Dialogo sucesso ne a sala dro consegetto

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Dialogo sucesso ne a sala dro consegetto da inverno tra Bernardo, Allerame, Gioseppe, e Nicola, poere e figgio, Tommaso, e un inspettoù.
In Zena, da ra Stamperìa dri Çittadin Frugoni, e C. su à Ciaçça dra Posta vegia, 1797
Da l'orig. conservao presso a Libraja de Stoia Moderna e Contempoannia de Romma
[ 1 ]



DIALOGO
SUCESSO NE A SALA
DRO CONSEGETTO DA INVERNO
Tra Bernardo, Allerame, Giosæppe, e Nicola,
Poere e Figgio, Tommaso, e un Inspettoù.



1797.




[ 3 ]

DIALOGO.

(Bernardo parla lentamente e nel naso)

(Bernardo où se leva da dormì de sprescia, e où va a çercà so frè scioù Allerame, che où s'andava a lavà a où bronzin do loeugo )

Sentî un pò, vorreì dì che façendo unna petiçion comme va, sciu ro gusto de nostre suppliche de quei tempi, oû Governo Provvisojo oû ne assolverà da a Tascia e oû ne libererà de chì, vedendo a nostra innoçenza?

All. Caô Bernardo voî ei sempre de sperançe cujose e foeua de tempo: voi seì, che sempre semmo stæti l'odio de tutti, che tutti ne dixeivan unna de noì, e stamattin ve ven in testa de sperâ co unna petiçion de ottegnî due cose imposcibili; no veddeì che chi ghe[sic] tanti povei diavi ciù innoçenti che noî, che soffran in paxe a so disgrazia, e taxan; voì seì pù quante votte v'ho dito, ch'essendo mi Duxe me favi fà de stoppe e de prepotenze, per servì a (a) e vostre mire private: voi seì che me faççeivi vedde tutto sotto un bon aspetto, per favorì oû vostro scioû Giulio; voi seì che quand'erimo tutti doî in tri Collegi voeivì* sempre ottegnì per fas e per nefas tutto quello che ve metteìvi in tra testa con où pregiudizio dro povero diavo che no poeiva spende ec. ec. e con tutte queste bagatelle in corpo porrei sperà che unna petizion aouà a ne serve? Caoû non son ciù quelli tempi per ottegnì quello che vorresscimo, beseugnereiva almeno aveì cangioû vita in tempo.

Ber. Ma caoû scioû Allerame aspettê aora a fàme de queste ramançinne, in vece de fàmere allora che era a tempo d'emendame?

Aller. Bravo. E chi poeiva mai contraddive? Où seì pu che se ve dixeivo quarcosa, ve favi vegnì rosso come un bisscion (e l' è quando vorreivi sostegnì unna caosa persa), e pretendeivi d'avei a scienza infusa, de saveì tutte re lezzi a memoia, e mi che non vorreivo rattelà, e che non [ 4 ]aveivo ste qualitè o sempre ceduo credendove un sapienton; ma aora tocco con man cao Bernardo, ma tardi, che erì* un C... , comme mì.

Ber. Oh a aoû passaoù non gh'è rimedio: l'è inutile de fa tra nui duì de ste questioin: me façço dà ra penna e ou caramâ dall'Inspettou e vedreì se savèrò ancora mette insemme quarcosa de bon per sarvame almeno dall'odio da Naçion.

Aller. E cosa pretenderesci de fa? avertî veî che mi non voeuggio esse ciù imbaraççaou in ti vostri pastissi; se semmo dæti doù ridicolo tanto che basta.

Ber. Dunque anche voì v'unì a tutti i âtri de dentro e de foeura contro de mi? Ghe mancava anche questa, a tutte a e me disgraçie: seì un frè veramente ingrato: bella recompensa me dè per aveì fæto de tutto per fave diventâ Duxe.

Aller. Cao tra voì e Baciccia m'ei rovinaou tanto che basta a e mi n'ho abbastanza di vostri intrighi.... Ma spieghæve un pò; cosa intendeì de fa con questa vostra petiçion?

