Core nuosto

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Core nuosto  (1921)  by Gaspare Di Majo
Core nuosto

[ 1 ]

N. 90 TEATRO NAPOLETANO L. 1,20


Gaspare di Majo

CORE NUOSTO

1 ATTO


A Te, UGO mio,
cha non vedrò mai più
che non bacerò mai più.
queste povere scene
in cui
ancora ti sogna, ti sente, ti parla
la dolente anima
di papà tuo.



LE PERSONE:


Il Presidente
Il Pubblico Ministero
Rigo, usciere
L’avvocato difensore
1.° giurato
3.° giurato
Vincenzo Esposito «’a Verità» (35 anni)
Ntunetta, sua moglie (25 anni)
Nennella, loro figlia (7 anni)
L’on. Comm. Russo, avvocato
Polito, suo giovane di studio
Asdrubale Ranucci, portiere
Margherita Marasco, stiratrice

Il cancelliere, tre giurati, due carabinieri che non parlano



Libreria Editrice Teatrale TOMMASO PIRONTI

Napoli - Piazza Cavour, 70 - Napoli [ 2 ]

L’ambienteCorte d'assisi. La descrizione èsuperflua. Presidente nel mezz. A destra: il P M.; più avanti il banco dei giurati, dei quali si vedono solo cinque, gli altri sono nascosti dalla quinta. A sinistra: il cancelliere, più avanti la gabbia con l'accusato: ai due lati carabinieri. In mezzo, con le spalle all’ imputato, l'avvocato difensore, sul davanti, con le spalle al pubblico, ’Ntunetta e Nennella, sur una scanna. Una bassa ringhiera in ferro chiude la scena sul davanti del proscenio. — Destra e sinistra dello spettatore.


SCENA PRIMA

Presidente, Pubblico Ministero, Cancelliere, Usciare, Avvocato, Giurati, Esposito, ‘Ntunetta, Nennalla, Carabinieri

Pres. (ai giurati come concludendo) ... questo è il fatto. Ripeto: è cosi semplice che a momenti di direbbe superfluo il dibattimento. Il delitto è Flagrante. Il reo confesso. Posso assicurare ai Signori giurati che in mezz’ora avranno bello che assolto il loro compito

1° giurato. (si alza e ringrazia goffamente) Eccellenza. (si siede e mormora al 2° giurato) E' una squisitezza.

Pres. (all’imputato) Vincenzo Esposito, alzatevi. Raccontate ai signori giudici del fatto quanto pensate possa menomare la vostra colpa.


SCENA SECONDA

L'on. Russo, Polito, e detti

(L'on. Russo è un bell’uomo, asciutto e sbarbato. Veste con grande eleganza e signorilità. Entra, padrone dell’ambiente come in casa propria: venendo da destra accede al pretorio. Saluta con gesto e dignitoso prima i magistrati, poi i giurati. Stringe la mano al Presidente ed al P. M.) Eccellenza. Signori. [ 3 ]Pres. (Stringendogli la mano e sorridendo). Commendatore, scommetto ch’è la prima volta che vi trovate in questi panni.

Russo E mi auguro sia pure l’ultima.

P. M. (Una brutta facoia arcigna dal sorriso cattivo. Voce sgradevole, aspra, aggressiva : impersona il vecchio tipo d’incrollabile Pubblico accusatore). Onorevole, volere o non volere oggi siamo alleati!

Pres. (sorridendo). E anche questo per la prima e per l’ultima volta.

Usciere. (corre a porgere una sedia all’onorevole : la spazzola con premura, s’inchina umile): Onorevole...

Russo (sedendo). Grazie, Rigò.

Pres. Accusato. La parola è a voi.

Esp. (35 anni : asciutto, abbronzato, pallido : riso tutte occhi: occhi tutto dolore. Rude e semplice. Anima primitiva e trasparente. Comincia a parlare a voce bassa, esitante, poi col fuoco della passione intima. Quando non parla guarda Nennella e ’Ntunetta, sorride alla piccina con un sorriso ch’è straziante su quel viso d’ambascia). Eccellenza...

Pres. (indicando i giurati). A quei signori là, non a me.

Esp. (ai giurati). Eccellenze... Io nun saccio ch’ aggio ’a dì. Io nun saccio nè leggere nè scrivere. Io nun saccio parlà assai.. a parlà ’nnanz’ a tanta gente! Io me chiammo Vicienzo Esposito. Però me chiammano Vicienzo d’ ’a Verità, pecchè aggio ditto sempe ’a verità.

P. M. (ghigna crollando le spalle e ammicca al primo giurato).

1. Giur. (scuote la testa come incredulo).

Esp. Ma mi chiammo Esposito. Songo figlio d’ ’a Madonna. Nun aggio mai tenuto nè mamma nè pate. So’ stato cresciuto ’a no tagliamonte. A seie anne purtavo già prete e sta spalla cca era scurteccata a ssango. Po’ fuie pure io tagliamonte. Chesto è tutto ..

P. M. (ai giurati). Chi nou giurerebbe che è una vittima del destino?

Esp. (con umiltà, come domandando). Eccellenza? [ 4 ]P. M. Niente, niente, avanti.

Esp. (smarrito) Dicevo?

Nt. (segue il marito nella sua difesa come suggerendogli le parole, con gli occhi immobili, fissi su lui, a volte muore le labbra, afone) Cu ire tagliamonte...

