chella a vuie nun ve po dicere no, e accussì nce parlate. Ma si ve fa na cancariata nun ve pigliate collera pecchè chella patisce cu ’e nierve, po le passa e nu è niente cchiù.

Giacinto — Chi me l’ha ditto a me ’e passa stu guaio. A me che me ne preme, io vaco da n ato paglietta e accussì fenesce a storia.

Bettina — Oh ! non l’avite fa sta cattiva azione. Nun sarrà mai ditto che nu cliente esce a dinto a casa nosta senza avè tutta a suddisfazione soia.

Giacinto — No, bella suddisfazione. Io sto passanno tutte sti luotene e ancora aggia accomincià Bettina — Presentateve, presentateve. Alla fine che po essere ? Ve po dà na mazzata ncapa ?

Giacinto — E chesto nce mancarria.

Bettina — Io chesto dico, chesto nun po essere, perciò putite azzarda.

Giacinto — Mo me lanzo pur’io a chello che ne vene vene tì ETTINA — Bravo, accussl avita fa coraggio.... iammo.

Giacinto — (avanzandosi) Signora... io vi dovrei... [ 16 ]Ninetta — Imbecille !...

Giacinto — (ritirandosi) — Avite ntiso ? Nun è

Quella m’insulta. (Ccà fcrnesce a mazzate ’o fatto)

Bettina — No, chella nun 1’ ave cu buie, l’ha avuto chillo che le sta screvenno ’a lettera. U

Giacinto — Ma nfaccia a me l’ha ditto.

Bettina — E po pecche l’avite chiamata signora?

Giacinto — E comme Saggia chiammà?

Bettina — L’avite chiammà signor avvocato si no nun ve risponne.

Giacinto — Vuie tutte sti cose l’avite scrivere ncopp’ ’a nu manifesto e 1 avit’azzeccà fora a porta, almeno uno ce penza primma e trasi ccà dinto.

Bettina — Va, lanzateve n ata vota. Neh ! che po essere ?

Giacinto — Uh ! chesta e male parole ’e piglia pe niente Signò quest è 1 ultima volta per farvi contenta e po me ne vaco.

Bettina — Chiammatela signor avvocato dolce dolce.

Giacinto — Mo nce metto nu poco e zucchero pe ncoppa. (si avanza) Signor avvocato, signor avvocato. Sono venuto per darvi una preghiera ed è molto tempo che aspetto.

Ninetta — (con dolcezza) Scusi signore, quando scrivo questo indirizzo e sarò tutto a lei. (bussa il campanello)

Bettina — (piano a Giacinto)— Comme ve pare? Ah! che dolcezza. Che belli parole !...

Giacinto — Pe mo nu ha ditto niente ancora.

Bettina — Sentite appriesso che l’esce ’a vocca (Ninetta batte il timbro.)

SCENA V.

Rosina — e detti.

Ninetta — Fate imbucare questa lettera, ma presto perchè è urgente.

Rosina — Va bene (via)

Ninetta — Dunque signore, eccomi interamente ai suoi pregevoli comandi. Lei mi deve scusare se 1 ho fatto attendere un pochino, ma gli affari innanzi tutto. Pe« me gli affari dei miei clienti sono parte di me stessa. S’accomodi. Prima servo il pubblico e poi nu dedico alla famiglia. Perciò non se l’avrà certamente a m«’e se per poco l’ho trascurato. Da ciò dovrà arguire quanto interesse e zelo metterò nei suoi affari qualora avrò l’onore di essere il suo avvocato (si seggono 1 [ 17 ]e tre) Dunque in che debbo servirla? in affare civile

o penale ? Per ora io mi son dato a tutti e due i rami, salvo poi, quando gli affari saranno aumentati, di dedicarmi soltanto al primo; sa, perchè negli affari civili 1 intelligenza può esplicarsi maggiormente nelle ardue quistioni di dritto... mentre nel penale non vi sono quistioni molto elevate, e poi d altra parte si ha fare per lo più con gente abbrutita nel vizio e quindi caduta nel delitto lo già suppongo che il caso di cui ella vorrà parlarmi, non riguarda certamente un crimine, perchè se cosi fosse le assicuro che a malincure ne assumerei la difesa. Purtuttavia mi sacrificherei per strappare un innocente che potrebbe essere vittima di un errore giudiziario e che potrebbe finire i suoi giorni in un ergastolo (in tutta questa scena, Bettina che sarà seduta vicino a Giacinto farà controscena con lui).

Giacinto — Vuje che vittima, che ergastolo... che giustizia, n ato poco me mannate ngalera. Quà non si tratta affatto di 4utto questo, (a Bettina) E chesta ata che me sta zucanno a reto; me pare che a putite fernì.

Giacinto — Si me lassate parlà vuie e mammà che me s è appizzata comm a na mignatta, allora nce putimmo capì, si no perdimmo tiempo io e vuie.

Ninetta — Parli., parli... io sono tutta intenta ad ascoltarla.

Giacinto — Ecco qui... non è propriamente pe na causa pecchè so venuto da voi... pe mo se tratta ’e nu semplice consiglio, ma se appriesso le cose seguitano accussi, ’a faccio ’a causa.

Ninetta — Benissimo ! In tal caso voi farete lattore? Gaicinto — Io mo chesto sto facenno*

Ninetta — Ah ! già fate l’attore?

Giacinto — Uh ! mo nce mbrugliammo n ata vota ch e lengue ?

Ninetta — Basta venite al fatto.

Giacinto — E o fatto nun ’o pozzo dì se nu ne mannate a mammà a vicino a me, e pure vostro manto che sta Uà assettato.

Ninetta — Oh ! è giusto. Vi sono delle cose che bisogna confidarle solamente all avvocato, e specialmente poi quando questo sacro ministero è rappresentato da una donna che è il simbolo.....

Giacinto — Signò mo accuminciate a capo n’ata vota? Io aggio che fa.

Ninetta — Dunque mammà, potete ritirarvi, lasciatemi sola col signore, e tu Cesari va un momento dall u[ 18 ]sriere per farti dare quelle carte, nel mentre io debeo abboccarmi col signore

Cesarino — Vuie ve vulite abbuccà con mia moglie? E bloccatevi io nc’aggio sfizio (via) Oh anema

Giacinto — Che faccia ’e pepierno che tene.

Bett’na — Signò voi mi permettete, io me ne traso dinto. Sentite i consigli e Ninetta che ve ne trovate proprio contentone

Giacinto — Rosina, (Rosina esce). Vieni con me (e via).

Giacinto — Ah, se n’è ghiuta. Me pareva mill’anne.

Ninetta — Eccoci completamente soli, adesso potrà parlare francamente. Prima di ogni altro, con chi ho l’onore di parlare?

Giacinto — Comme, nun sapite o nomme mio ?

Ninetta — Se ella non me lo ha ancora detto come vuole che lo sappia.

Giacinto — Eppure io me credevo che ve ll avesse ditto. E che vulite, nella confusione nun nc’aggio penzato. Io mechiammo Giacinto Chiappo, Barone di Capracotta.

Ninetta — Capracotta — È un nome abbastanza curioso.

Giacinto — È il nome del mio paese. Io sono capracottese.

Ninetta — Me ne compiaccio tanto. Dunque di che si tratta ?

Giacinto — Si tratta....Signora mia... che io sono ammogliato.^ Ah !...

Ninetta — E perchè sospirate?

Giacinto — Sospiro...perchè pe causa e stu matrimonio me trovo mmiez e guaie.

Giacinto — Il primo guaio è che mia moglie nun me vo bene pecchè me spusaie pe forza.

Ninetta — Per forza ? Voi siete un bell’uomo, non ancora vecchio, svelto, simpatico, dunque non ha fatto nessun sacrifizio

Giacinto — Oh ! mille M avite levato nu pisemo a copp’’o stommaco. Era na cosa che io voleva sempe sapè, ma nun aveva o curaggio e dimandarlo a nisciuno

Ninetta — Ed io vi ho parlato come la sentivo, e vi assicuro che se fossi stato nei panni di vostra moglie,vi avrei sposato con tutto il piacere.

Giacinto — Vuie site nu zucchero, nun site na femmena. (Eppure st avvocato è proprio bona). Però Gesummina mia moglie nun dice accussi. Dice ca io so brutto e cafone, e primma e spusarme vulette a donazione e tutta a robba mia.

Ninetta — -’E voi scemo scemo ce la faceste.

Giacinto — E se capisce. Neh ! cornine se fa quanno uno tene na passione ? lo pe spusarla avarria fatto qualun[ 19 ]que cosa, me sarria iettato pure a mare.Essa me dicette, o me faie a dunazione, si no nun tc sposo... e io avetta cedere pe forza.

Ninetta — E chella ve vedette d a faccia, dicette mo m ’o spenno stu pulìastiello e ci riuscì

Giacinto — E credo che accussi avett’ a essere.

Ninetta — E dopo ch’è successo ?

Giacinto — - Quanno spusaiemo, v’assicuro che i primi giorni del nostro matrimonio furono belle assaie. Ho passato na luna di miele incantevole, nce ne ietteme ncainpagna tutte e duie... sule, sule.. io Giacinto, essa Gesummina.. e Uà sull’erba... passaveme certi momenti..

Ninetta — Eh I basta, basta Barone. Vi dimenticate che parlate con una donna.

Giacinto — E che volite, me n ero andato di testa.

Ninetta — Dunque, veniamo al fatto.

Giacinto — Ecco quà. Da. Ninetta mia..

Ninetta — Uh ! comme è brutto sta D.a Ninetta mia, è una cosa molto volgare.

Giacinto — Allora ve chiammo avvocatessa mia.

Ninetta — Peggio, peggio. Avvocatessa me da l’idea di una abbadessa

Giacinto — Ma vuie site femmena, vi spetta la finale in essa.

Ninetta — Niente affatto. La laurea in giurisprudenza è una, perciò il titolo d avvocato spetta tanto all’uomo che alla donna.

Giacinto — Dunque comme v aggia chiammà ?

Ninetta — Avvocato — semplicemente e nient altro

Giacinto — Avvocato mio, dovete sapere che Da. Gesummina mia moglie dopo i primi mesi del nostro matrimonio me n ha fatto vedere di tutti i colori.

Ninetta — Dopo i confetti si vedono i difetti

Giacinto — E che difetti aggio visto io. So cominciati i capricci, i maltrattamenti, se n esce, se ne trase senza dirmi niente,comme si fosse l’ultimo servitore della casa, capite? A me !..doppo che l’aggio levata dalla miseria.

Ninetta — E voi non avete alzata la voce, nun vi siete fatto rispettà ?

Giacinto — Se ho alzata la voce?., alzata la voce... Io na sera che essa era asciuta sola e se ritiraie tarde, alzaie tanto a voce che e strille se sentevene a copp o corso fino abbascio a Riviera.

Ninetta — E essa che fece ?

Giacinto — Essa... capite... vedette che io nun pazziavo rimase sbalordita la per la..ma poime dicette: Si strille [ 20 ]n’ato poco te dongo na foca nganna e me n’esco n’at^

vota.

Ninetta — Voi allora m’immagino che faceste.

Giacinto — Io scntcnno a foca nganna me stette zi|fr si no chella ’o faceva veramente.

Ninetta — Ma Barò voi veramente siete nu piez*0f babbasone. Vuie che ommo site?

Giacinto — Ma io però da chella sera aggio cominciato a sospettare d» lei... e perciò..

Ninetta — E perciò l’avete pedinata quando asceva pe vede che cosa faceva.

Giacinto — No, chesto manco ’o puteva fa, pecc^ ^ chella me ncucciava mmiez’ a strada facevamo nu poco d’opera tutte ’e duie.

Ninetta — Ma io ve l’aggio ditto che site nu papurchio.

Giacinto — Invece sapete che ho fatto ? L ho minacciata

Ninetta — Di ucciderla forse?

Giacinto — No, di una separazione.

Ninetta — E essa?

Giacinto — Se n’ha fatto na resata,

Ninetta — E sicuro che aveva ridere, chella tene a donazione vosta.

L»IACINTO — E accussì ha ditto: Io tengo ’a dunazione toia. Io me levo nu guaio a tuorno e i denari restano a me.

Ninetta — O guaio per esempio, siete voi !

Giacinto — E già, pe compenso ’e chello che l’aggio fatto me chiamma guaio. Ombre dei miei antenati capracottesi, vedite a che m’ha ridotto na femmenà.

Ninetta — Insomma, io che debbo farvi ?

Giacinto — Mo v ho dico. Non fidandomi più di soffrire, ieri sono andato da Ciccio Lanterna mio amico intimo e pure paisano mio, e l’aggio pregato ’e truvarme n’avvocato, e isso m’ha mannato ccà. Io v aggio ditto ’e che se tratta vuie mo avita di comm’aggia fa p’annullà sta dunazione, che io aggio fatto in un momento d’amore.

Ninetta — V o putiveve fa passa stu momento d’amore

Giacinto — È stata una follia di gioventù lo capisco, tutti siamo soggetti all’amore. Pure i gatti vanno in amore

Ninetta — Allora vuie comme fusseve stato nu gatto Giacinto — Avvoca non scherziamo, ve ne prego. Trovate voi un rimedio

Ninetta — Caro Barone, il codice civile parla chiaro (piglia un libro) Non vi sono questioni da lare. Ecco qui, mo ve faccio senti 1 art. 1052 che è applicabile al caso vostro, (legge) Le donazioni fatte in riguardo ad un futuro matrimonio ecc.. ecc.. non possono essere impugnate per mancanza... [ 21 ]SCENA VI.

Rosina — e detti

Rosina — Signuri, scusate si v addimanno na cosa ! A signora vo sapè si avite posto ’o sale int o raù.

Ninetta — Che bestia! È chisto o mumento d’interrompermi ?

Giacinto — Nule stammo nfaccia ’o codice e tu te ne viene cu ’o sale.

Ninetta — Dincello che nun me ricordo, che nce ne mettesse nu poco (Ros. via poi torna) Dove eravamo rimasti ? Ah ! alla mancanza....

Giacinto — D’ ’o sale int’ ’o ragù.

Ninetta — No, che state dicenno... che ce trase ’o sale. Stavamo alla mancanza... (legge) di accettazione delle parti... E questo non è affare vostro. Vedimmo appresso Art. 1068 (legge). Qualunque donazione fatta per un « futuro matrimonio è senza effetto se il matrimonio non segue o pure è annullato»

Giacinto — Bravo, benissimo ! Si è trovato. Facimmo annulla ’o matrimonio.

Ninetta — E come lo fate annullare? Questo mi pare impossibile !... almeno... che voi non... vi troviate in condizioni tali... da fare annullare il matrimonio.

Giacinto — In condizioni tali... Comme se ntenne ? io nun ve capisco... spiegateve meglio.

Ninetta — Barò, io songo femmena e nun pozzo spiega comme vulite vuie.

Giacinto — Chisto è nu guaio ca vuje site femmena.

Ninetta — Insomma, siete marito ? o non siete manto ?

Giacinto — Queste sò domande curiose, comme non era marito. Allora pecchè veneva a du vuie.

Ninetta — Ma vuje nun capite niente, io che ve pozzo fa.

Rosina — (fuori) Signori, signori, venite nu mumento dinto pecchè a signora ha fatto nu scoquasso, ha fatto azzecca tutte cose ncoppo ’o fuoco.

Ninetta — Ma io sto facenno l’avvocato pozzo penzà ’a robba che sta ncopp’ o fuoco.

Rosina — Signuri, lasciate nu mumento c’ ’o permesso d’ ’o signore, pecchè si nun venite vuie, stammattina nun se magna.

Ninetta — (alzandonsi di fretta) — Auff. Accussi nun po andà avanti, un rimedio s’ha da truvà (da il libro a

Giacinto — ) Barò, permettete nu momento, leggiteve da ccà Sino a ccà, io mo vengo (entra gridando con Rosina poi ritorna) [ 22 ]Giacinto — Io nun aggio arrivato a capi ch’à vuluto di a meno che non vi troviate in condizioni tali... Sie te marito o non siete marito ? Po ha ditto che essa è femmena e nun poteva parla !... Mo m’ha assegnata la lezione c se n’è ghiuta. Aggia truvà nu paglietta mascolo pe sapè se io sono marito o non sono marito chesti cose, ’e femmene nun ’e ponno sapè.

Ninetta — (fuori) Eccomi qua, aggio aggiustato tutto Dunque avete letto l’articolo ?