Ber. Ninte âtro che provà a oû Governo che mi son sempre stæto de genio franseize, e così schivâ a ta(ç)scia, che n'han imposto e fase liberâ de chi dentro.

Aller. Oh oh oh me faresci rie senza aveine voeuggia! voì pretendeì de da ad intende questa boxia così grossa a Zena che ve conosce coscì ben? Me pareì a session troppo longa che emmo fæto chì dentro, a v'ha feto, vortâ e çervelle? E non seì che è ciù façile a mi, de dave ad intende a voì che l'è sguaou un'Ase, che voì persuade où Governo de sta boxia?

Ber. Ma non seì che gh'ò unna preuva çerta e segura dro mè genio pei franseixi, e che chi in questa sala gh'o i dui testimonj che son seguro che me faran ou piaxei d'atestâlo.

Aller. E chi elan mai qaesti* dui Balloin, comme voì, che voeuggian esponnise a fàse odiâ sempre ciù da tutti, assegurando unna boxia coscì manifesta?

Ber. Disnan tutti duì con nuì e non i connosceì? Lagomarsin e Ceronio. Vedreì, vedreì scioù Allerame che preuve an da ese queste: Sentì mi gh'o studiaou tutta ra neutte, e spero de fa unna giustificaçion senza repriche, vado a scrive [ 5 ]a petiçion, e poi ve a farò leze spero che v'unireì con mi ancon per questa votta. Ehi scioû Inspettoû, scioû Inspettoû.

Ins. Cosa vorrei Çittadin Bernardo con tanta sprescia?

Ber. Vorreivo ro caramà, e a penna per scrive unna petiçion.

Insp. Aggè paçiença Bernardo ma aora se ne serve un'âtro; comme ou l'averà finio ve ou darò a voì.

Ber. Beniscimo (passeggia brontolando con la marsina corta, berettino in testa il tutto sporco di tabacco di spagna).

Insp. Piggié Çittadin Bernardo, chi gh'è ou caramà, e ra penna, a carta gh'e[sic] l'eì?

Ber. Scioû Inspettoû mi oû ringrazio da carta: gh'o a carta bollâ (scrive).

Cer. Tommaxo dine un po; cosa où scrive stamatin coscì de bon oa Bernardo Pravvexin?

Tom. Mi non ve ne so dì ninte; ou machina tutto ou giorno per busarà ou prossimo mi me ne creddo; ou l'ha sempre fæto coscì, za ti oû sæ, ma porreiva daçe[sic] che ou feççe qualche petiçion pe a tascia.

Cer. In grazia de quei birbi lì, noi âtri semmo chì dentro, e quello poveo diao de Foppian ascì: basta pazienza; a nostra innocenza un giorno a sarà conosciua,

Ber. (Ha finito di scrivere, e si avvia frettoloso col foglio in mano ricercando per la sala con le braccia larghe il Fratello, e dice:) Scioû Allerame, Scioû Allerame vegnì chì, vegnì chì lezeì, guardè se son ancon un ommo da porreì fa un O con unna canna.

All. (Legge attentamente e poi dice:) Bravo Bernardo, bravo non me credeivo mai ciù che arrivasci a tanto: questa a l'è unna preuva indubitata: Ma.... sei poì seguro che quelli doì che nominè ve voeuggian fa ou piaxei d'accusaçe lô per sarvave voi? mi me a stento a credde.

Ber. A veritê a ri deve stimolâ, e poi non son tanto avvertii do zughetto, che mi ghe façço; basta che se salvemmo noì, poi ri atri, che ghe pensan: Ceronio Poere oû l'è un bon onmo, e Lagomarsin, per fame piaxei ou fareiva de tutto. A porto a l'Inspettou. Ehi Sciou Inspettou, Sciou Inspettou?

Insp. (Che seccata). Cosa vorreì Çittadin Bernardo?

Ber. Bezeugna fame ro piaxei de da per mì questa petizion a ro Governo Provvisorio. [ 6 ]Inspe. Ma cosa a riguarda?

