Chi è nepoteme

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
[ 1 ]

G. MARULLI

◆◆◆◆

Chi è nepoteme?..:


con


Pulcinella e Don Felice


Riduzione nuovissima in due atti di

SALVATORE DE ROSA

---

PERSONAGGI

---

D. Giannattasio

Saverio

Nicola

D. Gasparrone

Felice Sciosciammocca

Pulcinella

Amalia

Teresina


---

NAPOLI

TOMMASO PIRONTI, Editore

Piazza Cavour, 70

1912

[ 2 ]

ATTO PRIMO

Bottega da caffè—In fondo pancone, tavolini, sediolini ecc.

A sinistra comune.

SCENA 1.ª — Nicola al pancone e Saverio che entra


Sav. Nicò, damme na tazza 'e cafè, pecchè aieressera facette nu poco scustumatezza, e tengo n'avutamiento 'e stommaco nummero uno.
Nic. E che ve magnasteve neh D. Savè? (mescendo il caffè)
Sav. Me magnaie na pizza ch''e funge, sette tre allattante, na tianella alice...
Nic. E niente cchiù? (porta il caffè a tavolino)
Sav. N'amico s'accattaie cierti tittole e pastacrisciute e me ne vulette da na bona purzione pure a me!
Nic. All'arma d''a scustumatezza! Currite 'a farmacia a farve da na purga, sinò certo ve vene nu panteco!
Sav. Che vuoi, fu una contentezza che mi fece fa questo...
Nic. Na cuntentezza! e comme?
Sav. E' venuto 'o mumento 'e parlarte 'e cose mpurtante.
Nic. 'E che se tratta?
Sav. (caccia una lettera) A vide sta lettera? 'On Giannattasio me scrive ca isso sta p'arrivà a Napole doppo tantu tiempo ch'è stato in America, prumettennome nu buono rialo, si io fosse capace 'e lle fà truvà 'o nepote suio, cioè 'o figlio d''a sra, 'a quale doppo poco ch'isso partette, murette p''a famma, lassanno stu guaglione mmiez''a na via, senza che se ne fossero sapute cchiù nutizie. Tu saie che celebre mbruglione songh'io, pe cunseguenza ch'aggio fatto? Scavanne 'a casa, aggio truvato na lettera 'e sta sora 'e D. Giannattasio diretta a muglierema che le mannava a cercà quacche cosa 'e sorde, io n'aggio falsificata 'a calligrafia screvenno nu documento, e cioè, che chillu tale che purtarrà chella lettera ncuollo, chillo llà sarrà 'o nepote.
[ 3 ]
Nic. Benissimo! e sta lettera addò sta?
Sav. 'A viccanno (ce la da — Nic. legge e ce la restituisce) Però, io sulo nun 'o putevo fa, aggio sciveto a te pe cumpagno, pe puterce magnà nun sulo 'o rialo, ma pure na bona summetella 'e denare.
Nic. Si tutto va buono, ma stu nepote s'hadda truvà.
Sav. Stu nepute è bello e truvate e saie chi è?


SCENA 2ª — Pulcinella e detti

Pul. (d.d.) Va buono, haie ragione tu, io sò n'animale e tu no!
Sav. Chisto è isso! Chisto è chillo ch'adda rappresentà 'a parte d''o nepote. Zitto, sta venenno 'a chesta via.
Pul. (fuori) Vuie vedite che specie d'uommene esistono ncopp''a faccia d''a terra. Cafettiè, buongiorno.
Sav. (ride) Ah, ah, ah...
Pul. E faciteme n'ata resata nfaccia a stu cuppolone.
Sav. (fa segno a Nic. di ridere) Ah, ah, ah...
Pul. Stanno cantanno 'e galle! Ma se po sapè pecchè redite?
Sav. Alleramente! canta, zompa, abballa!..
Nic. Ccà n'abbraccio! (lo abbracciano e baciano)
Pul. Neh, diciteme 'a verità, vuie ve vulisseve spassà cu mmico? Io tengo na lopa che m''a vedarrie ch''e meglie vuoie, stò senza manco nu centeseme e vuie vulite che stesse allero?
Sav. E tu pecchesto te dispiere? A tè Nicò, miette caffè, cioccolata, briosce, tutto chello che vò...
Nic. Subeto... Ecco cca... (porta il tutto) pagnuttine, briosce, ciucculata... magna!..
Sav. Assettate e magna.
Pul. (si siede) A chello che veco 'a facenna è overo, ccà se magna e nun se pava?.. (mangia con lazzi, poi si alza) Aspè, chesto fosse fattucchiaria!.. ma no, chest'è ciucculata...
Sav. Tiene, cheste sò pure 10 lire (ce le da)
Pul. Pure 10 lire! Aspè lassà vedè, fossero fauze? (lazzi)
[ 4 ]
Sav. e Nic. (ridono) Ah! ah! ah!..
Pul. E mo turnate a ridere? Io sulo vurria sapè pecchè me state facenno tanta cerimonie! Io sò nu povero disperatone, comme me pozzo disubbrigà?
Sav. Tu sì riccone!
Pul. Ve sbagliate! forse vuie?.. (lazzi)
Sav. Sí ricco assaie!
Pul. Aggio capito meh! 'o sarrate pazze, o starrate mbriache!
Sav. Che pazze e mbriache!.. piglia sta carta... vasale!..
Pul. E ched'è sta carta?
Sav. Chesta lloco te l'ha scritta mammeta. Tu ti 'a scurdà 'e chi t'ha fatto, e te 'a ricurdà sulo 'e pateto che si chiammavo Don Fabrizio, e mammeta D.ª Servizia...
Pul. E 'o pozzo credere stu servizio?
Nic. Te l'assicuro io.
Pul. E sta lettera?..
Sav. E' stata scritta 'a mammeta.
Nic. Te l'assicuro io.
Pul. Dimodocchè io sò figlio 'e...
Nic. Te l'assicuro io.
Pul. Tu te 'a sta zitto sinò ti sciacco. Ma nzomma?..
Sav. Si vuò fa 'a furtuna toia j 'a sta sentì a nuie. Famme capì, tu te vuó spusà a chella che tiene dint''o core tuio?
Pul. Vi che dice! 'a quistione è 'o pate che dice ca io sò nu disperato e nun me pozzo spusà 'a figlia.
Nic. E nuie t''a facimmo spusà!
Pul. Vuie overamente dicite? e ch'aggia fa, diciteme, cumm'è ca songo diventato ricco e patemo nun se chiamma cchiù Giancocozza?
Sav. Pe mò nun t''o putimmo dicere, ma accussì è, e nuie ne tenimmo 'e prove, e si te faie guidà 'a nuie, nun dubità che farraie furtuna.
Pul. E quanno è chesto jate dicenno ch'aggia fà?
Sav. I 'a fa 'o signore, e 'o sbafante, pe mo spienne...
Nic. Spassate, sfoggia...
Sav. E statte allegramente... (Nicò, io vaco a cumbinà 'o riesto, tu nun 'o dì niente cchiù pe mo).
[ 5 ]
Nic. (Nun ce penzà, anze mo me vaco assettà fare 'a puteca). Nuie mo venimmo (parlando verso dentro) Menechiè statte attiento lloco.
Voce (d.d.) Va bene. (viano)
Pul. Io mo nun saccio si dormo 'o stò scetato... No, a me pare ca ll'uocchie 'e tengo apierte, e cheste 'e veco ca sò doie carte 'e 10 lire. Ma tutto chesto comm'é succieso? Basta comm'è stato è stato, mo sò ricco e io...