P. M. Silenzio voi! (al Pres) Ill.mo Presidente, La prego.

Pres. (a nt.) Buona donna, se non tacete vi faccio mettere fuori.

Nt. (umile) Gnornò, Eccellenza, me sto zitta. Me sto zitta.

Esp. Perdunatele, Eccellenza, è ’a stessa ansietà.

Russ. (a Polito) Polì... tu sai che non mi sento a posto!

Pol. (un vecchietto biondo e lustro: tutto inchini: porta una grossa busta di pelle) (Onorè, a momenti ci patite ad essere parte lesa...)

Russ. (sorride quasi consentendo)

Esp. E... e fece ’o tagliamonte. Chesto è tutto. M’hanno valuto da’ n’avvocato d’ufficio, ’o ringrazio co tutoo core, ma a che serve ? Aggio fatt’ ’o male. Aggio fatto male assai. ma S. Vicienzo m’ha fatt’ ’a grazia... Chillo povero signore s’è rimesso e io le cerco perdono ciente vote. Ma ’o male l’aggio fatto. L’aggio ’a pavà. A che serve l’avvocato? So duie anne ca sto carcerato e sto lontano d’ ’a casa mia. Forse bastano. Forse nun bastano. Sarrà chello ca vo’ Dio. Sarrà chello ca vulite vuie. Vuie site tutte eccellenze che sapite leggere e scrivere e tenite figlie e tenite core e nun me putite vulì male...

Russ. Accusato, voi deviate. Al fatto.

Esp. (con ingenua meraviglia) Ma ’o fatt’ o sapite e già l’avito ditto. Che ’o dico a fà, io?

Pres. E’ necessario. Sbrigatevi. Su.

P. M. (ghignando) E’ innocentino. Non lo sa il poverino!

Russ. (a Pol.) (E’ un bell’esemplare d’uomo primitivo. Ma è sincero. Chisto o esce stasera o finisce ’ngalera. E’ questione e’ ’a difesa nun m’affida!)

Pol. (Onorè, ’o vulisseve difendere vuie?)

Esp. ’O fatto è chisto. Quanno spusai a ’Ntunettella [ 5 ]mia allora accuminciaie la vita mia: p’ ’a primma vota tenette na casa mia, nu letticciullo mio... (a ’Ntun.) Te ricuorde ’Ntunè?

Nt. (con grido dell’anima) Core d’ ’o core mio.

P. M. Ma vi pare questo il luogo delle vostre svenevolezze sentimentali ?

Nt. (con accorata protesta) Pure chesto ve fa male?

M. P. Silenzio voi.

Esp. (dolce) Statte zitta, Nanè, statte zitta, (ai giurati) Na casa. ’O Paraviso. Nascette nu criatoro Papelucci: Po’ ne nascette n’ato: ’a femmenella: Nennella mia !

Russo (Polì, questa si sbrigherebbe in un quarto d’ora)!

Esp. Passaieno l'anne, felice, accussi... felice... Quanno nu luorno (tetro)... nu iuorno Papeluccio m’ afferra ’a mano e me dice : Papa... papà... E vuleva parlà e nun puteva parlà.—Core, Papelù! a papà tuio... che è? che è? Dì. Chiamm’ ’o miedeco. ’A miningìa. Sette iuorne. Io ievo ’a faticà pecchè, se sa, ’e denare squagliavano... e po’ nun m’ aspettavo na sciorta tanta nera... e ’o sabato a sera torno... e nun ’o trovo cchiù a Papeluccio mio... (rivivendo l'ora di follia) Papelù... capille d’oro... uocchie ’e sole.. core ’e papà tuio... carne d’ ’e carne mie, figlio, figlio mio, figlio mio perchè m' 'e lassato? Pecche? ’A morte s’ ’o pigliaie mentre papà suio nun ce steva. No, figlio d’ oro mio, no... ca si ce stevu papà suio manc’ ’a morte... manco Dio te pigliava ! (una pauna affannosa).

Rus. (approvando) Bravo..

Pol. (tirandolo per l'abito) Onorè.

Ntun. (ha seguito il racconto, trascinata dal ricordo: piange ora di un pianto soffocato tra le palme).

Nenn. (l’accarezza confortandola). (Un breve silenzio colmo solo di quel pianto).

Esp. Passa nu mese, nu mese giusto. Nu lunedì Nennella me chiamma, e teneva ll'uocchie d’ ’o spavento, e me stregue ’a mana, tale e quale comm’ a l’ ato — « Papà, papà!» E vuleva parlà e nun puteva parlà.. ’O miedeco... ’A miningìa... [ 6 ]Comm’ a l’ ato... Mamma d’ ’o Carmene... Ah no, ’sta vota nun m’ ’a faccio arrubbà ’a figlia mia, ’o core mio, ’a vita mia... Lassai ’a fatica... nott’ e juorne vicino ’o letticciullo suio. Passai nu mese...... Miedece , medicine, ghiaccio in continuazione, vennettemo ’nfì ’a lana d’ ’e liette.

