Chiacchiareata seconna nfra lu Cuorpo de Napole e lu Sebeto

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
[ 1 ]
CHIACCHIAREATA
SECONNA
NFRA LU CUORPO DE NAPOLE
E LU SEBETO
Autore G. F. protesta non avere eglì pubblicato la prima chicchiareata. Ma vedendo, il che modesto e saggio Autore della medesima non ha continuato. si è egli giovato di sua felice invenzione, e glie ne pretesta tutta la riconoscenza.



_____




NAPOLI 1820
NELLA STAMPERIA DELLA BIBLIOTECA ANALITICA
Strada Banchi nuovi N. 1.
[ 2 ]



L'autore sotto la salvaguardia della legge sulla ristampa, la presente operetta, che essendo ben' accolta, sarà settimanalmente continuata.

[ 3 ]
A dì 16 Agosto 1820.

C. de N. Bonni, Compà Sebè: Eccome ccà de retuorno tunno, frisco, e allerio cchiù de chello nche me partette da Napole.

Seb. Bemmenuto Comparone mio. E comme? me dice, ca te ne vaie pe tre o quatto juorne, e pò te sì stato fora cchiù de no mese? Addò te sì nfrociuto tutto stò tiempo?

C. de N. E chi te lo bbò conta? Aggio gerato la Lecca e la Mecca comme se dice. Aggio mesurato a parmo a parmo tutte le Provencie de lo Regno; e mme sò addecriato trovanno pe tutto na coietutene, no ntosiasmo, n’aunione ch’è no Paraviso. Pe le strade, a le Chiazze, e la campagna, int’a le Taverne, mmiez’a le Chiesie auto non stente ca benneziune a lo Rrè nuosto, a lo Prencepe, e a la Costetozione.

Seb. Addonca nProvencia non nce sò partite, non nce sò mbruoglie?

C. de N. Tu quà mbruoglie, e quà partite, vaie contanno? là nna partita schitto se joca da tutte, e non se canoscono aute carte ca chelle de la Costetuzione.

[ 4 ]I Giuvane, i viecchi, i quagliune, i miletari, i Preute, le mmogliere, le mmamme, le vavone, le zetelle, e nfi le mmonache tutte se chiammano co no nomme. - Costetuzione; e io mporzì nfocato co li Crauvne me so fatto Costetuzionale pe ttutte le pparte nzemmora co li quagliune meie.

Seb. Nc’aggio sfizio, ca io puro faciette la fonzione meia, joranno co tutto lo core de conservà sta bella Costetuzione, ca li Palermetane nn’hanno conosciuta.

C. de N. Nproposito de Palermetane, si bedisse quà fermiento nnc’è nCalabria contro chisse lloco: volarriano ì a magnaresele a muorze pe l’arraggia.

Seb. E hanno raggione, e nce lo borria. Comme! stì mmalora de Palermetane se so state quatte, e curve sotto l’anormetà de li pise, no se sò aizate a la leva; e mò ch’aveano avuto no benneficio accossì granne, nnaspettato, se sò scacatate, e hann’aizate le bele a no mare lo chiù tempestuso?

C. de N. Eh compare mio, da la cappa vene la zella! A guvernà nce vonno l’uommenn’addotte, e pudente, mpartecolare ntiempo de novetà. Dimme [ 5 ]provita toìa, te pare jodicio a no impedì l’armamiento de lu puopolo, e l’azzuffarese co la Truppa? Comme tiene cchiù la furia de nu puopul’armato! T’allecuorde lu novantanove a Napole?

Seb. E nc’è besuogno de st’assempio lloco? Dapettutto, e sempe lu puopulo è stato de nu muodo: Abbesognante de saperelo manià, e lo truve comme lo ffaie o fetente, o adderuso. Se sape, ca l’ommo nfuriato è la bestia cchiù feroce de lo munno: Dalle la forza mmano mmiez’a la furia, e bì che trona te mena Marzo; Va tiene cchiù lu carro a la scesa! Ora sperammo a lu Cielo ca tutto fenesca priesto: o co le bone, o co le cattive li Palermetane s’hanno d’agguatTà, pocca nn’ann’avuto soccurso nì dint' a la Secilia, nì da fora.

C. de N. E chi se bolea mettere a defenne na caosa sballata? Oie le Ppotenzie hanno canosciuto, ca s’hanno da guardà, e respettà tutte nfra de lloro, e pe se mantenere stabele, e npace, nn’hanno da fomentà, ni sostenere chille, ca se rebellano contro li Rrì, e le Naziune.