Ber. Scià leze, e scià vedrà. (prende tabacco.)

Insp. (Legge. Intanto Ceronio Figlio osserva per di dietro il contenuto, e vedendovi inserito il nome del Padre prorompe dicendogli:)

Cer. Fig. Cos'ela sta baronata? Cosa gh'intra in ta petiçion de Bernardo ou nome de me Poere?

Insp. (Dà la petizione a Ceronio e dice:) Lezei mostræla a vostro Poere e dime se ou le[sic] contento che a mande a ou so destin?

Ber. O contento, o non contento veuggio che a se daghe.

Insp. Me maraveggio ben ben de voi Bernardo, che parlè con tanta impertinença; me parereiva, che questo ou non fosse ciu ou loeugo de dì voeuggio, e non voeuggio: chì aora ghe son mì destinaou da ou Governo come Inspettou per sentì quello che occôre, e sença ou consenso de quelli, che ei insério in quello papè, non ou manderò mai a ou so destin. Ehi capîo Çittadin Bernardo?

Cer. Fig. Ou l'è pèatro un bello ardimento questo chì, de pretende de sgravase lè con aggravà d'unna supposta delinquenza ri âtri. Se voi ei ciammou me Poere quando eri a ou magistrato dei Inquisitoi, non l'ei ciammaou comme Bernardo, ma comme un dro magistrato per eseguì i ordini, che v'aveivan dæto, e coscì me pa che non ghe agge da fa ninte Lucco con Pelucco, e che porrei risparmià de rendive ciu ridicolo, zacchè tutti ri attestati dro mondo non ve giustificheran mai in faccia da Naçion, che ei assasscinaou per tanto tempo, e che a v'ha conosciuo sempre per un'anima neigra.

Lag. E mi cosa gh'intro in quest'affare, Sciou Bernardo? me parei scià se veou* servì dre me spalle per covercio? Eh non semmo ciù in quelli tempi no: aora e cose se veddan per ou so verso.

Ber. Mæ caro Sciou Tommaxo, scià sa pù, che ghe ne ho parlao prima, e che scia m'ha dito, che scìa non gh'a in contrajo? De raxon semmo amixi da tanto tempo.

Lag. Non tanta amiciçia, non tanta amiciçia a bon conto se non stava attento Ceronio con a so amiciçia scia me bugattava ben: anzi voeuggìo spartime da loro Signori Prepotenti: voeuggìo disnà da mì. [ 7 ]

Cer. Pad. Anche mì disnerò solo con me Figgio: ehi Nicola manda a dì a Steva Valle, che ou me mande ou disnà da parte, perchè aumanco non spenderemmo i nostri dinè sença saveì cosa se mangia: Bernardo, e Liame basta che se contentan lou, ri âtri i consideran comme scarpe vegie.

Ber. Dunque Sciou Inspettou scià me daghe a me petiçion che a farò dà da un âtro (riprende la petizione, e Ceronio gliela strappa dalle mani, e la fa in pezzi dicendo:)

Cer. Fig. Non a farei dâ ninte da un atro Bernardo, perchè se avreì tanta faccìa de fala dâ senza ou nostro consenso ne metterò insemme unna mì, che ve depençerà per quello che sei.

Insp. Finimmo questa bêga. Stæ segurì, che oû no a darà, e quando mai ou trovasse ou mezo, non dubitè che ou l'è conosciuo tanto che basta, e voì Çittadin Bernardo in vece de accrescive di nemixi de ciù, studiæ a giustificà, in atra manêa a vostra conduta, che con quella d'aggravà e personne, che meritan da voì tutti i riguardi, zacchè tanto e tanto in questo modo non arrivereì mai a persuade nisciun, perchè tutti san i miracoli da vostra vita e re belle azioin da vostra Famiggia, che a l'ha savuo merità tanto ben da a Nazion che seì diventê l'odio universale (apre la porta e parte.)

Ber. (Si occulta, e più non si vede, ognuno disapprova l'azione nera intentata dal Bernardo, e si passa a far colazione, e così finisce la scena.)