Na sera ’o miedeco dice : Mbè, non dispero, chesta è n’ ata ricetta : na specialità. Speditela da Lanciotti. Costava vinte lire... E manco nu soldo dint’ a casa. ’A dieci iuorne magnavamo solo pane... ma chest’ò niente... ’a medicina... ’a medicina... Scuraie notte, ascette, pe’ fa’ che ? Nun ’o saccio. Ascette. Chesto sapevo che avev’ ’a turnà c’ ’a medecina. Che fece? Nun ’o saccio. Nun m’ ’o ricordo ’ncopp’ ’a Vergine santissima. Vedevo a Papeluccio muorto, vedevo ’ a Nennella morta, quanta sciure, quanta sciure, nun ’o saccio. Ma è certo c’ ’a medicina ’a purtaie e Nennella mia campa, ride, me guarda... Perdunateme, cundannateme, ma Nennella mia è viva, è viva, è viva e me guarda. Nun me mporta ’o riesto... (cade sullo scranno ridendo e piangendo nello stesso tempo)

Nen. (vedendo piangere il padre si stacca dalla mamma e corre alla gabbia tendendo le braccia a Esp.) No papà... papà... non fa accussì...

Esp. (si scaglia verso lei, si accoccola, l'abbraccia attraverso l'inferriata, tenta baciarla, in faccia, le bacia le manine) Gioia... gioia... gioia mia.

P. M. Togliete quella marmottina di là...

1° giur. (al 2°) Teatralità...

2° giur. (accenna di sì e parla al 5°).

3° giur. Montature... (riprovando).

4° giur. (afferma col capo).

Un Carab. (prende la piccina e tenta staccarla dal padre)

Nenn. (svicolandosi, gridando, piangendo) No... no... io voglio a papà... Papà... Papà...

Esp. (balzando come una belva alle sbarre che afferra e scuote furente, improvvisamente trasformato in aspetto feroce) Lass’ ’a ì... lass’ ’a ì santa Maronna o te sbramo! [ 7 ]Pres. Calma calma.

Rus. Presidè mi pare che poi non sia un delitto.

Pol. (tirandolo per l'abito) Onorè.

Rus. Che quella povera creatura stia là.

Il carab. (si arresta).

Pol. (c. s.) Onorè.

Rus. In fondo in fondo è più infelice che colpevole...

Pres. Ma la legge...

Rus. (sorridendo bonario) La legge... la legge fa chello che vo'.. (piglia lo bambina e l'accosta allo gabbia).

Esp. (abbraccia la bambina con passione, guardando Russo con occhio colmo di dolce stupore).

Pol. (c. s.) Onorè.

Rus. (nervoso) Polì tu che vuò!

Pol. Onorè voi siete la parta lesa e non l’avvocato difensore...

Rus. (Oh diavolo... me n'ero scurdato!)

Pres. Onorè non vi accomodate. Giacchè state allerta onorateci. La parola è alla parte lesa.

Rus. (avanza, siede, un silenzio). Ecco qua. Signori giurati... La cosa è semplicissima. Tornavo dal circolo : era mezzanotte. Avevo perduto qualche soldino. Non ero di buon umore, evidentemente. Mi si avvicina un uomo e mi chiede...

P. M. ... il portafogli.

Rus. No, veramente. Venti lire. La proposta mi pare strana. Ripeto : ero nervoso. Per tutta risposta me gli avvento alla gola e chiamo al ladro.

P. M. Questo avventarsi alla gola non risulta dalla prima deposizione.

Rus. Lo aggiungiamo in questa. L‘ altro, alle strette, mi dà una piccola coltellata.

P. M. Piccola! Piccola! Ma leggiamo la perizia. L'on. Russo fedele alla sua missione di eterno avvocato difensore (è notoria la sua strana linea per la quale non hai mai accettato di rappresentare la parte civile) vorrebbe portare questa anomalia del suo spirito persino quando si tratta di una deposizione da teste! La piccola coltellata... fu tale tremenda pugnalata che tenne tra vita e morte l’on. avvocato! [ 8 ]Rus. Ma, mio eterno, programmaticon coutradittore la coltellata l’ho avuta io o Lei ?

P. M. L’ha avuta la società.

Rus. E vuol dire che so l’è meritata la società. Dunque, cado a terra. L’Esposito mi toglie il portafogli: prende le suo 20 lire e via. Dopo una mezz’ora la società di cui parla l’on. P. M. mi manda a raccogliere sulla via da un suo rappresentante sotto abito di agente dell’ordine.

P. M. Ed era svenuto, dissanguato, moribondo...

Rus. Morto ! Oh Dio non esageriamo... (ai giurati). E qui è tutto.

1° Giur. Povero Commendatore... (scuote il capo, parla sottovoce ai 2° giurato ohe la scuote a sua volta. Il movimento si ripete e si propaga sino al 6° giurato).

Pres. Grazie Commendatore (all’usciere). Chiamate il teste Ranucci.

Usc. (sull’uscio del fondo a sinistra onde escono i testi) Ranucci Astrubale...


SCENA TERZA

Asdrubale Ranucci e detti

Asd. (d. d.). Presente (fuori). Presente.

Pres. Vi chiamate?

Asd. Ranucci Astrubale, fu Rocco, di anni 60, vedovo senza prole, da Napoli, già flebotomo, ora portiere.

Pres. Bravo! Siete parante dell’imputato?

Asd. (con gravità) No, Eccellenza.

Pres. Dite appresso a me : Giuro..

Asd. (con contegno) So. So, Eocellenza. Giuro di dire la verità, tutta la verità, niente altro ohe la verità.