SCENA 4ª — Teresina, indi Felice e detti

Ter. Galantò io sto ccà.
Pul. Teresina! (Mo sient''e botte!)
Ter. Galantò, t'arricuorde 'a Pasca l'anno passato, comme stive disperate?
Pul. Comme nun m'arricordo!
Ter. E io t'aiutaie! Po venette Natale e tu me diciste ca a Carnevale sarriemo spusate... Ma invece è passato Carnevale, Pasca e Natale, e de stu matrimmonio nun se n'è parlato cchiù. Pirciò, io te faccio accapì ca sò vedova e 'e chesta manera nun pozzo stà cchiù... 'o vicenato parla e io nun voglio fa parlà... pirciò riegolete tu, chisto è aprile, a maggio...
Pul. Ne facimmo passaggio.
Ter. Passaggio 'o cancaro che te roseca!
Fel. (entra declamando) « E come il pan per fame si manduca » Ah! (sospira)
Ter. Chi è?
Pul. Guè D. Felì!.. (Menu male è venuto chisto 'a tiempe a tiempo).
Ter. Iusto justo che siete venuto D. Felì, vuie site nu galantomo e putite giudicà.
Fel. 'E che se tratta?
Ter. Stu bello coso m'ha prummiso 'e spusarme e mo nun vò mantenè cchiù 'a parola. E' aziona bona chesta?.. s''a mmeretarria na botta 'e curtiello?
Fel. Eh!
Pul. (Guè Felì, io saccio ca staie paccariate, acconcia 'a facenna ca te faccio pappà.)
[ 6 ]
Fel. (Overamente?)
Pul. (T''o ghiuro sulla mia verginità!)
Ter. E ched'è neh! avite perzo 'a lengua? nun v''o facite ascì 'o spireto?
Fel. Ecco quà... Da quanto tempo dura questo amore?
Ter. 'A cchiù 'e 30 mise.
Fel. Prescrizione trentennale. La prommessa da quanto tempo fu data?
Ter. 'A 10 mise
Fel. Prescrizione decennale. E le nozze da quanto tempo avrebbero dovuto farsi?
Ter. 'A cchiù 'e 5 mise.
Fel. Prescrizione quinquennale. Figlia mia la tua causa è perduta!
Ter. Comme perduta?
Fel. Sò passate tre prescrizioni e quindi egli non è tenuto più a niente verso di te.
Ter. Vò dì ca m'aggia retirà?
Pul. Si capisce.
Ter. E si io le taglio 'a faccia, faccio buono?
Fel. Fai malissimo!
Ter. Ma io però nce 'o farraggio! Pe mo me ne vaco, ma te faccio vedè chello che saparaggio fa! Ossà galontò, ce vedimmo! (a soggetto via)
Pul. Tiene (dandogli delle monete) Chest'è p''a causa che m''e fatta. Mo j a sapè ca sò ricco!
Fel. Ricco!
Pul. Già, ma comme sò ricco nun 'o saccio, e siccome quann'ire ricco tu e io stevo a criato cu ttico tu me facive scialà, accussì mo voglio fa io cu tte!
Fel. Eh! chi lo sà che quel tempo non potrebbe ritornare, se un mio parente di cui non saccio si 'e schiaffato 'e faccia nterra o no...
Pul. Nun 'o da audienza, pienze a Pulicenella tuio mo. Anze stammatina ce ne jammo a Pusilleco.
Fel. A spese toie?
Ful. A spese meie.
Fel. Quando è così, ti abbraccio, ti stringo, e ti bacio. (eseguono con lazzi)
Pul. E ghiammuncenne jà! (si avviano)
[ 7 ]

