Donaver Antologia 1910/A memoia da fæsta patriotica

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Donaver Antologia 1910 by Antogno Pescetto
A memoia da fæsta patriotica
[ 109 ]
A MEMOIA DA FAESTA PATRIOTICA.
(14 luglio 1797)

...
...
L'istoria de sto di sciù a mae zanfornia
Canterò senza gighe e senza sbornia,

Che ai Nevi di figgioeu di mae figgioeu
E ai Nevi di figgioeu de tutto Zena
In grammo contrassegno do mae coeu,
Con l’assistenza da mae Pantalena,
Voeuggio do filo, che se mande ancoeu
Memoria etaerna de sta cara scena
Che in broddo i fasse andâ da taggiain,
E ai Messiavi sciortî ro lagrimin.

E se per caxio mai restasse in stallo
Zugando questi scacchi a ra bonassa,
O quarche dente rotto a o mae brassallo,
Storta fesse piccame a botta o bassa,
Onde in cangio d’un cielo fesse un fallo
Primma de batte sbraggerò, se a passa,

[ 110 ]

Tanto segûro de trovâ perdon
Quanto de no toccâ ra meta ancon.

De Giano a bella Figgia regaggia
Fa butteghin per tutto, e mette fêe
D’ogni qualunque so galanteria
In çento differenti e ciù mainêe,
E commo appunto unna spozâ vestia,
Questa de berettin, aerboi e bandêe
Che sbattendo da i ati bastioin
A ro vento amenaestron gren pattoin.

De piffari, e tambûri legionarj
Se sente tutto Zona rebômbâ,
E bravi Patriotti in corpi varj
Ogni ciaçça, ogni strada han za occupâ:
Oeuttoçento de questi volontarj
A sorte destinae sciù ro ciassâ
Da Libertae, ghe tocca l’ato onô
De brustolise ben e croste a o sô.

Chi son in giro e ciante incadenae
A ghirlande, e festoin de fresche ramme,
Tutti quanti inguggeiti, e incanellae
Con striscie de frexetti comme sciamme,
Sciù re pizze tegnûi comme ingassae
D’arneisi militari in lustre lamme,
E da seira za pronte a ri festin
Ghe son de riga e lampe a cavallin.

S'aerzan maestozamente ai quattro canti
Adosso a quattro grossi pedestalli
Quattro Statue da forma di Giganti

[ 111 ]

Ardimentose comme tanti Galli,
Ogniunna ha grossa orchaesta ai pê davanti
Per a faesta do giorno, e per i balli,
Do chi ra baella Paxe, e là a Speranza
Da st'atro lou Giustizia, e ra Costanza.

In çento mia galanti, e ciù mainêe
Se veddan ordinae da inzegno fin
Aermi, scuddi, canoîn, trombe, bandêe,
Tamburi, squadre, fasci, picoççin,
Palchi tutti apparae, lunghe ringhêe,
Aste a frexetti, ciumme e berettin,
De chi, e de li, de sà, e de là sospeizi
De Libertae mille atri ordigni, e arneixi.

Sportio da tutti ri atri a drita parte
Palco in gianco apparoù sta laesto, e pronto,
Onde han zugoù tutto l'inzegno, e l'arte
Di treì coroî per intreççâ l’impronto
De quello Procuroù, che Bonaparte
N’ha costituio a tranquillâ ro conto
De tante tirranie de prepotenti
Mai convertj per lagrime, e per centi.

Per quattro maestose scarinae
Gran macchina se monta, e se caminna,
Che comme unna forteçça oppù çittae
Sta in mezo archittetâ da man divinna,
L’aerboro ghe sta sciù da Libertae,
Chi ten ancon pe un pôco a testa chinna;
Ma dindan ghe fa in cimma o berettin
Porto de Libertae, nave, e coffin.