Cucina teorico-pratica

From Wikisource
Jump to: navigation, search
[ 359 ]
L'AUTORE.
____




Abbesogna amico mio a prim a prim de rengrazia tutte chille, ch'hanno compatuto chisto libro, e che m'hanno fatto sentì d'esserle piaciuto, e pe chesta accasione, m'hanno puosto a lo cemiento de stampà nauto libro, co' tant'aute jonte, e tant'aute belle cose, e tant'aute accommensandole da capo; com sarria chella benedetta lista de' quatto piatte a lo juorno pe n'anno sano, che l'aggio tutta cagniata, e pecchè l'aggio scritta co no poco de recenza maggiore, pe nò mme sentì da n'amico, e parente mio, che era bona gnorsì; mma ngiaveva schiaffato troppo baccalà pe li juorne de scammaro, mperzò naggio levato lu baccalà, ma po mme senteva dicere da llaute, gnori hai fatto meglio; e sennegghiuta a bonora la conomia; nsomma, pe levà li luotone aggio fatto porzì nauta lista pure pe n'anno sano, de' tre piatte a lo juorno veramente casarinoli, e accosì mme credo d'avè contentato a tutt', e rengrazianno co la faccia pè terra, t'appresento caro amico mio la cucina casarinola, che t'aggio mprommettuta, e che nge vuoje trovà dè bello, e de grazia tu mò? si è pe la cucina Teoreca-Pratteca, pe lu Repuosto, e tutto chelle che t'aggio scritto nnante, mme sonco spiecato primma, che la penna mia era poverella, e che pò trattannose de cucina, e Repuosto non se poteva ascì da cierti [ 352 ] tiermene pe te fa capì; si volimmo parlà de la cucina casarinola auh, che auto mbruoglio, speciarmente trannannola cò la lengua nosta. Li calapini l'addizionarj, chillo bello granno granno asciuto da poco cò tutti li tiermene, tutte le crosche, m' hanno fatto jire mpazzia; la capo chiù ncapo no nge stà è a fatto veramente seccia, mperzò compatisceme, e azzettane sortanto lo core, e lo pensiero, c'aggio tenuto pe te fa devertì, tanto co la cucina scritta co la lengua troscana quanto la cucina scritta co la nosta Napolitana. T'arraccommanno lo nomme mio, e governate.