SCENA 4ª—Saverio e detti, indi Gasparrone e Amalia poi Nicola

Sav. (venendo di fretta) Pulicenè?.. Oh! D. Felì, vuie state ccà?
Fel. Sì, ma mo ce ne jammo a Pusilleco.
Sav. Pe mo nun ce putite j.
Fel. (E' venuto 'o siquestro 'a campagnata).
Pul. E pecché nun ce putimmo j?
Sav. Pecchè 'a n'atu poco j a venì cu mmico. (T'aggia fa lezione 'e chillo fatto llà.)
Pul. (Abbasta ca m'arriva a trasì ncapo sta lezione).
Fel. Pulicenè?
Sav. Nu mumento.
Pul. (E va dicenno).
Sav. (Tu j 'a sapè...)
Fel. Pulicenè?
Sav. Nu mumento!
Fel. E che mumento e mumento 'o cancaro che te roseca! mo te ne staie piglianno troppo mo! Io sono nu galantuomo e tu sei nu screanzato, perchè mentre stavamo parlando per fatti nostri, vieni e ci rompi il filo del discorso... e questo mi pare che non sta!
Sav. Neh pe sapè vuie pecchè ve ne jate 'e capa?
Pul. Aggio capito tutte cose! ('On Felì venite a ccà, cheste sò n'ati 3 lire jatevenne vuie sulo a Pusilleco, po stasera me venite a piglià e ce ne jammo a fa cena, pecchè mo aggio che ffà.)
Fel. Allora statte buono. Tu m'he fatta n'azione che nessuno me l'avrebbe fatta, e se chillo tale parente se facesse vivo, nun ce penzà, ca te farraggio vedè chi è il tuo compagno Felice. (Ma Amalia!.. ah Amalia... a che vaco penzanno neh! io stò ca nun me reio ncopp''e denocchie.) Io vaco, statte buono. (Via)
Pul. Ce vedimmo stasera. (a Sav.) Mo me può fa lezione.
Sav. Siente ccà...
[ 8 ]
Gasp. Trasimmo, pigliammoce nu poco 'e café... Mmalora stu malaurio sta ccà?
Am. (Pulicenella!)
Gasp. Cafettiè miette 'o cafè (con aria da bravaccio siedono distanti dai due) Assettammoce ccà, e si chillo pezzentone accummencia a vummechiarse, jette l'uocchie nterra e nun 'o dà audienza, sinò te schiaffeo. (entra Nicola e serve il caffè ai due)
Am. Nun ce penzate. (Quant'è simpatico!)
Nic. E' servito a D. Gasparrone. (a Sav.) (Io vaco a Mmaculatella a vedè si è venuto, statte attiento tu lloco.) (Va.) (Nic. via) Dunque tu j 'a sapé...
Pul. (dal momento che è venuta Amalia la guarda e sospira in faccia a D. Saverio) Ah!
Sav. Oh! e che te faie afferrà?
Pul. (Chell'è 'a nnammurata mia!)
Sav. ('A figlia 'e Gasparrone! E te vô bene?)
Pul. (Essa sì, ma 'o pate appena me sente annummenà addeventa n'animale pecché dice ca io sò nu disperatone).
Sav. (tra sè) (A mè na penzata!) (E tu t''a vularrisse spusà?)
Pul. (Io moro pe essa!)
Sav. (tra sè) (Mo l'attacco pure a chest'ata cosa, accussì addeventa cchiù d''o mio.) (E quanno è chesto, pagale 'o cafè).
Pul. (Subeto) (va al pancone e paga) 'O cafè è pagato!
Sav. (Bravo! Viene appriesso a me e nun te n'incaricà.)
Gasp. (chiamando) Cafettiè pigliateve sti sorde.
Sav. Nicola nun ce stà, è asciuto. Ce stongh'io a guardarle 'o cafè. Ma stu ccafè lloco è stato già pagato.
Gasp. E chi à pavato?
Pul. Io, se posso ricevere l'annore.
Gasp. Ne putive fa ameno 'e spennere sti 4 sorde, io da pezzentune comme a te nun accetto cumprimento.
Sav. (Mo' è 'o mumento, e le cercà 'a figlia pe mugliera).
Pul. (Ma tu 'e capito buono chillo che sta dicenno?)
Sav. (Fa chello che te dico e nun te n'incaricà).
[ 9 ]
Pul. (E quanno è chesto stamme a sentì). Sentite 'on Gasparrò, si io m'aggiu permesso 'e farve stu comprimento è stato pecchè fra breve nuie avarrammo essere pariente.
Gasp. Che vuò dicere cu sta parola? Io nun sò stato maie parente cu na razza 'e pezzentune cumm''a te, e nun te piglià cchiù l'ardire 'e dicere stu stesso, sinó sangue de nu pollice cu la sciassa...
Am. Papà!..
Gasp. Zitta tu!
Sav. (in mezzo) Chiano chiano si Gasparrò, me permiette se io me mmesco mmiez''a fatte ca nun m'apparteneno, ma 'a ragione è ca tu quanno parle nun saie chello che dice. Pulecenella t''a ditto parente, pecchè isso n'ave piacere 'e pigliarse a figlieta pe mugliera.
Gasp. (gridando) Mugliera!! E isso ha avuto chisto curaggio e nun è schiaffato 'e faccia nterra?
Pul. (All'ossa 'e mammeta!)
Sav. Ah! ah! ah! Gasparró tu sì stato sempe curiuso, ma mo si cchiù curiuso 'e ll'ati vote. Pecchè hadda schiaffà 'e faccia nterra? ch''à jastemmato cercannote a figlieta pe mugliera?
Gasp. Io songo nu galantomo!
Pul. E io songo...
Sav. Ricco e galantomo!
Am. (Che sento)!
Gasp. Chistu cca?! Ah! ah! ah!
Sav. E pecchè ride? (a Pulc.) (Dalle, ncasa a mano!)
Pul. Neh sì Gasparrò, ma tu 'o ssaie che staie mancanno a tutte 'e regule e duvere? Quanno n'ommo se mena nnanze facenno na pruposta 'e chesto, comme me sò menato io, tu nun ce aviva truvà nisciuna difficultà, pecchè si tu sì ricco, io songo assaie cchiù ricco 'e te.
Gasp. Nzomma tu overamente sì ricco?
Sav. E' ricco sfunnato!
Gasp. E comme mmalora 'e fatto?
Pul. Spialo a chisto, che sape tutto chello che nun saccio io (Va vicino ad Amalia e fanno scena).
[ 10 ]
Gasp. Vuie! e quanno è chesto chiacchiariate.
Sav. I 'a sapè na cosa che chisto è addeventato ricco pe causa 'e nu zio che fra quacche ghiuorno arriva d'America quase milionario, e nun avenne ato parente che isso, a isso spetteno tutt''e ricchezze soie.
Gasp. Nzomma 'o fatto è overo?
Sav. Ato che vero! e io te cunsiglio 'e cumbinà subbeto stu matrimmonio, pecchè se po dà ca cu tutto ch'è nnammurato pazzo 'e figlieta, si le capitasse quacche partito buono 'o cumpagno s''a spalomma.
Pul. (Uh! quanto si bella!)
Am. (Quanto me sento felice vicino a te!)
Pul. (Aggraziatona mia, damme n'abbraccio!) (l'abbr.)
Gasp. (voltandosi) Neh, neh! e che rrobb'è?
Pul. Ecco ccà... chillo... essa...
Sav. (Nun nce attaccà idea, lass''e fa!)
Gasp. Ah! mbè, vabbene, nun mporta, na vota che t'hadda essere mugliera t''a può abbraccià.
Pul. Sciasciona mia! (l'abbraccia con lazzi)