Seb. Addonca non sarrà bero, ca l’ [ 6 ]Austria menaccia de venì a Napole a spaccà e pesà, e a guastarece lo sidece?

C. de N. No lo pozzo credere compare caro. Otra ca sarrìa cosa fora de jostezia, e contra lu commenio de lu Congress’ a Bienna, de pretennere de dà legge a na Nazione, a la quale essa no nc’ave che spartere nu ttechete, otra ca no lo farrìa pe lu reguardo, e paura pe lu Rrè nuosto e pe la famiglia Riale, otra ch’avarrà da pensà a li ncremiente soie nn’Italia, e a li regne proprie senza mbrattarese co li scremiente nuoste, io po te dico, c’a la primma notizia, a nu nzemprece sischo vedarrisse correre a Napole ciento, duciento, treciento milia Cetadine de le Provencie tutte armate, e allummate da lu fuoco sacro de la Patria.

Seb. Nè? songo veramente tutte accossì resolute e decise?

C. de N. Cosa ncredibile compà! Se so schiaffate dint’ a la chierecoccola ca mo è lu tiempo de recupetà l’annore de la Nazione nosta abbelutà da tanta siecule, e de rennovà le prodizze fatte ntiempo de l’Angioine, e l’Arragonise. So arrevate a dicere, e jorà, ca le montagne de [ 7 ]Monteforte, de le Calabrie, de l’Abruzzo, de lu monte Santagnelo rennovaranno la marmorea de le groliose montagne Elveteche, e ncaso d’aggrisso se faceranno nommenà chille stesse montanare guappe, che s’allecordano ancora jastemmanno la Germania, e la Franza, quanno volennol’attera, ne pagaieno le ppera cotte.

Seb. Tu me daie no sfizio ncredibele stammatina, e mne nne faie ì nn’estrece pe la bella Patria nosta.

C. de N. E cchiù te ne darraggio craje, comme tu me nn’aie da dà a mme contannome le ccose de lo bello Napole nuosto. Mo vago a dà recietto a cierte frusce meie. A revederece.

Seb. Bonnì Compà. Craje viene priesto.

Del 17 Agosto 1820

Seb. Comme? Accossì tarde Compà?

C. de N. È lu vero aggio trecato, ca mme sò trattenuto a cierte scene, ca no l’avarrìa volute ni bedè, nè sentì. Mo nce vuo? Vengo da le Provencie, che songo le Figlie de la Capetanea, creo de trovà ccà la mamma de la coietutene, e nce trovo arrassosia tanta sconcierte, tanta pasticce, tanta vommacarie, ca farrian’ [ 8 ]revotà lu stomaco de nu struzzo; Auto che fierro, e ramma s’à da deggerè mmiez’ a bujaute! Me la voglio sfelà n’auta vota fora.

Seb. Ma che aie visto, c’aie ntiso ca tanto te fa specie, te sorprenne? E no lu ssaie, ca quanno se squaglia ll’oro, lu cupiello volle volle nfì a che se porefeca? E no lu ntìenne, c’ a no gallenaro granne tanta pollastrielle addeventano galle, e pò a la rassegna o se spartono, o s’assommano nfra de lloro, o se fanno Capune?

C. de N. È lu vero chesso lloco. Ma nfradetanto se vecono cierte ccose ca fanno proprio sbisciolià. Passanno nnant’ a na Parrocchia aggio ntiso remmore, allucche, strille nzina fine. Sò trasuto, e aggio visto na folla ncredibele ca gredeva — Chesso no. ... chillo fora ... Chesso no nse po fa ... Chello nò bà buono .. e bà scorrenno. Lu Parrocchiano mmar isso steva quattu quattu comm’ a l’aseno mmiez’ a li suone. Lu Presedente, ca me l’hanno nsegnato, ogne ttanto ntemmava selenzio, ma predecava a lo desierto. E che te cride ca se faceva mmiez’ a tanto streverio?

[ 9 ]Seb. Mo te lo ddico io: s’aleggevaneli Compromessarie, da le quale hanno pò d’ascì l’eletture, e da chisse le Deputate che ann’ a rappresentà la Nazione.

C. de N. E mbe? E chessa sciorta d’operazione, da la quale depenne la salute d’Arcadea, se fa de stà manera? Avariss’ a vedè co quà jodicio, co quanta venerazione se fanno ste ccose a le parte da fora. Oe Compà, aie a tenì pe cierto, ca a Napole pe Deputate venarranno da le Provencie lo sciore de l’uommene.