Giacinto — No, nun aggio letto niente.

Ninetta — E pare che v’aggio lasciato ’o libro.

Giacinto — Io steva riflettenno a chello che m’avete detto, se ero marito o non era marito, ci sono i testimoni : ’o vicesindaco, ’o parrocchiano,

Ninetta — È inutile che ci penzate, pusammo ’o libro e rispondete a me : Vi avesse attentate la vita vostra moglie ?

Giacinto — Sicuramente.

Ninetta — Ah ! vi ha attentato ?

Giacinto — M ha ditto che me vuleva dà na foca nganna, e se veramente m’ha deva, io mureva !.

Ninetta — Ma ve l‘ha data?

Giacinto — No! nun me l’arrivaie a da.

Ninetta — E che ne parlate a fa allora. Sevizie ne avete avute ?

Giacinto — Sevizie ? Uh ! avite voglia. Aggio avuto cchiù pizzeche e pome addereto e rine... tengo ancora e braccie piene ’e mulignane.

Ninetta — E chillo s’è fa ’a parmiggiana. Poche lividure m’è chiamate sevizie ? ancora avita vedè ’e sivizie overamente.

Giacinto — Ma D. Ninetta mia... cioè, avvocato mio, vui addirittura me vulite vedè muorto. A foca nganna dicite che è cosa ’e niente... ’e mulignane manco so bone, nzomma stu codice che tenite vuje nun me da ragione affatto affatto... allora vo di che sarrà nu codice ’e femmena.

Ninetta — Vuje che state accucchiammo, nce stà ’o codice ’e femmena e chillo e 1 uommene ?

Giacinto — Sarrà comme vulite vuje. Ma insomma che se po fa ?

Ninetta — Se volete asci ’a miez’ ’a stu guajo, fidatevi a me che vi servo io.

Giacinto — D. Ninè io me menco dint’ ’e braccie voste; basta che me levate stu guaio ’a tuorno io ve prometto che ve porto ’a Capracotta. Ve faccio fare na gita ’e piacere. [ 23 ]Ninetta — Parlammo doppo ’e Capracotta. Voi fidate in me?... Me date carta bianca?

Giacinto — Io v’affido tutte cose.

Ninetta — Prima di tutto io debbo conoscere la baronessa vostra moglie,debbo fare amicizia cu essa...al primo movimento io la piglio incastagna e l’attaccammo ’o processo.

Giacinto — Benone, la vogliamo processare.

Ninetta — Perciò me l’avita presenta.

Giacinto — E comme faccio? le presenta na figliola accussi... e chella dice chi è sta giovane?

Ninetta — E credete che pigli gelosia di me ?

Giacinto — Fusseve brutta, meno male. Ma voi siete bona, simpaticona, ne fate andà ’e capa e cliente.

Ninetta — Uh! Barò, e v’è venuto ncapo ’e farmc a corte ?

Giacinto — No..nun v’ ’o dico pe cerimonie...lo dico perchè parola d’onore lo sento.

Ninetta — Capisco che lo sentite, ma cierte cose nfaccia all’avvocato nun se ponno di. Capite che in questo momento non sono io... non sono Ninetta... io rapprensento la legge.

Giacinto — Se la legge è accussì bona, io mi getto con tutto il cuore nelle braccia della legge (per eseguire)

Ninetta — Barò non vi riscaldate, si no fenesco ’e fa ’o paglietta e me ne traso ’a parte ’e dinto

Giacinto — No, no, restate... mo me sto zitto. Parlammo d’o fatto nuosto.

Ninetta — Dunque comme facite pe me fa conoscere ’a baronessa ?

Giacinto — E stu mezzo nun ’o trovo...

Ninetta — (dopo pensato) Ah ! l’aggio trovato. Voi conoscete o Commendatore Lanterna, embè giusto giusto, domenica a sera è l’onomastico della figlia Maria, vediamoci là..Certamente si farà un poco di musica e di ballo, sarà una bella occasione per avvicinarmi a lei... e poi lasciate fare a me il resto.

Giacinto — E brava !... D.a Ninè lasciate che io ve vaso a mano (la bacia replicatamente.)

Ninetta — 0 vedite, mo ascite n ata vota a fora’o seminato.

Giacinto — No, nun v’avità piglia collera, lasciate che io sfoghi nu poco cu vuie. È un amico che ve cerca stu

favore. t

Ninetta — N’amico ? Io appena ve conosco da mezz ora. [ 24 ]SCENA Vii.

Rosina — e detti

Rosina — Signuri a signora ha ditto che ghiate dinto pecchè bobe s e scetato. sta chiagnenno e vo zucà.

Ninetta — (fon rabbia repressa) Di a mammà che s’ ’o spassasse nu poco pecche io pe mo sto facendo n affare e nun pozzo lascià.

Rosina — “Ma chella povera eriatura nun zuca da stamattina.

Ninetta — E aspetta n ato poco, io sto c o cliente e nun pozzo penzà a chesto.

Rosina — Ma chillo...

Ninetta — Basta mo...vattcnne dinto e nun me seccà (Rosina via e poi torna)

Giacinto — Ma avvocato mio voi potevate andare pecchè io aspettavo nu poco.

Ninetta — Io quando sto cu e cliente lloro nun m hanna seccà, nce 1 aggio ditto tanta vote e nun me vonno senti. Stcvemo dieenno che nuic nce vedimmo domenica dal Comm re Lanterna, ma venite priesto acciò io possa stare un poco sola cu vostra moglie.

Rosina — (col pupo avvolto in uno scialle) Signori scusate. V’aggio portata a eriatura pecchè schiattava a cliiagnere e a signora ha ditto che nun a poteva tenè cchiù.

Ninetta — (Rosi comme t è venuto ncapo) Cheste so penzate e pazzo.

Giacinto — Ma avvocà fate, fate, senza suggezione.... io me voto a chesta parte.

Ninetta — Allora apettate nu mumento ca io oul vengo SCENA VIII.

Giulio — e detti.

Giulio — Eccomi quà. Mi avete mandato a chiamare?

Ninetta — Giusto giusto. Giù, tiene compagnia al signore

io fra cinque minuti sto quà (via di fretta con Rosina)

Giulio — (dopo pausa) Scusate sapete dove è andata l’avvocato accussi è pressa ?

Giacinto — È ghiuto a dà latte a eriatura.

Giulio — Me pare na cosa curiosa che n’avvocato dà latte a na eriatura.

Giacinto — Che ce volete fa, è il progresso (ride-)

Giulio — È il signore è cliente dell’avvocato Ninetta?

Giacinto — Sissignore, sono un nuovo cliente m’ha mandato il mio caro amico Ciccio Lanterna [ 25 ]Giulio — Ah ! voi siete amico del Comm Lanterna ?

Giacinto — Per 1 appunto • jinno — Ah ! bravo, mi fa tanto piacere -«IACINTO — E voi forse siete avvocato?

‘.j!I LIO — Sono il procuratore della signora Ninetta

Giacinto — Ah ! bravo ! (Da chisto putarna sapè 1 affare che m ha ditto Da. Ninetta) E se è lecito sapere come vi chiamate?

Giulio — Giulio Erbetta ai vostri comandi. E il signore?

Giacinto — Giacinto Chiappo, Barone di Capracotta per servirvi.

Giulio — Uh ! cattera !... chisto c o marito eGesummina a nammurata, e Cesarino. E comme è capitato ccà. (Che nc è venuto a fa) ? Che sapesse quacche cosa ?

Giacinto — L ha fatto mpressione o chiappo.. me sta squadranno a capa o pere, (tenesse quacche cuoppo a rete e nun me ne so addunato) ?

Giulio — (Mo nce lo domando) E se e lecito sapere,quale affare vi conduce dall’avvocato Ninetta ?

Giacinto — Un affare molto serio. A proposito D. Erbe..

Giulio — Giulio volete dire, Erbetta è il cognome.

Giacinto — Ah !.. D. Giulio... Vi dovrei domandare una cosa di professione.

Giulio — Dite, dite.

Giacinto — Prima di tutto, voi siete ammogliato ?

Giulio — E che nce trase chesto cu a professione ?

Giacinto — No, è per affare mio... (po ve dico o pecchè).

Giulio — Nonsignore, sono celibe

Giacinto — E da quando tempo?

Giulio — - Come da quanto tempo se vi ho pregato che sono celibe.

Giacinto — Ah ! già, già... celibe... avevo capito n ata cosa.

Giulio — Ma chisto è nu tipo stu Barone !

Giacinto — Dunque D. Erbe...

Giulio — E turnate da capo cu D. Erbe’

Giacinto — D Giù, scusate. Supponete che invece e celibe foste nzurato.

Giulio — E pecche avimma fa chesta supposizione?

Giacinto — Per un affare mio... po ve dico o pecchè.

Giulio — Va bene, supponiamo che io songo nzurato.

Giacinto — Io songo l’avvocato vostro, voi venite da me e me dimandate. Si può annullare il mio matrimonio ? Vi rispondo : E come Io fate annulla ? questo è impossibile, ammenocchè non vi trovate in condizioni tali- Siete marito, o non siete marito ? Voi comme e spiegate sti parole ?

Giulio — Che bestia è st avvocato. V ha fatto sta dumund.i [ 26 ]c vuie ciuccio ciuccio ve site state zitto {ride forte). Ma erro Barone vuie siete curioso assaie... ah, ah

Giacinto — CI e bella spiegazione aggio avuto, pozzo sta contento IMa no... questo non è successo a me, è successo ad un imo amico, ed io perciò ve stava dicenno che...

Giulio — E st amico vostro ha da essere proprio na pastenaca, nu cretino. Come a non capire queste parole (ride

Giacinto — E mo aggia fa vede che rido pur’io. Già, chillo è nu miezo cafone, è nu piezzo e scemo... ah, ah, (ride forte).

Giulio — Cosi solamente si spiega il fatto... Sentite, so cose nove, cose non mai intese... (ridono forte tutte e due).

SCENA IX.

. Ninetta e detti

Ninetta — Eccomi quà, ho fatto presto presto. Neh! perchè state ridendo ?

Giulio — Il signor Barone mi diceva.....

Giacinto — (interrompendolo) No... niente... se parlava ’e n amico mio. È un fatto che ho raccontato a D. Erbetta

Giulio — Già, n amico suo ha consultato un avvocato,

il quale....

Giacinto — È na cosa che vuie nun putite sapè.

Ninetta — Ma perchè, sono cose segrete?

Giulio — No, niente di segreto, anzi è na cosa curiosa che...

Giacinto — Ma quando v’aggio pregato che essa nun ’o po sapè...

Ninetta — Uh ! mo m avite fatto veni ’a curiosità di saperlo.

Giulio — Barò, ma io credo che nc o pozzo di.

Giacinto — Ma vi ho detto che è una cosa di famiglia che io non voglio fa sapè me pare che basta.

Giulio — Quando dite così, allora nun ne parlammo cchiù.

Giacinto — Ah ! m’ha levato na palla a copp’ o stomaco. Dunque, D. Ninè... (rimettendosi) avvocato. Nuie restammo comme avimmo cumbinato ?

Ninetta — Perfettamente domenica a sera da Lanterna {forte). In qualunque cosa valgo a servirvi, (qui troverete una vostra serva....prego onorarmi dei vostri comandi

Giacinto — Oh, grazie, grazie di tutto cuore. Se ci riesco ve porto a Capracotta per una gita di piacerei Arrivederci avvocato.

Ninetta — Comme me purtasse a Parigi. [ 27 ]SCENA X.

Bettina — e detti

Bettina — Comme, già ve nc iate?

Giacinto — Già me ne vaco? ! io stongo a mcza iurnata ccà ncoppa, n ata vota me porto ’o lettino.

Bettina — E a piccerella mia comme v’è parza ?

Giacinto — Non è una donna, non è un uomo, non è un‘avvocato...

B ETTINa — Se po sapè che d è ?

Giacinto — È un angelo... è na cosa celeste.

Ninetta — Barò jatevenne, mo ve ne caccio io mo.

Giacinto — (confuso) Stateve bene., addio, arrivederci... Uh! mo me scordavo... D. Erbè io ve saluto, piacere di aver fatta la vostra conoscenza. (via spinto per forza)

Giulio — A forza D. Erbetta me vo chiammà...

Ninetta — Ah! se n’è ghiuto finalmente. Mammà, sa che t’ avviso, che se io aggia fà o paglietta sta stona nun po ’i nnanze accussì. Non pozzo fa na figura ridicola pe causa tua.

Bettina — Ma figlia mia, so combinazione che se danno.

Ninetta — Ma che combinazione me vaje contanno. Comme, me manne tre, quatto vote a zucarme, mo p ’o sale, mo p’ ’o pepe, ’a eriatura che chiagne. Io sto in una posizione falsa, nu poco che nce mettimmo d o nuosto, ccà a cosa se piglia a bagattella e nun se magna cchiù. Di tu Giulio, ho ragione o ho torto ?

Giulio — Hai ragione perfettamente.

Ninetta — E meno male che ’o Barone era nu piezzo e scemo, ma se era na persona seria, che figura avria fatta. ?

Giulio — Eppure scemo e buono ha menato na botta, ha ditto : l’avvocato è ghiuto a dà latte a eriatura... e rideva !...

Ninetta — Avite capito ?... Avite capito di chi si tratta ?

SCENA XI.

Cesarino — e detti indi Rosina.

Cesarino — Ecco ccà e carte che m ha dato l’usciere.

Ninetta — Seh I mè faccio fritte c’ ’a mente.

Cesarino — Emhè tanta pressa pecche ’e vulive, e po ?

Ninetta — Stupido, nun capisce niente. Nun c capito che tuttto chesto se fa pe nu poco c reciame. [ 28 ]Bettina — Ma tu te a persuade Ninetta mia che io nun

1 aggio fatto apposta.

Ninetta — O 3accio. Ma io nun m’ha piglio cu te, m ha piglio cu chella stupida e Rosina, essa avarria pure capi cierte cose. (chiama) Rosina Rosi ?

Giulio — (piano a Cesarino) — Tue visto chillo che mò è sciso a ccà ncoppa ?

Cesarino — Si ’o saccio. Chillo ch’è venuto stammatina.

Giulio — Indovina chi è.

Cesarino — Chi è ?

Giulio — ’O Barone Chiappo !

Cesarino — ’O marito ’e Gesummina ? (parlano piano)

Rosina — Signuri eccome ccà.

Ninetta — Rusì, t’avviso pe l’ultima volta che quando io sto con delle persone non devi venire a...

Rosina — Ma chella è stata ’a signora che...

Ninetta — Nun ce sta nisciuna signora... quando io ti dico na cosa tu m e ’a sentì... e quanno... sto trattando coi clienti tu non è ’a veni a sfrocolià ’o pasticcio t to c ’o ssale ’o magnà che s’azzecca ncopp o fuoco e ’a eriatura che vò zucà... ! E meno male c o barone era nu piezzo e scemo... (torna Giacinto per prendersi l’ombrello che à dime nticato) nu turzo, nu battilocchio qualunque...

Cesarino — (piano) Zitta chillo sta Ila!...

Ninetta — Si ho detto bene, e lo ripeto (a Cesarino) Sei uno scemo un torsolo, un battilocchio qualunque! Ti ho detto di andare.

Cala la tela FINE DEL PRIMO ATTO [ 29 ]ATTO SECONDO

Salotto in casa di Francesco. Mobilia elegante. Mensole con specchi e candelabri. Molti cestini di fiori sparsi per la stanza. Piccolo divano innanzi alla scena — Sedie tapezzate, portieri alle porte e alle finestre — È sera quindi saranno accese le steariche.

SCENA I.

Francesco — e Totonno

Francesco — (molto affacendato) foto, te raccomando, mo che finisce d accendere e lume, miette in ordine tutte sti cestine di fiori, fa in modo che se vedono tutti quanti, io voglio che quei signori che mo hanna veni, vedano tutti i fiori che ha avuto regalati Maria p’o nomme suio.

Totonno — (che accende i lumi e rassetta) Nun ce penzate che mo acconcio io tutte cose. Vuie nun avita fa ato che cumannà surtanto, p’ ’o riesto lasciate fa a me.

Francesco — O saccio che sei un giovane svelto e perciò son sicuro di quello che fai.

Totonno — Io aggio servuto tanta case nobile, non pe disprezzà ’a casa di V. E. e tutte m’hanno purtato nchiante ’e mano.