SCENA 5ª — Teresina, poi Felice e detti


Ter. Che veco!
Pul. Teresina!!
Am. E che vò chesta?
Ter. Voglio sapè che significa st'abbraccio? Ah! aggio capito, te ti si posta a ffà ammore cu sta D. Marmuttina?.. Ma io però ve faccio assapè che chisto fa ammore cu mmiico!
Am. e Gasp. Comme? Comme?
Pul. Nun è overo, chella era essa che diceve: Pulicenè tu me si simpatico, io te tengo sempe dint''o core mio!.. Ma io però facevo sempe recchie 'e mercante e me ne facevo na resata!
Tutti. Na resata!
Pul. Già, pecchè essa nun me passava manco p''a capo, sulamente Amalia era chella che me pirciava 'o core, e mo che songo addeventato ricco m'ha piglio pe mugliera.
Ter. E vuie v''o spusate?
[ 11 ]
Am. Cu tutto 'o piacere.
Ter. Ah! ca io mo moro... aiutateme... (cade svenuta su d'una sedia)
Tutti. Uh! puverella! (tutti presso Ter. cercando soccorrerla)
Pul. (Neh 'on Savè, ma tutto chesto che me faie dicere è overo?... Só ricco?..)
Sav. (E torna a coppa! ricchissimo!)
Pul. Uh! mamma mia! p''a priezza me sento venì na cosa!.. Uh!.. Uh!.. Uh!.. (cade svenuto su d'una sedia)
Gasp. Chesto che diavolo è!.. Pulicené tu pure sì svenuto? Ajutammo pure a chisto...
Sav. Mo l'aiuto io! (c. s.)
Fel. Un momento signori miei, nun murite ancora! Ditemi, è vero che Pulcinella se sposa a Amalia?
Gasp. E cchiù che vero, pecchè Pulecenella mo è addeventato ricco e a me cunviene stu matrimonio.
Fel. Ah!!
Gasp. Che v'afferra?
Fel. Ah! si vuie sapisseve... ma io non posso più resistere, e mi sento... Uh! uh! uh!... (cade svenuto)
Gasp. E chist'ato pur'è svenuto! chesto che diavolo è?
Sav. (forte) Pulicené? Pulicenè?
Gasp. (c. s.) Don Felì? Don Felì?

SCENA 6ª—Nicola e detti

Nic. (di fretta) 'On Savè, 'on Savé, mo proprio è arrivato Don Giannattasio.
Sav. (con grido fortissimo) Che?! (i tre al grido di Sav, saltano in piedi—lazzi) D. Giannattasio?!...
Nic. Nun è nu cuarto d'ora ch'è sbarcato, io stevo mmiez''o puorto nfurmannome e da luntano subbeto l'aggio abbistato, só curruto, e ce simmo abbracciate e vasate. Pó m'addimannate 'e vuie e io l'aggio ditto che vuie l'avite truvato 'o nepote. Isso tutto cuntento se n'è sagliuto ncopp''a l'Albergo a Bella Napule, aspettannove, pecchè le parene mill'anne d'abbraccià stu nepote suio.
Sav. 'O ssiente! Zumpe! abballe!
[ 12 ]
Pul. (balla con lazzi) Uh! che piacere! E stu zio?..
Sav. Mo 'o jammo a truvà. E vuie D. Gasparrò ve site fatto persuaso, ca è 'a pura verità, che chisto D. Giannattasio ch'è venuto 'a fora è milionario?
Fel. (tra se) (Milionario!..)
Sav. E 'a figlia vostra jarrà dint''o nietto!
Am. Uh! che piacere!
Ter. Io mo moro!
Sav. A te, Pulicenè, jammo, viene cu mmico, jammo a du zi-zio a vasarle 'a mano.
Pul. Subeto, ma primma voglio vasà la mano a Amaliuccia mia! (esegue).
Gasp. Vasa, vasa, senza suggezione, ca io te ne dò 'o permesso.
Nic. Iammo nun perdimmo cchiù tiempo ('On Savè 'a furtuna ce sta jenno mpoppa!)
Sav. (Curaggio, e tutte 'e denare 'e Don Giannattasio sarranno nuoste) Iammo, Pulicené.
Pul. Iammo. (si abbracciano e ballano per la gioia come a concerto) Oh! che alla fine l'aggia acchiappata pe lli zille sta cancaro 'e furtuna! (viano)
Am. Papà mio, che bella sorte che me steve astipata!
Gasp. Io nun m'ha sarria proprio aspettata. Basta iammo 'a casa e pensammo a chello che s'hadda fa. (viano)
Ter. (passeggiando con rabbia) E io c''o vulevo tantu bene, aggia restà cu na vranca 'e mosche mmano?! Ah! che me magnarria ll'aria a morze!
Fel. (c. s.) E io! io che amo tanto colei! Ah! che mi darei na sprucculata al cuore!.. Ma io però a questa ricchezza di Pulcinella non ne credo un corno!
Ter. E io manco, pe ve dicere a verità.
Fel. E pó chille nomme 'e D. Giannattasio... che sò.. me s'è schiaffato nu pensiero ncapo... Certe carte... certi documenti... Che fosse... Sarria pussibile?.
Ter. Don Felì?
Fel. Ah! che si sarria accussì, allora nun sarrie cchiù nu disperatone... io putarria...
Ter. Don Felì?
Fel. Pecchè io sarria ricco, egli di nuovo povero, e
[ 13 ]
putarria sperà d'avè Amalia pe mugliera, pecchè quel porco d''o patre certamente mi preferirebbe, e... Ah! sì... sì!... sì!... (tutto fra se e con calore)
Ter. (Che fosse asciuto pazzo D. Felice?)
Fel. Viene a ccà... (prendendola per la mano) Tu te vuò spusà a Pulicenella?
Ter. Vulesse 'o cielo!
Fel. Bene, unisciti meco e faremo vendetta. E se riusciremo... tu otterrai... io otterrò... e tutti e due otterremo...
Ter. Che cosa neh D. Felì?
Fel. La più grande di tutte le soddisfazioni.
Ter. Overamente?
Fel. Te lo giuro! (stendendo la mano)
Ter. E quanno è chesto, m'aunisco cu buie anema e cuorpo.
Fel. Veramente?... ed allora qui... fra le mie braccia... (abbraccia con forza Teresina)
Fer. Neh! D. Felì, e che diavolo facite?
Fel. Ah! e che vuò, é l'entusiasmo, è la gioia, é l'idea della vendetta e noi giuriamo...
A due (stringendosi la mano) 'A cchiù terribile vendetta.
Fel. Alle armi dunque!.. march! (viano correndo come concerto)