Pres. Sedete e raccontate ai signori giurati quello che sapete.

Avv. dif. Eccellenza, il fatto inoontrovortibile è tale che non ha consentito ad un difensore di ufficio una larga scelta di mezzi atti a provare la verità. I testi, quindi, non sono chiamati a deporre sul fatto in se stesso ma sulla petizione speciale della informità parziale di mente del giudicando, [ 9 ]tando da prove che gl’illustrissimi signori giurati vaglieranno, anche se sventuratameute poche, risultando, dicevo, che l’imputato nella sera fatale era in avanzato stato di ubbriachezza...

P. M. (si frega le mani e ridacchia) Bene, bene... di bene in meglio.

Rus. (Polì, ina cheste so cos’ ’e pazze ! Che razz’ ’e difesa è chesta? Chillo tene quatto tre mmano e se fa fà cappotto?)

Pres. Dunque, Ranucci, dite.

Asd. Posso attesterò che l’imputato Esposito Vincenzo, detto d’ ’a Verità, nella sera del 25 novembre 1913 era avvinazzato e non sembrava sui compos.

Rus. (fa con la bocca gesto di spregio e di riprovazione e scuota la testa).

1° Giur. (ripete il gesto di Russo male interpretandolo, parla col giurato suo vicino che a sua volta ripete il gesto che si propaga come prima dall’uno all’altro).

Esp. (smette per un attimo di giocare con Nennella, fissa Asd. con commiserazione profonda, scrolla le spalle).

Ntun. (trepidante gli fa cenno di tacere).

Pres. Che cosa non era ?

Asd. Sui compos.

Pres. Cioè ?

Asd. Sui compos.

Avv. dif. Signor Presidente, il teste, pur avendo una cultura invidiabile non ha larga faciltà di trasformare le proprie espressioni.

Pres. E va bene!! Ditemi, Ranucci, come faceste voi ad accorgervi che l’iimputato Esposito era in istato di ubriachezza?

Asd. Ecco, illustrissimo sig. Presidente, posso attestare che l’imputato Esposito Vincenzo, detto Vicienzo d’ ’a Verità, nella sera del 25...

P. M. Mi che fate, caro il mio flebotomo, portiere, Ranucci: ripetete? No. Il sig. Presidente vorrebbe sapere in che modo ve ne accorgeste.

Asd. Ho perfettameute compreso, illustrissimo signor Procuratore Generale del Re. Posso attestare che l’imputato Esposito Vincenzo detto Vicieuzo d’ ’a Verità, nella sera del... [ 10 ]Pres. Ma lasciate andare, Ranucci. Rispondete categoricamente. Voi siete il portiere della casa in cui domicilia Esposito Vincenzo!

Asd. Sissignore, Eccellenza. E posso attestare che l’imputato Esposito Vincenzo, detto Vicienzo...

1° giur. Ma tenite ’a capa tosta! In che modo ve ne accorgeste? comme ve n’addunasteve, va...

Asd. Illustrissimo signor giurato, giudice popolare, io posso attestare ohe l’imputato Esposito Vincenzo detto Vioienzo d’ ’a verità, nella sera del...

1° giur. (fa un gento di scoramento che si propaga agli altri come sempre).

Pres. (all’avv. dif.) Avvocà... tentate voi, per cortesia.

Avv. dif. Ranucci, prestate attenzione, il sig. Presidente vorrebbe sapere in quale modo avete potuto rilevare che...

Asd. Signor avvocato ho compreso perfettamente. Non sono un idiota. E posso attestare che l’imputato Esposito...

Pres. (sulle furie) Basta... basta... ritiratevi, i signori giurati sapranno in che conto tenere questo pappagaleggiare.

Asd. (inchinandosi successivamente a tutti) Eccellenza, Eccellenza (va a prendere posto a fianco a ’Ntunetta).

Pres. (all’usciere) La teste Marasco...

Use. (sull’scio) Marasco Margherita.


SCENA QUARTA

Retella e detti

Ret. (d. d.) Presèeeente. (fuori) Buongiorno a tutti. Buongiorno ’o ccellenza sig. Presidente (al P. M.)

P. M. (accenna al Pres.) Là... là...

Ret. (al Pres.) Bongiorno ’o ccellenza. Cca sta Ratella vosta. Vuie lle date ’e cumanne e essa ve sèvere.

Pres. Va bene. Dì: come ti chiami...

Ret. Uh Giesù... mo v’aggio ditto. Retella, stiratrice, sa pi to, ’a ret’ ’e giardinette, confromme scennite d’ ’a Stella... veue ’o pero ’o lattere cca sta ’a [ 11 ]sia oca ’o panettiere, oca ’o pulliere, cca ’o pustiere, po’ nu portone c’ ’o guardaporte cu n’uoccbio cecato (’o chiammano Paparascianno) e po’ a puteca ’e Rotella vosta. Presidè ma si ’o Ccellenza m’onora, ’a là nun esceno cuolle o cammise stirate, esceno purcellame.

Pres. (che ha fatto cenni perché taccia) Figlia mia e sputa, piglia fiato, si na terocciola , nu rubinetto ’e chiacchiere.

Ret. ’Ccellenza, dice ’a canzone: « Tre vizie teng’ ’a cuorpe a mamma mia » « E’ chiacchiere, ’a tuletta, ’a gelusia ». « Ma p’ ’e maltrattamente ca me fa ».