Francesco — Lo so, lo so, e perciò ti voglio bene’ Oh ! Totò, quanno vene’ o s urbettiere a purtà ’e gelate, falle mettere dint’a cucina. Si vene quacchè invitato cchiu priesto tu nun ’o fa assetta dint’ a galleria, ma fallo aspettà dint’ a stu salotto. Tu mo’ ’e capito?

Totonno — Va bene, v’aggio ditto nun ce penzate. L’etichetta a conosco e saccio a mano diritta mia. [ 30 ]Francesco — Io me vaco a vede si Maria s’ ’e vestita, i0 le vado a dà nu bacio prima che viene qualcheduno. Dì a verità, è na bella pupatella chella figlia mia}

Totonno — Signò, chella è na gioia che tenite.

Francesco — Gioia c papà tuio, quanto si aggraziata! Teh ! teh ! (gitta un bacio con la mano e via)

Totonno — Vi quanto è curioso stu signore mio. Ed è pure pazzariello assaie quanno sta e genio, e ogge è iurnata che isso stà allegro assaie, te pare, è o nomme d’a figlia e ce tene na passione pe chella piccerella. E che passione. Stamattina appena s è scetato m a dato 5 lire ’e nferta, fosse ogni ghiurno accussì. (suono di campanello) E chi sarrà ? Ah ! ha da essere chillo che porta ’e gelate. Iamme ad arapi (via poi torna)

SCENA II.

Totonno — , Giacinto e Gelsomina

Totonno — Favorite, favorite da questa parte...accomodatevi in questo salotto.

Giacinto — (in abito nero e cravatta bianca) — L’avimmo fatto nu poco prestulillo, nun è venuto nisciuno ancora ?

gelsomina — (in abito nero ma un po caricata) (piano) — Io te l’aveva ditto ch’era priesto, tu vaie sempe c a pressa. Simme venute p’ appiccià e cannele ccà ncoppa.

Giacinto — (piano) — Nun accomincià a rusecà, si no stasera fer nesce male a facenna.

Totonno — (Cornine so curiuse sti duie) Dunque, chi debbo annunziare al signore ?

Giacinto — Le dicite a Ciccio che ce sta ’o Barone e a Baronessa di Capracotta.

Totonno — A Ciccio ? E chi è stu Ciccio ? ! o zeppolaiuolo o puntone.

Giacinto — Ciccio, ’o patrone tujo.

Totonno — Lo chiamate Ciccio, vulite dì il Commendatore.

Giacinto — Questi sono affari che non ti riguardanoIo ’o chiammo accussi pecchè simme paisane ed è amico mio da quanno cranio piccerille. Tanno o chiammavo Ciccio e mo pure ’o chiammo Ciccio.

Totonno — Quest’è n’affare ’e tant’anne fa, ma mo è n ata cosa, pecchè mo è viecchio ed è Commendatore.

Giacinto — Uh! nun me secca. Tu vide quanta cunte aggia dà a nu servitore. Fa ’o duvere tujo e va dinto

Totonno — Mo vaco... ino vaco. (Vedile che specie « [ 31 ]Barone s ò sbarcate sta sera ccà ncoppa (via borbottando).

Giacinto — Vi quant e farenella stu servitore.

gelsomina — Tu ’o vide che pure ’o servitore t’à cunusciuto quanto si ciuccio. E comme, io aggia avè ’o scuorno nfaccia pe causa toia. lo che songo na Baronessa.

Giacinto — Barone, sa che t’avviso, nun facimmo jacovelle stasera ccà ncoppa... nun facimmo ridere ’a

gente.

gelsomina — Nfaccia a me dice nun facimmo jacovelle ? A me che songo na signora aristocrateca.

Giacinto — Statte zitto, appila, nun te fa sentì d’ ’a gente, parla comme t’ha fatto mammeta, pecchè si vuò parla pulito dice nu munno ’e ciucciarie.

gelsomina — Io dico ’e ciucciarie? Sa pecchè nun te ceco n uocchio, pecchè stammo ccà ncoppa. Tu si nu cafone ’e Capracotta e vuò mparà a me ?

Giacinto — Sicuramente che te mparo a parla, tu mme mine ogne vongole ’e chesta posta e nun te n’adduone.

gelsomina — Vattè, vattè... Chi me cecaie ’e spusarme stu guaio, aggia passa a figliulanza mia vicino a stu lotene.

Giacinto — Io te l’aggio ditto tanta vote, spartimmoce.

gelsomina — E quanno ? Facimmolo pure mo.

Giacinto — Ma però ’e denare nun t’è dongo senza ’a donazione?

gelsomina — No, chesto t’annozza nganna (seguitano a bisticciarsi).

SCENA III.

Francesco — e detti Totonno (passeggia)

Francesco — Eccomi quà. Bravo. Sempre così, sempre in pace e contenti.

Giacinto — (Ce pare).

Francesco — Giaci, mi hai fatto proprio una sorpresa e nu piacerone di condurre la signora, non mi aspettavo questo onore.

gelsomina — L’onore è sempre mio.

Francesco — Accomodatevi (seggonoGiacinto eGelsomina al divano, Francesco ad una edia) Hai fatto nu tulettone- E perchè t’è puosto sta sciassa, ’a casa mia nun è casa di sciassa » ccà se tratta di una riunione di amici* [ 32 ]Giacinto — È la Baronessa che ci tiene a fare mettCr

’a sciassa

gelsomina — Verite, a me l’arichetta me piace nu Dl curillo. *

Francesco — Ah ! quando è così non parlo più.

Giacinto — A proposito Ci, ti debbo accusà o servitor* tuio.

Francesco — E pecche, t’ha fatto qualche cosa ?

Giacinto — Sè puosto a mbrusunià pecchè io t’aggj0 chiammato Ciccio, dicenno che t aveva chiammà Con», mendatore. le pare mo fra de nuie nce stanno sti cerimonie.

Francesco — Chillo è nu giovine affezionato Totonno e po ci tiene alle forme perchè ha servito tutte case distinte. Scusami caro Giacinto hai torto.

gelsomina — (dando un pizzico a Giacinto) È ’a primma io te l’aveva ditto.

Giacinto — Ah !...

Francesco — Che c’è?

Giacinto — Niente... niente..è un affare mio !

Francesco — E la signora come va che si è decisa di venire ‘BJ3SE1S Giacinto m ha detto che non andavate a nessuna parte di sera.

gelsomina — Vedite...ogne tanto quacche serenata se fa n accezione

Giacinto — Acqua à.

Francesco — (Parla bona assaie chesta). Ed io vi ringrazio che questa eccezione Sabbiate fatta per me.

gelsomina — Vuie site nu signore nobile e civile, e perciò io sarebbe venuta da leio.

Giacinto — Vi che te votta Marzo !

Francesco — È vostra bontà di credere cosi.

Giacinto — È meglio ca cagno discorso si no chesta sa quante ne votte. Dunque Ci, tu mo cu chi si rimasto. Sulo c’ ’a piccerella ?

Francesco — E già. Da che aggio perduto quell angelo di mia moglie... che donna !... Che donna! E ’a figlia vene tale e quale a mamma, bella e bona! Tu non conosci Maria ?

Giacinto — No, nun l’aggio visto ancora.

Francesco — E adesso vedrai quant’è bella. Sta ultimanti0 la sua toeletta. Sai, è ragazza... e poi è figlia di Eva’

Giacinto — Accussi se chiammava mugliereta ?

Francesco — Seh ! se chiammava Adamo. Ho detto 1 glia di Èva per dire eh è donna.

Giacinto — E quanno po tu iesce resta sola ?,

Francesco — Io le ho preso la governante, embè a stava sola. [ 33 ]Giacinto — E ’a governante ’a governa ogni ghiurno Francesco — Ma che l’ha pigliato pe canario? Si capisce che la governante sta sempe ccà giorno e notte.

Giacinto — Io chesto vuleva di...nce sta sempe....nun è die vene nu giorno si e n ato no.

Francesco — Uh ! Giaci figlio mio,me faie certe domande curiose.

gelsomina — Vuie lavite compiati pecche chisto è pazzo c ’a capa.

Francesco — È stato sempe nu’ poco Originale.

Giacinto — Neh ! a proposito che te fanno fa ncopp’o tribunale ?

Francesco — ’o scupatore, ’o purtiere- Non sai che io sono Presidente di Sezione.

Giacinto — Comme fosse nu vice sindaco Francesco — E che nce trase. Mo me faie n ato pasticcio

Giacinto — Ma se mi hai parlato di sezione, Uà nce sta

o Vice Sindaco.

Francesco — Ma che nce trase ’o Municipio c o tribunale

gelsomina — Ah ! ’o tribunale !Mo aggio capito io. Vuie fusseve chillo che s’assetta areto "a banca ?

Francesco — (Chesta m’ha pigliato p’acquaiolo !) Precisamente, quello*che se mette assettato in mezzo.

gelsomina — Ah, ah ! nun me pozzo tenere a risa.

Francesco — E pecchè ve facite sta risata ?

gelsomina — ! Pecchè sto penzanno comm’avita pare curiuso cu chillo cuppulone ncapa e c’o vaverazzaro d’e criature.

Francesco — Chesta lha pigliata pe na mascherata.

gelsomina — Ma pecchè v’avita vestere accussi curiuso? (ride)

Francesco — Cosi, vuole la legge.

Giacinto — Gelsomina, ina basta mo. Finisci di ridere, che l’è pigliato pe Pulecenella a Ciccio. Mo me nquarto mo !

gelsomina — Vattè, statte zitto... va scolai... Cu permesso d’ ’o presidente.

Francesco — Questi sono affari di famiglia... fate pure

gelsomina — Voglio rirere, haje che dicere?

Giacinto — Ma se capisce... perchè non sta bene di ridere per...

gelsomina — Vattè, mo t’azzecco nu buftettone... cu permesso d’ ’o presidente...

Francesco — Io ve l’aggio dato, fate quello che volete

Giacinto — E comme te vene ncapo. Chella ’o fa overamente.

Francesco — Io pozzo sapè sti cose. (Vi che bell’ambo asciutto hanno (atto tutt e duie). [ 34 ]SCENA IV.

Totonno — indi Ninetta, Bettina, Cesarino e delti. I q

B

Totonno — (annunziando) — La signora Ninetta R0cco nei Spaghetti e tutta la sua famiglia (via) I

Giacinto — ’A vi lloco essa ! |

gelsomina — Che songo asciute ’e spaghette? C*1

Francesco — No, mo esce l’arrusto. Ct

gelsomina — Pecche ha ditto i spaghetti chillo? I G1

Francesco — Ha voluto intendere che la signora Ninetta Rocco è maritata Spaghetti. Lasciatemi andare incontro (esegue) oh ! signor avvocato, qual pia- Gl

cere di vedervi stasera. Vi siete ricordata della mia Ce

cara Maria ?

Ninetta — Era nostro dovere di venire stasera. Gl

Francesco — Grazie, grazie ! Siete troppo buona.

Bettina — (vedendo Giacinto)— Uh ! ccà ce stà o Barone Ni.

nuosto. Come state.

Giacinto — Eh ! non c’è male. (Comme le prode ’a capa Ge

a sta vecchia)

Cesarino — (Che veco ! Gesummina c o marito!...

aggio fatto toppa e faccia (si ritira in disparte)

gelsomina — (È isso ’o mfame !... ) q ^

Francesco — Ah! voi lo conoscete? Allora presento

soltanto la Baronessa sua moglie. q

Ninetta — (dandole la mano) Fortunatissima di cono- p

scerla. ^ES

Francesco — La signora Ninetta, sua madre, e il sigr Cesare — Spaghetti marito della siga Ninetta... Aòfo stà ? Che se n’è fatto ? Ah ! eccolo là, D. Cesare j Che d’è, ve ne site scappato ?

Cesare — Stavo vedendo tutti questi belli fiori. ^

Francesco — So tutte regale che ha avuto ’a piccerelli For

mia! * F»A

gelsomina — (piano a Giacinto)— Comm’ ’a cunusce }

sta vecchia ! ^*4«

Giacinto — (Conosco il padre quann’era piccerille steveni* nculleggio assieme!

gelsomina — Vattè, busciardo ! (gli da un pizzico)

Francesco — Signori accomodatevi; lasciamo prini*•Jc nire qualche altro e poi passeremo nel salone. G,J ci scusa, fa assettà a signora al divano. ^ |

Giacinto — Ma subito. E quanno ’o diceva!, [uè**1"

Ninetta — e Gelsomina al divano. Francesco e in mezzo, Cesare e Giacinto all’altro lato) [ 35 ]Ninetta — Sono lieta di prendere posto accanto alla

baronessa, (lo a chesta a saccio e nun ricordo addò l’aggio vista.) La sigft Baronessa è tanto buona che si contenterà della mia compagnia.

Gf.lsomina — È bona ’a vocca vosta.

Bettina — E a santa addò sta, nun se vede ancora)

Francesco — Poco po tardà, se steva fernenno ’e vesti

Cesarino — (piano a Giacinto) Quella Uà è a signora vosta ?

Giacinto — Sissignore nc’avete che di?

Cesarino — No, mi fa piacere di conoscerla

Giacinto — E a me pure m ha fatto piacere conoscere vostra moglie...l’avvocato.

Cesarino — A proposito, come l’avete trovata?

Giacinto — Bona assaie, in professione

Cesarino — Avete visto che tutto chello che ve diceva

io era vero, e vuie ’a pigliasteve a pazzia.

Giacinto — Vuie purtateve sempe accussi che fate bene gl’interessi della famiglia.

Ninetta — E la sig.a baronessa è molto tempo chesta a Napoli ?

gelsomina — Comme, io ccà so nata e vuie me facite st’addimanna.

Ninetta — Eppure non si crederebbe, dalla pronunzia sembra forestiera.

gelsomina — Pare accussi pecche quanno voglio saccio parlà trisco.

Giacinto — Siente che sta cumbinanno muglieremà.

Cesarino — Ninetta se sta spuzzulianno a Gesummina

SCENA V.

Totonno — iW/Matteo, Michelina, Laura e detti

Totonno — II cav. Miscelli e le sue figlie (via)

Francesco — Ah ! bravo, sono arrivate finalmente. Sapete, mo (vengono) ’e Miscelle (va incontro)

Giacinto — E pecche fa veni sti miscelle, che hanna fa e gioche ?

Cesarino — Voi ch’avete capito, che venene ’e gatte? Nossignore, quelle sono due signorine, mo’ e vedrete.

Francesco — Ah l il mio caro collega. Benvenuto, benvenuto.

Matteo — Caro Presidente, eccoci qui, a fare i nostri auguri a quel la cara ragazza...e per mille mille anni

Francesco — Oh ! grazie, grazie di tutto cuore.

Matteo — Vi ho condotto Mimi e Lalla come vi avevo promesso. Mimi, La Uà, salutate il presidente. [ 36 ]C II’1-1

Givi

Francesco — Ma che songo dote nota ’e musica’ J

Michele — Signor Presidente vi bacio la mano

Matteo — Preside, voi l’avite cumpati se sono nu p<w inceppatelle, perché non vanno mai a nessuna par^ non fanno che chiesa e casa, casa e chfesa. T]

Francesco — E quella e la vera educazione. Nu poco and I /..i

ca veramente ma i nostri padri ne sapevano più di noi. i

Matteo — Ma è proprio questa la mia idea. Papa accusa I tffj ha mparato a me, e io accussi i miei figli.

Giacinto — E fate bene, la honanima di mio padre. 0.

Oronzio, mi diceva sempe, figlio mio, tu e’a veni ta/e e quale a me, e io comme a isso so venuto. E qua su Ciccio per testimone.

Francesco — No, chesto t’ho pozzo assicura, tu si tale e quale a pateto.

Matteo — E chi è questo signore?

Francesco — E un mio amico. Ti presento li barone Chiappo e sua moglie, l’avvocato Ninetta Rocco, suo marito sua madre.

Matteo — Olì ! Fortunatissimo di conoscerli. Vi presento le mie figlie M»mì e LaNà salutate tutti questi signori uno per volta fate il giro (fanno una riverenza)

Giacinto — Ma che le fa fa ’e gioche a chelli do le ?