fine dell'atto primo

ATTO SECONDO

Camera d'Albergo—a destra porta che immette in altra stanza—a sinistra porta d'ingresso.

SCENA 1ª—Giannattasio indi Felice

Giann. (fumando la pipa) Ah! me parene mill'anne ch'arriva D. Saverio p'avè nutizie 'e chillo nepote mio! che fino a mo io nun canosco. Si uno me spia: chi è nepotete? io nun 'o saccio. Ah! che piacere
[ 14 ]
si arrivo a canoscerle, tutt''e ricchezze meie sarranno 'e ssoie. Ma intanto stu Saverio quanno vene?
Fel. (da vecchio) Permesso? (d.d.) Signore vi son servo. (fuori)
Giann. Patrone mio. Vuie chi site?
Fel. Io sono Temistocle, Aristide, Milziade, Pausania.
Giann. Tutta sta rrobba site? Bè, e che vulite 'a me?
Fel. Vi diró. (siede, guarda intorno, poi dirà) Io vengo a chiedervi...
Giann. Aggio capito tutto cose... vuie site nu smestitore, ma io pe regula vosta nun sò nu papurchio.
Fel. Ma caro amico, voi vi sbagliate. Io qui sono per gl'interessi vostri, perchè voi siete ingannato.
Giann. Ngannato! E da chi?
Fel. Vediamo se siamo soli (va a spiare presso la porta a dritta)
Giann. (afferrandolo pel petto) Alto là!
Fel. E che significa questo?
Giann. Significa ca si nun 'a fernisce, primma te piglia a pacchere e po te faccio j carcerato!
Fel. Carcerato! Oh! questo poi no! Perchè io sono venuto...
Giann. Pe fa quaccosa 'e sorde, ma cu mmico tuzze nterra, pirciò, aiza e vattenne!

SCENA 2ª—Saverio e detti

Sav. (correndo e gettandosi nelle braccia di Giannattasio) Giannattasio bello!..
Giann. Uh! Saverio mio caro caro! (si abbracciano e si baciano) Addò sta 'o nepote mio?
Sav. A mumento sarrà ccà nzieme cu Nicola, e cu tanto nu documento ncuollo.
Giann. Bravo chillo Saverio mio! (lo bacia)
Sav. E stu signore chi è?
Giann. E' uno ch'è venuto ccà pe vedè si me puteva fa messere quacche cosa!
Fel. Per carità voi v'ingannate!
Sav. E mo chiammammo 'a guardia e 'o facimmo arrestà.
[ 15 ]
Giann. E io Giannattasio Sanguetta farraggio 'o riesto.
Fel. (con grido) Giannattasio Sanguetta! Ah! dunque io nun m'era ngannato, vuie site Giannattasio Sanguetta? E io questo volevo sapere, per questo ero venuto qui, ora che l'ho saputo, bacio le mani al signor Sanguetta e senza fare incomodare la guardia prendo da per me la via della porta e mi dichiaro umilissimo e devotissimo servitore di sì amabili signori, ah! ah! ah! (Via)
Sav. Embè, io 'o faccio pazzo a chillo!
Giann. Tu qua pazzo e pazzo, chillo è nu cavaliere d'industria bello e buono. Basta parlammo d'affare nuoste. Qua è stu documento ca tu 'e ditto che porta ncuollo nepoteme?
Sav. Na lettera 'e soreta scritta a 'o figlio mpunt''e morte, addò le dice che essa sta pe murì, e che facesse tutt''o pussibbele pe truvà 'o zio, pecchè essa spera che stu zio, nun avenno voluto ajutà a essa, ajutarrà 'o figlio suio.
Giann. Oh! pecchesto sora mia, tu 'e pigliato nu sbaglio; io pe me jevo perdenno 'a capa pe sapé nutizie toie... Ma intanto stu nepote mio quanno vene?

SCENA 3ª—Nicola, Pulcinella e detti

Nic. (d.d.) T'aggio ditto trase. Che paura haie?
Sav. 'O vi lloco isso, chisto è nepotete.
Giann. Ah! finalmente!.. (corre ad incontrarlo)
Nic. (spingendo Pulc. nelle braccia di Giannattasio) Chisto è zieto.
Giann. Ccà... (per abbracciarlo—lazzi)
Pul. Mamma mia! (per fuggire)
Giann. Ch'è stato? pecchè fuje? Io songo zieto, io t'aspettavo comme se sole dicere, cu ll'ove mpietto!.. Ccà, n'ato abbraccio... Ih! Ih! Ih! (piangendo)
Pul. E pecchè chiagnite?
Giann. P''a cuntentezza!
Sav. Me vene a chiagnere pure a me (piange)
Nic. A me pure. (I tre piangono fortemente)
Pul. (li guarda, poi si scioglie dall'abbraccio di Giann. e fa per partire) Stateve bene!
[ 16 ]
Giann. Te ne vaie?
Pul. E sicuramente. Vuie tutt''e tre state piccianne 'e chesta manera!..
Giann. (ride) Ah! ah! ah! me faie ridere
Pul. (Me pare 'a gatta d''a sié Maria, nu poco chiagne e nu poco ride)
Giann. Viene ccà, nun chiagnarraggio cchiù. Intanto famme vedè 'a lettera 'e mammeta che m'adda assicurà, ca tu si veramente nepoteme.
Pul. 'A lettera!.. (lazzi di averla perduta) Ah! (la prende dalla scarpa) Tenite.
Giann. Comme!.. 'a tiene dint''a scarpa?
Pul. Pe nun 'a perdere.
Giann. (l'osserva). Gnorsì, chisto è 'o carattere 'e chella puverella che io vuleva tantu bene e.. (legge e mentre legge piange]
Pul. (come l'altra volta) Stateve bene.
Giann. E mo te ne vuò turnà a ghì?
Pul. E me pare che ve l'aggio ditto; io nun me fido 'e sentì piccià.
Giann. E quanno è chesto nun chiagno cchiù. Vamme dicenno, tu staie assaie disperato?
Pul. Proprio dint''o vaseytto d'' sfrantummazione.
Giann. Allora aspetta nu poco (entra a destra)
Sav. e Nic. Zompa! abballa!..
Pul. E Amalia?
Sav. Sarrà d''a toja.
Pul. Ah! che stu pensiero me fa stà ato che allegro! (afferra i due) Zumpammo! abballammo!..
A 3 Llarà! llarà!.. llarà!.. (saltano a concerto)