Pres. Nennè, va bene, va bene. Dunque ti chiami Marasco Margherita è vero? Dì?

Ret. E io aggio ditto.

Pres. Dì... ?

Ret. Po’ dicite ca io chiacchiareo ! E me stuzzicate dì dì.

Pres. Come si chiama tuo padre?

Ret. Francesco Cuoseme Marasco, soprannominato ’int’ ’o quartiere... Ceellenza.. io me metto scuorno d’ ’o dì.

Pres. E lascia sta : non è indispensabile ai fini della giustizia...

1° Giur. Ma non si potrebbe sapere, bella ragazza?..

Ret. ’Mbe’... giacchè vulite accnssì... cu rispetto parlanno ’a faccia vosta... Jo chiammano ’o zuzzusiello...

Pres. Non è un bel nome !

3° Giur. Come dice che si chiama ?

Ret. ’O zuzzusiello... comme si fosse nu poco porcelluzzo, nu schifoso piccerillo, nu tantillo tantillo fetente, va !

Pres. Sta bene. E’ chiarissimo. Tua madre è viva ?

Ret. Ah no ! (commovendosi mano mano sino al pianto) Povera mammella. Murette. Teneva diece anne io. L’ultimo ’e carnevale. Lle venette na freva ’e cavallo, ’o miedeco lle dicette ’e nun magnà. Essa nun mugnaie, ma pruvaie sulamente: na fell’ ’e lasagna, na brasciola, nu saciccjo cu ’e putanelle, nu poco ’e sanguinaccio, nu fenucchio duie rafanielle, na pall’ è Gragnano. Murett’ ’o primmo ’e [ 12 ]quaresima. Uno cchiù ferracavallo ’e llato. N’avesser’ ’a murì quante se ne coccano ’a sera.

Pres. (sboffa), Bè, va bò. Tu non sei parente dell’accusato ?

Ret. Gnornonsignore.

Pres. Dì appresso a me, Giuro.

Ret. Giuro..

Pres. Di dire, tutta la verità, niente altro che la verità.

Ret. (ripete poi sputa a terra).

Pres. (subito) Nennè nun sputà. Me capisce?

Ret. E che ce sta de male?

Pres. Tu me capisce. O c’ ’a sputazza o senza sputazza sempe ’e giurata ’o ssa.

Ret. Abbasta ca po’. Quante ne pensate Eccellè.

Pres. Siedi là e dì quello che sai ai signori giurati.

Ret. Ecco cca (fa per sedere, nel voltare alla gabbia vede Esso): Premettete? uh don Viciè, cumme state? Maronna ’e Munzerrate, come ve sito strutto. E mena mo, ’e che ve mettite appaura? ’Ntunè nun me fà sta faccia 'e dama piangente. Ah. Maramè tè, tutte sti ricche signure teneno ’a faccia d’abbunnanza e d' ’o bon core... te n’ ’o marinano, te n’ ’o mannano...

Ntun. Angelo ’a vocca toia, Retè.

Ret. T’ ’o prumetto io pe loro. (E’ ’o ve’ neh signurì?) E stasera faci ionio uno sciacquitto!

P. M. (che sinora progressivamente ha dato segni di impazienta scatta) Insomma, ragazza.

Ret. ’Un ve pigliato collera, ’un ve pigliate collera, capite? Carcere e malattie se cunosceno amice !

Pres. Siedi.

Esp. (In questo frattempo ha parlato con la piccina, l'ha accarezzata, l'ha baciata, ha riso con essa, le ha riscaldato le manine col fiato) Vuo’ bene a papà tuio?

Nen. (baciandolo con passione) Assai assai! Quanno tuorue ’a casa? Si sapisse comme pare brutta senza te! Tuorne stasera?

Esp. Papà non ’o sape.

Nen. E chi ’o sape? [ 13 ]Esp. Chillo là e chillo là (indica il P. M. e Russo).

Ret. Signori giudice e presidente, vuie m’ addimmannate e io rispongo.

P. M. Vi risulta che la sera del 25 novembre l'Esposito fosse ubriaco?

Ret. Mbriaco? mbriaco? Chillo era nu peretto, nu varrile, nun se reieva, feteva a cca là e io stessa l’ aiutaie a saglì p’ ’a rariata.

Esso (fa con le mani il gesto di chi domandi il perchè di tante menzogne).

1° GIUR. Be’, be’, (scuote il capo con riprovazione e parla al secondo. La parola e il gesto si propagano nel banco).

Russo (a Pol.) A me induvina chi m'impensierisce? Chillo cap’ 7e vacca là (accenna al 1° giurato) Isso ’mbruseineia e chelli quatto crape vanno appriesso a isso. E’ nu pericolo.

Nen. (è andata al P. M. e lo tira per la toga) Signorì? Signurino bello? Ecellenza? Papà torna stasera a casa?

P. M. Se la giuria non tradisce il suo mandato non torna nè stasera nè per molti anni.

Nen. (piagnucolosa e indispettita) Brutto ! Brutto ! Quanto è brutto !

P. M. Io ritengo che la difesa possa andar lieta della deposizione.

Avv. dif. Francamente, sì.

Russo (Brava la bestia!)