Seb. E no me fa meraveglia, e lo creo securo, pocca llà se canoscene a lu tasto, e se sape si quaccuno tene lu mantiello rutto, e si nce ponn’appennere le ffose. Ma ccà beneditto mio, mmiezo a tanta deverse specie d’umanetà, nfra tanta defferent’apiniune, che meraveglia de sentì l’allucche e le sbafate? Vide pò lo resurtato! L’ommo bono ca se sta zitto e reterato vene chiammato e remmane aletto, e li ntregante co tutte le mbruoglie, co tutte le partite e l’ammicizie vere e fente, co tutto lo joquà de chiatto e de ponta pe se nfrosonià, restano sempe da fora. Vide, vì nu poco [ 10 ]l’aleziune ca se so fatte nfì a mmo: Tutte sò cadute mpersone le cchiù bbone, accredetate, e legitemate dall’apinione prubbeca. Chisse nn’addeventarrano cierto figlie bastarde de la Patria che l’ha date signe de stimma; e accossì sperammo, ca tutto fenesca co coiete, co alleria, co grolia de la nosta resoscetata Nazione.

C. de N. Accossì sia, e priesto; ca mo ccà me pare ca non sulo la Jonta sia provesoria, ma è provesorio lu Guvierno, li ministre, le ssostanzie, e poco nce vò e sarrà provesoria mporzì la lebertà, e la vita de lo cetadino. Cca’ tutte spaccano e pesano; gnuno vò commannà e stampa legge; Tutte scrivono....

Seb. Ncopp’ a chesso pò no nc’è che fà. Nce stà l’articolo de la lebertà de la stampa, e gnuno se pò sfogà a dicere, e a scrivere lu sentemiento suio. Si quaccuno scrivarrà cose ncontrario, se potarrà recramà appriesso, e cercà la sfazione, che stabelerrà lu Parlamiento seconno la modefecazione de la legge.

C. de N. Comma, commà compà! Addonca s’io ll’aggio mò co uso, me pozzo sfogà a direle, e a scrivere tutte le [ 11 ]nuvie, tutte le betuperie che me parché? accossì me potarria sfogà pure a darele na spata ncuorpo, aspettanno ca po lu Parlamiento lu faccia resoscetà? Ah compare bello mio, chesso no me pare ca se pozza fa, e la Costetuzione no mpò maie permettere le ssatere, e li lebelli famuse, ca so state proibite sempe ntutti i luoghe, e ntutt’i tiempe. Chessa no me pare lebertà, ma lecenzia contra la caretà, e contra lu bon costume.

Seb. Uh compà, tu mo te vo tropp’addottorà! E che pretienne, c’an prencipio de nu cagnamiento, a nu casalone comm’ a lu nuosto, no nc’avesse a succedere quacche piccol’abuso, ch’a la fene se reduce a chiacchiare? Tu le borrisse tutte sante? È lu vero, ca la lebertà de la stampa nce dà sulo la lebertà de dicere li pensiere nuoste ncopp’ a na decisione, ncoppa a no decreto, ntuorn’ a nu punto de la Costetuzione, d’avvertì lu Guvierno de quacche sconcierto e de quacche sbista ca se pigliasse da le ministre e da li cape, comme facettero avvertenno lu ranciofellone pigliato da lu bravo patriottone lu generale ncapo ntuorn’ [ 12 ]a l’avanzamiento de la truppa (ca ll’uommene cchiù so granne, e cchiù pigliano le sbiste maiateche); ma a sta primma furia ogneduno credennose l’Eroe lo leberatore de la Patria, s’ha creduto lezeto tutto, e accossì aie visto gerà delle asatere a bezeffia. Vi ca non s’è sparagnato nisciuno: Nfi no zi Preute, a na lettere ha ditto male de lo Prencepone nuosto, de li ministre, e la Jonta provesoria, e de tutto lu genere umano, credennose fuorse isso sulo lu buono. E lu bello po è, ca nn’atto che sostene fortemente la Costetuzione, e dice cose bone mmeretà ntuorno a la lebertà de la stampa, isso pò manca a li punta cchiù essenziale de la stessa Costetuzione; pocca chiamma spergiuro lu Prencepe, lu quale facenno da Rè è mmiolabele, e non se pò suppone ca faccia lu mmale, che è sempe de li ministre. E d’auta parte isso stesso lu zì Preute è lu vero spergiuro.