Matteo — (a Ninetta) Era proprio curioso di conoscere la signora. Voi siete quella che il Consiglio dell Ordine ha ricusato mettere neUVlbo elei procuratori? f Ninetta — Per l’appunto

Matteo — E voi naturalmente avete intentata la lite • y’"

Ninetta — E si capisce questo. I

Francesco — Ma non vi potete lagna perchè la sentenza ^ET

ve l’abbi amo fatta favorevole, I r

Ninetta — Preside, perdonate che ve lo dico, ma era giù- ®AN(

s tizi a.. ti

Matteo — Ma si capisce, Uà sopra non si fa niente contro ^Uci

la giustizia. I. s

Ninetta — Ma intanto il Consiglio dell ordine ha prodoHo

appello. *Un

Francesco — Ma potete sta sicura che la corte d app^Ha j

confermerà !a nostra sentenza.. I

Ninetta — Lo spero almeno.

1‘ RANCESCO — Oh 1 ne potete essere certiss*ma.

SCENA VI.

Giulio — e detti poi Maria

Giulio — lo entro senza farmi annunziare, sicuro Je**ll’ accollo dal Comm.re sempre con la sua

tilezza. r> [ 37 ]FraNl • Voi siete il padrone della mia casa.

Giulio — Sci vo sempre, riverisco tutti questi signori che quasi tutti conosco. Uh ! ccà sta Gelsomina c"o

i mai ito !

Francesco — Avvoccà, ve ne siete venuto tutto infio 1 rato ?

Glln-10— Sono pochi fiori che vorrei offrire alla signo! I. rina Maria.

Francesco — Sempre distinto ed elegante il nostro caro ! avvocato.

Giacinto — D’ Erbe, qui ci sono i servitori vostri, non vi dimenticate di salutarli.

Francesco — Giaci, tu pecche all’avvocato ’o chiami D Erbetta ?

Giulio — Scambia sempre il mio cognome con il nome

Giacinto — È un giovane che mi è simpatico assai e io gli voglio bene. Tu saie che io so affezzionato.

Giulio — Ma questo però non toglie che m avita chiammà c’o nomme mio.

Giacinto — Sicuro, avite ragione, n ata vota ce penzo Scusate D.Erbè per questa volta.

Francesco — È inutile, se l’ha posto ncapo, e mo’o faie capace.

Giacinto — Me scappato pure mo e nun saccio comme Ah! già D. Giulio... scusate D. Erbe Giulio — Eh va buono !

Maria — Eccomi quà papà mio.

Tutti — Oh ! tanti auguri felici

Francesco — Comme sta bella.Guardatavella tuttequante

Ninetta — Cara Maria, accogli le noslre sincere felicitazioni, ed anche un bacio dalla tua cara amica

Francesco — Giaci, teh! guardateli, vide che t’aggio cacciato.

Giacinto — Bella, veramente bella! La possiamo vedere subito badessa.

Maria — No no... papà, nun me voglio fa monaca.

Francesco — Nun te piglia collera figlia mia, chillo è pazziariello.. Chisto ccà è quel Giacinto di cui ti ho sempre parlato.

Maria — Ah ! vuje site ’o barone scemo ?

Giacinto — Neh ! io sono scemo ?..

Francesco — No, chella pazzea. E questa è sua moglie,

il resto tu li conosci.

gelsomina — D- Ci, e l’avita a dicere pure che so la baronessa Di Crappa..cotta

Francesco — Già. mi dimenticavo, baronessa di Capracotta (augurii felicissimi)

gelsomina — È na bella figliola, non pare inaie figlia a vuie. [ 38 ]Francesco — E io ve ringrazio. Vuol dire che lo so brutto

Giacinto — Nc dicesse una bona. No, chella vo dì che *, piccerella è nera e tu si bianco.

Francesco — E se capisce, io me so fatto viecchio, cht bella notizia.

GIULIA— Signorina Maria, permettete che in mezzo a questo coro di felicitazioni, io mi presenti a voi ap. portatore di questi pochi fiori, che son ben meschini di fronte a tanti altri che vi sono stati offerti.

Maria — Tutto ciò che viene da voi niente è meschino Li accetto di cuore e vi ringrazio.

Francesco — Bene, bene..come ha detto bene. Neh!

che portento, che grazia.

Matteo — Signorina, anch’io come collega e amico sincero di papà, vengo a presentarvi i miei augurn. Speriamo di vedervi presto in tribunale a difendere le cause come a Dil. Ninetta qui presente.

Maria — No papà, io nun ce voglio andà ncopp’o’o tribunale...io me metto paura Uà sopra....

Francesco — È vuie m’ha facite fa a trezza d e vierme asta figlia mia. E comme ve vene ’ncapo?

Matteo — Mimi Lallà, fate gli augurii alla vostra amica

Giacinto — Mo incominciano n ata vota e gioche MlCHELINA— Manetta, accettate un bacio, e speriamo che 1 anno venturo possiamo mangiarci 1 vostri confetti (Laura ripete lo stesso)

Maria — Oh ! grazie, grazie! Papà quest’augurio mi piace.

Matteo — Mimi, Lallà...che cosa sono questi augurii? Chi vi ha insegnato di parlare così ad una ragazza ? Michelina — Papà noi non sapevamo che cosa augurarle E perciò abbiamo detto questo che le faceva piacere

Matteo — Una cosa immorale ! A casa mi sentirete Vi farò stare tutta la notte in ginocchio.

Giacinto — Ma che stanno a scola - !

Michelina e Laura — (piangono) Ih. ih !...

Francesco — Va bene collè, è cosa da niente (Stasera stiamo in festa, perchè vogliamo disturbarci per un» cosa da niente ? Perdonatele per questa volta

Matteo — Mimi, Lallà...papà vi perdona, baciatela nian° al presidente.

MlCHELINA — Grazie papà...grazie presidente

Matteo — (piano a t rancesco) Comme ve pare quest <^u‘ cazione che le ho dato ?

Francesco — (c.s) Finisce che ne facite doie mummie

Giulio — Ma intanto perchè non s incomincia a qualche cosa chi si aspetta?

Francesco — 0’ maestro ’e musica D. AlbertoMozz°nt‘ mi ha promesso che veniva e non è ancora venuta [ 39 ]Giulio — Ah ! D. Alberto ? E nun ce penzate. chillo arriva comme o treno ’e Roma, sempre con due ore

di ritardo.

pBANCESCO — Anzi, Maria deve cantare na cosettina che

l’ha scritto appositamente per lei

Ninetta — Ah brava aggiungerà un’altra virtù alle tante

che tiene.

Francesco — Vi ringrazio per mia figlia, siete voi gentile che credete così.

^INETTA — Questa è la verità, Maria è una ragazza bella e virtuosa.

Cesare — (p. a. Giulio) — Ninetta se sta cumbinanno ’o presidente per le cause presenti e future.

Giulio — (c.s.) E questo è il vantaggio di un avvocato femmena, vide si ’o putimmo fa nuie.

SCENA VII

Totonno — indi Alberto poi’Totonno poi Nicola e Amalia.

Totonno — Il maestro Mozzone, (via)

Francesco — Oh ! finalmente.

Alberto — (tipo scilinguato) — Scuserete se sono un poco in litaldo, ma non è stata mia la colpa. È stato un ragazzo che mi ha fatto lotolale per teli a in mezzo alla stlada, pelchè pel scappale mi ha dato un ultone, tanto che sono stato costletto di litolnale a casa pel cambialmi, perchè eia tutto inzacchelato, cela tanta pozzanchela pel teli a che non si poteva camminale.

Giacinto — Senza lengua e va sceglienno tutte parole difficile.

Francesco — Qui tutti vi aspettavamo con impazienza

Alberto — Piima di tutto lasciatemi faie gli auguli alla mia allieva. Signolina tanti e tanti auguln felici, con plospelità ed allegrezza.

Maria — Grazie, grazie. Maestro stammatina ho dato una altra passatina alla vostra romanza.

Alberto — Eia cantevate bene ne sono sicuro.

Francesco — E allora passiamo nel salone.

Giulio — (Jn momento.

Francesco — Che c’è cchiù robba ?

Giulio — Qui si congiura.

Francesco — Pecche.

Giulio — Perchè vogliamo la promessa di poter ballare

Francesco — La sala c chella, ’o pianaforte stalla serviteve pure basta che siete in numero.

Giulio — Ah I verrà, verrà altra gente, non dubitate. [ 40 ]Totonno — Il consigliere Comm. Pellecchia e sua moglie

(via)

Giulio — Ecco che incomincia ad affollarsi la sala.

NlCOLA — (Sarà afflitto dalla tosse) — Oh 1 carissimo col lega.

Francesco — Non mi aspettavo quest’onore anche dalla tua signora, Maria, vieni a baciare D.a Amalia

(si baciano)

Nicola — Che cara fan... fan...ciulla, vi faccio i miei auguri. Stu poco d’aria che ho preso per venire quà mi ha stizzita la tosse.

Amalia — Nicoli, riguardate sa, nun t’esporre all’aria che staje sudato.

Francesco — Mo ’o piazzo io a na parte senza corrente

Amalia — Presidè ve lo raccomando perchè nce vò cautela fino a che nun se ristabilisce.

Nicola — Questa... è na... cosa... passeggiera.

Giacinto — Se vede dalla grancascia.

Francesco — Me pare ch’è paricchio tiempo che tiene sta tosse.,

Nicola — Si, sono dodici annetti.

Giacinto — M’è fa pure vezzegiative.

Nicola — Quant’altro tempo po durà. Se n’ha da i na vota.

Giacinto — E quanno uno è viecchio se ne va pur isso appriesso

Bettina — ’E cane dicenno. Nujc vulimmo sta buono pe fa schiattà a gente.

Francesco — Dunque signori passiamo nella sala.

Giulio — Si, si andiamo Cavaliè appoggiate le signore.

Francesco — Maestro, voi pure ci regalate qualche pezzo ?

Alberto — Vi falò sentile na cosa di Scubel ho portato l’alta roba. Siculo La Cavallelia Lusticana Tosca l oia è fuggita e io muojo disperata.

Giulio — Come hai detto ?

Alberto — Scubel !

Giulio — Vuoi dire Scubert.

Alberto — Io cosi ho detto... Scubel (entra indisposto)

Giulio — (appoggiando Maria)— Signorina, siete un piccolo Angelo.

Maria — Me l’ha detto pure papà (viano)

Giacinto — (appoggiando Ninetta)— Signor Avvocato (offre il braccio) Che ve ne pare e Gesummina ?

Ninetta — Nun a putiveve trova cchiù lazzera e supera (viano)

Cesare — (appoggiando Gelsomino)— Gesummì, ’e visto muglierema ? [ 41 ]Qt.t.SOViiNA Quant è brutta, tene a faccia e na cevet tola (viano)

Maì TEO {offre il braccio a Bettina) La signora mi onora ?

Bettina — Oh ! grazie, l’onore è mio.

Matteo — Mimi Lallà, stateve sempre vicino a me.

Le due — Si papà !

Bettina — So doie santarelle sti piccerelle voste (viano)

Francesco — (offre tl braccio ad Amalia)— Signò volete

favori ?

Amalia — Presidè ve raccomando Nicolino, nun o fate piglia aria.

Francesco — Nicoli viene cu me, te piazzo a na parte

senza viento.

Nico LINO— Nun... te piglia... pena... io sto meglio assai (tossisce forte)

Francesco — Se vede che stai meglio (viano)

SCENA Vili

loTONNOe Invitati• indi GlULIO e CesaRI.NO

Iotonno (seguito da invitati d’ambo i sessi passeggia con guantiera Vuota) — I signori possono favorire con me nel salone. Faccio io strada avanti (entra con gl’invitati poi torna solo) Stasera ce sta folla o cunvento. Va trova a che ora nce spicciammo... io credo che nun nc’à facimmo manco p’ e quatte. Nun fa niente, abbasta ca se spassa a signurina (via)

Giulio — Ccà fora possiamo parlare più liberamente. Che t’ha ditto chella ?

Cesare — Ha ditto che stasera vo arevotà ’a società.

Giulio — Ma che pazza?

Cesarino — Chella è na lazzarona ’e capace è fa chesto e ato.

Giulio — Ma pecchè s’è ncuitata ?

Cesarino — Ce vo poco a capirlo embè, ha visto a muglierema e s’ha pigliato ’o diavolo.

Giulio — Ma comme, Gessummina nun sapeva ca ire nzurato ?

Cesarino — E chi nc’ ’o diceva, io certo che no.

Giulio — Ma io te l’aggio ditto tanta vote, nun te n’incaricà, nun te n’incaricà cchiù nce pierde o tiempo. E po è accussi triviale che te fa passà ’o gulio ’e dirle meza parola.

Cesarino — 0’ capisco, ma sai siccome avimrno fatto ammore primma, accussi nc è rimasto nu poco e simpatia e nient’ato. [ 42 ]ClULIO — Me ricordo chclla sera che a vedetteme ncopp a chella società a carate, che ce stevano tanta modistelle e sartulelle, essa allora era bona assaie, era fresca...

Cesarino — E adesso neanche è disprezzabile.

Giulio — Nce vulevamo mettere afa ammore tutte duie poi da buoni amici dividemmo la questione, menaieme ’c carte e dicettemo * a chi vene ’o primmo asso chillo nce se mette a fa ammore.

Cesarino — E a me venette l asso e denare. La per la nce iette a fa la mia dichiarazione e nce facette ammore cchiù ’e n’anno e po a lassaie pe Ninetta.

Gl ULIO — E Gessummina nun te dicette niente ?

Cesarino — No, io mi ecclisai perfettamente, nun me facctte vedè cchiù. E che era scemo, io sapevo 1 umore della bestia.

Giulio — E po comme l’è vista n ata vota ?

Cesarino — Saranno 5 o 6 mesi fa ’a vedette pe Toledo pomposamente vestita, essa m’avvistaie e me guardaie fitto fitto. Io nun sapeva che fa...finalmente cu na faccia tosta me ce avvicinaie e nce parlale. Accussi sapette che s aveva sposato nu signore ricco nu piezzo e scemo E po ci ricordammo dei tempi passati...

Giulio — Io nel caso tuo avria cercato ’e scansarla.

Cesarino — Giù, me pare na eriatura. Comme te pare io’a scansava ?

Giulio — Cosi dovevi fare se veramente volevi bene a tua moglie.

Cesarino — Io a Ninetta a voglio bene, ma chella fa 1 avvocato, sta tutta occupata nelle carte, nei libri e a me nun me guarda manco nfaccia.

Giulio — Ncopp a chesto hai ragione.

Cesarino — Ma nun ce perdimmo in chiacchere, cercammo ’e riparà ’o fatto ’e stasera, chella è capace ’e qualunque cosa....

Giulio — Mo nce parlo io e ’a persuado cu bella maniera

SCENA IX

Francesco — e detti ìndi Totonno con alcune comparse

Francesco — Voi state quà?

Giulio — Sì, pecchè volete qualche cosa ?

Francesco — Embè, mo sona e canta Maria e vuie stai* ccà fora ?

Giulio — Ah! canta la signorina Maria?

Francesco — La dovete compatire perchè è la pn,n< volta che canta in pubblico e se mette nu poco c SU^ gezione. [ 43 ]£H!’ ) — Anzi noi ammireremo.

pp ^CO — E ghiate dinto, nun perdite tiempo. io mo u j ingiungo, quando vado a chiammà madama la rj,.vernante Totonno ’o servitore, ’o guadaporta e

c a m ni ar er a e ’o sguattere e ’e faccio mettere ccà

for a o a porte e rimpetto Qi i o — Ma pecchè facite veni tutta sta gente?

Francesco — M’ hanno pregato che volevene sentì cantà ’a piccerella, c io pure àggio piacere che sentono chella pupatella mia. Vurria che vcnessero tutte quanto,

Cesarino — Veditc abbascio, ce fosse qualche cucchiere d’affitto, ’o pizzaiuolo che sta che sta e rimpetto.

Francesco — Voi mi burlate? Ve pare na cosa ridicola Ma ini dovete compatire, io son padre... io son padre ! (via poi for na)

Giulio — Chillo mo è nu uomo intelligente, ma pe chella figlia diventa scimunito

Cesarino — E tre età se va ’a mpazzi. Vedimmo d’acconcià ’o fatto e Gesummia (entrano parlando fra loro)

Francesco — (fuori con Totonno e co/nporse)Mettiteve ccà. loto tu miette nnanze. Ve raccumanno, quando à fermi to ’e cantà e vuje shattite e mmane....