P. M. E l'accusa pure! (si stropiccia le mani).

Russo (Polì, quel giovine pollastrello che si pretende avvocato è un pozzo di bestialità. Comme ommo e avvocato guardannolo io me metto scuorno d’essere ommo e avvocato !)

Ret. Mbè? Nun ve serve auto? Nient’auto ? Solo chesto ve serveva ? E che scuorno è ? Mo mme tovo cca. Iammo bello ia'. Dicite. Ve occorre quacc'ata cosa ? Mo ce trovammo.

Pres. Marasco, ritiratevi.

Ret. Bongiorno ’occellenza (ai giur.) Bongiorno. (con sorpresa di fronte al 1° giurato) Uh ssevero... Don Pascalino sta cca! Comme state? E ’a signorina? [ 14 ]A Rricuccio le so’ crisciut’ ’e diente ! Miscione tene ancora ’o vizio e s’arrubba ’a carn’ ’a dint’ ’o tiano!

Pres. Marasco!!

Ret. Scusate, Presidè... me ne vaco, (al 3° giurato) Me fa proprio piacere ’e ve vede’ : salutatemi ’a signurina. (a tutti) Signori a tutti, schiavuttella vosta o p’ ’a mana attuorno. (va a sedere vicino a Ntunetta),

Nen. (vicino a Russo, gli bacia la mano con ripetuti piccoli baci).

Rus. (si volta a guardarla : dolcemente) Che vuò, teterene’?

Nen. (supplica, stringendogli la mano tra le sue) M’ ’o manuate a papà ’a casa mia ?

Rus (grave e malinconico) Figlia mia, si dipendesse ’a me...

Nen. Ve fece male papà ?

Rus. (scuote le spalle e l’accarezza) Ba’!

Nen. E perdunatele pe’ me.

Rus. (la fissa, le accarezza i capelli, pensieroso).

Pres. La richiesta della pubblica accusa?

P. M. Tentato omicidio, premeditazione, porto indebito di arma insidiosa.

Avv. dif. E la difesa : lesione involontaria, vizio parziale di mente.

Pres. La parola è al Pubblico Ministero.

P. M. (dopo un silenzio) Eccellentissimo signor Presidente, illustrissimi giudici del fatto, quasi sempre, nel prendere la parola da questo seggio cui spesso incombe un triste dovere, un’ansia turba il mio spirito. Il giudice teme di se steaso, chè si sa uomo e quindi fallibile. Non potrebbe egli ingannersi? Ebbene, oggi, lucida eccezione, nessun’ansia è in me nel farvi da guida alla ricerca dal vero, poichè il vero mi si mostra fiammante, poichè mai come in questo caso il delitto accusa se stesso. Non è quindi necessaria una lunga disquisizione: da essa mi esentano e la evidenza del misfatto, d’altra parte confesso, e la intelligenza della giuria che dà sicuro affidamento di serena difesa dei diritti della società offesa. [ 15 ]Rus. (Pure chist’è luongo sa!)

Ret. Nun aggio capito na spaglieccola !

Asd. (con sussiego) E’ il preludio.

Nt. (trepidanti) ’A Madonna le tuccasse ’o cure.

P. M. Esposito. Lo dice il nome a torto aureolato di compassione o di tenerezza. Il trovatello sè è un miserabile è pure un pericolo sociale in germe poichè evidentemente è il seme maledetto figlio d’una donna corrotta senz’anima di madre e d’un uomo perfido senza cuore di padre, poichè e l’uno e l’altro lo abbandonarono. La società dovrebbe sopprimere i trovatelli, come si ammazzano i lupatti, adulti saranno la flora delle patrie galere! E Vincenzo Esposito conferma la fatale teoria.

Ret. Ma che dice?

Asd. Zitta, tu nun capisce niente.

P. M. Vincenzo Esposito è il più spiccato campione di quei bassi fondi della vita civile che deturpano la fama di questo povero Mezzogiorno d’Italia.

Esp. (cessa di scherzare con Nennella e presta ascolto)

P. M. Vicienzo d’ ’a verità! Come se noi non sapessimo che nella mala vita molto spesso il soprannome suona ironia. Ciro ’o monaco, l’ eresiarca, Totonno ’o scemo, un prodìgio di malizia, Vicienzo d’ ’a verità, il bugiardo, il mendace per eccellenza, l’artista della menzogna. Ancora peggio, eccellentissimi signori giurati: il sacrilego. Non crediate che qui la difesa sia organizzata dall’avvocata di ufficio inchiodato da un sacro dovere a qual tavolo, no, la difesa è stata sapientemente imbastita da quel mostro di sagacia criminale ch’ ò chiuso nella gabbia dei rei. Tutto quanto qui si svolge è commedia ed eccone là ebete, stralunato, meravigliosamente stupito il traculento autore, Vicienzo d’ ’a Verità. La malattia della bambina? chi l’ha attestata?

Nnt: (scattando) Madonna santa, io!

P. M. Tacete voi. Chi ne ha parlato? Nessuno. Trucco la bimba malata, trucco, la medicina delle venti lire, trucco la moglie qui piangente in udienza. [ 16 ]1. Giur. (approva, e gli altri giurati con lui)

P. M. Di tutto egli si serve, tutte le vie della commozione egli conosce, dinnanzi a niente arretra. Alla difesa del suo volgare delitto mobilita tutti i suoi, fino al sacrilegio. E persino il povero morticino, il misero cadaverino del figliuoletto estinto è trascinato quil per giustificareo l’ orrendo misfatto paterno. Il beone, l'ubriacone non ha esitato neppure innanzi alla piccola bianca tomba innocente.