SCENA 4ª — Giannattasio e detti

Giann. (con tre rotoli di monete) Eccome ccà. Tiè, chiste sò tre ruotole 'e duiciento ducate ll'uno in oro, pigliatille.
Pul. Só d''e mieie? 200 ducate ll'uno! Mamma mia io mo esco pazzo!
Giann. Dimme 'a verità, tu faie ammore?
Pul. Gnorsì zi-zì, cu na bella figliola femmena (lazzi)
[ 17 ]
Giann. E t''a vuò spusà?
Nic. Chillo 'o matrimonio è cumbinato pure.
Giann. Bona salute!.. E pe te fa avvedè, aspetta nu poco quanto vaco nfì 'a strada 'e rimpetto. (Via per la comune)
Pul. Uh! che bella cosa! che bella cosa a tenè nu zio cu tanta denare! — Sav. Posa!
Pul. Ch'aggia pusà?
Sav. Duie ruotole 'e chille che t'ha dato zieto.
Pul. Ma chillo l'ha dato a me.
Sav. Ma tu pe causa nosta l'haie avute.
Nic. E n'haie 'a da uno a chillo e uno a chillo e uno a me, sinò io dico ca tu nun si 'o nepote.
Pul. No, no, nun pazzià. Tiene ccà... uno a te e n'ato a te... (per darceli)
Sav. Aspè, aggio fatto na riflessione... mo nun è cosa 'e nc''e piglià, pecchè se po dà ca chillo 'e vulesse vedè n'ata vota... pe mo tienele ancora tu... quann'è stasera nc''e spartimmo.
A 3. A stasera.


SCENA 5ªGiannattasio indi Teresina p. d. p. f.

Giann. Aggio ordinato nu pranzo proprio cu 'e fiocchi, e vuie mo nun avita fà ato che ghi a mmità 'a sposa 'e nepotemo, pecchè stasera stessa vulimmo accummincià a menà nterra stu matrimmonio.
Sav. E quanno è chesto, jammo Pulicenè.
Pul. Pronto
Nic. E io voglio j 'o cafè a piglià na butteglia 'e rusolio, e na magnifica tazza 'e cafè.
Giann. Benissimo! e io l'accetto cu tutt''o core.
Sav. Allora jammo a mmità 'a sposa... (E pò stasora...)
Pul. (Nu ruotolo pe d'uno.) Zio, permettete (viano).
Giann. Aggio avuto proprio nu piacere d'avè truvato stu nepote mio, 'o voglio fa fà na vita proprio felice.
Ter. (d. d.) E' permesso? [fuori] Salute...
Giann. E sanità. (Mmalora e quant''è bona!)
Ter. Io me sò venuto a ghittà dint''e braccie voste.
[ 18 ]
Giann. E tu me vuò fa muri bella mia! Oh! ma chi si, che vuò a me?
Ter. Ecco ccà. Io me chiammo Teresina pietto 'e pullo, tengo 27 anne, e sò vedova 'a 2 anne, e rimpette 'a casa mia ce steve 'e casa nu giovene 'o quale me guardava sempe, io guardavo a isso, finalmente...
Giann. Te ce mettiste a ffà l'ammore?
Ter. Gnorsi. E siccome steve paccariato, io l'aiutavo sempe... Ma mo... (piange) mo, nun me vò sentì cchiù.
Giann. Oh! ma che nc'entro io mmiez''a sti fatte? Pecchè si venuta a du me?
Ter. Sò venuto, pecchè chillu nfame, chill'assassino è o nepote vuosto.
Giann. Nepoteme!
Ter. Gnorsì, Pulecenella, 'o quale se sposa 'a n'ata.
Giann. Oh! chesto po nun stà, e nepoteme me sentarrà. Tu però te n'j 'a j e haia turnà a nat'ora, quant'io ce parlo.
Ter. M'arraccumanno a vuie, sinò v'assicuro c''o faccio nu brutto straviso! Perdunateme che parlo accussì, ma è 'o core ch'è feruto assaie. M'arraccumanno, io a nat'ora torno (Via)
Giann. Truovete chiuso e pierdete st'accunto. Ih, quant'arma d''a mamma è bona!... Intanto chella puverella have ragione, ma si chillo nega? Mo, mo, mo 'o mengo a scanaglià, e vedimmo che me dice.


SCENA 6ªSaverio, Pulcinella e detti

Sav. Nuie stammo ccà.
Pul. Zi-zj, lassate che ve vaso 'a mano.
Giann. (burbero) Vattenne!!
Sav. Nuie simmo juto 'a mmità 'a sposa, e a mumente venarrà nziemme c''o pate.
Giann. Eh! eh! eh! d''a fenesta, 'o saluto, ammore, 'a prumessa... po tutto se scorda, se trova a n'ata, se cumbina, e de chell'ata nun se ne parla cchiù.
[ 19 ]
Pul. Zi-zì vuie che ne vuttate?!
Sav. (Uh caspita! ccà a quanto pare se tratta 'e Teresina!)
Giann. Ne votto l'arma 'e zieto che songo io stesso. Vamme dicenno comme si chiamma 'a sposa toia?
Pul. Se chiamma Amalia.
Giann. Nient'affatto!
Sav. Comme nient'affatto! si sò stat'io che aggio parlato c''o pate p''o fa accunsentì.
Giann. Sò tutte buscie e io...