Totonno — Signò lassate fa a nuie nun dubitate

Francesco — Io mo vaco dinto pecchè senza ’e me nun se po accummincià. Ti benedico figlia mia, ti benedico! (entra nell’ interno sarà cantata una romanza, dopo la prima strofa Francesco uscirà) Comme ve pare? V’è piaciuto ?

Totonno — Bene assaie.... è nu canario.

Francesco — E ino sentite ’o riesto. Ve raccomanno, sbattite forte (entra esce nuovamente dopo finito il canto e gli applausi) Grazie, grazie ! Vi ringrazio io per mia figlia. Questa manifestazione popolare mi colma di gioia.

Totonno — Signò, nc’avite fatto nzuccarà. Overamcnte eh’è n’angiulillo chella signurina vosta!

Francesco — Jatevenne che si esce gente ve trova cca fora (viano tutti)

SCENA X.

Ninetta — e detti poi Cesarino «Gelsomina

Ninetta — Commendatore vi faccio le mie congratulazioni. Maria ha fatto dei grandi progressi.

Francesco — Grazie D Ninetta mia. V uje nun putite sapiche contentezza sono queste parole per il cuore di un padre. [ 44 ]Ninetta — La società è tutta entusiasmata per quella

cara fanciulla

Francesco — È vero? Se so entusiasmate? Permettete vogl’ 1 a darle nu bacio li benedico figlia mia (via)

Ninetta — lo nun pozzo arriva a capi pecchè Cesarino da stasera s è posto appriesso a rnugliera d o barone e nun a lassa cchiù. Chesta è na cosa nova, comme se po parla tanto cu na femmena che se vede p a primma vota ? E chella lazzera che è accussi superba e nun parla cu msciuno, comme parla nfucato cu isso. Qui gatta ci cova ! Io songo paglietta, a me difficilmente a ponno fa. Ah ! stanno venenno a chesta parte, mo nun me faccio vedè, voglio senti che dicene (si nasconde dielro una portiera).

gelsomina — Uh ! che cavere ! Llà dimto se squaglia ! Po hanno zerrato pure o barcone pecchè ’o viento faceva male a chillo viecchio che tene a tosse.

Cesarino — Siente Gesummi, persuadete e pe carità nun fa chiasso ccà ncoppa. Pienza che stammo in una società di galantuomini.

gelsomina — Su nun m’amenne ! Ah ! tu te credive che io era scema che te deva confidenza ? Meno male che nun t aggio vuluto sta a sentere, tenive stu poco ncuorpo e te stive zitto

Cesarino — E che teneva ncuorpo ?

gelsomina — E cu sta faccia tosta ’e sbruvignato, m addimmane pure ?

Cesarino — Gesummi te prego ’e nun strilla tanto che ccà nce sentono.

GELSOMlNA(co/7ii/icùi a parlare sottovoce poi incalza a poco a poco) — Lassema sentere. 7 u che me diciste quanno nce ncuntraieme mmiezo 1 uledo ? Che tu m avive lassato per fare un viaggio all’estero. E quanno t’addimmannaie, te si nzurato ? tu comme me risponniste : lo maie mi nzorerò. E o vero ?

Cesarino — Va bene, son cose che si dicono.

gelsomina — E intanto tenive chillo contrabanno a casa, E quanno t’aviva piglia a una senza niente, pecchè me lassaste a me puverella che teneva a passione cu ttico ? Po doppo te ne si venuto a fa ’o spantecato appriesso a me... a dicere : t amo., t adoro.. Vattè.. vattè... che mo overamentc faccio fa ’e nummere ccà ncoppa.

Cesarino — Zitto pe carità. Fa cunto cornine nun ce fosseme maie conosciute e nun se ne parla cchiù.

gelsomina — Cornine, nun se ne parla cchiù. lu prminia primma m’è fatto ’o tradimento e mo dice nun se ne parla cchiù! [ 45 ]Cesarino — Ma se po sapè che vuò fa? Ne vuò parla ? Nun ne vuò parla ?

gelsomina — A mugliereta Saggia tirò chilli quatte zirole che tene ncapo.

Cesarino — Ma pecche ? Che t’ha fatto chella ?

gelsomina — Che m’ha fatto? Tu pe causione soja me lassaste. E si nun era pe chillo piezzo ’e scemo d o barone che me spusava, io restava mmiez ’a na strada.

Cesarino — Embè, tu pure si inmarctata e starnino pace.

gelsomina — Ma io I nvetta fa pe forza. Embi* pe forza avarria perdere ’o nomme ’e Giesummina Garofano a stiratrice ’e Monte Calvario si non te merco a te e a essa.

Cesarino — Va bene, tu sarai stata una stiratrice, ma ino, si na signora e devi fare la signora. Ricordati che sci una baronessa.

gelsomina — Seh ! ni’è fatto c’a vocca mo. Io saccio fa a signora e saccio parla pure ’o trosco...ma quanno me saghe ’o sango ncapo. io nun ce veco cchiù, e saccio mania pure ’o rasulo aminanecato...E pe I arma e mammema t’ho faccio nu mierco nfaccia.

Cesarino — Gesummi nun facimmo sti pazzie...

gelsomina — Pe revula toja io nun pazzco, e quanno aggio prummiso na cosa a uno, aggio mantenuta sempe a parola.

Cesarino — Chesta comme me vulesse purtà ncampa gna.

gelsomina — Sè pazzea tu che a ghiuorne vedimmo ’e macchie

Cesarino — Pe mo te prego d’avè prudenza, dimane nce vedimmo e parleremo ’e sti cose

gelsomina — Ma mugliereta nun s’ha da fa vedè ’a me, (si no me ne vaco ’e cape e chello che n esce n esce).

Cesarino — Zitto che po veni qualcheduno.

gelsomina — E che me ne preme a me ?

SCENA XI.

Francesco — e detti indi Giacinto

Francesco — Vuie state ccà fora?

gelsomina — Simme asciute a piglià na vuccunata d’aria pecchè Uà dinto nce faceva nu cardo immezzo.

Francesco — Si, ma andate subito pecchè ’a piccerella vo abballà nu poco, (mo se sona nu valzer).

Cesarino — (offre il braccio) — Se la signora baronessa vuol favorire. [ 46 ]gelsomina — Razio ! (T’ho faccio nu sfreggio nfaccla

(viano).

Ninetta — (finge venire dal fondo) — Oh 1 questo è troppo.

Francesco — Uh ! e dove siete stata vuie !

Ninetta — Sono andata in cerca di un bicchiere d’acqua.

Francesco — Potevate dirlo a me, voglio avere il piacere di servirvi io stesso (via poi torna con I acqua).

Ninetta — Oh ! infame ! Oh ! assassino ! Ah ! era na conoscenza antica ca teneva cu a stiratrice. Ben fatto ri le fa nu sfreggio, n’avarria proprio gusto.

Francesco — (con bicchiere d’acqua)— Eccovi servita Signora Ninetta.

Ninetta — Oh! grazie siete troppo buono.

Francesco — Voi non andate dentro a ballare adesso?

Ninetta — No, io non ballo. Tengo na controdanza che me passa p a capa.

Francesco — Si, ve veco nu poco accigliata, v’è successo qualche cosa ?

Ninetta — No, non me successo niente, sono momenti di nervatura che vengono cosi senza sapè pecchè, ma passeranno.

Francesco — Voi mi permettete, perchè vado a disporre certe cose a parte ’e dinto

Ninetta — — Oh ! vi pare...fate il vostro comodo.

Francesco — Che giornate so cheste pe nu povero padrone e casa. Ma a me che me ne preme, basta che si diverte Maria ! (Ti benedico Siglia mia), (via).

Ninetta — (passeggia agitata) Ah! mo me ricordo,Chella faccia nun me pareva nova. Si,io l’aggio conosciuta quanno faceva a stiratrice e veneva a stira a casa.. Già... Gesummina...E chella lazzarona ha il coraggio di dire che me vo tira ’e zirole ’a capa. Ave ragione che io so na signora e nun me conviene ’e fa nu chiasso ccà ncoppa, si no chelli parole nc è farria annuzzà nganna.

Giacinto — Io ve vaco pescanno da mezz ora e nun v aggio trovata. Io voglio sapè qualche cosa

Ninetta — Ah ! vulite sapè qualche cosa a me? (passeggia c. s. ).

Giacinto — E se capisce !

Ninetta — E che vulite sapè a me?

Giacinto — Voglio sapè si avite appurato qualche cosa ’e muglierema.

Ninetta — Ah ! se ho appurato qualche cosa? ho appurato...Che fa ?...che fa adesso la signora baronessa ?

Giacinto — Sta vicino a ’o marito vuosto.

Ninetta — Ah!, sta vicino a lui ?.. E bravo Le bravo! Giacinto — Stanno facenno nu ciù ciù da stasera. E guardavo e redevo. [ 47 ]Ninetta — Ah ! fanno nu cui dii da stasera? E voi ridevate? vuol dire che ne siete contento ?

Giacinto — Contentone. Non potete immagina ’o piacere che ne tengo

Ninetta — Ah! siete contentone!... contentone!....

Giacinto — Avrà mangiato limone. Già pecchè aggio capilo a mira vosta.

Ninetta — E quale mira?

Giacinto — Vuje nce Savite posto chillo mamozio vicino pe le scava qualche cosa a cuorpo.

Ninetta — Propriamente così.... già... questo è stato lo

scopo.

Giacinto — Vedite comme ce so ghiuto dint’ o chiuovo. e diciteme quacche cosa ’e chello ch’avite saputo ?

Ninetta — E mo vulite sapè troppo mo.

Giacinto — Ma songhe cose bone o cattive? Meh ! dici temmelle.

Ninetta — Barò,., io nun pozzo parla... Ma vi assicuro che se e cose vanno nnanze accussi, jammo buono vuie

e io

Giacinto — Iobeva ne. Ma vuje che ce trasite ccà mmiezo?

Ninetta — Comme, io che ce traso.... nce traso pecchè s o 1 avvocato vuosto, e comme avvocato aggià piglià e parte d ’o cliente.

Giacinto — E già, avita piglià ’e parte mie.

Ninetta — N’avarria sfizio si ’a vedesse n ata vota mmiez’ a strada a fa ’a vaiassa, accussi s’ammaccarria chella superbia.

Giacinto — È superbiosa... ed è lazzera pure.

Ninetta — Ah ! tu faje a signora pecchè e truvato sto ciuccio che t’ha spusato ? a stu piede ’e vruoccolo.

Giacinto — Embè; ’o ciuccio songh’io ?

Ninetta — Uh! lasciateme sfugà ca tengo na palla ccà ncoppa. lo ’a vurria dint’ ’e mane pe vedè si essa è femmena pe me... pe stu fusto ccà...

Giacinto — Avvocà, vuje pecchè ve pigliate tanta collera ?

Ninetta — Pecchè me piglio tanta collera ? Comme, chella ve tratta accussi malamente e io nun m aggia piglià collera! Io si a putesse sparà cu 1 uocchie a spararla.

Giacinto — E io n ato avvocato comm’ a chisto addò o trovo ?

Ninetta — E voi... voi che cosa fate, ve ne state accussi?

Giacinto — E ch’aggia fa?

Ninetta — Dovete processarla, condannarla. Avrei dovuto essere io nei panni vostri, a quest’ora quella donnaccia l’avrei schiacciata sotto i miei piedi[ 48 ]’ il ’cinto— Ma nun saccio comme ve veco. Tenitc Vur »• I

1 N 1 ’ i \ — Ma voi capite che chella femmena m’ha lem I

<t i (tri cuore) Eil è una levita cosi sanguinante che di* I iicilrnentc si potrà rimarginare. !

\( into -— Ma io nun capisco chello che vulite di. ì

Jr.\Ki i’a Vuje nun capite. Barò... mo v o dico-.. Sap. 1 piate che io... Sono gelosa di vostra moglie.

Giacinto — Gelosa d essa ? (Quanto te vuò iucà che l’ay. | vocato se nnammurato e me?)

Ninetta — Si... si... gelosa, pecchè m ha levato a chillo | che io voglio bene overamente Giacinto — Awocà non scherziamo... Avvocà voi me fate veni na cosa...

Ninetta — No... nun ve pigliate collera, io userò tutti i mezzi per strapparle l’uomo che amo e farlo ritornare dint e bracce meje.

Giacinto — E nun c è cchiù dubbio, chesta vo bene a me. Si, avvocato mio, eccomi ai piedi vostri... io pure ve vuleva bene e me steva zitto. Ma giacché vuje 1 avite ditto, io nun 1 aggio potuto cchiù tenè nascosto.

Ninetta — Uh ! B arò. che site pazzo ?

Giacinto — Si, so pazzo d amore pe te. lo lascerò quella donna e nce ne fuimmo tutt e duje a Capracotta. Là ci ameremo come due colombi, due tortorelle... (esce

gelsomina — in accolto).

SCENA XU.

gelsomina — e detti

gelsomina — (che avrà intese le ultime parole) Ah ! Viecchio veziuso, te voglio dà io ’o palummo e ’a tortorella.

Giacinto — Muglierema ! Aggio passato ’o guajo!

gelsomina — Me faccio maraviglia ‘e sta faccia tosta che se va acchiappanno e marite e ll’ate.

Ninetta — Ah! pettegola insolente! hai il coraggio di dirmi questo ? E po, tu a me ?

gelsomina — Sè t ho dico... pecchè avisse che me risponnere ?

Ninetta — Doppo tutte chello che io tengo ncuorpo e me sto zitta, vuoi aggiungere l’imprudenza e truvarte tu ca ncoppa ?

gelsomina — No, io tengo ncuorpe quacchecosa d’’o tu)0 e m’aggia levà na preta a dint’ ’a scarpa.

Ninetta — Ah 1 te vuò levà na preta ? Barò vuje ’a serin’ te o no. [ 49 ]Giacinto — Che nce pozzo fa io c’ ’a preta.

gelsomina — Slente paglie, quanno te ncoccio t aggia scippa sti quatte zirole che tiene ncapo.

Ninf.ITa — All! grandissima lazzarone con chi ti credi

di parlare ?

gelsomina — Comme a me chiamme lazzarona ?

SCENA XIII Giulio — Cesarino Bettina e detti

Giulio — Che cosa è questo chiasso?

Cesarino — È succieso ’o fatto.

Ninetta — L la signora baronessa che ha preso gelosia del

marito.

Giulio — Ma Gelsomina finiscila, non è questo il luogo di far delle lazzarate.

gelsomina — Se n’è venuto isso, chist’ auto spito sicco Levateve a nanze ca le voglio scippa a faccia a chella ciucciuvettela.

Bettina — Neh, guè neh guè?lu cu chill’aje grandissima ciantella. 1 u o saie ca parie cu fighema che tene tanta na laura.

gelsomina — Ebbiva essa! Se n’è asciuta chest ata cuccuvaia c’ ’o lavere e o fecatiello.

Bettina — Uh! cuccuvaia... a me cuccuvaia !..... Ah!

vajassona impertinente, te faccio sta a duvere.

Ninetta — Mammà, tu scendi troppo basso a venire a competenza cu na stiratrice che porta o rasulo amminecato (guardando Cesarino) dint a sacca.

Cesarino — Uh ! malora chesta ha ntiso tutte cose !

Giacinto — Comme, muglierema porta ’orasule?

G ELSOMIMA— Sicuramente, pecchè nc’avite che dicere ? Avite ragione che facite ’e guappe ccà ncoppa, ma si

scennite abbascio.....

Giulio — Barò, Barò,... purtatevella... si no ccà fernesce male.......

Giacinto — Gesummi, jammuncenne... jammoncenne.....

SCENA XIV.

Tutti in scena

Francesco — Signori miei ch’è stato ?

Giacinto — È muglierema, Ciccio mio, che m ha fatto uno d’ ’e soje.

Ninetta — È la famosa baronessa che....

’Giacinto— Gesummi, jammoncenne. [ 50 ]gelsomina — (mette la mantella)— Si, si, me ne vaco...Ma ’

jurnata nun fernesce ccà....dimane nce vedimmo

(acce noste.

Giacinto — (mette lo che mi se) — Addio Ciccio, vedi il tUo umico a che è ridotto. Compiangimi..compiangi^;

(ria trascinato da Gelsomina).

Francesco — Uh ! povero Giacinto, ha passato chi||0

guajo

Matteo — Ma almeno si può sapere che cosa è stato? Ptc.

che strillava tanto chella femmina?

Ninetta — Quella donna ha preso gelosia del marito per ine (tutti ridono) Mentre poi., era io...