Esp. (strozzato dall’ira e dal dolore, più che altro offeso) Che dice?

P. M. Ha smosso con unghie di iena il breve sepolcr fiorito di rose d’ogni mese e di grisantemi.

Esp. Stateve ritto.

P. M. Ha disotterrata la piccola bara.

Esp. Zitto.

P. M. L'ha schiodata , ed ha portato quì Papeluccio l'innocente angelo di candore , perochè dica che il padre è buono, è onesto, è laborioso.

Esp. (mordendosi la mani e scoppiando in lagrime di dolore e di rabbia). No, no, no, no.

P. M. Menzogna, menzogna. Anche quel pianto è menzogna. Della malattia della piccina nessuno in questa udienza ha parlato tranne gl’interessati. Ma i testimoni, (e notatelo cittadini giurati sono tutti testi in discarico) che cosa affermano? Una sola cosa : ch’gli era ubriaco fradiicio, colmo sino al gozzo, luridamente, sozzamente ubriaco. Vogliamo ammettere che la bimba fosse moribonda? E ammettiamolo. Ma allora quella ubriachezza diventa anche più vergognosa. Egli va alla cantina, beve, beve, e beve. Ma ancora ha sete. Danaro gli occorre. Passa... chi passa? L'on. Russo. Il Comm. Russo, lustro del nostro foro, avvocato principe d’Italia, rientra a casa dopo l’onorata giornata di nobile lavoro. Il galeotto s’ appiatta, l’afferra, lo soffoca, lo sventra col pugnale affilato, lo deruba, scappa via. Questa è la aausa, questo il fatto, questo è il delitto, signori giurati. Punire non èun diritti» cui ci si possa sottrarre è un dovere [ 17 ]cui si deve obbedire. Qui si tratta di mancato omicidio con premiditazione, e però quando l'Ill.mo sig. Presidente vi domanderà se vi fu volontà omicida dite di sì, di sì. Se ci fu premeditazione dite di sì, di sì. Reclusione, segregazione pei bruti, pei sanguinari, per l’indistruttibile semenzaio della mala vita. Sì ! Sì !..

Nenn. (pietosamente, verso i giurati, scuotendo alto le munirne) No... no... no...

Ntun. Che core! Che core!

i. giur. (scuote il capo verso il P. M. come chi aderisce e gli altri dopo di lui).

Russo (Caro Polito, questo era da prevedersi).

Polito (Chi sa ?)

Russo (Guarda ’o cap' 'e vacca e vi’ si me sbaglio. Te dico è fritto, caro Polito)

Esp. (si erge con gravità) Presidente, Eccellenza .. na parola.

Russo (Eh.. è fatto Pasca cu sti vviole!)

Esp. Una parola. Chillo signore là ave ragione. E’ giusto. Cca ce sta na buscia... Ma l'hanno ditta ’ll ate.. nò io.

Ntun. (subito) Statte zitto, Viciè, statte zitto. Aspetta.

Esp. Nun voglio aspettà nisciuno e niente. (con nobiltà) ’A verità!

i. giur. (si leva e dopo lui altri con ansia muta)

Esp. Io nun putevo stà vippeto ! Io nun bevo ca acqua. Songo astemio. Nun aggio mai vevuro in vita mia. Addimannatelo a chi vulite. (un breve silenzio) Muglierema, l'avvocato m’hanno ditto: «Statte zitto». Io nun voglio stà zitto. Giuro ’ncopp’a vit’ ’e Nennella mia ca ero in sè. (siede).

Russo (E’ na bella complicazione !) (Un silenzio imbarazzante).

Avv. Dif. Illustrissimo sig. Presidente, comandato da l’E. V. a difendere l’Esposito obbedii. Ma l'E. V. converrà che col contegno dello imputato ogni mia opera sarebbe nulla. Si salva un naufrago, non un suicida. A me non resta che affidare la soluzione del difficilissimo e pietosissimo caso alla coscienza dei signori giurati, (via dal fondo). [ 18 ]Russ. (’ndranghete !)

P. M. (ghigna e si stropiccia le mani).

Pres. (malcontento). Bah, e allora dichiaro chiuso il...

Russ. Un momento sig. Presidente, uomo, avvocato rappprasentante della nazione io non posso non protestare contro lo scempio che qui si fa del diritto umano.

Nenn. (sottovoce vicino a Russo). Bravo, bravo...

P. M. Ma onorevole, che intende Lei di fare?

Russ. (forte). Il mio dovere, nè sto quì per ricevere lezioni da chi che sia.

Ret. Guè, me piace ’o vicchiotto !

Nen. (carezza la mano di Russo).

Russ. Quando l’uno fa della sacra toga del giudice giacchetto da carnefice, quando l’ altro abbandona frettoloso quello della difesa e scappa, io sacerdote della Giustizia mi ergo giudice e censore e grido che qui si calpesta l’umanità in nome della legge...

Pres. Ma, Commendatore, io non posso consentire...

Russ. Che cosa, Eccellenza ? Nou ci conosciamo da oggi. Ci conoscemmo fanciulli, giovanetti. Federico, tu, m’intendi come io t’intendo. Ti manca la forma! Parte lesa chiedo la parola... (Ti farai complice di questo delitto morale?)