SCENA 7ªGasparrone, Amalia e detti indi Teresina

Gasp. (d.d.) Levate 'a miezo, famme trasì! (fuori) Scusate, vuie site Don Giannattasio 'o zio 'e Pulicenella?
Giann. A servirvi.
Gasp. Embè sacciate ca io songo Gasparrone Cutenella 'o pate 'e sta bardascia, ca 'o nepote vuosto m'ha cercato pe mugliera.
Giann. Sí, ma io però ve faccio assapè ca nun accunzento, pecchè a chistu mumento aggio saputo che isso già aveva dato parola 'e matrimonio...
Ter. A me!
Tutti. Teresina!
Pul. Nun è overo, chell'è pazza!
Tutti Comme pazza!!
Pul. Avita sapé, che io... essa... pò chillo che sà... (a soggetto discorso imbrogliato) Insomma ave tuorto, nun è overo niente, zi-zi, io aggio ragione.
Giann. Haie ragione nu cuorno. Tu ti 'a spusà a chesta ccà. (a Ter.)
Gasp. No, quanno po jammo pe derettezza io te dico che isso s'hadda spusà a chesta ccà (a Am.)
Sav. (Pulicenè, curaggio, nun t'avvili).
Pul. Ooooh! vuie che cancaro jate truvanno 'a me pover'ommo. Che m'avite pigliato overo pe na pastenaca? Chillo a llà, chisto 'a ccà... chist'ato se ne vene curaggio! jateve a ffà squartà tutte quante...
[ 20 ]
Voglio sta dint''a miseria ma c''a pace mia, e da oggi in poi l'uocchie mieie nun 'e vedarrate maie cchiù pecchè alla fine m'avite bastantemente sfastediato, pirció stateve bene... (p. partire)
Voce (d. d.) Signurì 'a tavola è pronta!
Pul. (a soggetto piangendo) No, non tengo 'o curaggio d''o fa, e specialmente ora...
Giann. Ch''e ntiso ch' 'a tavola è pronta.


SCENA 9ªNicola poi Felice da vecchio e detti


Nic. Ccà stà 'o cafè e 'o rusolio.
Giann. Vivatelle tu!
Nic. Io!... neh ch'è succieso?
Sav. Via mo, jammo a magnà, doppo c''a panza chiena s'agghiustarrà ogne cosa.
Giann. Che magnà e magnà, 'a facenna è seria e s'hadda accuncià primma tutte cose.
Sav. Ma nonsignore, siente a me jammo a tavola...
Nic. Dice buono Saverio, jammo a tavola.
Fel. (come al 1º atto esce con piatto e bottiglia, mangiando e bevendo)
Tutti Chi è chisto?
Giann. Mmalora! chillo 'e poco fa.
Fel. Dice bene l'amico, a tavola, perchè anch'io sono stato invidiato per fare due brindisi: uno alla salute di tutti e l'altro a questa coppia d'imbroglioni.
Tutti. Che!! (Nic. e Sav. si guardano con lazzi).
Fel. Signor Giannattasio, leggete! (gli da delle carte)
Sav. (Uh! diavolo, e che só chelli carte?!)
Nic. ('On Savè l'acqua se mbroglia.)
Giann. (doppo averle lette) E chi ve l'ha date a vuie
Fel. Vostro nipote.
Giann. Nepoteme! e chi ne capisce niente!.. Nzomma comme dicite vuie, chisto è n'impostore, e chisti ccà sò duie mbrugliune?..
Fel. Proprio accussì.
Giann. E sta lettera 'e sorema è falsa?
Fel. Sì falsa! Ed ora signori miei, fattemi la cortesia
[ 21 ]
di lasciarmi un momentino con questi tre galantuomini quando gli dico due parole.
Giann. A chello che vene vene, jammo. Signori miei, favorite. (andando via) (Che bella penzata! Mo sà che faccio? Mo vaco addu D. Anzelmo 'o nutaro mio, e veco si pò sbruglià isso sta matassa). (viano).
Fel. Nun ve muvite a lloco, ca io mo vengo.
I 2. Ma nzomma vuie chi site?...
Fel. Sono il diavolo! E sarò capace di mandarvi all'inferno.. (i tre fanno gesti di non capir nulla) All'inferno. (via ridendo)
Sav. E che diavolo e diavolo!.. Ccà 'o fatto s'è mbrugliato 'e na brutta manera!..
Pul. E io pover'ommo 'nvece d'addeventà ricco, jarraggio a pusà 'a pella mia dint''a nu carcere.
Sav. E pirciò posa 'e duie ruotele che ce spettano
Pul. Ah! vulite 'e duie ruotele?.. e tenite n'ata vota mparateve a ffa 'e galantuommene! (li bastona — scena a concerto)


SCENA 10ªGasparrone, Amalia, Teresina, e detti, poi Felice da vecchio.