C. de N. Oh chess’ è bella! e comme?

Seb. Isso comm’ a Chiachiardote ha avuto da jorà l’asservanzia de la Costetuzione de Spagna?

C. de N. Pe necessetà.

[ 13 ]Seb. Lu primmo punto senza contraste de chessa Costetuzione è lu mantienemento de la sola nosta bella fatona la Relegione Cattoleca?

C. de N. Securamente.

Seb. E mbè, chisso misignore propone mpricetamente la lebertà de lo Culto, e addeventa nnitto nfatto spergiuro a la Costetuzione, e a la Relegione, c’avarria avuto da defennere co lo sango propio. Che te ne pare?

C. de N. E contro chiss’ abuse, contro chisse delitte no nc’è remmedio?

Seb. Pe mò no core mio, ca tutto è provesorio.

C. de N. E aggio ditto buono io, ca potimmo ess’accise provisoriamente?

Seb. Nn’avè a paura pe chesso. Vi ca co tutte ll’armature, co tutta la confusione de le llengue, gnuno stace tranquillo, e attenn’ a le facenne soie. Si nc’è quacche piccolo sconcierto nnevitabele ncierte case, nce remmediarrà lu Parlamiento. E quanno so fatte i legge seconno la Costetuzione, tutte e gniduno sarrà mpegnato de farel’asservà, si vonno mantenè sto bell’edeficio che se sta aizanno.

[ 14 ]C. de N. Ma nfradetanta non se potarianno a lu mmanco mpedì tanta sciaparie, tanta scritte senza sale, senza coda e senza lu senso comune?

Seb. E lassammole fa sti Nufrie Galeote resuscetate, che aunite a quà stampatore affritto core, s’abbuscano quaccosa, e scialacquano a la varva de chi s’accatta le scartoffie.

C. de N. Ma fora da li staniere che se diciarrà leggenno chesse ccose lloco?

Seb. E che nc’ann’ a dicere? Leggiarranno tanta cose accellente, e quaccosa de nsulso. Tutte avarriana a esse saccente e addotte e na Nazione? T’allecuorde de chillo tale, ca domannato d’addò eva, respose — Pe tutto nce sò li bbuone, e li cattive, so de Lucca pe sevrireve — Ma a nnuie nc’avarranno d’ammerà, e mettirese lengua nganna, truvanno co la valanza sempre scenne da la parte de lo mmeglio. Leggiarranno co maraveglia tanta giurnale addotte, e mparticolare l’addottisemo ntetolato la voce de lu Puopolo.

C. de N. A la bon ora; ma io nomperzò vao pensanno de me fa n’auto viaggetto a le Provencie. Portarraggio le [ 15 ]notizie che tu me daie, e farraggio utele e piacere a tutte. Aie a sapè, ca ll’aggio persuase de chello che tu me dicisse, ca pe n’auto poco de tiempo commene de pavà li stisse pise pe consoledà la fraveca de la Costetuzione, e supprì a le spese de le tante officine, de la truppa e aute straordinarie. Decchiù ll’aggio assecurate, ca pò se potarranno resecà assaie le mpusiziuni, mente trasarranno a la Nazione tutti li beni de la casa Riale, li beni reservati, chille rentegrate, la bonnaficiata, le nteresse de li deposete, tutte le penziune ntestate a la cassa de la Mortezazione da tant’anne, ca non so poche, e aute cose; e da l’auta parte se resecarrà ncopp’a li sulde de le mpiegate, ncopp’a le penziune, ca scadenno, e a chelle che se cupellano e tant’aute ccose. Accossì quanno se sarra’ stabelito a lu Rè nuosto, e a la fameglia Riale n’assegamiento sfarzuso pe mantenere lu lustro de la degneta’ loro e de la Nazione, puro nce sarrà panno assaie da taglià pe lu sollievo generale. E già nu Cetadino, stà travaglianno pe fa levà la fonniaria, co sostituirese no piso doce e [ 16 ]ghiusto ca piaciarrà a tutte. Orsù, avimmo pegliato na longa papera, e io aggio muto che fa. Statte buono compà Sebè.

Seb. A revederece compà. Vi ca si te ne vaie fora n’auta vota, nc’avimm’a fà primma n’auta bona chiacchiareata, ca tengo assaie cose ncurpo da sbafà.