Cesarino — (piano) — Ninè pe carità statte zitto!! Nin etta (c. s. ) — Ah ! infame ! A casa parlammo ! !

Francesco — Mentre poi...e appresso?

Ninetta — Niente...niente..è stata un’idea che s’è abbortita.. Vogliamo stare allegri,... vogliamo ridere., (con riso convulso. Si sente suonare un Valzer) Ah ! si, anzi vogliamo ballare.

Giulio — (a Cesare) Mo spezzo io ’o fatto! Cavalieri, Valzer en place! (tutti pigliano le dame e vanno a ballare).

Ninetta — Si, si..ballammo..Ed il primo valzer lo faro con voi (a Francesco)

Francesco — Vuje state c’ ’a pazzia, seh ! avite scelto chisto ballerino.

Ninetta — No, Presidè...facimmo ’o valzer tutt e duje (lo piglia per forza e lo fa ballare)

Francesco — Stateve che ghiammo nterra !

Tutti — Ah ! ah ! (ridono).

Cala la tela

FINE DEL SECONDO ATTO [ 51 ]ATTO TERZO

Scena come la precedente. I mobili saranno diversamente disposti come meglio si crederà per comodità della scena.

SCENA I.

Totonno — indi Giacinto

Totonno — (disponendo i mobili) — Nun aggio potuto durmì manco doje ore, stanotte nce simme spicciate accussi tarde ! 0 signore m’ha ditto, nun me scetà al1 ora soleta pecchè voglio durmì nu poco. Vide che te cumbinaiene aieresera chilli duje/o barone e a baronessa..meno male che se ne jettero, si no avarriano ntussecato tutta a società. Che specie ’e gente se vanno presentanno p’ a case d ’e signore. Dico io, quanno ve vulite appiceecà stateve ’e case voste, nun ghiate ncuitanno a gente.lForte suono di campanello). Na scampaniata a ehest ora..chi sarrà. Mo mo.. e vi cornine scampanea, ha da essere na cosa ’e pressàivia poi ritorna con Giacinto) E che d e ? Vuie turnafe n ata vota ?..E comme state vestito ’e chesta manera? (E nun ve ne mettite scuorno ? Comme ve site arresecato d’asci d ’a casa ?)

Giacinto — (con abito di casa e berretto da notte. Siede al divano) — Ciccio che fa ?

Totonno — E turnate n’ata vota cu Ciccio.

Giacinto — Uh ! lasseme di comme vogl io. Io sono nu povero disgraziato..Vide comme so arredutto.

Totonno — 0 signore sta durmenno

Giacinto — E nun se putarria scetà ?

Totonno — — No, pecche m’ha ditto che vo durmi fino a tarde. [ 52 ]Giacinto — E mo l’aspetto ccà assettato. Pozzo aspetti)

Totonno — Ma chillo va truvanno a che ora se sceta.

Gi acinto — E nun fa niente. Santo io a casa nun nce p0z, 70 turnà, rno m’arreposo nun poco ccà ncoppa.

Totonno — Ve vulite sta, stateve, io nu nve pozzo caccia pecchè site amico d’ o padrone, ma non ve pozzo tf.. n compagnia pecchè aggio che fa.

1 i acinto — Fa ’e fatte tuje (fa cunto comme io nun Cp stesse). Si nzurato tu ?

!’( >; \o — E che nce trase st’addimmanna ?

Giacinto — Te l’ho domandato chi sa tu me putiv;

campati nu poco.

I otonno — Nonzignore, so scuitato Giacinto — E nun tc nzurà sa ! Nun fa 1 ultima ciucciaria che I ommo fa ncopp’o munno. Guarda il mio escmpio

I OTONNO— Ma pecchè, avite attuppato na rnugliera nu poco malamente.

Giacinto — Nu poco ? Figlio mio, nun t ha puozze sunna manco e notte.

I OTONNO — Io me n addunaie aieresera quanno faceta tutte clnlli strille ccà ncoppa, manco si fosse stata abbascio ’o Lavenaro.

Giacinto — E che d’è chello che facette aiersera ) e’a vedè chello eh à fatto stanotte! Che nuttata ! Nata notte e chesta me portano a Poggioreale

Totonno — Signò cuntateme ch’à fatto.

Giacinto — Nun ni arricurdà. Io povero galantuomo a ridurmi a sta assettato mmiez’e grade (piange) Doppo che l’aggio levata dalla miseria...e le faccio fa a signora..a me questo..(c. s. )

Sotonno — Povero signore, nun ve pigliate collera (Stu povero scemo me fa cumpassione).

Giacinto — Sulamente Ciccio me po aiuta, isso chesta ncopp’o tribunale, m’ha da fa o p’acere,.riha da levà chillo guajo ’a tuorno

Totonno — E nun ce penzate pecchè si ’o signore o ^ fa, v’o fa cu tutto ’o core.

Giacinto — Te pare, Ciccio che non farebbe per me, stevamo al Seminario di Capracotta uniti. Abbiamo mangiato nello stesso piatto, dormito nello stesso letU’

Totonno — Basta signò, dateme ’o permesso, io vaco at* recettà ’a part’e dinto,si v’accorre cosa me chian|J te (via) # ^J

Giacinto — Ti ringrazio, te sio obbligato. Io me sto a> pezzetiello cuieto cuieto e aspetto quanno se >i‘ Ciccio #J|

Totonno — Sperammo ca se sceta priesto e che n [ 53 ]aspettate tanto (Vedite ’o munno cornrn’è (atto, io .uercsera nun ’o puteva vede a chisto, e mo l’aiutari ia cu l’uocchie (via).

<_ i ’( INTO — È nu bravo giovine stu servitore, ha ragione Ciccio che ’o vo bene. Intanto chillo è nu servitore cd è affezionato c o padrone, e io tengo na rnugliera < he m ha da maltratta e chesta manera. Io dico accussi, si avesse pigliato nu cane a miez ’a strada e l’avesse purtato a casa e data a magna, pure te sarria stato affezionato, fedele, e chella ngrata lazzarona, è al disotto e nu cane, e na gatta, e na scigna, ’e na pantera. Ma io Saggia ferni, aggia dicere ’o paglietta che vuttasse ’e mane. Ma chi se puteva credere che l’avvocato s’innammorasse ’e me ’e chella manera. Me pareve na pazza, teneva 1 uocchie a fora. Io le diceva : noi fuggiremo, noi saremo due colombi,due tortorclla..F.h ! arrivaje chella turturclla !... Mannaggia l’arma d’c mazzate ch’aggio avute..me sento ancora uno piezzo ’c dulore..Ma nun fa niente..Saggio offerto..tutto a essa...perchè essa...mi ama...

SCENA II.

Francesco — e Je///

Francesco — Nun se po durmì manco nu poco cuieto. stevo o meglio d o suonno, quanno hanno fatto na scampaniata accussi forte che me so scetato ’e soprassalto, chi è ha scampaniata accussi forte?

Giacinto — Ci, perdone me so state io.

Francesco — Tu ? a chest’ora ccà?...e vestuto ’e chesta maner a ?

Giacinto — Ciccio mio, io sono il più infelice, il più disgraziato dei mortali. Se te raccontasse tutt’ eguaje mici sono sicuro che te farnsse na picciata assieme cu me. Vogliamo piangere na mezz ora tutt c duie ?

Francesco — Io nun ne tengo nisciuna volontà, si vuò piangere tu sulo si ’o patrone.

Giacinto — Neanche il sollievo delle lagrime è concesso agl infelici.

Francesco — E tu chiagne, che vuò a me. Ma famnie sapè che t è succiesso ? comme te truove ccà ?

Giacinto — Devi sapere che dopo il chiasso di ieri sera, nujc nce sirnme ritirate a casa. !• igurati comme steveme, parevamo duje cane arraggiate e abbiamo preso la via del letto.

Francesco — Bravo !

Giacinto — Nu me fosse mai cuccato, appena me so puosto dint ’o lietto. la signora baronessa che teneva [ 54 ]nascosto nu mazzariello sott o cuscino, 1 ha pigli^

e m’ha conzignato cierte batoste...^

Francesco — E tu naturalmente bai reagito?

Giacinto — Sch ! reagito, chella manco e carabiniere’a

ponno tcnè.

Francesco — E dunque t’è tenuto ’e mazzate?

Giacinto — Me Saggio avuto tenè pe forza. Ma pe nun avè ’o riesto aggio afferrato sta vesta e cammera e sta coppola e me ne s’ o fuggito p’ e grade.

Francesco — E essa t’ ha secutato mmiez* ’e grade?

Giacinto — No, m’avesse secutato, sarriano corze gente c l’avarriano tenuta. Ma invece ch’à fatto? Ha chiusa ’a porta c m’ha rimasto mmiez* ’a scalinata na nuttata sana.

S R ANCESCO — E tu nun te ne s api ve j a na lucanna?

Giacinto — E cornine nce puteva j, io steva cumbinato’e chesta manera, senza nu soldo dint’ ’a sacca. E po è stato meglio che me so stato zitto, si no ’o guardaporta se n addunava e aveva apri ’o purtone apposta pe me. Perciò aggio sofferto fino a giorno e appena s e apierto o purtone so curruto ccà.

F rancesco — E ’e cammenato p’ ’a strada ’e chesta manera ? E t hanno fatto cammenà cuieto?

Giacinto — T ho pregato ca nun teneva manco nu centesimo.

I* RANCESCO — Nzomma te l’è fatto ’a pede ’a copp’ ’oCorso fino a Foria. E a gente che t’à visto p’ ’a strada va trova ch’ànno ditto.

Giacinto — Io a chiunque me guardava diceva : è nu voto, è nu voto. Ma s è fatta na folla ’c guagliune appriesso che m’ha accompagnato fino abbascio ’o palazzo tuio. Mi guardavano con occhio di compassione, se credevano che jeva truvanno nu miedeco... na vammana..

Francesco — Vedite a che punto una donna riduce un uomo... cioè, un uomo mo...

Giacinto — Pecche io non songo ommo, che so neutro?

Francesco — E si fosse stato ommo veramente dal principio, nun sarrisse arrivato a chisto punto.

Giacinto — Hai ragione, m aggio fatto mettere ’a gonnella... e ben fatto... mi sta bene questo. Nc’ave colpa chella cancaro e donazione che le facette.

Francesco — Ma la ragione pecchè ha fatto stu fracasso ?

Giacinto — Perchè ?... perchè è gelosa di me.

Francesco — Vattè, nun me fa tuccà ’o stommeco, chella era gelosa ’e te ?

Giacinto — Tu nun me cri de ? Embè io te pozzo as>si[ 55 ]cura che tutte le donne vanno a mpazzi pe me. Na

femmena a seconda volta che m’ha visto è asciuta pazza d imorc pe me. L m o*dicette essa stessa.lo deh’ ho tenere certamente qualche cosa nel mio sguardo nei miei occhi che le affascino, pecchè si no comme se spiegherebbe st’ammore tutto assieme.

Ni: ESCO — (Uh! povero infelice, chisto è pazzo, nun po essere diversamente.)

! nto — Che d è tu me guarde e nun parie ?

CESCO — E che ti debbo dire, tu me dice cierti cose accussi curiose che faje ridere. Mo se n’è venuto col fascino, con lo sguardo.

into— Seh ! tu ride? Su mo avarriss’ ’a farte na

picciata.

\NCESCO — A forza me vuò fa chiagnere, te Sè miso ncapo. »

(iì VCINTO— Io ajersera t’avarria voluto vedè al mio posto, diviso fra la moglie e l’amante. L’amante che si strugge in lagrime ai miei piedi che se ne vo fui cu me lontano da questo suolo, a vivere sotto una capanna comm a doje tortorelle mentre poi la moglie, armata di tutti i suoi diritti coniugali, m ha cumbinato chillo mazziatone

Francesco — (Non c’è più dubbio, ha dato di volta al cervello !)

Gì AClNTO — E guardeme m ata vota ? E ride n ata vota ?

Francesco — Giaci, figlio mio, leviamo sti scherzi, tu hai la mente un poco esaltata, tu hai bisogno di riposo, forse l’insonnia t’ha prodotto stu poco di perturbamento.

Giacinto — Ah ! tu cride che io sto esaltato? Eppure se te dicesse chi è sta femmena. te mettarrisse e mane dint’ ’e capille per la meraviglia.

Francesco — Va trova che scatolone ha da essere, ha da tenè ’a coppa a cientanne

Giacinto — No, è giovene... è bona... è simpatica, tene tutto cu essa.

Francesco — Sultanto ha da essere cecata pe s’annammorà e te.

Giacinto — Ma che cecata... chella tene nu paro d’uocchie che so doje stelle.

Francesco — Ma nzomma se po sapè chi è?

Giacinto — Ci, io t’ho dico, ma per quell’amicizia che t’ha legato quanno stevamo int’ ’o seminario, tu devi giurare che non dirai niente a nessumo.

Francesco — Che m e pigliato pe na eriatura. Io «on^o Presidente di T ribunale

Giacinto — Ma giuramniello sempe è buono [ 56 ]Francesco — Quanno vuò accussi. Lo giuro!

Giacinto — Ebbene, sappi che la donna che s’è inn morata di me pazzamente, è I avvocato Ninetta i*1’

Francesco — Vat tenne! Vattenne ! Ma te l’agio ditto i

C’.v’•>. fo ’O vi ca no nun ’o cride ?

nce/co— Ma comme te voglio credere, tu dici dc|i

Q iella è maritata, e tiene nu marito che le VuJ

¦V bene, ed è giovine G’.a.NTo • Gì. e io o paliatone pecchè l’aggio avuto a

.i : ir.:’i ere ma ? ‘fi

! :< nc E‘SCO — E chella mugliereta è na pazza, va trovale

s ha a edu to.

Giacinto — E il nostro progetto è di fuggire a Capracotta a vivere comm ’a duje culombi, duje turturelle, chesto manco ’o cride ?

Francesco — Giaci... tu hai bisogno di calma, di riposo...

I*o ne parlammo e stu fatto.

Giacinto — Ah !, tu me piglie pe pazzo ? Embè io te dico che chella se vo dividere d ’o marito pe se ne fui cu me

Francesco — Statte zitto. Sa che vuò fa, va a metterte ncopp’ ’o lietto mio, t’arrepuose nu poco, po quanno te scite, faje nu poco e colezione, e a mente serena parleremo di questo fatto. Totonno, Totò ?

Giacinto — Io faccio tutto chello che vuò tu, ina t avviso che a casa mia min ce vaco cchiù. f RANCESCO — Va bene, po ne parlammo e chesto.

SCENA III. I

Totonno — e detti

Totonno — Signò avite chiammato ? E comme, vosta Ecc.za s è scetato e nun ha sunato p avé ’o cafè ?

Francesco — Po se ne parla d o cafè, pe mo puorte a

Giacinto — dint’ ’a camera mia e ’o faje cuccà nu poco po quanno se sceta le daie tutto chello che vo isso. (Povero amico, ha bisogno di riposo e di cura.) Va, va cu Totonno, fa il tuo comodo tuo. Cerca di calmarti coi nervi... e con la capa.

Giacinto — Grazie Ciccio mio, nelle disgrazie si conoscono gli amici.

Francesco — Va... va... Totò tu accompagnalo e po tuorne ccà (Giacinto e Totonno viano poi ritorna solo Totonno) E chist è pazzo veramente. Chisto è n’affare che nun po ghì accussi, io me tengo nu pazzo int’ a casa ? Mo sa che faccio, scrivo nu biglietto ’a rnugliera e ’a faccio veni ccà, cercherò alla meglio di conci[ 57 ]liarli. (scrive su di una carta da visita c poi legge). Il Comm. Lanterna, desidera parlare urgentemente alla sig. Baronessa di Capracotta per un affare di suo marito. L attende a casa... Va trova si o capisce, me pare che nun sape leggere, basta nc o faccio dicere pure a voce da Totonno.

Totonno — Eccome ccà, che vulite?

Francesco — S’è cuccato Giacinto?

Totonno — L’aggio accunciato ’o lietto, po m’ha ditto vattenne e porteme nu vestito pe quanno me sceto. Ma signò chillo è ghiuto a sfrenesià ?

i k A NC ESCO — Ah ! te ne si addunato ?

’otonno— Già. parlava isso sulo e diceva* Tutto a te ti oflro le mie mazzate...e po diceva, nme volimmo sta aunito comm a doje turturellc.. nce cevammo tutt ’e d uje..