Gasp. (a Sav. e Nic.) Guè oh!... venite commico dinto, e vuie piccerè tenite a chisto d'uocchie e nun 'o facite scappà.
Am. e Ter. Gnorsì state a penziero sicuro.
Gasp. (ai duie) A vuie cammenate dinto!..
Nic. e Sav. (Cielo mio, ajutece tu!) (viano)
Pul. Nzomma cumm'aggio pututo capî, aggia j a forza carcerato?
Am. Se capisce! — Ter. Benfatto!..
Pul. Ma io ve juro che 'e tutto stu mbruoglio nun ne saccio niente! Faciteme 'o piacere, faciteme j.
Am. E' inutile, nuie nun te putimmo fa movere.
Pul. Ah! no?.. nun me putite fa movere?.. e quanno é chesto... (prende le 2 donne e se le mette sotto al braccio) teniteme astritte e nun me facite scappà... (lazzi)
Le 2 (sospirano) Ah!.. ah!..
[ 22 ]
Pul. E pecchè suspirate neh nennè?
Ter. Pecchè si avisse vuluto bene sulamente a me...
Am. Si te fusse cuntentato sulo 'e me...
Pul. E mo me cuntento 'e tutt''e doie, pecchè si nun pozze magnà carne, almeno spuzzuleio nu poco!.. (bacia le mani alle due)
Fel. (sotto l'uscio) Guè oh! che staie facenno?
Pul. Sto spuzzuleanno nu poco.
Fel. Oh! ma questo io non posso permetterlo, perchè questa è attribuzione mia (leva le due donne dal braccio di Pul. e le mette sotto il suo, baciandole le mani).
Pul. Ah! nzomma tu può spuzzuleà e io no? Levate 'a lloco (controscena). Chesta è attribuzione che spetta a me.
Fel. No t'inganni. (fa come sopra) E' attribuzione mia.
Ter. Neh, neh, e che significa sta storia? Chi site vuie che ve mmiscate comm' 'a Miercurì mmiez''a semmana?...
Fel. Io debbo parlare a quattr'occhi con Pulcinella.
Am. Ma nuie tenimmo l'ordene 'e nun 'o lassà sulo.
Fel. Fidate in me, e non abbiate timore che non mi scapperà.
Am. Badate che stà sott''a responsabilità vosta... ('Onna Teresì facimmo avvedè ca ce ne jammo e ce annascunnimmo a llà dereto).
Ter. (Sta bene). Dunque nuie ce ne jammo, stateve attiente, si nò nce jammo nuie pe sotto.
Fel. Andate, e non dubitate. (le donne viano una a destra ed un'altra a sinistra).
Pul. Dunque se pó sapè chi cancaro si?...
Fel. Chi sono? Guardame nfaccia... (si toglie la parrucca).—Pul. D. Felice!!
Fel. E fra breve saparraie pecchè haggio fatto tutto chesto. Ma tu però m'j ha parlà chiaro; ched'è tutto stu mbruoglio?
Ter. (in osservazione) (Che veco! D. Felice!)
Pul. Io nun ne saccio niente. Sò state chilli duie che m'hanno fatto 'a lezione... e io pover'ommo pe senza niente, passarraggio nu brutto guaio.
[ 23 ]
Fel. Ato che brutto, bruttissimo!
Pul. Ah neh! e quanno è chesto me voglio levà nu pisemo 'a cuollo.
Fel. E qual'è stu peso che te vuò levà? Parla.
Pul. E' proprio chisto 'o j. (gli da i rotoli di denaro)
Fel. E tu come pissiedi questo denaro?
Pul. Me l'ha dato D. Giannattasio. Fatto si sta che chilli duie 'e vulevano lloro, ma io invece l'aggio fatto nu solennissimo paliatone.
Fel. 'E fatto buono. Mo m'j a dicere sulamente qual'è 'a cosa ca nun vuó essere guastata.
Pul. 'O matrimmonio cu Amalia.
Ter. (Ah! birbante!)
Am. (Quanto me vò bene!)
Fel. Mi dispiace, ma a chesto nun te pozzo cuntentà, pecchè chella hadda essere mugliera a me,
Pul. No, Amalia hadda essere d''a mia, sinò te piglie a cauce e te faccio fa 'e capriole pe terra!
Fel. Tu piglie a cauce a me? Ah! ca te voglio dà cierti schiaffe... (si azzuffano con lazzi)
Am. (in mezzo) Chiano! che facite!.. —I 2. Amalia!
Ter. E si nun me schifate, ce stongo pur'io!
Pul. Simmo tutte d''e nuoste.
Am. D. Felì, sentite, è inutile che v'appiccecate, pecchè 'o core mio è de Pulecenella.
Am. Chesto che dicite vuie è overo, ma...
Pul. E' quistione c''o core...


SCENA 11ªGasparrone e detti, indi Giannattasio poi Nicola e Saverio


Gasp. Che core e core! Na vota ca nun si cchiù 'o nepote 'e 'on Giannattasio te puó retirà!.. E vuie pure D. Felì, retirateve pecchè manco site cose pe figliema.
Fel. Ah! ah! ah! Mi fate ridere! Vuie nun le vulite dà Amalia a Pulicenella pecchè è povero?..
[ 24 ]
Pulicenè tiè, chiste sò 'e denare e sposate a Teresina che sarraie cchiù felice.
Pul. E quann'è chesto viene dint''a sti braccie meie e nun ne parlammo cchiù (si abbraccia con Ter.)
Fel. In quanto a Amalia pò io ve faccio accapì che m'ha sposa, pecchè, sacciatelo na vota e pe sempe, io songo...
Giann. Felice 'o nepote mio chi è, addó stà?..
Tutti. 'O nepote!!
Fel. Só io zi-zi, sò chillo viecchio 'e poco primma, che pe scummiglià tutt' 'e mbroglie 'e sti sfircate me sò finte tale, ma mo invece me mengo dint' 'e braccie voste presentannove Amalia 'a figlia 'e D. Gasparrone prossima mugliera mia.
Giann. Tu sì nepoteme Felice?.. Ah! finalmente!.. (si abbracciano). Intanto nun ghievo addu D. Anzelmo 'o nutaro mio, chilli duie m'avarriano fernute 'e mbruglià. (a Pul.) E tu pure, comme facive 'a parte naturale?..
Pul. Chille fuieno lloro cha m 'a mparaieno.
Giann. Addò stanno? 'e voglio mannà ngalera!
Sav. e Nic. (inginocchiandosi) Giannattà perduonace, è stata 'a necessità che nce l'ha fatto fà!
Fel. Va buò, zi-zi, perdunate a tutte quante, e date a stu povero Pulicenela na summetella 'e denare, pecchè isso s'hadda spusà a Teresina.
Giann. Pe te nepote mio, faccio qualunque cosa.
Fel. Pulicenè sì cuntento? Simme cuntente tutte?
Tutti (meno Pulc.) Contentissimi.
Pul. Io sulamente no; sulo sta cuntentezza lloco nun m'abbasta.
Fel. E che ato vuò?
Pul. Voglio il perdono di questo rispettabile pubblico.

FINE.