A ro Segnó Domenego Fiasella

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
A ro Segnó Domenego Fiasella
by Fulgençio Baldan
Versci pubricæ inte "Vitte di impenzoei, scropioei e architetti" do Rafe' Sorvan, Zena, Botâ & Tiboldi, 1674


[ 324 ]
A rò Segnò Domenego Fiasella Eccelentissimo Depentô.


Me Muere à fame comensò in un dì
E puessa in nueve meixi a me finì.
Voi quanto vorei stà
A finime, FIASELLA, de retrà?

Sento che respondei:
In pochi meixi te finì to Moere,
Perche à te fè mortà come to Poere:
Ma mi, che t'ho da dà con l'arte me
Vera immortalitè,
D'havei poco chiù tempo è ro devei:

Voi me dì ben; ma pù haverè piaxei,
De presto vaghezame in questa teira,
Prima che me s'amorte ra candeira.




[ 325 ]

Oh ti, che miri, attendi:
Questo è un quadro composto da trei grendi;
Domenego FIASELLA è ro Pittò
Frè FULGENTIO dri versi è l'inventò,
E Francesco PISAN, ò rà trascritta de sò propria man,
Se te digo boxia, nò me mirà muè ciù, vatene via.