1 RANCESCO — È pazzo ! è pazzo 1 Siente buono a me. Tu avarriss a fa nu zumpo ncopp ’oCorso, e avarrisse purtà stu biglietto a rnugliera ’e Giacinto, sulo accussi nc o putimmo levà a tuorno.

1 OTONNO — A vulite fa veni ccà ?

Francesco — L aje indovinato. Si, portala subito ccà Pigliate na carruzzella e falla pure aspettà, basta che m ha puorte subito ccà.

1 otonno — Nun ce penzate che io tanta chiacchiere le dico che a porto cu mmico ccà.

|-RANCESCO — Bravo, mo vedimmo se si ommo. A piccerella, chella gioja mia, che sta facenno ?

1 OTONNO — Dorme a suonno chino, chella manco pe 4 se sceta.

1- RANCESCO — E nun ’a disturbà. Nun le facimmo senti tutte sti storie. Dunque 7otò, va subito e nun perdere tiempo

I OTONNO — Facite cunto ca mo sto ccà (via di fretta)

Francesco — Chi me cecaje ’e manna Giacinto da Donna

Ninetta — pe passa sti quatte guaje. Io nun pozzo proprio credere a chello c’ a ditto. Donna Ninetta è na giovine seria, onesta...comme le puteva veni stu capriccio. L avesse fatto pe pazzia. E po essa pazzea e

io nce vaco p e torze I...E mo le prode a capa !.

SCENA IV.

Totonno — indi Cesarino e detto

Totonno — Signò, fora ce sta D. Cesarino Spaghetti che v’ha da dà na preghiera.

Francesco — Uh ! tu staje ancora ccà ? [ 58 ]! OTONNO— Mentre me ne steva jenno isso è venuto.

Francesco — Fallo trasi c vattenne subito subito, n» perdere chiù tiempo,’e capito ?

Totonno — Mu v i servo (via)

Francesco — E ci c veri 1 D. Cesarino a quest’ora da me ) Stamniatina e s’ ’o dato a mano ’e marite

Cesarino — Illustisoirno signor Presidente, perdonate se vengo a disturbarvi a quest’ora, ma un affare molto grave ni ha portato da voi.

Francesco — Voi siete il padrone di venire quando vi piace. Me fa meraviglia però st affare grave che dite, sentimmo, e che se tratta ?

Cesarino — Commendato, voi siete stato il maestro direi quasi il padre di ima moglie,e a voi posso confidare certi affari di famiglia. Io sono stato cacciato di casa da mia moglie e stanotte l’ho passata dint’ ’a nu cafè ’c notte e ggiorno.

Francesco — (Pure chisto !) Oh ! c da me che vulite?

Cesarino — Voi chc siete cosi buono, mettetevi in mezzo a st affare e fatemi riconciliare con mia moglie

Francesco — Chisto cerca pietà, chili ato vo vendetta! Ma qual e ’a ragione che ve n ha cacciato?

Cesarino — La gelosia caro Commendatore, la gelosia l’ha fatto vedere na cosa pe n ata. Ha ditto che io faccio ammore cu n ata femmena e perciò se vo dividere.

Francesco — (Che fosse na scusa ? Comincio a credere che

Giacinto — abbia ragione) Oh ! e nun v’ha ditto chi era st ata femmena ?

Cesarino — Me 1 ha detto, ma io non ve lo posso dire pecchè si ’o sape ’o marito, qui ne viene il finimondo.

Francesco — Ah ! è maritata!?

Cesarino — Già. Commendatore, io ve lo dico in confidenza, ma voi mi dovete giurare che non lo dite a nessuno.

l’R\NCESCO — (E chisto è n ato giuramento) Lo giuro.

Cesarino — Sappiate che è la moglie del barone Chiappo !

Francesco — Vi che bell’ambo ch’ànno cumbinato- Ci avrei scommesso.

Cesarino — Vale a dì che ne sapiveve quacche cosa.

S RANCESCO — No, parola d’onore che nun ne sapeva niente, ma l’aggio immaginato da tutte chilli strille che facisteve aiersera.

Cesarino — E allora quando siamo a questo, vi debbo dire che è vero che chella si è innammorata ’e me, ma a me nun me passa manco p’ ’a capa, e perciò essa facette chella scenata ccà ncoppa.

1* RANCESCO — (E va sbroglià a verità. Chillo dice che [ 59 ]Donna Ninetta va mpazzia pe isso, chisto dice che ’a baronessa s è innammorata d’isso..e va te sbruoglie sta matassa). E nun pozzo parla l.

’i sanino— Ma pecchè parlate vuje sulo?

li a NC ESCO — No, certe idee che me passano p’ a capa, pe vedè comme pozzo ripara stu fatto vuosto.

¦ KSARINO — E nun ce vo niente, cercate di vedere mia moglie e ditele che io sono innocente, che non è vero quello che essa crede, e così si persuaderà.

Francesco — Abbasta che se fa capace.

CLARINO— A voi vi sentirà certamente.

Francesco — Tenterò e spero di riuscirci (Si essatene chillo capriccio ncapo che ne caccio ?)

SCENA V.

Ninetta — . Bettina e detti

Ninetta — (d. d. ) — È permesso?

Cesarino — A voce e muglierema! Nun voglio fa vedè che so venuto ccà.

Francesco — Essa pure ccà.. e a casa mia è addiventata n’agenzia e matrimonio.

Cesarino — Presidè, fatemi entrare a qualche parte pecchè nun me ce voglio ncuntrà

Francesco — Entrate dint’ ’o salotto Ila ce sta un’altra uscita e ve ne potete andare. Poi ripassate più tardi e ve faccio sapè quello ch’è succiesso.

Cesarino — Grazie commendato, vi raccomando caldamente la mia causa (via nel salotto)

Francesco — E che vorrà chest’ata da me ? Vuò vedè che è overo ’o fatto ’e Giacinto? Favorite D.a Ninè.

Ninetta — Fuori non v’è nessuno ed abbiamo trovato la porta aperta, ma però Sabbiamo chiusa

Francesco — Chillo ciuccio ’e Totonno p’ ’a pressa d’asci l’ha rimasta aperta a rischio ’e farme arrubbà. Basta, questa è stata na visita inaspettata. Ah! bravo, ce sta pure mammà. Accomodatevi (seggono).

Ninetta — Signor Presidente, dinanzi a voi non vedete la vostra amica, non vedete l’avvocato, vostro discepolo, non vedete più Ninetta Rocco.

Francesco — Nzomma, nun veco a niseiuno.

Ninetta — No, vedete invece la moglie offesa, tradita che viene da voi a reclamare giustizia. E per togliere ogni sospetto ha condotta pure mammà. Mammà, cacciatela.

Bettina — Mo ’a caccio.

Francesco — Va trova ch’à da caecià. [ 60 ]Bettina — Eccola qui (tira Inori della borsa una carta).

Ninetta — Sig.r Presidente, questa è una domanda per separarmi di corpo e di bene da mio marito, Cesare Spaghetti. Per ora questa, poi quando verrà la legge del divorzio, allora faremo un divorzio completo, perché non lo voglio vedere nè sentire più.

Francesco — Ma nun me facite ridere cu sti ghiacuvelle... domanda di separazione, divorzio. Ma pecchè tutto questo ?

Ninetta — Perchè egli m’ha tradito villanamente.

Bettina — A fa mi tradimento a stu piezz’è figliola, bella e alletterata. Addò se l’aspettava d’avè sta sorte nzuonno. Nu sfelenza che nun teneva che magna, s’è venuto appuià ncopp e spalle e chella e mo le fa chesto appriesso.

Ninetta — Mamma st at te zitto, nun sta bene a dire queste cose. Alla fine sempe marito mi è, per ora

Francesco — Per ora e per sempre.

NlNEITA — Per sempre l’avitc a lava a miezo, pecchè ve l’ho detto, nun ’o voglio vedè cchiù.

Bettina — Isso ha da Crepa, ha da schiatta, ma dint a casa nosta nun nc’ha da mettere cchiù o pede. E si, avevamo fatto ’o spitale p’ ’e cannarute..

Francesco — Oh! sapete che c è di nuovo? che incomincio a capire che queste sono scuse belle e buone per disfarvi di vostro marito perchè vi è di peso.

Ninetta — Presidente, misurate le parole perchè mi offendete.

Bettina — Ch a ditto? nun Saggio capito.

Francesco — (E pe capì chella ce vo nu secolo e miezo). Questa voi la ritirate perchè nun sta bene fa senti in tribunale il vostro nome, tanto più che mo si sta trattando la vostra causa.

Ninetta — Signor Presidente io non ritiro affatto e sostengo ciò che ho scritto.

Bettina — Mia figlia quanno a posta a penna ncopp 3 carta nun ritira niente cchiù.

Francesco — Allora vulite che io metto nterra tutte cose ma io nun voglio mettere nterra...

Ninetta — No, no, vi prego di mettere nterra. A me n°n c’è che dire.

Bettina — Sulla gonnella di mia figlia nun ce stanno h1’* appennere.

Francesco — No, ce starebbero e fose ma io nun p°z/ parlà.

Ninetta — No, mo avite parlà, pecchè cu sti parole m*;/l cate voi peggio mi offendete.

Bottina Sentimmo, che l’avite dicere a fìgliema ? [ 61 ]Francesco — Ma io nun me faccio meraviglia d’essa, ma

di voi che siete vecchia e le tenite mano Bl I INA— Nè Presidè, abbarate comme parlate !...Vuie

v avite lava a vocca primma d’amnummenà Bettina

Saccone.

Ninetta — Mammà stattc zitta tu. Questo è un affare che riguarda me sola. E adesso voglio che il Commendatore mi dica il tutto.

Francesco — Embè quanno o vulite, vi dico che voi volete abbandona vostro marito con un pretesto per fuggire con un amante.

Nin ETTa — Ma chi vi ha potuto dire questa bugia ?

Bettina — Presidè vuje state mbriaco, avite vippeto p’ a matinn.

Francesco — Io sto mbriaco? Siete voi invece na vecchia senza rossore, che vi rendete complice degli amorazzi di vostra figlia.

Ninetta — Presidè, alle corte, chi è stato l’autore di questa spiritosa invenzione

Francesco — Ah! m a chiamate spiritosa? E Fautore non Simmaginate? Il vostro amante stesso.

Ninetta — Ma chi è questi che voi dite?

Francesco — ll vostro nuovo cliente, il Barone Chiappo. Ninf.TTA — Uh ! chillo scemo...ah, ah, quanto mi fate ridere.

Francesco — Ah ! voi ridete? Intanto quel povero uomo è ghiuto a mpazzì, e per causa vosta ha avuto nu paliatone d ’ ’a rnugliera, e ha durmito stanotte mmiezo ’e grade. Mo sta dinto ripusanno nu poco pecchè mi è venuto a cerca ajuto.

Ninetta — Ma comme avite supposto che me ne vuleva . fui cu ’o Barone?

Bettina — Figliema si se ne vuleva fui cu quaccheduno ne sceglieva uno buono, nun se ne jeva cu isso.

Francesco — Vi Che bella difesa le sta facenno chesta.

Ninetta — Mammà statte zitto, nu saje chello che dice.

Francesco — Ma comme spiegate ’o fatto ? chillo dice che k voi l’avite fatto na dichiarazione amorosa.

Ninetta — Io facevo na dichiarazione a isso? E chist’è e

pazzo.

Bettina — E si, ’o mobile è troppo bello

Francesco — Ma insomma, a me nun me persuadite. Fintanto che non veco chiaro dint’ a sta facenna, io nun ve credo. [ 62 ]SCENA VI.

Cesarino — e detti

Cesarino — (dai Salotto) E bravo ! e bravo la mia degnissima moglie..Essa me fa ’a gelosa, me fa ’a parta faticata, me ne caccia d a casa, fa na domanda di sepaazione, mente po me vuleva cumbinà chisto trainiello.

Ninetta — Ah ! o presidente teneva a isso nascosto Uà dinto, perciò ha fatto tutto stu chiasso.

Francesco — Ma vuje nun ve ne site juto pe l ata porta ?

Cesarino — No. Trattandosi che mia moglie steva ccà aggio voluto sentì chello che diceva.e aggio fatto bene. Perchè adesso sono io che faccio la domanda di separazione.

Bettina — Vattenne, domanda di separazione. E tu t’ha meretava na femmena accussi bella e dotta?

Ninetta — Dopo tutti i fatti succiese c’ ’à stiratrice e che io aiersera sentette, mo te vuò truvà tu a coppa?

Cesarino — Ma almeno a stiratrice era na nnammurata mia quanno era scapolo, ma tu te n’è truvato uno mo frisco frisco. E po m’ è cagnato pe nu viecchio, nu scemo. Non te ne miette scuorno ?

Ninetta — Preside vuje ’o state sentenno. Io so femmena ’e chesto, ma ditelo voi

Francesco — Ma io che ne saccio.

Ninetta — Vuje me cunuscite ’a piccerella e mi credete capace di un’azione simile.

Cesarino — Io ’a stiratrice nun ’a vedeva ’a tanto tiempo e ieri sera se ci ho parlato è stato pe farla sta zitto pecchè vuleva fa na chiassata.

Ninetta — E te si scurdato d’a rasulata e d e zirole che me voleva tira.,

Bettina — Essa tirava ’e zirole a te ? io l’avarria tirata a lengua ’a dint’o radecone.

Francesco — Ma insomma ’a putarrisseve fenl.

Ninetta — Pe me è impossibile. Va, vattenne c a st,ra‘ Irice.cu chella lazzara, pecchè tu cu chella si abituai a tratta, na signora nun a può tene vicino

Cesarino — Io songo nu signore di nascita e parie a me ll lazzera.

Bettina — Già, nu signore cu l’ogne spaccate.

Cesarino — Vuje nun saccio da dò venite, e si aggia giuduJ da mammeta toja, credo che in origine aveva esse’1

o na guardaporta o na spicajoia..:

BtTTINA — Io guardaporta ? Io spica/ola ? Nè Pr*9" l’avite ntiso ? M’ha nzurdata dint a casa vosta e le dicite niente? [ 63 ]l RANC.ESCO — Ma io che ncc pozzo fa ?

Njl ’JE’1 l’A — E già, non haje comme scuntà l’arraggia e t’ha scunte cu sta povera vecchia che nun t’ha fatto niente

B ETTI NA— Mamma mia era^conosciuta, se chiammava Carmela Saccone ejaceva a ’vammana.,. e ’o presidente l’ha da sapè

Francesco — Sarraggio sgravato quacche vota.

Cesarino — E io aggia avuto apparenta cu discendenti’ e vammana, io che sono figlio di un generale.

Bettina — Già, ’o generale d’ e pezziente ’e S. Gennaro ’c Povere.

Cesarino — lo so venuto a nobilizzarvi.

Bf.TTINA — Vattè, tu si nu sfelenza, nun tenive che magna e te si appuiato ncuollo a figliema.

Cesarino — E già, m ha portato chella dote.

Ninetta — 7i ho portato la mia laurea e le mie fatiche e Saggio fatto fa ’o signore.

Bettina — Tu te si Venuto a ghiettà ncopp’ ’e spalle soje, disperatone che sì.

Cesarino — Io ve so venuto a purtà onore nfaccia.

Ninetta — Preside chesto è troppo.....e vuje nun ve mo vite? Tu e puosto onore nfaccia a me... a me che so n’avvocato ed una letterata?

Bf.TTINA — Tenesse tant’onnore nfaccia pe quanto figliema ne tene sott’ ’e scarpe.

Cesarino — Oh ! Preside, chesta me cimenta.

Francesco — Oh ! mo faccio o pazzo mo. Ma a casa mia l’avite pigliata p ’o mercato, pe na taverna, pa na piazza. Ieri sera v’appiccecasteve na vota, mo n ata vota e io mo sferro veramente, piglio na mazza e ve secuto p’ e grade... Mo me pare che ’a putarrisseve fernì.

SCENA VII.

Totonno — e detti

Totonno — Signò, fora ce sta ’a baronessa ch e venuta cu me in carrozzella

Francesco — Oh! chesta nce mancava pe completa l’opera.

CeSakino— Chi è venuto, Gesummina ?

Ninetta — ’o sentite preside comme se recrea ? Sissignore, e venuta la vostra stiratrice, potete andare con lei pecchè a nuje nun ce ne preme niente

Cesarino — e voi potete andare col vostro caro barone ,1 * • cne a me nun me passa manco p a capa.