Pres. (Dopo breve esitazione) La parola alla parte lesa.

Russ. Grazie, signor Presidente. (Un silenzio, i giurati siedono). Giurati, giurati pochi minuti vi chiedo. Pochi è passato al posto della difesa ). Qui non è questione di legge è questioni di anima. Smettiamo il linguaggio sonoro da Corte di Assisi. Io non sono la difesa. Sono un uomo, siamo tutti uomini, signori giurati. L’egregio P. M. ha fatto persino il becchino per portare qui un piccolo cadavere contro un uomo che ha solo peccato di troppo amore. Vediamo, vediamo: signori giurati, ma che giurati ! Padri che siete chiamati a giudicare un padre, chi di voi non ha trepidato affianco ad una culla? Chi di voi non ha pianto lacrime di sangue su una piccola mano [ 19 ]arroventata dalla febbre? Chi non si è sentito impazzire al pensiero che da un momento all’altro quella boccuccia che diceva papà, potesse essere inchiodata pe sempre dal pugno della morte? Ricordate? Ricordate fratelli miei, l’insonnia, il martirio? Padri che avete pianto e sperato e, credenti, bestemmiato, e atei avrete creduto e pregato per miracolo di amore, se nel momento dell’ angoscia suprema vi avessero detto: «Per salvare questa creatura occorre rubare» avreste esitato voi?

P. M. Ma è l'apologia del reato!

Russ. No! E’ l’apoteosi della paternità! Ai farisei ed ai sadducei Cristo disse: Chi è senza peccato lanci la prima pietra. Io dico a voi: Sì, condannate quest’uomo: alla reclusione, alla segregazione, alla galera. Ma che il primo a segnare il tremendo sì sia colui che non ha mai sollevato sulle proprie braccia un bambino e non se n’è sentito morire di gioia, che non sè stato mai chiamato papà, che non ha visto a traverso l’infanzia il sorriso di Dio e che in cuor suo non sente che al posto dell’Esposito avrebbe parimente ucciso! Segni il sì primo chi non ha commesso nel suo cuore il delitto ideale.

Ntunn. Bello mio ! Bello mio...

Nenn. Bravo... bravo... (a bassa voce, con tutta l'anima).

Ret. ’A penna!

Russ. Quì è il lettuccio. Qui la piccina muore. Per salvarla ha bisogno di poche lire. Poche lire! E non vi è chi le dia: Non vi è! Incredibile e vero! Non vi è. La disperazione, quella sì, lo ubriaca. La follìa morde il suo cervello. Esce. Attende. Viene contro lui (con ironia) l'onorevole commendatore Russo! E’ ben sazio e rimpinzato l’on. Russo... ha pranzato al circolo! E il povero Esposito mangia solo pane da 15 giorni. Ha lautamente bevuto l'on. Russo !! E l'altro ha la gola disseccata dall’ansia. Ha perduto delle migliaia al macao, il Commendatore!! Ed all’altro mancano venti lire per salvare la sua creatura. Ha caldo nella sua Pelliccia il Commendatore!! E l'altro trema pel [ 20 ]freddo. Sono di fronte tutto l’egoismo umano e tutta l’ umana miseria. «Venti lire» mendica il padre. E l’onorevole, il commendatore , l’Epulone lo discaccia «Via.. via..ladro!» Oh allora il padie vede la sua piccina come il povero Papeluccio morta tra i fiori, chiusi gli occhi dolci, inerti le piccole mani, di cera il visino di madonna. Vede! E allora colpisce, ferisce... signori giurati, e salva la sua creatura. Perdio, cittadini giurati chi non avrebbe fatto lo stesso non è degno del nome di padre !

Nen. Bravo, bravo, (c. s.)

Ret. Embè, t’ ’o mmierete ! Te... (gli lancia un bacio con la mano).

Russo. Qui non è arringa d’oratore: qui è grido d’anima giurati. E’ l’umanita che vi parla cuore contro cuore. E’ colui che fu colpito dallo Esposito, che restò un mese tra vita e morte per lui, che vi grida :Mia, mia è la colpa.

P. M. (crucciato, sdegnoso, si leva e s’allontana brontolando).

Russ. Non condannate. Risparmiatemi questo rimorso. Le colpe dei poveri sono le colpe dei ricchi, l’ombra è un delitto del sole. Chi fu colpito e offeso vi prega, vi esorta, padri che mi ascoltate fatelo pei vostri bimbi che vi attendono, e vi sorridono, e vi baciano, e si agitano tra le vostre braccia o si stringono alle vostre ginocchia, in nome dei vostri bimbi assolvete... Un uomo che mai ebbe a chinare la fronte si reputa onorato di stringere la mano che lo colpì (stringe la mano ad Esp. che la bacia piangendo). Giurati, poco fa questa creatura (accennando Nennella che si stringe a lui) mi domandava che lo dessi il padre per stasera. Che devo io risponderle ?

1. Giur. (a poco a poco s’è commosso, ora si asciuga gli occhi col fazzoletto... gli altri con lui).

Russ. (commosso e solenne) Nennella; per mia bocca i giudici del popolo ti dicono: Stasera papà tuo sarà con te... Va, figlia. Va!

FINE