Netta — Almeno io ho scelto un barone, ma tu hai scelto na lazzara comm a tte. [ 64 ]Bettina — E chi o puteva guardà nfaccia a isso, surtanto cu chella se puteva accuncià

Francesco — Mo accominciate n ata vota, ma che m’avite pigliato pe nu pupazzo. Mo me facite avuta e cancherc e bonanotte. latevenne tutte quante che io aggia parlà c ’a Baronessa e aggia acconcia ’o fatlto e Giacinto, si no nun me levo chillo guaio ’a tuorno.

Bettina — E già, mo ncc n’avimm’ a i pecche ha da trasi a baronessa d ’e crape cotte.

Ninetta — Preside, mi viene un’idea. Lasciatemi soli con lei I e voglio dì doje parole. Voglio difendere la causa di quel povero infelice che se affidato a me.

Cesarino — E già, vuol difendere la cuasa del suo amante.

Ninetta — Fu capisci sti cose tu. lo debbo farcii mio dovere... Prima di essere tua moglie sono avvocato, quindi prima la professione.

Bettina — Ninè nun te n’incaricà, ca tu t’appicceche cu chella vajassa.

Ninetta — Mamma lassa fa a me, sarò calma...

Francfsco — D. Ninè, io prevedo che farete n altra scenata... nun è cosa mo, se nc parla n ata vota... mo state troppo nfucata.

Ninetta — Vi ho detto non dubitate, non mi lascerò trasportare, e po voglio fa rimane smaccato anche mio marito il quale dovrà ricrede si sul m o conto. \.i jatevenne c lassateme fa...

Francesco — Bc, nuje ce nc jammo, ma a ’e primmestril* le vengo e ve vatto a tutt e doje (a Bettino e Cesare) Trasite cu me’a parte e dinto.

Bettina — Preside, ma io cu chisto aunito nun ce voglio sta

Cesare — E a vede chi vo sta vicino a te.

Francesco — Nun fa niente, ve metto uno dint a na camera e n ato int a n ata. (Vuie vedite quanta pacienza aggia tene cu sta papera).

Bettina — E trase tu primma, nun me guardà nfaccia.

Cesare — Mo traso primm’io e levo I’occasione {entra nel salotto)

Francesco — D. Ninè, poche parole e nun strillate,

che Giacinto sta nella mia stanza, nun le facite senti mente, e j)o nce sta a picccrella mia che dorme e nun voglio che m’ha scctate.

Ninetta — Non dubitate, ci penzo io (Francesco via salotto) loto, falla trasì e nzerra e porte, ina nun di che stongo io ccà.

Totonno — Mo ve servo (via tini fondo)

Ninetta — Mo a chesta J aggia parlà a lengua soia se nun tne capisce. L’aggia fa na chiacchiarijtJ a ghetta. Mo vcdimmo si ncc riesco, (siede) [ 65 ]SCENA Vili.

Totonno — . Gelsomina e detti

Totonno — Irasite, aspettate ccà dinto ca mo vene ’o presidente (oia)

gelsomina — Ah ! nce stive tu ccà, perciò m’hanno fatto veni. Che m’ ’e a dicere quacche cosa ? Penza ca chella che nun te facette aiersera t ho pozzo fa stammatina. Che buò lasseme sentere, pecchè m e fatto chiammà ? Comme m avisse fatto chiammà ncopp a questura. E si, mo nce mettevamo appaura d’essa.

Ninetta — Pnmma ’e tutto nun alluccà pecchè staje ncopp a casa e nu galantomo e nun staje int o vascio. Assettate e parlammo chiano chiano, e po vide che io nun songo chella brutta figliola c’ a faccia ’e civetta che tu te cride.

gelsomina — Ma che m ’e a dicere, lasseme sentere (siede)

Ninetta — I u aieresera pigliaste nu sbaglio, io a maritete nun I aggio mai ditto mente

gelsomina — Comme, chillo steve addunucchiato nnannz a te.

Ninetta — E chillo fuje o sbaglio, pecchè isso steva prianno e met terme pe miezo tra te e isso pe far ve fa pace e pe nun farlo cc hlìl maltratta. (Dicinimo accussi!)

gelsomina — E ’o fatto d ’e turturelle che steva dicenno ?

Ninetta — Isso me diceva che se ne vuleva j ’o paese sujo cu te pe sta comm a doje tortorelle... ’E visto mo si rimasta e stucco... nun t’ho credive che chillo te vo tanto bene.

gelsomina — 0 saccio che me vo bene, ma ch’aggia fa io me l’aggio spusato senza gemo, pecchè è nu viecchio, nun ’o pozzo parià.

Ninetta — Ma io saccio ’o pecchè nun ’o può parià, pecchè tu vuò bene a Cesarino maritemo.

gelsomina — E tu conim o saje, t ha ditto isso, chillo sbruvignato ?

Ninetta — Io aieresera me sentette tutto ’o discorzo che faciste tu e isso.

gelsomina — E na vota che l’è ntiso nun t’ ’o pozzo annià. Cu Cesarino nc’aggio fatto ammore n’anno e nc’aggio tenuto veramente a passione, e isso o nfame me lassaje pecchè io era na femmenelia. Ma chi nc o diceva a isso ’e ngannà na povera figlia ’e mamma.

Ninetta — Tu haje ragione, ciente canne ’e ragione Ma tutte Suonimene so nfame e traditore, e isso peggio ’e H ate. Ma io che nce pozzo fa ca t ha pighe cu me ? [ 66 ]lo che nc sapeva d’ ’e fatte ’e mariteme quanno m o

spusaic ?. «

gelsomina — Mo che me sò maritata isso mè venuto appriesso, ma cu me nun ha cacciato e nun ne cacciarr

niente. #.___ *

Ninetta — Ma tu si na bona femmena e o signore si t’ha chiusa na porta t’ha apierto nu portone. Chillo nun teneva niente e tu e truvato o Barone che e ricco, tc vo bene, te f a f a a signora.

gelsomina — Si, ma che n’aggia fa, chillo è viecchio...

Ninetta — Si, ma chillo t’ha donato tutt a robba soja. E tu mo pe ringraziamento ’o maltratte, o vatte, o faje durmi mmiez’ e grade... Tu saje che si chillo te facesse querela tu rcstarrisse n ata vota mmiez’ ’a strada?... Ma chillo nun t’à fa pecchè te vo bene e te stima sempe comm’ a rnugliera soja.

gelsomina — Che saccio, tu cu sti belli parole me staje ..facenno capace.

Ninetta — Gesummi siente a me, tu si na bona figliola e tiene nu bello core, nun penzà cchiù ’o passato. Tanno ire na figliola, mo si na femmena ’e munno e tiene a maritete che te vo bene, miette nu poco capa, e cu nu poco ’e maniera, chillo è na pasta ’c mele, ne faje chello che vuò tu.

gelsomina — Tu parie ’e sta manera pecchè t’ è spusato a Cesarino e si felice...

Ninetta — No, io cu Cesarino doppo ’e fatte ch’aggio saputo, me ncc voglio spartere, nun ’o voglio vedè cchiù..

gelsomina — E pecche ? Pe causa mia, te vuò spartere... Chesto nun nc’ ha da essere. Tu si na bona figliola e io te voglio sta a senti e se io faccio pace co mariteme tu pure tn’è prumettere...

Ninetta — Ah ! o vi che vuò fa pace cu mariteto,.. m* sta pace ha da durà sempe.

gelsomina — Basta ca isso me perdona chello eh aggio fatto.

Ninetta — Pè chesto me n’incarico io e spero di riuscire Zitto sento che s’arape chella porta, sarrà isso.

gelsomina — Comme, sta ccà?,

Ninetta — Se nè fuio dall’amico sujo il Presidente

gelsomina — Uh ! nun me voglio fa vedè..j,

Ninetta — No, anze è chisto ’o mumento. Assettai la seggi a e miettete ’o fazzoletto nnanz a ^ fa a vedè che ehiagne, accussi nun te cono**.» vista... ’O riesto lassa fa a me.. (, , jf

gelsomina — Mo ’o vedimino che saje fa poggia ponendosi il fazzoletto innanzi a# 1 [ 67 ]SCENA IX.

Totonno — e detti

Giacinto — (vestito con gli abiti di Francesco, viene innanzi senza vedere le altre) Nun aggio pututo chiudere uocchie nu poco penzanno all’avvocato e nu poco, pecchè sto chino ’e dulure 1

Ninetta — (s avvicina) Baro io sto ccà, m avita dicere niente ?

Giacinto — Uh ! e da dò site asciute, io adesso a voi stavo penzanno.

Ninetta — E pecchè ?

Giacinto — Riflettevo al fatto di ieri sera.

Ninetta — Quale fatto, chillo d ’e turturelle?

Giacinto — Già, quello ! Io vi amo sempre I

Ninetta — Vuje pigliasteve nu rancefellone. Chi mai v’ha detto niente. Che site pazzo? L’avite ditto a tutte quante, n ato poco me faciveve compromettere con mio marito.

Giacinto — E che ve ne preme ’e chillo mamozio?

Ninetta — Comme che me ne preme, io sono una donna onesta e vi prego di non parlare più di queste cose. Anzi voglio farvi una sorpresa, vutateve e vedite chi sta dietro di voi.

Giacinto — Che veco! muglierema! Se so ammaturate l ati cotogne! E pecchè sta chiagnennol 1 avite vattuta?

Ninetta — Piange la poverina perchè è pentita di quello che ha fatto.

Giacinto — Fa comm ’ ’o cuccudrillo, primma m’ha fatto chillo paliatone e mo chiagnc.

Ninetta — Voi pigliate I’occasione pe farle na parte. Non

vi lasciate intenerire dalle lagrime, pigliatevi la rivincita.

Giacinto — E comme m’ aggia regulà?

Ninetta — Incominciate a passeggiare, fate sentire che state quà e vedite essa che dice.

Giacinto — Sè me piace... Donna Ninetta, sapite si ncuollo tene ’o rasulo, ’o staccariello.

Ninetta — No, nun tene niente.

Giacinto — Tenesse ’o staccariello?

Ninetta — V’ ho pregato, non tene niente.

Giacinto — (incomincia a passeggiare e tossisce) — E chisto o cazone me va pe sotto e piede à me fa cade. Mo m ’o scorcio accussi fenesce a storia.

gelsomina — (togliendosi il fazzoletto) — Oh! Giacinto mio,

  • taje ccà ? [ 68 ]Giacinto — (dopo segni di Ninetta) — Signora, fra di noi non

c è niente di comune, tutto è rotto.

gelsomina — Ma pecchè bello mio staje in collera cu me ?

Giacinto — uh ! chella m’ ha dato chclli palate ! Signora, dopo il fatto di stanotte dovreste vergognarvi di comparirmi innanzi. Vergogna!... Vergogna!

Ninetta — (piano a Giacinto)— Bravo, non vi credevo capace di questo.

Giacinto — Eh, io sò terribile!

gelsomina — Maretiello mio caro, che te si pigliate collera ’e chella pazzia che aggio fatto stanotte?

Giacinto — (All arma d’ a pazzia, io stongo una mulignana). E me lo chiamate scherzo ? Mi avete cunzignate quelle bastonate, mi avete fatto rociolare dal letto comme na pallapilottola e m avite fatto dormire mmiez e grade comm a na gatta marzajola- E me lo chiamate scherzo questo ?

gelsomina — Agge pacienza, io te lo prometto che nun ’o faccio cchiù.

Giacinto — E chesto nce mancarria. io n ata vota jarria ’o campusanto.

gelsomina — E po IO Saggio fatto p ’ ’o bene che te voglio, pecchè io so gelosa, e tu o saje che la gelosia è figlia d ammore. Perdonarne Giacinto mio e te lo giuro che te vulerraggio sempe bene.

Ninetta — (c. s.) — Barò non cedete.

Giacinto — No, no, baronessa fra di noi tutto è finito, ed io me ne andrò solo al mio paese a stare fra le mie capre e i miei porci. I porci mi vorranno bene più di voi

gelsomina — Te ne vaje sulo ? Oh ! chesto nun sarrà maje io songo ’a muglierella toja e tu me purtarraje appreso comm’a na cacciutella. Giaci puorteme cu ttico, io voglio veni cu ttico.

Ninetta — (c. s.) — Non cedete ancora, è troppo presto.

Giacinto — (quasi per cedere) — È inutile che mi late dell’ moine perchè io sarò tuosto comm’a na vreccia. Al cussi n ata vota ve mparate a rispettare vostro

rito (E ccà ’o cazone me sta scennenno).

... • A 0

gelsomina — 1 u partarraje sulo e io ne murarraggi°d

dulore, Si, tu hajc ragione, io so stata ’ngrata cu • ma me ne pento c nun ne parlammo cchiù. Da

• • • • * n 1 1^^

nnanze io cagnarraggio vita, e io sarraggio, gliera affezionata, e tu ’o maritiello mio bello be 1

Ninetta — (c. s.)— Non cedete. ^

gelsomina — Viene ccà damme n’abbraccio, nlJ facimmo pace. Teh ! t’ho voglio dà cu tutto 0

Ninetta — (c. s.) — Barò fermo non cedete. u*’

iacinto — E che fermo e fermo. Aggia cedere [ 69 ]Mughera mia, te dongo n abbraccio e nu vaso pur’io e mi auguro che mo mazzate nun ne darraje cchiù.

gelsomina — Mal più.

NlNEITA Bravo ! io a stu punto ve vuleva purtà e ce

so riuscita.

SCENA X.

Francesco — , Bettina, Cesarino e delti

Francesco — Evviva veramente Donna Ninetta, lo vi proclamo il primo avvocato del foro Napoletano.

Bettina — Chella figlia mia, dici te a verità, è ’a primma

pagliettessa ?

Ninetta — Chesta è a prima causa che ho discussa e

I’ aggio vinta.

Giacinto — E chillo mamozio che fa sott’ a porta ? Pecchè sta accussi scurnuso ?

Ninetta — Chillo Uà ? No, chillo ha da fa *e cunte cu me.

gelsomina — Embè Ninè, tu m’ ’c prummiso che se io faceva pace cu Giacinto, tu facive pace cu maritete, e mo manche ’a promessa ?

Ninetta — Si, haje ragione ogni promessa è debito. Viene avanti, inginocchiati c baciami la mano.

Cesarino — Si te la bacio e mi proclamo il primo stupido della terra.

Giacinto — Proprio.

Cesarino — (Vi chi parla!)

Ninetta — Io ti perdono per causa di Gelsomina. Il passato è morto... tu mi capisci !...

SCENA ULTIMA.

Totonno — indi Giulio e detti

Totonno — È venuto il signor avvocato Erbetta.

Francesco — Fatelo subito passare. E che sarà ?

Ninetta — Verrà a dirmi una buona notizia sulla mia

Gì Ni

causa.

Giulio — (entrando) — No, è cattiva !

Ninetta — Come ! possibile ?

Giulio — (a Ninetta) — Sicuramente. La Corte d’Appello ha revocata la sentenza del tribunale di la. istanza, ed ha disposto che il tuo nome venga cancellato dall’alho dei procuratori.

Francesco — Comme, hanno scassata ’a sentenza mia? (ira sè) Seh ! e pare comme fosse ’a primma. [ 70 ]Ninetta — Dunque io non so cchiu avvocato, tutte le mie fatiche sono andate perdute?

Bettina — Uh ! figlieina nun è cchiìi pagliettessa ?

Ninetta — Non fa niente, mi dedicherò invece alle cure della mia famiglia, dei mici figli.

Francesco — D. Ninè non v’affliggete, voi putite fa ricorso in Cassazione.

Ninetta — E che ne caccio. Forse avrò lo stesso esito.

Francesco — Ma tentate, alla fine che vi costa ?

Giacinto — E difatte che nce perdite ? Voi fate conto che questa fosse la Cassazione; mo vi difendo io la causa (al pubblico) Sigr. Presidente, sig. Consiglieri, Voi già avete conosciuto l’avvocato Ninetta, comme ve pare? è bona ?

Ninetta — È bona soreta !

Giacinto — Io dico è bona comme avvocato !

Ninetta — Basta ch’è giudici non ’a pigliano a risate !

Giacinto — E allora è fatto ’o colpo ! L’avvocato Ninetta perciò è stato fatto, pe fa ridere.

(cala la tela)

FINE DELLA COMMEDIA [ 71 ]